Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine novembre 2004
immagine
Droghe di statina & del colesterolo
Separando campagna pubblicitaria dalla realtà
Da William Davis, MD, FACC

Conclusione
Le droghe di statina effettivamente contribuiscono ad abbassare il colesterolo e LDL. Tuttavia, la riduzione del colesterolo facendo uso di un agente di statina è lontano dalla parola finale sulla riduzione del rischio della malattia cardiaca, come altri fattori di rischio per la malattia cardiaca, quale HDL basso e le piccole particelle di LDL, sono sia indipendenti da LDL che molto più prevalenti di ricche in colesterolo. Una serie di strategie nutrizionali interessanti sono a disposizione per indirizzare il colesterolo totale, LDL, HDL basso e le piccole particelle di LDL. Il modello di HDL basso e di piccole particelle di LDL risponde potente a perdita di peso come pure al trattamento con i supplementi quali niacina e l'olio di pesce. Questi approcci semplici forniranno un approccio molto più efficace a salute del cuore che un trattamento riflesso di colesterolo il farmaco.

Il Dott. William Davis è un autore, un conferenziere e una messa a fuoco di pratica del cardiologo sulla regressione della malattia coronarica. È autore della pista del libro la vostra placca e può essere contattato a www.trackyourplaque.com.

La nota del redattore: Il contenuto di questo articolo e l'interpretazione dei risultati di studio sono quelli del Dott. Davis. Un consenso ha ancora essere raggiunto riguardo a quando i medicinali di statina dovrebbero essere prescritti. Abbiamo pubblicato questo articolo perché articola molto bene entrambi i lati di questa edizione.

Per leggere il nostro lungo protocollo sull'impedire l'aterosclerosi, riferisca alla malattia cardiovascolare: Il capitolo dell'analisi completa nella prevenzione delle malattie del prolungamento della vita ed il trattamento prenotano.

Lipoproteine e la prova di VAP™

“Il mio medico ha detto che il mio colesterolo era benissimo… Così perché ho avuto un attacco di cuore?„

Se volete sapere se un attacco di cuore abbia luogo in vostro futuro, conoscere il vostro livello di colesterolo non può essere abbastanza.

Un'eccessiva quantità di piccole particelle di LDL è il fattore di rischio più comune che ci contribuisce all'incidenza di attacco di cuore in -lontano più comuni, infatti, che ricca in colesterolo. È il pericolo nascosto che può essere scoperto soltanto una volta misurato specificamente. Potete avere piccole particelle di LDL con massimo, il minimo, o i livelli medii di colesterolo. Le piccole particelle di LDL triplicano il rischio di attacchi di cuore. Quando si presentano accanto ad altre anomalie, quali alto colesterolo totale o alta proteina C-reattiva (una misura di infiammazione), il rischio di attacchi di cuore aumenta sestuplo.62

Le piccole particelle di LDL sono una forza molto più distruttiva che le loro più grandi controparti. Sono come le armi con precisione sintonizzate destinate per provocare il danno massimo. Le più piccole particelle possono meglio penetrare la barriera cellulare ed essere depositato nelle pareti dell'arteria, creare la placca aterosclerotica. Inoltre persistono più lungamente nella circolazione, dante loro la maggior opportunità di aderire come i piccoli magneti ai tessuti all'interno delle pareti arteriose. Una volta risiedendo nella parete arteriosa, le piccole particelle di LDL sono all'l'ossidazione più incline, stimolando il rilascio delle proteine infiammatorie ed adesive.63

Il riconoscimento crescente di piccole particelle di LDL come fonte nascosta comune e potente per la malattia cardiaca ha condotto alla disponibilità delle prove specializzate da parecchi laboratori. Il prolungamento della vita ora sta rendendo ad una tale tecnologia diretto disponibile la sua prova di VAP™ (profilo automatico verticale). VAP™ è un metodo di separazione delle proteine del sangue nelle lipoproteine componenti, o proteine ditrasporto. Il Dott. Jere Segrest, direttore dell'unità di ricerca di aterosclerosi all'università di Alabama-Birmingham, ha sviluppato la prova, che rivela i pannelli molto più semplici del colesterolo.

Dopo che presentate il vostro sangue per provare, un rapporto di VAP™ sarà restituito voi. La dimensione delle particelle di LDL è riferita in un formato prontamente comprensibile come il modello A (il grande LDL meno nocivo) o modello la B (il piccolo LDL temuto). le particelle Intermedio di taglia di LDL sono riferite come modello A/B. Il modello B comporta il rischio massimo; il modello A/B posa un di livello medio del rischio.

Che cosa fa facendo il modello B, o dirvi un eccesso di piccole particelle di LDL? Questa una misura tiene un mondo di informazioni. Non solo è il vostro rischio per gli attacchi di cuore tre - sei volte più alto, ma inoltre siete più resistente ad insulina e più probabile da sviluppare la sindrome o persino il diabete metabolica se diventate di peso eccessivo.64 inoltre vi dice che una dieta a bassa percentuale di grassi (che deriva meno di 20% delle calorie totali dal grasso) può intensificare paradossalmente il vostro rischio per la malattia cardiaca.65

Sapendo che siete punti del modello B inoltre voi verso le strategie del trattamento che possono efficacemente correggere questa fonte nascosta di rischio. Piccolo LDL è molto rispondente al trattamento della niacina (vitamina B3), scomparente solitamente con le dosi di mg 500-1000 al giorno (sebbene il trattamento a lungo termine sia necessario). La perdita di peso può essere una strategia molto potente del trattamento se siete di peso eccessivo. Olio di pesce nelle dosi che forniscono almeno mg 1400 di EPA e 900 mg di DHA per aiuti di giorno riducendo i livelli del trigliceride, un ingrediente necessario per creare le piccole particelle di LDL. Strategie dietetiche che rallentano o riducono il rilascio dello zucchero (cioè, indice glycemic più basso) possono essere utili, compreso il cibo gli alimenti della alto-fibra o dei supplementi quale il seme di lino, glucomannan, crusca d'avena (beta-glucano), seme dello psyllium, nocciole crude come le mandorle e le noci e l'estratto del fagiolo bianco dello stampo dell'amido.

Il pannello di VAP™ direttamente misura LDL. Molta gente è sorpresa imparare che il LDL ha riferito voi dal vostro medico o ospedale è calcolato, non è misurato ed è comunemente inesatto da 30% o più.66 prove della lipoproteina come VAP™ possono essere cruciali e forse salvataggio, per la gente che già è stata diagnosticata con la malattia coronaria o vascolare. Per le vittime di attacco di cuore non è raro avere livelli di colesterolo normali ed essere detto che non c'è causa identificabile per la loro malattia. La prova di VAP™ scopre uno, se non vari, fattori di rischio nascosti dentro più di 90% della gente con la malattia cardiaca.

Informazioni fornite con prova della lipoproteina di VAP™ forniscono la comprensione ben maggior nei fattori di rischio della malattia cardiaca che quella offerta da prova standard del colesterolo, che gli permetterà di prendere il maggior controllo sopra il vostro rischio di malattia cardiaca.

Le misure complete della prova di VAP™:

Diriga i lipidi misurati
• Lipoproteina a bassa densità
(LDL)
• Lipoproteina ad alta densità (HDL)
• Totale molto a bassa densità
lipoproteina (VLDL)
• Colesterolo totale
• Trigliceridi

Obiettivi della terapia
• Colesterolo non-HDL
(LDL + VLDL)
• Probabile metabolico
sindrome

Fattori di rischio
• Lipoproteina (a)
• Lipoproteina del resto
(IDL + VLDL 3)
• Modello di densità di LDL

Considerazioni cliniche
• HDL-2
• HDL-3
• HDL totale
• VLDL 1+2
• VLDL 3
• VLDL totale
• Intermedio-densità
lipoproteina (IDL)
• Rapporto totale di cholesterol/HDL

Se il vostro medico è poco familiare con o poco disposto ad ordinare la prova di VAP™ ed altre prove discusse in questo articolo, chiami prego 1-800-208-3444 per ordinare uno voi stessi. VAP™ è normalmente una prova molto costosa, che è perché non è ampiamente usata. Il prezzo al dettaglio del pannello completo di VAP™ è $246,67. La prova è a disposizione dei membri del prolungamento della vita per $185.

Riferimenti

1. Rapporto annuale di Pfizer, Inc., 2003.

2. Pedersen TR, Olsson AG, Faergeman O, et al. lipoproteina cambia e riduzione dell'incidenza degli eventi importanti della coronaropatia nello studio scandinavo di sopravvivenza di simvastatine (4S). Circolazione. 21 aprile 1998; 97(15): 1453-60.

3. Collins R, Armitage J, parrocchia S, Sleigh P, studio di protezione di Peto R. MRC/BHF Heart di colesterolo che si abbassa con le simvastatine in 5,963 persone con diabete: una prova controllata con placebo randomizzata. Lancetta. 14 giugno 2003; 361(9374): 2005-16.

4. Gruppo di collaborazione di studio di protezione del cuore. Studio di protezione del cuore di MRC/BHF di colesterolo che si abbassa con le simvastatine in 20.536 individui ad alto rischio: una prova controllata con placebo randomizzata. Lancetta. 6 luglio 2002; 360(9326): 7-22.

5. Gruppo di collaborazione di studio di protezione del cuore. Studio di protezione del cuore di MRC/BHF sul completamento antiossidante della vitamina in 20.536 individui ad alto rischio: una prova controllata con placebo randomizzata. Lancetta. 6 luglio 2002; 360(9326): 23-33.

6. L'intervento a lungo termine con le pravastatine nel gruppo di studio ischemico di malattia (LIPIDO). Prevenzione degli eventi e della morte cardiovascolari con le pravastatine in pazienti con la coronaropatia ed una vasta gamma di livelli di colesterolo iniziali. Med di N Inghilterra J. 5 novembre 1998; 339(19): 1349-57.

7. Gruppo di studio del LIPIDO (intervento a lungo termine con le pravastatine nella malattia ischemica). Efficacia e sicurezza a lungo termine delle pravastatine in 9.014 pazienti con la coronaropatia e i centrations medii di raggiro del colesterolo: seguito di prova del LIPIDO. Lancetta. 20 aprile 2002; 359(9315): 1379-87.

8. Conduca J, Cobbe il MP, Ford I, et al. prevenzione della coronaropatia con le pravastatine negli uomini con ipercolesterolemia. Ad ovest del gruppo di studio coronario di prevenzione della Scozia. Med di N Inghilterra J. 16 novembre 1995; 333(20): 1301-7.

9. JUNIOR dei bassi, Clearfield m., Weis S, et al. prevenzione primaria degli eventi coronari acuti con le lovastatine in uomini e donne con i livelli di colesterolo medii: risultati di AFCAPS/TexCAPS. Aeronautica/Texas Coronary Atherosclerosis Prevention Study. JAMA. 27 maggio 1998; 279(20): 1615-22.

10. LA dei sacchi FM, del Rouleau JL, di Moye, et al. caratteristiche della linea di base nella prova di eventi ricorrenti e del colesterolo (CURA) della prevenzione ondary di sec in pazienti con i livelli di colesterolo nel siero medii. J Cardiol. 15 marzo 1995; 75(8): 621-3.

11. LA di Pfeffer mA, dei sacchi FM, di Moye, et al. colesterolo ed eventi ricorrenti: una prova secondaria di prevenzione per i pazienti normolipidemic. Ricercatori di CURA. J Cardiol. 28 settembre 1995; 76(9): 98C-106C.

12. Sacchi FM, Pfeffer mA, LA di Moye, et al. L'effetto delle pravastatine sugli eventi coronari dopo infarto miocardico in pazienti con i livelli di colesterolo medii. Colesterolo e ricercatori di prova di eventi ricorrenti. Med di N Inghilterra J. 3 ottobre 1996; 335(14): 1001-9.

13. Bellosta S, Paoletti R, Corsini A. Safety delle statine: fuoco sulle farmacocinesi e sulle interazioni della droga cliniche. Circolazione. 15 giugno 2004; 109 (23 supplementi 1): 11150-7.

14. Advisory clinico del CN di junior dello Sc di Pasternak RC, di Smith, di Bairey-Merz, et al. di ACC/AHA/NHLBI sull'uso e sicurezza delle statine. Circolazione. 20 agosto 2002; 106(8): 1024-8.

15. Panettiere SK, Tarnopolsky mA. Miopatie di statina: prospettive patofisiologiche e cliniche. Clin investe il Med. 2001 ottobre; 24(5): 258-72.

16. TUM di Pearson, SN di Blair, linee guida dello SR di Daniels, et al. di AHA per la prevenzione primaria della malattia cardiovascolare e colpo: aggiornamento 2002. Guida del pannello di consenso a riduzione completa di rischio per i pazienti adulti senza malattie vascolari coronarie o altre aterosclerotiche. Circolazione. 16 luglio 2002; 106(3): 388-91.

17. RM di Krauss, Dreon dm. Sottoclassi e risposta della lipoproteina a bassa densità ad una dieta a bassa percentuale di grassi in uomini in buona salute. J Clin Nutr. 1995 agosto: 62(2): 478S-87S.

18. Spiller GA, Miller A, Olivera K, et al. gli effetti alle delle diete basate a pianta alte in mandorle crude o arrostite, o mandorla arrostita imburrano sulle lipoproteine del siero in esseri umani. J Coll Nutr. 2003 giugno; 22(3): 195-200.

19. Sabate J, Haddad E, Tanzman JS, Jambazian P, risposta del lipido di Rajaram S. Serum all'arricchimento graduato di un punto che sono a dieta con le mandorle: una prova di alimentazione randomizzata. J Clin Nutr. 2003 giugno; 77(6): 1379-84.

20. Jenkins DJ, Kendall CW, Marchie A, et al. effetti di una cartella dietetica di colesterolo-abbassamento degli alimenti contro le lovastatine sui lipidi del siero e sulla proteina C-reattiva. JAMA. 23 luglio 2003; 290(4): 502-10.

21. Tonstad S, Smerud K, Hoie L. Un confronto degli effetti di 2 dosi della proteina o della caseina di soia sui lipidi del siero, dei teins del lipopro- del siero e dell'omocisteina totale del plasma negli oggetti ipercolesterolemici. J Clin Nutr. 2002 luglio; 76(1): 78-84.

22. Sheehan JP, Wei IW, Ulchaker m., Tserng KY. Effetto di alta assunzione della fibra nei pazienti curati petrolio- del pesce con i diabeti melliti non insulino-dipendenti. J Clin Nutr. 1997 novembre; 66(5): 1183-7.

23. CD di Jensen, Haskell W, Whittam JH. Effetti a lungo termine di fibra dietetica solubile in acqua in gestione di ipercolesterolemia in uomini ed in donne in buona salute. J Cardiol. 1° gennaio 1997; 79(1): 34-7.

24. Maron DJ, GP di LU, Cai NS, et al. Colesterolo-abbassante effetto di un estratto teaflavina-arricchito del tè verde: una prova controllata randomizzata. Med dell'interno dell'arco. 23 giugno 2003; 163(12): 1448-53.

25. Willcox JK, Catignani GL, Lazarus S. Tomatoes e salute cardiovascolare. Rev Food Sci Nutr di Crit. 2003;43(1):1-18.

26. Devaraj S, Vega-Lopez S, Kaul N, Schonlau F, Rohdewald P, Jialal I. il Supplementation con i ricchi del pino di un estratto della corteccia in polifenoli aumenta la capacità antiossidante del plasma ed altera il profilo della lipoproteina del plasma. Lipidi. 2002 ottobre; 37(10): 931-4.

27. ONG COME, olio di Goh SH.Palm: una componente dietetica salutare e redditizia. Toro di Nutr dell'alimento. 2002 marzo; 23(1): 11-22.

28. Qureshi aa, sami SA, Salser WA, Khan FA. Effetto sinergico della frazione ricca di tocotrienolo (TRF (25)) della crusca di riso e del lova-

statina sui parametri del lipido in esseri umani ipercolesterolemici. Biochimica di J Nutr. 2001 giugno; 12(6): 318-29.

29. Kerckhoffs DA, Hornstra G, Mensink RP. l'Colesterolo-abbassamento dell'effetto del beta-glucano da crusca d'avena negli oggetti terolemic del hypercholes- può diminuire leggermente quando il beta glucano è incorporato in pane e nei biscotti. J Clin Nutr. 2003 agosto; 78(2): 221-227.

30. Maki KC, Shinnick F, Seeley mA, et al. prodotti alimentari che contengono - olio - i fitosteroli basati alti liberi e totale del siero del beta-glucano dell'avena più in basso e colesterolo di LDL negli adulti ipercolesterolemici. J Nutr. 2003 marzo; 133(3): 808-13.

31. Kabir m., Oppert JM, Vidal H, et al. prima colazione basso glycemic di quattro settimane di indice con una quantità modesta di fibre solubili nel tipo - 2 uomini diabetici. Metabolismo. 2002;51(7):819-26.

32. MB di Katan, Grundy MP, Jones P, legge m., Miettinen T, Paoletti R. Efficacy e sicurezza degli stanols e degli steroli della pianta nel controllo ment dei livelli di colesterolo del sangue. Mayo Clin Proc. 2003 agosto; 78(8): 965-78.

33. Hallikainen mA, Uusitupa MIJ. Gli effetti di 2 margarine estere-contenenti di stanol a bassa percentuale di grassi sulle concentrazioni nel colesterolo nel siero come componente di una dieta a bassa percentuale di grassi negli oggetti ipercolesterolemici. J Clin Nutr. 1999 marzo; 69(3): 403-10.

34. CHU N, Spiegelman D, Hitasmisligil GS, Rifai N, Stampfer m., Rimm eb. L'insulina del plasma, la leptina ed i ricevitori solubili di TNF livella relativamente ai fattori di rischio cardiovascolari atherogenic e trombogenici in relazione con l'obesità di facilità di DIS fra gli uomini. Aterosclerosi. 2001 agosto; 157(2): 495-503.

35. Ms di Johnson, Figueroa-due punti R, Huang TT, Dwyer JH, Goran MI. Cambiamenti longitudinali in grasso corporeo nei bambini casian del cau- e dell'afroamericano: influenza di insulina di digiuno e della sensibilità dell'insulina. J Clin Endocrinol Metab. 2001 luglio; 86(7): 3182-7.

36. Danadian K, Lewy V, Janosky JJ, Arslanian S. Lipolysis in bambini afroamericani: è un fattore di rischio metabolico che predispone all'obesità? J Clin Endocrinol Metab. 2001 luglio; 86(7): 3022-6.

37. Zoltowska m., Ziv E, Delvin E, et al. lipoproteine di circolazione e metabolismo epatico dello sterolo ain obesità, ain iperglicemia e ain hyperinsulinemia inclini di obesus di Psammomys. Aterosclerosi. 2001 luglio; 157(1): 85-96.

38. Thakur V, Richards R, Reisin E. Obesity, ipertensione ed il cuore. J Med Sci. 2001 aprile; 321(4): 242-8.

39. Emdin m., Gastaldelli A, Muscelli E, et al. Hyperinsulinemia e disfunzione autonoma del sistema nervoso nell'obesità: effetti di perdita di peso. Circolazione. 30 gennaio 2001; 103(4): 513-9.

40. Despres JP, Pascot A, tor del fac- di Lemieux I. Risk si è associato con l'obesità: una prospettiva metabolica. Ann Endocrinol (Parigi). 2000 dicembre; 61 6:31 del supplemento - 8.

41. Tolleranza al glucosio e malattia cardiovascolare di Ceriello A. Impaired: il ruolo possibile del cuore postprandiale J. 2004 di di iperglicemia maggio; 147(5): 803-7.

42. Lebovitz LUI. Effetto dello stato postprandiale sui fattori di rischio non tradizionali. J Cardiol. 20 settembre 2001; 88 (6A): 20H-5H.

43. Metabolismo di Sasso F, di Carbonara O, di Nasti R. Glucose e coronaropatia in pazienti con tolleranza al glucosio normale. JAMA. 21 aprile 2004; 291(15): 1858-63.

44. Walsh DE, Yaghoubian V, Behforooz A. Effect di glucomannan sui pazienti obesi: uno studio clinico Int J Obes. 1984;8(4):289-93.

45. Vuksan V, Lione m., Breitman P, consumo di tre settimane di Sievenpiper J. di una miscela dietetica altamente viscosa della fibra provoca i miglioramenti nella sensibilità dell'insulina e le riduzioni in grasso corporeo. I risultati di doppi ciechi, raggiro del placebo hanno pescato a traina la prova. Presentato alla sessantaquattresima riunione annuale dell'associazione americana del diabete. Orlando, FL; Dal 4-8 giugno 2004.

46. CD di Gardner, PS di Fortmann, RM di Krauss. Associazione di piccole particelle della lipoproteina a bassa densità con l'incidenza della coronaropatia in uomini ed in donne. JAMA. 18 settembre 1996; 276(11): 875-81.

47. Stampfer MJ, RM di Krauss, mA J, et al. Uno studio prospettivo del livello del trigliceride, diametro della particella della lipoproteina a bassa densità e rischio di infarto miocardico. JAMA. 18 settembre 1996; 276(11): 882-88.

48. Lamarche B, Tchernof A, Moorjani S, et al. piccole, particelle dense della lipoproteina a bassa densità come preannunciatore del rischio di malattia cardiaca ischemica in uomini: Risultati futuri dallo studio cardiovascolare della Quebec. Circolazione. 7 gennaio 1997; 95(1): 69-75.

49. Kuller L, Tracy P, Arnold A, et al. la spettroscopia a risonanza magnetica nucleare delle lipoproteine ed il rischio di coronaropatia nella salute cardiovascolare studiano. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1° luglio 2002; 22(7): 1175-80.

50. Gruppo di esperti su rilevazione, sulla valutazione e sul trattamento di alto colesterolo del sangue in adulti. Sintesi del terzo rapporto del gruppo di esperti nazionale di programma educativo del colesterolo (NCEP) su rilevazione, sulla valutazione e sul trattamento di alto colesterolo del sangue in adulti (pannello adulto di trattamento III). JAMA. 16 maggio 2001; 285(19): 2486-97.

51. Gotto, Brinton ea. Valutazione dei livelli bassi di colesterolo della lipoproteina ad alta densità come fattore di rischio nella coronaropatia.

J Coll Cardiol. 3 marzo 2004; 43(5): 717-24.

52. van Lennep JE, GH di Westerveld, Van Lennep HW, Zwinderman AH, Erkelens DW, van der Wall EE. Concentrazioni nell'apolipoproteina durante il trattamento e gli eventi ricorrenti della coronaropatia. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2000 novembre; 20(11): 2408-13.

53. Ford es, Giles WH, Dietz WH. Prevalenza della sindrome metabolica fra gli adulti degli Stati Uniti: risultati dalla terza indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute. JAMA. 16 gennaio 2002; 287(3) 356-9.

54. Taylor AJ, CN di Merz, Udelson JE. trentaquattresimi Bethesda Conference: “Possono le tecniche di rappresentazione di aterosclerosi migliorare la rilevazione dei pazienti a rischio della malattia cardiaca ischemica?„ J Amer Coll Cardiol. 4 giugno 2003; (11) 41:1860-2.

55. Donatucci DA, IE di Liener, CJ lordo. Legando del lectin del fagiolo bianco (phaseolus vulgaris) alle cellule intestinali del ratto ed al suo effetto sull'assorbimento di glucosio. J Nutr. 1987 dicembre; 117(12): 2154-60.

56. Udani J, m. resistente, CC di Madsen. Assorbimento e perdita di peso del carboidrato di didascalia: una traccia clinica facendo uso del proprietario di marca di fase 2 ha frazionato l'estratto del fagiolo bianco. Altern Med Rev. 2004 marzo; 9(1): 63-9.

57. Kalman D, Colker cm, Wilets I, Roufs JB, effetti di Antonio J. The del completamento del piruvato su composizione corporea in individui di peso eccessivo. Nutrizione. 1999 maggio; 15(5): 337-40.

58. Dm nero. Obiettivi terapeutici nella malattia cardiovascolare: una cassa per il colesterolo della lipoproteina ad alta densità. J Cardiol. 3 aprile 2003; 91 (7A): 40E-3E.

59. O'Keefe JH, Harris WS. Dall'inuit all'implementazione: Gli acidi grassi Omega-3 vengono dell'età. Mayo Clin Proc. 2000 giugno; 75(6): 607 - 14.

60. Herrmann W, Biermann J, GM di Kostner. Confronto tra gli effetti di n-3 e gli acidi grassi n-6 sul livello del siero di lipoproteina (a) in pazienti con la coronaropatia. J Cardiol. 1° settembre 1995; 76(7): 459-62.

61. Brown BG, Zhao XQ, Chait A, et al. simvastatine e niacina, vitamine antiossidanti, o la combinazione per la prevenzione della malattia coronarica. Med di N Inghilterra J. 29 novembre 2001; 345(22): 1583-92.

62. CA di St Pierre, Ruel IL, Cantin B, et al. confronto di varie caratteristiche elettroforetiche delle particelle di LDL e la loro relazione al rischio di malattia cardiaca ischemica. Circolazione. 2001;104(19):2295-9.

63. Kwiterowich PO. Rilevanza clinica dei fattori biochimici, metabolici e genetici che influenzano l'eterogeneità della lipoproteina a bassa densità. J Cardiol. 2002 ottobre; 90 (8A): 30i-47i.

64. de Bruin TW. Metabolismo dei lipidi. Curr Opin Lipidol. 1998;9:275-8.

65. RM di Krauss. Effetti dietetici e genetici su eterogeneità della lipoproteina a bassa densità. Ann Rev Nutr .2001; 21:283-95.

66. Otvos J, Jeyarajah EJ, WC di Cromwell. Edizioni di misura relative ad eterogeneità della lipoproteina. J Cardiol. 2002 ottobre; 90 (8A): 22i-9i.