Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Estratti

LE Magazine febbraio 2005
immagine

Sesamo

Uso dei rimedi pieghi fra i pazienti a Karachi Pakistan.

FONDO: Il concetto che l'alimento è medicina sta praticando in determinate parti del mondo, con i risultati positivi su salute della popolazione. Abbiamo tale pratica nel Pakistan ma deve essere portato in conformità con la prova scientifica disponibile. METODI: Gli studi sono stati intrapresi su 270 pazienti, visitanti il centro di pratica della famiglia, il Aga Khan University, Karachi. Un questionario è stato usato per raccogliere le informazioni sul profilo demografico e l'uso dei rimedi pieghi agli usi medicinali. RISULTATI: L'uso sostanziale dei rimedi pieghi alle condizioni mediche differenti è stato documentato. I rimedi hanno incluso la cannella, lo zenzero, i chiodi di garofano, il cordimon, l'olio di sesamo, i semi di papavero, il miele, il limone, il sale da tavola, le uova e la cagliata. Le condizioni mediche in cui i rimedi pieghi sono utilizzati nel punto di vista dei dichiaranti, comprendono i termini quali raffreddore, la tosse e l'influenza ai termini più seri quali asma, itterizia ed il colpo di calore. CONCLUSIONI: Abbiamo trovato un uso sostanziale dei rimedi pieghi al trattamento delle condizioni mediche. C'è una necessità di organizzare il loro uso sulle linee scientifiche.

J Ayub Med Coll Abbottabad. 2003 aprile-giugno; 15(2): 31-3

Neurotossicità dell'ossido di azoto nelle malattie neurodegenerative.

Ossido di azoto (monossido di azoto; NO) è una molecola semplice con le diverse funzioni biologiche. NESSUN ed effetti fisiologici di specie dell'ossido di azoto (RNOS) e patofisiologici complessi mediati reattivi riferiti nel sistema nervoso centrale. Secondo le condizioni ambientali, NESSUN e RNOS può iniziare esclusivamente o sinergico e mediare il neuroprotection o la neurotossicità con altri effettori. Il fuoco di questo esame è limitato ruolo neuroprotectant/neurotossico di NO nel complesso di demenza di sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) (aka HIV--Demenza collegata; HA AVUTO) la sclerosi laterale amiotrofica (aka Lou Gehrig's Disease), il morbo di Alzheimer, la malattia di Huntington, la sclerosi a placche e malattia del Parkinson. Questo esame farà luce sulla domanda: “Quanto importante è NO nelle malattie neurodegenerative?„

Front Biosci. 1° gennaio 2004; 9:763-76

L'effetto dell'alfa e gamma-tocoferolo ed i loro metaboliti di hydroxychroman di carboxyethyl su proliferazione delle cellule di carcinoma della prostata.

È conosciuto che il gamma-tocoferolo inibisce la proliferazione umana delle cellule di carcinoma della prostata via il giù-regolamento dei metaboliti in relazione con cyclin di segnalazione ma del tocoferolo e di tocotrienolo con una catena accorciata di phytyl, hydroxychromans di carboxyethyl, precedentemente non è stato studiato come agenti antiproliferativi. In questo studio, l'effetto dei due tocoferoli principali, vale a dire, alfa-tocoferolo e gamma-tocoferolo ed i loro metaboliti corrispondenti (hydroxychromans di gamma-carboxyethyl ed alfa) è stato studiato sull'espressione di cyclin e di proliferazione D1 della linea cellulare PC-3 del carcinoma della prostata. Gli analoghi hydrosoluble Trolox della vitamina E ed il succinato dell'alfa-tocoferolo inoltre sono stati provati. Gli inibitori più efficaci di proliferazione PC-3 erano gamma-tocoferolo e hydroxychroman di gamma-carboxyethyl. Il loro effetto era discernibile a 1 microM ed ha raggiunto un plateau alle concentrazioni > o = il microM 10 con inibizione massima stima variare fra 70 e 82%. l'alfa-tocoferolo, il hydroxychroman dell'alfa-carboxyethyl e il Trolox analogico erano molto meno efficaci; un effetto debole è stato osservato per le concentrazioni < o = il microM 10 e un'inibizione massima di meno di 45% sono stati trovati ad una concentrazione di 50 microM. Le cellule PC-3 hanno mostrato il più alta inibizione, specialmente dai derivati di gamma, che le cellule di HECV e di HTB-82. I tocoferoli e i hydroxychromans di carboxyethyl hanno esercitato un effetto inibitorio sull'espressione di cyclin D1 parallela al ritardo della crescita delle cellule. il hydroxychroman ed il gamma-tocoferolo di gamma-Carboxyethyl hanno mostrato gli effetti inoltre controcorrente dalla modulazione di cyclin. Ancora, l'inibizione di espressione di cyclin D1 dal hydroxychroman di gamma-carboxyethyl è stata competuta per dal hydroxychroman dell'alfa-carboxyethyl. In conclusione, questo studio indica che i metaboliti di hydroxychroman di carboxyethyl sono efficaci quanto i loro precursori della vitamina inibire la crescita PC-3 dal giù-regolamento specifico dell'espressione di cyclin, con le forme di gamma che sono più efficaci quei. Sebbene l'inibizione di crescita delle cellule PC-3 e la diminuzione dell'espressione di cyclin siano chiaramente visibili, gli effetti meccanicistici più sottili dei tocoferoli e dei loro metaboliti corrispondenti di hydroxychroman di carboxyethyl meritano le indagini successive.

Biochimica Biophys dell'arco. 1° marzo 2004; 423(1): 97-102

Interazione dei tipi e del sesamin del grasso dietetico su ossidazione epatica dell'acido grasso in ratti.

L'interazione del sesamin, di uno dei lignani più abbondanti in semi di sesamo e di tipi di grassi dietetici che colpiscono l'ossidazione epatica dell'acido grasso è stata esaminata in ratti. I ratti sono stati alimentati le diete sperimentali purificate completati con 0% o 0,2% sesamin (miscela di 1:1 del sesamin e del episesamin) e contenere 8% della palma, del cartamo o dell'olio di pesce per i 15 giorni. Fra i gruppi alimentati le diete senza sesamin, l'attività di vari enzimi dell'ossidazione dell'acido grasso era più alta in ratti alimentati l'olio di pesce che in quelli oli alimentati di cartamo e della palma. Il sesamin dietetico ha aumentato le attività enzimatiche in tutti i gruppi di ratti dati i grassi differenti. Le dimensioni dell'aumento dipendevano dal tipo del grasso dietetico e una dieta che contiene il sesamin e l'olio di pesce in associazione è sembrato aumentare sinergico molti di questi parametri. In particolare, il tasso peroxisomal dell'ossidazione palmitoyl-CoA e livelli di attività dell'ossidasi acile-CoA era molto più alto in ratti alimentati il sesamin e l'olio di pesce in associazione che in animali ha alimentato l'olio di sesamin e della palma o di cartamo in associazione. Le analisi dei livelli del mRNA hanno rivelato che una dieta che contiene il sesamin e l'olio di pesce ha aumentato l'espressione genica di vari enzimi peroxisomal dell'ossidazione dell'acido grasso e di PEX11alpha, una proteina peroxisomal della membrana, in un modo sinergico mentre ha aumentato l'espressione genica degli enzimi mitocondriali dell'ossidazione dell'acido grasso e del citocromo microsomico P-450 IV A1 in un modo additivo. È stato concluso che una dieta che contiene il sesamin e l'olio di pesce in associazione ha aumentato sinergico l'ossidazione epatica dell'acido grasso soprattutto con il su-regolamento dell'espressione genica degli enzimi peroxisomal dell'ossidazione dell'acido grasso.

Acta di Biochim Biophys. 1° giugno 2004; 1682 (1-3): 80-91

Impatto dell'olio di sesamo su nifedipina nella modulazione sforzo ossidativo e degli elettroliti in pazienti ipertesi.

Lo scopo dello studio era di studiare l'effetto dell'olio di sesamo come solo olio da tavola in pazienti ipertesi che erano sul farmaco con nifedipina, un calcio-antagonista. Un campione di 396 pazienti ipertesi (invecchiati 58 +/- 3,8 anni; 215 uomini e 181 donna) partecipati a questo studio. Quaranta pazienti sono stati curati soltanto con nifedipina mentre trecento e cinquantasei pazienti sono stati curati con nifedipina e sono stati incaricati di usare l'olio di sesamo invece di altri oli da tavola per i 60 giorni. Il consumo di olio di sesamo ha ridotto notevolmente (pressione sanguigna sistolica e diastolica da 166 +/- 4,2 e 101 +/- 3,1 - 134,2 +/- 3,4 e 84,6 +/- 3,0 rispettivamente) la pressione sanguigna. Il dosaggio della droga inoltre si è ridotto, poichè c'era una caduta nella pressione sanguigna durante il consumo di olio del sesamo. I livelli del plasma di sodio sono diminuito mentre il potassio ed il cloruro sono aumentato significativamente. Il livello di perossidazione lipidica (sostanze reattive dell'acido tiobarbiturico) è diminuito significativamente mentre attività di enzimatico (superossido dismutasi, glutatione perossidasi e catalasi) e le concentrazioni di antiossidanti non enzimatici (vitamina C, vitamina E, beta-carotene e glutatione riduttore) sono aumentato in nifedipina - gruppo dell'olio di sesamo. Il gruppo della nifedipina ha mostrato una riduzione significativa della pressione sanguigna, della perossidazione lipidica e del miglioramento in glutatione riduttore, tuttavia, i valori sono significativamente più bassi della nifedipina - gruppo dell'olio di sesamo. Questi risultati indicano che la sostituzione dietetica dell'olio di sesamo, in pazienti ipertesi dipresa, ha un effetto additivo nella riduzione di pressione sanguigna e svolge un ruolo importante nella modulazione degli elettroliti e nella riduzione di perossidazione lipidica e nell'elevazione degli antiossidanti.

L'Asia Pac J Clin Nutr . 2004; 13 (supplemento): S107

Manipolazioni dietetiche di potenziale dimagrante del corpo di acido linoleico coniugato in ratti.

Per studiare se il potenziale dimagrante del corpo di acido linoleico coniugato (CLA) potrebbe essere aumentato con le manipolazioni dietetiche, gli effetti della combinazione di CLA con differenti proteine, i grassi e il sesamin sono stati esaminati in ratti. I ratti maschii sono stati alimentati le diete che contengono il CLA di 1% o l'acido linoleico (LA) congiuntamente alle proteine differenti (20% della proteina della soia o della caseina), ai grassi (petrolio del perilla di 7% o olio di soia) e a 0,2% sesamin (SES) per 3 o 4 settimane. Quando la fonte del grasso dietetico era olio di soia, CLA, rispetto a LA, ha ridotto significativamente i pesi dei tessuti adiposi epididimari e perirenali, indipendentemente dalle fonti dietetiche della proteina. Tuttavia, il più alto riducendo l'effetto è stato indicato quando la proteina della soia è stata data come fonte della proteina. SES ha stimolato la riduzione dei pesi epididimari e perirenali del tessuto adiposo di entrambe le diete della proteina. Al contrario, il CLA ha aumentato il peso del tessuto adiposo marrone e più ancora di SES aumentato congiuntamente all'olio di soia ma non con l'olio del perilla. Nessun effetto di manipolazione dietetica è stato osservato sui livelli di leptina e dell'TNF-alfa del siero. Quindi, il potenziale dimagrante del corpo del CLA può essere aumentato tramite una combinazione appropriata con i fattori dell'alimento che possono stimolare l'beta-ossidazione dell'acido grasso.

Biochimica di Biosci Biotechnol. 2001 novembre; 65(11): 2535-4

Continuato alla pagina 2 di 3