Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine aprile 2005
immagine

Un nuovo paradigma per la prevenzione del colpo

Da William Davis, MD, FACC

“Sapere che medicine quando salute usata buona di restauro al malato: saranno usati bene quando il medico, insieme alla sua comprensione della loro natura, capirà inoltre che cosa l'uomo è, che vita è e che cosa
la costituzione e la salute sono. Sappia che questi bene e voi conoscerete i loro opposti; e quando questo è il caso, saprete bene inventare un rimedio.„

— Leonardo da Vinci

Conclusione

La riduzione del rischio del colpo invertendo la placca carotica ed aortica sta trasformandosi in in una realtà di ogni giorno, mentre più ed i migliori strumenti diventano disponibili a noi. per determinare il vostro proprio rischio del colpo, il meglio ed il più ampiamente - lo strumento disponibile della rappresentazione è ultrasuono carotico, che mira ad identificare lo spessore carotico di intima-media o della placca di più di 1,0 millimetri. Qualsiasi grado di calcificazione dell'aorta, come quella indicata da una ricerca del cuore di CT, è un'altra misura utile del rischio. Un attacco ischemico transitorio priore, o “il mini-colpo,„ inoltre vi mette al rischio intensificato per il colpo futuro.

Il trattamento per ridurre il rischio è complesso e dovrebbe esaminare tutte le fonti di rischio, quali la sindrome ed i livelli metabolici di piccolo LDL, di lipoproteina (a) e di proteina C-reattiva. L'olio di pesce è l'un ingrediente cruciale in tutto il programma di colpo-prevenzione. Altri supplementi possono essere utilizzati in un modo mirato a, secondo le fonti di placca carotica o aortica. Nel migliore dei casi, l'esame di ripetizione dei carotidi dovrebbe essere realizzato determinati anni dopo che cominciando il vostro programma di trattamento per valutare se avete invertito con successo la crescita della placca.

Riferimenti

1. Clark TG, Murphy MF, Rothwell PM. Rischi a lungo termine di colpo, di infarto miocardico e di morte vascolare in pazienti “a basso rischio„ con un attacco ischemico transitorio non recente. Psichiatria di J Neurol Neurosurg. 2003 maggio; 74(5): 577-80.

2. Amarenco P, Cohen A, Tzourio C, et al. malattia aterosclerotica dell'arco aortico ed il rischio di colpo ischemico. Med di N Inghilterra J. 1° dicembre 1994; 331(22): 1474-9.

3. Ebrahim S, Papacosta O, Whincup P, et al. placca carotica, spessore di media del intima, fattori di rischio cardiovascolari e malattia cardiovascolare prevalente in uomini ed in donne: lo studio regionale britannico del cuore. Colpo. 1999 aprile; 30(4): 841-50.

4. Olandese m., Hak EA, Koudstaal PJ, et al. confronto fra le misure di aterosclerosi e rischio del colpo: lo studio di Rotterdam. Colpo. 2003 ottobre; 34(10): 2367-72.

5. L'Olandese m., Bots ml, Del Sol AI, et al. placche carotiche aumenta il rischio di colpo ed i sottotipi degli infarti cerebrali negli anziani asintomatici: lo studio di Rotterdam. Circolazione. 18 giugno 2002; 105(24): 2872-7.

6. Pressione di MacMahon S, di Rodgers A, di Neal B, di Chalmers J. Blood che si abbassano per la prevenzione secondaria di infarto miocardico e colpo. Ipertensione. 1997 febbraio; 29(2): 537-8.

7. Chobanian avoirdupois, Bakris GL, ora nera, et al. Il settimo rapporto del comitato nazionale unito della prevenzione, della rilevazione, della valutazione e del trattamento di ipertensione: il rapporto di JNC 7. JAMA. 21 maggio 2003; 289(19): 2560-72.

8. Se di Nissen, EM di Tuzcu, Libby P, et al. effetto degli agenti antipertensivi sugli eventi cardiovascolari in pazienti con la malattia coronarica e pressione sanguigna normale: lo studio di CAMELOT: una prova controllata randomizzata. JAMA. 10 novembre 2004; 292(18): 2217-25.

9. Jood K, Jern C, Wilhelmsen L, indice di massa corporea di Rosengren A. nella metà della vita è associato con un primo colpo negli uomini: uno studio di popolazione futuro in 28 anni. Colpo. 2004 dicembre; 35(12): 2764-9.

10. Kernan WN, Se di Inzucchi. Diabete di tipo 2 mellito e insulino-resistenza: Prevenzione e gestione del colpo. Opzioni Neurol dell'ossequio di Curr. 2004 novembre; 6(6): 443-50.

11. Ford es, Giles WH, Dietz WH. Prevalenza della sindrome metabolica fra gli adulti degli Stati Uniti: risultati dalla terza indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute. JAMA. 16 gennaio 2002; 287(3): 356-9.

12. Watarai T, Yamasaki Y, Ikeda m., et al. insulino-resistenza contribuisce a spessore della parete arterioso carotico in pazienti con i diabeti melliti non insulino-dipendenti. Endocr J. 1999 ottobre; 46(5): 629-38.

13. Bonora E, Kiechl S, Willeit J, et al. aterosclerosi e coronaropatia carotiche nella sindrome metabolica: dati futuri dallo studio di Brunico. Cura del diabete. 2003 aprile; 26(4): 1251-7.

14. Landray MJ, Sagar G, Muskin J, et al. associazione dei subfractions atherogenic della lipoproteina a bassa densità con aterosclerosi carotica. QJM. 1998 maggio; 91(5): 345-51.

15. Hodis HN, impermeabile WJ, Dunn m., et al. lipoproteine di Intermedio-densità e progressione di spessore arterioso carotico di intima-media della parete. Circolazione. 15 aprile 1997; 95(8): 2022-6.

16. Gronholdt ml, Nordestgaard BG, BM di Wiebe, Wilhjelm JE, Sillesen H. Eco-lucency delle immagini automatizzate di ultrasuono delle placche aterosclerotiche carotiche è associato con i livelli aumentati di di lipoproteine ricche di trigliceride come pure il contenuto lipidico aumentato della placca. Circolazione. 6 gennaio 1998; 97(1): 34-40.

17. Hodis HN, impermeabile WJ, LaBree L, et al. riduzione dello spessore della parete arterioso carotico facendo uso delle lovastatine e terapia dietetica: un test clinico controllato randomizzato. Ann Intern Med. 15 marzo 1996; 124(6): 548-56.

18. Wallenfeldt K, Bokemark L, Wikstrand J, Hulthe J, Fagerberg B. Apolipoprotein B/apolipoprotein A-I relativamente alla sindrome ed al cambiamento metabolici di spessore di intima-media dell'arteria carotica durante i 3 anni in uomini di mezza età. Colpo. 2004 ottobre; 35(10): 2248-52.

19. Peltier m., Iannetta Peltier MC, Sarano ME, et al. livello elevato della lipoproteina del siero (a) è un indicatore indipendente della severità di aterosclerosi aortica toracica. Petto. 2002 maggio; 121(5): 1589-94.

20. Zenker G, Koltringer P, osso G, et al. lipoproteina (a) come forte indicatore per la malattia cerebrovascolare. Colpo. 1986 settembre; 17(5): 942-5.

21. Sc di Rothwell PM, di Howard, concentrazione in potere DA, et al. nel fibrinogeno e rischio di colpo ischemico e di eventi coronari acuti in 5113 pazienti con l'attacco ischemico transitorio e nel colpo ischemico secondario. Colpo. 2004 ottobre; 35(10): 2300-5.

22. Mauriello A, Sangiorgi G, Palmieri G, et al. Hyperfibrinogenemia è associato con composizione istocitologica specifica e le complicazioni delle placche carotiche aterosclerotiche in pazienti colpiti tramite gli attacchi ischemici transitori. Circolazione. 2000 22 febbraio; 101(7): 744-50.

23. Ridker PM, l'utilità di N. Clinical del cuoco livelli di molto su e molto bassi di proteina C-reattiva attraverso la gamma completa di rischio di Framingham segna. Circolazione. 27 aprile 2004; 109(16): 1955-9.

24. Hashimoto H, Kitagawa K, Hougaku H, et al. proteina C-reattiva è un preannunciatore indipendente del tasso di aumento nell'aterosclerosi carotica iniziale. Circolazione. 3 luglio 2001; 104(1): 63-7.

25. Omocisteina di Tribouilloy cm, di Peltier m., di Iannetta Peltier MC, et al. del plasma e severità di aterosclerosi aortica toracica. Petto. 2000 dicembre; 118(6): 1685-9.

26. SR di Lentz, Rodionov Marina militare, Dayal S. Hyperhomocysteinemia, disfunzione endoteliale e rischio cardiovascolare: il ruolo potenziale di ADMA. Supplemento di Atheroscler. 2003 dicembre; 4(4): 61-5.

27. Graham IM, Daly LE, HM di Refsum, et al. omocisteina del plasma come fattore di rischio per la malattia vascolare. Il progetto europeo di azione concordata. JAMA. 11 giugno 1997; 277(22): 1775-81.

28. Livelli dell'omocisteina di Nygard O, di Nordrehaug JE, di Refsum H, et al. del plasma e mortalità in pazienti con la coronaropatia. Med di N Inghilterra J. 24 luglio 1997; 337(4): 230-6.

29. Amarenco P, Labreuche J, Lavallee P, Touboul PJ. Statine nella prevenzione del colpo e nell'aterosclerosi di carotide: rassegna sistematica e meta-analisi aggiornata. Colpo. 2004 dicembre; 35(12): 2902-9.

30. Corti R, Fuster V, Fayad ZA, et al. riduzione dei lipidi dalle simvastatine induce la regressione delle lesioni aterosclerotiche umane: seguito di due anni da imaging a risonanza magnetica non invadente ad alta definizione. Circolazione. 3 dicembre 2002; 106(23): 2884-7.

31. Risonanza MP, Coyle LC, Flaherty PJ, Markwood TT, Taylor AJ. La profonda riduzione del colesterolo della lipoproteina a bassa densità sotto gli obiettivi nazionali correnti di programma educativo del colesterolo fornisce la più grande riduzione dell'aterosclerosi carotica. Clin Cardiol. 2004 gennaio; 27(1): 17-21.

32. Lui consumo di K, di Rimm eb, del commerciante A, et al. di pesce e rischio di colpo in uomini. JAMA. 25 dicembre 2002; 288(24): 3130-6.

33. Hino A, Adachi H, Toyomasu K, et al. assunzione degli acidi grassi N-3 ed aterosclerosi molto a lunga catena di carotide: uno studio epidemiologico valutato dall'ecografia. Aterosclerosi. 2004 settembre; 176(1): 145-9.

34. Thies F, Garry JM, Yaqoob P, et al. associazione degli acidi grassi polinsaturi n-3 con stabilità delle placche aterosclerotiche: una prova controllata randomizzata. Lancetta. 8 febbraio 2003; 361(9356): 477-85.

35. Kris-Etherton PM, Harris WS, Appel LJ. Consumo di pesce, olio di pesce, acidi grassi omega-3 e malattia cardiovascolare. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1° febbraio 2003; 23(2): e20-30.

36. Rassegna di Rosenfeldt F, di Hilton D, di Pepe S, di Krum H. Systematic di effetto del coenzima Q10 nell'esercizio fisico, ipertensione e infarto. Biofactors. 2003;18(1-4):91-100.

37. Disfunzione diastolica di Langsjoen pH, di Langsjoen pH, di Folkers K. Isolated del miocardio e la sua risposta al trattamento CoQ10. Clin Investig. 1993; 71 (8Suppl): S140-4.

38. Langsjoen P, Langsjoen P, Willis R, Folkers K. Treatment di ipertensione essenziale con il coenzima Q10. Mol Aspects Med. 1994; 15 SupplS265-72.

39. Il CA di Stewart kJ, di Bacher, Turner K, et al. l'esercizio ed i fattori di rischio si sono associati con la sindrome metabolica in adulti più anziani. Med di J Prev. 2005 gennaio; 28(1): 9-18.

40. Seshadri P, Iqbal N, L severa, et al. Uno studio randomizzato che confronta gli effetti di una dieta povera di carboidrati e una dieta convenzionale sui subfractions della lipoproteina e sulla proteina C-reattiva livella in pazienti con l'obesità severa. Med di J. 15 settembre 2004; 117(6): 398-405.

41. Lara-Castro C, PESO di Garvey. Dieta, insulino-resistenza ed obesità: zonizzazione dentro sui dati per i dieters di Atkins che vivono in spiaggia del sud. J Clin Endocrinol Metab. 2004 settembre; 89(9): 4197-205.

42. Udani J, m. resistente, CC di Madsen. Assorbimento e perdita di peso del carboidrato di didascalia: una traccia clinica facendo uso del proprietario di marca di fase 2 ha frazionato l'estratto del fagiolo bianco. Altern Med Rev. 2004 marzo; 9(1): 63-9.

43. Walsh DE, Yaghoubian V, Behforooz A. Effect di glucomannan sui pazienti obesi: uno studio clinico. Int J Obes. 1984;8(4):289-93.

44. Heilbronn LK, Noakes m., Clifton PM. L'effetto delle diete ristrette alte- e basso glycemic di energia di indice sui profili nel tipo - 2 oggetti diabetici del lipido e del glucosio del plasma con la variazione del controllo glycemic. J Coll Nutr. 2002 aprile; 21(2): 120-7.

45. Terapia sostitutiva di Arlt W. Dehydroepiandrosterone. Med di Semin Reprod. 2004 novembre; 22(4): 379-88.

46. Distacco di Villareal, JO di Holloszy. Effetto di DHEA su azione addominale dell'insulina e del grasso in donne ed in uomini anziani: una prova controllata randomizzata. JAMA. 10 novembre 2004; 292(18): 2243-8.

47. Wu H, Dwyer chilometro, fan Z, et al. fibra dietetica e progressione di aterosclerosi: lo studio di aterosclerosi di Los Angeles. J Clin Nutr. 2003 dicembre; 78(6): 1085-91.

48. DG di Hackam, Peterson JC, Spence JD. Che livello di ine del homocyst del plasma (e) dovrebbe essere trattato? Gli effetti della terapia della vitamina sulla progressione di aterosclerosi carotica in pazienti con il ine del homocyst (e) livella sopra e sotto 14 micromol/L. J Hypertens. 2000 gennaio; 13 (1 pinta 1): 105-10.

49. Toole JF, SIG. di Malinow, Chambless LE, et al. abbassante omocisteina in pazienti con il colpo ischemico per impedire colpo ricorrente, infarto miocardico e morte: l'intervento della vitamina per la prevenzione del colpo (VISP) ha randomizzato la prova controllata. JAMA. 4 febbraio 2004; 291(5): 565-75.