Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine agosto 2005
immagine

Teanina

Un aminoacido da tè ha numerosi effetti Salute-proteggentiDa Dale Kiefer

È coltivato ed usato come pianta medicinale per le migliaia di anni, tè indubbiamente uno dei contributi più importanti della Cina alla civilizzazione globale. Effettivamente, godendo di una tazza di tè con attenzione fatta simboleggia la vita civilizzata in gran parte del mondo. Se il tè verde fatto dalle foglie appena colte, o i tè del oolong e del nero fatti dalle foglie secche e fermentate del camellia sinensis perenne dell'arbusto, tè deve in secondo luogo innaffiare soltanto come la bevanda più popolare del mondo.1

Sebbene il tè sia stato riverito per le sue proprietà salutari dai periodi antichi, solo negli ultimi decenni abbia gli scienziati hanno tentato seriamente di dipanare i segreti chimici del tè. Questa ricerca ha confermato che guaritori pieghi lungamente hanno rivendicato: il tè sia calma che invigorisce, mentre protegge dai vari disturbi e perfino contribuendo ad una vita più lunga e più sana.

Il tè contiene una miscela unica dei prodotti chimici con varie proprietà dimiglioramento. I polifenoli della catechina, per esempio, sono composti antiossidanti ed antinfiammatori potenti.2 il più noto di questi sono epigallocatechin-3 gallato (EGCG), un prodotto chimico accreditato i benefici che variano dal cancro di combattimento a promuovere il grasso e la perdita di peso.2-6 i polifenoli ingeriti o attuale applicati del tè verde anche sono accreditati la protezione della pelle dal danno indotto da radiazioni ultravioletto della pelle.2

Oltre a EGCG, il tè verde contiene altri composti con le proprietà bioactive ugualmente utili. Uno poco-noto ma niente di meno importante di questi composti è un aminoacido chiamato teanina.

Proprietà calmanti

La teanina è trovata quasi esclusivamente nelle foglie del camellia sinensis, una rarità relativa nel regno vegetale, in cui la ridondanza chimica è la norma.1 teanina rappresenta fino a 50% del peso asciutto della proteina di tè verde.7 naturalmente, il tè inoltre contiene la caffeina, uno stimolante esperto. La teanina è accreditata l'effetto di stimolazione della caffeina controbilanciante inducendo il rilassamento. Il meccanismo preciso da cui la teanina produce questo effetto ansia-riducentesi rimane incerto, sebbene la teanina sia conosciuta a altera i livelli di due neurotrasmettitori, dopamina e serotonine diregolamento importanti.8,9

I ricercatori in Australia recentemente hanno confrontato la teanina a alprazolam (Xanax®), un farmaco standard usato ad ansia dell'ossequio. Hanno trovato che la teanina ha teso a ridurre l'ansia durante la fase di rilassamento dello studio, mentre la droga non ha avuta tale effetto. Nessuno dei due sostanza ha ridotto significativamente le sensibilità di ansia durante la fase dell'esperimento in cui l'ansia è stata indotta sperimentalmente.10

In uno studio più iniziale, gli scienziati hanno usato il monitoraggio delle onde cerebrali (elettroencefalografo, o elettroencefalogramma) per determinare la dose più bassa a cui la caffeina stimolasse i ratti del laboratorio. Poi hanno amministrato la teanina direttamente nelle circolazioni sanguigne dei ratti ad una simile dose ed hanno notato che la teanina ha neutralizzato l'effetto stimolatore della caffeina sul cervello.

Interessante, quando la teanina è stata data da sè a più piccolo dose-a di meno che la metà “calmare„ dose-ha avuto un effetto stimolatore. I ricercatori hanno concluso che la teanina può avere due effetti differenti, stimolanti o rilassantesi, secondo la dose.11

Effetti di rilassamento

La teanina inoltre è stata indicata per ridurre l'ipertensione, ulteriore prova che induce il rilassamento.9,12 ricercatori giapponesi, per esempio, hanno dimostrato che la teanina riduce la pressione sanguigna in un modo dipendente dalla dose in ratti che serviscono da modello per ipertensione umana (pressione sanguigna elevata). Più grande la dose della teanina data i ratti, più drammatica era la riduzione della loro pressione sanguigna. Intrigante, quando i ratti di controllo con pressione sanguigna normale sono stati dati la dose elevata della teanina, non hanno avvertito cambiamento nella pressione sanguigna. Sembra che la teanina non abbia effetto di abbassamento della pressione sanguigna in individui normali, ma invece colpisce la pressione sanguigna soltanto quando un problema già esiste.9,12

Supporto cardiovascolare

La teanina inoltre è stata indicata per impedire la perossidazione lipidica di LDL (lipoproteina a bassa densità), un effetto protettivo che inoltre contribuisce indubbiamente alla reputazione del tè per la promozione della salute cardiovascolare. La perossidazione dei lipidi è pensata per svolgere un ruolo nello sviluppo dei termini degeneranti quale aterosclerosi.13 effettivamente, la teanina sembra esercitare vari effetti complementari e benefici.

I ricercatori giapponesi hanno sperimentato sui ratti con i livelli elevati del trigliceride e del lipido causati dai tumori del fegato. Dopo l'aggiunta il tè verde e della teanina in polvere alla dieta dei ratti, gli scienziati hanno concluso che la teanina era almeno parzialmente responsabile della soppressione dei tumori e dell'abbassamento dei livelli del trigliceride e del colesterolo. Mentre i cambiamenti del lipido del sangue possono derivare solamente dalla diminuzione in massa tumorale, gli scienziati hanno speculato che sia il tè che la teanina esercitano gli effetti di riduzione dei lipidi come pure anticancro.14

Quella spiegazione sembra essere sostenuta dai risultati di un altro studio, che hanno determinato che teanina più le catechine del tè verde, quale EGCG, ha ridotto i livelli del trigliceride nel siero e nei fegati di topi del laboratorio. I topi inoltre hanno sperimentato una riduzione significativa in acidi grassi del siero mentre ingerivano le catechine del tè e di teanina ed il grasso corporeo significativo perso pure.6

Neuroprotection dimostrato

La teanina è stata dimostrata per attraversare la barriera ematomeningea.8 in uno studio epidemiologico di quasi 6.000 donne che vivono nel Giappone, coloro che ha consumato cinque o più tazze di tè verde un il giorno erano significativamente meno probabili che i bevitori del non tè soffrire il colpo. In seguito allo studio, i ricercatori hanno determinato che le donne che hanno bevuto ordinariamente poco o nessun tè verde erano più di due volte più probabilmente bevitori pesanti del tè per soffrire il colpo o l'emorragia cerebrale.15

Gli esperimenti successivi hanno confermato che la teanina protegge il cervello da danno durante l'ischemia, una circostanza in cui il cervello temporaneamente riceve troppo poco ossigeno dovuto flusso sanguigno riduttore, che possono derivare dal colpo.16 che un giapponese recente studia indicato che la teanina protegge significativamente il cervello dopo che un incidente ischemico si verifica. Facendo uso di un modello del roditore del bloccaggio dell'arteria cerebrale, i ricercatori hanno iniettato la teanina immediatamente prima di o immediatamente prima di e tre ore dopo che il flusso sanguigno ad un'area dei cervelli dei roditori è stato interrotto. La teanina ha fatto diminuire significativamente la quantità di tessuto nociva dalla mancanza temporanea di sangue. Gli scienziati hanno concluso che la teanina ha assicurato la protezione diretta delle cellule nervose ed ha suggerito che la teanina “potesse essere clinicamente utile per impedire l'infarto cerebrale.„17

Gli sforzi per spiegare questo effetto neuroprotective hanno messo a fuoco sulla similarità chimica vicina ad un neurotrasmettitore importante, acido glutammico (glutammato) della teanina. Il glutammato svolge un ruolo importante nella memoria e nell'apprendimento. È scaricato dalle cellule nervose nello spazio extracellulare, in cui suscita normalmente una risposta desiderata e successivamente è preso dai neuroni per riciclare. Le interruzioni nel rifornimento di sangue, come nel colpo, interferiscono con questa capacità di riciclare il glutammato. Il glutammato in eccesso è liberato e si accumula negli spazi extracellulari, in cui provoca una reazione a catena chimica quella risultati nella morte di un neurone. La teanina è creduta per fare concorrenza a glutammato per legare con i ricevitori del glutammato, così riducendo la tossicità del glutammato.18-20

Miglioramento della chemioterapia

La teanina multifunzionale della molecola è stata indicata per avere effetti anticancro, rendendo le droghe di Cancro-uccisione più efficienti mentre riduce la tossicità alle cellule normali.21-25 una volta co-amministrato con agente-doxorubicina chemioterapeutica comune tre, il idarubicin e la pirarubicin-teanina impedisce le cellule cancerogene l'espulsione delle droghe dopo che le droghe hanno entrato nelle cellule del tumore. Il risultato è l'efficacia aumentata della chemioterapia e la tossicità in diminuzione ai tessuti sani.21-25

Immunità di innesco

I fautori del consumo del tè lungamente hanno creduto che il tè migliorasse l'immunità. In un rapporto pubblicato nel 2003 negli atti dell'Accademia nazionale delle scienze, i ricercatori di Harvard hanno fornito la prova scientifica di sostenere questo reclamo. Secondo gli scienziati, il tè agisce per innescare il sistema immunitario per riconoscere gli invasori batterici, fungosi e parassitari. Compire questa abilità stupefacente, essi ha rivelato, fungendo da una specie di vaccino naturale che “insegna„ alle cellule di sistema immunitario per riconoscere determinati indicatori che sono comunemente presenti sulle superfici delle cellule del tumore e degli organismi patogeni d'invasione.7

Il tè contiene le antigene-strutture conosciute come non peptidico alchilamina-che sia capace di suscitamento della risposta di sistema immunitario. Queste cellule di T principali del sistema immunitario delle alchilamine per produrre le citochine di non memoria e di memoria.26 citochine sono una vasta categoria di proteine del sistema immunitario che interazioni coordinate fra le cellule di T e gli anticorpi, mentre amplificando reattività immune. La teanina è un precursore all'etilammina, un'alchilamina trovata in tè fatto.

Negli esperimenti umani, gli oggetti hanno consumato il tè (contenendo caffeina e una quantità conosciuta di teanina) o il caffè, che inoltre contengono la caffeina ma non la teanina. Le analisi del sangue hanno indicato che i bevitori del tè, ma non i bevitori del caffè, sega hanno aumentato la produzione di una citochina importante di malattia-combattimento dalle loro cellule di T.7 quando gli agenti patogeni invadono, le loro superfici rizzano spesso con le alchilamine simili a quelle trovate in tè.26 cellule di T che sono state innescate tramite l'esposizione priore alla teanina sono più ben attrezzate riconoscere e neutralizzare subito la minaccia microbica.7 i ricercatori di Harvard conclusivi, “questi dati forniscono la prova quell'ingestione dietetica di tè. . . contenere gli antigeni dell'alchilamina o i loro precursori [per esempio, teanina] può innescare [gamma] [delta] le cellule di T umane che poi possono fornire la resistenza naturale alle infezioni microbiche e forse ai tumori.„7

Conclusione

La teanina è annullare uno dei composti notevolmente utili della natura. Mentre è possibile ingerire abbastanza tè verde quotidiano per consumare le dosi terapeutiche della teanina, può essere più conveniente trarre i vantaggi di questo rinforzatore naturale di salute prendendo la teanina supplementare nella forma della capsula. Molti professionisti sanitari suggeriscono 200 mg presi due volte al giorno per le indennità-malattia ottimali.

Riferimenti

1. Graham HN. Composizione nel tè verde, consumo e chimica del polifenolo. Med di Prev. 1992 maggio; 21(3): 334-50.

2. Katiyar SK. Fotoprotezione della pelle da tè verde: effetti antiossidanti e immunomodulatori. La droga di Curr mira a Endocr immune Metabol Disord. 2003 settembre; 3(3): 234-42.

3. Lambert JD, CS di Yang. Meccanismi di prevenzione del cancro dai costituenti del tè. J. Nutr. 2003 ottobre; 133:3262S-7S.

4. Chantre P, risultati di Lairon D. Recent di tè verde estrae AR25 (Exolise) e la sua attività per il trattamento dell'obesità. Phytomedicine. 2002 gennaio; 9(1): 3-8.

5. Azione medicinale di Liao S. The degli androgeni e del gallato del epigallocatechin del tè verde. Hong Kong Med J. 2001 dicembre; 7(4): 369-74.

6. Gli effetti di Anti-obesità di Zheng G, di Sayama K, di Okubo T, di Juneja LR, di Oguni I. di tre componenti importanti di tè verde, catechine, caffeina e teanina, in topi. In vivo. 2004 gennaio-febbraio; 18(1): 55-62.

7. Kamath ab, Wang L, Das H, Li L, Reinhold VN, Bukowski JF. Antigeni nell'essere umano Vgamma 2Vdelta di perfezione della tè-bevanda 2 cellule di T in vitro e in vivo per la memoria e le risposte antibatteriche nonmemory di citochina. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 13 maggio 2003; 100(10): 6009-14.

8. Yokogoshi H, Kobayashi m., Mochizuki m., Terashima T. Effect della teanina, r-glutamylethylamide, sulle monoamine del cervello e sul rilascio striatal della dopamina in ratti coscienti. Ricerca di Neurochem. 1998 maggio; 23(5): 667-73.

9. Yokogoshi H, effetto di Kobayashi M. Hypotensive di gamma-glutamylmethylamide in ratti spontaneamente ipertesi. Vita Sci. 1998;62(12):1065-8.

10. LU K, mA grigio, Oliver C, et al. Gli effetti acuti della L-teanina in confronto a alprazolam su ansia anticipata in esseri umani. Ronzio Psychopharmacol. 2004 ottobre; 19(7): 457-65.

11. Kakuda T, Nozawa A, Unno T, Okamura N, effetti inibitori di Okai O. della teanina su stimolazione della caffeina valutata dall'elettroencefalogramma nel ratto. Biochimica di Biosci Biotechnol. 2000 febbraio; 64(2): 287-93.

12. Effetto di Yokogoshi H, di Kato Y, di Sagesaka YM, di Takihara-Matsuura T, di Kakuda T, di Takeuchi N. Reduction della teanina su pressione sanguigna e hydroxyindoles del cervello 5 in ratti spontaneamente ipertesi. Biochimica di Biosci Biotechnol. 1995 aprile; 59(4): 615-8.

13. Yokozawa T, Dong E. Influence di tè verde e delle sue tre componenti importanti sopra ossidazione della lipoproteina a bassa densità. Exp Toxicol Pathol. 1997 dicembre; 49(5): 329-35.

14. Zhang G, Miura Y, Yagasaki K. Effects di tè verde e della teanina in polvere dietetica su crescita del tumore e dell'iperlipidemia endogena nei ratti del tumore-cuscinetto. Biochimica di Biosci Biotechnol. 2002 aprile; 66(4): 711-6.

15. Sato Y, Nakatsuka H, Watanabe T, et al. contributo possibile delle abitudini beventi del tè verde alla prevenzione del colpo. Med di Tohoku J Exp. 1989 aprile; 157(4): 337-43.

16. Kakuda T, Yanase H, Utsunomiya K, Nozawa A, Unno T, effetto di Kataoka K. Protective di gamma-glutamylethylamide (teanina) sulla morte di un neurone in ritardo ischemica in gerbilli. Neurosci Lett. 2000 11 agosto; 289(3): 189-92.

17. Egashira N, Hayakawa K, Mishima K, Kimura H, Iwasaki K, effetto di Fujiwara M. Neuroprotective di gamma-glutamylethylamide (teanina) su infarto cerebrale in topi. Neurosci Lett. 3 giugno 2004; 363(1): 58-61.

18. Nagasawa K, Aoki H, Yasuda E, Nagai K, Shimohama S, partecipazione di Fujimoto S. Possible dei mGluRs del gruppo I nell'effetto neuroprotective della teanina. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 16 luglio 2004; 320(1): 116-22.

19. Kakuda T, Nozawa A, Sugimoto A, Niino H. Inhibition dalla teanina di legare [3H] di AMPA, kainate [3H] e [3H] MDL 105.519 ai ricevitori del glutammato. Biochimica di Biosci Biotechnol. 2002 dicembre; 66(12): 2683-6.

20. Effetti di Kakuda T. Neuroprotective della teanina e delle catechine delle componenti del tè verde. Toro di biol Pharm. 2002 dicembre; 25(12): 1513-8.

21. Sugiyama T, Sadzuka Y. Theanine, un derivato specifico del glutammato in tè verde, riduce le reazioni avverse di doxorubicina cambiando il livello del glutatione. Cancro Lett. 30 agosto 2004; 212(2): 177-84.

22. Sugiyama T, Sadzuka Y. Theanine e gli inibitori del trasportatore del glutammato migliorano l'efficacia antitumorale degli agenti chemioterapeutici. Acta di Biochim Biophys. 5 dicembre 2003; 1653(2): 47-59.

23. Sadzuka Y, Sugiyama T, Sonobe T. Improvement del idarubicin ha indotto l'attività e la soppressione di midollo osseo antitumorali dalla teanina, una componente di tè. Cancro Lett. 2000 1° ottobre; 158(2): 119-24.

24. Trasporto di Sugiyama T, di Sadzuka Y, di Nagasawa K, di Ohnishi N, di Yokoyama T, di Sonobe T. Membrane ed attività antitumorale del pirarubicin e confronto con quelli di doxorubicina. Ricerca del Cancro di Jpn J. 1999 luglio; 90(7): 775-80.

25. Sadzuka Y, Sugiyama T, Suzuki T, Sonobe T. Enhancement dell'attività di doxorubicina tramite inibizione di trasportatore del glutammato. Toxicol Lett. 15 settembre 2001; 123 (2-3): 159-67.

26. Bukowski JF, Morita CT, MB di Brennero. Le cellule di T umane di delta di gamma riconoscono le alchilamine derivate dai microbi, dalle piante commestibili e dal tè: implicazioni per immunità innata. Immunità. 1999 luglio; 11(1): 57-65.