Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Edizione speciale di LE Magazine, inverno 2005/2006

Il potere preventivo di malattia del pesce e delle olive

La prova epidemiologica lungamente ha suggerito che la dieta Mediterranea offrisse i benefici d'estensione. Gli studi recenti associano questa dieta con acutamente più in basso il rischio cardiovascolare, il rischio di cancro riduttore e la durata aumentata.1,2-8

I grassi monoinsaturi da olio d'oliva e da acidi grassi omega-3 dal pesce sono i grassi predominanti nella dieta Mediterranea.

All'inizio di quest'anno, i risultati notevoli di uno studio di otto anni di più di 74.000 anziani in buona salute sono stati pubblicati.

Biologico, dietetico, stile di vita e fattori ambientali sono stati esaminati relativamente a salute globale. I ricercatori hanno valutato gli acidi grassi di impatto omega-3 come quelli trovati in pesce grasso come il salmone e lo sgombro come pure dei grassi monoinsaturi si è verificato quasi esclusivamente da olio d'oliva.

La gente 60 anni e più vecchi chi aderito il più molto attentamente al più lungo chiaramente in tensione Mediterraneo classico di dieta.9 seguaci Mediterranei di dieta hanno sperimentato un 27% più a tariffa ridotta della mortalità e un 31% più a tariffa ridotta della morte cardiaca.Anche l'incidenza 10 dei cancri comuni è stata ridotta.

Potere di Olive Polyphenols

Le olive sono una fonte della graffetta di alimento ad alta energia e sostanze nutrienti critiche per molte civilizzazioni nell'area Mediterranea.

Mentre i grassi monoinsaturi in olio d'oliva sono chiaramente una componente cruciale della dieta Mediterranea, poco-noto ma niente di meno componente importante è la miscela ricca dei polifenoli antiossidanti nelle olive.5 scartato una volta come sottoprodotto del processo verde oliva di estrazione dell'olio, i polifenoli verde oliva, concentrati nel succo acquoso della frutta verde oliva, hanno una matrice impressionante delle proprietà.11,12-33

Per esempio, le ricerche di laboratorio delle cellule sviluppate nella cultura hanno indicato che il polifenolo primario dell'olio d'oliva — hydroxytyrosol — pulisce il perossido di idrogeno pericoloso del radicale libero, che è un sottoprodotto di respirazione cellulare normale.13 poichè i membri del prolungamento della vita sono bene informati, la distruzione causata dai radicali liberi comprende il danno del DNA che può condurre ad invecchiamento prematuro, a cancro e ad altre circostanze degeneranti.34-36

Oltre agli esperimenti in vitro, le prove con dei i polifenoli ricchi hydroxytyrosol in vivo inoltre hanno dato i risultati impressionanti. Per esempio, gli scienziati nei Paesi Bassi hanno alimentato ad animali dell'l'olio d'oliva vergine extra ricco di polifenolo o l'olio d'oliva vergine extra con le componenti del polifenolo rimosse. I livelli della vitamina antiossidante E sono stati aumentati significativamente di animali che hanno ricevuto i polifenoli, indicanti che i polifenoli dell'olio d'oliva hanno migliorato la rimozione antiossidante della difesa systems.30 dei polifenoli ricchi hydroxytyrosol dalla dieta LDL anche reso (lipoproteina a bassa densità) più suscettibile dell'ossidazione. Poichè i membri del prolungamento della vita sono informati, l'ossidazione di LDL svolge un ruolo nello sviluppo di aterosclerosi e della malattia cardiovascolare.

Olive Polyphenols e colesterolo

Domandandosi se l'effetto LDL-protettivo dei hydroxytyrosol potrebbe essere riprodotto in esseri umani, i ricercatori in Spagna hanno sollecitato i volontari sani partecipare ad un randomizzato, la prova alla cieca, studio controllato dell'incrocio. Gli oggetti hanno consumato tre oli d'oliva vergini extra differenti con i livelli incrementalmente maggiori di polifenoli. Alla conclusione di ogni periodo di studio, i livelli del plasma sanguigno di LDL sono stati esaminati per il grado di ossidazione. I livelli di HDL utile (lipoproteina ad alta densità) inoltre sono stati analizzati. Mentre il contenuto del polifenolo dell'olio d'oliva è aumentato, l'ossidazione di LDL è diminuito. di livelli anche sollevati ricchi di polifenolo dell'olio d'oliva HDL. Entrambi gli effetti sono associati con un profilo di rischio cardiovascolare migliore.Altro 11 ricercatore ha osservato risultati simili dimostrare la capacità dei polifenoli dell'olio d'oliva di evitare il danno dei processi ossidativi.23-24,29

In una variazione di questo studio, i ricercatori spagnoli hanno verificato gli effetti di alimentazione dei tre oli d'oliva con i livelli incrementalmente maggiori di polifenoli ad un gruppo di volontari maschii in buona salute. Gli oggetti in questo randomizzato, studio di prova alla cieca consumato hanno standardizzato le dosi di di olio d'oliva ricco di polifenolo. Dopo un periodo di interruzione, gli oggetti sono stati commutati ciecamente ad un'altra di una formulazione ricca di polifenolo dell'olio d'oliva. I ricercatori hanno valutato l'ossidazione del plasma LDL e l'attività di glutatione perossidasi e di altri indicatori di stato antiossidante. LDL ossidato è diminuito, attività antiossidante del glutatione aumentata e livelli di HDL aumentati di partecipanti. Questi effetti erano proporzionalmente maggiori poichè il contenuto verde oliva del polifenolo è aumentato. Tutti questi cambiamenti riflettono i miglioramenti in indicatori sostitutivi di salute cardiovascolare.37

Gli altri studi intrapresi dai ricercatori alla stessa funzione di ricerca medica di Barcellona hanno mostrato risultati simili. Gli indicatori dello sforzo ossidativo, implicati nello sviluppo della malattia cardiovascolare,12 sono stati valutati dopo ingestione di un d'una sola dose di di olio d'oliva vergine extra ricco di polifenolo. La resistenza di LDL all'ossidazione è migliorato dopo consumo dell' olio d'oliva ricco di polifenolo,38 mentre le attività enzimatiche in relazione con il glutatione sono migliorato.Altri 38 studi hanno riferito risultati simili.39

I pericoli dei grassi polinsaturi

Una quantità enorme di dati scientifici documenta i rischi sanitari connessi con consumo in eccesso di acidi grassi polinsaturi. Gli Americani ed i cittadini di altre nazioni occidentali consumano lontano troppi acidi grassi polinsaturi omega-6 e non abbastanza acidi grassi polinsaturi omega-3.

Sebbene approssimativamente un rapporto di 2:1 di omega-6 agli acidi grassi omega-3 sia considerato ottimale, la maggior parte dei Americani consumano questi grassi in un rapporto sbilenco quel approcci 10: 1.40,41questi mezzi per ogni un grammo di acidi grassi omega-3 alimentari, la maggior parte dei Americani stanno consumando 10 grammi di grassi polinsaturi pericolosi.

Per salute e la longevità ottimali, è critico raggiungere un equilibrio dietetico di questi grassi.

Gli acidi grassi Omega-3 sono stati indicati per avere effetti anticancro, antinfiammatori e antipertensivi e per ridurre il rischio di colpo, di aritmia del cuore, di demenza e di attacco di cuore una volta consumati nell'equilibrio con gli acidi grassi omega-6.42-49

Gli acidi grassi Omega-3 influenzano la salute ed il benessere attraverso vari meccanismi. Questi comprendono la modulazione delle membrane cellulari fisiche e delle proprietà chimiche ed il regolamento del metabolismo delle componenti di sistema immunitario che sono comprese nell'infiammazione. La prova inoltre suggerisce che acidi grassi polinsaturi omega-3 regolino le funzioni del corpo con la modulazione dei geni specifici.45,50

Omega-3 gli acidi grassi EPA (acido eicosapentanoic) e DHA (acido docosaesaenoico) sono trovati in abbondanza in pesce grasso ed in alcuni cetacei come pure nelle alghe (alga) sopra cui si alimentano. Un terzo acido grasso poli-insaturo, acido alfa-linoleico, può essere convertito in DHA e in EPA nel corpo. Mentre l'acido alfa-linoleico è disponibile dalle fonti quali l'olio, l'olio di semi di lino e le noci del canola, la sua conversione a DHA è lenta ed inefficiente.51,52 scienziati ritengono che quello il consumo diretto di DHA e di EPA sia il migliore modo ottenere gli acidi grassi polinsaturi adeguati omega-3.44,53-60

L'importanza di DHA e di EPA non può essere esagerata. Per esempio, l'assunzione adeguata degli acidi grassi omega-3 durante la prima infanzia è pensata per svolgere un ruolo nell'impedire il disordine dell'iperattività di deficit di attenzione (ADHD) e dell'apprendimento delmiglioramento e nella prestazione accademica.58 in adulti più anziani, i grassi di consumo omega-3 quale DHA e EPA possono invertire i segni di invecchiamento del cervello e proteggere dallo sviluppo del morbo di Alzheimer e da altre cause di demenza età-collegata e diminuire.46,55-57,61-64

I lignani del sesamo migliorano gli effetti dell'olio di pesce

Come i polifenoli dalle olive, i semi di sesamo sono ricchi di composti con le proprietà antiossidanti potenti. I semi di sesamo contengono i lignani, classe A di prodotti chimici conosciuti come i phytonutrients che sono responsabili di una gamma di indennità-malattia.

Per esempio, i lignani hanno la capacità di modulare l'immunità e possono impedire i vari tipi di cancri.65-72 quando i ricercatori scandinavi hanno alimentato al sesamo il sesamin lignan agli animali da laboratorio, hanno documentato un aumento nei livelli bioavailable del tocoferolo antiossidante importante di gamma, di forma potente e biologicamente attiva di vitamina il E.73

I ricercatori giapponesi hanno indicato che quando il sesamin si aggiunge alle diete degli animali è cresciuto per la loro suscettibilità ad ipertensione ed il colpo, vari indicatori di danno cardiovascolare significativamente sono migliorati, particolarmente fra agli gli animali ipertesi sale sensibili.74

In un simile esperimento, gli scienziati hanno alimentato la vitamina E, sesamin, o entrambi ad ad ipertensione incline degli animali e colpo. Un gruppo di controllo ha ricevuto l'alimentazione normale. Mentre sono invecchiato, gli animali di controllo hanno sviluppato l'ipertensione ed hanno elevato i livelli di indicatore ossidativo di sforzo ed hanno esibito una tendenza aumentata a sviluppare i grumi che potrebbero precipitare il colpo. Al contrario, gli animali hanno alimentato il sesamin, la vitamina E, o una combinazione delle due sostanze nutrienti era significativamente protetta da queste circostanze micidiali.75

Riduzione dell'infiammazione

Il lavoro recente sui meccanismi che sono alla base di questi effetti indica che il sesamin riduce i livelli di prostaglandine e di leucotrieni infiammatori, componenti di sistema immunitario che sono associate con le circostanze infiammatorie patologiche.76 molti scienziati ora ritengono che l'infiammazione di qualità inferiore sia uno stato di fondo che contribuisce a una vasta gamma di malattie degeneranti quali aterosclerosi, la malattia cardiaca, l'artrite, il cancro, il morbo di Alzheimer e la malattia del Parkinson.77-83 gli acidi grassi Omega-3 inoltre sono conosciuti per ridurre l'infiammazione,42,84 e la ricerca recente indica che possono aumentare i livelli di composti antinfiammatori nella circolazione sanguigna.49,85,86

Le componenti dei semi di sesamo, compreso il sesamin e il sesamolin, possono anche ridurre gli effetti delle specie reattive dell'ossigeno, classe A di radicali liberi altamente reattivi e danneggianti che sono generati in risposta alle lesioni come quelli causati dal colpo. In un esperimento ha progettato per simulare il danno del colpo, scienziati cinesi cellule nervose sfavorite di ossigeno in laboratorio. In cellule trattate con il sesamin e il sesamolin, la morte delle cellule è stata ridotta significativamente ha confrontato alle cellule non trattate. Gli scienziati hanno concluso che i lignani dei semi di sesamo possono sopprimere la generazione di specie reattive dell'ossigeno ed inibire il rilascio delle chinasi proteiche mitogene-attivate,87 una famiglia delle proteine del sistema immunitario responsabili dell'induzione della morte programmata delle cellule, o gli apoptosi.88 ricercatori di Taiwan hanno riferito i risultati che sembrano confermare questa capacità dei lignani del sesamo di intervenire in apoptosi modulando il sistema immunitario che segnala gli eventi.89

Abbassamento della pressione sanguigna

I lignani dei semi di sesamo possono anche ridurre la pressione sanguigna. In uno sforzo per documentare gli effetti antipertensivi del sesamo, i ricercatori giapponesi hanno lavorato con gli animali sono cresciuto per servire da modello di ipertensione umana. Un gruppo di animali è stato alimentato una dieta normale completati con il sesamin, mentre l'altro gruppo ha ricevuto soltanto la dieta normale. Dopo cinque settimane, il superossido aortico, un indicatore dello sforzo cardiovascolare, è stato misurato in entrambi i gruppi. Sesamin ha alimentato gli animali ha avuto i più bassi livelli del superossido e pressione sanguigna più bassa; per contro, gli animali hanno alimentato un'ipertensione sviluppata dieta normale ed i livelli elevati di superossido. Gli scienziati hanno concluso che il sesamin può inibire la produzione di superossido aortico e che l'attività antiossidante dei sesamin può contribuire alla sua capacità di ridurre la pressione sanguigna.90,91

Impedire perossidazione lipidica

I lignani del sesamo inoltre riducono la perossidazione dei lipidi. La perossidazione lipidica produce i radicali liberi nocivi che possono avere danno, malattia-promuovendo effettua nel corpo e può precedere lo sviluppo di aterosclerosi. Impedire la perossidazione può preparare i lipidi meno probabilmente per aderire al rivestimento dei vasi sanguigni, uno scopo importante di medicina preventiva.92 ricercatori nel Giappone hanno determinato che, una volta alimentati agli animali da laboratorio, ai lignani dei semi di sesamo, al sesamin ed ai livelli di alfa tocoferolo, una forma di perossidazione lipidica e dell'aumento di diminuzione di sesaminol di vitamina E. Questo effetto è stato confermato da altri ricercatori.93-95 gli scienziati dell'indiano hanno trovato un simile effetto quando gli animali sono stati alimentati l'olio di sesamo e il sesamin. Malgrado lo sforzo ossidativo indotto, gli animali hanno alimentato l'olio di sesamo e il sesamin ha conservato gli alti livelli dei tocoferoli, o degli antiossidanti della vitamina E. I ricercatori hanno suggerito che i lignani del sesamo potessero rigenerare i tocoferoli ossidati, essenzialmente risparmiante li nel corpo.95

Infiammazione di controllo sinergico

La sinergia si riferisce agli effetti prodotti da due o più agenti che sono maggiori della somma dei loro rispettivi diversi effetti. Come esempio, consideri i benefici di aggiunta degli acidi grassi omega-3 alla chemioterapia standard per trattamento del cancro. Gli studi hanno indicato che gli acidi grassi polinsaturi omega-3 possono essere preventivo del cancro, ma che inoltre potenziano con alcuni farmaci anticancro per migliorare l'attività di tumore-uccisione.43

Recentemente, gli scienziati nel Brasile hanno riferito un effetto sinergico sull'artrite reumatoide dell' olio di pesce ricco EPA e di DHA- combinato con di olio d'oliva ricco di polifenolo.44 quarantatre pazienti di mezza età sono stati assegnati a caso ad uno di tre gruppi. Oltre al trattamento standard per il loro dolore, la rigidezza e l'infiammazione, pazienti nel gruppo uno hanno ricevuto un olio del placebo. I pazienti nel gruppo due hanno ricevuto DHA- e degli gli acidi grassi ricchi EPA omega-3 dall'olio di pesce, mentre i pazienti nel gruppo tre sono stati dati una combinazione di olio di pesce e di di olio d'oliva ricco di polifenolo. Lo stato di malattia è stato valutato prima dell'inizio dello studio ed a tre e sei mesi. All'estremità dello studio, l'olio di pesce è stato trovato per alleviare significativamente i vari indicatori della progressione di malattia. La durata di rigidezza di mattina in diminuzione, l'intensità di dolori articolari è stata ridotta, forza dell'impugnatura aumentata e l'affaticamento è stato diminuito. 44

Più impressionanti, tuttavia, erano gli effetti osservati nel gruppo che ha ricevuto sia l'olio di pesce che l'olio d'oliva. Questi pazienti hanno esibito “un miglioramento accentuato„ quando di supplementi ricchi EPA dell'olio di pesce e di DHA- sono stati usati congiuntamente di ad olio d'oliva ricco di polifenolo.44 mentre l'olio di pesce ha migliorato i vari parametri di infiammazione, solo l'olio di pesce e l'olio d'oliva hanno fornito insieme i miglioramenti supplementari nella durata di rigidezza di mattina, nella capacità girare i rubinetti in funzione e a riposo e nelle valutazioni soggettive dei pazienti della soddisfazione con le loro attività viventi quotidiane.

Riassunto

La dieta Mediterranea ben-ha convalidato la salute ed effetti di longevità-promozione. Le componenti critiche di questa dieta che possono rappresentare i benefici impressionanti descritti negli studi scientifici includono agli gli antiossidanti basati a pianta potenti, omega-3 gli acidi grassi critici DHA e EPA e grasso monoinsaturo e polifenoli derivati dalle olive.

Mentre le indennità-malattia notevoli connesse con dei i phytonutrients ricchi d'antiossidante e omega-3 gli acidi grassi DHA e EPA sono affermate, la ricerca emergente che sostiene i benefici dei polifenoli verde oliva è ugualmente impressionante. Specialmente colpire è lo studio descritto appena, in cui una combinazione di EPA/DHA e di di polifenoli verde oliva ricchi hydroxytyrosol ha prodotto i benefici sinergici nell'infiammazione di controllo nei pazienti di artrite reumatoide.

Hydroxytyrosol, un antiossidante potente, è il polifenolo principale presente in estratto verde oliva. Ciò ed altri polifenoli verde oliva più sono concentrati in estratto verde oliva solubile in acqua della frutta, non nell'olio stesso. Gli estratti concentrati e standardizzati di frutta verde oliva permettono alla gente cosciente di salute di consumare le alte concentrazioni di queste sostanze nutrienti potenti senza ingerire i servizi di contenente olio verde oliva vergine extra inadvisably un gran numero grasso dietetico e calorie.

L'estesa ricerca sostiene forte i phytonutrients, gli acidi grassi polinsaturi omega-3 ed i polifenoli verde oliva come sostanze nutrienti critiche che probabilmente rappresentano molte delle indennità-malattia notevoli ed antinvecchiamento della dieta Mediterranea.

Riferimenti

1. Eposito K, Marfella R, Ciotola m., et al. effetto di una dieta stile Mediterraneo su disfunzione endoteliale ed indicatori di infiammazione vascolare nella sindrome metabolica: una prova randomizzata. JAMA. 22 settembre 2004; 292(12): 1440-6.

2. Modelli di Osler m., di Heitmann BL, di Gerdes LU, di Jorgensen LM, di Schroll M. Dietary e mortalità in uomini ed in donne danesi: uno studio d'osservazione futuro. Br J Nutr. 2001 febbraio; 85(2): 219-25.

3. Osler m., Schroll M. Diet e mortalità in un gruppo degli anziani in una comunità nordeuropea. Int J Epidemiol. 1997 febbraio; 26(1): 155-9.

4. Trichopoulou A, Costacou T, Bamia C, Trichopoulos D. Adherence ad una dieta e ad una sopravvivenza Mediterranee in una popolazione greca. Med di N Inghilterra J. 26 giugno 2003; 348(26): 2599-608.

5. Dieta di Trichopoulou A, di Vasilopoulou E. il Mediterranean e longevità. Br J Nutr. 2000 dicembre; 84 supplementi 2: S205-9.

6. Trichopoulou A, Kouris-Blazos A, Wahlqvist ml, et al. dieta e sopravvivenza globale in anziani. BMJ. 2 dicembre 1995; 311(7018): 1457-60.

7. Knoops KT, de Groot LC, Kromhout D, et al. dieta Mediterranea, fattori di stile di vita e mortalità di dieci anni in uomini ed in donne europei anziani: il progetto SANO. JAMA. 22 settembre 2004; 292(12): 1433-9.

8. Lasheras C, Fernandez S, Patterson. Dieta Mediterranea ed età riguardo alla sopravvivenza globale in anziani istituzionalizzati e nonsmoking. J Clin Nutr. 2000 aprile; 71(4): 987-92.

9. Trichopoulou A, Orfanos P, Norat T, et al. dieta e sopravvivenza Mediterranee modificate: studio di gruppo futuro Epico-anziano. BMJ. 30 aprile 2005; 330(7498): 991.

10. Dieta di Trichopoulou A, di Bania C, di Trichopoulou D. il Mediterranean e sopravvivenza fra i pazienti con la coronaropatia in Grecia. Med dell'interno dell'arco. 25 aprile 2005; 165(8): 929-35.

11. Marrugat J, Covas MI, Fito m., et al. gli effetti del contenuto fenolico differente in oli d'oliva dietetici sui lipidi e sull'ossidazione-un di LDL hanno randomizzato la prova controllata. EUR J Nutr. 2004 giugno; 43(3): 140-7.

12. Covas MI, Fito m., RM di Lamuela-Raventos, Sebastia N, de la Torre-Boronat C, composti fenolici dell'olio d'oliva di Marrugat J. Virgin: legando alla lipoproteina umana di densità bassa (LDL) ed effetto su ossidazione di LDL. Ricerca di Int J Clin Pharmacol. 2000;20(3-4):49-54.

13. O'Dowd Y, Driss F, Dang PM, et al. effetto antiossidante del hydroxytyrosol, un polifenolo da olio d'oliva: il lavaggio del perossido di idrogeno ma non dell'anione del superossido ha prodotto dai neutrofili umani. Biochimica Pharmacol. 15 novembre 2004; 68(10): 2003-8.

14. Visioli F, Bogani P, alimento grande di Galli, di S C. il Mediterranean e salute: prova umana di costruzione. J Physiol Pharmacol. 2005 marzo; 56 1:37 del supplemento - 49.

15. MN di Vissers, Zock PL, Leenen R, Roodenburg AJ, van Putte KP, MB di Katan. Effetto di consumo di fenoli dalle olive e dall'olio d'oliva vergine extra sul oxidizability di LDL in esseri umani in buona salute. Ricerca libera di Radic. 2001 novembre; 35(5): 619-29.

16. Visioli F, Bellomo G, proprietà di radicale-lavaggio di Galli C. Free dei polifenoli dell'olio d'oliva. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 9 giugno 1998; 247(1): 60-4.

17. Visioli F, Galli C. Oleuropein protegge la lipoproteina di densità bassa dall'ossidazione. Vita Sci. 1994;55(24):1965-71.

18. Masella R, Vari R, D'Archivio m., et al. biophenols vergini extra dell'olio d'oliva inibisce l'ossidazione comunicata per cellule di LDL aumentando la trascrizione del mRNA degli enzimi in relazione con il glutatione. J Nutr. 2004 aprile; 134(4): 785-91.

19. Kris-Etherton PM, Hecker KD, Bonanome A, et al. composti Bioactive in alimenti: il loro ruolo nella prevenzione della malattia cardiovascolare e del cancro. Med di J. 30 dicembre 2002; 113 supplementi 9B: 71S-88S.

20. Simopoulos AP. Le diete del Mediterraneo: Che cosa è così speciale circa la dieta della Grecia? La prova scientifica. J Nutr. 2001 novembre; 131 (11 supplemento): 3065S-73S.

21. Beta-D-glucoside di Romero C, di Brenes m., di Garcia P, di Garrido A. Hydroxytyrosol 4, un composto fenolico importante in frutti verde oliva e prodotti derivati. Alimento chim. di J Agric. 19 giugno 2002; 50(13): 3835-9.

22. Romero C, Brenes m., Garcia P, Garcia A, Garrido A. Polyphenol cambia durante la fermentazione delle olive naturalmente nere. Alimento chim. di J Agric. 7 aprile 2004; 52(7): 1973-9.

23. Aviram M. Interaction della lipoproteina ossidata di densità bassa con i macrofagi nell'aterosclerosi e il antiatherogenicity degli antiossidanti. Biochimica di EUR J Clin Chem Clin. 1996 agosto; 34(8): 599-608.

24. Effetto di Mateos R, di Dominguez millimetro, di Espartero JL, del CERT A. Antioxidant dei composti fenolici, alfa-tocoferolo ed altre componenti secondarie in olio d'oliva vergine. Alimento chim. di J Agric. 19 novembre 2003; 51(24): 7170-5.

25. Masella R, Giovannini C, Vari R, et al. effetti dei fenoli vergini dietetici dell'olio d'oliva su ossidazione della lipoproteina di densità bassa in pazienti iperlipidici. Lipidi. 2001Nov; 36(11): 1195-202.

26. MN di Vissers, Zock PL, MB di Katan. Biodisponibilità ed effetti antiossidanti dei fenoli dell'olio d'oliva in esseri umani: una rassegna. EUR J Clin Nutr. 2004 giugno; 58(6): 955-65.

27. Lavelli V. Comparison delle attività antiossidanti degli oli d'oliva vergini extra. Alimento chim. di J Agric. 18 dicembre 2002; 50(26): 7704-8.

28. de la Puerta R, Martinez-Dominguez E, Ruiz-Gutierrez V. Effect delle componenti secondarie di olio d'oliva vergine sulle analisi antinfiammatorie attuali. Z Naturforsch [C]. 2000 settembre-ottobre; 55 (9-10): 814-9.

29. de la Puerta R, Martinez Dominguez ME, Ruiz-Gutierrez V, Flavill JA, JUNIOR di Hoult. Effetti dei composti fenolici vergini dell'olio d'oliva su lavaggio delle specie reattive dell'azoto e sopra la neurotrasmissione nitrergic. Vita Sci. 27 luglio 2001; 69(10):1213-22.

30. Wiseman SA, Tijburg libbra, FH di van de Put. I composti fenolici dell'olio d'oliva proteggono LDL e la vitamina di riserva E nel criceto. Lipidi. 2002 novembre; 37(11): 1053-7.

31. Owen RW, Giacosa A, guscio NOI, Haubner R, Spiegelhalder B, Bartsch H. Potenziale antiossidante/anticancro dei composti fenolici isolati da olio d'oliva. Cancro di EUR J. 2000 giugno; 36(10): 1235-47.

32. Pieghettatura chilolitro, mp di Freeman, Hayball PJ, allungamento GL, Stupans I. In vivo il destino del hydroxytyrosol e tirosol, costituenti fenolici antiossidanti di olio d'oliva, dopo il dosaggio endovenoso ed orale dei composti identificati ai ratti. J Nutr. 2001 luglio; 131(7): 1993-6.

33. Miglia di ea, Zoubouli P, PC di Calder. Effetti antinfiammatori differenziali dei composti fenolici da olio d'oliva vergine extra identificato nelle intere emocolture umane. Nutrizione. 2005 marzo; 21(3): 389-94.

34. Balaban RS, Nemoto S, Finkel T. Mitochondria, ossidanti e invecchiamento. Cellula. 25 febbraio 2005; 120(4): 483-95.

35. Inoue m., Sato E-F, teoria del radicale libero di Nishikawa m., di Hiramoto K, di Kashiwagi A, di Utsumi K. degli apoptosi e metamorfosi. Rappresentante di redox. 2004; 9(5): 237-47.

36. Teoria del radicale libero di Harman D. The di invecchiamento. Segnale di redox di Antioxid. 2003 ottobre; 5(5): 557-61.

37. Weinbrenner T, Fito m., de la Torre R, et al. oli d'oliva alti in composti fenolici modula stato ossidativo/antiossidante negli uomini. J Nutr. 2004 settembre; 134(9): 2314-21.

38. Effetti a breve termine di Fito m., di Gimeno E, di Covas MI, et al. postprandiale e di olio d'oliva vergine dietetico sull'ossidante/sullo stato antiossidante. Lipidi. 2002 marzo; 37(3): 245-51.

39. Gimeno E, Fito m., RM di Lamuela-Raventos, et al. effetto di ingestione di olio d'oliva vergine sulla composizione umana nella lipoproteina a bassa densità. EUR J Clin Nutr. 2002 febbraio; 56(2): 114-20.

40. Zamaria N. Alteration di stato poli-insaturo e del metabolismo dell'acido grasso nella salute e nella malattia. Sviluppatore di Reprod Nutr. 2004 maggio-giugno; 44(3): 273-82.

41. Kris-Etherton PM, Taylor DS, Yu-Poth S, et al. acidi grassi polinsaturi nel ciclo alimentare negli Stati Uniti. J Clin Nutr. 2000 gennaio; 71 (1 supplemento): 179S-88S.

42. TUM di Mori, Beilin LJ. Acidi grassi Omega-3 ed infiammazione. Rappresentante di Curr Atheroscler. 2004 novembre; 6(6): 461-7.

43. Hardman NOI. acidi grassi n-3 e terapia del cancro. J Nutr. 2004 dicembre; 134 (12 supplementi): 3427S-430S.

44. Berbert aa, CR di Kondo, CL di Almendra, Matsuo T, Dichi I. Supplementation dell'olio di pesce e dell'olio d'oliva in pazienti con l'artrite reumatoide. Nutrizione. 2005 febbraio; 21(2): 131-6.

45. Guesnet P, Alessandri JM, Vancassel S, Zamaria N. Analysis del secondo simposio “anomalie degli acidi grassi, dell'invecchiamento e delle patologie di degenerazione„. Sviluppatore di Reprod Nutr. 2004 maggio-giugno; 44(3): 263-71.

46. Conquisti JA, Tierney MC, Zecevic J, Bettger WJ, RH di Fisher. Analisi dell'acido grasso del plasma sanguigno dei pazienti con il morbo di Alzheimer, altri tipi di demenze e danno conoscitivo. Lipidi. 2000 dicembre; 35(12): 1305-12.

47. LA di Horrocks, Yeo YK. Indennità-malattia della ricerca di Pharmacol dell'acido docosaesaenoico (DHA). 1999 settembre; 40(3): 211-25.

48. EM di Hjerkinn, Seljeflot I, Ellingsen I, et al. influenza di intervento a lungo termine con i supplementi di consiglio e a catena lunga dietetici dell'acido grasso n-3, o entrambi sugli indicatori di circolazione dell'attivazione endoteliale in uomini con iperlipidemia di lunga durata. J Clin Nutr. 2005 marzo; 81(3): 583-9.

49. Nettleton JA, acidi grassi polinsaturi a catena lunga di Katz R n-3 in diabete di tipo 2: una rassegna. Dieta Assoc di J. 2005 marzo; 105(3): 428-40.

50. Jayasooriya AP, Weisinger RS, Weisinger HS, et al. influenza omega-3 del rifornimento poli-insaturo dietetico dell'acido grasso (PUFA) su espressione genica del cervello. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2004; 13 (supplemento): S77.

51. Goyens PL, Spilker ME, Zock PL, MB di Katan, Mensink RP. Sviluppo di un modello compartimentale per quantificare conversione dell'acido alfa-linoleico dopo assunzione più a lungo termine dei boli multipli dell'elemento tracciante. Ricerca del lipido di J. 16 aprile 2005.

52. Gerster H. Possono gli adulti convertire adeguatamente l'acido alfa-linoleico (18:3n-3) in acido eicosapentanoico (20:5n-3) ed in acido docosaesaenoico (22:6n-3)? Ricerca di Int J Vitam Nutr. 1998;68(3):159-73.

53. HM di Ismail. Il ruolo degli acidi grassi omega-3 nella protezione cardiaca: una panoramica. Front Biosci. 1° maggio 2005; 10:1079-88.

54. Carrero JJ, Martin-Bautista E, Baro L, Fonolla J, Jimenez J, Boza JJ, et al. effetti cardiovascolari degli acidi di omega-3-fatty ed alternative per aumentare la loro assunzione. Nutr Hosp. 2005 gennaio-febbraio; 20(1): 63-9.

55. Bourre JM. Acidi grassi Omega-3 in psichiatria. Med Sci (Parigi). 2005 febbraio; 21(2): 216-21.

56. Bourre JM. Acidi grassi dietetici Omega-3 e psichiatria: Umore, comportamento, sforzo, depressione, demenza e invecchiamento. Invecchiamento di salute di J Nutr. 2005;9(1):31-8.

57. Bourre JM. [Il ruolo dei fattori nutrizionali sulla struttura e sulla funzione del cervello: un aggiornamento su Rev dietetico Neurol (Parigi) di requisiti]. 2004 settembre; 160 (8-9): 767-92.

58. Acidi grassi di Singh M. Essential, DHA e cervello umano. J indiano Pediatr. 2005 marzo; 72(3): 239-42.

59. Oh applicazioni pratiche del R. dell'olio di pesce (acidi grassi Omega-3) nel pronto intervento. Bordo Fam Pract di J. 2005 gennaio-febbraio; 18(1): 28-36.

60. Seo T, Blaner WS, Deckelbaum RJ. Acidi grassi Omega-3: approcci molecolari ai risultati biologici ottimali. Acidi grassi Omega-3: approcci molecolari ai risultati biologici ottimali. Curr Opin Lipidol. 2005 febbraio; 16(1): 11-8.

61. KA di Youdim, Martin A, Joseph JA. Acidi grassi essenziali ed il cervello: implicazioni possibili di salute. Sviluppatore Neurosci di Int J. 2000 luglio-agosto; 18 (4-5): 383-99.

62. Favreliere S, Perault MC, Huguet F, et al. diete DHA-arricchite del fosfolipide modula le alterazioni relative all'età in ippocampo del ratto. Invecchiamento di Neurobiol. 2003 marzo-aprile; 24(2): 233-43.

63. Yehuda S, Rabinovitz S, Carasso RL, DI di Mostofsky. Il ruolo degli acidi grassi polinsaturi nel ristabilimento della membrana di un neurone di invecchiamento. Invecchiamento di Neurobiol. 2002 settembre-ottobre; 23(5): 843-53.

64. Martin DS, PE di Lonergan, Boland B, et al. cambiamenti apoptotici nel cervello invecchiato è avviato dall'attivazione di interleukin-1beta-induced di p38 ed è invertito dal trattamento con acido eicosapentanoico. Biol chim. di J. 13 settembre 2002; 277(37): 34239-46.

65. Sig.ra di Donaldson. Nutrizione e cancro: Una rassegna della prova per una dieta anticancro. Nutr J. 2004 20 ottobre; 3(1): 19.

66. Lucas ea, Lightfoot SA, Hammond LJ, et al. seme di lino riduce il colesterolo del plasma e la formazione aterosclerotica della lesione in criceti siriani dorati ovariectomizzati. Aterosclerosi. 2004 aprile; 173(2): 223-9.

67. Jenkins DJ, Kendall CW, Vidgen E, et al. aspetti della salute del seme di lino parzialmente sgrassato, compreso gli effetti sui lipidi del siero, sulle misure ossidative e ex vivo sull'attività della progestina e dell'androgeno: una prova controllata dell'incrocio. J Clin Nutr. 1999 marzo; 69(3): 395-402.

68. Prasad K. Flaxseed: una fonte di agenti ipocolesterolemici e antiatherogenic. Notizie Perspect della droga. 2000 marzo; 13(2): 99-104.

69. Prasad K, Mantha SV, ANNUNCIO di Muir, ND di Westcott. Riduzione di aterosclerosi ipercolesterolemica dal CDC-seme di lino con acido alfa-linoleico molto basso. Aterosclerosi. 1998 febbraio; 136(2): 367-75.

70. Dabrosin C, Chen J, Wang L, Thompson LU. Il seme di lino inibisce la metastasi e fa diminuire il fattore di crescita endoteliale vascolare extracellulare negli xenotrapianti umani del cancro al seno. Cancro Lett. 8 novembre 2002; 185(1): 31-7.

71. Concetti di Platt R. Current in nutrizione ottimale per la malattia cardiovascolare. Prev Cardiol. 2000 primavere; 3(2): 83-7.

72. Bierenbaum ml, Reichstein R, Watkins TR. Riduzione del rischio atherogenic in esseri umani hyperlipemic con il completamento del seme di lino: un rapporto preliminare. J Coll Nutr. 1993 ottobre; 12(5): 501-4.

73. Kamal-Eldin A, Pettersson D, LA di Appelqvist. Sesamin (un composto dall'olio di sesamo) aumenta i livelli del tocoferolo in ratti alimentati ad libitum. Lipidi. 1995 giugno; 30(6): 499-505.

74. Matsumura Y, Kita S, Tanida Y, et al. effetto antipertensivo del sesamin. III. Protezione contro sviluppo e mantenimento di ipertensione spontaneamente in ratti ipertesi colpo-inclini. Toro di biol Pharm. 1998 maggio; 21(5): 469-73.

75. Noguchi T, Ikeda K, Sasaki Y, et al. effetti della vitamina E e sesamin su ipertensione e trombogenesi cerebrale spontaneamente in ratti ipertesi colpo-inclini. Ricerca di Hypertens. 2001 novembre; 24(6): 735-42.

76. Effetti antinfiammatorio di Utsunomiya T, di Shimada m., di Rikimaru T, et al. antiossidante e di una dieta completata con il sesamin sulla lesione epatica di ischemia-riperfusione in ratti. Hepatogastroenterology. 2003 settembre-ottobre; 50(53): 1609-13.

77. McGeer PL, McGeer PER ESEMPIO. Infiammazione e le malattie degeneranti di invecchiamento. Ann N Y Acad Sci. 2004 dicembre; 1035:104-16.

78. Larbi A, Dupuis G, Douziech N, Khalil A, infiammazione di qualità inferiore del Jr. di Fulop T con invecchiamento ha conseguenze per la segnalazione del linfocita T. Ann N Y Acad Sci. 2004 dicembre; 1030:125-33.

79. Napoli C, malattie di Palinski W. Neurodegenerative: visioni dei meccanismi patogeni da aterosclerosi. Invecchiamento di Neurobiol. 2005 marzo; 26(3): 293-302.

80. CE del fringillide. Origini inerenti allo sviluppo di invecchiamento in cervello e vasi sanguigni: una panoramica. Invecchiamento di Neurobiol. 2005 marzo; 26(3): 281-91.

81. Schwartsburd PM. creazione Età-promossa di un microenvironment del pro-Cancro tramite infiammazione: patogenesi di controllo feedback dyscoordinated. Sviluppatore invecchiante Mech. 2004 settembre; 125(9): 581-90.

82. Weinreb O, Mandel S, Amit T, MB di Youdim. Meccanismi neurologici dei polifenoli del tè verde in Alzheimer e nelle malattie del Parkinson. Biochimica di J Nutr. 2004 settembre; 15(9): 506-16.

83. Nagatsu T, processo di Sawada M. Inflammatory nella malattia del Parkinson: ruolo per le citochine. DES di Curr Pharm. 2005;11(8):999-1016.

84. Roland I, De Leval X, Evrard B, Pirotte B, Dogne JM, Delattre L. Modulation della cascata arachidonica con gli acidi grassi omega3 o gli analoghi: benefici terapeutici potenziali. Mini Rev Med Chem. 2004 agosto; 4(6): 659-68.

85. CN di Serhan. Mediatori novelli del docosanoid e del eicosanoid: resolvins, docosatrienes e neuroprotectins. Cura di Curr Opin Clin Nutr Metab. 2005 marzo; 8(2): 115-21.

86. Li H, Ruan XZ, Powis SH, et al. EPA e DHA riducono le risposte LPS indotte di infiammazione in cellule HK-2: prova per un meccanismo PPAR-gamma-dipendente. Rene Int. 2005 marzo; 67(3): 867-74.

87. Hou RC, HM di Huang, Tzen JT, Jeng KC. Effetti protettivi del sesamin e del sesamolin su di un neurone hypoxic e sulle cellule PC12. Ricerca di J Neurosci. 1° ottobre 2003; 74(1): 123-33.

88. Paliga AJ, Dott di Natale, Watson AJ. p38 la chinasi proteica attivata mitogene (MAPK) in primo luogo regola l'actina filamentosa nella fase delle cellule 8-16 durante lo sviluppo preimpianto. Cellula di biol. 25 aprile 2005.

89. Jeng KC, Hou RC, Wang JC, Ping LI. Sesamin inibisce la produzione lipopolysaccharide indotta di citochina tramite soppressione della chinasi proteica mitogene-attivata p38 e del fattore-kappaB nucleare. Immunol Lett. 15 febbraio 2005; 97(1): 101-6.

90. Nakano D, Itoh C, Ishii F, et al. effetti del sesamin sullo sforzo ossidativo aortico e disfunzione endoteliale nei ratti ipertesi del acetato-sale di deoxycorticosterone. Toro di biol Pharm. 2003 dicembre; 26(12): 1701-5.

91. Nakano D, Itoh C, Takaoka m., Kiso Y, Tanaka T, effetto di Matsumura Y. Antihypertensive del sesamin. IV. Inibizione di produzione vascolare del superossido dal sesamin. Toro di biol Pharm. 2002 settembre; 25(9): 1247-9.

92. Stocker R, ruolo del Jr. di Keaney JF delle modifiche ossidative nell'aterosclerosi. Rev. 2004 di Physiol ottobre; 84(4): 1381-478.

93. Yamashita K, Kagaya m., Higuti N, Kiso Y. Sesamin e l'alfa-tocoferolo sopprimono sinergico il lipido-perossido in ratti hanno alimentato un'alta dieta dell'acido docosaesaenoico. Biofactors. 2000;11(1-2):11-3.

95. Ghafoorunissa, Hemalatha S, Rao sistemi MV. I lignani del sesamo migliorano l'attività antiossidante della vitamina E nei sistemi di perossidazione lipidica. Mol Cell Biochem. 2004 luglio; 262 (1-2): 195-202.

95. Hemalatha S, Raghunath m., Ghafoorunissa. Gli oli di sesamo dietetici inibisce dallo lo sforzo ossidativo indotto da ferro in Br J Nutr dei ratti [corretti]. 2004 ottobre; 92(4): 581-7.