Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Edizione speciale di LE Magazine, inverno 2005/2006

Lo PSA promuove il carcinoma della prostata?

da William Faloon
Esaminato e critiqued da Stephen B. Strum, MD, FACP

Il licopene riduce il danno del DNA delle cellule della prostata

Poiché il cancro è iniziato e promosso come risultato di danno in corso del DNA, i ricercatori hanno intrapreso gli studi per valutare gli effetti genomica di licopene negli uomini con la malattia localizzata. Per tre settimane, un gruppo di 32 uomini ha consumato la salsa al pomodoro ogni giorno che forniscono 30 mg di licopene. Il tessuto della prostata è stato ottenuto inizialmente ancora alla biopsia e poi dopo rimozione chirurgica della ghiandola di prostata.38 dopo tre settimane, i livelli di PSA sono diminuito da 17,5% e un indicatore del sangue di danno del DNA è caduto da 21,3%. Un'analisi dei tessuti della prostata ha indicato che i pazienti licopene-completati hanno avuti riduzioni importanti di molti dei fattori del DNA che favoriscono solitamente la propagazione incontrollata delle cellule di carcinoma della prostata. Inoltre, nei pazienti licopene-completati, le cellule di carcinoma della prostata come pure il tessuto prostatico hyperplastic hanno mostrato un aumento in apoptosi (morte programmata delle cellule). Questo studio ha indicato che le cellule della prostata prendono prontamente il licopene, con i livelli cellulari del licopene che aumentano la volta 2,92 dopo soltanto tre settimane. Questo aumento in licopene ha correlato con una riduzione significativa di danno del DNA del tessuto della prostata.38

Il boro restringe i tumori della prostata, riduce lo PSA in topi

Come celebre più presto, la maggior parte dei medici considerare solamente lo PSA come un indicatore utile del laboratorio per la diagnostica del carcinoma della prostata. Ad un livello cellulare, tuttavia, lo PSA funziona come fattore di crescita attiva nella ghiandola di prostata. Un tale meccanismo comprende la capacità enzimatica dello PSA di degradare le proteine extracellulari della matrice (supporto strutturale) quali il fibronectin e il laminin.1 questa azione dello PSA può promuovere la crescita e la metastasi del tumore. Un'altra azione dipromozione potenziale dello PSA comprende liberare il fattore di crescita del tipo di insulina 1 (IGF-1) dalla sua proteina obbligatoria (BP-3), fornendo i livelli locali aumentati di IGF-1, conducenti alla crescita del tumore.2,3 per capire la natura del nostro cancro del nemico- cellula-dobbiamo rend contoere che la cellula del tumore sia funzionale e produca i prodotti delle cellule che favoriscono la sue crescita, invasività e diffusione!

Gli studi da Gallardo-Williams e dai colleghi hanno indicato che l'acido borico e l'acido boronic inibiscono significativamente la degradazione del fibronectin dallo PSA enzimaticamente attivo.1 in un altro studio in topi gli stessi autori hanno utilizzato la macchiatura di esame immuno-istochimico dei tessuti per indicare che l'espressione di IGF-1 in tumori contrassegnato è stata ridotta da acido borico. In risposta sia al completamento basso che ad alta dose del boro, i livelli di PSA si sono precipitati da una media di 87%, mentre le dimensioni del tumore sono diminuito in media da 31,5%. Inoltre è stata notata un'incidenza significativamente più bassa delle figure mitotiche nei gruppi boro-completati. Le figure mitotiche rispecchiano la sintesi del DNA e l'attività proliferativa.39

Coerente con questi risultati, uno studio recente ha indicato che il boro ha inibito la proliferazione delle linee cellulari DU-145 (una linea dell'androgeno-indipendente) e LNCaP (una linea cellulare androgeno-dipendente) del carcinoma della prostata in un modo dipendente dalla dose.40 questo gli studi della linea cellulare e dell'animale sembrano essere pertinenti agli esseri umani, in base ad un rapporto dal UCLA in cui Cui ed i colleghi hanno indicato che gli uomini con il più alta assunzione dietetica del boro hanno ridotto il loro rischio di carcinoma della prostata di 54% rispetto agli uomini all'assunzione del boro più bassa!12 mentre gli autori hanno notato che l'associazione osservata dovrebbe essere interpretata con prudenza a causa di piccola dimensione del campione di caso e della natura della progettazione di studio rappresentativo, questi risultati meritano chiaramente l'indagine successiva. Se gli studi sugli animali sopraccitati possono essere ripiegati in pazienti umani, il boro alle dosi che variano da 6 a 15 mg un il giorno può trasformarsi in in un'efficace e terapia adiuvante molto a basso costo.12

La curcumina induce il suicidio della cellula tumorale

Le cellule tumorali non seguono i programmi normali e sani di suicidio delle cellule. Le vecchie cellule devono morire ed essere scartate, ma le cellule tumorali proliferano e si sviluppano.

I numerosi studi in questi ultimi due anni hanno identificato i meccanismi specifici da cui la curcumina inibisce la crescita delle cellule di carcinoma della prostata e poi attiva i geni che dicono le cellule tumorali di autodistruggersi (anche riferito a come apoptosi).41,42 uno studio hanno indicato che la curcumina riprogramma le cellule di carcinoma della prostata in modo da farle meno probabilmente per riprodurrsi per metastasi all'osso, mentre un altro studio ha dimostrato che la curcumina ha effetti disensibilizzazione, rendente le cellule tumorali più vulnerabili alla distruzione tramite la radioterapia convenzionale.43,44 la ricerca su curcumina così stanno promettendo che le ditte farmaceutiche attualmente stanno sviluppando gli analoghi della curcumina che possono essere brevettati come terapie anticancro.45,46

Importanza critica di prova annuale di PSA

Nel 2004, New England Journal di medicina ha pubblicato un articolo che indica che il tasso di aumento nello PSA è un preannunciatore più importante della mortalità che la lettura stessa di PSA. Gli uomini che hanno mostrato i 2,0 ng/ml o un maggior aumento nello PSA dal livello dell'anno prima erano 10 volte più probabili da morire in sette anni.47 i ricercatori hanno raccomandato che gli uomini sopra l'età di 35 dovrebbero avere una lettura di PSA della linea di base e poi riprovare ogni anno per misurare il tasso di aumento (velocità di PSA). Un forte aumento nello PSA affida l'esigenza in mandato della valutazione e del trattamento più completi. Senza letture precedenti di PSA, è impossible affinchè il vostro medico calcoli la velocità di PSA. La misura ottimale di velocità di PSA richiede almeno tre letture di PSA, con ogni almeno sei mesi ottenuti diversi e provati allo stesso laboratorio facendo uso della stessa procedura di laboratorio di PSA.

Riassumendo, accumulando i dati suggerisca che lo PSA non sia più soltanto una prova di laboratorio di attività della ghiandola di prostata. Invece, lo PSA è riconosciuto come proteina funzionale: un enzima che può facilitare la proliferazione delle cellule di carcinoma della prostata, l'invasione e la metastasi. Intraprendere le azione per sopprimere lo PSA può ridurre il rischio e la progressione di carcinoma della prostata. Le riduzioni significative dello PSA, come dimostrato in molti degli studi citati in questo articolo, sembrano realizzabili usando i supplementi naturali come licopene, soia, tè verde e boro come pure attraverso i farmaci da vendere su ricetta medica quali Avodart® o Proscar®, che riducono normalmente i livelli di PSA del siero di 40-50%.48-50

Analisi del sangue a basso costo

Una serie di analisi del sangue possono identificare i fattori di rischio correggibili prima della malattia clinicamente avanzata si consolida. La maggior parte della gente verifica il loro sangue per accertare dei livelli di indicatori della malattia cardiovascolare quali omocisteina, proteina C-reattiva, LDL (lipoproteina a bassa densità) e HDL (lipoproteina ad alta densità).

Mentre la prova di PSA è stato ben nota, alcuni uomini sono stati riluttanti farlo fare per timore che rivelerà un problema che non può essere corretto facilmente. Durante questi ultimi anni, tuttavia, un numero significativo delle pubblicazioni ha rivelato i metodi sicuri di abbassamento dello PSA e potenzialmente di riduzione del rischio di carcinoma della prostata.

I membri del prolungamento della vita possono ottenere i pannelli completi dell'analisi del sangue ai prezzi scontati. Il pannello maschio popolare comprende la prova di PSA, con omocisteina, DHEA, proteina e numeroso C-reattivi altre prove. , Tuttavia, non comprende la prova di diidrotestosterone (DHT) che sia stata di importanza significativa se i livelli di PSA in tutti i modi fossero elevati.

I livelli elevati di DHT stimolano il ricevitore dell'androgeno per indurre la maggior produzione di PSA.51 DHT inoltre interagisce con i tessuti extracellulari per aumentare la mobilità delle cellule di carcinoma della prostata.52 questi ed altri risultati possono bene essere la base per la riduzione dello sviluppo del carcinoma della prostata visto negli uomini curati con gli inibitori di DHT. Il prezzo al dettaglio normale per la prova di DHT è $60, ma i membri pagano soltanto $45,00 questa prova.

Più che mai prima, determinare i vostri livelli DHT e (di PSA) può ridurre drammaticamente le vostre probabilità di stare bene ad una vittima di carcinoma della prostata.

Riferimenti

1. La TA di Gallardo-Williams, Maronpot RR, vino Marina militare, et al. inibizione dell'attività enzimatica dell'antigene prostatico specifico da acido borico ed acido boronic nitrofenilico 3. Prostata. 1° gennaio 2003; 54(1): 44-9.

2. Cohen P, tombe HC, Peehl dm, et al. antigene prostatico specifico (PSA) è un fattore di crescita del tipo di insulina che lega la proteasi protein-3 trovata in plasma seminale. J Clin Endocrinol Metab. 1992 ottobre; 75(4): 1046-53.

3. Cohen P, Peehl dm, tombe HC, et al. effetti biologici dell'antigene specifico della prostata come fattore di crescita del tipo di insulina che lega proteasi protein-3. J Endocrinol. 1994 settembre; 142(3): 407-15.

4. Giovannucci E, Ascherio A, Rimm eb, et al. assunzione dei carotenoidi e retinolo relativamente al rischio di carcinoma della prostata. Cancro nazionale Inst di J. 6 dicembre 1995; 87(23): 1767-76.

5. Heinonen OP, Albanes D, Virtamo J, et al. carcinoma della prostata e completamento con l'alfa-tocoferolo ed il beta-carotene: incidenza e mortalità in una prova controllata. Cancro nazionale Inst di J. 18 marzo 1998; 90(6): 440-6.

6. Helzlsouer kJ, Huang HY, Alberg AJ, et al. associazione fra l'alfa-tocoferolo, gamma-tocoferolo, selenio e carcinoma della prostata successivo. Cancro nazionale Inst di J. 2000 20 dicembre; 92(24): 2018-23.

7. Giovannucci E. Una rassegna degli studi epidemiologici sui pomodori, sul licopene e sul carcinoma della prostata. Med di biol di Exp (Maywood.). 2002 novembre; 227(10): 852-9.

8. Giovannucci E, Rimm eb, Liu Y et al. Uno studio prospettivo dei prodotti del pomodoro, del licopene e del rischio di carcinoma della prostata. Cancro nazionale Inst di J. 6 marzo 2002; 94(5): 391-8.

9. Consumo di Lee millimetro, di Gomez SL, di Chang JS, et al. della soia e dell'isoflavone relativamente al rischio di carcinoma della prostata in Cina. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2003 luglio; 12(7): 665-8.

10. Jian L, Xie LP, effetto protettivo di Lee AH et al. di tè verde contro carcinoma della prostata: uno studio di caso-control in Cina sudorientale. Cancro di Int J. 1° gennaio 2004; 108(1): 130-5.

11. Leitzmann MF, Stampfer MJ, Michaud DS, et al. ingestione dietetica degli acidi grassi n-3 e n-6 ed il rischio di carcinoma della prostata. J Clin Nutr. 2004 luglio; 80(1): 204-16.

12. Cui Y, Winton MI, Zhang ZF, et al. assunzione del boro e rischio di carcinoma della prostata dietetici. Rappresentante di Oncol. 2004 aprile; 11(4): 887-92.

13. Ms di Ansari, Gupta NP. Un confronto di licopene e di orchidectomy contro orchidectomy da solo in gestione di carcinoma della prostata avanzato. BJU Int. 2003 settembre; 92(4): 375-8.

14. Ms di Ansari, Gupta NP. Licopene: una terapia farmacologica innovatrice nel carcinoma della prostata metastatico refrattario dell'ormone. Urol Oncol. 2004 settembre; 22(5): 415-20.

15. Thiel R, adenocarcinoma di Effert P. Primary delle vescicole seminali. J Urol. 2002 novembre; 168(5): 1891-6.

16. Cancro prostatico di Holund B. Latent in serie consecutiva di autopsia. Scand J Urol Nephrol. 1980;14(1):29-35.

17. Sakr WA, GP di Haas, BF di Cassin et al. La frequenza di carcinoma e neoplasia intraepiteliale della prostata in giovani pazienti maschii. J Urol. 1993 agosto; 150 (2 pinte 1): 379-85.

18. Geller J, effetti del tipo di castrazione di Sionit L. sulla prostata umana di un inibitore della alfa-riduttasi 5, finasteride. Supplemento di biochimica delle cellule di J. 1992; 16H: 109-12.

19. Deslypere JP, giovane m., testosterone di Wilson JD et al. ed alfa-diidrotestosterone 5 interattivi diversamente con il ricevitore dell'androgeno per migliorare trascrizione del gene del reporter di MMTV-CAT. Mol Cell Endocrinol. 1992 ottobre; 88 (1-3): 15-22.

20. Wright COME, potenza relativa di Thomas LN, di Douglas RC et al. di testosterone e del diidrotestosterone nell'impedire atrofia e apoptosi nella prostata del ratto castrato. J Clin investe. 1° dicembre 1996; 98(11): 2558-63.

21. Andriole GL, Humphrey P, Ray P, et al. effetto del dutasteride doppio dell'inibitore 5alpha-reductase sugli indicatori di regressione del tumore nel carcinoma della prostata. J Urol. 2004 settembre; 172(3):915-9.

22. Il CB più pigro, Thomas LN, Douglas RC et al. Dutasteride, l'inibitore doppio 5alpha-reductase, inibisce l'azione dell'androgeno e promuove la morte delle cellule nella linea cellulare del carcinoma della prostata di LNCaP. Prostata. 1° febbraio 2004; 58(2): 130-44.

23. Andriole GL, Roehrborn C, Schulman C, et al. effetto del dutasteride sulla rilevazione di carcinoma della prostata in uomini con l'iperplasia prostatica benigna. Urologia. 2004 settembre; 64(3): 537-41.

24. Thompson IM, Goodman PJ, Tangen cm, et al. L'influenza del finasteride sullo sviluppo di carcinoma della prostata. Med di N Inghilterra J. 17 luglio 2003; 349(3): 215-24.

25. Carcinoma di Pezzato E, di Sartor L, di Dell'Aica I, et al. della prostata e tè verde: la degradazione della membrana basale e l'attivazione PSA-avviate MMP-2 sono inibite (-) da epigallocatechin-3-gallate. Cancro di Int J. 10 dicembre 2004; 112(5): 787-92.

26. Sonoda T, Nagata Y, Mori m., et al. Uno studio di caso-control sulla dieta e sul carcinoma della prostata nel Giappone: effetto protettivo possibile della dieta tradizionale del giapponese. Cancro Sci. 2004 marzo; 95(3): 238-42.

27. Dalais FS, Meliala A, Wattanapenpaiboon N, et al. effetti dei ricchi di una dieta nei phytoestrogens sull'antigene prostatico specifico e ormoni sessuali in uomini diagnosticati con carcinoma della prostata. Urologia. 2004 settembre; 64(3): 510-5.

28. Partin aw, CR della libbra, Clemens JQ, et al. siero PSA dopo la prostatectomia radicale anatomica. L'esperienza di Johns Hopkins dopo 10 anni. Nord di Urol Clin. 1993 novembre; 20(4): 713-25.

29. Martelli il CR, Partin l'aw, antigene prostatico specifico di Epstein JI et al. dopo la prostatectomia retropubica radicale anatomica. Modelli della ricorrenza e del controllo del cancro. Nord di Urol Clin. 1997 maggio; 24(2): 395-406.

30. AL di Hanlon, matasse GE. I modelli di guasto ed i tassi di rischio per guasto suggeriscono la cura di carcinoma della prostata tramite radiazione esterna del fascio. Urologia. 2000 maggio; 55(5): 725-9.

31. Sopravvivenza sana del CR di Han m., di Partin aw, della libbra et al. e Cancro-specifica biochimica a lungo termine dopo la prostatectomia retropubica radicale anatomica. L'esperienza di Johns Hopkins da 15 anni. Nord di Urol Clin. 2001 agosto; 28(3): 555-65.

32. Matasse GE, AL di Hanlon, reazione al dosaggio di Epstein B et al. nel carcinoma della prostata con seguito degli anni 8-12. Biol Phys di Int J Radiat Oncol. 1° ottobre 2002; 54(2): 427-35.

33. PA di Kupelian, vasai L, Khuntia D, et al. prostatectomia radicale, radioterapia esterna <72 GY del fascio, radioterapia esterna del fascio > o =72 GY, impianto permanente del seme, o semi combinati/radioterapia esterna del fascio per il carcinoma della prostata della fase T1-T2. Biol Phys di Int J Radiat Oncol. 1° gennaio 2004; 58(1): 25-33.

34. CE di Jones, McNeal J, contenuto del DNA di Bruchovsky N et al. in adenocarcinoma prostatico. Uno studio di citometria a flusso sul valore predittivo di aneuploidia per il volume del tumore, i gradi 4 e 5 di Gleason di percentuale e le metastasi linfonodali. Cancro. 15 agosto 1990; 66(4): 752-7.

35. ANNUNCIO di Deitch, Miller GJ, deVere RW bianco. Significato degli istogrammi diploidi anormali del DNA nel carcinoma della prostata localizzato ed in tessuto prostatico benigno adiacente. Cancro. 1° settembre 1993; 72(5): 1692-700

36. Perlman EJ, Epstein JI, pp lunghi et al. citogenetici ed analisi del ploidy dell'adenocarcinoma prostatico. MOD Pathol. 1993 maggio; 6(3): 348-52.

37. Shankey TV, Jin JK, Dougherty S, et al. ploidy del DNA ed eterogeneità di proliferazione nei carcinoma della prostata umani. Citometria. 1° settembre 1995; 21(1): 30-9.

38. Completamento di Bowen P, di Chen L, di Stacewicz-Sapuntzakis m., et al. della salsa al pomodoro e carcinoma della prostata: accumulazione del licopene e modulazione dei biomarcatori di carcinogenesi. Med di biol di Exp (Maywood). 2002 novembre; 227(10): 886-93.

39. La TA di Gallardo-Williams, Chapin CON RIFERIMENTO A, re PE, et al. il completamento del boro inibisce la crescita e l'espressione del locale di IGF-1 nei tumori umani dell'adenocarcinoma della prostata (LNCaP) in topi nudi. Toxicol Pathol. 2004 gennaio; 32(1): 73-8.

40. PESO di Barranco, CD di Eckhert. L'acido borico inibisce la proliferazione umana delle cellule di carcinoma della prostata. Cancro Lett. 8 dicembre 2004; 216(1): 21-9.

41. Deeb D, Xu YX, Jiang H, et al. curcumina (diferuloyl-metano) migliora gli apoptosi indotti da legante d'induzione in relazione con il fattore di necrosi del tumore in cellule di carcinoma della prostata di LNCaP. Mol Cancer Ther. 2003 gennaio; 2(1): 95-103.

42. Deeb D, Jiang H, Gao X, et al. curcumina sensibilizza le cellule di carcinoma della prostata al legante d'induzione in relazione con il fattore/Apo2L di necrosi del tumore inibendo il fattore-kappaB nucleare con soppressione di fosforilazione di IkappaBalpha. Mol Cancer Ther. 2004 luglio; 3(7): 803-12.

43. Chendil D, Ranga RS, curcumina di Meigooni D et al. conferisce effetto radiosensitizing nella linea cellulare PC-3 del carcinoma della prostata. Oncogene. 26 febbraio 2004; 23(8): 1599-607.

44. Dorai T, Dutcher JP, potenziale terapeutico di Dempster DW et al. di curcumina nel Cancro-v della prostata: Interferenza con le proprietà osteomimetic delle cellule di carcinoma della prostata refrattarie dell'ormone C4-2B. Prostata. 15 giugno 2004; 60(1): 1-17.

45. EM di Adams BK, di Ferstl, Davis MC, et al. sintesi e valutazione biologica degli analoghi novelli della curcumina come agenti di anti-angiogenesi ed anticancro. Bioorg Med Chem. 15 luglio 2004; 12(14): 3871-83.

46. Adams BK, Cai J, Armstrong J, et al. EF24, un analogo sintetico novello della curcumina, induce gli apoptosi in cellule tumorali via un meccanismo redox-dipendente. Farmaci anticancro. 2005 marzo; 16(3): 263-75.

47. Velocità preoperatoria di PSA del KA di D'Amico avoirdupois, di Chen MH, di Roehl et al. ed il rischio di morte da carcinoma della prostata dopo la prostatectomia radicale. Med di N Inghilterra J. 8 luglio 2004; 351(2): 125-35.

48. Cote RJ, CE di Skinner, CE di Salem, et al. L'effetto del finasteride sulla ghiandola di prostata negli uomini con l'antigene prostatico specifico elevato del siero livella. Cancro del Br J. 1998 agosto; 78(3): 413-8.

49. Andriole GL, Kirby R. Safety e tollerabilità del dutasteride doppio dell'inibitore 5alpha-reductase nel trattamento dell'iperplasia prostatica benigna. EUR Urol. 2003 luglio; 44(1): 82-8.

50. Lowe FC, McConnell JD, PB di Hudson, et al. esperienza di sei anni a lungo termine con il finasteride in pazienti con l'iperplasia prostatica benigna. Urologia. 2003 aprile; 61(4): 791-6.

51. Lee C, Sutkowski dm, Sensibar JA, et al. regolamento di proliferazione e produzione dell'antigene prostatico specifico in a cellule tumorali prostatiche androgeno sensibili, LNCaP, dal diidrotestosterone. Endocrinologia. 1995 febbraio; 136(2): 796-803.

52. Murphy BC, Pienta kJ, Coffey DS. Effetti delle componenti e del diidrotestosterone extracellulari della matrice sulla struttura e sulla funzione delle cellule di carcinoma della prostata umane. Prostata. 1992;20(1):29-41.