Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine febbraio 2005
immagine

Impedendo aritmia una guida nutrizionale a tenere il vostro cuore nel ritmo

Da William Davis, MD, FACC
ALIMENTI RICCHI IN MAGNESIO

 

Dimensione del servizio

Magnesio
contenuto (mg)

Mandorle

(1 oncia; 24 dadi)

78

Carciofi

(1 tazza)

101

Orzo

(1 tazza, crudo)

158

Fagioli, il nero

(1 tazza, cucinata)

120

Fagioli, Lima

(1 tazza, cucinata)

101

Noci del Brasile

(1 oncia; 6-8 dadi)

107

Halibut

(raccordo di 1/2)

170

Nocciole, nocciole

(1 oncia.)

46

Crusca d'avena

(1 tazza, crudo)

221

Farina d'avena

(1 tazza, cucinata)

56

Semi di zucca

(1 oncia; 142 semi)

151

Riso, marrone

(1 tazza, cucinata)

84

Soia

(1 tazza, cucinata)

148

Spinaci

(1 tazza cucinata)

163

Miscela della traccia

(1 tazza)

235

Noci

(1 oncia; 14 metà)

45

Farina di frumento, intero grano

(1 tazza)

166

Fonte: Base di dati nutriente nazionale di usda per riferimento standard, rilascio 17.

CoQ10 rinforza il muscolo del cuore

Il coenzima Q10 (CoQ10) è trovato in mitocondri umani, le centrali elettriche generarici di energia dei somatociti. CoQ10 ha stato nel riflettore recentemente perché colesterolo-abbassando le resistenze di statina sono creduti per vuotare i livelli CoQ10 nel tessuto del muscolo, così causante i dolori comuni del muscolo sofferti da molti utenti di statina.17 CoQ10 inoltre hanno un effetto in membrane cellulari di stabilizzazione, una proprietà che potrebbe avere potenziale per l'influenza dei ritmi cardiaci.18

Le aritmia accadono comunemente quando c'è la debolezza anormale del muscolo del cuore (come dopo attacco di cuore), di un'infezione virale del cuore, o di ispessimento anormale del muscolo del cuore, che è comune nella gente con ipertensione. Entrambe le situazioni sono irritanti al cuore e possono renderla elettricamente instabile e quindi generare l'aritmia.

I considerevoli dati si sono accumulati in questi ultimi 20 anni hanno indicato che il completamento CoQ10 può avvantaggiare la gente con il muscolo del cuore indebolito. Quando 30% o più della camera contrattile principale del cuore- lasciato ventricolo-è danneggiato, il guasto di scompenso cardiaco può risultare. In uno studio di 1.715 pazienti condotti in Italia, il completamento quotidiano con 50 mg di CoQ10 ha prodotto il miglioramento sostanziale nella facilità di respirazione, dell'edema, della pressione sanguigna e delle palpitazioni (una sensazione soggettiva che suggerisce aritmia).19 in un altro grande studio italiano, 2.664 pazienti con infarto moderato che ha completato con mg 50-150 di quotidiano CoQ10 per tre mesi hanno visto i simili miglioramenti.20

In un esame di nove più piccoli studi che hanno cercato di determinare se il completamento CoQ10 migliora la forza del muscolo del cuore ventricolare sinistro, i dati riuniti hanno suggerito il beneficio modesto.21 se CoQ10 si riduce mortalità-che è, riduce il rischio di aritmia-resti mortale incerto, poichè nessuno studio fin qui specificamente ha esaminato questo problema. In generale, tuttavia, i dati sono coerenti nell'indicare che la gente ritiene meglio e respira, soffre meno edema nelle gambe, avverte meno palpitazioni e possono esercitarsi più lungamente quando prende CoQ10.

Più in modo convincente è la prova dell'efficacia di CoQ10 nella riduzione dell'ipertensione. Una revisione bibliografica che esamina otto studi ha indicato che il completamento CoQ10, nelle dosi quotidiane che variano generalmente da 50 mg a 200 mg, ha ridotto la pressione sanguigna sistolica da una media di 16 Hg di millimetro e la pressione sanguigna diastolica del taglio da una media di 10 Hg di millimetro.21 dato supplementare dai ricercatori all'università del Texas suggerisce che CoQ10 possa regredire sostanzialmente muscolo del cuore anormale che si ispessisce, o “ipertrofia,„ derivando dall'ipertensione.22,23 alcuni ma non tutti i farmaci ipotensivi di prescrizione raggiungono questo effetto desiderabile. L'ipertensione ed il suo muscolo del cuore ispessito collegato sono alla base di parecchie varietà di ritmo cardiaco anormale, particolarmente la fibrillazione atriale.

Soltanto un numero limitato degli studi specificamente esamina se CoQ10 riduce i ritmi anormali, oltre a rinforzare lo spessore del cuore di regressione e del muscolo del cuore. In un piccolo studio indiano, i partecipanti che hanno preso 120 mg di quotidiano CoQ10 hanno visto un calo drammatico di 25,3% nei ritmi cardiaci anormali durante il recupero da attacco di cuore, confrontato ai 9,5% che il declino in quelli ha amministrato un placebo.24 in un piccolo giapponese studi l'esame degli effetti del completamento CoQ10 in 27 oggetti con ipertensione ed il diabete, registratori di 24 ore di ritmo cardiaco (conosciuti come i registratori di Holter) ha documentato una diminuzione sostanziale nella frequenza dei ritmi ventricolari irregolari.25

Un agente nutrizionale sicuro e efficace che è virtualmente esente dagli effetti collaterali, CoQ10 può contribuire a diminuire

il rischio a lungo termine di aritmia con le sue azioni sostanzialmente nell'abbassamento pressione sanguigna, dell'ipertrofia ventricolare anormale di regressione e nell'aumento della forza muscolare ventricolare sinistra. Non è chiaro se CoQ10 ha un'azione diretta nella riduzione dell'aritmia o se aiuta semplicemente corretto le circostanze di fondo che conducono all'aritmia. CoQ10 è il meglio usato come agente preventivo per diminuire la probabilità di sviluppare le aritmia o come aggiunta ai trattamenti prescritti dell'anti-aritmia.

Cratego
(Oxyacantha del crataegus)

Il cratego mostra la promessa

Il cratego (oxyacantha del crataegus) è un piccolo, albero europeo indigeno di cui bacche, fiori e le foglie sono state utilizzate dal punto di vista terapeutico dai medio evo. Nei tempi moderni, il cratego ha attirato l'attenzione come aiuto nel trattamento del guasto di scompenso cardiaco. Una meta-analisi recente di otto test clinici che fanno partecipare complessivamente 632 pazienti ha affermato il valore del cratego nella cura dell'infarto, con gli effetti compreso la dispnea e l'affaticamento diminuiti ed ha aumentato la capacità di esercizio.26 Hawthorne inoltre sono stati indicati per ridurre la pressione sanguigna.27 uno studio hanno mostrato significativamente meno palpitazioni ed aritmia in quelle che prendono il cratego.27 un grande test clinico ora sono in corso esaminare se la riduzione dell'aritmia traduce in migliori risultati. (Come celebre più presto, alcuni studi del farmaco dell'anti-aritmia hanno indicato che l'irregolarità riduttrice del ritmo necessariamente non traduce in migliori risultati.) Sebbene la prova clinica per il ruolo del cratego nell'impedire e nella riduzione dell'aritmia rimanga piuttosto limitata, questo è un supplemento di promessa che sopporta guardare.

Conclusione

L'aritmia del cuore comprende molte edizioni complesse che possono sconcertare anche i cardiologi più con esperienza. Paradossalmente, la strategia apparentemente ovvia di soppressione dei battiti cardiaci anormali necessariamente non conduce ai risultati migliori.

Gli approcci nutrizionali dovrebbero essere usati come strategie ausiliarie per soppressione o il trattamento di ritmo cardiaco. Possono fornire i metodi pratici per impedire l'emergenza di parecchie varietà di aritmia comuni come pure indirizzano alcune delle circostanze che inducono le aritmia a svilupparsi in primo luogo. I ricchi dell'olio di pesce in acidi grassi omega-3, in magnesio e in CoQ10 sono tre supplementi potenti che possono svolgere un ruolo cruciale di modello del programma efficace di aritmia-prevenzione.

Il Dott. William Davis è un autore, un conferenziere e una messa a fuoco di pratica del cardiologo sulla regressione della malattia coronarica. È autore della pista la vostra placca e può essere contattato a www.trackyourplaque.com.

Riferimenti

1. Alternativa appetitosa petrolio--un di Albert C. Fish alle droghe antiaritmiche? Lancetta. 1° maggio 2004; 363(9419): 1412-3.

2. Sbavi il ml, Fehily, Gilbert JF, et al. gli effetti dei cambiamenti in grasso, il pesce e le assunzioni della fibra sulla morte e sul re-infarto del miocardio: prova di re-infarto e di dieta (DARDO). Lancetta. 30 settembre 1989; 2(8666): 757-61.

3. Nessun autori elencati. Completamento dietetico con gli acidi grassi polinsaturi n-3 e la vitamina E dopo infarto miocardico: risultati della prova di GISSI-Prevenzione. Lancetta. 7 agosto 1999; 354(9177): 447-55.

4. Marchioli R, Barzi F, Bomba E, et al. protezione iniziale contro morte improvvisa dagli acidi grassi polinsaturi n-3 dopo infarto miocardico: analisi di del tempo corso dei risultati del Gruppo Italiano per nell'Infarcto Miocardico (GISSI) - Prevenzione di Sopravvivenza di della dello studio dello. Circolazione. 23 aprile 2002; 105(16): 1897-903.

5. Consumo di Albert cm, di Hennekens CH, di O'Donnell CJ, et al. di pesce e rischio di morte cardiaca improvvisa. JAMA. 7 gennaio 1998; 279(1): 23-8.

6. Uauy R, oli di Valenzuela A. Marine: le indennità-malattia degli acidi grassi n-3. Nutrizione. 2000 luglio-agosto; 16 (7-8): 680-4.

7. HL della fioritura. Rassegna concisa di fibrillazione atriale: le considerazioni dell'aggiornamento del trattamento alla luce di AFFERMANO e CORRONO. Clin Cardiol. 2004 settembre; 27(9): 495-500.

8. Jahangiri A, Leifert WR, zoccolo GS, McMurchie EJ. Termine di attività contrattile asincrona nei miociti atriali del ratto dagli acidi grassi polinsaturi n-3. Mol Cell Biochem. 2000 marzo; 206 (1-2): 33-41.

9. Harris WS. Sono omega-3 che acidi grassi i modulatori nutrizionali più importanti della coronaropatia rischiano? Rappresentante di Curr Atheroscler. 2004 novembre; 6(6): 447-52.

10. Eisenberg MJ. Carenza di magnesio e morte improvvisa. Cuore J. 1992 di agosto; 124(2): 544-9.

11. Anderson TW, LeRiche WH, MacKay JS. Morte improvvisa e malattia cardiaca ischemica. Correlazione con durezza del rifornimento idrico locale. Med di N Inghilterra J. 10 aprile 1969; 280(15): 805-7.

12. Disponibile a: http://www.who.int/water_sanitation_health/dwq/nutrients/en. 12 novembre 2004 raggiunto.

13. Eisenberg MJ. Carenza di magnesio ed aritmia cardiache. Med dello stato J di NY. 1986 marzo; 86(3): 133-6.

14. JUNIOR di Purvis, ders e malattie cardiovascolari del disor- di Movahed A. Magnesium. Clin Cardiol. 1992 agosto; 15(8): 556-68.

15. Chung Mk. Vitamine, supplementi, medicine di erbe ed aritmia. Rev. 2004 di Cardiol marzo-aprile; 12(2): 73-84.

16. Il magnesio nei ricercatori di prova dei coronaries (MAGIA). Amministrazione in anticipo di magnesio endovenoso ai pazienti ad alto rischio con infarto miocardico acuto nel magnesio nella prova dei coronaries (MAGIA): una prova controllata randomizzata. Lancetta. 19 ottobre 2002; 360(9341): 1189-96.

17. Rundek T, Naini A, Sacco R, Coates K, DiMauro S. Atorvastatin fa diminuire il livello del coenzima Q10 nel sangue dei pazienti a rischio della malattia cardiovascolare e del colpo. Arco Neurol. 2004 giugno; 61(6): 889-92.

18. Rauchova H, Drahota Z, Lenaz G. Function del coenzima Q nella cellula: alcune proprietà biochimiche e fisiologiche. Ricerca di Physiol. 1995;44(4):209-16.

19. Studio multicentrato di Lampertico m., di Comis S. Italian sull'efficacia e sicurezza del coenzima Q10 come terapia adiuvante in infarto. Clin Investig. 1993; 71 (8 supplementi): S129-33.

20. CA di Baggio E, di Gandini R, di Plancher, studio multicentrato di Passeri m., di Carmosino G. Italian sulla sicurezza ed efficacia del coenzima Q10 come terapia aggiuntiva in infarto. CoQ10 ha scavato i ricercatori di sorveglianza. Mol Aspects Med. 1994; 15 supplementi: s287-94.

21. Rassegna di Rosenfeldt F, di Hilton D, di Pepe S, di Krum H. Systematic di effetto del coenzima Q10 nell'esercizio fisico, ipertensione e infarto. Biofactors. 2003;18(1-4):91-100.

22. Disfunzione diastolica di Langsjoen pH, di Langsjoen pH, di Folkers K. Isolated del miocardio e la sua risposta al trattamento CoQ10. Clin Investig. 1993; 71 (8 supplementi): S140-4.

23. Langsjoen P, Langsjoen P, Willis R, Folkers K. Treatment di ipertensione essenziale con il coenzima Q10. Mol Aspects Med. 1994; 15 supplementi: S265-72.

24. Il RB di Singh, vaga GS, Rastogi A, et al. randomizzato, prova controllata con placebo della prova alla cieca del coenzima Q10 in pazienti con infarto miocardico acuto. Droga Ther di Cardiovasc. 1998 settembre; 12(4): 347-53.

25. Fujioka T, Sakamoto Y, studio di Mimura G. Clinical sulle aritmia cardiache facendo uso di un registratore elettrocardiografico continuo di 24 ore (quinto rapporto) — azione antiaritmica del coenzima Q10 in diabetici. Med di Tohoku J Exp. 1983 dicembre; 141 supplemento: 453-63.

26. Pittler MH, Schmidt K, estratto di Ernst E. Hawthorn per la cura dell'infarto cronico: meta-analisi delle prove randomizzate. Med di J. 1° giugno 2003; 114(8): 665-74.

27. Tauchert m., Gildor A, estratto WS 1442 del crataegus di Lipinski J. High-dose nel trattamento dell'infarto della fase II di NYHA. Herz. 1999 ottobre; 24(6): 465-74; discussione 475.