Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 2005
immagine

Cuore e mente

Il collegamento pericoloso fra la malattia cardiaca e la depressione Da William Davis, MD, FACC

Come perdere peso più velocemente

La sindrome metabolica è, nella grande maggioranza dei casi, una malattia del sovrappeso ed obeso. Se la sindrome metabolica conduce alla depressione e ad altre emozioni negative che più ulteriormente intensificano il rischio di malattia cardiaca, quella è tanto più ragione di attaccare la sindrome metabolica. Secondo le aspettative, il la maggior parte dirigono, modo efficace di agire in tal modo sono di perdere il peso.La perdita di peso 47 ha potuto poi essere un percorso utile a ridurre il rischio sia di depressione che di malattia cardiaca. Purtroppo, quello è più facile detto di quanto fatto.

i programmi Carboidrato-limitati, diffusi dal Atkins e dalle diete del sud della spiaggia, sono strumenti utili di perdita di peso, sebbene il alto-saturare-grasso, approccio della basso fibra “della fase dell'induzione„ del Atkins lo renda non sano per un periodo affatto più lungo di parecchie settimane. Nell'esperienza dell'autore, la gente con la sindrome metabolica risponde in un modo esagerato a queste diete, peso perdente rapidamente. Lle perdite di 10-20 libbre nel primo mese non sono rare.

Con la dieta, parecchi supplementi nutrizionali possono sovralimentare gli sforzi di perdita di peso e quindi migliorare molte caratteristiche della sindrome metabolica. Includono:

Estratto del fagiolo bianco. Questo supplemento blocca l'assorbimento intestinale del carboidrato da 66%. La presa del mg 1500 con i pasti può condurre due volte al giorno a 3-7 libbre di perdita di peso nel primo mese di uso.48 come le sue controparti di prescrizione (acarbose), può causare il gas in eccesso, sebbene solitamente modesto. Non soccombi alla tentazione di dedicarsi in carboidrati, poiché l'effetto di didascalia è soltanto parziale. Potete sormontare abbastanza facilmente l'effetto, per esempio, con un carico del carboidrato da 50 grammi di appena due barre di granola.

Piruvato del calcio. Lle dosi di 2500 mg fungono due volte al giorno da acceleratore di perdita di peso che è sicuro e senza efedra. Il piruvato del calcio inoltre ha la proprietà interessante “del potenziamento di esercizio,„ rendendo l'esercizio più facile e più di meno tassando e l'esercizio incoraggiante che è più lungo e più duro con un recupero più regolare.49

Cromo. Questo minerale della traccia fornisce un beneficio insulino-sensibilizzante con un effetto modesto di promozione della perdita di peso (vedi “il cromo: Un elemento essenziale a salute,„ a prolungamento della vita, agosto 2004). La dose varia da 600 al mcg 1000 al giorno ed è il meglio usato coerente durante parecchi mesi. Lavori con il vostro medico per controllare la vostra glicemia se avete stabilito il farmaco della presa o del diabete per abbassare la vostra glicemia prima che cominciate a prendere il cromo.

Testosterone. Il contrario a credenza popolare, il completamento del testosterone negli uomini è più utile nel miglioramento dell'umore che nel rifornimento della libido.50 sensibilità di tristezza, di affaticamento, di rabbia e perfino della depressione severa possono essere associate con i livelli ematici diminuenti di testosterone negli uomini nei loro gli anni quaranta e di là. Il testosterone può provocare spesso il forte progresso in questi sintomi (vedi “un nuovo, fattore di rischio indipendente per la malattia cardiaca,„ il prolungamento della vita, agosto 2004). Il testosterone non solo migliora il lato psicologico dell'equazione, ma anche può migliorare molte caratteristiche della sindrome metabolica con i suoi effetti dipromozione.51

La carnitina è un supplemento che può essere uguale a testosterone nella sua capacità di migliorare la funzione sessuale, amplificare gli atteggiamenti bassi, energia di aumento e promuovere la perdita di peso con il suo effetto sul metabolismo del glucosio e del grasso. Una dose di mg 2000 al giorno di acetile-L-carnitina è stata trovata efficace nella maggior parte dei studi.52

DHEA è un ormone adrenale di cui gli effetti benefici comprendono la sua considerevole capacità di elevare l'umore, specialmente negli uomini ed in donne con i più bassi livelli ematici di DHEA-solfato. Fra i rapporti più convincenti sono gli studi 1999 intrapresi all'istituto della salute mentale nazionale in cui 90 mg al giorno di DHEA hanno migliorato significativamente i sintomi quali anedonia (perdita di interesse), perdita di energia, mancanza di motivazione, “l'intorpidimento emozionale,„ la tristezza, incapacità di fare fronte e si preoccupano negli uomini ed in donne invecchiati 45-63.53 DHEA inoltre migliorano alcune caratteristiche della sindrome metabolica aumentando la sensibilità all'insulina, facendo diminuire la riduzione delle arterie del corpo (funzione endoteliale) e riducendo l'attivatore inhibitor-1 del plasminogeno, una proteina dipromozione potente.54,55 la dose più comune sono 25 mg per le donne invecchiate 45 e più vecchio e mg 25-50 per gli uomini invecchiati 40 e più vecchio.

PGX™ è una miscela altamente viscosa della fibra di glucomannan, xantano ed alginato che i limiti zuccherano l'assorbimento e la punta successiva dell'insulina del dopo-pasto. Questo effetto dilimitazione può accadere quando prende una dose relativamente bassa di 1-3 grammi prima di ogni pasto. Un beneficio relativo è una riduzione modesta di colesterolo totale e di LDL. (Vedi “i limiti novelli Sugar Absorption della fibra,„ il prolungamento della vita, settembre 2004.)

L'esercizio è un altro strumento terapeutico che indirizza simultaneamente sia la sindrome metabolica che il rischio per la malattia cardiaca. L'esercizio è un'efficace strategia per perdere il peso, migliora la sensibilità dell'insulina ed i livelli più bassi degli ormoni di sforzo. L'esercizio aerobico ha la capacità aggiunta di migliorare l'umore. Infatti, 16 settimane dell'esercizio possono essere efficaci quanto il farmaco antidepressivo di prescrizione per la depressione.56,57

Conclusione

La depressione ed altre emozioni negative interagiscono con il rischio della coronaropatia con un web complesso delle vie metaboliche. I dati clinici sono abbastanza chiari: la depressione, l'ansia, la rabbia ed altre emozioni croniche e negative aumentano sostanzialmente il rischio di malattia cardiaca. Inoltre contribuiscono allo sviluppo della sindrome metabolica, ad un fattore di rischio potente per la malattia cardiaca ed al diabete.

Parecchi supplementi nutrizionali possono essere le aggiunte potenti ad un programma per il miglioramento dell'umore ed impedire la malattia cardiaca. L'olio di pesce partecipa fuori come “l'anello mancante,„ con la ricerca che dimostra la prova impressionante dei suoi benefici sia nel miglioramento dell'umore che nella riduzione del rischio di malattia cardiaca. L'omocisteina è un altro collegamento potenziale. I dati suggeriscono che l'uso delle vitamine di B, specialmente acido folico, ridurre l'omocisteina traduca in miglioramento impressionante nell'umore e riduzione degli eventi cardiovascolari.

La sindrome metabolica ora è sfrenata attraverso gli Stati Uniti. Questa costellazione a peso di guadagno avviato rotture fisiologiche può generare le emozioni negative come pure il rischio aumentato di malattia cardiaca. La perdita di peso è il modo più diretto indirizzare la sindrome metabolica e quindi ridurre o eliminare i suoi cattivi effetti su salute.

Riferimenti

1. Ferketich AK, Schwartzbaum JA, Frid DJ, Moeschberger ml. Depressione come antecedente alla malattia cardiaca fra le donne e gli uomini nel NHANES che studio. Med dell'interno dell'arco. 2000 8 maggio; 160(9): 1261-68.

2. LA di Pratt, Ford DE, RM di Crum, armeno HK, Gallo JJ, Eaton WW. Depressione, farmaco chotropic dello psy- e rischio di infarto miocardico: dati futuri da seguito di CCE di Baltimora. Circolazione. 15 dicembre 1996; 96(12): 3123-9.

3. Todaro JF, Shen BJ, Niaura R, Spiro A, reparto KD. Effetto delle emozioni negative su frequenza della coronaropatia (lo studio normativo di invecchiamento). J Cardiol. 15 ottobre 2003; 92(8): 901-6.

4. CE di Suarez, Krishman RR, Lewis JG. La relazione di severità dei sintomi depressivi alle citochine proinflammatory monocito-collegate e dei chemokines in uomini apparentemente in buona salute. Med di Psychosom. 2003 maggio; 65(3): 362-8.

5. Musselman DL, Miller AH, SIG. del portatore, et al. concentrazioni più superiore normali del plasma interleukin-6 in malati di cancro con la depressione. Psichiatria di J. 2001 agosto; 158(8): 1252-7.

6. Concetti di Corti R, di Hutter R, di Badimon JJ, di Fuster V. Evolving nella triade di aterosclerosi, infiammazione e trombosi. Trombolisi di J Thromb. 2004 febbraio; 17(1): 35-44.

7. Ridker PM. proteina C-reattiva di Alto-sensibilità, infiammazione e rischio cardiovascolare: dal concetto a pratica clinica al beneficio clinico. Cuore J. 2004 di luglio; 148 (1 supplemento): S19-26.

8. PS di Roose, Glassman AH, Seidman, SN. Relazione fra la depressione ed altre malattie mediche. JAMA. 10 ottobre 2001; 286(14): 1687-90.

9. Musselman DL, Evans DL, CB di Nemeroff. La relazione tra la depressione e la malattia cardiovascolare. Arco Gen Psychiatry. 1998 luglio; 55(7): 580-92.

10. Ford es, Giles WH, Dietz WH. Prevalenza della sindrome metabolica fra gli adulti degli Stati Uniti: risultati dalla terza indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute. JAMA. 16 gennaio 2002; 287(3): 356-9.

11. Isomaa B, Almgren P, Tuomi T, et al. la morbosità e la mortalità cardiovascolari si sono associati con la sindrome metabolica. Cura del diabete. 2001 aprile; 24(4): 683-9.

12. Stewart TD, atlante SA. Sindrome X, depressione e caos: rilevanza a pratica medica. Med dei connett. 2000 giugno; 64(6): 343-5.

13. RM di Carney, variabilità di frequenza cardiaca di Berkman LF, di Blumenthal JA, et al. e depressione in pazienti con un infarto miocardico acuto recente. Med di Psychosom. 2001;63:102.

14. Uauy R, oli di Valenzuela A. Marine: le indennità-malattia degli acidi grassi n-3. Nutrizione. 2000 luglio; 16 (7-8): 680-4.

15. Severus NOI. Littman ab, AL di Stoll Acidi grassi Omega-3, omocisteina ed il rischio aumentato di mortalità cardiovascolare nel disturbo depressivo principale. Harv Rev Psychiatry. 2001 novembre; 9(6): 280-93.

16. L'omocisteina studia la collaborazione. Omocisteina e rischio di malattia cardiaca e di colpo ischemici: una meta-analisi. JAMA. 23 ottobre 2002; 288(16): 2015-22.

17. RefsuM H, Ueland PM, Nygard O, Se di Vollset. Omocisteina e malattia cardiovascolare. Ann Rev Med. 1998;49:31-62.

18. Ms di Morris, Fava m., Jacques PF, Selhub J Rosenbert IH. Depressione e stato folico nella popolazione degli Stati Uniti. Psychother Psychosom. 2003 marzo; 72(2): 80-7.

19. Bottiglieri T, Laundy m., Crellin R, Toone BK, Carney Mw, potenziale d'ossido-riduzione di Reynolds. Omocisteina, metilazione folica e metabolismo della monoammina nella depressione. Psichiatria di J Neurol Neurosurg. 2000 agosto; 69(2): 228-32.

20. Fava m., Borus JS, Alpert JE, Nierenberg aa, Rosenbaum JF, Bottiglieri T. Folate, vitamina b12 ed omocisteina nel disturbo depressivo principale. Psichiatria di J. 1997 marzo; 154(3): 426-8.

21. Coppen A, Bailey J. Enhancement dell'azione antidepressiva di fluoxetina da acido folico: un randomizzato, placebo ha controllato la prova. Influenza Disord di J. 2000 novembre; 60(2): 121-30.

22. Passeri m., Cucinotta D, riduce il G, et al. 5' orale - acido methyltetrahydrofolic nei disturbi mentali organici senili con la depressione: Risultati di uno studio multicentrato della prova alla cieca. Invecchiare. 1993 febbraio; 5(1): 63-71.

23. Godfrey PS, Toone BK, Carney Mw, et al. potenziamento del recupero dalla malattia psichiatrica da methylfolate. Lancetta. 18 agosto 1990; 336(8712): 392-5.

24. LA di Horrocks, Yeo YK. Indennità-malattia di acido docosaesaenoico (DHA). Ricerca di Pharmacol. 1999 settembre; 40(3): 211-25.

25. Edwards R, Peet m., Shay J, acido grasso poli-insaturo di Horrobin D. Omega-3 livella nella dieta ed in membrane di globulo rosso dei pazienti depressi. Discordia di influenza di J. 1998 marzo; 48 (2-3): 149-55.

26. Peet m., Murphy B, Shay J, Horrobin D. Depletion di acido grasso omega-3 livella in membrane di globulo rosso dei pazienti depressivi. Psichiatria di biol. 1° marzo 1998; 43(5): 315-9.

27. Tiemeier H, Van Tuijl ora, Hofman A, Kiliaan AJ, Breteler millimetro. La composizione e la depressione di in acidi grassi del plasma sono associate negli anziani: lo studio di Rotterdam. J Clin Nutr. 2003 luglio; 78(1): 40-6.

28. Maes m., Christophe A, Delanghe J, Altamura C, Neels H, Meltzer HY. Acidi grassi polinsaturi inferiori omega-3 in fosfolipidi del siero ed esteri del colesterile dei pazienti depressi. Ricerca di psichiatria. 22 marzo 1999; 85(3): 275-91.

29. JUNIOR di Hibbeln. Consumo di pesce e depressione principale. Lancetta. 18 aprile 1998; 351(9110): 1213.

30. CE di Bates. L'acido grasso ed il metabolismo e le allergie alimentari essenziali anormali razziale risoluti della prostaglandina si sono collegati ad autoimmune, ad infiammatorio ed i disturbi psichiatrici fra gli indiani costieri della Columbia Britannica. Med Hypotheses. 1988 febbraio; 25(2): 103-9.

31. JUNIOR di Hibbeln. Consumo dei frutti di mare, il contenuto di DHA di latte delle madri e tassi di prevalenza di depressione successiva al parto: un'analisi transnazionale e ecologica. Influenza Dsord di J. 2002 maggio; 69 (1-3): 15-29.

32. Williams pinta, RM di Krauss. Diete a basso contenuto di grassi, sottoclassi della lipoproteina e rischio della malattia cardiaca. J Clin Nutr. 1999 dicembre; 70(6): 949-50.

33. Marangell libbra, Martinez JM, Zboyan ha, Kertz B, HF di Kim, Puryear L. Una prova alla cieca, studio controllato con placebo dell'acido docosaesaenoico dell'acido grasso omega-3 nell'ossequio ment della depressione principale. Psichiatria di J. 2003 maggio; 160(5): 996-8.

34. L'Unione Sovietica KP, Huang SY, Chiu cc, Shen WW. Acidi grassi Omega-3 nel disturbo depressivo principale. Una prova alla cieca preliminare, prova controllata con placebo. EUR Neuropsychopharmacol. 2003 agosto; 13(4): 267-71.

35. AL di Stoll, Severus NOI, mp di Freeman, et al. acidi grassi Omega-3 nel disturbo bipolare: una prova alla cieca preliminare, prova del placebo-contolled. Arco Gen Psychiatry. 1999 maggio; 56(5): 407-12.

36. Nemets B, Stahl Z, RH di Belmaker. Aggiunta di acido grasso omega-3 al trattamento del farmaco di manutenzione per disturbo depressivo unipolare ricorrente. Psichiatria di J. 2002 marzo; 159(3): 477-9.

37. Peet m., Horrobin DF. Uno studio digamma sugli effetti di etile-eicosapentaenoate in pazienti con la depressione in corso malgrado il trattamento apparentemente adeguato con le droghe standard. Arco Gen Psychiatry. 2002 ottobre; 59(10): 913-9.

38. RB di Singh, Niaz mA, Sharma JP, Kumar R, Rastogi V, Moshiri M. Randomized, prova alla cieca, prova controllata con placebo dell'olio di pesce e dell'olio di senape in pazienti con infarto miocardico acuto sospettato: l'esperimento indiano dell'infarto survival-4. Cardiovasc droga Ther. 1997 luglio; 11(3): 485-91.

39. Sig.ra di Morris. Folato, omocisteina e funzione neurologica. Cura di Nutr Clin. 2002 maggio; 5(3): 124-32.

40. DG di Hackam, Peterson JD, Spence JD. Che livello di ine del homocyst del plasma (e) dovrebbe essere trattato? Gli effetti della terapia della vitamina sul gression pro- di aterosclerosi carotica in pazienti con il ine del homocst (e) livella sopra e sotto 14 micromol/l. J Hypertens. 2000 gennaio; 13 (1 Pt1): 105-10.

41. de Jong SC, CD di Stehouwer, van den Berg m., Geurts TW, Bouter LM, Rauwerda JA. Normohomocysteinaemia e il hyperhomocysteinaemia dell'ed dell'vitamina-ossequio sono associati con i simili rischi di eventi cardiovascolari in pazienti con la malattia occlusiva arteriosa periferica prematura. Uno studio di gruppo futuro. Med interno di J. 1999 luglio; 246(1): 87-96.

42. Vermeulen PER ESEMPIO, CD di Stehouwer, Twisk JW, et al. effetto di omocisteina-abbassamento dell'ossequio ment con acido folico più la vitamina b6 sul gression pro- di aterosclerosi infraclinica: una prova randomizzata e controllata con placebo. Lancetta. 2000 12 febbraio; 355(9203): 517-22.

43. S-adenosyl-L-metionina di Bottiglieri T. (stessa): dal banco alla base molecolare del lato del letto di una molecola pleiotrophic. J Clin Nutr. 2002 novembre; 76(5): 1151S-7S.

44. GI di Papakostas, Alpert JE, S-adenosyl-metionina di Fava M. nella depressione: una rassegna completa della letteratura. Rappresentante di psichiatria di Curr. 2003 dicembre; 5(6): 460-6.

45. McElroy SL, Kotwal R, Malhotra S, Nelson eb, PE di Keck, CB di Nemeroff. I disturbi dell'umore e l'obesità sono riferiti? Una rassegna per il professionista di salute mentale. Psichiatria di J Clin. 2004 maggio; 65(5): 634-51.

46. Raikkonen K, KA di Matthews, LH di Kuller. La relazione fra gli attributi psicologici di rischio e la sindrome metabolica in donne in buona salute: antecedente o conseguenza? Metabolismo. 2002 dicembre; 51(12): 1573-7.

47. Mp di Reilly, Rader DJ. La sindrome metabolica: Più della somma delle sue parti? Circolazione. 30 settembre 2003; 108(13): 1546-51.

48. Udani J, m. resistente, CC di Madsen. Assorbimento e perdita di peso del carboidrato di didascalia: un test clinico facendo uso del proprietario di marca di fase 2 ha frazionato l'estratto del fagiolo bianco. Altern Med Rev. 2004 marzo; 9(1): 63-9.

49. Kalman D, Colker cm, Wilets I, Roufs JB, effetti di Antonio J. The del completamento del piruvato su composizione corporea negli individui del sovrappeso. Nutrizione. 1999 maggio; 15(5): 337-40.

50. RM di Carnahan, sidro di pere PJ. Depressione negli uomini di invecchiamento: il ruolo di testosterone. Invecchiare delle droghe. 2004;21(6):361-76.

51. Niskanen L, Laaksonen DE, Punnonen K, Mustajoki P, Kaukua J, Rissanen A. Changes nella globulina del sesso e in terone ormone-leganti del testos- durante la manutenzione del peso e di perdita di peso in uomini addominalmente obesi con la sindrome metabolica. Diabete Obes Metab. 2004 maggio; 6(3): 208-15.

52. Cavallini G, Caracciolo S, Vitali G, Modenini F, Biagiotti G. Carnitine contro l'amministrazione dell'androgeno nel trattamento di disfunzione sessuale, dell'umore depresso e dell'affaticamento si è associato con invecchiamento maschio. Urologia. 2004 aprile; 63(4): 641-6.

53. Bloch m., Schmidt PJ, Danaceau mA, Adams LF, Dott. di Rubinow. Trattamento del deidroepiandrosterone del dysthymia di metà della vita. Psichiatria di biol. 15 giugno 1999; 45(12): 1531-2.

54. Lasco A, Frisina N, Morabito N, et al. effetti metabolici di terapia sostitutiva del deidroepiandrosterone in donne in post-menopausa. EUR J Endnocrinol. 2001 ottobre; 145(4): 457-61.

55. Kawano H, Yasue H, Kitagawa A, Hirai N, Yoshida T, Soejima H, et al. il completamento del deidroepiandrosterone migliora la sensibilità endoteliale dell'insulina e di funzione negli uomini. J Clin Endocrinol Metab. 2003 luglio; 88(7); 3190-5.

56. Lett HS, Blumenthal JA, Babyak mA, et al. depressione come fattore di rischio per la coronaropatia: prova, meccanismi e trattamento. Med psicosomatico. 2004 maggio; 66(3): 305-15.

57. Carroll S, Dudfield M. Che cosa è la relazione fra l'esercizio e le anomalie metaboliche? Una rassegna della sindrome metabolica. Med di sport. 2004;34:371-418.