Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 2005
immagine

Che cosa manca dai supplementi della Multi-vitamina?

Da Elizabeth Wagner, ND

Il ruolo dei flavonoidi e dei carotenoidi

La luteolina, un flavonoide trovato in prezzemolo, il carciofo, il basilico, il sedano ed altri alimenti, è stata trovata attivamente per pulire i radicali liberi.Una foglia di 42 Perilla, una delle fonti più ricche di luteolina, è conosciuta per inibire l'infiammazione, la risposta allergica e la produzione dell'fattore-alfa di necrosi del tumore.43 negli studi che comprendono le linee cellulari umane del cancro, morte apoptotica notevolmente sensibilizzata delle cellule della luteolina indotta dall'fattore-alfa di necrosi del tumore, suggerente un ruolo per luteolina come agente anticancro.La luteolina 44 inoltre è stata dimostrata per essere un inibitore potente delle linee cellulari del tumore della tiroide in vitro.45

I carotenoidi sono pigmenti brillantemente colorati trovati in frutta ed in verdure. La luteina, un antiossidante nella famiglia del carotenoide, è trovata nella macula, la zona centrale della retina dell'occhio. Può fungere da filtro per proteggere la macula dalle forme offensive di luce. La luteina è associata con la protezione da degenerazione maculare senile, la causa principale di cecità in adulti più anziani.46

Il licopene, un altro carotenoide, è un antiossidante potente trovato nelle sue più alte concentrazioni nei prodotti del pomodoro. Il licopene è stato trovato per offrire la protezione da carcinoma della prostata, la seconda causa principale della morte del cancro negli uomini,47 come pure da altri cancri quale cancro al seno.L'alta assunzione 48 di licopene è stata associata con un rischio riduttore per la malattia cardiaca,49 ed inoltre gli aiuti impediscono l'ossidazione di LDL.50

IL BUONA SALUTE VIENE
IN MOLTI COLORI

I vari colori della frutta e delle verdure contribuiscono a promuovere la salute ottimale, secondo il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie federale (CDC).72

Scegliendo vari colori, la gente è più probabile consumare i cinque - nove servizi quotidiani raccomandati della frutta e delle verdure. Gli alimenti rossi quali il pomodoro, il pompelmo rosa e l'anguria contengono il licopene antiossidante potente, che ha dimostrato i benefici per il combattimento la malattia cardiaca e del cancro. Gli alimenti verdi quali spinaci, cavolo ed i cavoli ricci contengono i carotenoidi luteina e zeaxantina, che contribuiscono a proteggere la salute dell'occhio. Le verdure crocifere contengono parecchi phytochemicals che contribuiscono ad impedire il cancro. Gli alimenti arancio e gialli forniscono la vitamina C, il beta-carotene ed il folato, contribuendo a proteggere la salute del cuore ed immune. Gli alimenti blu e porpora offrono i proanthocyanadins, antiossidanti potenti che proteggono la salute dell'occhio e contribuiscono a difendere il corpo dagli agenti cancerogeni. Le verdure bianche quali le cipolle, l'aglio ed i porri contengono i composti quale il allicin, conosciuto per aiutare il colesterolo più basso e la pressione sanguigna. Il CDC raccomanda che quando si tratta della frutta e delle verdure, la gente dovrebbe cercare non solo la quantità abbondante ma anche la gamma completa di colori.

Ricchi di frutti in antiossidanti

I ricchi in vitamine, in fibra e in phytochemicals, frutti sono una fonte eccellente di antiossidanti12 e possono assicurare la protezione da cancro inibendo l'angiogenesi.La ricerca di 51 corrente suggerisce che alcuno dell'più utile salute-promuovendo i frutti sia mirtilli, mirtilli, more, mirtilli rossi, bacche di sambuco, ciliege, prugne, cachi ed uva.

I mirtilli sono stati trovati per possedere gli effetti antiossidanti potenti, come misurato dalla loro capacità di assorbire i radicali dell'ossigeno.51 in uno studio sugli animali, il completamento con l'estratto del mirtillo ha impedito la perdita di memoria connessa con invecchiamento del cervello.Il mirtillo 52 è un parente prossimo del mirtillo americano. Le sue bacche mature sono una fonte ricca di flavonoidi che migliorano la circolazione microcapillary, fanno diminuire la permeabilità e la fragilità capillari ed inibiscono l'aggregazione della piastrina.Un consumo di 53 mirtilli è stato associato con un più a basso rischio della malattia cardiovascolare e con la funzione visiva migliore.Il mirtillo 54 inoltre è stato riferito ai più bassi livelli della glicemia ed impedire la retinopatia diabetica.53

L'estratto di Blackberry è stato usato come trattamento di erbe tradizionale per il diabete.55 nei modelli animali, l'estratto della mora ha dimostrato gli effetti protettivi contro infiammazione56 e le endotossine.Il mirtillo rosso 57 lungamente è stato conosciuto per la sua efficacia nell'impedire le infezioni delle vie urinarie.La ricerca recente 58 indica che il mirtillo rosso può anche inibire la proliferazione di determinate linee cellulari umane del tumore.L'estratto di 59 bacche di sambuco è stato usato per secoli per trattare i freddo, l'influenza, la sinusite e le infezioni virali. La ricerca contemporanea conferma la sua efficacia nell'appoggio del sistema immunitario sano e suggerisce le domande possibili di suo uso nell'appoggio della salute immune nella gente che ha il cancro o il virus dell'immunodeficienza umana (HIV).60

FLAVONOIDI TROVATI
PER IMPEDIRE DEMENZA

Le piante quali la frutta, le verdure ed il tè verde sono fonti ricche di antiossidanti potenti chiamati flavonoidi. Poiché lo sforzo ossidativo è pensato per svolgere un ruolo nella demenza, gli scienziati francesi hanno studiato se l'ingestione dietetica dei flavonoidi potrebbe offrire un effetto protettivo.75

Un gruppo di 1.367 oggetti sopra l'età di 65 è stato seguito per cinque anni. Un questionario è stato usato per valutare la loro assunzione dei flavonoidi. Coloro che ha consumato la maggior parte dei flavonoidi hanno avvertito un rischio relativo più basso 51% di sviluppare la demenza che coloro che ha consumato il meno importo. Dai frutti, le verdure ed il tè verde è ricco in flavonoidi, questi alimenti possono essere utili nell'impedire la demenza.

La frutta della ciliegia è stata usata come un rimedio piega alla gotta per molti anni. La ricerca umana indica che le ciliege abbassano i livelli del plasma di urate, un indicatore metabolico che è elevato nella gotta.Un consumo di 61 ciliegia inoltre è stato trovato per abbassare i livelli di proteina C-reattiva, un indicatore del plasma di infiammazione.61 prugna è una fonte potente di attività antiossidante, con l'una protezione antiossidante di fornitura servente equivalente a mg 144-889 di vitamina C.Una frutta di 62 cachi ha dimostrato antiossidante e colesterolo-abbassando gli effetti negli studi sugli animali,63 e le componenti del suo estratto hanno indicato l'attività citotossica contro le cellule umane di carcinoma.64 una fonte ricca di fibra dietetica, di composti fenolici, di minerali e di oligoelementi, cachi sono stati proposti come componente importante di una dieta anti-aterosclerotica.65

L'estratto del seme dell'uva possiede gli effetti antiossidanti potenti che proteggono il corpo da invecchiamento e dalla malattia prematuri.Un seme di 66 uve contiene le proantocianidine, sostanze utili del polifenolo di cui gli effetti comprendono la promozione la pelle giovanile, la flessibilità unita sostenente e del miglioramento della visione.66 le proantocianidine in estratto del seme dell'uva possono migliorare la circolazione sanguigna rinforzando i capillari, le arterie e le vene.66

Scelta della formula della Multi-sostanza nutriente

Mentre il mercato è sommerso dalle formule della multi-sostanza nutriente, pochi stanno fino ad un'analisi attenta della purezza e della potenza. Molte formule contengono soltanto l'indennità dietetica raccomandata del governo degli Stati Uniti (RDA) delle vitamine. Mentre il RDA può essere sufficiente per impedire le malattie quale scorbuto, gli estesi studi hanno dimostrato che promuovere la salute ottimale richiede le sostanze nutrienti negli importi che lontano superano il RDA. Ulteriormente, molti di odierni supplementi della multi-vitamina usano le componenti che sono inferiori nella qualità confrontata alle sostanze nutrienti del farmaceutico-grado utilizzate in prodotti premio.

La ricerca inoltre indica che il corpo usa più prontamente determinate forme di vitamine e di minerali che altre. Molte combinazioni della vitamina sul mercato oggi usano le forme disponibili più economiche di vitamine e di minerali. Questi sono difficili affinchè il corpo assorbano e da usare e così forniscono soltanto il supporto nutrizionale marginale. Nel scegliere un prodotto della multi-vitamina, è consigliabile cercare non solo le alte potenze delle sostanze nutrienti, ma anche le formulazioni progettate per assorbimento ottimale e l'uso dall'ente.

Le vitamine ed i minerali svolgono i ruoli cruciali nella salute d'ottimizzazione e malattia di impedimento, attraverso i meccanismi diversi quanto i livelli normali di mantenimento dell'omocisteina e la riduzione dell'avvenimento delle reazioni offensive di glycation.

FRUTTA, VERDURE E PREVENZIONE DEL CANCRO

per determinare la relazione fra rischio della verdura e dell'assunzione e di cancro della frutta, scienziati al fondo di ricerca sul cancro del mondo a Londra, Inghilterra, esaminata oltre 200 studi epidemiologici umani e 22 studi sugli animali.76 hanno trovato la prova per un effetto protettivo di maggior consumo della verdura e della frutta contro i cancri dello stomaco, l'esofago, il polmone, la cavità e la faringe orale, l'endometrio, il pancreas ed il colon.

I tipi di alimenti che sono sembrato il più spesso essere protettivi contro cancro erano verdure crude, compreso quelli in famiglia dell'allium (cipolle, aglio, erba cipollina, porri e scalogni), carote, verdure verdi, verdure crocifere e pomodori. Gli scienziati hanno notato che le numerose sostanze in frutta ed in verdure possono confer la protezione del cancro, compreso i dithiolethiones, i isothiocyanates, indole-3-carbinol, i composti dell'allium, gli isoflavoni, gli inibitori della proteasi, le saponine, i fitosteroli, la vitamina C, il D-limonene, la luteina, l'acido folico, il beta-carotene, il licopene, il selenio, la vitamina E, i flavonoidi e la fibra dietetica. I ricercatori inoltre hanno notato altri effetti sulla salute possibili del consumo aumentato della verdura e della frutta, compreso i benefici contro la malattia cardiovascolare, il diabete, il colpo, l'obesità, la diverticolosi e le cataratte.

Riferimenti

1. Eyre H, Kahn R, RM di Robertson, et al. impedente cancro, malattia cardiovascolare e diabete: un ordine del giorno comune per l'associazione del cancro americana, l'associazione americana del diabete e l'associazione americana del cuore. Colpo. 2004 agosto; 35(8): 1999-2010.

2. RH di Fletcher, Fairfield chilometro. Vitamine per la prevenzione della malattia cronica in adulti: applicazioni cliniche. JAMA. 2002 giugno; 287(23): 3127-9.

3. ND di Daniele, Carbonelli MG, Candeloro N, Iacopino L, De Lorenzo A, Andreoli A. Effect del completamento di calcio e della vitamina D sul tenore di minerale dell'osso e di densità minerale ossea in peri e nelle donne post- della menopausa; Una prova alla cieca, ha corso la prova domized e controllata. Ricerca di Pharmacol. 2004 dicembre; 50(6): 637-41.

4. Heber D. Vegetables, frutta e phytoestrogens nella prevenzione delle malattie. Med di J Postgrad. 2004 aprile-giugno; 50(2): 145-9.

5. Disponibile a: http://dccps.nci.nih.gov/ 5ad_2_evi.html. 29 ottobre 2004 raggiunto.

6. LA di Bazzano, assunzione di Serdula Mk, di Liu S. Dietary della frutta e verdure e rischio di malattia cardiovascolare. Rappresentante di Curr Atheroscler. 2003 novembre; 5(6): 492-9.

7. Srinath Reddy K, MB di Katan. Dieta, nutrizione e la prevenzione di ipertensione e delle malattie cardiovascolari. Salute pubblica Nutr. 2004 febbraio; 7 (1A): 167-86.

8. Il TH di Rissanen, Voutilainen S, Virtanen JK, et al. l'assunzione bassa dei frutti, le bacche e le verdure è associato con la mortalità in eccesso negli uomini: lo studio di fattore di rischio della cardiopatia ischemica di Kuopio (KIHD). J Nutr. 2003 gennaio; 133(1): 199-204.

9. Costituenti bioactive di Lund E. Non-nutritive delle piante: fonti ed indennità-malattia dietetiche di glucosinolati. Ricerca di Int J Vitam Nutr. 2003 marzo; 73(2): 135-43.

10. Munday R, Munday cm. Induzione degli enzimi di disintossicazione di fase II in ratti dai isothiocyanates pianta-derivati: confronto di allylisothiocyanate con sulforaphane ed i composti riferiti. Alimento chim. di J Agric. 2004 aprile; 52(7): 1867-71.

11. Marrugat J, Covas MI, Firo m., et al. effetti del contenuto fenolico differente in oli d'oliva dietetici sulla prova controllata ized casuale di ossidazione-un di LDL e dei lipidi. EUR J Nutr. 2004 giugno; 43(3): 140-7.

12. Blomhoff R. [antiossidanti e sforzo ossidativo]. Tidsskr né Laegeforen. 2004 giugno; 124(12): 1643-5.

13. Seeram NP, Lee R, Heber D. Bioavailability di acido ellagico in plasma umano dopo consumo di ellagitannini dal succo del melograno (punica granatum L.). Acta di Clin Chim. 2004 ottobre; 348 (1-2): 63-8.

14. Aviram m., Dornfeld L, Kaplan m., et al. flavonoidi del succo del melograno inibisce l'ossidazione e le malattie cardiovascolari della lipoproteina a bassa densità: studi in topi aterosclerotici ed in esseri umani. Ricerca di Exp Clin delle droghe. 2002;28(2-3):49-62.

15. Aviram m., Rosenblat m., Gaitini D, et al. consumo del succo del melograno per 3 anni dai pazienti con stenosi dell'arteria carotica riduce lo spessore di intima-media di carotide comune, la pressione sanguigna e l'ossidazione di LDL. Clin Nutr. 2004 giugno; 23(3): 423-33.

16. Esmaillzadeh A, Tahbaz F, Gaieni I, Alavi- Majd H, succo del melograno di Azadbakht L. Concentrated migliora i profili del lipido in pazienti diabetici con iperlipidemia. J Med Food. Caduta 2004; 7(3): 305-8.

17. Hou RC, Wu cc, Yang CH, Jeng KC. Effetti protettivi del sesamin e del sesamolin sulla linea cellulare murina di microglia BV-2 nell'ambito di ipossia. Neurosci Lett. 2004 agosto; 367(1): 10-3.

18. Effetti antinfiammatorio di Utsunomiya T, di Shimada m., di Rikimaru T, et al. antiossidante e di una dieta completata con il sesamin sulla lesione epatica di ischemia-riperfusione in ratti. Hepatogastroenterology. 2003 settembre-ottobre; 50(53): 1609-13.

19. Ashakumary L, Rouyer I, Takahashi Y, et al. Sesamin, un sesamo lignan, è un induttore potente dell'ossidazione epatica dell'acido grasso nel ratto. Metabolismo. 1999 ottobre; 48(10): 1303-13.

20. Nakano D, Itoh C, Takaoka m., Kiso Y, Tanaka T, effetto di Matsumura Y. Antihypertensive del sesamin. IV. Inibizione di produzione vascolare del superossido dal sesamin. Toro di biol Pharm. 2002 settembre; 25(9): 1247-9.

21. Cooney rv, Custer LJ, Okinaka L, Franke aa. Gli effetti dei semi di sesamo dietetici sul tocoferolo di plas mA livella. Cancro di Nutr. 2001;39(1):66-71.

22. Effetti di Yamashita K, di Ikeda S, di Obayashi M. Comparative del seme di lino e dei semi di sesamo sulla vitamina E e livelli di colesterolo in ratti. Lipidi. 2003 dicembre; 38(12): 1249-55.

23. Visioli F, Galli C, Plasmati E, et al. hydroxytyrosol verde oliva del fenolo impedisce dallo lo sforzo ossidativo indotto fumare passivo. Circolazione. 2000 ottobre; 102(18):2169-71.

24. Pieghettatura chilolitro, Hayball PJ. Composti fenolici importanti in olio d'oliva: metabolismo ed effetti sulla salute. Biochimica di J Nutr. 2002 novembre; 13(11): 636-44.

25. Leenen R, Roodenburg AJ, MN di Vissers, et al. completamento di plasma con i fenoli dell'olio d'oliva ed estratti: influenza sul dation del oxi- di LDL. Alimento chim. di J Agric. 2002 febbraio; 50(5): 1290-7.

26. Wiseman SA, Tijburg libbra, FH di van de Put. I composti fenolici dell'olio d'oliva proteggono LDL e la vitamina di riserva E nel criceto. Lipidi. 2002 novembre; 37(11): 1053-7.

27. Visioli F, componenti di Galli C. Antiatherogenic di olio d'oliva. Rappresentante di Curr Atheroscler. 2001 gennaio; 3(1): 64-7.

28. MN di Vissers, Zock PL, MB di Katan. Biodisponibilità ed effetti antiossidanti dei fenoli dell'olio d'oliva in esseri umani: una rassegna. EUR J Clin Nutr. 2004 giugno; 58(6): 955-65.

29. Siddiqui IA, Afaq F, Adhami VM, Ahmad N, Mukhtar H. Antioxidants del tè della bevanda nella promozione delle sanità. Segnale di redox di Antiox. 2004 giugno; 6(3): 571-82.

30. Chen D, Daniel chilogrammo, Kuhn, et al. tè verde e polifenoli nella prevenzione del cancro. Front Biosci. 2004 settembre; 9:2618-31.

31. Hussain T, Gupta S, Adhami VM, gallato costituente del epigallocatechin- 3 del tè di Mukhtar H. Green inibisce selettivamente COX-2 senza colpire l'espressione COX-1 in cellule umane di carcinoma della prostata. Cancro di Int J. 2004 28 settembre [Epub davanti alla stampa].

32. Katsube T, Tabata H, Ohta Y, et al. schermante per l'attività antiossidante nei prodotti vegetali commestibili: confronto dell'analisi radicale di analisi di ossidazione della lipoproteina a bassa densità, di lavaggio di DPPH e dell'analisi della folina-Ciocalteu. Alimento chim. di J Agric. 2004 aprile; 52(8): 2391-6.

33. Sano J, Inami S, Seimiya K, et al. effetti dell'assunzione del tè verde sullo sviluppo della coronaropatia. Circ J. 2004 luglio; 68(7): 665-70.

34. Yang YC, LU FH, Wu JS, Wu CH, Chang CJ. L'effetto protettivo del consumo abituale del tè su ipertensione. Med dell'interno dell'arco. 2004 luglio; 164(14): 1534-40.

35. Tsuneki H, Ishizuka m., Terasawa m., Wu JB, Sasaoka T, Kimura I. Effect di tè verde sui livelli della glicemia e sui modelli proteomic del siero in topi diabetici (db/db) e sul metabolismo del glucosio in esseri umani in buona salute. BMC Pharmacol. 2004 agosto; 4(1):18.

36. Weinreb O, Mandel S, Amit T, MB di Youdim. Meccanismi neurologici dei polifenoli del tè verde in Alzheimer e nelle malattie del Parkinson. Biochimica di J Nutr. 2004 settembre; 15(9): 506-16.

37. Walaszek, Szemraj J, Narog m., et al. metabolismo, comprensione ed escrezione di un sale acido glucaric di d e del suo uso potenziale nella prevenzione del cancro. Il Cancro individua Prev. 1997;21(2):178-90.

38. Wu L, Ashraf MH, Facci m., et al. approccio dietetico per attenuare sforzo ossidativo, ipertensione ed infiammazione nell'apparato cardiovascolare. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 2004 maggio; 101(18): 7094-9.

39. Gamet-Payrastre L, Li P, Lumeau S, et al. Sulforaphane, un isiothio-cianato naturale, induce l'arresto del cyle delle cellule ed il sis del apopto- in cellule di tumore del colon umane del GH 29. Ricerca del Cancro. 2000 marzo; 60(5): 1426-33.

40. Kensler TW, Curphey TJ, Maxiuntenko Y, capriolo BD. Chemoprevention dagli induttori del organosulfur degli enzimi di fase 2: dithiolethiones e dithiins. Droga di Metabol della droga interattiva. 2000;17(1-4):3-22.

41. Fahey JW, Zhang Y, Talalay P. Broccoli germoglia: una fonte particolarmente ricca di induttori degli enzimi che proteggono dagli agenti cancerogeni chimici. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1997 settembre; 94(19): 10367-72.

42. Kosar m., Dorman HJ, può il KH più basso, Hiltunen R. Screening dei composti di lavaggio del radicale libero in estratti dell'acqua di campioni della menta facendo uso di un metodo della derivatizzazione del postcolumn. Alimento chim. di J Agric. 2004 agosto; 52(16): 5004-10.

43. Ueda H, Yamazaki C, Yamazaki M. Luteolin come costituente antinfiammatorio ed antiallergico del perilla frutescens. Toro di biol Pharm. 2002 settembre; 25(9): 1197-202.

44. Shi RX, CN della ONG, HM di Shen. La luteolina sensibilizza dagli gli apoptosi indotti da fattore di necrosi in cellule umane del tumore. Oncogene. 2004 30 agosto [Epub davanti alla stampa].

45. Yin F, Giuliano EA, Van Herle AJ. Effetti inibitori di crescita dei flavonoidi nelle linee cellulari umane del tumore della tiroide. Tiroide. 1999 aprile; 9(4): 369-76.

46. Seddon JM, Ajani uA, Sperduto RD, et al. carotenoidi dietetici, vitamine A, C ed E e ation maculare relativo all'età avanzato del degener-. Gruppo di studio di Caso-Control di malattia dell'occhio. JAMA. 1994 novembre; 272(18): 1413-20.

47. Giovannucci E. Una rassegna degli studi epidemiologici sui pomodori, sul licopene e sul carcinoma della prostata. Med di biol di Exp (Maywood). 2002 novembre; 227(10): 852-9.

48. Dorgan JF, Sowell A, Swanson CA, et al. relazione dei carotenoidi, del retinolo, dell'alfa-tocoferolo e del selenio del siero con il rischio di cancro al seno: risultati da uno studio prospettivo in Colombia, Missouri (Stati Uniti). Il Cancro causa il controllo. 1998 gennaio; 9(1): 89-97.

49. Kohlmeier L, Kark JD, Gomez-Garcia E, et al. il licopene ed il rischio mycocardial di infarto nel EURAMIC studiano. J Epidemiol. 50. Visioli F, Riso P, S grande, Galli C, attività di Porrini M. Protective dei prodotti del pomodoro in vivo sugli indicatori di ossidazione del lipido. EUR J Nutr. 2003 agosto; 42(4): 201-6.

51. Roy S, Khanna S, HM di Alessio, et al. proprietà Anti-angiogenica delle bacche commestibili. Rad Res libero. 2002 settembre; 36(9): 1023-31.

52. Goyarzu P, DH di Malin, Lau FC, et al. mirtillo ha completato la dieta: effetti sulla memoria di riconoscimento degli oggetti e tor-kappa nucleare B del fac- in ratti invecchiati. Nutr Neurosci. 2004 aprile; 7(2): 75-83.

53. [Nessun autori elencati]. Monografia. Vaccinium myrtillus (mirtillo). Altern Med Rev. 2001 ottobre; 6(5): 500-4.

54. Hou DX. Meccanismi potenziali del chemoprevention del cancro dagli antociani. Curr Mol Med. 2003 marzo; 3(2): 149-59.

55. Swantson-Flatt SK, giorno C, Bailey CJ, Flatt PR. Trattamenti tradizionali della pianta per diabete. Studi nei topi del diabetico di streptozocina e di normale. Diabetologia. Del 1990 agosto; 33(8): 462-4.

56. Rossi A, Settaino I, Dugo P, et al. effetti protettivi degli antociani dalla mora in un modello del ratto di infiammazione acuta del polmone. Ricerca libera di Radic. 2003 agosto; 37(8): 891-900.

57. Sauebin L, Rossi A, Serraino I, et al. effetto degli antociani contenuti in un estratto della mora sul guasto circolatorio e disfunzione multipla dell'organo causata dall'endotossina nel ratto. Med di Planta. 2004 agosto; 70(8): 745-52.

58. Jepson RG, Mihaljevic L, Craig J. Cranberries per impedire le infezioni delle vie urinarie. Rev. del sistema della base di dati di Cochrane 2004(2): CD001321.

59. Ferguson PJ, Kurowska E, Freeman DJ, camere AF, Koropatnick DJ. Una frazione flavonoide dall'estratto del mirtillo rosso inibisce la proliferazione delle linee cellulari umane del tumore. J Nutr. 2004 giugno; 134(6): 1529-35.

60. Barak V, Birkenfeld S, Halperin T, Kalickman I. L'effetto dei rimedi di erbe sulla produzione delle citochine infiammatorie ed antinfiammatorie umane. Isr Med Assoc J. 2002 novembre; 4 (11Suppl): 919-22.

61. Jacob RA, GM di Spinozzi, Simon VA, et al. consumo delle ciliege abbassa il urate del plasma in donne in buona salute. J Nutr. 2003 giugno; 133(6): 1826-9.

62. L'APPROVAZIONE di Chin, Kim FA, luna HY, il HG di Kang, Lee CY. Contributi di singolo polyphenolics per ammontare alla capacità antiossidante delle prugne. Alimento chim. di J Agric. 2003 dicembre; 51(25): 7240-5.

63. Gorinstein S, Bartnikowska E, Kulasek G, Zemser m., cachi di Trakhtenberg S. Dietary migliora il metabolismo dei lipidi in ratti alimentati le diete che contengono il colesterolo. J Nutr. 1998 novembre; 128(11): 2023-7.

64. Kawase m., Motohashi N, Stoh K, et al. attività biologica degli estratti della buccia del cachi (diospyros kaki). Ricerca di Phytother. 2003 maggio; 17(5): 495-500.

65. Gorinstein S, Zachwieja Z, Folta m., et al. contenuto comparativo di fibra dietetica, composti fenolici totali e minerali in cachi ed in mele. Alimento chim. di J Agric. 2001 febbraio; 49(2): 952-7.

66. Shi J, Yu J, Pohorly JE, Kakuda Y. Polyphenolics nella seme-biochimica e nella funzionalità dell'uva. J Med Food. Inverno 2003; 6(4): 291-9.

67. Binns CW, LJ LJ, Lee AH. La relazione fra i carotenoidi dietetici ed il rischio di carcinoma della prostata in uomini cinesi sudorientali. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2004; 13 (supplemento): S117.

68. Psaltopoulou T, Naska A, Orfanos P, Trichopoulos D, Mountokalakis T, olio d'oliva di Trichopoulou A., la dieta Mediterranea e pres- del sangue arterioso sicuro: l'indagine futura europea greca su Cancro e la nutrizione (EPICA) studiano. J Clin Nutr. 2004 ottobre; 80(4): 1012-8.

69. GASCROMATOGRAFIA di Gaudet millimetro, di Britton JA, di Kabat, et al. frutta, verdure e micronutrienti relativamente a cancro al seno modificato da stato del recettore ormonale e della menopausa. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2004 settembre; 13(9): 1485-94.

70. Nicolle C, Cardinault N, Gueux E, et al. effetto sulla salute della dieta a base di verdura: il consumo della lattuga migliora il metabolismo del colesterolo e lo stato antiossidante in ratti. Clin Nutr. 2004 agosto; 23(4): 605-14.

71. Consumo di Turner F, di Smith G, di Sachse C, et al. della verdura, della frutta e della carne e geni di modificazione di rischio potenziale relativamente a cancro colorettale. Cancro di Int J. 1° novembre 2004; 112(2): 259-64.

72. Disponibile a http://www.cdc.gov/nccdphp/ dnpa/5aday/campaign/color/index.htm. 1° novembre 2004 raggiunto.

73. Cho E, Seddon JM, Rosner B, WC di Willett, Se di Hankinson. Studio prospettivo delle assunzioni della frutta, verdure, vitamine e carotenoidi e rischio di macu- relativo all'età lopathy. Arco Opthalmol. 2004 giugno; 122(6): 883-92.

74. Lui K, Hu FB, Colditz GA, Manson JE, WC di Willett, Liu S. Changes nell'assunzione di frutta e delle verdure relativamente al rischio di obesità e nell'obesità fra le donne di mezza età. Int J Obes Relat Metab Disord. 2004 5 ottobre [Epub davanti alla stampa].

75. Commenges D, Scotet V, Renaud S, Jacqmin-Gadda H, Barberger-torta P, Dartigues JF. Assunzione dei flavonoidi e del rischio per demenza. EUR J Epidemiol. 2000 aprile; 16(4): 357-63.

76. KA di Steinmetz, vasaio JD. Verdure, frutta e prevenzione del cancro: una rassegna. Dieta Assoc di J. 1996 ottobre; 96(10): 1027-39.