Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine luglio 2005
immagine

Il potere Malattia-preventivo della dieta Mediterranea

Da Dale Kiefer

Riassunto

La dieta Mediterranea ben-ha convalidato la salute ed effetti di longevità-promozione.

Le componenti critiche di questa dieta che possono rappresentare i benefici impressionanti descritti negli studi scientifici includono gli antiossidanti potenti dai phytonutrients, omega-3 dagli acidi grassi critici DHA e da EPA e dal salute-miglioramento dei polifenoli derivati da frutta verde oliva.

Mentre le indennità-malattia notevoli connesse con dei i phytonutrients ricchi d'antiossidante e omega-3 gli acidi grassi DHA e EPA sono affermate, la ricerca emergente che sostiene i benefici dei polifenoli verde oliva è ugualmente impressionante. Specialmente colpire è lo studio descritto appena, in cui una combinazione di EPA/DHA e di di polifenoli verde oliva ricchi hydroxytyrosol ha prodotto l'infiammazione di controllo di benefitsin sinergico nei pazienti di artrite reumatoide.

Hydroxytyrosol, un antiossidante potente, è il polifenolo principale presente in estratto verde oliva. Ciò ed altri polifenoli verde oliva più sono concentrati in estratto verde oliva solubile in acqua della frutta, non nell'olio stesso. Gli estratti concentrati e standardizzati di frutta verde oliva permettono alla gente salute consapevole di consumare le alte concentrazioni di queste sostanze nutrienti potenti senza ingerire i servizi di contenente olio verde oliva del supplemento-vergine inadvisably un gran numero di grasso dietetico e di calorie.

L'estesa ricerca sostiene forte i phytonutrients, gli acidi grassi polinsaturi omega-3 ed i polifenoli verde oliva come sostanze nutrienti critiche che probabilmente rappresentano molte delle indennità-malattia notevoli ed antinvecchiamento della dieta Mediterranea.

Riferimenti

1. Eposito K, Marfella R, Ciotola m., et al. effetto di una dieta stile Mediterraneo su disfunzione endoteliale ed indicatori di infiammazione vascolare nella sindrome metabolica: una prova randomizzata. JAMA. 22 settembre 2004; 292(12): 1440-6.

2. Modelli di Osler m., di Heitmann BL, di Gerdes LU, di Jorgensen LM, di Schroll M. Dietary e mortalità in uomini ed in donne danesi: uno studio d'osservazione futuro. Br J Nutr. 2001 febbraio; 85(2): 219-25.

3. Osler m., Schroll M. Diet e mortalità in un gruppo degli anziani in una comunità nordeuropea. Int J Epidemiol. 1997 febbraio; 26(1): 155-9.

4. Trichopoulou A, Costacou T, Bamia C, Trichopoulos D. Adherence ad una dieta e ad una sopravvivenza Mediterranee in una popolazione greca. Med di N Inghilterra J. 26 giugno 2003; 348(26): 2599-608.

5. Dieta di Trichopoulou A, di Vasilopoulou E. il Mediterranean e longevità. Br J Nutr. 2000 dicembre; 84 supplementi 2: S205-9.

6. Trichopoulou A, Kouris-Blazos A, Wahlqvist ml, et al. dieta e sopravvivenza globale in anziani. BMJ. 2 dicembre 1995; 311(7018): 1457-60.

7. Knoops KT, de Groot LC, Kromhout D, et al. dieta Mediterranea, fattori di stile di vita e mortalità di dieci anni in uomini ed in donne europei anziani: il progetto SANO. JAMA. 22 settembre 2004; 292(12): 1433-9.

8. Lasheras C, Fernandez S, Patterson. Dieta Mediterranea ed età riguardo alla sopravvivenza globale in anziani istituzionalizzati e nonsmoking. J Clin Nutr. 2000 aprile; 71(4): 987-92.

9. Trichopoulou A, Orfanos P, Norat T, et al. dieta e sopravvivenza Mediterranee modificate: studio di gruppo futuro Epico-anziano. BMJ. 30 aprile 2005; 330(7498): 991.

10. Dieta di Trichopoulou A, di Bania C, di Trichopoulos D. il Mediterranean e sopravvivenza fra i pazienti con la coronaropatia in Grecia. Med dell'interno dell'arco. 25 aprile 2005; 165(8): 929-35.

11. Trichopoulou A, Lagiou P, Kuper H, Trichopoulos D. Cancer e tradizioni dietetiche Mediterranee. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2000 settembre; 9(9): 869-73.

12. Zamaria N. Alteration di stato poli-insaturo e del metabolismo dell'acido grasso nella salute e nella malattia. Sviluppatore di Reprod Nutr. 2004 maggio-giugno; 44(3): 273-82.

13. Kris-Etherton PM, Taylor DS, Yu-Poth S, et al. acidi grassi polinsaturi nel ciclo alimentare negli Stati Uniti. J Clin Nutr. 2000 gennaio; 71 (1 supplemento): 179S-88S.

14. TUM di Mori, Beilin LJ. Acidi grassi Omega-3 ed infiammazione. Rappresentante di Curr Atheroscler. 2004 novembre; 6(6): 461-7.

15. Hardman NOI. acidi grassi n-3 e terapia del cancro. J Nutr. 2004 dicembre; 134 (12 supplementi): 3427S-430S.

16. Berbert aa, CR di Kondo, CL di Almendra, Matsuo T, Dichi I. Supplementation dell'olio di pesce e dell'olio d'oliva in pazienti con l'artrite reumatoide. Nutrizione. 2005 febbraio; 21(2): 131-6.

17. Guesnet P, Alessandri JM, Vancassel S, Zamaria N. Analysis del secondo simposio “anomalie degli acidi grassi, dell'invecchiamento e delle patologie di degenerazione.„ Sviluppatore di Reprod Nutr. 2004 maggio-giugno; 44(3): 263-71.

18. Conquisti JA, Tierney MC, Zecevic J, Bettger WJ, RH di Fisher. Analisi dell'acido grasso del plasma sanguigno dei pazienti con il morbo di Alzheimer, altri tipi di demenze e danno conoscitivo. Lipidi. 2000 dicembre; 35(12): 1305-12.

19. LA di Horrocks, Yeo YK. Indennità-malattia della ricerca di Pharmacol dell'acido docosaesaenoico (DHA). 1999 settembre; 40(3): 211-25.

20. EM di Hjerkinn, Seljeflot I, Ellingsen I, et al. influenza di intervento a lungo termine con i supplementi di consiglio e a catena lunga dietetici dell'acido grasso n-3, o entrambi sugli indicatori di circolazione dell'attivazione endoteliale in uomini con iperlipidemia di lunga durata. J Clin Nutr. 2005 marzo; 81(3): 583-9.

21. Nettleton JA, acidi grassi polinsaturi a catena lunga di Katz R n-3 in diabete di tipo 2: una rassegna. Dieta Assoc di J. 2005 marzo; 105(3): 428-40.

22. Jayasooriya AP, Weisinger RS, Weisinger HS, et al. influenza omega-3 del rifornimento poli-insaturo dietetico dell'acido grasso (PUFA) su espressione genica del cervello. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2004; 13 (supplemento): S77.

23. Goyens PL, Spilker ME, Zock PL, MB di Katan, Mensink RP. Sviluppo di un modello compartimentale per quantificare conversione dell'acido alfa-linoleico dopo assunzione più a lungo termine dei boli multipli dell'elemento tracciante. Ricerca del lipido di J. 16 aprile 2005.

24. Gerster H. Possono gli adulti convertire adeguatamente l'acido alfa-linoleico (18:3n-3) in acido eicosapentanoico (20:5n-3) ed in acido docosaesaenoico (22:6n-3)? Ricerca di Int J Vitam Nutr. 1998;68(3):159-73.

25. HM di Ismail. Il ruolo degli acidi grassi omega-3 nella protezione cardiaca: una panoramica. Front Biosci. 1° maggio 2005; 10:1079-88.

26. Carrero JJ, Martin-Bautista E, Baro L,

et al. effetti cardiovascolari degli acidi e delle alternative di omega-3-fatty per aumentare la loro assunzione. Nutr Hosp. 2005 gennaio-febbraio; 20(1): 63-9.

27. Bourre JM. Acidi grassi Omega-3 in psichiatria. Med Sci (Parigi). 2005 febbraio; 21(2): 216-21.

28. Bourre JM. Acidi grassi dietetici omega-3 e psichiatria: umore, comportamento, sforzo, depressione, demenza e invecchiamento. Invecchiamento di salute di J Nutr. 2005;9(1):31-8.

29. Bourre JM. Il ruolo dei fattori nutrizionali sulla struttura e sulla funzione del cervello: un aggiornamento sui requisiti dietetici. Rev Neurol (Parigi). 2004 settembre; 160 (8-9): 767-92.

30. Acidi grassi di Singh M. Essential, DHA e cervello umano. J indiano Pediatr. 2005 marzo; 72(3): 239-42.

31. Oh applicazioni pratiche del R. dell'olio di pesce (acidi grassi omega-3) nel pronto intervento. Bordo Fam Pract di J. 2005 gennaio-febbraio; 18(1): 28-36.

32. Seo T, Blaner WS, Deckelbaum RJ. Acidi grassi Omega-3: approcci molecolari ai risultati biologici ottimali. Curr Opin Lipidol. 2005 febbraio; 16(1): 11-8.

33. KA di Youdim, Martin A, Joseph JA. Acidi grassi essenziali ed il cervello: implicazioni possibili di salute. Sviluppatore Neurosci di Int J. 2000 luglio-agosto; 18 (4-5): 383-99.

34. Favreliere S, Perault MC, Huguet F, et al. diete DHA-arricchite del fosfolipide modula le alterazioni relative all'età in ippocampo del ratto. Invecchiamento di Neurobiol. 2003 marzo-aprile; 24(2): 233-43.

35. Yehuda S, Rabinovitz S, Carasso RL, DI di Mostofsky. Il ruolo degli acidi grassi polinsaturi nel ristabilimento della membrana di un neurone di invecchiamento. Invecchiamento di Neurobiol. 2002 settembre-ottobre; 23(5): 843-53.

36. Martin DS, PE di Lonergan, Boland B, et al. cambiamenti apoptotici nel cervello invecchiato è avviato dall'attivazione di interleukin-1beta-induced di p38 ed è invertito dal trattamento con acido eicosapentanoico. Biol chim. di J. 13 settembre 2002; 277(37): 34239-46.

37. Marrugat J, Covas MI, Fito m., et al. gli effetti del contenuto fenolico differente in oli d'oliva dietetici sui lipidi e sull'ossidazione-un di LDL hanno randomizzato la prova controllata. EUR J Nutr. 2004 giugno; 43(3): 140-7.

38. Gimeno E, Fito m., RM di Lamuela-Raventos, et al. effetto di ingestione di olio d'oliva vergine sulla composizione umana nella lipoproteina a bassa densità. EUR J Clin Nutr. 2002 febbraio; 56(2): 114-20.

39. Weinbrenner T, Fito m., de la Torre R, et al. oli d'oliva alti in composti fenolici modula stato ossidativo/antiossidante negli uomini. J Nutr. 2004 settembre; 134(9): 2314-21.

40. Effetti a breve termine di Fito m., di Gimeno E, di Covas MI, et al. postprandiale e di olio d'oliva vergine dietetico sull'ossidante/sullo stato antiossidante. Lipidi. 2002 marzo; 37(3): 245-51.

41. Covas MI, Fito m., RM di Lamuela-Raventos, Sebastia N, de la Torre-Boronat C, composti fenolici dell'olio d'oliva di Marrugat J. Virgin: legando alla lipoproteina umana di densità bassa (LDL) ed effetto su ossidazione di LDL. Ricerca di Int J Clin Pharmacol. 2000;20(3-4):49-54.

42. O'Dowd Y, Driss F, Dang PM, et al. effetto antiossidante del hydroxytyrosol, un polifenolo da olio d'oliva: il lavaggio del perossido di idrogeno ma non dell'anione del superossido ha prodotto dai neutrofili umani. Biochimica Pharmacol. 15 novembre 2004; 68(10): 2003-8.

43. Visioli F, Bogani P, alimento grande di Galli, di S C. il Mediterranean e salute: prova umana di costruzione. J Physiol Pharmacol. 2005 marzo; 56 1:37 del supplemento - 49.

44. MN di Vissers, Zock PL, Leenen R, Roodenburg AJ, van Putte KP, MB di Katan. Effetto di consumo di fenoli dalle olive e dall'olio d'oliva vergine extra sul oxidizability di LDL in esseri umani in buona salute. Ricerca libera di Radic. 2001 novembre; 35(5): 619-29.

45. Visioli F, Bellomo G, proprietà di radicale-lavaggio di Galli C. Free dei polifenoli dell'olio d'oliva. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 9 giugno 1998; 247(1): 60-4.

46. Visioli F, Galli C. Oleuropein protegge la lipoproteina di densità bassa dall'ossidazione. Vita Sci. 1994;55(24):1965-71.

47. Masella R, Vari R, D'Archivio m., et al. biophenols vergini extra dell'olio d'oliva inibisce l'ossidazione comunicata per cellule di LDL aumentando la trascrizione del mRNA degli enzimi in relazione con il glutatione. J Nutr. 2004 aprile; 134(4): 785-91.

48. Kris-Etherton PM, Hecker KD, Bonanome A, et al. composti Bioactive in alimenti: il loro ruolo nella prevenzione della malattia cardiovascolare e del cancro. Med di J. 30 dicembre 2002; 113 supplementi 9B: 71S-88S.

49. Simopoulos AP. Le diete del Mediterraneo: che cosa è così speciale circa la dieta della Grecia? La prova scientifica. J Nutr. 2001 novembre; 131 (11 supplemento): 3065S-73S.

50. Beta-D-glucoside di Romero C, di Brenes m., di Garcia P, di Garrido A. Hydroxytyrosol 4, un composto fenolico importante in frutti verde oliva e prodotti derivati. Alimento chim. di J Agric. 19 giugno 2002; 50(13): 3835-9.

51. Romero C, Brenes m., Garcia P, Garcia A, Garrido A. Polyphenol cambia durante la fermentazione delle olive naturalmente nere. Alimento chim. di J Agric. 7 aprile 2004; 52(7): 1973-9.

52. Aviram M. Interaction della lipoproteina ossidata di densità bassa con i macrofagi nell'aterosclerosi e il antiatherogenicity degli antiossidanti. Biochimica di EUR J Clin Chem Clin. 1996 agosto; 34(8): 599-608.

53. Effetto di Mateos R, di Dominguez millimetro, di Espartero JL, del CERT A. Antioxidant dei composti fenolici, alfa-tocoferolo ed altre componenti secondarie in olio d'oliva vergine. Alimento chim. di J Agric. 19 novembre 2003; 51(24): 7170-5.

54. Masella R, Giovannini C, Vari R, et al. effetti dei fenoli vergini dietetici dell'olio d'oliva su ossidazione della lipoproteina di densità bassa in pazienti iperlipidici. Lipidi. 2001 novembre; 36(11): 1195-202.

55. MN di Vissers, Zock PL, MB di Katan. Biodisponibilità ed effetti antiossidanti dei fenoli dell'olio d'oliva in esseri umani: una rassegna. EUR J Clin Nutr. 2004 giugno; 58(6): 955-65.

56. Lavelli V. Comparison delle attività antiossidanti degli oli d'oliva vergini extra. Alimento chim. di J Agric. 18 dicembre 2002; 50(26): 7704-8.

57. de la Puerta R, Martinez-Dominguez E, Ruiz-Gutierrez V. Effect delle componenti secondarie di olio d'oliva vergine sulle analisi antinfiammatorie attuali. Z Naturforsch [C]. 2000 settembre-ottobre; 55 (9-10): 814-9.

58. de la Puerta R, Martinez Dominguez ME, Ruiz-Gutierrez V, Flavill JA, JUNIOR di Hoult. Effetti dei composti fenolici vergini dell'olio d'oliva su lavaggio delle specie reattive dell'azoto e sopra la neurotrasmissione nitrergic. Vita Sci. 27 luglio 2001; 69(10): 1213-22.

59. Wiseman SA, Tijburg libbra, FH di van de Put. I composti fenolici dell'olio d'oliva proteggono LDL e la vitamina di riserva E nel criceto. Lipidi. 2002 novembre; 37(11): 1053-7.

60. Owen RW, Giacosa A, guscio NOI, Haubner R, Spiegelhalder B, Bartsch H. Potenziale antiossidante/anticancro dei composti fenolici isolati da olio d'oliva. Cancro di EUR J. 2000 giugno; 36(10): 1235-47.

61. Pieghettatura chilolitro, mp di Freeman, Hayball PJ, allungamento GL, Stupans I. In vivo il destino del hydroxytyrosol e tirosol, costituenti fenolici antiossidanti di olio d'oliva, dopo il dosaggio endovenoso ed orale dei composti identificati ai ratti. J Nutr. 2001 luglio; 131(7): 1993-6.

62. Miglia di ea, Zoubouli P, PC di Calder. Effetti antinfiammatori differenziali dei composti fenolici da olio d'oliva vergine extra identificato nelle intere emocolture umane. Nutrizione. 2005 marzo; 21(3): 389-94.

63 Balaban RS, Nemoto S, Finkel T. Mitochondria, ossidanti e invecchiamento. Cellula. 25 febbraio 2005; 120(4): 483-95.

64. Inoue m., Sato E-F, teoria del radicale libero di Nishikawa m., di Hiramoto K, di Kashiwagi A, di Utsumi K. degli apoptosi e metamorfosi. Rappresentante di redox. 2004; 9(5): 237-47.

65. Teoria del radicale libero di Harman D. The di invecchiamento. Segnale di redox di Antioxid. 2003 ottobre; 5(5): 557-61.

66. Sig.ra di Donaldson. Nutrizione e cancro: Una rassegna della prova per una dieta anticancro. Nutr J. 2004 20 ottobre; 3(1): 19.

67. Lucas ea, Lightfoot SA, Hammond LJ, et al. seme di lino riduce il colesterolo del plasma e la formazione aterosclerotica della lesione in criceti siriani dorati ovariectomizzati. Aterosclerosi. 2004 aprile; 173(2): 223-9.

68. Jenkins DJ, Kendall CW, Vidgen E, et al. aspetti della salute del seme di lino parzialmente sgrassato, compreso gli effetti sui lipidi del siero, sulle misure ossidative e ex vivo sull'attività della progestina e dell'androgeno: una prova controllata dell'incrocio. J Clin Nutr. 1999 marzo; 69(3): 395-402.

69. Prasad K. Flaxseed: una fonte di agenti ipocolesterolemici e antiatherogenic. Notizie Perspect della droga. 2000 marzo; 13(2): 99-104.

70. Prasad K, Mantha SV, ANNUNCIO di Muir, ND di Westcott. Riduzione di aterosclerosi ipercolesterolemica dal CDC-seme di lino con acido alfa-linoleico molto basso. Aterosclerosi. 1998 febbraio; 136(2): 367-75.

71. Dabrosin C, Chen J, Wang L, Thompson LU. Il seme di lino inibisce la metastasi e fa diminuire il fattore di crescita endoteliale vascolare extracellulare negli xenotrapianti umani del cancro al seno. Cancro Lett. 8 novembre 2002; 185(1): 31-7.

72. Concetti di Platt R. Current in nutrizione ottimale per la malattia cardiovascolare. Prev Cardiol. 2000 primavere; 3(2): 83-7.

73. Bierenbaum ml, Reichstein R, Watkins TR. Riduzione del rischio atherogenic in esseri umani hyperlipemic con il completamento del seme di lino: un rapporto preliminare. J Coll Nutr. 1993 ottobre; 12(5): 501-4.

74. Kamal-Eldin A, Pettersson D, LA di Appelqvist. Sesamin (un composto dall'olio di sesamo) aumenta i livelli del tocoferolo in ratti alimentati ad libitum. Lipidi. 1995 giugno; 30(6): 499-505.

75. Matsumura Y, Kita S, Tanida Y, et al. effetto antipertensivo del sesamin. III. Protezione contro sviluppo e mantenimento di ipertensione spontaneamente in ratti ipertesi colpo-inclini. Toro di biol Pharm. 1998 maggio; 21(5): 469-73.

76. Noguchi T, Ikeda K, Sasaki Y, et al. effetti della vitamina E e sesamin su ipertensione e trombogenesi cerebrale spontaneamente in ratti ipertesi colpo-inclini. Ricerca di Hypertens. 2001 novembre; 24(6): 735-42.

77. Effetti antinfiammatorio di Utsunomiya T, di Shimada m., di Rikimaru T, et al. antiossidante e di una dieta completata con il sesamin sulla lesione epatica di ischemia-riperfusione in ratti. Hepatogastroenterology. 2003 settembre-ottobre; 50(53): 1609-13.

78. McGeer PL, McGeer PER ESEMPIO. Infiammazione e le malattie degeneranti di invecchiamento. Ann N Y Acad Sci. 2004 dicembre; 1035:104-16.

79. Larbi A, Dupuis G, Douziech N, Khalil A, infiammazione di qualità inferiore del Jr. di Fulop T con invecchiamento ha conseguenze per la segnalazione del linfocita T. Ann N Y Acad Sci. 2004 dicembre; 1030:125-33.

80. Napoli C, malattie di Palinski W. Neurodegenerative: visioni dei meccanismi patogeni da aterosclerosi. Invecchiamento di Neurobiol. 2005 marzo; 26(3): 293-302.

81. CE del fringillide. Origini inerenti allo sviluppo di invecchiamento in cervello e vasi sanguigni: una panoramica. Invecchiamento di Neurobiol. 2005 marzo; 26(3): 281-91.

82. Schwartsburd PM. creazione Età-promossa di un microenvironment del pro-Cancro tramite infiammazione: patogenesi di controllo feedback dyscoordinated. Sviluppatore invecchiante Mech. 2004 settembre; 125(9): 581-90.

83. Weinreb O, Mandel S, Amit T, MB di Youdim. Meccanismi neurologici dei polifenoli del tè verde in Alzheimer e nelle malattie del Parkinson. Biochimica di J Nutr. 2004 settembre; 15(9): 506-16.

84. Nagatsu T, processo di Sawada M. Inflammatory nella malattia del Parkinson: ruolo per le citochine. DES di Curr Pharm. 2005;11(8):999-1016.

85. Roland I, De Leval X, Evrard B