Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine marzo 2005
immagine

Falso ed ingannevole

L'attacco non fondato del mezzo alla vitamina E

Perché provi la vitamina E in gente malata?

Potete domandarti perché milioni di dollari sono stati spesi che valutano gli effetti di alfa tocoferolo sulla gente negli stati seri di malattia. Poiché la vitamina E non è brevettata, una base scientifica deve esistere affinchè una concessione ricevi per costituire un fondo per questi generi di studi.

Le ragioni per le quali tanti dollari sono stati spesi per vedere se i diversi supplementi potrebbero conservare le vite della gente malata sono:

  • Le ricerche di laboratorio condotte nelle colture cellulari ed in animali indicano che le proprietà antiossidanti di determinate sostanze nutrienti potrebbero essere efficaci negli stati avanzati di malattia;
  • I numerosi studi sulla gente relativamente in buona salute mostrano quello le sostanze nutrienti di consumo come la vitamina E è associata con una riduzione dello sviluppo delle malattie degeneranti.26-28

Sulla base degli studi che mostrano gli effetti benefici nella gente che completa con la vitamina E, medici hanno voluto sapere se questo stesso effetto si presentasse nella gente che già ha fornito uno stato di deterioramento della salute.

Il fatto spiacevole è che una volta che la malattia seria si manifesta, prende molto più che un alfa supplemento del tocoferolo per dare alla gente una probabilità di riacquisto della loro salute. L'alfa tocoferolo è stato indicato per contribuire ad impedire una serie di disordini comuni, ma non è una cura miracolosa, particolarmente una volta preso da sè o sotto forma di multi-vitamine di basso potenza.29,30

Che cosa sta accadendo negli ultimi anni è che un numero aumentante di studi indica che le singole sostanze nutrienti non forniscono un impatto utile significativo sulla malattia attuale. Alcune eccezioni sono studi che indicano che il coenzima ad alta dose Q10 rallenta drammaticamente il deterioramento e perfino induce un certo miglioramento funzionale in quelli afflitti con la malattia del Parkinson.31,32

Il pericolo di prove delle sostanze nutrienti singole

La previsione che il tocoferolo alfa da solo, o congiuntamente alle dosi basse di altre sostanze nutrienti, efficacemente tratterà della malattia sta essendo ottimista, dire i minimo. Tutto e le deve fare è di esaminare che cosa accade quando soltanto l'alfa tocoferolo è utilizzato in una regolazione del laboratorio ed i risultati non sono incoraggianti per il completamento della unico sostanza nutriente.

Per esempio, in risposta a perossidazione lipidica (attività del radicale libero) che si presenta sulle membrane cellulari, antiossidanti come il glutatione perossidasi è prodotto dentro le cellule. Se uno prende soltanto l'alfa tocoferolo, i tassi di perossidazione lipidica sono soppressi in membrane cellulari, con una riduzione di corrispondenza della produzione del glutatione perossidasi dentro la cellula. Questa carenza di glutatione perossidasi fa il DNA ed i mitocondri dentro le cellule più vulnerabili all'attacco del radicale libero.33-35

Nel completare con il selenio, tuttavia, i livelli del glutatione perossidasi aumentano significativamente, anche con l'alfa tocoferolo che protegge simultaneamente le membrane cellulari dalla perossidazione lipidica.36-38

Gli utenti di supplemento della vitamina prendono solitamente il selenio con la gente malata di E. Seriously della vitamina che si iscrive agli studi è detta di non prendere qualunque altro supplemento. Questi partecipanti di studio sono negati così il beneficio di presa dell'ampia varietà di supplementi stati necessari per proteggere dalla malattia degenerante.

Il selenio è una di parecchie sostanze nutrienti che possono migliorare l'efficacia di alfa tocoferolo. Dopo che l'alfa tocoferolo è usato per sopprimere i radicali liberi danneggianti, i resti di alfa tocoferolo possono stessi indurre lo sforzo ossidativo nel corpo. Le sostanze nutrienti gradiscono la vitamina C, acido lipoico, coenzima Q10 ed il tocoferolo di gamma può aiutare l'alfa tocoferolo vuotato rigenerato.39

Sulla base di questa comprensione, è abbastanza facile da vedere perché l'alfa tocoferolo non sta andando tenere più lungo vivo della gente malata. Inoltre mostra l'errore di invitare tutta la una sostanza nutriente, o le dosi basse di parecchie sostanze nutrienti, per fornire gli effetti biologici dell'ampio spettro stati necessari per mantenere o riacquistare i buona salute.

La linea inferiore è che i acquirenti seri di supplemento stanno usando simultaneamente molte sostanze nutrienti differenti per proteggere dai meccanismi multipli coinvolgere nello sviluppo della malattia relativa all'età. Ciò significa che un rapporto che dichiara che alcuna una sostanza nutriente da sè non ha raggiunto i risultati voluti è abbastanza irrilevante, particolarmente quando molti degli oggetti di studio già avevano stabilito la malattia.

ALCUNI PROFESSOR PAID TO MANIPULATE MEDIA

Il 10 dicembre 2004 Wall Street Journal ha caratterizzato un articolo che descrive come le grandi società effettuano i pagamenti diretti ai professori universitari che sono disposti ad esprimere le opinioni favorevoli agli interessi delle società.

Questo articolo descritto come le società effettuano i pagamenti in contanti a professori accademici o patrocinano un programma dell'università in cambio del professore che sollecita il punto di vista della società in articoli scritti, gli editoriali, gli aspetti della televisione, e simili. Ancor più disturbo era istanze delle società che scrivono per conto d'altri gli articoli che professori accademici avrebbero messo i loro nomi sopra per diffusione ai media, come se queste fossero viste indipendenti che escono da un'università importante.

I media imparano raramente che il professore è pagato sostenere una posizione particolare perché, in molti casi, le disposizioni finanziarie fra il professore e la società non sono rivelate.

Secondo Wall Street Journal, le università non si occupano di questa disposizione perché fornisce loro i lotti di pubblicità libera, oltre alla compensazione finanziaria diretta.

Così quando un professore da un'università prestigiosa tiene una conferenza stampa per annunciare una nuova scoperta scientifica, i media non hanno spesso idea se sta manipolanda nella fornitura della pubblicità della prima pagina per gli interessi speciali corporativi.

I media osservano l'accademia come fonte imparziale di informazioni affidabili. Eppure il 9 giugno 2003, la sedia del comitato della Camera dei diritti umani ed il benessere hanno citato un bilancio dell'industria farmaceutica che ha richiesto milioni di dollari da spendere “sviluppa le coalizioni„ e “le alleanze strategiche„ con le università, medici, i membri influenti di gruppi minoritari ed altri.

Quante vite saranno perse?

I media hanno diffuso spesso i rapporti che ingiusto attaccano il valore degli integratori alimentari. Il modo questo Johns Hopkins che difettoso il rapporto sensationalized è forse più enorme di qualunque altra distorsione di media fin qui.

Invece di riconoscimento dei difetti ovvi in questo rapporto, i media lo hanno trasformato nelle notizie di titolo, causanti il timore diffuso che i supplementi della vitamina E potrebbero realmente accorciare la durata. Mai prima il pubblico è stato esposto a così farsa ingiuriosa.

Il risultato della manipolazione del mezzo di questo studio difettoso sarà che molta gente sarà raggirata nel credere che non ci sia il valore ai supplementi. Eppure anche i ricercatori che hanno creato questo studio ammettono che non ha rilevanza a cui la gente in buona salute dovrebbe fare per impedire la malattia.

Del prolungamento della vita di molti articoli di controprova ricevuto riguardo a questo studio difettoso della vitamina E, abbiamo scelto di pubblicare il seguente articolo che prevede un poco umore per quanto riguarda che cosa qualche giorno sarà riconosciuto purtroppo come evento sfavorevole che costerà le vite della gente che mette troppa fede nei titoli di mezzi di informazione.

Continui a leggere la fabbricazione dell'uccisore E

Riferimenti

1. Disponibile a: http://www.annals.org/cgi/content/full/0000605-200501040-00110v1. 22 dicembre 2004 raggiunto.

2. Huang HY, Appel LJ. Il completamento delle diete con l'alfa-tocoferolo riduce le concentrazioni nel siero di gamma e del delta-tocoferolo in esseri umani. J Nutr. 2003 ottobre; 133(10): 3137-40.

3. Non tutta la vitamina E è uguale creato. Prolungamento della vita. Febbraio 1998.

4. Losonczy chilogrammo, TB di Harris, Havlik RJ. Vitamina E ed uso di supplemento della vitamina C e rischio di mortalità della coronaropatia e per tutte le cause in persone più anziane: le popolazioni stabilite per gli studi epidemiologici degli anziani. J Clin Nutr. 1996 agosto; 64(2): 190 - 6.

5. Seth RK, funzione di Kharb S. Protective dell'alfa-tocoferolo contro il processo del cataractogenesis in esseri umani. Ann Nutr Metab. 1999;43(5):286-9.

6. Consumo di Stampfer MJ, di Hennekens CH, di Manson JE, et al. della vitamina E ed il rischio di malattia coronarica in donne. Med di N Inghilterra J. 20 maggio 1993; 328(20): 1444-9.

7. Zandi pp, Anthony JC, Khachaturian COME, et al. rischio riduttore per il morbo di Aalzheimer in utenti della vitamina antiossidante completa: lo studio della contea di Cache. Arco Neurol. 2004 gennaio; 61(1): 82-8.

8. Rimm eb, Stampfer MJ, Ascherio A, Giovannucci E, Colditz GA, WC di Wilett. Consumo della vitamina E ed il rischio di coronaropatia in uomini. Med di N Inghilterra J. 20 maggio 1993; 328(20): 14550-6.

9. Mortalità ostruttiva cronica di malattia polmonare di Walda IC, di Tabak C, di Smit ha, et al. di dieta e di 20 anni in uomini di mezza età da tre paesi europei. EUR J Clin Nutr. 2002 luglio; 56(7): 638-43.

10. Semba RD, Blaum C, Guralnik JM, distacco di Moncrief, mucchi di fieno Mo, LP fritto. Lo stato della vitamina e del carotenoide E è associato con gli indicatori del sarcopenia fra le donne più anziane che vivono nella comunità. Ricerca di Clin Exp di invecchiamento. 2003 dicembre; 15(6): 482-7.

11. Nagle cm, Purdie dm, Webb PM, si inverdisce A, Harvey PW, Bain CJ. Influenze dietetiche sulla sopravvivenza dopo cancro ovarico. Cancro di Int J. 20 agosto 2003; 106(2): 264-9.

12. Heinonen OP, Albanes D, Virtamo J, et al. carcinoma della prostata e completamento con l'alfa-tocoferolo ed il beta-carotene: incidenza e mortalità in una prova controllata. Cancro nazionale Inst di J. 18 marzo 1998; 90(6): 440-6.

13. Kline K, Yu W, sabbiatrici BG. Vitamina E e cancro al seno. J Nutr. 18 marzo 1998; 90(6): 440-6.

14. RM di Salonen, Nyyssonen K, Kaikkonen J, et al. effetto di sei anni di vitamina C combinata e del completamento di E sulla progressione aterosclerotica. Circolazione. 25 febbraio 2003; 107(7): 947-53.

15. Hercberg S, Galan P, Preziosi P, et al. Il SU.VI. MAX Study: una prova randomizzata e controllata con placebo degli effetti sulla salute delle vitamine antiossidanti e minerali. Med dell'interno dell'arco. 22 novembre 2004; 164(21): 2335-42.

16. Wright ME, st di Mayne, RZ di Stolzenberg-Solomon, et al. sviluppo di un indice antiossidante dietetico completo ed applicazione al rischio del cancro polmonare in un gruppo dei fumatori maschii. J Epidemiol. 1° luglio 2004; 160(1): 68-76.

17. Palan PR, AL di Woodall, Anderson PS, sig.ra di Mikhail. Livelli del chinone del tocoferolo dell'alfa e dell'alfa-tocoferolo nella neoplasia intraepiteliale cervicale e nel cancro cervicale. J Obstet Gynecol. 2004 maggio; 190(5): 1407-10.

18. CA di Chan. Vitamina E ed aterosclerosi. J Nutr. 1998 ottobre; 128(10): 1593-6.

19. Fleischauer A, supplementi di L. Antioxidant di Simonsen N, dell'arabo e rischio di mortalità legata al cancro di ricorrenza e del seno del cancro al seno fra le donne postmenopausali. Cancro di Nutr. 2003;46(1):15-22.

20. Fattori nutrizionali di Bonilla-Fernandez P, di Lopez-Cervantes m., di Torres-Sanchez LE, diTortoler-Luna G, di Lopez-Carrillo L. e cancro al seno nel Messico. Cancro di Nutr. 2003;45(2):148-55.

21. Attività antiossidante di Ryglewicz D, di Rodo m., di Kunicki PK, et al. del plasma e demenza vascolare. J Neurol Sci. 15 novembre 2002; 203 - 204:195-7.

22. Jacobs EJ, Henion AK, Briggs PJ, et al. Colleen Fitzpatrick ed uso di supplemento della vitamina E e mortalità del cancro alla vescica in un grande gruppo degli uomini e delle donne degli Stati Uniti. J Epidemiol. 1° dicembre 2002; 156(11): 1002-10.

23. Nathens ab, Neff MJ, Jurkovich GJ, et al. prova randomizzata e futura del completamento antiossidante in pazienti chirurgici criticamente malati. Ann Surg. 2002 dicembre; 236(6): 814-22.

24. Bressler S. Health dopo 50. Bollettino della scuola di medicina di Johns Hopkins. Febbraio 2004.

25. Clemons TE, Kurinij N, Sperduto RD. Le associazioni della mortalità con i disordini oculari e di un intervento degli antiossidanti ad alta dose e dello zinco nella malattia dell'occhio relativa all'età studiano: No. 13 di rapporto di AREDS. Arco Ophthalmol. 2004 maggio; 122(5): 716-26.

26. Machlin LJ. Valutazione critica dei dati epidemiologici riguardo all'impatto delle sostanze nutrienti antiossidanti su cancro e sulla malattia cardiovascolare. Rev Food Sci Nutr di Crit. 1995 gennaio; 35 (1-2): 41-50.

27. Frei B. Efficacy degli antiossidanti dietetici per impedire danno ossidativo e per inibire malattia cronica. J Nutr. 2004 novembre; 134(11): 3196S-8S.

28. De la FM. Effetti degli antiossidanti sull'invecchiare del sistema immunitario. EUR J Clin Nutr. 2002 agosto; 56 supplementi 3S5-S8.

29. Ricciarelli R, Zingg JM, Azzi A. Vitamin E: ruolo protettivo di una molecola di Janus. FASEB J. 2001 novembre; 15(13): 2314-25.

30. BM di Winklhofer-Roob, roccia E, Ribalta J, DH di Shmerling, Roob JM. Effetti della vitamina E e dello stato del carotenoide sullo sforzo ossidativo nella salute e nella malattia. Prova ottenuta dagli studi umani di intervento. Mol Aspects Med. 2003 dicembre; 24(6): 391-402.

31. Il Muller T, Buttner T, Gholipour AF, il completamento di Kuhn W. Coenzyme Q10 fornisce al beneficio sintomatico delicato in pazienti la malattia del Parkinson. Neurosci Lett. 8 maggio 2003; 341(3): 201-4.

32. Shults CW, Oakes D, Kieburtz K, et al. effetti del coenzima Q10 nel morbo di parkinson precoce: prova di rallentamento del declino funzionale. Arco Neurol. 2002 ottobre; 59(10): 1541-50.

33. Sette A, Guzel S, Seymen O, et al. effetti del completamento della vitamina E sullo sforzo ossidativo in streptozotocin hanno indotto i ratti diabetici: indagine su fegato e su plasma. Yonsei Med J. 2004 31 agosto; 45(4): 703-10.

34. Fridovich I. In: Radicali liberi nella biologia. New York: Edizione accademica; 1976.

35. Matsuo m., Gomi F, Dooley millimetro. Alterazioni relative all'età nella capacità antiossidante e perossidazione lipidica in cervello, fegato ed omogeneati del polmone di normale e di ratti E-carenti della vitamina. Sviluppatore invecchiante Mech. 15 luglio 1992; 64(3): 273-92.

36. Sneddon aa, Wu HC, Farquharson A, et al. regolamento dell'espressione del selenoprotein GPx4 ed attività in cellule endoteliali umane dagli acidi grassi, dalle citochine e dagli antiossidanti. Aterosclerosi. 2003 novembre; 171(1): 57-65.

37. Actis-Goretta L, Carrasquedo F, Fraga CG. Il completamento regolare con una miscela antiossidante fa diminuire lo sforzo ossidativo in esseri umani in buona salute. Effetto di genere. Acta di Clin Chim. 2004 novembre; 349 (1-2): 97-103.

38. Nagyova A, Krajcovicova-Kudlackova m., Horska et al. una perossidazione lipidica in uomini dopo il completamento dietetico con una miscela delle sostanze nutrienti antiossidanti. Bratisl Lek Listy. 2004;105(7-8):277-280.

39. CC di Liebler. Il ruolo di metabolismo nella funzione antiossidante della vitamina E. Crit Rev Toxicol. 1993;23(2):147-69.