Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine marzo 2005
immagine

Strategie nutrizionali per la conquista del tumore del colon

Da Debra Fulghum Bruce, PhD

Un terreno comunale eppure la malattia evitabile, tumore del colon è la seconda causa principale della morte del cancro in entrambi i sessi, rappresentante circa 10% di tutte le morti del cancro. Il tumore del colon è il terzo la maggior parte del cancro comune in entrambi gli uomini e donne ed è inoltre il più ereditario di tutti i cancri: circa 10% degli adulti con tumore del colon hanno una storia della famiglia della malattia.1 sebbene il tumore del colon sia diagnosticato raramente nella gente sotto l'età di 40, la sua incidenza aumenta significativamente fra le età di 40 e di 50 ed i suoi tassi di incidenza specifici all'età aumentano da allora in poi in ogni decade di vita.2

Mentre gli odierni strumenti diagnostici e terapeutici altamente sono avanzati, la ricerca abbondante suggerisce che determinate sostanze nutrienti possano aiutare la gente ad evitare il tumore del colon complessivamente.

Sebbene il tumore del colon colpisca solitamente dopo l'età 40, il processo di malattia comincia silenziosamente e senza avvertire molto presto nella vita. Parecchi fattori ambientali e genetici influenzano la sua suscettibilità a tumore del colon. Secondo l'associazione del cancro americana, la maggior parte dei tumori del colon cominciano come un polipo (adenoma) o crescita sull'interno del retto e del colon. Rimuovendo questo inizio di maggio degli adenomi impedicali diventare cancerogeno. Altri fattori di rischio chiave per tumore del colon includono avere le malattie intestinali infiammatorie (morbo di Crohn o colite ulcerosa) o diabete, o avere un membro della famiglia con tumore del colon. I fattori non sani di stile di vita, quale mancanza di esercizio e l'obesità, inoltre sollevano il suo rischio per tumore del colon, come fa i ricchi tipico occidentali di dieta nel rosso e carni trasformate, dolci e carboidrati raffinati.3

Le fasi iniziali di tumore del colon possono essere segnate dai sintomi quali dolore addominale, un cambiamento nell'abitudine dell'intestino, o affaticamento e la debolezza. L'anemia e la perdita di peso in assenza dei sintomi gastrointestinali possono segnalare il tumore del colon.4 eppure molta gente con tumore del colon non abbia segni o sintomi della malattia affatto.

Come con molte malattie serie, il tumore del colon è trattabile se individuato presto e gli odierni esami della selezione e tecniche di rappresentazione avanzati permettono che medici prendano le decisioni bene informate del trattamento. Molti esperti credono che la morte da tumore del colon potrebbe essere impedita se gli uomini e le donne al rischio medio per la malattia cominciano le prove di selezione all'età di 50. Per la gente al maggior rischio dovuto storia della famiglia o le malattie intestinali infiammatorie, schermare dovrebbe essere iniziata più presto.5 (il fondamento del prolungamento della vita raccomanda la selezione di colonoscopia della flessibile-metropolitana per individuare l'inizio del tumore del colon della fase iniziale all'età 40. Vedi “il dilemma,„ il prolungamento della vita di colonoscopia, dicembre 2004.)

Nuove scoperte, nuovi obiettivi

Verso la fine degli anni 70, il Dott. William R. Waddell ha notato che quando ha dato il sulindac, una droga simile ad aspirin, ai pazienti con un disordine ereditato quello conduce alle centinaia di polipi del colon, quasi tutti i polipi è scomparso.6 circa una decade più successivamente, scienziati da parecchi laboratori hanno preso questo indizio più ulteriormente ed hanno identificato due forme dell'enzima del ciclo-ossigenasi (COX), del COX-1 e del COX-2. Hanno trovato che COX-2 genera le sostanze potenti e del tipo di ormone chiamate prostaglandine che svolgono un ruolo in molte funzioni fisiologiche. Una di queste sostanze, prostaglandina E2 (PGE-2), è stata collegata allo sviluppo dei polipi del colon.7 quando COX-2 è espresso in un ‚del tumore permette che i nuovi vasi sanguigni nutriscano il tumore, che impedisce le cellule del tumore la morte e che aumenta la capacità del tumore di svilupparsi e spargersi (riprodurrsi per metastasi).8

Trattamento di tumore del colon facendo uso della colonoscopia o sigmoidoscopy rimuovere i polipi (inserzione).

Grazie al lavoro di Waddell e di altri scienziati, ora sappiamo che aspirin ed altri anti-infiammatori non steroidei (NSAIDs) sono soppressori potenti dei polipi del colon e del cancro colorettale stesso.9

L'arsenale di Chemoprevention

Mentre l'intervento medico riesce a volte nella cura del tumore del colon, una strategia più potente per il miglioramento della sua salute è di mirare alla prevenzione del cancro complessivamente. Chemoprevention, l'uso degli integratori alimentari naturali o degli agenti sintetici ridurre il rischio di cancro, di promessa di manifestazioni per impedire, l'arresto e l'inversione dello sviluppo del tumore del colon.

Come celebre più presto, aspirin e l'altro NSAIDs sono chemopreventive, poichè sopprimono i polipi ed il cancro del colon. I modelli dietetici inoltre sono fattori di rischio controllabili per lo sviluppo di tumore del colon. Il folato, il calcio, la vitamina D ed il selenio sono fra le sostanze nutrienti dietetiche che offrono la protezione contro tumore del colon. Le diete ricche in polifenoli quali le catechine del tè verde e phytochemicals-compreso i composti fenolici, i flavonoidi ed i carotenoidi dalla frutta fresca e verdura-inoltre sono state indicate per essere dieta di chemopreventive.10 A alta in fibra, specialmente dai grani, cereali ed i frutti, possono essere associati con un rischio in diminuzione di tumore del colon.11 inoltre, i composti specializzati della pianta quali i resveratroli e la curcumina mostrano la promessa nella protezione contro tumore del colon.12,13

Acido folico. Gli studi completi hanno collegato un'alta assunzione dei livelli folici dietetici o supplementari del sangue folico ed alto con un rischio riduttore di tumore del colon. I dati cumulativi suggeriscono quella gente che hanno il più alta assunzione folica dietetica avere circa un 40% più a basso rischio di tumore del colon rispetto a quelli all'assunzione folica più bassa.14

Il folato, o l'acido folico, è importanti per la sintesi e la riparazione del DNA e svolge un ruolo chiave nel riciclaggio dell'omocisteina dell'aminoacido in metionina, che il corpo utilizza come particella elementare nella fabbricazione delle proteine nuove. Inoltre, la produzione di S-adenosyl-L-meth-ionine (stesso), che è cruciale per metilazione normale e espressione genica del DNA, dipende interamente da acido folico. Alcuni scienziati ora ritengono che la carenza folica possa aumentare il rischio di malignità disturbando queste vie.15

Molti studi sostengono l'uso del completamento dell'acido folico nell'impedimento del tumore del colon. Per esempio, i dati dallo studio di approfondimento dei professionisti del settore medico-sanitario di Harvard, uno studio in corso che valuta il collegamento fra nutrizione e la malattia seria in 51.529 professionisti maschii, hanno mostrato un rischio significativamente riduttore di tumore del colon negli uomini che hanno usato i multivitaminici con acido folico per più di 10 anni confrontati a coloro che non ha preso l'acido folico.16

Similmente, nello studio della salute degli infermieri di Harvard, uno studio d'osservazione che ha seguito più di 85.000 infermieri dal 1976 al 1994, scienziati ha stabilito che le donne che hanno usato i multivitaminici che contengono l'acido folico avessero una probabilità significativamente più bassa di sviluppare il cancro colorettale. I ricercatori hanno riferito soltanto 15 nuovi casi di tumore del colon per 10.000 donne invecchiate 55 - 69 anni che hanno usato i supplementi dell'acido folico, contrariamente a 68 casi di tumore del colon per 10.000 in coloro che non ha completato con riduzione folica di rischio dell'acido-un più di 75%.17 che il completamento dell'acido folico è particolarmente importante per coloro che beve gli importi moderati dell'alcool, poichè l'alcool blocca l'assorbimento di acido folico ed inattiva il folato di circolazione, aumentanti il rischio di tumore del colon.18

Calcio. Una ricchezza di prova sostiene il ruolo del calcio nella prevenzione di tumore del colon. Il Dott. Harold Newmark, un'autorità d'origine universitaria di Rutgers su prevenzione del cancro, ha rivolto a FDA per richiedere l'aggiunta di calcio e della vitamina D a tutti i prodotti del chicco di grano. In un articolo recente nel giornale americano di nutrizione clinica, Newmark ha scritto che l'aggiunta di queste due sostanze nutrienti potrebbe ridurre le morti del tumore del colon da 20%, conservando circa 11.000 vite americane ed oltre $1 miliardo nelle spese sanitarie degli Stati Uniti annualmente.19 Newmark inoltre hanno notato che l'aggiunta della vitamina D e del calcio ai prodotti del chicco di grano probabilmente avrebbe ridotto l'incidenza delle fratture osteoporotiche di 20%.19

L'istituto universitario americano della gastroenterologia ha raccomandato il completamento del calcio per la prevenzione primaria o secondaria degli adenomi dei due punti.La scuola di 20 Harvard dei ricercatori di salute pubblica ha notato che il più alta assunzione totale del calcio è associata con un tasso in diminuzione 27-42% di cancro del colon distale.Il calcio 21 negli importi di più di 700 mg è sembrato giornalmente offrire il beneficio minimo in ulteriore riduzione di rischio, secondo gli scienziati di Harvard.Il completamento del calcio 21 ha potuto ridurre annualmente il numero delle morti del tumore del colon di 16.000, riferisce l'associazione del cancro americana.

La prova inoltre suggerisce che il calcio conferisca la maggior parte della protezione contro i polipi avanzati che sono il più forte collegati con cancro colorettale dilagante. Nello studio di prevenzione del polipo del calcio, i ricercatori hanno analizzato i dati da 930 pazienti (con un'età media di 61) che recentemente avevano fatti rimuovere un adenoma colorettale. Gli oggetti hanno preso a mg 1200 il supplemento quotidiano del calcio o a placebo, quindi hanno avuti colonoscopie di seguito ad un e quattro anni dopo avere iniziato il completamento.Il completamento del calcio 22 ha reso un 18% più a basso rischio dei polipi hyperplastic e di un 11% più a basso rischio dell'adenoma tubolare. Il più significativo, tuttavia, era un rapporto di riproduzione dei neoplasma istologicamente avanzati, una forma avanzata di 35% di lesione colorettale.22 l'effetto protettivo dei supplementi del calcio erano più pronunciati fra la gente con un'alta ingestione dietetica di fibra e un'assunzione bassa di calcio fat.24 è pensata per proteggere le cellule dei due punti precipitando gli acidi grassi e gli acidi biliari che sono potenzialmente tossici all'epitelio colorettale.23

Vitamina D. Mentre la maggior parte dei esperti riconoscono che il calcio da solo è chemopreventive contro tumore del colon, la prova biochimica e biologica nei sistemi della coltura cellulare suggerisce che l'esposizione a calcio e la vitamina D possano insieme la confer ancor più protezione, riducente le proprietà diformazione delle cellule di tumore del colon.23

Alla fine del 2003, il giornale dell'istituto nazionale contro il cancro ha pubblicato la ricerca approfondita sul ruolo della d della vitamina nell'impedimento del tumore del colon. In questo studio, i ricercatori hanno concluso che il calcio e la vitamina D funzionano insieme per ridurre il rischio di cancro colorettale. Il loro studio quadriennale ha seguito 803 pazienti con una storia dei polipi chirurgicamente rimossi dell'adenoma del colon. Gli oggetti che hanno preso mg 1200 di calcio elementare hanno avvertito giornalmente un avvenimento di 31% dei polipi confrontati ad un avvenimento di 38% nel gruppo del placebo.24

Il più revealingly, i supplementi del calcio contribuiti per impedire i polipi soltanto fra i partecipanti con gli alti livelli della vitamina D livella nei loro corpi. Ulteriormente, i livelli di vitamina D sono stati collegati alla ricorrenza riduttrice del polipo soltanto fra quegli oggetti che hanno preso i supplementi del calcio. Questi risultati suggeriscono forte che la vitamina D ed il calcio abbiano un effetto anticancro sinergico nell'intestino e possano essere molto efficaci una volta usati in associazione.24

Continuato alla pagina 2 di 2