Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine marzo 2005
immagine

Impedire malattia cardiaca e depressione con acido folico ad alta dose

Da Debra Fulghum Bruce, PhD

I ricercatori al cuore di Londra e Lung Institute hanno raggiunto la stessa conclusione: il completamento con acido folico ed il vitamina b12 migliora la funzione endoteliale vascolare in pazienti con la coronaropatia.16 interessante, gli ultimi risultati dall'istituto universitario di Galles di medicina a Londra mostrano conclusivamente quello che abbassa l'omocisteina con i metodi all'infuori di folico ad alta dose acido-se usando il trimethylglycine (TMG), una sostanza nutriente usata per eliminare l'omocisteina extra dal corpo, o folico a basse dosi acido-non migliora la funzione endoteliale.17

Ciò solleva un problema ovvio: è completare con la cassaforte ad alta dose dell'acido folico (5000 mcg giornalmente)? In un'intervista esclusiva con prolungamento della vita, Malcolm J. Lewis, il MD, professore di farmacologia cardiovascolare ed il vice direttore del dipartimento di farmacologia, di terapeutica e di tossicologia all'università di Cardiff, hanno discusso i risultati delle prove più recenti dell'acido folico. Il Dott. Lewis conduce uno del gruppo primo del mondo degli scienziati nello studio del ruolo di questa vitamina di B e della sua relazione alla malattia cardiovascolare.

Il Dott. Lewis ha confermato la sicurezza e l'efficacia di acido folico ad alta dose, ad esempio che i risultati riferiti alla riunione del maggio 2004 società della quotidiana cardiaca britannica “hanno dimostrato chiaramente che sebbene entrambe il 400 mcg e [5000 mcg] di acido folico potessero abbassare i livelli dell'omocisteina nella stessa misura in pazienti con la malattia coronarica, solo [5000 - dose di mcg] era efficace a migliorare la funzione endoteliale (un sostituto eccellente per salute cardiovascolare). Nessuno degli oggetti in c'è ne dei nostri studi ha avuto effetti contrari dalla presa [5000 mcg] dell'acido folico. Se la carenza di vitamina b12 si è esclusa, questa dose sembrerebbe sicura da usare.„18

Il Dott. Lewis aggiunto, “è ovvio, quindi, che “le alte„ dosi di folato hanno effetti farmacologici che sono differenti dalle dosi più convenzionalmente usate “di minimo„. Attualmente stiamo studiando perché questo può essere il caso.„18

Alcuni nuovi studi speculano che la capacità dell'acido folico di invertire la disfunzione endoteliale è indipendente dalla sua capacità di abbassare i livelli dell'omocisteina del plasma. Lewis ed il suo gruppo recentemente hanno riferito che quella invertire la disfunzione endoteliale con acido folico mostra che questa vitamina di B ha effetti innumerevoli sul sistema vascolare oltre ad abbassare l'omocisteina. La prova in vitro dimostra che 5 il methytetrahydrofolate, il metabolita di circolazione principale di acido folico, può aumentare la produzione dell'ossido di azoto e direttamente pulire i radicali del superossido. Queste proprietà possono rappresentare alcuni dei suoi effetti cardioprotective.19

DONNE E MALATTIA CARDIACA

La malattia cardiaca è stata creduta una volta per essere la malattia di un uomo. Prima dell'età di 60, gli uomini muoiono di attacco di cuore a sei volte il tasso che le donne fanno. Dall'età di 70, tuttavia, i tassi d'attacco di attacco di cuore per gli uomini e le donne sono virtualmente uguali. Medici ora confermano che la malattia cardiaca è così micidiale per le donne che hanno una probabilità di 50% della morte da. E più giovane una donna è, meno probabile è di avere sintomi della malattia cardiaca.35

Dopo menopausa, che significa la conclusione degli anni riproduttivi di una donna, peso di guadagno di molte donne. Mentre i livelli dell'estrogeno dell'ormone diminuiscono, la pressione sanguigna aumenta. Gli studi indicano che molte donne postmenopausali hanno livelli elevati dei trigliceridi, del colesterolo totale e della lipoproteina a bassa densità (LDL) che le donne premenopausa.36 realizzando l'impatto di menopausa e diminuendo l'estrogeno su salute del cuore delle donne, i ricercatori all'università cattolica di cuore sacro a Roma, Italia, hanno cercato di determinare se il completamento dell'acido folico ha colpito la funzione endoteliale in 15 donne postmenopausali in buona salute.

Pubblicato nel 2004, questo studio approfondito ha misurato i livelli del plasma delle donne di folato, omocisteina, glucosio, insulina e lipidi come pure la loro pressione sanguigna. Dopo appena un mese del completamento con acido folico ad alta dose (7500 mcg quotidiani), la funzione endoteliale delle donne ha migliorato 37% confrontato ai valori del pre-completamento. Fra gli altri fattori di rischio cardiovascolari studiati, i livelli utili della lipoproteina ad alta densità (HDL) hanno aumentato 6%, mentre la lipoproteina a bassa densità pericolosa (LDL) ha caduto 9%. Questi risultati ulteriori convalidano che il completamento ad alta dose dell'acido folico può migliorare il profilo endoteliale del lipido e di funzione per ridurre il rischio della malattia cardiovascolare.37

Acido folico e malattia neuropsichiatrica

I ricercatori ora ritengono che i disturbi depressivi e la malattia cardiovascolare di maggiore siano reciprocamente collegati, dividendo i segni ed i sintomi della sindrome metabolica, causati solitamente essendo di peso eccessivo o obesi, mancanza di esercizio fisico e fattori genetici (vedi “il cuore e la mente: Il collegamento pericoloso fra la malattia cardiaca e depressione,„ prolungamento della vita, gennaio 2005). Gli scienziati nei Paesi Bassi recentemente hanno osservato che in entrambi i disturbi depressivi e malattia cardiovascolare principali, gli acidi grassi polinsaturi omega-3 sono diminuiti mentre i livelli dell'omocisteina del plasma sono elevati.20 mentre la maggior parte dei studi dell'acido folico hanno messo a fuoco su salute del cuore, alcuni risultati recenti suggeriscono che l'acido folico abbia proprietà antidepressive o possa fungere da mediatore crescente per il trattamento antidepressivo standard.

Sebbene il collegamento fra la carenza folica ed i disordini neuropsichiatrici non sia capita buona, parecchi casi soggettivi hanno stabilito una relazione intrigante. Dott. Victor Herbert, l'ematologo recente e scienziato nutrizionale, sperimentati su se stesso 40 anni fa per capire meglio carenza folica, mangiante gli alimenti tre volte bolliti per estrarre folato.21 nello stato della carenza folica indotta dalla restrizione di dieta, Herbert ha notato che effetti di sistema nervoso centrale, compreso irritabilità, la memoria difficile e l'insonnia aumentante, comparsa entro quattro - cinque mesi. Interessante, Herbert ha riferito che tutti i sintomi del sistema nervoso centrale sono scomparso in 48 ore dopo la presa del folato orale.22 (Victor Herbert, MD, è morto nel 2002 all'età di 75. Secondo la sua famiglia, la causa della morte era melanocytoma, “una forma rara di cancro neurologico.„23)

Come funziona?

Nel corpo, il folato è determinante per la produzione di S-adenosyl-L-metionina (stessa), l'implicato erogatore del metilico-gruppo nella biosintesi di DNA, il RNA, i fosfolipidi, le proteine ed altre molecole. Stesso inoltre è compreso nella sintesi dei neurotrasmettitori della catecolamina, quale epinefrina, che sembrano svolgere un ruolo nella determinazione dell'umore.24 sintomi depressivi sono la manifestazione neuropsichiatrica più comune della carenza folica. I bassi o del siero o del globulo rosso livelli folici carenti limite sono veduti in 15-38% degli adulti diagnosticati con i disturbi depressivi.25 medici ora ritengono che i pazienti con i livelli folici del plasma basso non rispondano al trattamento antidepressivo come pure a quelli con i livelli folici adeguati.25 Di conseguenza, il folato è creduto per svolgere un ruolo importante nell'umore di regolamento.

Secondo un rapporto pubblicato nel 2003, qualche gente con la depressione sembra avere problemi che metabolizza il folato. Ciò è coerente con l'idea che i supplementi dell'acido folico potrebbero aiutare per invertire o persino impedire la depressione. In questo studio di 5,948 persone ha invecchiato 46 - 49, scienziati norvegesi ha trovato che la gente con i livelli ematici di omocisteina era quasi due volte probabile essere depressa come quelle con i livelli normali.26

L'ACIDO FOLICO
COLLEGAMENTO DI VITAMINA B12

Nel prendere 5000 mcg del quotidiano dell'acido folico, è importante notare che questa dose elevata può mascherare una diagnosi dell'anemia perniciosa dovuto la carenza di vitamina b12 (cobalamina) e può anche migliorare la severità delle complicazioni neuropsichiatriche.38

I prodotti di origine animale quali carne ed i latticini sono le sole fonti dietetiche di vitamina b12 per gli esseri umani. Quel a carenza di vitamina b12 più incline è la gente con poca variazione dietetica (vegetariani compresi e vegani), alcoolizzati, coloro che prende determinati farmaci e gli anziani. Per eliminare il pericolo di danno irreversibile del nervo, prenda semplicemente il vitamina b12, che è incluso nella maggior parte dei supplementi della multi-vitamina, congiuntamente ad acido folico.

Gli scienziati dalla Finlandia hanno continuato a dipanare il collegamento fra folato e la depressione. Analizzare le diete di 2.682 uomini ha invecchiato 42 - 60, essi ha trovato che gli uomini con l'assunzione folica dietetica più bassa hanno avuti un rischio maggior 67% di elevamento dei sintomi depressivi che quelli con il più alta assunzione. Gli autori hanno concluso che la nutrizione può svolgere un ruolo importante nella salute mentale e nell'impedire la depressione.27

Acido folico e antidepressivi

In uno studio dei pazienti precedentemente insensibili agli inibitori selettivi di ricaptazione della serotonina (SSRI), l'acido folico ha amplificato il tasso di risposta, anche in coloro che ha avuto livelli folici normali all'inizio della prova.La prova emergente 28 dalle prove randomizzate indica che la combinazione di trattamenti antidepressivi folici e convenzionali può migliorare i risultati.29 in uno studio ha pubblicato l'anno scorso, ricercatori di Harvard ha notato che la gente depressa con i livelli folici del siero basso ha avuta risposte più difficili alla terapia antidepressiva.La prova 30 suggerisce che i pazienti depressi anziani abbiano livelli più bassi di folato che i loro gruppi non depressi. Completando con il folato può ridurre così l'incidenza della depressione negli anziani.31

Il collegamento del Alzheimer

Uno studio pubblicato in New England Journal di medicina nel 2002 ha riferito che la gente con i livelli ematici di omocisteina (più maggior di 14 µmol/L) hanno due volte il rischio normale di sviluppare il morbo di Alzheimer.32 Alzheimer distruggono le cellule cerebrali e l'acetilcolina importante del neurotrasmettitore, il messaggero chimico responsabile della memoria ed altre abilità conoscitive. I livelli elevati dell'omocisteina inoltre sono stati associati con danno nella memoria verbale, nelle capacità motorie fini e nella cognizione,33 come pure con il colpo.34

I bassi livelli folici sono associati con i livelli aumentati di omocisteina. Con la ricerca ancora nelle fasi iniziali, gli scienziati teorizzano che i livelli elevati dell'omocisteina possono causare il trauma cranico ed i disordini neuropsichiatrici. L'assunzione aumentata di acido folico e di altre vitamine di B può contribuire ad impedire il danno, la demenza ed il morbo di Alzheimer conoscitivi nella gente con i livelli elevati dell'omocisteina.

Conclusione

L'acido-su folico ad alta dose a 5000 mcg giornalmente-è un approccio nutrizionale scientifico convalidato e sicuro a raggiungere la salute ottimale negli uomini ed in donne che vogliono impedire o invertire la malattia cronica. Con i benefici dimostrati nella riduzione dei fattori di rischio cardiovascolari, impedendo e migliorando i risultati del trattamento nella depressione ed impedendo il cancro, l'acido folico altamente è indicato come alleato terapeutico per gli uomini e le donne di tutte le età. Gli Stati Uniti hanno raccomandato l'indennità dietetica (RDA) di 400 mcg di acido folico, stabiliti dall'Accademia nazionale delle scienze ed il Consiglio nazionale delle ricerche, è l'importo minimo necessario per impedire le sindromi lorde di carenza. Questo livello nominale è per niente adeguato per impedire la malattia cronica.

Molto rimane sconosciuto circa i disturbi cronici e degeneranti quali la malattia cardiovascolare ed i disordini neuropsichiatrici. Terra-rompendosi i risultati continuano ad essere pubblicati. Soltanto negli ultimi dieci anni cominci gli scienziati per dipanare come l'aiuto degli elementi nutritivi il corpo umano impedisce, dirige e tratta la malattia. Economico e disponibile facilmente alla maggior parte della gente, l'acido folico ad alta dose ha il potenziale di influenzare positivamente la salute della gente nel mondo intero.

ACIDO FOLICO E CANCRO

La carenza folica può contribuire alla sintesi anormale ed alla carcinogenesi del DNA interferendo con la metilazione normale del DNA. Negli ultimi anni, la prova aumentante indica che l'acido folico svolge un ruolo nell'impedire determinati cancri.38

I dati suggeriscono che i bassi livelli di acido folico possano provocare i tassi aumentati di cancro cervicale e colorettale. Nello studio della salute degli infermieri, che è seguito più di 121.000 infermieri hanno invecchiato 30 - 55 durante gli anni 18 dal 1976 al 1994, i ricercatori di Harvard hanno concluso che le donne con un'alta assunzione dell'acido folico erano 75% meno probabili sviluppare il tumore del colon che quelli con un'assunzione più bassa.Altri 39 studi hanno riferito i forti collegamenti fra i bassi livelli di acido folico ed i cancri del seno, del polmone, dell'esofago e dello stomaco.

Riferimenti

1. BN di Ames. Un ruolo per i supplementi nella salute d'ottimizzazione: la messa a punto metabolica. Biochimica Biophys dell'arco. 1° marzo 2004; 423(1): 227-34.

2. Zittoun J. Anemias dovuto disordine di folato, del vitamina b12 e del metabolismo di transcobalamin. Rev Prat. 1° giugno 1993; 43(11): 1358-63.

3. L'associazione americana del cuore. Aggiornamento del colpo e della malattia cardiaca Statistics-2004. Disponibile a: http://www.americanheart.org/presenter.jhtml?identifier=1928. 22 dicembre 2004 raggiunto.

4. SIG. di Hayden, Sc di Tyagi Omocisteina e specie reattive nella sindrome metabolica, diabete di tipo 2 dell'ossigeno mellito e atheroscleropathy: Gli effetti pleiotropici del completamento folico. Nutr J. 2004 10 maggio; 3(1): 4.

5. Cuevas, Germain. Dieta e funzione endoteliale. Ricerca di biol. 2004;37(2):225-30.

6. Sattar N. Inflamamtion e disfunzione endoteliale: compagni intimi nella patogenesi della malattia vascolare? Clin Sci (Lond). 2004 maggio; 106(5): 443-5.

7. Spieker LE, Hurlimann D, Ruschitzka F, et al. stress mentale induce la disfunzione endoteliale prolungata tramite ricevitori dell'endotelina-Un. Circolazione. 18 giugno 2002; 105(24): 2817-20.

8. Sc di Tyagi Ine e malattia cardiaca di Homocyst (e): patofisiologia della matrice extracellulare. Clin Exp Hypertens. 1999 aprile; 21(3): 181-98.

9. Doshi S, McDowell I, fossato S, Lewis m., Goodfellow J. Folate migliora la funzione endoteliale in pazienti con la coronaropatia. Med del laboratorio di Clin Chem. 2003 novembre; 41(11): 1505-12.

10. Commissione permanente sulla valutazione scientifica del bordo dietetico delle assunzioni di riferimento, di alimento e di nutrizione, istituto di medicina. Assunzioni dietetiche di riferimento: folato, altre vitamine di B e colina. Washington, DC: Stampa nazionale dell'accademia; 7 aprile 1998.

11. quarantaquattresimo Conferenza annuale su epidemiologia della malattia cardiovascolare e prevenzione che caratterizza il simposio del limatore di LJ sulla prevenzione di sovrappeso e le sue conseguenze che cominciano nella gioventù. San Francisco, CA. Marzo 2004.

12. Neal B, MacMahon S, Ohkubo T, Tonkin A, effetti di Wilcken D. Dose-dependent di acido folico sull'omocisteina del plasma in una prova randomizzata condotta fra 723 individui con la coronaropatia. Cuore J. 2002 di EUR ottobre; 23(19): 1509-15.

13. Lo SN di Doshi, il fossato SJ, Lewis MJ, et al. acido folico ad alta dose a breve termine non altera gli indicatori di danno endoteliale delle cellule in pazienti con la coronaropatia. Int J Cardiol. 2004 aprile; 94 (2-3): 203-7.

14. L'HL di O'Grady, Leahy A, McCormick pH, et al. acido folico orale migliora la disfunzione endoteliale nei fumatori. Ricerca di J Surg. 2002 agosto; 106(2): 342-5.

15. Willems FF, Aengevaeren WR, boeri GH, Blom HJ, Verheugt FW. Funzione endoteliale coronaria in iperomocisteinemia: miglioramento dopo il trattamento con acido folico e cobalamina in pazienti con la coronaropatia. J Coll Cardiol. 21 agosto 2002; 40(4): 766-72.

16. Camere JC, Ueland PM, Obeid OA, et al. funzione endoteliale vascolare migliore dopo le vitamine orali di B: Un effetto ha mediato con le concentrazioni ridutrici di omocisteina libera del plasma. Circolazione. 2000 14 novembre; 102(20): 2479-83.

17. Il fossato SJ, SN di Doshi, Lang D, et al. tratta ment della coronaropatia con acido folico: c'è un futuro? Cuore Circ Physiol di J Physiol. 2004 luglio; 287(1): H1-H7.

18. Intervista del prolungamento della vita con Malcolm J. Lewis, il MD, professore di farmacologia cardiovascolare ed il vice direttore del dipartimento di farmacologia, di terapeutica e di tossicologia all'università di Cardiff, Galles, Regno Unito. Dicembre 2004.

19. Fossato SJ, Lang D, McDowell SE, et al. folato, omocisteina, funzione endoteliale e malattia cardiovascolare. Biochimica di J Nutr. 2004 febbraio; 15(2): 64-79.

20. CL delle Assemblee J, di Lok A, di Bockting, et al. acidi grassi e livelli dell'omocisteina in pazienti con la depressione ricorrente: uno studio pilota explorative. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2004 aprile; 70(4): 349-56.

21. Carenza folica nutrizionale di Herbert V. Experimental in uomo. Medici del trasporto Assoc. 1962;75:307-20.

22. Anon. Classici di nutrizione. Transazioni dell'associazione dell'americano Physicians, 1962; 75: 307-20. Carenza folica nutrizionale di Herbert V. Experimental in uomo. Rev. 1982 di Nutr agosto; 40(8): 246-8.

23. Disponibile a: http://naturalhealthline.com/newsletter/15dec02/herbert.htm. 3 gennaio 2005 raggiunto.

24. Hendler ss, Rorvik D, eds. PDR per i supplementi nutrizionali, primo ed. Montvale, NJ: Thomson PDR; 2001:410-4.

25. Alpert JE, Fava M. Nutrition e depressione: il ruolo di folato. Rev. 1997 di Nutr maggio; 55(5): 145-9.

26. Bjelland I, dice il GS, Se di Vollset, Refsum H, Ueland PM. Folato, vitamina b12, omocisteina e il MTHFR 677C-: Polimorfismo di T nell'ansia e nella depressione: lo studio dell'omocisteina della terra di Horda. Arco Gen Psychiatry. 2003 giugno; 60(6): 618-26.

27. Tolmunen T, Voutilainen S, Hintikka J, et al. i sintomi folici e depressivi dietetici sono associati in uomini finlandesi di mezza età. J Nutr. 2003 ottobre; 133(10): 3233-6.

28. Alpert JE, Mischoulon D, Rubenstein GE, et al. acido folinico (Leucovorin) come trattamento aggiuntiva per la depressione SSRI-refrattaria. Ann Clin Psychiatry. 2002 marzo; 14(1): 33-8.

29. Taylor MJ, Carney S, Geddes J, Goodwin G. Folate per i disturbi depressivi. Rev. 2003 del sistema della base di dati di Cochrane; (2): CD003390.

30. GI di Papakostas, folato di Petersen T, di Mischoulon D, et al. del siero, vitamina b12 ed omocisteina nel disturbo depressivo principale, parte 1: preannunciatori della risposta clinica nella depressione influenza-oxetine-resistente. Prova di J Clin Psychia. 2004 agosto; 65(8): 1090-5.

31. Alpert m., Silva RR, Pouget ER. Previsione della risposta di trattamento nella depressione geriatrica dal livello folico della linea di base: interazione con uno SSRI o un antidepressivo triciclic. J Clin Psychopharmacol. 2003 giugno; 23(3): 309 - 13.

32. Omocisteina di Seshadri S, di Beiser A, di Selhub J, et al. del plasma come fattore di rischio per demenza e morbo di Alzheimer. Med di N Inghilterra J. 14 febbraio 2002; 346(7): 476-83.

33. Sachdev P, Parslow R, Salonikas C, et al. omocisteina ed il cervello nella vita del midadult: prova per un rischio aumentato di leukoaraiosis in uomini. Arco Neurol. 2004 settembre; 61(9): 1369-76.

34. Sig.ra di Morris. Folato, omocisteina e funzione neurologica. Cura di Nutr Clin. 2002 maggio; 5(3): 124-32.

35. Uomini di Goldberg N. Women Are Not Small. New York: Ballantine; 2002: 5.

36. Sacchi FM, Walsh BW. Gli effetti degli ormoni riproduttivi sulle lipoproteine del siero: edizioni irrisolte nella biologia e nella pratica clinica. Ann NY Acad Sci. 1990;592:272-85.

37. G paradisi, Cucinelli F, Mele MC, et al. funzione endoteliale in donne in post-menopausa: effetto del completamento dell'acido folico. Ronzio Reprod. 2004 aprile; 19(4): 1031-5.

38. Cambiamenti Età-collegati di Wolters m., di Strohle A, di Hahn A. nel metabolismo della vitamina B (12) ed acido folico: prevalenza, aetiopathogenesis e conseguenze patofisiologiche. Z Gerontol Geriatr. 2004 aprile; 37(2): 109-35.

39. Uso di Giovannucci E, di Stampfer MJ, di Colditz GA, et al. del multivitaminico, folato e tumore del colon in donne nello studio della salute degli infermieri. Ann Intern Med. 1° ottobre 1998; 129(7): 517-24.