Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine ottobre 2005
immagine

Sono i supplementi dell'olio di pesce più sicuri del mangiando il pesce?

Da Debra Fulghum Bruce, PhD

Assicurazione della sicurezza dei supplementi dell'olio di pesce

Mentre non c'è garanzia che il pesce che mangiate è esente dai contaminanti, la marea ha girato quando si tratta della garanzia della sicurezza dei supplementi dell'olio di pesce omega-3. Infatti, gli studi recenti convalidano che alcuni supplementi sono più sicuri del mangiando il pesce. Per esempio, analizzando cinque marche di supplementi dell'olio di pesce, i ricercatori dall'ospedale delle donne e di Brigham e dalla facoltà di medicina di Harvard a Boston hanno trovato che i livelli di PCBs ed i pesticidi organoclorati erano sotto il limite rilevabile in tutte e cinque le marche provate. Gli autori di studio hanno concluso che se una persona dovesse mangiare il pesce dai Grandi Laghi alla quantità raccomandata ottimale di circa 400 grammi alla settimana, avrebbe consumato almeno 70 volte più PCBs e 120 pesticidi organoclorati di volte che se dovesse completare con la dose quotidiana di media dell'olio di pesce (1,5 grammi) per una settimana.24

Con le preoccupazioni crescenti circa contaminazione e l'avvertimento recente di studi del giornale degli effetti sulla salute di mercurio e di PCBs dalle fonti marine, i consumatori salute consapevoli stanno richiedendo più informazioni sulla sicurezza dei prodotti che dell'olio di pesce consumano. I prodotti rispettabili dell'olio di pesce ora subiscono la prova rigorosa per la purezza e la concentrazione dai programmi indipendenti di assicurazione di qualità quale il programma internazionale di norme dell'olio di pesce (IFOS). Sotto la direzione del Nutrasource Diagnostics Inc. del Canada, un leader mondiale nella prova diagnostica omega-3 e nell'analisi di prodotto, il programma di IFOS misura la qualità dei prodotti omega-3 nel contesto delle norme globali sviluppate dal WHO e dal Consiglio per nutrizione responsabile (CRN), di un'associazione commerciale per i fornitori di supplemento e dei produttori. Stranamente, le norme di FDA per i contaminanti permissibili in olio di pesce sono il meno rigoroso di tutte queste organizzazioni.

Quando un laboratorio di terzi esegue un'analisi dei prodotti dell'olio di pesce per determinare se gli agenti attivi incontrano il reclamo dell'etichetta, i tecnici esaminano la presenza di contaminanti nel prodotto e controllano il tasso di dissoluzione (quanto velocemente i rilasci di prodotto nei limiti di un momento specifico), tra altre prove per vedere se c'è la purezza e la qualità.

Nella prova per il PWB, la diossina ed i livelli del furano, il servizio di prova di IFOS usa la tecnica altamente specializzata di spettrometria di massa di gascromatografia.25 il contenuto del omega-3 dell'olio di pesce inoltre sono provati come una percentuale di peso facendo uso delle tecniche avanzate di gascromatografia.26

Il mercurio delle prove di servizio di IFOS facendo uso della spettroscopia di assorbimento atomico del vapore acqueo di acqua fredda. I metalli pesanti quali arsenico, nichel, cadmio e piombo sono analizzati tramite digestione microonda-assistita in acido nitrico.

Dopo l'olio di pesce di presentazione al laboratorio di analisi più rigoroso, il programma di IFOS confronta il prodotto alle norme molto più rigorose che quelli stabiliti dal WHO o dal CRN. L'olio di pesce di prova a questi livelli più bassi lontani di rilevazione permette i consumatori un margine della sicurezza molto maggior. Per esempio, il Consiglio per la monografia volontaria di nutrizione responsabile permette un contenuto massimo del mercurio nei supplementi dell'olio di pesce di un decimo di una (0,10) parti per milione. Le prove di programma di IFOS il prodotto ad un limite di segnalazione ben maggior di 10 parti per miliardo per dimostrare ai consumatori un livello premio di purezza e di sicurezza del prodotto. Mentre la monografia volontaria di CRN permette un contenuto del PWB di massimo di 0,09 di una parte per milione, il prodotto delle prove di programma di IFOS livella ad un limite di segnalazione ancora maggior nelle parti per trilione per provvedere ad un margine della sicurezza molto maggior.

I prodotti del prolungamento della vita raggiungono il più alta valutazione

I supplementi dell'olio di pesce del prolungamento della vita superano l'analisi della prova del IFOS per la potenza di DHA e di EPA e la purezza, guadagni il più alta valutazione possibile, significando “un lotto eccezionale del prodotto.„

Le valutazioni sono basate sulla monografia volontaria di CRN standard o sulla norma del WHO in ciascuna delle quattro categorie indicate sotto.

  • Categoria 1: La concentrazione Omega-3 verifica i livelli del omega-3 del prodotto e confronta i risultati al reclamo dell'etichetta su una base di per-grammo.
  • Categoria 2: I contaminanti provano a mercurio, a PCBs, a diossine ed a furani ed elencano i totali per ogni tipo di prova con il limite di segnalazione usato e la conformità dell'agente inquinante del prodotto.
  • Categoria 3: L'ossidazione verifica il perossido e l'ossidazione totale per valutare la stabilità del prodotto.
  • Categoria 4: I metalli pesanti prova ad arsenico, a cadmio, a nichel ed a cavo.

Gli stati di rapporto di IFOS che i livelli di PCBs, di PCDDs (dibenzodiossine policlorate) e di PCDFs (dibenzo-furani policlorati) in olio di pesce del prolungamento della vita completa erano bene sotto il massimo permesso dal CRN e dal WHO. Inoltre, l'olio di pesce del prolungamento della vita non ha avuto mercurio, arsenico, piombo, nichel, o evidente contento del cadmio ed era sotto il punteggio massimo permesso del CRN per il perossido e l'ossidazione, dimostrante il livello elevato premio della purezza e della sicurezza.

Conclusione

Oggi, gli alti livelli dei contaminanti quale mercurio, PCBs e le diossine nel nostro ambiente e le acque fanno il cibo del pesce sicuro regolarmente una scelta dietetica potenzialmente rischiosa. Ciò non significa che le farine di pesce dovrebbero essere evitate. Gli studi pubblicati mostrano chiaramente le indennità-malattia per coloro che mangia il pesce. Il problema è che qualche gente sta eccedendolo e sta mangiando troppo dei generi sbagliati di pesce. Fortunatamente, la ricchezza delle indennità-malattia connesse con il consumo di pesce può verificarsi sicuro e prontamente dai supplementi premio dell'olio di pesce. Le norme di prova rigorose e l'attenzione ineguagliabile ad aiuto di qualità creano i prodotti sicuri e efficaci dell'olio di pesce per voi e la vostra famiglia.

Riferimenti

1. Waldman P. Mercury e tonno: Gli Stati Uniti consigliano i lotti delle foglie delle domande. Wall Street Journal. 1° agosto 2005.

2. MB di Covington. Acidi grassi Omega-3. Medico di Fam. 1° luglio 2004; 70(1): 133-40.

3. Disponibile a: http://www.usatoday.com/news/health/2004-12-15-fish-oil-usat_x.htm. 20 luglio 2005 raggiunto.

4. Disponibile a: http://www.cehn.org/cehn/WhatisPEH.html. 27 luglio 2005 raggiunto.

5. Weiss B, Landrigan PJ. Il cervello di sviluppo e l'ambiente: un'introduzione. Circondi la salute Perspect. 2000 giugno; 108 supplementi 3373-374.

6. MN di Jacobs, Covaci A, Gheorghe A, indagine di evoluzione cronologica di Schepens P. su PCBs, PBDEs e pesticidi organoclorati nei supplementi dietetici ricchi grassi poli-insaturi selezionati dell'olio di pesce dell'acido n-3 e dell'olio vegetale; rilevanza nutrizionale per i requisiti essenziali umani dell'acido grasso n-3. Alimento chim. di J Agric. 24 marzo 2004; 52(6): 1780-8.

7. Storelli millimetro, Storelli A, Marcotrigiano VA. Difenili policlorati, esaclorobenzene, isomeri dell'esaclorocicloesano e residui a base d'organocloro dell'antiparassitario negli integratori alimentari dell'olio di fegato di merluzzo. Alimento Prot di J. 2004 agosto; 67(8): 1787-91.

8. Disponibile a: http://www.inchem.org/documents/ehc/ehc/ehc101.htm. 28 luglio 2005 raggiunto.

9. Salonen JT, Seppanen K, Nyyssonen K, et al. assunzione di mercurio dal pesce, perossidazione lipidica ed il rischio di infarto miocardico e coronario, cardiovascolare e qualsiasi morte in uomini finlandesi orientali. Circolazione. 1° febbraio 1995; 91(3): 645-55.

10. TH di Virtanen JK, di Voutilainen S, di Rissanen, et al. Mercury, oli di pesce e rischio di eventi e malattia cardiovascolare coronaria acuta, coronaropatia e mortalità per tutte le cause in uomini in Finlandia orientale. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2005 gennaio; 25(1): 228-33.

11. Nierenberg DW, Nordgren CON RIFERIMENTO A, MB di Chang, et al. malattia e morte cerebellari in ritardo dopo esposizione accidentale a dimethylmercury. Med di N Inghilterra J. 4 giugno 1998; 338(23): 1672-76.

12. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Il mercurio del sangue livella in bambini piccoli e negli stati donna-uniti gravidanza-vecchi, 1999-2002. Rappresentante di Wkly del mortale di MMWR Morb. 5 novembre 2004; 53(43): 1018-20.

13. Disponibile a: http://www.cfsan.fda.gov/~dms/admehg3.html. 19 luglio 2005 raggiunto.

14. Disponibile a: alimento/surveillance_food_summarydioxins.asp di http://www.fsai.ie/surveillance/. 28 luglio 2005 raggiunto.

15. Disponibile a: http://www.epa.gov/opptintr/pbt/dioxins.htm. 28 luglio 2005 raggiunto.

16. Congeners del difenile policlorato di Glynn aw, di Atuma S, di Aune m., di Darnerud PO, di Cnattingius S. come indicatori degli equivalenti tossici dei difenili policlorati, dibenzo-p-diossine e dibenzofurani in latte materno. Circondi la ricerca. 2001 luglio; 86(3): 217-28.

17. Disponibile a: http://europa.eu.int/comm/ food/fs/sc/scf/out90_en.pdf. 28 luglio 2005 raggiunto.

18. Disponibile a: http://www.epa.gov/opptintr/pcb/effects.html. 28 luglio 2005 raggiunto.

19. Jacobson JL, interruttore di Jacobson. Il danno intellettuale in bambini ha esposto ai difenili policlorati in utero. Med di N Inghilterra J. 12 settembre 1996; 335(11): 783-9.

20. Disponibile a: http://www.foodsafetynetwork.ca/pesticides/endocrine-disruptors.htm. 28 luglio 2005 raggiunto.

21. Rignell-Hydbom A, Rylander L, Giwercman A, et al. esposizione a PCBs ed alla p, p'-DDE ed integrità umana della cromatina dello sperma. Circondi la salute Perspect. 2005 febbraio; 113(2): 175-9.

22. MN di Jacobs, Covaci A, Schepens P. Investigation sugli agenti inquinanti organici persistenti selezionati in salmone atlantico coltivato (salmo Salar), nell'alimentazione di color salmone di acquacoltura e nelle componenti dell'olio di pesce dell'alimentazione. Circondi Sci Technol. 1° luglio 2002; 36(13): 2797-805.

23. Il RA di Hites, Foran JA, carpentiere FA, et al. valutazione globale dei contaminanti organici in salmone d'allevamento. Scienza. 9 gennaio 2004; 303(5655): 226-9.

24. Melanson SF, EL di Lewandrowski, inondazione JG, KB di Lewandrowski. Misura degli organoclorati nelle preparazioni non quotate in borsa commerciali dell'olio di pesce: implicazioni per le raccomandazioni dietetiche e terapeutiche per gli acidi grassi omega-3 e una rassegna della letteratura. Med del laboratorio di Pathol dell'arco. 2005 gennaio; 129(1): 74-7.

25. Disponibile a: http://www.umd.umich.edu/casl/natsci/slc/slconline/GC/sld001.htm. 28 luglio 2005 raggiunto.

26. Disponibile a: http://www.nutrasource.ca/ifos_new/index.cfm?section=ifostesting. 28 luglio 2005 raggiunto.