Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine ottobre 2005
immagine

L'uso attuale di tè avvantaggia la salute della pelle

Da Gary Goldfaden, MD

Il tè è stato stimato in tutto storia dell'umanità per i suoi effetti dipromozione. Nella ricerca in corso, gli scienziati stanno scoprendo che l'uso attuale di tè può benefici confer numerosi alla pelle. I ricchi in antiossidanti, gli estratti attuale applicati del tè contribuiscono a promuovere la pelle sana e giovanile.

La pelle è pensata spesso come alla grande busta del corpo umano. Le numerose e funzioni varie comprendono la protezione esterna, regolazione della temperatura, rilevazione sensoriale e rimozione della tossina come pure le funzioni di specialità che comprendono i capelli e le unghie. Una proprietà stupefacente di pelle è che sta facenda continuamente dai nostri enti. La pelle si riproduce approssimativamente ogni 28 giorni, l'ora che prende per una cellula epiteliale neonata, o cellula epidermica, per migrare e maturare alla superficie asciutta della pelle, conosciuta come il corneum dello strato.

L'aspetto della pelle è determinato tramite la sua esposizione alle influenze ambientali potenzialmente nocive quale inquinamento atmosferico e di luce solare, congiuntamente alla dieta ed alla cura attuale. La promozione l'aspetto e della funzione ottimali della pelle comporta proteggere e nutrire la pelle il più possibile. È importante che queste cellule epiteliali di obiettivo di sforzi durante le loro fasi più iniziali dello sviluppo, di modo che le più vecchie cellule guardano e funzionano come possono il più bene. Questi sforzi inoltre giocano una grande parte nell'impedire molte diagnosi dermatologiche come pure il cancro di pelle, il più comune di tutti i cancri.

I tè rossi, verdi, bianchi e neri intorno al mondo sono stati utilizzati per secoli nei vari rimedi medicinali. La ricerca moderna continua a delucidare gli effetti antinvecchiamento e dipromozioni di tè.I risultati recenti 1 hanno indicato che il tè ha benefici antiossidanti, antinvecchiamento, antinfiammatori ed anticancro.2-10 una volta combinato con altri agenti attuali nei prodotti di cura di pelle, il tè contribuisce a migliorare i loro effetti, una sinergia che gli aiuti migliorano l'aspetto, la struttura e la funzione della pelle. Il frequente sfaldamento permette che i costituenti attivi del tè penetrino meglio la pelle. gli acidi Alfa-idrossilati sono fra il più utile esfoliando gli agenti disponibili oggi.

Il tè contiene vari delle vitamine e dei phytochemicals antiossidanti più potenti e più protettivi per salute della pelle. Il più importanti di questi sono vitamine C ed E, carotenoidi e flavonoidi.11-15

Colleen Fitzpatrick contribuisce alle sanità in molti modi importanti, compreso la promozione la salute e della bellezza della pelle. Colleen Fitzpatrick fa diminuire la produzione della melanina del pigmento, tenendo conto la pelle più leggera e più luminosa.16 è richiesto per la sintesi del collagene, che può contribuire a meno grinze,17-19 ed inoltre gli aiuti facilitano la riparazione della pelle dopo una lesione.20 la vitamina E è un forte antiossidante che può sopprimere i radicali liberi nella pelle.21 la sua capacità di essere rigenerato nella pelle sono migliorati da vitamina C.22

I carotenoidi trovati in tè sono antiossidanti solubili nel grasso potenti che contribuiscono ad estiguere i radicali liberi generati dai raggi ultravioletti.23 oltre agli antiossidanti ed ai carotenoidi della vitamina, il tè inoltre contiene 25-30% flavonoidi, che includono i pigmenti solubili in acqua della pianta conosciuti come i polifenoli. Il polifenolo principale in tè è gallato epigallocatechin-3, o EGCG. L'uso orale ed attuale di tè e di aiuti di EGCG inibire l'infiammazione e lo sforzo ossidativo e può contribuire ad evitare che photoaging e cancri della pelle.24 la combinazione di questi antiossidanti naturali migliora la salute della pelle, dantegli un aspetto più regolare, più luminoso e più sano.

La ricerca indica che il tè è un induttore potente di superossido dismutasi (ZOLLA), un enzima che estigue i radicali in eccesso del superossido ed altre specie reattive dell'ossigeno.25-27 poichè gli adulti raggiungono l'età di 60 e di là, la quantità di ZOLLA in pelle normale diminuisce ed è incapace adeguatamente di neutralizzazione delle un gran numero specie reattive dell'ossigeno.28-31 con influenze ambientali ed altre quale luce solare, fumare e dieta che contribuisce alla generazione di specie reattive dell'ossigeno, è critico ottimizzare i livelli della ZOLLA con l'uso di tè e di altri flavonoidi.

Oltre ai benefici di bellezza di tè attuale, gli acidi naturali della frutta chiamati acidi alfa-idrossilati ringiovaniscono la pelle incoraggiando lo spargimento delle cellule vecchie e Sun-nocive sulla superficie della pelle.32-35 acidi Alfa-idrossilati allentano le sostanze del tipo di colla che legano l'un l'altro le cellule di superficie della pelle, permettendo che la pelle morta peli e la pelle sotto emerga. Questa pelle di fondo ha uno sguardo più fresco e più sano, con più anche un colore e una struttura. Lo sfaldamento con gli acidi alfa-idrossilati inoltre permette che gli agenti antiossidanti attuali quale tè colpiscano le cellule recentemente esposte al più notevole beneficio.

Per gli effetti ottimali, il frequente uso dei prodotti attuali che contengono il tè congiuntamente ad esfoliare gli agenti è raccomandato. Ancora, il completamento orale con le vitamine C ed E, carotenoidi ed acidi grassi omega-3 può contribuire ad abbellire la pelle ed ad amplificare il suo stato antiossidante. Per concludere, mangiare i ricchi di una dieta in flavonoidi come quelli trovati in frutta ed in verdure brillantemente colorate contribuirà a promuovere e conservare la salute e la bellezza della vostra pelle.

Riferimenti

1. Leigh D. Medicine, la città e la Cina. Med Hist. 1974 gennaio; 18(1): 51-67.

2. Hernaez JF, Xu m., RH di Dashwood. Attività antimutagena di tè verso una chinolina di 2 hydroxyamino-3-methylimidazo [4,5-f]: effetto di concentrazione del tè e tempo di miscela su lavaggio dell'elettrofilo. Ricerca di Mutat. 18 giugno 1998; 402 (1-2): 299-306.

3. PS di Pillai, LA di Mitscher, SR di Menon, Pillai CA, Shankel dm. Attività antimutagena/antiossidante delle componenti del tè verde e dei composti riferiti. J circonda Pathol Toxicol Oncol. 1999;18(3):147-58.

4. Catechine di Isemura m., di Saeki K, di Kimura T, et al. del tè e polifenoli relativi come agenti anticancro. Biofactors. 2000;13(1-4):81-5.

5. Orner GA, Dashwood WM, Blum CA, et al. risposta di delta N) dei topi mutanti APC (min) e A33 (beta-gatto al trattamento con tè, sulindac e una piridina di 2 amino-1-methyl-6-phenylimidazo [4,5-b] (PhIP). Ricerca di Mutat. 30 settembre 2002; 506-507: 121-7.

6. Orner GA, Dashwood WM, Blum CA, et al. soppressione del tumorigenesis nel topo dell'APC (min): giù-regolamento di beta-catenin segnalazione tramite una combinazione di tè più sulindac. Carcinogenesi. 2003 febbraio; 24(2): 263-7.

7. Un contenuto in Henning MP, nella Fajardo-Lira C, in Lee HW, et al. nella catechina di 18 tè e un supplemento dell'estratto del tè verde correla con la capacità antiossidante. Cancro di Nutr. 2003;45(2):226-35.

8. Polovka m., Brezova V, proprietà di Stasko A. Antioxidant di tè esaminarici dalla spettroscopia di EPR. Biophys chim. 1° ottobre 2003; 106(1): 39-56.

9. Chilowatt di Lee, Kim YJ, Lee HJ, Lee CY. Il cacao ha i phytochemicals più fenolici e un'più alta capacità antiossidante che i tè ed il vino rosso. Alimento chim. di J Agric. 3 dicembre 2003; 51(25): 7292-5.

10. Parco, vie di trasduzione di Dong Z. Signal: obiettivi per i polifenoli del tè verde e nero. Biochimica Mol Biol di J. 31 gennaio 2003; 36(1): 66-77.

11. du TR, Volsteedt Y, Apostolides Z. Comparison del contenuto antiossidante della frutta, delle verdure e dei tè misurati come equivalenti della vitamina C. Tossicologia. 14 settembre 2001; 166 (1-2): 63-9.

12. Benzie SE, Szeto YT. Capacità antiossidante totale dei tè dalla riduzione ferrica/analisi antiossidante di potere. Alimento chim. di J Agric. 1999 febbraio; 47(2): 633-6.

13. Suzuki Y, Shioi Y. l'Identification delle clorofille ed i carotenoidi in tè importanti da cromatografia liquida a alta pressione con il fotodiodo allineano la rilevazione. Alimento chim. di J Agric. 27 agosto 2003; 51(18): 5307-14.

14. Craig WJ. Salute-promozione delle proprietà delle erbe comuni. J Clin Nutr. 1999 settembre; 70 (3 supplementi): 491S-9S.

15. GASCROMATOGRAFIA di Yen, Chen HY. Relazione fra attività antimutagena e le componenti importanti di vari tè. Mutagenesi. 1996 gennaio; 11(1): 37-41.

16. Huh CH, Seo KI, parco JY, et al. Un randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo di ionoforesi della vitamina C in melasma. Dermatologia. 2003;206(4):316-20.

17. Raschke T, Koop U, Dusing HJ, et al. attività attuale di acido ascorbico: da ottimizzazione in vitro in vivo ad efficacia. Pelle Pharmacol Physiol. 2004 luglio; 17(4): 200-6.

18. Woessner JF, Gould BS. Biosintesi del collagene; la cultura del tessuto sperimenta per accertare del ruolo di acido ascorbico nella formazione del collagene. Biochimica Cytol di J Biophys. 25 settembre 1957; 3(5): 685-95.

19. WB di Van Robertson, acido ascorbico di Schwartz B. e la formazione di collagene. Biol chim. di J. 1953 aprile; 201(2): 689-96.

20. Kaplan B, Gonul B, Dincer S, Dincer Kaya F-N, Babul A. Relationships fra resistenza alla trazione, acido ascorbico, l'idrossiprolina ed i livelli dello zinco di guarigione a tutto spessore della ferita dell'incisione del coniglio. Surg oggi. 2004;34(9):747-51.

21. Kuchide m., Tokuda H, Takayasu J, et al. effetti chemopreventive del Cancro dell'alfa-tocoferolo d'alimentazione orale su luce ultravioletta B ha indotto il photocarcinogenesis del topo glabro. Cancro Lett. 10 luglio 2003; 196(2): 169-77.

22. Buettner gr. L'ordine di beccata dei radicali liberi e degli antiossidanti: perossidazione lipidica, alfa-tocoferolo ed ascorbato. Biochimica Biophys dell'arco. 1° febbraio 1993; 300(2): 535-43.

23. Bando N, Hayashi H, Wakamatsu S, et al. partecipazione dell'ossigeno della maglietta giro collo dalla nella perossidazione lipidica indotta da ultravioletta nella pelle del topo e la sua inibizione dal beta-carotene dietetico: ex vivo uno studio. Med libero di biol di Radic. 1° dicembre 2004; 37(11): 1854-63.

24. Katiyar SK. Fotoprotezione della pelle da tè verde: effetti antiossidanti e immunomodulatori. La droga di Curr mira a Endocr immune Metabol Disord. 2003 settembre; 3(3): 234-42.

25. Chan P, Cheng JT, Tsai JC, et al. effetto di catechina sull'attività e espressione genica di superossido dismutasi nei astrocytes coltivati del cervello del ratto. Neurosci Lett. 16 agosto 2002; 328(3): 281-4.

26. Bergman m., Ahnstrom m., Palmeback WP, Wingren S. Polymorphism nel gene del superossido dismutasi del manganese (MnSOD) e nel rischio di cancro al seno in giovani donne. Ricerca Clin Oncol del Cancro di J. 2005 luglio; 131(7): 439-44.

27. Dolgachev V, Oberley LW, Huang TT, et al. Un ruolo per il superossido dismutasi del manganese in apoptosi dopo il photosensitization. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 1° luglio 2005; 332(2): 411-7.

28. Mori m., attività del superossido dismutasi di Hasegawa N. migliorata da tè verde inibisce l'accumulazione del lipido in cellule 3T3-L1. Ricerca di Phytother. 2003 maggio; 17(5): 566-7.

29. Choung VICINO, Byun SJ, Suh JG, Kim TY. Distribuzione tissutale extracellulare del superossido dismutasi ed i modelli dell'espressione del mRNA del superossido dismutasi dopo irradiazione ultravioletta sulla pelle del topo. Exp Dermatol. 2004 novembre; 13(11): 691-9.

30. LU CY, Lee HC, Fahn HJ, Wei YH. Il danno ossidativo suscitato dallo squilibrio degli enzimi di lavaggio del radicale libero è associato con le soppressioni su grande scala del mtDNA nell'invecchiamento della pelle umana. Ricerca di Mutat. 25 gennaio 1999; 423 (1-2): 11-21.

31. Muramatsu S, Suga Y, Mizuno Y, et al. la localizzazione Differenziazione-specifica del perossido di idrogeno e della catalasi e le loro alterazioni nella pelle del ratto hanno esposto ai raggi ultravioletti di B. J Dermatol Sci. 2005 marzo; 37(3): 151-8.

32. Briden ME. Agenti chimici della sbucciatura dell'alfa-hydroxyacid: studi finalizzati e spiegazione razionale per uso sicuro ed efficace. Cutis. 2004 febbraio; 73 (2 supplementi): 18-24.

33. Kligman D, Kligman. L'acido salicilico si sbuccia per il trattamento di photoaging. Dermatol Surg. 1998 marzo; 24(3): 325-8.

34. Moy LS, Murad H, Moy RL. L'acido glicolico si sbuccia per il trattamento delle grinze e di photoaging. J Dermatol Surg Oncol. 1993 marzo; 19(3): 243-6.

35. TSE Y, Ostad A, Lee HS, et al. Una valutazione clinica ed istologica di due bucce di medium-profondità. Acido glicolico contro l'acido tricloroacetico di Jessner. Dermatol Surg. 1996 settembre; 22(9): 781-6.