Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine settembre 2005
immagine

Proteggendo il vostro DNA dalle mutazioni letali

Da Dave Tuttle

“Il Cancro deriva dall'accumulazione delle mutazioni in geni che regolano la proliferazione cellulare.„
Fonte: Haber D. Roads che conduce al cancro al seno. Med di N Inghilterra J. 2000 23 novembre; 343(21): 1566-8.

Anche medici hanno una comprensione di difficoltà che la maggior parte dei cancri sono causati dalle mutazioni in geni che regolano la divisione cellulare.

Gli agenti mutageni vengono da varie fonti, compreso il fumo di tabacco e gli agenti inquinanti ambientali. L'agente mutageno cancerogeno di numero-un, tuttavia, è la nostra dieta.

Fortunatamente, gli scienziati hanno identificato i nuovi metodi per disintossicare e minimizzare l'impatto di questi agenti mutageni sui nostri geni.

Ogni giorno, siamo circondati dalle tossine ambientali che variano dallo scarico di automobile ai veleni liberati durante il lavaggio a secco dei vestiti e dei prodotti chimici del tipo di estrogeno nell'involucro di plastica che copre il nostro alimento. Questi prodotti chimici possono avere effetti pericolosi sul trucco stesso del nostro DNA.

L'alimento di Barbequing produce le amine eterocicliche mutagene. La frittura, cuocere e la torrefazione degli alimenti ricchi in carboidrati quali le patate creano l'acrilamide, che è un agente cancerogeno conosciuto in animali. Appena respirare l'aria ci espone ad una diga costante dei sottoprodotti chimici dai processi industriali.

A causa di queste influenze, è critico approntare le misure preventive per amplificare le difese del vostro corpo contro l'assalto continuo degli agenti mutageni che ci circondano.

Sistemi degli enzimi di disintossicazione

Il corpo umano ha parecchi sistemi per la disintossicazione della selezione grande dei prodotti chimici sintetici conosciuti come il xenobiotici-tale come antiparassitari e l'altro straniero composto-che sono trovati nel nostro ambiente.1 questi sistemi di disintossicazione può inoltre eliminare i prodotti finiti tossici dei processi metabolici naturali come pure le endotossine batteriche prodotte all'interno del corpo. I due sistemi principali usati dall'ente sono conosciuti come la fase I e fase II. Questo sistema bifase è necessario perché molti xenobiotici sono solubili nel grasso e deve essere convertito in molecola solubile in acqua che può poi essere espelsa nell'urina o nella bile.

Mentre questi sistemi di disintossicazione sono abbastanza complessi, le loro caratteristiche generali sono ragionevolmente facili da capire.

Le molecole hanno prodotto durante la fase che posso essere più tossico delle molecole originali. Ciò è perché i gruppi reattivi che si aggiungono alle molecole originali permettono a queste molecole intermedie di funzionare come i radicali liberi nel fegato, con tutto il loro danno potenziale. A condizione che il sistema di fase II sta funzionando bene, il processo di conversione si presenterà rapidamente e senza danneggiamento eccessivo del corpo. Tuttavia, come con molti processi corporei, l'efficienza di questi sistemi di disintossicazione può essere diminuita mentre invecchiamo. Inoltre, la genetica colpisce la disintossicazione, con qualche gente che è metabolizzatori “rapidi„ ed altre “rallentano„ i metabolizzatori. Ciò evidenzia la necessità di massimizzare l'efficacia delle fasi I ed II con il completamento nutrizionale e rinforza la necessità del mantenimento dei rifornimenti ampi degli antiossidanti e di altre sostanze nutrienti fegato-protettive nel corpo.

Una delle ragioni per cui i prodotti agrochimici sono così nocivi agli esseri umani è che possono provocare la distruzione sul sistema della disintossicazione del corpo. Per esempio, il diserbante popolare Roundup® contiene il gly-phosate, un composto che diminuisce la funzione del citocromo P450 ed altri due enzimi che sono vitali per disintossicazione.Altri 2 prodotti chimici usati per alzare l'alimento hanno simili impatti ed è l'esposizione difficile da evitare a questi agenti mutageni comuni.

Mentre varie sostanze nutrienti fungono da cofattori essenziali nella disintossicazione, quattro sono stati trovati direttamente per migliorare la fase I o la fase II: curcumina, chlorophyllin, wasabi ed estratto dei broccoli.

La curcumina impedisce il danno di mutazione

Uno di anti-agenti mutageni più efficaci è curcumina, un phytonutrient derivato dalla curcuma indiana della spezia, l'ingrediente principale in curry. La curcumina di termine generale realmente si riferisce ad un gruppo di pigmenti polifenolici della pianta che sono responsabili del colore giallo canarino caratteristico della curcuma e virtualmente tutte le sue proprietà utili.

La curcuma ha svolto un ruolo importante nel sistema di Ayurvedic di medicina olistica per secoli. Un membro della famiglia di zenzero, ha una reputazione per infiammazione d'acquietamento e mali vari di guarigione che variano dalle ulcere all'artrite. La curcuma è un rimedio popolare allo stomaco turbato in tutto l'Asia ed è stata indicata per avere numerosi benefici cardiovascolari, in parte perché riduce i livelli di colesterolo totali ed inibisce l'ossidazione di LDL (lipoproteina a bassa densità).

Nell'ultima decade, gli scienziati hanno scoperto che la curcumina può anche contribuire a proteggere dal gran numero di agenti mutageni nel nostro ambiente. Studio dopo che lo studio ha indicato che queste tossine ambientali sono spesso un legame diretto allo sviluppo del cancro in esseri umani. Per esempio, le amine eterocicliche sono agenti mutageni potenti generati durante la cottura della carne e del pesce. alcuni di questi composti hanno prodotto i tumori una volta dati agli animali da esperimento ai dosaggi che gli esseri umani potrebbero ottenere dalle loro diete.3 uno studio all'università del Panjab dell'India hanno esplorato i benefici di curcumina e due dei suoi analoghi, demethoxycurcumin e Banca dei Regolamenti Internazionali-demethoxycurcumin, nell'opposizione degli effetti di sette di queste amine eterocicliche. I ricercatori hanno trovato che la curcumina ha inibito la mutagenicità vicino fino a 80% contro tutti agenti mutageni provati in cibo cotto.4

Parecchi studi hanno trovato che il completamento della curcumina può ridurre la probabilità di tumore del colon. In uno studio di un anno dei ratti al fondamento americano di salute, gli scienziati hanno indotto la carcinogenesi nel colon con il azoxymethane mutageno della droga.5 a cinque settimane dell'età, i ratti sono stati divisi nei gruppi che sono stati alimentati le diete con o senza curcumina. Due settimane più successivamente, l'amministrazione della droga ha cominciato. Dopo 52 settimane, i ratti sono stati sacrificati ed i loro tumori colici valutate. I risultati hanno indicato che l'amministrazione dietetica di curcumina ha inibito significativamente l'incidenza di tutti i carcinoma dei due punti (sia dilagante che non invadente). Il regime della curcumina inoltre ha soppresso il volume medio del tumore dei due punti da 57% confrontato alla dieta di controllo. Inoltre sono stati trovati i livelli riduttori di determinate prostaglandine, indicanti che la curcumina parzialmente aveva bloccato il metabolismo di acido arachidonico, che produrrebbe normalmente l'infiammazione.

Curcuma (longa di Curcume)

Gli studi supplementari da questo stesso gruppo di ricerca hanno rivelato che la curcumina è inoltre efficace a ridurre la carcinogenesi dei due punti anche quando dato soltanto durante la fase progressione/di promozione della malattia.6 questo sono un'individuazione significativa, poichè è una cosa per ridurre un cancro sperimentalmente indotto quando la curcumina è nel corpo da cominciare con ed abbastanza un altro se prova efficace quando il completamento comincia dopo che il cancro già si è sviluppato. La progettazione di questo esperimento era simile a quella più iniziale, salvo che la curcumina si è aggiunta più successivamente alla dieta di controllo 14 settimane per dare il momento del azoxymethane di produrre un cancro più avanzato. Malgrado il vantaggio acquisito all'inizio di una gara delle 14 settimane della droga, la percentuale degli animali con i tumori ed il numero dei tumori per animale entrambi in diminuzione significativamente nel gruppo curcumina-completato hanno confrontato al gruppo di controllo.

Inoltre, gli scienziati hanno trovato la prova degli apoptosi aumentati, che sono la morte programmata delle cellule anormali. Le cellule tumorali possono spesso ingannare il sistema immunitario del corpo nel permetterli di restare vivi malgrado la loro natura maligna. La curcumina poteva promuovere gli apoptosi ad un dosaggio di appena 0,2% della dieta. Infatti, una volta confrontata al gruppo di controllo, la percentuale delle cellule che esibiscono gli apoptosi quasi si è raddoppiata (9,2% contro 5,3%) negli animali che hanno cominciato prendere la curcumina prima che l'amministrazione della droga cominciasse. Quelli che hanno dovuto prendere ancora con la droga hanno avuti un tasso rispettabile di apoptosi (7,6%, o 43% superiore ai comandi). Gli autori hanno concluso che gli apoptosi sono uno dei meccanismi da cui la curcumina fa il suo lavoro, sebbene la capacità dell'erba di inibire il metabolismo dell'acido arachidonico e ridurre la proliferazione delle cellule fosse inoltre fattori importanti. Eppure, la differenza osservata nei tassi di apoptosi sottolinea l'importanza di intraprendere l'azione preventiva cominciando l'uso della curcumina prima che gli agenti mutageni abbiano una probabilità promuovere il cancro nel corpo.

La curcumina ha provato la sua efficacia contro altri cancri pure. Due studi a Chiang Mai University della Tailandia hanno trovato che la curcumina dietetica ha ridotto la formazione del tumore di pelle in topi dopo l'applicazione di un prodotto chimico mutageno.7,8 di più dei topi ingerire la curcumina è rimanere esente dai tumori che i topi nel gruppo di controllo e quelle che hanno sviluppato i tumori hanno avute i meno e quei più piccoli che i comandi. L'assunzione della curcumina inoltre ha fatto diminuire significativamente l'espressione degli oncogeni cancerogeni. Gli esperimenti in vitro dimostrano che l'erba amplifica l'efficacia della vinblastina del farmaco anticancro contro una linea cellulare umana multidrug-resistente del cancro cervicale,9 ed inibisce la crescita di ormone-dipendente, dell'ormone-indipendente e delle cellule di cancro al seno multi-droga-resistenti.10 con i risultati positivi come questi, gli studi umani più a lungo termine sono autorizzati chiaramente per confermare i benefici della curcumina nel trattamento del cancro.

Curcumina

Il meccanismo della curcumina di azione

La curcumina ha molti meccanismi differenti di azione. Amplifica l'attività della S-transferasi del glutatione, un enzima importante di fase II.11 uno studio giapponese in topi hanno trovato che il completamento orale (2% della dieta) ha migliorato l'attività di questo enzima entro 170% nel fegato e 110% nel rene.La curcumina 12 inoltre inibisce la produzione della sintasi dell'ossido di azoto ed è un organismo saprofago potente dei radicali liberi.13 studi specificamente hanno confermato la sua azione contro l'ossigeno del radicale e della maglietta giro collo del superossido.14,15 entrambe specie reattive dell'ossigeno hanno considerevoli proprietà mutagene. Infatti, l'effetto protettivo della curcumina contro l'ossigeno della maglietta giro collo era maggior di quello degli antiossidanti ben noti quali acido lipoico, l'alfa tocoferolo ed il beta-carotene. La curcumina inoltre giù-regola i vari ricevitori ed i fattori di trascrizione di fattore di crescita, oltre ad avere proprietà antinfiammatorie.16 dato questi numerosi meccanismi di azione, non è sorpresa che la curcumina è così efficace anti-mutageno.

Chlorophyllin inibisce la mutagenicità

La clorofilla è il pigmento verde in piante che funge da ricevitore nella fotosintesi, dal il processo guidato da luminosa tramite cui l'anidride carbonica è convertita in carboidrati ed in acqua, permettendo alla pianta di vivere. Chlorophyllin, un sodio/derivato del rame di clorofilla, ha il beneficio di essere solubile in acqua, permettendo che sia trasportato facilmente nel sangue. Inoltre ha proprietà anti-cancerogene.

Parecchi studi hanno dimostrato l'efficacia dei chlorophyllin. In un esperimento con i batteri, la sostanza nutriente si è aggiunta alle capsule di Petri che contengono le sostanze che producono normalmente le mutazioni, quali manzo fritto, maiale fritto, il fumo della sigaretta, la polvere di carbone e la mutagenicità inibita Chlorophyllin diesel dell'emissione particles.17 da un minimo di 75% e vicino fino a 100%. L'esperimento inoltre ha rivelato che il chlorophyllin è termostabile. Mentre il meccanismo preciso degli elementi nutritivi di azione è sconosciuto, gli autori notano che è un antiossidante e suggeriscono che il lavaggio dei radicali liberi o della sua interazione con il gruppo attivo di composti mutageni sia responsabile della sua attività anti-mutagena.

Parecchi studi in roditori confermano questi risultati. Un esperimento europeo con i ratti ha trovato che il chlorophyllin ha fatto diminuire significativamente il numero dei tumori dei due punti prodotti da un prodotto chimico mutageno una volta aggiunto all'acqua potabile ad una concentrazione di 1%.18 ancora migliore, il chlorophyllin ha provato efficace una volta cominciato cinque settimane dopo che i prodotti chimici cancerogeni sono stati dati ai ratti a questa stessa concentrazione, con conseguente riduzione relativa alla dose dei tumori del fegato.19 uno studio in cellule murine del midollo osseo hanno rivelato che la sostanza nutriente ha prodotto un declino di 80% nella cinetica di proliferazione delle cellule in 24 ore una volta data simultaneamente con l'agente mutageno.20

Uno studio all'università di Stato dell'Oregon ha trovato che il chlorophyllin promuove gli apoptosi in cellule di tumore del colon umane.21 queste cellule hanno subito l'arresto e gli apoptosi di crescita dopo appena 24 ore dell'esposizione alla sostanza nutriente. Gli scienziati hanno notato un'attenuazione di potenziale di membrana mitocondriale, conducente ad un rilascio del fattore d'induzione dai mitocondri e dall'attivazione degli eventi a valle successivi che conducono alla distruzione delle cellule. Secondo i ricercatori, il chlorophyllin inoltre può formare i complessi molecolari, che possono contribuire alle sue proprietà anti-mutagene potenti.

Continuato alla pagina 2 di 2