Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine settembre 2005
immagine

Proteggendo il vostro DNA dalle mutazioni letali

Da Dave Tuttle

Il Wasabi combatte gli agenti cancerogeni

Il japonica del Wasabi è un membro del brassica, o crocifero, famiglia delle verdure, che include il cavolo, i broccoli, il cavolfiore, il cavolo cinese, rafano ed altre 10 piante. Queste verdure aggiungono lo scricchiolio ed il sapore ai pasti e lungamente sono state riconosciute come parti importanti di dieta sana a causa del loro contenuto della fibra. La ricerca recente ha rivelato, tuttavia, che ci sono molto più a queste verdure che la mera fibra. Contengono gli alti livelli dei glucosinolati, un gruppo di composti che sono convertiti in isothiocyanates dalla mirosinasi degli enzimi quando le cellule vegetali sono danneggiate raccogliendo, tagliando, o masticando. È i isothiocyanates che danno a queste verdure i loro sapori di sharp. Il Wasabi, il verde, rafano pungente servito solitamente con i sushi, è una delle fonti più potenti di isothiocyanates fra tutte le specie della pianta.

I isothiocyanates fanno più del sapore ad un pasto. Uno studio giapponese ha trovato che l'isotiocianato dell'allilico ha azioni antiossidanti significative, specialmente contro il radicale del superossido.22 secondo gli autori, questo fitochimico inoltre ha un effetto inibitorio sulla crescita dei batteri e dei funghi di intossicazione alimentare e l'attività anti-mutagena indicata contro un agente cancerogeno comune ha trovato in pesce e carne cotti alla griglia.

Altri tre giapponesi studiano i benefici drammatici scoperti dall'isotiocianato di methylsulfinyhexyl 6, o 6-MITC. I ricercatori all'università di Nagoya del Giappone hanno trovato 6-MITC per essere un induttore potente della S-transferasi del glutatione, uno degli enzimi di disintossicazione di fase più importanti II, dovuto la sua alta reattività.23 6-MITC inoltre sono stati indicati per inibire la proliferazione delle cellule in leucemia e cellule di tumore dello stomaco umane in vitro promuovendo gli apoptosi in 24 ore.24,25 questo possono sopprimere la crescita dei tumori preclinici e contribuire ad un'incidenza in diminuzione di cancro. Gli scienziati all'istituto universitario di Kanazawa Gakuin del Giappone hanno imparato che 6-MITC ha simili proprietà contro le cellule del melanoma e del cancro al seno, influenzanti non solo la crescita delle cellule ma anche la sopravvivenza delle cellule.26 gli autori hanno concluso che a causa dei dosaggi bassi richiesti, 6-MITC ha il potenziale di controllare le cellule tumorali di tutti i tipi.

L'importanza di 6-MITC inoltre è stata dimostrata negli esperimenti con i ratti ed i topi. I ricercatori giapponesi hanno scoperto che 6-MITC orale è assorbito facilmente e rapidamente entra nell'apparato circolatorio, raggiungente un livello massimo in 30 minuti.27 livelli ematici poi diminuiscono relativamente lentamente, permettendo che stimoli i livelli elevati della S-transferasi del glutatione per i periodi estesi. Gli esperimenti supplementari hanno trovato che i isothiocyanates inibiscono il polmone del ratto, l'esofago, la ghiandola mammaria, il fegato, l'intestino tenue, i due punti e il tumorigenesis della vescica.28-30 questi risultati hanno condotto i ricercatori a considerare i isothiocyanates per come agenti chemopreventive del cancro disponibile facilmente.

Poiché coltivare il wasabi è complessa e che richiede tempo e le rizome fresche di japonica del Wasabi (radici) sono molto costose, la maggior parte dei ristoranti sostituiscono meno rafano europeo costoso, aggiungendo il colore verde e un tocco di wasabi reale per sapore. Il rafano europeo, tuttavia, non contiene la diversità del wasabi dei isothiocyanates. Mentre divide molti dei isothiocyanates a catena corta, il rafano europeo manca dei isothiocyanates della lungo-catena, compreso 6-MITC. La maggior parte delle altre verdure nella famiglia del brassica sono inoltre carenti in questi isothiocyanates della lungo-catena, in modo da è duro raggiungere tutti i benefici potenziali di questi phytochemicals dalle fonti dietetiche. Inoltre, cucinare queste verdure provoca la degradazione sostanziale dell'enzima di conversione della mirosinasi. Ciò rende al completamento del wasabi un'opzione attraente.

Estratto dei broccoli: Ricchi in Anti-agenti mutageni

I broccoli sono una fonte abbondante di glucosinolati, che sono convertiti enzimaticamente in isothiocyanates. Nel corpo, i isothiocyanates in broccoli amplificano la produzione di parecchi enzimi di disintossicazione di fase II, migliorano lo stato antiossidante e proteggono gli animali da cancro chimicamente indotto.31 di conseguenza, i dietisti raccomandano di consumare i broccoli e le simili verdure almeno tre volte un la settimana. Gli estratti concentrati di broccoli gli permettono di amplificare la vostra assunzione di questi composti utili ancor più.

Uno dei isothiocyanates primari in broccoli è sulforaphane. Nei numerosi studi, questo prodotto chimico della pianta ha dimostrato le azioni anti-cancerogene. In un esperimento in vitro con le cellule di cancro del fegato del topo, il sulforaphane ha sollevato i livelli di enzimi di disintossicazione II, di S-transferasi del glutatione e di riduttasi bifasi della chinina.32 gli autori hanno concluso che la capacità dei sulforaphane di elevare questi enzimi può essere una componente significativa dell'azione anticancro del broccolo.

Uno studio agli effetti dei sulforaphane orali esaminati università John Hopkins sui cancri mammari chimicamente indotti in ratti.33 una volta dato intorno al periodo dell'esposizione all'agente cancerogeno, il sulforaphane ha ridotto significativamente l'incidenza, la molteplicità ed il peso di tumori mammari ed il loro sviluppo è stato ritardato. Un esperimento in vitro mostra che il sulforaphane può anche contribuire a combattere il carcinoma della prostata, a 34 una malattia caratterizzata da perdita iniziale e quasi-universale di espressione dell'enzima della S-transferasi del glutatione. Tuttavia, quando il sulforaphane si è aggiunto a parecchie linee cellulari umane del carcinoma della prostata in vitro, espressione degli enzimi di fase II aumentata drammaticamente, sostenendo le difese delle cellule. Ciò che trova contribuisce a spiegare la correlazione osservata fra consumo aumentato di verdure crocifere ed ha ridotto il rischio di carcinoma della prostata.

I benefici del broccolo non si concludono là. Uno studio delle verdure ha trovato che i broccoli hanno prodotto il più grande effetto protettivo contro parecchi prodotti chimici mutageni,35 ed inoltre ha stimolato la proliferazione delle cellule di noncanceroso. Un altro esperimento a Johns Hopkins ha trovato che il sulforaphane in broccoli è un agente potente contro tre sforzi di riferimento e 45 isolati clinici del batterio dei pilori del H.36 uno studio svolto allo stesso tempo hanno indicato che il sulforaphane inoltre ha bloccato i tumori dello stomaco in topi esposti ai prodotti chimici mutageni. Secondo i ricercatori, questi benefici multipli sono derivato da produzione aumentata di disintossicazione di fase II e degli enzimi antiossidanti.

Elevazione della protezione contro gli agenti mutageni

È diventato sempre più difficile da proteggere la nostra salute dall'invasione dei prodotti chimici cancerogeni, compreso gli antiparassitari, che fa parte dell'aria che respiriamo, l'acqua beviamo e l'alimento mangiamo. Fornendo al corpo gli agenti difensivi quale curcumina, il chlorophyllin, il wasabi e l'estratto dei broccoli possono massimizzare la protezione contro danno del DNA, così dando un contributo importante a salute ed alla longevità ottimali.

Riferimenti

1. Liska DJ. I sistemi degli enzimi di disintossicazione. Altern Med Rev. 1998 giugno; 3(3): 187-98.

2. Hietanen E, Linnainmaa K, Vainio H. Effects dei phenoxyherbicides e delle glifosate e le attività epatiche ed intestinali di biotrasformazione nel ratto. Acta Pharmacol Toxicol (Copenh.). 1983 agosto; 53(2):103-12.

3. RH di Dashwood. Uso dei modelli animali transgenici e mutanti nello studio dasu mutagenesi e da dasu carcinogenesi indotte da amina eterocicliche. Biochimica Mol Biol di J. 31 gennaio 2003; 36(1): 35-42.

4. Shishu, Singla AK, IP di Kaur. Effetto inibitorio di curcumina e dei suoi analoghi naturali su genotossicità delle amine eterocicliche da cibo cotto. J indiano Exp Biol. 2002 dicembre; 40(12): 1365-72.

5. Cv di Rao, Rivenson A, Simi B, Reddy BS. Chemoprevention di carcinogenesi dei due punti da curcumina dietetica, un composto fenolico della pianta naturale. Ricerca del Cancro. 15 gennaio 1995; 55(2): 259-66.

6. Kawamori T, Lubet R, Steele VE, et al. effetto di Chemopreventive di curcumina, un agente antinfiammatorio naturale, durante le fasi progressione/di promozione di tumore del colon. Ricerca del Cancro. 1° febbraio 1999; 59(3): 597-601.

7. Limtrakul P, Lipigorngoson S, Namwong O, Apisariyakul A, Dunn FW. Effetto inibitorio di curcumina dietetica su carcinogenesi della pelle in topi. Cancro Lett. 24 giugno 1997; 116(2): 197-203.

8. Limtrakul P, Anuchapreeda S, Lipigorngoson S, Dunn FW. L'inibizione di agente cancerogeno ha indotto l'espressione degli proto-oncogeni c-ha-ras e c-fos da curcumina dietetica. Cancro di BMC. 2001 gennaio; 1(1): 1.

9. Limtrakul P, Anachapreeda S, Buddhasukh D. Modulation del gene umano di multidrug-resistenza MDR-1 dai curcuminoids naturali. Cancro di BMC. 17 aprile 2004; 4(1): 13.

10. Mehta K, Pantazis P, McQueen T, BB di Aggarwal. Effetto antiproliferativo di curcumina (diferuloylmethane) contro le linee cellulari umane del tumore del cancro al seno. Farmaci anticancro. 1997 giugno; 8(5): 470-81.

11. Susan m., MN di Rao. Induzione di attività della S-transferasi del glutatione da curcumina in topi. Arzneimittelforschung. 1992 luglio; 42(7): 962-4.

12. Iqbal m., deviazione standard di Sharma, Okazaki Y, Fujisawa m., il completamento di Okada S. Dietary di curcumina migliora l'antiossidante e gli enzimi di metabolismo di fase II in di topo maschio del ddY: ruolo possibile nella protezione contro carcinogenesi e tossicità chimiche. Pharmacol Toxicol. 2003 gennaio; 92(1): 33-8.

13. Sreejayan N, MN di Rao. Lavaggio dell'ossido di azoto dai curcuminoids. J Pharm Pharmacol. 1997 gennaio; 49(1): 105-7.

14. Sreejavan N, MN di Rao. Attività di lavaggio del radicale libero dei curcuminoids. Arzneimittelforschung. 1996 febbraio; 46(2): 169-71.

15. Subramanian m., Sreejavan N, MN di Rao, Devasagayam TP, BB di Singh. Diminuzione da di danno indotto da ossigeno del DNA della maglietta giro collo da curcumina e dagli antiossidanti relativi. Ricerca di Mutat. 1° dicembre 1994; 311(2): 249-55.

16. BB di Aggarwal, Kumar A, CA di Bharti. Potenziale anticancro di curcumina: studi preclinici e clinici. Ricerca anticancro. 2003 gennaio-febbraio; 23 (1A): 363-98.

17. ONG TM, Whong WZ, Stewart J, Brockman LUI. Chlorophyllin: un anti-mutageno potente contro le miscele complesse ambientali e dietetiche. Ricerca di Mutat. 1986 febbraio; 173(2): 111-5.

18. RH di Dashwood, Xu m., Orner GA, distacco di Horio. La proliferazione colica delle cellule, gli apoptosi e lo sviluppo aberrante dei fuochi della cripta in ratti dati una chinolina di 2 amino-3-methylimidazo [4,5-f] ed hanno trattato l'post-inizio con il chlorophyllin. Cancro Prev di EUR J. 2001 aprile; 10(2): 139-45.

19. Xu m., Orner GA, Bailey GS, snocciolatore GD, distacco di Horio, RH di Dashwood. effetti di Post-inizio del chlorophyllin e di indole-3-carbinol in ratti dati 1,2 dimethylhydrazine o 2 amino-3-methyl-imidazo. Carcinogenesi. 2001 febbraio; 22(2): 309-14.

20. Le madrigale-Bujaidar E, Velazquez-Guadarrama N, effetto inibitorio di Diaz-Barriga S. del chlorophyllin sulla frequenza degli scambi di cromatidio della sorella hanno prodotto da benzo pirene [a] in vivo. Ricerca di Mutat. 15 gennaio 1997; 388(1): 79-83.

21. Carter O, Bailey GS, RH di Dashwood. Il chlorophyllin fitochimico dietetico altera E-cadherin e la beta-catenin espressione in cellule di tumore del colon umane. J Nutr. 2004 dicembre; 134 (12 supplementi): 3441S-4S.

22. Kinae N, Masuda H, Shin È, proprietà di Furugori m., di Shimoi K. Functional di wasabi e rafano. Biofactors. 2000;13(1-4):265-9.

23. Morimitsu Y, Hayashi K, Nakagawa Y, Horio F, Uchida K, Osawa T. Antiplatelet e isothiocyanates anticancro in rafano domestico giapponese, wasabi. Biofactors. 2000;13(1-4):271-6.

24. Watanabe m., Ohata m., Hayakawa S, et al. un'identificazione dell'isotiocianato di methylsulfinyhexyl 6 come componente d'induzione in wasabi. Fitochimica. 2003 marzo; 62(5): 733-9.

25. Xu K, Thornalley PJ. Gli studi sul meccanismo dell'inibizione di crescita umana delle cellule di leucemia dai isothiocyanates dietetici e dalla loro cisteina adduce in vitro. Biochimica Pharmacol. 2000 15 luglio; 60(2): 221-31.

26. Nomura T, Shinoda S, Yamori T, et al. la sensibilità selettiva wasabi-ha derivato l'isotiocianato esilico (methylsulfiny) 6 di cancro al seno umano e le linee cellulari del melanoma studia in vitro. Il Cancro individua Prev. 2005;29(2):155-60.

27. Morimitsu Y, Nakagawa Y, Hayashi K, et al. Un analogo del sulforaphane che potente attiva la via di disintossicazione di Nrf2-dependent. Biol chim. di J. 1° febbraio 2002; 277(5): 3456-63.

28. Morse mA, Zu H, Galati AJ, Schmidt CJ, snocciolatore GD. Inibizione relativa alla dose dall'isotiocianato dietetico del fenetile del tumorigenesis esofageo e della metilazione del DNA indotti da N-nitrosomethylbenzylamine in ratti. Cancro Lett. 16 agosto 1993; 72 (1-2): 103-10.

29. Doerr-O'Rourke K, Trushin N, Hecht ss, snocciolatore GD. Effetto dell'isotiocianato del fenetile sul metabolismo della nitrosamina tabacco-specifica 4 (methylnitrosamino) - 1 (3-pyridyl) - 1-butanone dal tessuto polmonare coltivato del ratto. Carcinogenesi. 1991 giugno; 12(6): 1029-34.

30. Hecht ss. Chemoprevention dai isothiocyanates. Supplemento di biochimica delle cellule di J. 1995;22:195-209.

31. TUM di Shapiro, glucosinolati di Fahey JW, di Wade chilolitro, di Stephenson KK, di Talalay P. Chemoprotective e isothiocyanates dei germogli dei broccoli: metabolismo ed escrezione in esseri umani. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2001 maggio; 10(5): 501-8.

32. Zhang Y, Talalay P, Cho CG, Posner GH. Un induttore importante degli enzimi protettivi anti-cancerogeni dai broccoli: isolamento e delucidazione della struttura. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 15 marzo 1992; 89(6): 2399-403.

33. Attività di Zhang Y, di Kensler TW, di Cho CG, di Posner GH, di Talalay P. Anticarcinogenic di sulforaphane e isothiocyanates sintetici strutturalmente riferiti di norbornyl. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 12 aprile 1994; 91(8): 3147-50.

34. Ruscelli JD, Paton VG, induzione di Vidanes G. Potent degli enzimi di fase 2 in cellule umane della prostata da sulforaphane. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2001 settembre; 10(9): 949-54.

35. Effetto di Martinez A, di Camero II, di Ikken Y, di Marin ml, di Haza AI, di Morales P. Protective dei broccoli, cipolla, carota ed estratti della liquirizia contro citotossicità delle n-nitrosammine valutata da 3 (4,5-dimethylthiazol-2-yl) - analisi del bromuro 2,5-diphenyltetrazolium. Alimento chim. di J Agric. 16 febbraio 1998; 46(2): 585-9.

36. Fahey JW, Haristoy X, Dolan PM, et al. Sulforaphane inibisce gli sforzi extracellulari, intracellulari e resistenti agli antibiotici del helicobacter pylori ed impedisce i benzo [a] dai tumori indotti da pirene dello stomaco. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 28 maggio 2002; 99(11): 7610-5.