Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine aprile 2006
immagine

Il gioco di destrezza delicato di K della vitamina

Da Julius G. Goepp, MD

Gli avanzamenti nella salute, nella nutrizione e nella biologia di invecchiamento stanno permettendo ai numeri crescenti degli adulti di raggiungere le portate durature.1 alcuni dei risultati della ricerca più sorprendenti degli anni recenti gira intorno alla vitamina K.2,3

Gli scienziati hanno scoperto che la vitamina K regola parecchi processi biochimici che richiedono l'equilibrio squisito di funzionare normalmente, compreso coagulazione del sangue, mineralizzazione dell'osso e la salute vascolare. Con queste diverse azioni, la promessa delle tenute di vitamina K nel contribuire ad impedire e dirigere alcune delle circostanze paralizzanti si è associata con l'età d'avanzamento, compreso osteoporosi, la coronaropatia ed i coaguli di sangue che possono indurre l'attacco di cuore o il colpo.

Osservazioni di come la vitamina K colpisce la salute del bestiame domestico principale alle scoperte fondamentali circa la vitamina ed alle innovazioni nella nostra capacità di trattare alcune delle malattie più debilitanti connesse con invecchiamento.4 il warfarin (Coumadin®), la droga derivata da queste osservazioni, ha conservato milioni di vite impedendo o riducendo i coaguli di sangue.5 ha avanzato le tecniche chirurgiche quale l'uso delle valvole cardiache artificiali e gli scambi vascolari sono permessi tramite l'interazione attenta fra le droghe del tipo di warfarin e la vitamina K stessa.6

Questo articolo metterà a fuoco su come la vitamina K funziona per mantenere il controllo stretto oltre tre processi corporei vitali: la coagulazione del sangue, la mineralizzazione dell'osso e la salute e l'elasticità vascolari questo articolo inoltre descrive la ricerca dell'innovazione che indica che l'uso dei supplementi a basse dosi di vitamina K potrebbe ridurre gli effetti collaterali connessi con la terapia farmacologica a lungo termine di Coumadin®.

Unico fra tutte le vitamine

La vitamina K è unica fra le vitamine in parecchi rispetti. È la sola vitamina che può essere prodotta all'interno del corpo umano, ma non dall'ente (essere definito come vitamina, una sostanza non può essere prodotta dal tessuto umano).7 batteri utili nei prodotti umani dell'intestino circa 75% della vitamina K il corpo assorbe ogni giorno, con l'altro 25% che viene dalle fonti dietetiche.8 la quantità di vitamina K assorbente ogni giorno da entrambe le fonti sono solitamente uguali all'importo minimo richiesto per la funzione corporea normale.9

Come l'assorbimento del corpo di altre vitamine liposolubili (A, la D ed E), assorbimento di vitamina K dipende dalla funzione sana della cistifellea e del fegato.10-13 a differenza delle altre vitamine liposolubili, tuttavia, la vitamina K non è immagazzinata nel corpo.9 preso insieme, questi fattori spiegano perché l'equilibrio quotidiano della rete della vitamina K è così delicato. Mentre la gente vive più lungamente e processi K-dipendenti della vitamina è scoperta sempre più in tessuti, più scienziati stanno suggerendo che la vitamina K sia necessaria in più grande quantità che che cosa è stata pensata una volta, specialmente negli adulti di invecchiamento.14,15

La vitamina K si presenta in natura in due forms-K1 importanti e strutture molecolari di K2-with che sono simili a colesterolo. Queste strutture rendono le molecole solubili nel grasso e sembrano essere che cosa dà alla vitamina la sua attività. La terminologia circa la vitamina K può essere confusionaria, parzialmente perché i ricercatori stanno imparando più circa la vitamina ogni giorno. K1 (fillochinone) è generalmente la forma della vitamina principalmente derivata dalle fonti dietetiche quali le verdure e l'olio di soia verdi frondosi, mentre K2 (menaquinone) è prodotto dai batteri nell'intestino.16 mentre K2 può essere più importante nella mineralizzazione dell'osso che K1, la quantità di K2 assorbente dall'intestino fornisce soltanto una frazione del requisito quotidiano di totale.Il laboratorio 17 ed alcuni dati umani ora suggeriscono che K1 in effetti sia convertito in K2 in tessuti.18,19 questo significano che completare con la vitamina K1 produce l'assorbimento affidabile e supporta tutte le funzioni importanti discusse in questo articolo.

Sebbene la vitamina K colpisca molti processi vitali, ha la stessa azione fondamentale in tutti i tessuti. La vitamina K funge da cofattore nella conversione del glutammato dell'aminoacido in gamma-carboxyglutamate, o Gla.20 proteine Gla-contenenti (Gla-proteine) regolano molti dei processi fisiologici innumerevoli controllati da calcio. La vitamina K partecipa così ad alcuni dei sistemi il più con precisione sintonizzati del corpo. L'azione di K della vitamina in primo luogo è stata scoperta ed ancora il più completamente è capita, nel controllo di coagulazione del sangue. Ora è conosciuto per essere fondamentale pure nel regolamento del tenore di minerale dell'osso e delle pareti del vaso sanguigno, con le implicazioni importanti per invecchiare.

Coagulazione del sangue di regolamento

Il sistema di coagulazione è uno dei sistemi il più strettamente regolati del corpo. Il sangue deve passare uniformemente come liquido per le miglia dei vasi sanguigni ogni giorno, eppure inoltre è capace di iniziare un grumo solido nei secondi di incontro della frattura nel sistema vascolare, quali una lacerazione o l'altra lesione. Se il sangue non riesce a coagularsi attendibilmente, l'emorragia mortale può risultare; se i coaguli di sangue appena poco troppo prontamente, bloccaggio del vaso sanguigno possono accadere, conducendo al danno rapido dell'organo e del tessuto ha chiamato l'ischemia. Questo equilibrio delicato è mantenuto, con l'aiuto della vitamina K, da un sistema conosciuto come la cascata di coagulazione.21

la Gamma-carbossilazione dalla vitamina K attiva molte delle molecole della Gla-proteina che sono essenziali a coagulazione (pro-coagulanti).22 una volta avviate da uno stimolo, queste proteine funzionano insieme per creare la maglia densa di fibrina che intrappola le piastrine e stagna il flusso di sangue.

La vitamina K promuove la gamma-carbossilazione di determinate proteine naturali dell'anticoagulante pure. Queste proteine, conosciute come le proteine C e S, sono comprese intimamente nell'equilibrio delicato fra coagulazione ed anticoagulazione.23 bassi livelli di interventi concreti del prodotto proteico questi hanno aumentato a volte la coagulazione all'interno del vaso sanguigno che può provocare la coagulazione anormale, con le conseguenze devastanti.24 fortunatamente, perché la vitamina K sembra attivare le parti di pro-coagulazione della via simultaneamente e proporzionalmente alla sua attivazione dei rami di anticoagulazione, la maggior parte della gente mantiene i livelli di coagulazione ragionevolmente normali attraverso una vasta gamma di stato di vitamina K.25

La via dell'anticoagulante della proteina C ha alcuni effetti antinfiammatori naturali, che giù-sono regolati durante l'infiammazione.24,26 l'attività antinfiammatoria della proteina c è abbastanza potente impedire gli effetti mortali infiammatorio-mediati di sepsi batterica (setticemia) in animali da laboratorio e migliorare il risultato dei pazienti umani con sepsi severa. Questi effetti sono stati indicati per essere mediati riducendo il danno dell'organo nei modelli animali di sepsi, della lesione ischemica e del colpo.23

Effetti su mineralizzazione dell'osso

L'attenzione scientifica è rimanere messa a fuoco sull'azione di K della vitamina nella cascata di coagulazione per quasi due decadi dopo che è stato scoperto negli anni 70.23 soltanto in ultimo 10 anni l'importanza di K della vitamina in altri processi biologici importanti è stata riconosciuta. La necessità del corpo per la vitamina K di formare le Gla-proteine critiche è la chiave all'attività di K della vitamina nei sistemi all'infuori della cascata di coagulazione. Di crescente consapevolezza di 22 scienziati di come la vitamina aiuta la forma queste proteine sta fornendo le comprensioni in due aspetti cruciali della scienza di invecchiamento: osso e salute vascolare.27 molto i processi differenti di malattia e di salute colpiscono entrambe le aree. L'osso e la salute vascolare inoltre sono colpiti non solo dall'assunzione, dall'assorbimento e dal metabolismo di vitamina K, ma anche mediante l'uso degli antagonisti di vitamina K quale il warfarin della droga (Coumadin®).

LA CASCATA DI COAGULAZIONE: AL GRUMO O NON COAGULARSI?

Le Gla-proteine K-dipendenti della vitamina sono critiche “nella cascata di coagulazione„ quella comandi se coaguli di sangue, quanto si coagula e quando invertire il processo e distruggere il grumo.

Lo stimolo primario per la coagulazione normale è avviato quando le piastrine attaccano alle pareti nocive del vaso sanguigno con collagene esposto ed altre proteine. Questo processo accade nei secondi di una lesione. Le piastrine aggregate e le pareti nocive della nave liberano il fattore del tessuto, che si combina con il fattore di circolazione VII. Questo complesso poi attiva altri fattori, che a loro volta avviano la conversione di protrombina (fattore II) a trombina. Questo enzima attivo a sua volta converte il fibrinogeno, una proteina dissolta, in fibrina. La fibrina forma i fili lunghi per creare una maglia semisolida che intrappola le piastrine, infine formante il grumo costante quel flusso sanguigno dei blocchi più ulteriormente.

per impedire coagulazione iperattiva, l'inibitore di via di fattore del tessuto combinato con antitrombina, proteina S e gli atti attivati della proteina C per inibire il sistema di pro-coagulazione a parecchi punti nella cascata. In circostanze normali, questo sistema con precisione sintonizzato mantiene un equilibrio perfetto, permettendo la formazione del grumo se necessario, ma cominciando il processo di presa giù il grumo quasi non appena ha cominciato a formarsi. Ciò minimizza il rischio di coaguli di sangue che si formano all'interno delle navi e tiene conto “pulizia„ rapida di quei grumi che sono necessari.21

L'assunzione o il completamento adeguata con la vitamina D ed il calcio è richiesta per impedire l'osteoporosi. Nè la vitamina D nè il calcio, tuttavia, può produrre la mineralizzazione sana dell'osso senza rifornimenti adeguati della vitamina K. Bone è una struttura vivente complessa che comprende le cellule, i cristalli minerali e le proteine spesse della matrice che, come colla, tengono insieme l'intero osso. La proteina principale della matrice dell'osso, osteocalcin, è una Gla-proteina che dipende dalla vitamina K per la sua produzione.20 una carenza della vitamina K causano l'attivazione alterata del osteocalcin e l'attività riduttrice delle cellule diformazione, quindi con conseguente nuova formazione in diminuzione dell'osso.28

Lo stato nutrizionale di vitamina K bassa (come misurato facendo circolare dai livelli di vitamina K come pure dai sottoprodotti della sua attività, quale la quantità di Gla-proteine) è associato a un aumentato rischio della frattura. Le misure standard di osteoporosi correlano male con stato di vitamina K.29 questa osservazione suggeriscono che contare interamente sulle misure standard del rischio di osteoporosi quale densità minerale ossea non possa risultare essere affidabile come misure della sufficienza globale di vitamina K.

Parecchie linee coercitive di prova sostengono l'uso della vitamina K nell'impedire e nel trattamento dell'osteoporosi.30 negli studi epidemiologici, l'assunzione più bassa della vitamina K è associata a un aumentato rischio di osteoporosi.31,32 sia studi dell'essere umano che dell'animale suggeriscono che la vitamina K possa avere un ruolo nell'impedire e nel trattamento dell'osteoporosi.33-35 nei piccoli studi, le dosi quotidiane della vitamina K2 hanno impedito la perdita dell'osso.30

PROTEINE DI GLA: MISURE SENSIBILI DI VERO STATO DI VITAMINA K

La funzione primaria di K della vitamina è di aiutare nella carbossilazione delle Gla-proteine.14 una volta probabilmente compreso soltanto nella coagulazione, Gla-proteine ora sono conosciuti per esistere in molti tessuti. Senza abbastanza vitamina K, alcune Gla-proteine rimangono sotto--carboxylated e non possono funzionare correttamente. Il osteocalcin sotto--carboxylated, per esempio, ha poca attività nella formazione dell'osso.39

Mentre le carenze di vitamina K abbastanza severe causare i difetti nel sistema di coagulazione del sangue sono rare, la prova crescente suggerisce che le carenze meno severe che colpiscono la salute dell'osso possano essere abbastanza comuni.39 miglioramenti nella tecnologia per le Gla-proteine sotto--carboxylated di misurazione hanno condotto all'osservazione che quasi ognuno esibisce la prova di attività insufficiente di vitamina K, come indicato tramite la sotto-carbossilazione almeno di una Gla-proteina.14 questa rivelazione erano importanti nel movimento recente da aumentare il consumo quotidiano raccomandato di vitamina K.14,27,37,40 che è importante ricordarsi che perché gli alimenti forniscono soltanto circa un quarto del requisito quotidiano, aumentare la sua assunzione di questa vitamina comporta quasi sempre il completamento.

Secondo un esame della letteratura recente pubblicata nel 2004, la prova ragionevolmente ben fondata indica che l'assunzione quotidiana di vitamina K di meno di 100 mcg non è ottimale per salute dell'osso.36 gli autori raccomandano che i medici di famiglia sollecitino l'importanza dell'assunzione adeguata di vitamina K ai loro pazienti, specialmente quelli a rischio di perdita dell'osso ed osteoporosi. In una recensione ha pubblicato nel 2005, il Dott. Jamie Adams del centro medico del castello in Kailua, Hawai, ha notato che “i numerosi studi hanno dimostrato l'importanza della vitamina K nella salute dell'osso.„37 il Dott. Adams ha precisato che la combinazione di vitamine K2 e D può ridurre sostanzialmente la perdita dell'osso e che la vitamina K2 è sinergica una volta usata insieme a terapia ormonale. La vitamina K è ora fra la miscela dei micronutrienti considerati vitali per il mantenimento della salute buona dell'osso.38

Il trattamento medico primario per osteoporosi è classe A di droghe conosciute come i bifosfonati. Queste droghe riducono l'attività degli osteoclasti, le cellule responsabili di riassorbimento dei minerali dell'osso. I bifosfonati, tuttavia, non aumentano la nuova formazione dell'osso, in modo da parlano soltanto alla parte del problema.

Aumentando la produzione del osteocalcin, la vitamina K può fornire gli effetti supplementari di osso-rafforzamento. Effettivamente, in un modello del ratto del osteopenia (perdita dell'osso che precede l'osteoporosi), un derivato della vitamina K2 alle dosi basse ha aumentato il guadagno minerale dell'osso ed il tasso globale di formazione dell'osso.La costruzione 33 su questa osservazione, altri ricercatori ha stabilito che la combinazione del etidronate di bifosfonato e della vitamina K2 fosse più efficace del etidronate da solo nell'impedire le nuove fratture in pazienti con osteoporosi.35

Continuato alla pagina 2 di 3