Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine dicembre 2006

immagine

Terapia di cellula staminale in una pillola?


Da William Faloon
da William Faloon

Nel novembre 2001, il Dott. Michael West ha fatto un annuncio sensazionale. Il laboratorio del Dott. West, la tecnologia avanzata delle cellule, aveva creato appena le prime cellule staminali embrionali umane e questa innovazione era stata pubblicata nel giornale di medicina rigeneratrice.

L'annuncio del Dott. West si è trasformato in in notizie di titolo istantanee intorno al mondo. Gli scienziati alla tecnologia avanzata delle cellule hanno indicato chiaramente che la loro intenzione era “di non creare gli esseri umani clonati, ma piuttosto fare le terapie di salvataggio per una vasta gamma di malattia dell'essere umano condiziona, compreso il diabete, i colpi, il cancro, l'AIDS ed i disordini neurodegenerative quali Parkinson ed il morbo di Alzheimer.„1

Invece di annuncio della scoperta del Dott. West come avanzamento scientifico importante, il governo federale ha provato a proscrivere la ricerca embrionale umana della cellula staminale complessivamente. Mentre il governo non è riuscito a promulgare le sanzioni penali contro gli scienziati della cellula staminale, è riuscito a vietare la ricerca embrionale della cellula staminale nelle facilità che hanno ricevuto il finanziamento di governo.2 il risultato di questa proibizione sono che molto poche terapie di cellula staminale sono a disposizione di milioni di Americani di cui le vite potrebbero essere conservate altrimenti da loro.

Per i cinque anni scorsi, gli entusiasti di longevità hanno allagato il congresso con le lettere che cerca di sollevare il divieto di ricerca embrionale della cellula staminale.

Le sostanze nutrienti promuovono la proliferazione di cellula staminale

Il tessuto che gli scienziati la maggior parte del socio con attività adulta della cellula staminale è il midollo osseo. Ogni giorno, cellule staminali nel midollo osseo si evolve per produrre i globuli rossi, i globuli bianchi e le piastrine. Queste cellule mature poi sono scaricate nella circolazione sanguigna in cui eseguono le loro funzioni vita sostenenti vitali.

Quando l'attività della cellula staminale del midollo osseo è interferita con, le malattie quali l'anemia (deficit del globulo rosso), la neutropenia (deficit bianco specializzato del globulo), o la trombocitopenia (deficit della piastrina) sono diagnosticate spesso. Qualunque di queste circostanze può causare la morte se non corretta.

Gli scienziati lungamente hanno saputo che l'acido folico, il vitamina b12 ed il ferro sono richiesti affinchè le cellule staminali del midollo osseo si differenziassero nei globuli rossi maturi.3-7 la vitamina D è stata indicata per essere cruciale nella formazione di cellule immuni,8-11 mentre il carnosine ha dimostrato una capacità notevole di ringiovanire le cellule che si avvicinano alla senescenza e di estendere la durata cellulare.12-28

Altri studi degli alimenti quale la manifestazione che dei mirtilli questa frutta può impedire e perfino invertire le funzioni delle cellule che diminuiscono come conseguenza di invecchiamento normale.29-36 l'estratto del mirtillo è stato indicato al neurogenesis di aumento nel cervello invecchiato del ratto.37,38 composti del tè verde sono stati indicati per inibire la crescita delle cellule del tumore, mentre possibilmente assicurano la protezione contro l'invecchiamento cellulare normale.39,40

Sulla base di questi risultati, gli scienziati ora stanno speculando che determinate sostanze nutrienti potrebbero svolgere i ruoli importanti nel mantenimento del rinnovamento sano delle cellule staminali della sostituzione nel cervello, nel sangue ed in altri tessuti. Può essere possibile, secondo questi scienziati, utilizzare determinate combinazioni nutrienti nel trattamento delle circostanze che autorizzano la sostituzione della cellula staminale.41-43

Teorie messe alla prova

Per verificare l'ipotesi che le sostanze nutrienti possono promuovere la proliferazione di cellula staminale sana, gli scienziati hanno schermato una vasta gamma di estratti dell'intero-alimento, gli estratti di erbe ed i composti specifici.43 l'obiettivo erano di promuovere la proliferazione di cellula staminale ematopoietica. Le cellule staminali ematopoietiche sono cellule staminali adulte che sono usate ordinariamente per trapianto del midollo osseo. Risiedono in midollo osseo e sono capaci della generazione di tutti i tipi delle cellule del sangue e dei sistemi immunitari.

In questo studio, gli spinaci, lo spirulina, l'astragalo ed altri composti della pianta non hanno mostrato un ad alta attività per la promozione della proliferazione umana delle cellule del midollo osseo. Il mirtillo, il tè verde, il vitamina D3 e il carnosine, tuttavia, sono stati trovati per aumentare l'attività delle cellule del midollo osseo in un modo dipendente dalla dose.43

Un effetto collaterale comune delle droghe della chemioterapia del cancro è danno del midollo osseo, conducendo alla soppressione immune e ad altri disturbi a carici del sangue. Gli oncologi medici prescrivono ordinariamente i medicinali costosi quale il fattore distimolazione del granulocita-macrofago (GM-CSF) — a cui inoltre naturalmente è prodotto dall'osso midollo-stimolano l'attività della cellula staminale del midollo osseo. Questi trattamenti farmacologici non sono senza rischi di effetti collaterali.44

Gli scienziati in questo studio hanno usato GM-CSF come controllo positivo da cui valutare gli effetti dipromozione del gambo di varie combinazioni nutrienti. Come previsto, GM-CSF ha aumentato la proliferazione vicino intorno 46% delle cellule del midollo osseo, che era migliore di tutto il singolo composto nutriente provato.43

Quando le combinazioni di sostanze nutrienti sono state provate, tuttavia, una maggior percentuale di proliferazione delle cellule del midollo osseo ha accaduto confrontato a GM-CSF. Per esempio, una combinazione di mirtillo e di vitamina D3 ha esibito un aumento di 62% nella proliferazione delle cellule del midollo osseo.Il mirtillo 43 e la catechina (estratto del tè verde) hanno aumentato la proliferazione delle cellule del midollo osseo di 70%. Quando il carnosine ed il mirtillo si sono combinati, la promozione della crescita osservata era 83%. un effetto significativamente maggior di quello della droga costosa GM-CSF!43

Foglie di tè verdi

Gli scienziati dopo hanno provato le varie sostanze nutrienti sulle cellule staminali in anticipo, che possono essere identificate ed isolate dalle loro espressioni di superficie del antigene-ricevitore (per esempio, CD34 + e CD 133 +). La droga di GM-CSF ha aumentato queste cellule staminali in anticipo di 48%, come previsto. Una combinazione di mirtillo, di tè verde, di vitamina D3 e di carnosine, tuttavia, ha aumentato queste cellule staminali di un 68% sbalordente.43

Questi studi, pubblicati appena questo anno, dimostrano per la prima volta che i vari composti naturali possono promuovere la proliferazione delle cellule umane del midollo osseo e delle cellule staminali umane. Mentre questi studi sono stati fatti in vitro, forniscono la prova che le sostanze nutrienti disponibili facilmente possono confer un effetto protettivo contro l'odierna epidemia di degenerazione relativa all'età del midollo osseo.

Che cosa questi studi significano agli adulti invecchianti

La gente afflitta con le malattie degeneranti ha resistito alla sofferenza del quotidiano che potrebbe essere trattata efficacemente la ricerca embrionale della cellula staminale non era stata ostacolata dal nostro proprio governo.

Gli anziani resistono alla funzione immune difettosa che li rende vulnerabili alla malattia infettiva, al cancro ed alle circostanze infiammatorie croniche. L'anemia è così prevalente fra gli anziani che medici ordinariamente trascurano le carenze pericolose del globulo rosso nei loro pazienti più anziani, che provoca il cuore e la lesione cerebrale inutili.45

Le cellule staminali embrionali sono capaci della generazione di tutta la cellula differenziata scrive dentro il corpo. Se le terapie di cellula staminale embrionali fossero oggi disponibile facilmente, l'incidenza di una serie di malattie relative all'età si precipiterebbe. Purtroppo, le burocrazie federali hanno soffocato l'avanzamento della ricerca embrionale terapeutica umana della cellula staminale e milioni causati di Americani per soffrire inutilmente e morire.

Alcuni scienziati hanno cominciato a sperimentare con l'uso (delle cellule staminali adulte del midollo osseo) contribuire a trattare un'ampia varietà di malattie. Le cellule staminali adulte sono spesso tessuto-specifiche e possono generare soltanto i tipi delle cellule che comprendono un tessuto particolare nel corpo; tuttavia, in alcuni casi, possono trans-differenziare nella cellula i tipi trovati in altri tessuti. Purtroppo, queste terapie ancora non sono state a sviluppo completo e sono in gran parte non disponibili alla vasta maggioranza degli Americani.46

Le notizie incoraggianti sono che molte delle sostanze nutrienti che l'uso dei membri del prolungamento della vita già può servire per mantenere la produzione giovanile della cellula staminale del midollo osseo. Sarebbe affascinante vedere un test clinico negli esseri umani di invecchiamento per determinare se ingerendo il vitamina D3, il mirtillo, il tè verde e il carnosine possono invertire l'anemia, le immunodeficienze ed altri disordini del midollo osseo.

Per vita più lunga,
immagine
William Faloon

Riferimenti

1. Disponibile a: http://archives.cnn.com/2001/TECH/science/11/25/human.embryo.clone. 2 agosto 2006 raggiunto.

2. Disponibile a: http://www.hmnews.org/article2778.html. 2 agosto 2006 raggiunto.

3. Koury MJ, Ponka P. Nuove visioni di eritropoiesi: i ruoli di folato, del vitamina b12 e del ferro. Annu Rev Nutr. 2004;24:105-31.

4. La zanna TC, il SIG. di Alison, GH del cuoco, et al. proliferazione delle cellule midollo-derivate osso contribuisce a rigenerazione dopo dalla la lesione tubolare acuta indotta da acido folica. J Soc Nephrol. 2005 giugno; 16(6): 1723-32.

5. Il CN di Craciunescu, la CE di Brown, marzo MH, et al. carenza dell'acido folico durante la gestazione recente fa diminuire la proliferazione delle cellule del progenitore ed aumenta gli apoptosi nel cervello fetale del topo. J Nutr. 2004 gennaio; 134(1): 162-6.

6. Zittoun J. Anemias dovuto disordine di folato, del vitamina b12 e del metabolismo di transcobalamin. Rev Prat. 1° giugno 1993; 43(11): 1358-63.

7. Fishman MP, cristiano P, KP ad ovest. Il ruolo delle vitamine nella prevenzione e nel controllo dell'anemia. Salute pubblica Nutr. 2000 giugno; 3(2): 125-50.

8. Mathieu C, furgone EE, Decallonne B, et al. vitamina D e dihydroxyvitamin 1,25 D3 come modulatori nel sistema immunitario. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2004 maggio; 89-90 (1-5): 449-52.

9. Hypponen E. Micronutrients ed il rischio del diabete di tipo 1: vitamina D, vitamina E e nicotinammide. Rev. 2004 di Nutr settembre; 62(9): 340-7.

10. Gysemans CA, Cardozo AK, Callewaert H, et al. 1,25-Dihydroxyvitamin D3 modula l'espressione dei chemokines e delle citochine in isolotti pancreatici: implicazioni per la prevenzione di diabete in topi diabetici nonobese. Endocrinologia. 2005 aprile; 146(4): 1956-64.

11. Aslam MP, Garlich JD, Qureshi mA. La carenza di vitamina D altera le risposte immunitarie dei pulcini della griglia. Pollo giovane Sci. 1998 giugno; 77(6): 842-9.

12. Wang, mA C, Xie ZH, Shen F. Use del carnosine come droga naturale di anti-senescenza per gli esseri umani. Biochimica (Mosc.). 2000 luglio; 65(7): 869-71.

13. Brownson C, Hipkiss AR. Carnosine reagisce con una proteina glicata. Med libero di biol di Radic. 2000 15 maggio; 28(10): 1564-70.

14. McFarland GA, Holliday R. Retardation della senescenza dei fibroblasti diploidi umani coltivati dal carnosine. Ricerca delle cellule di Exp. 1994 giugno; 212(2): 167-75.

15. McFarland GA, prova di Holliday R. Further per gli effetti ringiovanire del dipeptide L-carnosine sui fibroblasti diploidi umani coltivati. Exp Gerontol. 1999 gennaio; 34(1): 35-45.

16. Yuneva Mo, Bulygina ER, Sc prode, et al. effetto del carnosine dai sui cambiamenti indotti da età in topi senescenza-accelerati. Med antinvecchiamento di J. 1999;2(4):337-42.

17. Hipkiss AR, Preston JE, distacco di Himsworth, et al. effetti protettivi di Pluripotent del carnosine, un dipeptide naturale. Ann NY Acad Sci. 20 novembre 1998; 854:37-53.

18. Festa R, McFarland GA. Un ruolo per il carnosine nella manutenzione cellulare. Biochimica (Mosc.). 2000 luglio; 65(7): 843-8.

19. Shao L, Li QH, Tan Z.L-carnosine riduce il danno del telomero ed il tasso della riduzione in fibroblasti normali coltivati. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 12 novembre 2004; 324(2): 931-6.

20. Yuneva AO, GG di Kramarenko, Vetreshchak TV, S prode, Boldyrev aa. Effetto del carnosine sulla durata di drosophila melanogaster. Med di biol di Exp del toro. 2002 giugno; 133(6): 559-61.

21. Hipkiss AR, Brownson C, Bertani MF, Ruiz E, ferro A. Reaction del carnosine con le proteine invecchiate: un altro processo protettivo? Ann NY Acad Sci. 2002 aprile; 959:285-94.

22. Stuerenburg HJ. I ruoli del carnosine nell'invecchiamento del muscolo scheletrico e nelle malattie neuromuscolari. Biochimica (Mosc.). 2000 luglio; 65(7): 862-5.

23. S prode, Semyonova m., Yuneva M. Carnosine come droga potenziale di anti-senescenza. Biochimica (Mosc.). 2000 luglio; 65(7): 866-8.

24. Boldyrev A, canzone R, Lawrence D, carpentiere FA. Carnosine protegge dalla morte excitotoxic delle cellule indipendentemente dagli effetti sulle specie reattive dell'ossigeno. Neuroscienza. 1999;94(2):571-7.

25. Boldyrev aa, Sc prode, Sukhich GT. Carnosine, il peptide protettivo e antinvecchiamento. Rappresentante di Biosci. 1999 dicembre; 19(6): 581-7.

26. Preston JE, Hipkiss AR, distacco di Himsworth, Romero IA, Abbott JN. Effetti tossici di beta-amiloide (25-35) sulla cellula endoteliale immortalata del cervello del ratto: protezione dal carnosine, dal homocarnosine e dall'beta-alanina. Neurosci Lett. 13 febbraio 1998; 242(2): 105-8.

27. Prova fisiologico di Boldyrev aa, di Stvolinsky SL, di Tyulina OV, et al. biochimico e che il carnosine è un neuroprotector endogeno contro i radicali liberi. Cellula Mol Neurobiol. 1997 aprile; 17(2): 259-71.

28. Ms di Horning, Blakemore LJ, Trombley PQ. Meccanismi endogeni del neuroprotection: ruolo di zinco, di rame e del carnosine. Brain Res. 2000 3 gennaio; 852(1): 56-61.

29. Braser P. Blueberries può aiutare l'equilibrio, memoria. Associated Press. 17 settembre 1999.

30. Galli RL, Bielinski DF, Szprengiel A, B Shukitt-sana, Joseph JA. Il mirtillo ha completato il declino relativo all'età degli inversi di dieta in neuroprotection hippocampal HSP70. Invecchiamento di Neurobiol. 2006 febbraio; 27(2): 344-50.

31. Andres-Lacueva C, B Shukitt-sana, Galli RL, et al. antociani nei ratti invecchiati di mirtillo-federazione è trovato centralmente e può migliorare la memoria. Nutr Neurosci. 2005 aprile; 8(2): 111-20.

32. Il CF di Wang Y, di Chang, il completamento dietetico di Chou J et al. con i mirtilli, gli spinaci, o lo spirulina riduce la lesione cerebrale ischemica. Exp Neurol. 2005 maggio; 193(1): 75-84.

33. de RC, B Shukitt-sana, Joseph JA, JUNIOR di Mendelson. Gli effetti degli antiossidanti nella corteccia uditiva senescente. Invecchiamento di Neurobiol. 2006 luglio; 27(7): 1035-44.

34. Willis L, Bickford P, Zaman V, Moore A, CA di Granholm. L'estratto del mirtillo migliora la sopravvivenza dei trapianti hippocampal intraoculari. Trapianto delle cellule. 2005;14(4):213-23.

35. Lau FC, B Shukitt-sana, Joseph JA. Gli effetti benefici dei polifenoli della frutta su invecchiamento del cervello. Invecchiamento di Neurobiol. 2005 dicembre; 26 supplementi 1:128-32.

36. MD di Matchett, MacKinnon SL, Sweeney MI, Gottschall-passaggio KT, RA di Hurta. I flavonoidi del mirtillo inibiscono l'attività della proteinasi metallica della matrice in cellule di carcinoma della prostata umane DU145. Cellula Biol. di biochimica. 2005 ottobre; 83(5): 637-43.

37. Casadesus G, HM Shukitt-sano di Stellwagen, di B, et al. modulazione di plasticità hippocampal e comportamento conoscitivo dal completamento a breve termine del mirtillo in ratti invecchiati. Nutr Neurosci. 2004 ottobre; 7 (5-6): 309-16.

38. Joseph JA, Na Shukitt-sano di Denisova, di B, et al. inversioni dei declini relativi all'età nei deficit comportamentistici conoscitivi e e del motore di un neurone di trasduzione, del segnale con il mirtillo, gli spinaci, o il completamento dietetico della fragola. J Neurosci. 15 settembre 1999; 19(18): 8114-21.

39. Chen ZP, Schell JB, CT noioso, Chen KY. Il gallato del epigallocatechin del tè verde mostra ad una crescita pronunciata l'effetto inibitorio sulle cellule cancerogene ma non sulle loro controparti normali. Cancro Lett. 17 luglio 1998; 129(2): 173-9.

40. Wang YC, Bachrach U. L'attività anticancro specifica di tè verde (-) - epigallocatechin-3-gallate (EGCG). Aminoacidi. 2002;22(2):131-43.

41. ANNUNCIO di Whetton, Spooncer E. Role delle citochine e della matrice extracellulare nel regolamento delle cellule staminali emopoietiche. Cellula Biol. di Curr Opin. 1998 dicembre; 10(6): 721-6.

42. Gemma C, Mesches MH, Sepesi B, et al. diete arricchite in alimenti con dalle le diminuzioni indotte da età di alto inverso di attività antiossidante nella funzione beta adrenergica cerebellare ed aumenti in citochine proinflammatory. J Neurosci. 15 luglio 2002; 22(14): 6114-20.

43. Il PC di Bickford, Tan J, Shytle il RD, et al. Nutraceuticals promuove sinergico la proliferazione delle cellule staminali umane. Sviluppatore delle cellule staminali. 2006 febbraio; 15(1): 118-23.

44. Demetri GD, grifone JD. Fattore distimolazione del granulocita ed il suo ricevitore. Sangue. 1° dicembre 1991; 78(11): 2791-808.

45. Disponibile a: http://www.aafp.org/afp/20001001/1565.html. 2 agosto 2006 raggiunto.

46. Disponibile a: http://www.cnn.com/2006/TECH/science/06/07/harvard.cloning.ap/index.html. 2 agosto 2006 raggiunto.