Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine dicembre 2006
immagine

Colleen Fitzpatrick e Dihydroquercetin


Creare Colleen Fitzpatrick più potente Da Mark J. Neveu, PhD

Dihydroquercetin inibisce lo sforzo e l'infiammazione ossidativi

A causa delle sue abilità antiossidanti valide, il dihydroquercetin può cercare e distruggere due dei tipi più pericolosi di radicali liberi nel corpo: i radicali del perossido e del superossido. Dihydroquercetin inoltre funziona fuori orario per proteggere i globuli rossi e bianchi. Gli studi indicano che protegge i globuli bianchi dalla lesione ambientale ed impedisce la morte ossidativa delle cellule in globuli rossi. Il risultato è un più forte, sistema immunitario più vigoroso che può sorvegliare e proteggere aggressivamente le unità critiche delle cellule in tutto il corpo.24-26

Dihydroquercetin evita le complicazioni del diabete

Uno del più temuto delle malattie, il diabete ha specialmente conseguenze offensive per l'apparato cardiovascolare e gli occhi. Dihydroquercetin può offrire il contributo tanto necessario alla gente che sta provando a dirigere o invertire gli effetti del diabete di tipo II.

Gli scienziati hanno notato che la gente con il diabete di tipo II è all'elevato rischio per la malattia arteriosa. Ciò è parzialmente perché il diabete di tipo II aumenta la capacità dei globuli bianchi sicuri chiamati neutrofili per aderire al rivestimento del vaso sanguigno, o endotelio.42 che questo può contribuire alla malattia vascolare in tutto il corpo, specialmente nei vasi sanguigni essenziali del cuore. Uno studio russo ha trovato che il dihydroquercetin inibisce l'attività pro-infiammatoria dei neutrofili in pazienti con il diabete di tipo II,43 e può contribuire così a proteggere il sistema vascolare dagli effetti offensivi della malattia.

In diabetici, il dihydroquercetin è stato trovato per proteggere da due cause comuni di perdita della visione: degenerazione maculare e cataratta. La degenerazione maculare accade quando un'area della retina dell'occhio che è responsabile della visione dettagliata comincia a deteriorarsi. Dihydroquercetin promuove il flusso sanguigno a questa regione dell'occhio, che offre la protezione contro perdita della visione. Inoltre, inibendo l'attività di un enzima nella lente di occhio, il dihydroquercetin può contribuire ad impedire la formazione della cataratta in pazienti diabetici.44,45

Come i lettori del prolungamento della vita sanno, l'infiammazione è un colpevole chiave nelle malattie degeneranti quali l'artrite, la malattia cardiovascolare ed il cancro. Dihydroquercetin ha indicato la sua capacità di ridurre gli enzimi producenti infiammazione quale cyclooxygenase-2 (COX-2) e di inibire i mediatori infiammatori, compreso le citochine.27-30 l'enzima COX-2 è stato il fuoco di estesa ricerca farmaceutica che ha prodotto le droghe quali Vioxx® e Celebrex®. Queste droghe hanno acceso essere implicate nella creazione della malattia cardiaca letale. Dihydroquercetin può fornire un'alternativa sicura a determinati prodotti farmaceutici usati per indirizzare l'infiammazione.

L'infiammazione inoltre rende la sua presenza nota con le reazioni allergiche. Le istamine ampiamente sono riconosciute come l'innesco della maggior parte dei episodi allergici. Dihydroquercetin sopprime il rilascio delle istamine, quindi riducente la severità degli avvenimenti allergici.31

Dihydroquercetin protegge da danni al fegato e da epatite

Molti prodotti chimici usati per l'industriale e l'annuncio pubblicitario scopo-tali come le diossine, i dibenzofurani e tetracloruro di carbonio-atto gradiscono i veleni nel fegato. Alcuni possono indurre la tossicità e l'epatite del fegato promuovendo la perossidazione dei lipidi.46 con i suoi effetti antiossidanti potenti, il dihydroquercetin può proteggere il fegato sia dall'esposizione tossica che dall'infezione virale. Quando i ratti sono stati completati con il dihydroquercetin per i quattro giorni prima dell'esposizione ad un prodotto chimico precedentemente utilizzato nel lavaggio a secco e nelle industrie del freddo, erano protetti contro gli effetti d'induzione della tossina.47

Inoltre, in un modello del topo del disturbo al fegato, il dihydroquercetin era più efficace della vitamina E nell'inibizione dei cambiamenti biochimici che possono condurre ad epatite. Specificamente, il dihydroquercetin ha bloccato la produzione dell'fattore-alfa pro-infiammatoria di necrosi del tumore come pure dell'infiltrazione delle cellule di sistema immunitario.48-50

Dihydroquercetin inoltre mostra la promessa nel combattimento dell'epatite virale A virale indotta. Il virus dell'epatite A è contratto tipicamente through mangiando l'alimento antigienico. In laboratorio, il dihydroquercetin ha inibito la replica e gli effetti patogeni del virus dell'epatite A.51

Il completamento con il dihydroquercetin offre così i benefici importanti per il fegato contribuendo a proteggere dagli effetti offensivi dell'esposizione alle tossine ed all'infezione di epatite virale.

Gli studi confermano la sicurezza e l'efficacia

Gli studi indicano che il dihydroquercetin è altamente sicuro ed efficace. Infatti, la ricerca suggerisce che il dihydroquercetin sia ancora più sicuro di suo cugino nutrizionale, quercetina.61,62 nessun effetti tossici sono stati osservati in ratti che sono stati trattati con gli alti livelli del dihydroquercetin per i lungi periodi di tempo.63

Dihydroquercetin allevia il dolore di artrite, infiammazione

I tipi più comuni di artriti derivano da da deterioramento indotto da infiammazione della cartilagine in giunti (osteoartrite) o dall'attacco autoimmune del corpo contro i suoi propri tessuti uniti (artrite reumatoide). Dihydroquercetin può offrire i benefici per entrambi i tipi di artriti.52,53

Uno dei modi importanti in cui il dihydroquercetin può limitare l'inizio dell'artrite è bloccando l'espressione dei prodotti biochimici infiammatori. Questa azione è stata indicata per evitare lo sviluppo dall'dell'artrite indotta da autoimmune.53 ulteriormente, il dihydroquercetin inibisce la formazione di cellule immuni attivate, in grado di essere efficaci nel trattamento dei vari disordini autoimmuni, compreso l'artrite reumatoide.31,54

Ancora, il dihydroquercetin può offrire il sollievo dal dolore naturale. In uno studio in topi, il dihydroquercetin era più potente di aspirin o dell'acetaminofene (Tylenol®) nel dolore e nell'infiammazione d'inibizione.55

Dihydroquercetin può tenere così la promessa nell'evitare l'infiammazione e l'attività autoimmune che contribuiscono all'artrite. Nelle istanze attuali di dolore e di infiammazione, il dihydroquercetin può offrire il sollievo naturale dal disagio dell'artrite.

Conclusione

Mentre la gente in Russia richiede una prescrizione di acquistare i molti benefici del dihydroquercetin e della vitamina C, questa combinazione nutriente dell'ampio spettro ora è disponibile facilmente come integratore alimentare a basso costo agli Americani che cercano di migliorare la loro salute e benessere. Da vitamina C proteggente e di miglioramento come scorre attraverso il corpo, dihydroquercetin drammaticamente aumenta i benefici di questa sostanza nutriente importante.

Dihydroquercetin fornisce il supporto immune

Gli studi emozionanti indicano che il dihydroquercetin può sostenere la lotta contro due tipi di infezioni serie: polmonite e HIV.

I ricercatori hanno esaminato gli effetti dei dihydroquercetin in pazienti che soffrono dalla polmonite acuta. Quando gli individui che subiscono la terapia standard completata con una formula antiossidante che caratterizza il dihydroquercetin, essi hanno recuperato più velocemente dai sintomi di infiammazione del polmone confrontati ai pazienti che hanno subito la terapia tradizionale da solo.56

Gli studi preliminari possono suggerire un ruolo per il dihydroquercetin nel combattimento del virus di HIV. Dihydroquercetin recentemente è stato isolato poichè il componente attivo nella corteccia della noce cinese, un estratto del gambo della pianta che uccide selettivamente le cellule infettate con il virus dell'immunodeficienza umana.57 inoltre, il dihydroquercetin è stato trovato per inibire l'attività di un enzima che virus quale uso di HIV ripiegare il loro materiale genetico.58

La prova scientifica sostanziale suggerisce che questa combinazione novella di sostanze nutrienti conferisca la protezione potente e sinergica contro alcune delle malattie più comuni e più pericolose di invecchiamento, compreso i disordini cardiovascolari, neurologici e diabetici. La vitamina C e il dihydroquercetin d'incorporazione in un programma quotidiano del completamento è un modo semplice e a basso costo più ulteriormente rinforzare le difese antiossidanti naturali del corpo.

Dihydroquercetin lenisce la pelle irritata

In uno studio umano su infiammazione della pelle, il dihydroquercetin ha bloccato i vari prodotti biochimici che contribuiscono a dermatite.29 Dihydroquercetin alleviano l'infiammazione della pelle stimolando una molecola potente e antinfiammatoria di citochina conosciuta come IL-10.59,60 aiuti IL-10 riducono le reazioni di ipersensibilità della pelle agli agenti esterni, una causa tutto troppo comune di dermatite.

Riferimenti

1. Kregel KC, Zhang HJ. Una vista integrata dello sforzo ossidativo nell'invecchiamento: meccanismi di base, effetti funzionali e considerazioni patologiche. Comp. Physiol di J Physiol Regul Integr. 17 agosto 2006.

2. Teoria radicale di Harman D. Free di invecchiamento: un aggiornamento: aumento della durata funzionale. Ann NY Acad Sci. 2006 maggio; 1067:10-21.

3. La TA di Valko m., di Leibfritz D, di Moncol J, di Cronin, radicali liberi di Mazur m., di Telser J. ed antiossidanti nelle funzioni fisiologiche normali e nella malattia umana. Cellula Biol. di biochimica di Int J. 4 agosto 2006; [Epub davanti alla stampa]

4. Halvorsen BL, Carlsen MH, "phillips" chilometro, Bohn SK, Holte K, Dott Jr, Blomhoff R. Content di Jacobs dei composti dell'redox-attivo (IE, antiossidanti) in alimenti consumati negli Stati Uniti. J Clin Nutr. 2006 luglio; 84(1): 95-135.

5. Disponibile a: http://en.wikipedia.org/wiki/Bioflavonoids. 10 ottobre 2006 raggiunto.

6. Ross JA, Kasum cm. Flavonoidi dietetici: biodisponibilità, effetti metabolici e sicurezza. Annu Rev Nutr. 2002;22:19-34.

7. Hertog MG, Kromhout D, Aravanis C, et al. l'assunzione flavonoide ed il rischio a lungo termine di coronaropatia e di cancro nei sette paesi studiano. Med dell'interno dell'arco. 27 febbraio 1995; 155(4): 381-6.

8. Knekt P, Kumpulainen J, Jarvinen R, et al. assunzione e rischio flavonoidi di malattie croniche. J Clin Nutr. 2002 settembre; 76(3): 560-8.

9. Landrault N, Larronde F, Delaunay JC, et al. livella degli oligomeri e del astilbin dello stilbene in vini varietali francesi ed in uva durante lo sviluppo nobile della putrefazione. Alimento chim. di J Agric. 27 marzo 2002; 50(7): 2046-52.

10. Disponibile a: http://en.wikipedia.org/wiki/Vitamin_c. 10 ottobre 2006 raggiunto.

11. Vinson JA, biodisponibilità di Bose P. Comparative agli esseri umani di acido ascorbico da solo o in un estratto dell'agrume. J Clin Nutr. 1988 settembre; 48(3): 601-4.

12. KA di Harper, ANNUNCIO di Morton, Rolfe EJ. Composti fenolici del succo del ribes nero e del loro effetto su acido ascorbico. III meccanismo di ossidazione dell'acido ascorbico e della sua inibizione dai flavonoidi. Tecnologia dell'alimento di J. 1969;4:255-67.

13. Nijveldt RJ, van NE, van Hoorn DE, et al. flavonoidi: una rassegna dei meccanismi probabili delle applicazioni di potenziale e di azione. J Clin Nutr. 2001 ottobre; 74(4): 418-25.

14. van der LB, Bachschmid m., Spitzer V, et al. ha fatto diminuire i livelli del tessuto e del plasma di vitamina C in un modello del ratto di invecchiamento: implicazioni per difesa antiossidante. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 4 aprile 2003; 303(2): 483-7.

15. Funzione di Sotoudeh, di Jacob RA G. Colleen Fitzpatrick e stato nella malattia cronica. Cura di Nutr Clin. 2002 marzo; 5(2): 66-74.

16. Bsoul SA, Terezhalmy GT. Colleen Fitzpatrick nella salute e nella malattia. Ammaccatura Pract di J Contemp. 15 maggio 2004; 5(2): 1-13.

17. Logvinov SV, Pugachenko NV, Potapov avoirdupois, et al. da cambiamenti indotti da ischemia in synaptoarchitectonics della corteccia del cervello e la loro correzione con il ascovertin e l'estratto di Leuzea. Med di biol di Exp del toro. 2001 ottobre; 132(4): 1017-20.

18. MB di Plotnikov, effetti di Logvinov SV, di Pugachenko NV, et al. di Cerebroprotective del diquertin ed acido ascorbico. Med di biol di Exp del toro. 2000 novembre; 130(11): 1080-3.

19. Effetti antiossidante di MB di Plotnikov, di Plotnikov dm, di Aliev OI, et al. Hemorheological e di Ascovertin in pazienti con la sclerosi delle arterie cerebrali. Clin Hemorheol Microcirc. 2004;30(3-4):449-52.

20. MB di Plotnikov, Plotnikov dm, Alifirova VM, et al. efficacia clinica di un ascovertin hemorheological novello della droga in pazienti con encefalopatia vascolare. Zh Nevrol Psikhiatr Im ss Korsakova. 2004;104(12):33-7.

21. MB di Plotnikov, Aliev OI, Maslov MJ, Vasiliev COME, Na di Tjukavkina. Correzione di alta sindrome di viscosità del sangue da una miscela di Diquertin e di acido ascorbico in vitro e in vivo. Ricerca di Phytother. 2003 marzo; 17(3): 276-8.

22. MB di Plotnikov, Aliev OI, Maslov MJ, Vasiliev COME, Na di Tjukavkina. Correzione delle perturbazioni haemorheological nell'infarto miocardico dal diquertin e dall'acido ascorbico. Ricerca di Phytother. 2003 gennaio; 17(1): 86-8.

23. Logvinov SV, MB di Plotnikov, Varakuta EY, et al. effetto del ascovertin sui cambiamenti morfologici in retina del ratto ha esposto a luce ad alta intensità. Med di biol di Exp del toro. 2005 novembre; 140(5): 578-81.

24. Potapovich AI, Kostyuk VA. Studio comparativo sulle proprietà antiossidanti ed attività cytoprotective dei flavonoidi. Biochimica (Mosc.). 2003 maggio; 68(5): 514-9.

25. Haraguchi H, Mochida Y, Sakai S, et al. protezione contro danno ossidativo dai dihydroflavonols nel chrysolepis di Engelhardtia. Biochimica di Biosci Biotechnol. 1996 giugno; 60(6): 945-8.

26. Kostyuk VA, Potapovich AI. Antiradical ed effetti di chelatazione nella protezione flavonoide contro dalla la lesione indotta da silice delle cellule. Biochimica Biophys dell'arco. 1° luglio 1998; 355(1): 43-8.

27. Wang YH, Wang WY, Chang cc, et al. Taxifolin migliora la lesione cerebrale di ischemia-riperfusione in ratti con il suoi effetto e modulazione antiossidanti dell'attivazione della N-F-kappa B. J Biomed Sci. 2006 gennaio; 13(1): 127-41.

28. Soliman KF, Mazzio ea. Attenuazione in vitro di produzione dell'ossido di azoto nella coltura cellulare del astrocyte C6 dai vari composti dietetici. Med di biol di Proc Soc Exp. 1998 settembre; 218(4): 390-7.

29. Bito T, Roy S, Sen C, flavonoidi di K et al. differenziale regola dall'l'espressione indotta da gamma ICAM-1 di IFN nei keratinocytes umani: meccanismi molecolari di azione. FEBS Lett. 5 giugno 2002; 520 (1-3): 145-52.

30. Devi mA, Das NP. Effetti in vitro dei polifenoli naturali della pianta sulla proliferazione dei linfociti umani normali ed anormali e le loro secrezioni dell'interleuchina 2. Cancro Lett. 14 maggio 1993; 69(3): 191-6.

31. Bronner C, Landry Y. Kinetics dell'effetto inibitorio dei flavonoidi sulla secrezione dell'istamina dai mastociti. Azioni degli agenti. 1985 aprile; 16 (3-4): 147-51.

32. Kravchenko LV, Morozov SV, Tutel'yan VA. Effetti dei flavonoidi sulla resistenza dei microsomi a perossidazione lipidica in vitro e ex vivo. Med di biol di Exp del toro. 2003 dicembre; 136(6): 572-5.

33. Teselkin YO, Babenkova IV, Na di Tjukavkina, et al. influenza del dihydroquercetin sulla perossidazione lipidica dei topi durante il periodo di post-radiazione. Ricerca in fitoterapia. 1998;12:517-9.

34. Vasiljeva OV, Lyubitsky OB', GI di Klebanov, Vladimirov YA. Effetto dell'azione combinata dei flavonoidi, dell'ascorbato e dell'alfa-tocoferolo su perossidazione dei liposomi del fosfolipide indotti dagli ioni di Fe2+. Cellula Biol. di Membr. 2000;14(1):47-56.

35. Kostyuk VA, Kraemer T, Sies H, Schewe T. Myeloperoxidase/nitrito-ha mediato la perossidazione lipidica della lipoproteina a bassa densità come modulata dai flavonoidi. FEBS Lett. 27 febbraio 2003; 537 (1-3): 146-50.

36. Casaschi A, Rubio BK, Maiyoh GK, Theriault AG. Attività inibitoria del acyltransferase di diacylglycerol (DGAT) e della proteina microsomica di trasferimento del trigliceride (MTP) dal flavonoide, taxifolin, in cellule HepG2: ruolo potenziale nel regolamento della secrezione dell'apolipoproteina B. Aterosclerosi. 2004 ottobre; 176(2): 247-53.

37. Igarashi K, Uchida Y, Murakami N, Mizutani K, Masuda H. Effect di astilbin in tè trasformato dalle foglie del chrysolepis di Engelhardtia sulle concentrazioni nel lipido del fegato e del siero e sulle attività enzimatiche antiossidanti del fegato e dell'eritrocito dei ratti. Biochimica di Biosci Biotechnol. 1996 marzo; 60(3): 513-5.

38. TH di Chen, Liu JC, Chang JJ, et al. L'effetto inibitorio in vitro di astilbin flavonoide sulla riduttasi del coenzima A di 3 hydroxy-3-methylglutaryl sulle cellule di Vero. Zhonghua Yi Xue Za Zhi (Taipei). 2001 luglio; 64(7): 382-7.

39. VP di Tikhonov, MN di Makarova, Zajtseva mA, Makarov VG. Efficacia di (±) - taxifolin dal larix sibirica (Mûnchh.) Ledeb. su pressione sanguigna negli esperimenti in vivo. Med di Planta. 2006;72:174.

40. Wang YH, Wang WY, Liao JF, et al. la prevenzione di adesione molecule-1 (Mac-1) - adesione dipendente del macrofago della ditta del neutrofilo dal taxifolin con danno dell'attivazione chinasi-dipendente dell'ossidasi della proteina NADPH e l'antagonismo del G proteina-hanno mediato l'afflusso del calcio. Biochimica Pharmacol. 15 giugno 2004; 67(12): 2251-62.

41. Dok-va la H, Lee KH, effetti di Kim HJ, et al. di Neuroprotective dei flavonoidi antiossidanti, quercetina, (+) - etere di metile della quercetina e di dihydroquercetin 3, isolato dalle varietà di opuntia ficus indica. saboten. Brain Res. 7 marzo 2003; 965 (1-2): 130-6.

42. van Oostrom AJ, van Wijk JP, Sijmonsma TP, Rabelink TJ, Castro cm. Espressione aumentata degli indicatori di attivazione sui monociti e dei neutrofili in diabete di tipo 2. Med di Neth J. 2004 ottobre; 62(9): 320-5.

43. Fedosova N-F, Alisievich SV, Lyadov chilovolt, et al. meccanismi che sono alla base del regolamento diquertin-mediato della funzione del neutrofilo in pazienti con i diabeti melliti non insulino-dipendenti. Med di biol di Exp del toro. 2004 febbraio; 137(2): 143-6.

44. Haraguchi H, Ohmi I, Fukuda A, et al. inibizione di accumulazione della riduttasi e del sorbitolo dell'aldoso dai dihydroflavonols di taxifolin e del astilbin nel chrysolepis di Engelhardtia. Biochimica di Biosci Biotechnol. 1997 aprile; 61(4): 651-4.

45. Haraguchi H, Ohmi I, Masuda H, et al. inibizione di riduttasi dell'aldoso dai dihydroflavonols nel chrysolepis di Engelhardtia ed effetti su altri enzimi. Experientia. 15 giugno 1996; 52(6): 564-7.

46. Batteria, Ferrari L. Manifestations di danni al fegato chimicamente indotti. Clin chim. 1995 dicembre; 41 (12 pinte 2): 1882-7.

47. Teselkin YO, Babenkova IV, Kolhir VK, et al. Dihydroquercetin al fine di difesa antiossidante in ratti con epatite del tetraclorometano. Ricerca di Phytother. 2000 maggio; 14(3): 160-2.

48. Wang J, Zhao Y, Xu Q. Astilbin impedisce dal il disturbo al fegato indotto da una della concanavalina riducendo la produzione dell'TNF-alfa e l'adesione dei linfociti T. J Pharm Pharmacol. 2004 aprile; 56(4): 495-502.

49. Xu Q, Wu F, cao J, et al. Astilbin induce selettivamente la disfunzione della protezione del cellula-romanzo di fegato-infiltrazione da danni al fegato. EUR J Pharmacol. 14 luglio 1999; 377(1): 93-100.

50. Closa D, Torres m., G più caldo, et al. prostanoidi e radicali liberi nell'epatotossicità di Cl4C-induced in ratti: effetto di astilbin. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 1997 aprile; 56(4): 331-4.

51. Biziagos E, Crance JM, Passagot J, Deloince R. Effect delle sostanze antivirali sulla replica del virus dell'epatite A in vitro. J Med Virol. 1987 maggio; 22(1): 57-66.

52. MB di Gupta, Bhalla TN, GP di Gupta, CR di Mitra, Bhargava KP. Attività antinfiammatoria del taxifolin. Jpn J Pharmacol. 1971 giugno; 21(3): 377-82.

53. Il Cai Y, Chen T, Xu Q. Astilbin sopprime dall'l'artrite indotta da collagene via la disfunzione dei linfociti. Ricerca di Inflamm. 2003 agosto; 52(8): 334-40.

54. Yan R, Xu Q. Astilbin facilita selettivamente gli apoptosi delle cellule di Jurkat phytohemagglutinin-attivate interleukin-2-dependent. Ricerca di Pharmacol. 2001 agosto; 44(2): 135-+9.

55. Cechinel-Filho V, ZR di Vaz, Zunino L, Calixto JB, RA di Yunes. Antinociceptive e proprietà anti--oedematogenic di astilbin, del taxifolin e di alcuni composti relativi. Arzneimittelforschung. 2000 marzo; 50(3): 281-5.

56. Kolhir VK, Bykov VA, Teselkin YO, et al. Uso di nuovo diquertin antiossidante come adiuvante nella terapia dei pazienti con polmonite acuta. Ricerca in fitoterapia. 1998;12:606-8.

57. Min BS, Lee HK, Lee MP, et al. attività virus tipa di immunodeficienza Anti-umana 1 dei costituenti dal mandshurica del Juglans. Ricerca di Pharm dell'arco. 2002 agosto; 25(4): 441-5.

58. Sc di CHU, Hsieh YS, Lin JY. Effetti inibitori dei flavonoidi su attività murina della trascrittasi inversa del virus di leucemia di Moloney. J Nat Prod. 1992 febbraio; 55(2): 179-83.

59. Fei m., Wu X, Xu Q. Astilbin inibisce l'ipersensibilità del contatto con il regolamento negativo di citochina distinto da ciclosporina A.J Allergy Clin Immunol. 2005 dicembre; 116(6): 1350-6.

60. Il Cai Y, Chen T, Xu Q. Astilbin sopprime l'ipersensibilità ritardare tipa inibendo la migrazione del linfocita. J Pharm Pharmacol. 2003 maggio; 55(5): 691-6.

61. Bjeldanes LF, Chang GW. Attività mutagena di quercetina e dei composti riferiti. Scienza. 5 agosto 1977; 197(4303): 577-8.

62. Nagao m., Morita N, Yahagi T, et al. Mutagenicities di 61 flavonoide e di 11 composto riferito. Circondi l'agente mutageno. 1981;3(4):401-19.

63. Cabina, documenti legali F. La tossicità ed il metabolismo del dihydroquercetin. J Pharm Assoc Pharm Assoc (Baltim.). 1958 marzo; 47 (3, parte 1): 183-4.

64. Disponibile a: http://lpi.oregonstate.edu/infocenter/vitamins/vitaminC/. 11 ottobre 2006 raggiunto.

65. Li W, Maeda N, Beck mA. La carenza di Colleen Fitzpatrick aumenta la patologia del polmone dei topi infettati da virus del gulo-/di influenza. J Nutr. 2006 ottobre; 136(10): 2611-6.

66. Chen Q, Espey MG, Krishna MC, et al. concentrazioni farmacologiche nell'acido ascorbico uccide selettivamente le cellule tumorali: azione come pro-farmaco per consegnare il perossido di idrogeno ai tessuti. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 20 settembre 2005; 102(38): 13604-9.

67. Riordan HD, Casciari JJ, Gonzalez MJ, et al. Uno studio clinico pilota dell'ascorbato endovenoso continuo in malati di cancro terminali. Salute Sci J. 2005 di PR dicembre; 24(4): 269-76.

68. Roomi Mw, Ivanov V, Kalinovsky T, Niedzwiecki A, Rath M. Inhibition di produzione e dell'invasione maligne della proteinasi metallica della matrice delle cellule del mesotelioma da una miscela nutriente novella. Exp Lung Res. 2006 marzo; 32 (3-4): 69-79.

69. Roomi Mw, Ivanov effetto di V, di Kalinovsky T, di Niedzwiecki A, di Rath M. Antitumor di acido ascorbico, lisina, prolina, arginina ed estratto del tè verde sulla linea cellulare T-24 del cancro alla vescica. Int J Urol. 2006 aprile; 13(4): 415-9.

70. Roomi Mw, Ivanov V, Kalinovsky T, Niedzwiecki A, Rath M. In-vivo ed effetto antitumorale in vitro di acido ascorbico, di lisina, della prolina, dell'arginina e dell'estratto del tè verde sulle cellule umane HT-1080 di fibrosarcoma. Med Oncol. 2006;23(1):105-11.

71. Roomi Mw, Ivanov V, Kalinovsky T, Niedzwiecki A, Rath M. Inhibition della secrezione e dell'invasione della matrice metalloproteinase-2 dalla linea cellulare umana SK-OV-3 del cancro ovarico con lisina, la prolina, l'arginina, l'acido ascorbico e l'estratto del tè verde. Ricerca di J Obstet Gynaecol. 2006 aprile; 32(2): 148-54.

72. Roomi Mw, Ivanov V, Netke S, et al. in vivo ed effetto antitumorale in vitro dell'estratto dell'acido ascorbico, della lisina, della prolina e del tè verde sulla linea cellulare umana A2058 del melanoma. In vivo. 2006 gennaio; 20(1): 25-32.

73. Roomi Mw, Roomi N, Ivanov V, et al. effetto inibitorio di una miscela che contiene l'estratto dell'acido ascorbico, della lisina, della prolina e del tè verde sui parametri critici nell'angiogenesi. Oncol Rep.2005 ottobre; 14(4): 807-15.

74. Roomi Mw, Roomi nanowatt, Ivanov V, et al. modulazione dei tumori mammari indotti N-metilici-N-NITROSOUREa in topi Sprague Dawley tramite la combinazione di lisina, prolina, arginina, acido ascorbico ed estratto del tè verde. Ricerca del cancro al seno. 2005; 7(3): R291-5.

75. Roomi Mw, Ivanov V, Kalinovsky T, Niedzwiecki A, Rath M. attività in vitro e in vivo antitumorigenic di una miscela di lisina, della prolina, dell'acido ascorbico e dell'estratto del tè verde su cancro al seno umano allinea MDA-MB-231 e MCF-7. Med Oncol. 005;22(2):129-38.

76. Roomi Mw, Ivanov effetto di V, di Kalinovsky T, di Niedzwiecki A, di Rath M. Antitumor di una combinazione di lisina, prolina, arginina, acido ascorbico ed estratto del tè verde su MIA PaCa-2 della linea cellulare del cancro del pancreas. Cancro di Int J Gastrointest. 2005;35(2):97-102.

77. Roomi Mw, Ivanov V, Kalinovsky T, Niedzwiecki A, effetto antitumorale di Rath M. In-vivo dell'estratto dell'acido ascorbico, della lisina, della prolina e del tè verde sugli xenotrapianti umani del carcinoma della prostata PC-3 in topi nudi: valutazione di crescita e dell'esame immuno-istochimico del tumore. In vivo. 2005 gennaio; 19(1): 179-83.

78. Roomi Mw, Ivanov V, Kalinovsky T, Niedzwiecki A, effetto antitumorale di Rath M. In-vivo dell'estratto dell'acido ascorbico, della lisina, della prolina e del tè verde sugli xenotrapianti umani delle cellule di tumore del colon HCT 116 in topi nudi: valutazione di crescita e dell'esame immuno-istochimico del tumore. Rappresentante di Oncol. 2005 marzo; 13(3): 421-5.

79. Roomi Mw, Ivanov V, Kalinovsky T, Niedzwiecki A, effetto di Rath M. Antitumor di sinergia nutriente sulle cellule umane U-2OS di osteosarcoma, sul sarcoma SK-ES.1 di Ewing e di MNNG-HOS. Rappresentante di Oncol. 2005 febbraio; 13(2): 253-7.