Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine febbraio 2006
immagine

Antiossidanti, danno mitocondriale e invecchiamento umano

Da Edward R. Rosick, FANNO, i MPH, ms

Protezione dei mitocondri

Anche le pubblicazioni scientifiche della corrente principale ora riconoscono l'importanza della funzione mitocondriale nell'invecchiamento e nella malattia. Uno studio negli annali dell'accademia di New York delle scienze evidenziate come la disfunzione mitocondriale causata da da danno ossidativo indotto da radicale libero è un indicatore comune sia nell'invecchiamento che nelle malattie relative all'età quale cancro. Gli autori notano che il cancro è associato con invecchiamento e che gli adulti hanno invecchiato 65 o più vecchio rappresenti 60% di tutti i cancri e 70% di tutte le morti del cancro. Secondo gli autori, non solo è probabile “che la suscettibilità aumentata di DNA mitocondriale a danno ossidativo e la capacità limitata della riparazione del DNA delle proteine in questione nel gioco mitocondriale della riparazione un ruolo significativo nella mutagenesi di invecchiamento,„ ma “di disfunzione mitocondriale che accompagna l'invecchiamento possono esercitare un'influenza importante su carcinogenesi.„12

Fortunatamente, la prova importante suggerisce che le diete ricche di frutti e verdura-e alto dentro antiossidante-abbiano così gli effetti protettivi significativi contro molte malattie relative all'età. Inoltre, la prova preliminare indica che gli antiossidanti esercitano gli effetti protettivi diretti contro danno mitocondriale causato dai radicali liberi. In altro articolo negli annali dell'accademia di New York delle scienze, gli autori esaminate come determinati antiossidanti quali il coenzima Q10, l'N-acetilcisteina e l'acido lipoico possono neutralizzare la produzione in eccesso dei radicali liberi dentro i mitocondri.13

Benefici di acido lipoico, Acetile-L-carnitina

L'acido lipoico è considerato un antiossidante importante e cruciale per varie reazioni mitocondriali. in Europa, medici prescrivono l'acido lipoico per trattare le malattie del fegato e i polyneuropathies. La ricerca recente ha indicato che l'acido lipoico può essere un'aggiunta utile nella lotta contro i cambiamenti patologici e relativi all'età veduti nel cervello.

Uno studio esaminato come l'acido lipoico modula i neurotrasmettitori nei cervelli dei ratti invecchiati. I più vecchi ratti dati i supplementi lipoici dell'acido hanno aumentato i loro livelli di parecchi neurotrasmettitori importanti, compreso dopamina, serotonina e norepinefrina. Postulando che questo aumento potrebbe essere dovuto l'azione antiossidante dell'acido lipoico, gli autori conclusivi, “il completamento di acido lipoico potrebbero rappresentare un approccio terapeutico possibile per diminuire lo sforzo ossidativo nel sistema nervoso centrale e quindi per modulare i livelli di neurotrasmettitori durante [invecchiamento].„14

Un altro studiano, coauthored dal Dott. Ames, trovato quello in ratti invecchiati, acido lipoico e mitocondri significativamente protetti della acetile-L-carnitina da danno ossidativo e da decadimento età-collegato. Secondo gli autori, “alimentare vecchi i ratti acetile-L-carnitina più la funzione mitocondriale di restauri lipoici dell'acido, abbassa gli ossidanti. . . migliora il declino età-collegato nell'attività e nella memoria ambulatorie. . . ed impedisce i mitocondri decadimento e disfunzione ossidativi.„15

Antiossidanti che combattono Alzheimer

Oltre ad acido lipoico, altri antiossidanti possono contribuire a proteggere il cervello dalle devastazioni di invecchiamento. Beta-carotene e vitamine C e promessa di manifestazione di E grande nella lotta contro il morbo di Alzheimer. Alzheimer, la maggior parte della causa comune di demenza in adulti ha invecchiato 65 e più vecchio, colpisce più di 15 milione di persone universalmente. Un cambio principale che si presenta nei cervelli delle vittime di Alzheimer è danneggiamento ossidativo generalizzato dei neuroni. Tuttavia, farmaci correnti di prescrizione per il fuoco di Alzheimer soltanto ai livelli aumentanti dell'acetilcolina del neurochemical, non sul combattimento del danneggiamento ossidativo dei neuroni. Gli studi multipli sostengono l'idea che gli antiossidanti hanno un posto come terapia di prima linea contro Alzheimer.

Uno tale studio di 442 pazienti svizzeri anziani direttamente ha correlato i livelli ematici di due antiossidanti comuni (beta-carotene e vitamina C) con la migliore memoria.16

Uno studio pubblicato negli archivi della neurologia nel 2004 ha esaminato il rischio di Alzheimer nella gente che ha preso i supplementi antiossidanti. Lo studio ha trovato che “l'uso della vitamina E e dei supplementi della vitamina C in associazione è associato con prevalenza e l'incidenza ridutrici dell'ANNUNCIO [morbo di Alzheimer]. Ulteriore studio di merito antiossidante di supplementi come agenti nella prevenzione primaria dell'ANNUNCIO.„17

La vitamina E può impedire la perdita del muscolo

Mentre la gente invecchia, non solo fanno le loro ossa diventano fragili, ma i loro tessuti del muscolo si restringono ed atrofizzano, una circostanza conosciuta come il sarcopenia. È stato stimato che fra le età di 20 e di 80, la massa del muscolo scheletrico diminuisse da 35-40% negli uomini ed in donne. Mentre le ossa fragili secondarie ad osteoporosi certamente contribuiscono alla maggior incidenza delle fratture dell'anca e di altre lesioni debilitanti negli anziani, la debolezza della gamba causata dal sarcopenia è un fattore di contributo importante alle cadute che causano le fratture dell'anca. Quando il sarcopenia ruba la gente della loro capacità di camminare, scalare le scale, o di eseguire il compito semplice di ottenere dentro e fuori di una sedia, le limita ad uno stile di vita non sano e sedentario.

Mentre gli studi sono in corso, alcuni ricercatori ritengono che il danno mitocondriale intramuscolare del DNA causato dai radicali liberi possa essere un fattore significativo nella perdita di massa del muscolo veduta nel aged.6 l'uso degli antiossidanti-specifico, vitamina E-possono contribuire ad impedire il sarcopenia negli anziani. Un rapporto da Johns Hopkins ha esaminato la relazione fra i livelli del plasma di antiossidanti e la forza muscolare in donne ha invecchiato 70-79. Carotenoide e tocoferolo superiori dell'alfa (livelli della vitamina E) è stato associato indipendente con maggior forza muscolare,18 che conducono gli autori a concludere che il sarcopenia in adulti più anziani può derivare in parte dallo sforzo ossidativo e che gli antiossidanti possono essere protettivi.

La luteina, zeaxantina protegge la visione

Molti studi longitudinali indicano che alta assunzione dei phytocompounds dei carotenoidi- responsabili del rosso alla pigmentazione gialla in frutti e verdura-possono proteggere dai vari stati relativi all'età di malattia, compreso perdita della visione. Due dei carotenoidi più utili per perdita relativa all'età di combattimento della visione causata dalle cataratte sono luteina e zeaxantina.

Questi antiossidanti potenti sono pensati per contribuire ad impedire le cataratte proteggendo la lente di occhio dagli effetti offensivi di radiazione ultravioletta e di formazione di radicali liberi endogena. Tre studi recenti hanno dimostrato che la gente con un'alta assunzione di luteina e di zeaxantina ha rischi significativamente più bassi di sviluppare le cataratte rispetto a quelle ad un'assunzione bassa.19-21 inoltre, la ricerca ha indicato che anche nella gente che già ha sviluppato le cataratte, il completamento della luteina può contribuire a migliorare la visione.22

Conclusione

la medicina della Età-gestione è circa più appena l'estensione degli anni di vita. Il suo scopo è di allungare ed ottimizzare gli anni di vita sana e funzionale impedendo le malattie che affliggono comunemente gli adulti più anziani. Con un pochi buonsenso e di ogni giorno sano comportamento-compreso l'esercizio regolare, i ricchi di una dieta in frutta, le verdure e la proteina magra e l'uso dell'antiossidante supplemento-potete assicurarti che abbiate sia la probabilità che la capacità godere di una vita lunga e sana.

Riferimenti

1. Harman, D. Aging: una teoria basata sul radicale libero e sulla radiochimica. Il rapporto del laboratorio di radiazione dell'università di California, no. 3078. 15 luglio 1955; Università. di California, Berkley, CA.

2. Processo di invecchiamento di Harman D. The. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1981 novembre; 78(11): 7124-8.

3. BN di Ames, Shigenaga Mk, Hagen TM. Ossidanti, antiossidanti e le malattie degeneranti di invecchiamento. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1° settembre 1993; 90(17): 7915-22.

4. Radicali liberi e invecchiamento di Barja G. Tendenze Neurosci. 2004 ottobre; 27(10): 595-600.

5. SB di Junqueira VB, di Barros, Chan ss, et al. invecchiare e sforzo ossidativo. Mol Aspects Med. 2004 febbraio; 25 (1-2): 5-16.

6. Ashok BT, paradosso di invecchiamento di Ali R. The: teoria del radicale libero di invecchiamento. Exp Gerontol. 1999 giugno; 34(3): 293-303.

7. Wei YH, LU CY, Lee HC, fitta CY, mA YS. Danneggiamento e mutazione ossidativi di DNA mitocondriale e del declino età-dipendente della funzione respiratoria mitocondriale. Ann NY Acad Sci. 20 novembre 1998; 854:155-70.

8. Mandavilli BS, Santos JH, riparazione e invecchiamento di Van Houten B. Mitochondrial DNA. Ricerca di Mutat. 30 novembre 2002; 509 (1-2): 127-51.

9. Cadenas E, Davies kJ. Generazione mitocondriale del radicale libero, sforzo ossidativo e invecchiamento. Med libero di biol di Radic. 2000 agosto; 29 (3-4): 222-30.

10. Wei YH, Lee HC. Sforzo ossidativo, mutazione mitocondriale del DNA e danno degli enzimi antiossidanti nell'invecchiamento. Med di biol di Exp (Maywood.). 2002 ottobre; 227(9): 671-82.

11. Antiossidanti di Mecocci P, di Polidori MC, di Troiano L, et al. del plasma e longevità: uno studio sui centenari in buona salute. Med libero di biol di Radic. 2000 15 aprile; 28(8): 1243-8.

12. Singh KK. La disfunzione mitocondriale è un fenotipo comune nell'invecchiamento e nel cancro. Ann NY Acad Sci. 2004 giugno; 1019:260-4.

13. Il completamento antiossidante di dieta di Miquel J. Can protegge da danno mitocondriale relativo all'età? Ann NY Acad Sci. 2002 aprile; 959:508-16.

14. Arivazhagan P, cambiamenti di Panneerselvam C. Neurochemical si è riferito invecchiare nel cervello del ratto ed all'effetto di acido DL-alfa-lipoico. Exp Gerontol. 2002 dicembre; 37(12): 1489-94.

15. Liu J, Atamna H, Kuratsune H, BN di Ames. Ritardo del decadimento mitocondriale del cervello ed invecchiare con gli antiossidanti ed i metaboliti mitocondriali. Ann NY Acad Sci. 2002 aprile; 959:133-66.

16. Perrig WJ, Perrig P, HB di Stahelin. La relazione fra gli antiossidanti e la prestazione di memoria nel vecchio e molto vecchio. Soc di J Geriatr. 1997 giugno; 45(6): 718-24.

17. Zandi pp, Anthony JC, Khachaturian COME, et al. rischio riduttore di morbo di Aalzheimer in utenti della vitamina antiossidante completa: lo studio della contea di Cache. Arco Neurol. 2004 gennaio; 61(1): 82-8.

18. Lo stato di Semba RD, di Blaum C, di Guralnik JM, et al. del carotenoide e della vitamina E è

connesso con gli indicatori del sarcopenia fra le donne più anziane che vivono nella comunità. Ricerca di Clin Exp di invecchiamento. 2003 dicembre; 15(6): 482-7.

19. Lyle BJ, giumente-Perlman JA, Klein È, Klein R, Greger JL. L'assunzione ed il rischio antiossidanti di cataratte nucleari relative all'età di incidente nell'occhio della diga del castoro studiano. J Epidemiol. 1° maggio 1999; 149(9): 801-9.

20. Brown L, Rimm eb, Seddon JM, et al. Uno studio prospettivo dell'assunzione del carotenoide e rischio di estrazione della cataratta negli uomini degli Stati Uniti. J Clin Nutr. 1999 ottobre; 70(4): 517-24.

21. Chasan-Taber L, WC di Willett, Seddon JM, et al. Uno studio prospettivo delle assunzioni della vitamina A e del carotenoide e rischio di estrazione della cataratta nelle donne degli Stati Uniti. J Clin Nutr. 1999 ottobre; 70(4): 509-16.

22. Olmedilla B, Granado F, Blanco I, Vaquero M. Lutein, ma non alfa-tocoferolo, il completamento migliora la funzione visiva in pazienti con le cataratte relative all'età: una prova alla cieca di 2 y, studio pilota controllato con placebo. Nutrizione. 2003 gennaio; 19(1): 21-4.