Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 2006
immagine

Teanina

Contributo naturale a sonno, all'umore ed al peso Da Terri Mitchell

Grasso e muscolo d'equilibratura

Se c'è una gente del posto vuole ristabilire l'equilibrio, è nell'area di grasso corporeo. Poichè ognuno sa, quando la perdita grassa è lo scopo, la spesa di caloria è il piano tattico. Una delle differenze nella gente che è di peso eccessivo ed in coloro che non è è quella gente di peso eccessivo si siede circa due ore più di lunghezza ogni giorno.50 chiaramente, l'inattività causa lo squilibrio nel sistema, eppure il mero pensiero di esercitazione rende qualche gente stanca. La motivazione sta mancando di e potrebbero pure provare a scalare l'Everest come fa un giro sullo scalatore della scala.

Ma che cosa se realmente dovessero scalare l'Everest? I ricercatori nel Regno Unito hanno fatto una scoperta sorprendente in uno studio degli scalatori di montagna. Tè caldo, hanno scoperto, fanno meraviglie per affaticamento e vigore (come in lascici si alzano e vanno!).51 ricercatore finlandese ha fatto una simile scoperta quando interroga la gente circa la depressione. Nessuno degli oggetti che hanno bevuto cinque o più tazze di tè un il giorno era depresso, mentre quelli che non bevono tè hanno avuti il più alto tasso di depressione.7 nessuno dei due gruppo di ricerca hanno attribuito gli effetti motivazionali di tè a caffeina. La caffeina è efficace per un aspetto differente di perdita di peso: accelerazione del metabolismo. Ma 100 milligrammi di caffeina aumenta soltanto il tasso metabolico a riposo 3-4%.52 aumentare la dose può lasciare una persona stanca e vacillante. Così, la caffeina da sè non è la risposta a perdita di peso. Entri nel tè verde.

I ricercatori sanno che l'estratto del tè verde promuove la termogenesi sopra e oltre il suo contenuto della caffeina.53 sono stati informati per parecchi anni che i composti nella caloria-combustione della caffeina di aumento del tè verde effettua. Che cosa quei composti sono era un mistero finché i ricercatori giapponesi non decidessero di esaminarlo nel 2004. Hanno diviso il tè verde nelle sue varie componenti ed hanno studiato come catechine, teanina, caffeina e obesità di influenza della polvere stessa del tè verde in topi femminili.54 hanno trovato che tutte le componenti hanno soppresso l'obesità. La polvere, le catechine e la teanina del tè verde inoltre hanno ridotto i livelli del trigliceride. I ricercatori hanno concluso che non solo possono aiuto della caffeina impedire l'obesità e l'accumulazione grassa, ma latta di teanina, anche. Non è noto se gli stessi risultati si presentano in esseri umani.

Nel Giappone, più probabilmente troverete la teanina in vostra bevanda che la caffeina. Il valore giapponese ringiovanire, qualità di mente-schiarimento della teanina. Non è sorprendente che qualcosa che l'equilibrio di restauri sia molto popolare in una cultura in cui ristabilire l'equilibrio è il fondamento di medicina. Gli occidentali farebbero bene per prendere nota di questo regalo dall'est.

La teanina è unica in un mare dei supplementi che promettono molto ma consegna piccolo. È uno dei pochi supplementi che attraversa la barriera ematomeningea. La ricerca fin qui indica che la teanina è molto utile per il ristabilimento dell'equilibrio ai sistemi trascurati dalla gente che è in movimento. Contribuisce a neutralizzare gli effetti di stimolazione di caffeina, ma gli aspetti positivi della caffeina dei complementi quale la combustione grassa. Si rilassa e ringiovanisce. Riduce i livelli di alcool nella circolazione sanguigna e sostiene la salute del fegato. Ristabilisce l'umore e la motivazione, aumenta la termogenesi e protegge il cervello. Gli aiuti supplementari di teanina ricreano così gli effetti calmanti e concentranti di una cerimonia di tè in una forma conveniente ed accessibile.

Riferimenti

1. Singal A, Kaur S, Tirkey N, l'estratto del tè verde di Chopra K. e la catechina migliorano dallo lo sforzo ossidativo indotto da affaticamento cronico in topi. J Med Food. 2005;8(1):47-52.

2. Hossain SJ, Aoshima H, Koda H, Kiso Y. Fragrances nel tè del oolong che migliora la risposta dei ricevitori di GABAA. Biochimica di Biosci Biotechnol. 2004 settembre; 68(9): 1842-8.

3. Huang Y, Chan nanowatt, Lau CW, et al. partecipazione di endotelio/di ossido di azoto in vasorelaxation indotto dall'epicatechina purificata del tè verde (-). Acta di Biochim Biophys. 19 aprile 1999; 1427(2): 322-8.

4. Unno K, Takabayashi F, Kishido T, effetto di Oku N. Suppressive delle catechine del tè verde su regressione morfologica e funzionale del cervello in topi invecchiati con la senescenza accelerata (SAMP10). Exp Gerontol. 2004 luglio; 39(7): 1027-34.

5. Yokogoshi H, Kobayashi m., Mochizuki m., Terashima T. Effect della teanina, r-glutamylethylamide, sulle monoamine del cervello e sul rilascio striatal della dopamina in ratti coscienti. Ricerca di Neurochem. 1998 maggio; 23(5): 667-73.

6. Quinlan pinta, vicolo J, Moore chilolitro, et al. Gli effetti acuti di umore e fisiologici di tè e di caffè: il ruolo del livello della caffeina. Biochimica Behav di Pharmacol. 2000 maggio; 66(1): 19-28.

7. Hintikka J, Tolmunen T, Honkalampi K, et al. bere quotidiano del tè è associato con un a basso livello dei sintomi depressivi nella popolazione in genere finlandese. EUR J Epidemiol. 2005;20(4):359-63.

8. I polifenoli di Negishi H, di Xu JW, di Ikeda K, et al. del nero e del tè verde attenuano spontaneamente gli aumenti di pressione sanguigna in ratti ipertesi colpo-inclini. J Nutr. 2004 gennaio; 134(1): 38-42.

9. Davies MJ, Judd JT, Baer DJ, et al. consumo del tè nero riduce il totale ed il colesterolo di LDL in adulti leggermente ipercolesterolemici. J Nutr. 2003 ottobre; 133(10): 3298S-3302S.

10. Casimir J, Jadot J, Renard M. Separation e caratterizzazione di N-etile-gamma-glutamina dal badius di Xerocomus. Acta di Biochim Biophys. 22 aprile 1960; 39:462-8.

11. LA di Chilcott e Shapiro cm. L'impatto socioeconomico di insonnia. Una panoramica. Pharmacoeconomics. 1996; 10 supplementi 11-14.

12. George J, Murphy T, Roberts R, GRUPPO DI LAVORO di Cooksley, Halliday JW, Powell LW. Influenza del consumo della caffeina e dell'alcool sull'eliminazione della caffeina. Clin Exp Pharmacol Physiol. 1986 ottobre; 13(10): 731-6.

13. Broughton LJ, Rogers HJ. Distanza sistemica in diminuzione di caffeina dovuto cimetidina. Br J Clin Pharmacol. 1981 agosto; 12(2): 155-9.

14. RM di Gilbert, Marshman JA, Schwieder m., contenuto di R. Caffeine dell'iceberg delle bevande come consumato. Può Med Assoc J. 1976 7 febbraio; 114(3): 205-8.

15. McCusker RR, SEDERE di Goldberger, cono EJ. Contenuto nella caffeina dei caffè di specialità. J Toxicol anale. 2003 ottobre; 27(7): 520-2.

16. Kakuda T, Nozawa A, Unno T, Okamura N, effetti inibitori di Okai O. della teanina su stimolazione della caffeina valutata dall'elettroencefalogramma nel ratto. Biochimica di Biosci Biotechnol. 2000 febbraio; 64(2): 287-93.

17. Kimura R, Kurita m., Murata T. Influence dei alkylamides di acido glutammico e dei composti riferiti sul sistema nervoso centrale. III. Effetto della teanina su attività spontanea dei topi (il transl dell'autore). Yakugaku Zasshi. 1975 luglio; 95(7): 892-5.

18. Nicassio PM, MB di Boylan, McCabe TG. Rilassamento progressivo, biofeed-back di EMG e placebo di biofeed-back nel trattamento di insonnia di addormentamento. Br J Med Psychol. 1982 giugno; 55 (pinta 2): 159-66.

19. Friedman L, Bliwise DL, Yesavage JA, SR di Salom. Uno studio preliminare che confronta i trattamenti di restrizione e di rilassamento di sonno per insonnia in adulti più anziani. J Gerontol. 1991 gennaio; 46(1): 1-8.

20. Coursey RD, Frankel BL, Kr di Gaarder, Mott DE. Un confronto delle tecniche di rilassamento con la terapia per cronico, insonnia del electrosleep di addormentamento uno studio di sonno-elettroencefalogramma. Auto Regul di biofeed-back. Del 1980 marzo; 5(1): 57-73.

21. Disponibile a: notizie/news-ng.asp di http://nutraingredients.com/? id=50679-green-tea-lulls. 12 ottobre 2005 raggiunto.

22. Richiesta di brevetto degli Stati Uniti 20040171624; Richiesta di brevetto giapponese 2001-253740.

23. JUNIOR di Calabrese, Kling mA, oro PW. Alterazioni nell'immunocompetenza durante lo sforzo, il decessso e la depressione: fuoco sul regolamento neuroendocrino. Psichiatria di J. 1987 settembre; 144(9): 1123-34.

24. Ou XM, Storring JM, Kushwaha N, Albert PR. Heterodimerization di mineralcorticoide e dei ricevitori glucocorticoidi ad un elemento novello di risposta negativa del gene del ricevitore 5-HT1A. Biol chim. di J. 27 aprile 2001; 276(17): 14299-307.

25. Bhatia V, Tandon RK. Sforzo ed il tratto gastrointestinale. J Gastroenterol Hepatol. 2005 marzo; 20(3): 332-9.

26. Schleimer RP, Jacques A, Shin HS, Lichtenstein LM, Plaut M. Inhibition di citotossicità comunicata per cellule di T dagli steroidi antinfiammatori. J Immunol. 1984 gennaio; 132(1): 266-71.

27. Valuti il LH, Cappiello A, Malison RT, et al. gli effetti del trattamento del antiglucocorticoid sulla funzione 5-HT1A in pazienti depressi e gli individui sani. Neuropsicofarmacologia. 1997 ottobre; 17(4): 246-57.

28. Janowsky DS, Sc di Risch, Huey LY, Judd LL, Rausch JL. Regolamento di Hypothalamic=pituitary-adrenal, neurotrasmettitori e disordine affettivo. Peptidi. 1983 settembre-ottobre; 4(5): 775-84.

29. Se di Gartside, Leitch millimetro, giovani AH. Il ritmo glucocorticoide alterato attenua la capacità di uno SSRI cronico di elevare il forebrain 5-HT: implicazioni per il trattamento della depressione. Neuropsicofarmacologia. 2003 settembre; 28(9): 1572-8.

30. McEwen BS. Glucocorticoidi, depressione e disturbi dell'umore: ritocco strutturale nel cervello. Metabolismo. 2005 maggio; 54 (5 supplementi 1): 20-3.

31. RM di Sapolsky. Glucocorticoidi ed atrofia hippocampal nei disordini neuropsichiatrici. Arco Gen Psychiatry. 2000 ottobre; 57(10): 925-35.

32. Reus VI, Wolkowitz OM. Droghe di Antiglucocorticoid nel trattamento della depressione. Droghe di Opin Investig dell'esperto. 2001 ottobre; 10(10): 1789-96.

33. Il Murphy È. Terapie di Antiglucocorticoid nella depressione principale: una rassegna. Psychoneuroendocrinology. 1997; 22 supplementi 1S125-32.

34. Paul IA, Skolnick P. Glutamate e depressione: studi clinici e preclinici. Ann NY Acad Sci. 2003 novembre; 1003:250-72.

35. CN di Sanacora G, di Gueorguieva R, di Epperson, et al. alterazioni Sottotipo-specifiche di acido gamma-aminobutirrico e glutammato in pazienti con la depressione principale. Arco Gen Psychiatry. 2004 luglio; 61(7): 705-13.

36. Trullas R, antagonisti di Skolnick P. Functional alle azioni complesse dell'antidepressivo della mostra del ricevitore di NMDA. EUR J Pharmacol. 21 agosto 1990; 185(1): 1-10.

37. Huber TJ, Dietrich DE, HM di Emrich. Uso possibile di amantadina nella depressione. Pharmacopsychiatry. 1999 marzo; 32(2): 47-55.

38. Shinozaki H, Ishida M. Theanine come antagonista del glutammato nella giunzione neuromuscolare del gambero. Brain Res. 28 luglio 1978; 151(1): 215-9.

39. Danilczuk Z, Ossowska G, Lupina T, Cieslik K, Zebrowska-Lupina I. Effect degli antagonisti del ricevitore di NMDA su danno comportamentistico indotto dal trattamento cronico con dexamethsome. Rappresentante di Pharmacol. 2005 gennaio-febbraio; 57(1): 47-54.

40. Hinoi E, Takarada T, Tsuchihashi Y, trasportatori di Yoneda Y. Glutamate come obiettivi della droga. La droga di Curr mira allo SNC Neurol Disord. 2005 aprile; 4(2): 211-20.

41. Kolb JE, Trettel J, Levine es. Il potenziamento di BDNF dei ricevitori postsinaptici di NMDA è bloccato da etanolo. Sinapsi. 2005 gennaio; 55(1): 52-7.

42. KA di Yamada, Covey DF, Hsu CY, et al. Il derivato IDRA 21 dell'isoniazide migliora la lesione hippocampal ischemica del neurone. Ann Neurol. 1998 maggio; 43(5): 664-9.

43. Miglioramento di Bao HY, di Zhang J, di Yeo SJ, et al. di memoria ed effetti neuroprotective dei ginsenosidi selezionati. Ricerca di Pharm dell'arco. 2005 marzo; 28(3): 335-42.

44. Tyszkiewicz JP, peptidi di Yan Z. Beta-Amyloid altera le funzioni PKC-dipendenti dei ricevitori metabotropic del glutammato in neuroni corticali prefrontali. J Neurophysiol. 2005 giugno; 93(6): 3102-11.

45. Egashira N, Hayakawa K, Mishima K, et al. effetto di Neuroprotective di gamma-glutamylethylamide (teanina) su infarto cerebrale in topi. Neurosci Lett. 3 giugno 2004; 363(1): 58-61.

46. Chen Z, Li Y, Zhao LC, et al. Uno studio sull'associazione fra il consumo del tè ed il colpo. Zhonghua Liu Xing Bing Xue Za Zhi. 2004 agosto; 25(8): 666-70.

47. Sadzuka Y, Inoue C, Hirooka S, et al. effetti della teanina sul metabolismo dell'alcool e tossicità epatica. Toro di biol Pharm. 2005 settembre; 28(9): 1702-6.

48. Sugiyama T, Sadzuka Y. Theanine, un derivato specifico del glutammato in tè verde, riduce le reazioni avverse di doxorubicina cambiando il livello del glutatione. Cancro Lett. 30 agosto 2004; 212(2): 177-84.

49. Sadzuka Y, Sugiyama T, Suzuki T, Sonobe T. Enhancement dell'attività di doxorubicina tramite inibizione di trasportatore del glutammato. Toxicol Lett. 15 settembre 2001; 123 (2-3): 159-67.

50. Levine JA, LM Lanningham-adottivo, McCrady SK, et al. variazione interindividuale nell'assegnazione di posizione: ruolo possibile nell'obesità umana. Scienza. 28 gennaio 2005; 307(5709): 584-6.

51. Scott D, Rycroft JA, Aspen J, Chapman C, Brown B. L'effetto di bere tè ad elevata altitudine su stato e sull'umore di idratazione. EUR J Appl Physiol. 2004 aprile; 91(4): 493-8.

52. Dulloo AG, Geissler CA, Horton T, Collins A, Miller DS. Consumo normale della caffeina: influenza su termogenesi e dispendio energetico quotidiano in volontari umani magri e postobese. J Clin Nutr. 1989 gennaio; 49(1): 44-50.

53. Dulloo AG, Seydoux J, Girardier L, Chantre P, tè verde di Vandermander J. e termogenesi: interazioni fra i catechina-polifenoli, la caffeina e l'attività comprensiva. Int J Obes Relat Metab Disord. 2000 febbraio; 24(2): 252-8.

54. Gli effetti di Anti-obesità di Zheng G, di Sayama K, di Okubo T, di Juneja LR, di Oguni I. di tre componenti importanti di tè verde, catechine e teanina, in topi. In vivo. 2004 gennaio-febbraio; 18(1): 55-62.