Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine luglio 2006
immagine

Restrizione di caloria senza fame!

Da Steven V. Joyal, dal MD e da Dale Kiefer

La gente oggi sta perdendo un'opportunità tremenda di raggiungere una durata sana radicalmente estesa, con le riduzioni significative in grasso corporeo.

In uno studio pubblicato appena nel giornale di American Medical Association, gli effetti della restrizione calorica sono stati misurati in un gruppo di adulti di peso eccessivo durante un semestre.1 i risultati era niente sbalordire di a corto di!

In risposta all'ingestione di cibo riduttrice, i livelli di digiuno dell'insulina si sono precipitati. Come prolungamento della vita i membri hanno imparato tempo fa, funzioni in eccesso dell'insulina come ormone di morte che devasta virtualmente ogni sistema dell'organo e delle cellule nel corpo.

Il sovraccarico dell'insulina aumenta il rischio di malattia cardiaca, di cancro, di cecità, di colpo, di Alzheimer e di altre malattie relative all'età.2-6

L'individuazione più emozionante di questo studio era la quantità di peso persa nei gruppi che hanno limitato la loro assunzione di caloria. Il gruppo moderato della calorico-restrizione ha avvertito un rapporto di riproduzione di 24% in massa del grasso corporeo, mentre il gruppo molto ipocalorico ha raggiunto un rapporto di riproduzione di 32% in massa del grasso.1

Potete domandarti come questi risultati riguardano voi, poiché la fame è il fattore che preclude la maggior parte della gente anche dalla considerazione della dieta ipocalorica.

Le notizie notevoli sono che l'estratto naturale della pianta dell'acido-un pinolenic scoperto dentro Europa-è stato indicato per sopprimere drammaticamente l'appetito senza causare alcun effetto stimolatore. Questo estratto della pianta attacca i meccanismi di fondo in questione nella fame così efficacemente che i partecipanti di studio hanno ridotto la loro ingestione di cibo di 36%.7

Gli adulti di invecchiamento soffrono troppo spesso dagli effetti patologici di sovraccarico dell'insulina e della massa del grasso in eccesso. Questa sostanza nutriente disoppressione naturale ha potuto aiutare tantissima gente a godere delle indennità-malattia multiple documentate nel giornale recente di American Medical Association per studiare. Questi benefici comprendono il danno riduttore del DNA, con le riduzioni significative in insulina di digiuno, peso dal corpo intero e massa del grasso.1

Un corpo aumentante dei risultati scientifici rivela quell'insulina in eccesso del siero, anche conosciuta come iper-insulinemia, è un problema sanitario importante. L'alta insulina del siero promuove l'ipertensione alterando l'equilibrio del sodio.L'esposizione prolungata 4,8 ad insulina in eccesso può compromettere severamente il sistema vascolare.4,8 fungendo da catalizzatore nella promozione della crescita delle cellule, l'insulina in eccesso inoltre aumenta il rischio per e la progressione di determinati cancri.L'alta insulina 3 promuove la formazione di beta-amiloide in cellule cerebrali e può contribuire allo sviluppo del morbo di Alzheimer.La sovrapproduzione 5 di insulina anche contribuisce all'ingrandimento della prostata contribuendo a promuovere la crescita eccessiva delle cellule della prostata.L'insulino-resistenza 9 è associato con lo sviluppo dell'obesità e dei problemi sanitari addominali quali aterosclerosi e l'impotenza. Ancora, l'insulino-resistenza e l'obesità sono fattori di rischio per il diabete di tipo II.Un'insulina di 4 eccessi (iper-insulinemia) è premonitrice per il diabete di tipo II mellito.10

Forse il modo più semplice valutare gli effetti tossici di insulina in eccesso è di esaminare i suoi effetti sulla mortalità umana. Uno studio ha indicato che su un periodo di dieci anni, il rischio di morte era quasi due volte grande per quelli con i livelli elevati dell'insulina che per quelle con i più bassi livelli. Gli autori di studio hanno dichiarato che il hyperinsulinemia è associato con l'indipendente per tutte le cause e cardiovascolare aumentato della mortalità da altri fattori di rischio.6

L'insulina in eccesso diminuente migliorando la sensibilità dell'insulina e migliorando la funzione di beta cellule pancreatiche (le cellule che producono l'insulina nel corpo) è una componente cruciale nella ricerca per la longevità. Il migliore modo abbassare i livelli in eccesso dell'insulina è di mangiare di meno e perdere il peso.

Pericoli per la salute multipli di grasso in eccesso

Mentre il grasso si accumula, scarica gli acidi grassi liberi nella circolazione sanguigna, un processo che promuove l'insulino-resistenza.11 poichè le cellule perdono la loro capacità di rispondere efficientemente ad insulina, i livelli dell'insulina aumentano. L'insulina serve a condurre le molecole del glucosio dalla circolazione sanguigna attraverso le membrane cellulari e nelle cellule, in cui le molecole dello zucchero sono metabolizzate per energia. Mentre l'insulino-resistenza monta, il corpo tenta di compensare pompando fuori le quantità elevate di insulina mai. Nel frattempo, il glucosio in eccesso nello stato della circolazione sanguigna-un conosciuto come i vasi sanguigni ed i nervi di iperglicemia-danni e può finalmente causare i problemi in tutto il corpo.12,13

Nel passato, le cellule grasse sono state considerate “peso morto metabolico,„ così ad parlare-inattivo ed a poco importante a metabolismo. I membri del prolungamento della vita hanno saputo per parecchi anni che niente potrebbe essere ulteriore dalla verità. Le cellule grasse (tessuto adiposo) liberano gli acidi grassi e generano le proteine e gli ormoni che sono associati con infiammazione potenzialmente micidiale.14,15 attualmente, gli scienziati hanno identificato più di 100 proteine, gli acidi grassi, gli ormoni e gli agenti infiammatori che sono secernuti dalle cellule grasse.16

Come il grasso accumula, particolarmente nell'area, nella sensibilità dell'insulina e nella tolleranza al glucosio addominali peggiori. La sinistra deselezionata, questa può condurre al diabete di tipo II e ad una miriade di altre malattie, compreso ipertensione, i lipidi del sangue elevati quali i trigliceridi e la lipoproteina a bassa densità (LDL) ed i livelli molto in alto dell'insulina.

La combinazione di insulino-resistenza che conduce all'ipertensione, ai livelli di colesterolo anormali, all'obesità addominale ed all'alta glicemia (glucosio) è conosciuta come sindrome metabolica.Il colesterolo elevato 17,18 e l'ipertensione inoltre contribuiscono allo sviluppo di disfunzione endoteliale, ad una tappa critica nello sviluppo di aterosclerosi ed alla malattia cardiovascolare.

Uno della maggior parte dei modi efficaci di combattere il flagello di insulino-resistenza e dell'obesità micidiali è la restrizione calorica, la pratica dell'assunzione volontariamente diminuente di caloria mentre mantiene il buon stato nutrizionale. Ciò è la stessa strategia indicata per estendere radicalmente la durata in animali ed in primati più bassi. Una serie di studi dell'essere umano sono in corso convalidare gli effetti della restrizione calorica nella longevità umana.

Il più grande ostacolo affrontato da chiunque la restrizione calorica d'impresa e provare a raggiungere la perdita di peso continua è la sensazione fastidiosa di ritenere affamata. La maggior parte della gente si arrende a questo bisogno e così rinuncia all'opportunità di ridurre i loro rischi per le malattie pericolose. Fortunatamente, acido pinolenic, un phytonutrient recentemente scoperto dal pinolo coreano, soddisfazione dell'alimento di aumenti e pienezza dell'alimento incoraggiando la secrezione degli ormoni nell'intestino che sono compresi intimamente nel controllo di appetito.

Come gli ormoni di sazietà colpiscono l'appetito

Pinoli

La sazietà è il senso della soddisfazione e della pienezza dell'alimento sperimentate dopo il cibo. La fame e la sazietà entrambe dipendono da un ciclo di risposte complesso che comprende molti ormoni ed altre sostanze secernuti dall'intestino che interagiscono con i centri di controllo nel cervello. L'intestino partecipa al circuito di fame-sazietà secernendo due ormoni importanti, la colecistochinina (CCK) e peptide-1 del tipo di glucagone (GLP-1), tra l'altro.

La colecistochinina è riconosciuta per sopprimere l'appetito in esseri umani. Quando i ricchi parzialmente digeriti di un pasto in grassi o proteine lascia lo stomaco per entrare nel duodeno (la prima parte dell'intestino tenue), le cellule duodenali della mucosa secernono CCK. A sua volta, CCK stimola il pancreas secernere i numerosi enzimi per contribuire a digerire l'alimento. CCK inoltre agisce sulla cistifellea per stimolare il rilascio della bile nell'intestino tenue, che contribuisce ad emulsionare e ripartire i grassi. Il più importante a controllo di appetito, CCK agisce per rallentare lo svuotamento gastrico e per promuovere una sensibilità della pienezza, così sopprimendo ulteriore ingestione di cibo.19

peptide-1 del tipo di glucagone è un altro ormone che è collegato intimamente con pienezza e sazietà. Prodotto nell'intestino tenue in risposta a grasso ed ai carboidrati, impianti GLP-1 in parte attivando “il meccanismo del freno ileale„. Ciò rallenta l'assorbimento di alimento nell'intestino, promuovendo le sensibilità di pienezza e la sazietà e quindi limita il desiderio per ulteriore ingestione di cibo.20

GLP-1 inoltre contribuisce a controllare la salute di beta cellule pancreatiche, che serviscono la funzione cruciale dell'insulina di fabbricazione nel corpo. La funzione anormale della cellula beta svolge un ruolo chiave nello sviluppo di insulino-resistenza e gli scienziati ritengono che le terapie che amplificano i livelli GLP-1 potrebbero contribuire ad alterare favorevole il corso del diabete.21

CCK e GLP-1 sono ormoni chiave per controllo e sazietà di appetito e gli studi scientifici indicano che questi due ormoni esercitano gli effetti in associazione che sono più potenti dell'uno o l'altro da solo (effetti sinergici).15,22-27 gli studi su normale-peso e gli oggetti obesi hanno indicato che GLP-1 e CCK riducono le sensibilità di fame e fanno diminuire l'ingestione di cibo volontaria ai pasti.28-31

I risultati recenti dimostrano che l'acido pinolenic, un acido grasso poli-insaturo derivato dai pinoli, stimola la secrezione degli ormoni disoppressione CCK e GLP-1.7 questa individuazione emozionante suggeriscono che l'acido pinolenic possa avere effetti potenti nella riduzione dell'appetito e nell'aumento la soddisfazione e della pienezza dell'alimento.

Acido di Pinolenic: Efficace soppressore di appetito

All'inizio del 2006, gli scienziati hanno riferito sulle indennità-malattia dell'estratto coreano del pinolo ad una riunione della società di prodotto chimico americano.

Hanno descritto i risultati di un randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo per determinare come completare con il pino dado-ha derivato i sensi di sazietà e la fame colpiti acido pinolenic.7 i ricercatori hanno scoperto che l'estratto del pinolo stimola la produzione della fame importante due che sopprime gli ormoni CCK e GLP-1.

In questo studio, le donne di peso eccessivo sono state date 3 grammi di acido pinolenic o il placebo inattivo (olio d'oliva) immediatamente prima del cibo della prima colazione modesta che consiste dei carboidrati. Gli scienziati hanno cavato il sangue ed hanno misurato per gli ormoni connessi con fame, sazietà ed abittudine alimentara, alla linea di base e da allora in poi ad intervalli regolari per quattro ore che seguono la dose iniziale. Le donne inoltre hanno fornito le valutazioni della loro fame percepita ad ogni intervallo.7

Le donne sono state chieste di valutare il loro “desiderio di mangiare„ e “l'ingestione di cibo futura.„ Coloro che ha ricevuto l'acido pinolenic riferito significativamente hanno fatto diminuire la fame confrontata agli oggetti che avevano preso il placebo. Oggetti che hanno ricevuto stimato acido pinolenic il loro “desiderio di mangiare„ un 29% impressionante più basso del placebo sottopone, mentre essi stimate la loro “ingestione di cibo futura„ 36% più basso di coloro che ha ricevuto il placebo.7

L'acido di Pinolenic fa diminuire l'appetito stimolando il rilascio di CCK e di GLP-1, due ormoni in questione nella sazietà.

Ancora, le prove di laboratorio in questo studio hanno indicato che l'acido pinolenic ha aumentato gli ormoni di sazietà come CCK nelle circolazioni sanguigne dei partecipanti.7 specificamente, quattro ore dopo la presa dell'acido pinolenic, i soggetti hanno avuti 60% nuovo CCK che circola in loro circolazioni sanguigne degli oggetti del placebo.7

Fra gli oggetti acidi pinolenic, i livelli di GLP-1 inizialmente hanno scalato sia nel placebo che negli oggetti acidi pinolenic. Nel gruppo del placebo, tuttavia, i valori GLP-1 hanno cominciato a cadere dopo 30 minuti ed hanno continuato a diminuire costantemente per il resto del periodo di quattro ore della prova. Nelle donne completate con acido pinolenic, i livelli GLP-1 hanno continuato ad aumentare, alzando ad un'ora e raggiungendo un livello ben sopra quello raggiunti dagli oggetti del placebo. I livelli GLP-1 sono rimanere confortevolmente sopra quelli degli oggetti del placebo in tutto la prova, alzando ancora a tre ore di ottava e questo volta che raggiunge un aumento ancora maggior nei livelli di questo ormone dimiglioramento sopra gli oggetti del placebo. Nel totale, oltre quattro ore, GLP-1 ha aumentato 25% di più negli oggetti che hanno preso l'acido pinolenic che in coloro che ha preso il placebo.7

Il beneficio di controllo di appetito all'ora del pasto è critico a chiunque interessato a tagliare le calorie ed il peso perdente, particolarmente coloro che ha lottato per sormontare le sensibilità di fame e della privazione mentre è a dieta. L'acido di Pinolenic, un acido grasso naturale derivato dal pinolo coreano, offerte un efficace strumento per contribuire a migliorare la sazietà ed appetito controlla.

La promozione della sazietà e così porre freno l'impulso sovra-per concedere all'ora del pasto sono appena una degli effetti benefici di acido pinolenic. La ricerca recente ha dimostrato che quando gli oggetti sono dati GLP-1 prima di un pasto, la loro glicemia rimane più bassa ed i loro livelli di colesterolo del sangue sono ridotti hanno confrontato agli oggetti dati il placebo. Poiché la glicemia e ricchi in colesterolo elevati dopo che i pasti sono associati con il diabete e la malattia cardiovascolare, ricercatori speculano che le terapie che amplificano i livelli GLP-1 (quale acido pinolenic) possono essere utili nell'impedire la malattia cardiovascolare.32

In un altro studio, i ricercatori giapponesi hanno alimentato l'acido pinolenic agli animali sono cresciuto per sviluppare l'ipertensione, un fattore di rischio conosciuto per le malattie cardiovascolari come il colpo e l'attacco di cuore. Dopo cinque settimane di alimentazione, i valori di pressione sanguigna degli animali sono stati abbassati sostanzialmente. I livelli di colesterolo in diminuzione inoltre sono stati notati negli animali pinolenic di acido-federazione.33

Gli scienziati hanno studiato il meccanismo da cui l'acido pinolenic abbassa il colesterolo. Hanno trovato che dopo l'aggiunta dell'acido pinolenic concentrato estratto dai pinoli, l'assorbimento migliorato di LDL nocivo dalle cellule di fegato è stato osservato. Gli scienziati suggeriscono che il concentrato acido pinolenic possa avere LDL-abbassamento delle proprietà migliorando l'assorbimento del fegato LDL.34

Indennità-malattia della restrizione calorica

Sopprimendo l'appetito, l'acido pino-lenic può contribuire ad un riuscito regime della calorico-restrizione. Gli studi scientifici continuano a confermare la vita chemigliora, benefici malattia-preventivi della restrizione calorica. Se non siete di peso eccessivo ma siete interessato nella limitazione della vostra assunzione di caloria per promuovere la longevità e ridurre il rischio di malattia, l'acido pinolenic può contribuire a migliorare la sazietà e controllare l'appetito, fattori critici in questione nell'assunzione diminuente di caloria.

In uno studio recente riferito nel giornale di American Medical Association (JAMA), gli oggetti sono stati messi sulle diete a basso tenore di calorie per sei mesi, dopo di che sono stati valutati per gli indicatori conosciuti di invecchiamento, quali la temperatura corporea del centro ed i livelli di glucosio, di insulina di digiuno e di solfato del deidroepiandrosterone (DHEA-S). I livelli di digiuno dell'insulina sono stati ridotti significativamente in tutti i gruppi del trattamento, mentre i livelli del glucosio e di DHEA-S (glicemia) sono rimanere con calma. In media, il peso corporeo è diminuito da 10% nei gruppi di caloria-restrizione-con-esercizio e della caloria-restrizione, mentre il grasso corporeo è diminuito da 24-25%. Gli oggetti molto su una dieta ipocalorica hanno perso 13,9% del loro peso corporeo iniziale e 32% del loro grasso corporeo. Al contrario, il peso corporeo è rimanere virtualmente immutato negli oggetti di controllo.1

La temperatura corporea del centro inoltre è caduto nei gruppi di caloria-restrizione-con-esercizio e della caloria-restrizione. Il dispendio energetico di 24 ore assoluto ed il dispendio energetico di sonno in diminuzione in tutti i gruppi del trattamento e l'effetto erano più di potrebbe essere spiegato dai cambiamenti in composizione corporea (perdita grassa). I ricercatori hanno concluso che la restrizione calorica ha indotto “un adattamento metabolico„ - cioè, una riduzione del tasso della linea di base a cui il corpo brucia il combustibile. Questo adattamento è desiderabile allo scopo di rallentare l'invecchiamento. La gente che cerca di migliorare forma fisica e perdere spesso esercizio del peso vigoroso nella speranza che l'esercizio amplificherà il loro tasso metabolico. Mentre questo può bruciare le calorie leggermente più rapidamente, inoltre accelera la produzione dei radicali liberi pericolosi. Secondo una teoria prevalente di invecchiamento, il danno ossidativo al livello dei mitocondri è responsabile di gran parte dell'infiammazione e della degenerazione connesse con invecchiamento.1

Nello studio di JAMA, il danno del DNA è diminuito dai livelli della linea di base in tutti i gruppi caloria-limitati. Accumulando il danno del DNA è pensato per contribuire ai processi di malattia ed invecchiare quale cancro. Ciò fornisce ulteriore prova degli effetti potenzialmente d'estensione della restrizione calorica. In appena sei mesi, la restrizione calorica ha alterato favorevole i livelli di digiuno dell'insulina ed ha ridotto le temperature corporee del centro in tutti i gruppi del trattamento. Il livello dell'insulina e la temperatura interna di digiuno del corpo sono considerati biomarcatori per la longevità. Presi insieme, i cambiamenti nei parametri di longevità fra tutti i gruppi della caloria-restrizione suggeriscono che la restrizione calorica a lungo termine possa estendere la durata.1 per contro, le prove crescenti suggeriscono che quel grasso in eccesso (che cosa adiposità di chiamata degli scienziati “") sia associato con l'invecchiamento accelerato.2

Conclusione

Sebbene un metodo attendibile di aumento della longevità negli studi scientifici innumerevoli, la restrizione calorica sia molto difficile ad un livello pratico nel lungo termine, dovuto nella grande parte alle sensazioni di fame e di privazione di cibo. Ancora, dato i pericoli per la salute ben noti connessi con il peso corporeo in eccesso e la perdita di peso grassa e riuscita può letteralmente essere un aspetto di vita e morte per molta gente di peso eccessivo.

L'acido di Pinolenic dal pinolo coreano è un supplemento nutrizionale sicuro e efficace che può aiutare il sovrappeso, invecchiante gli adulti aumentando le sensibilità della soddisfazione e della pienezza dell'alimento. Stimolando il rilascio di sazietà e di appetito-control gli ormoni gradiscono CCK e GLP-1, il completamento acido pinolenic può sopprimere le sensibilità di fame e della privazione di rosicchiamento che possono sabotare gli sforzi di perdita di peso.

Riferimenti

1. Heilbronn LK, de JL, Frisard MI, et al. effetto della restrizione di 6 mesi di caloria sui biomarcatori della longevità, adattamento metabolico e sforzo ossidativo in individui di peso eccessivo: una prova controllata randomizzata. JAMA. 5 aprile 2006; 295(13): 1539-48.

2. Adiposità di Fontana L. Excessive, restrizione di caloria e invecchiamento. JAMA. 5 aprile 2006; 295(13): 1577-8.

3. Calle EE, Kaaks R. Overweight, obesità e cancro: prova epidemiologica e meccanismi proposti. Nat Rev Cancer. 2004 agosto; 4(8): 579-91.

4. HM di Lakka, Laaksonen DE, TUM di Lakka, et al. La mortalità metabolica di sindrome e di totale e della malattia cardiovascolare in uomini di mezza età. JAMA. 4 dicembre 2002; 288(21): 2709-16.

5. C più sudicia, Teutenberg K. Il ruolo del fattore di crescita dell'insulina, dell'insulina e dell'enzima didegradazione nell'invecchiamento e nel morbo di Alzheimer del cervello. Plast neurale. 2005;12(4):311-28.

6. Dekker JM, Girman C, Rodi T, et al. la sindrome metabolica ed il rischio di dieci anni di malattia cardiovascolare nel Hoorn studiano. Circolazione. 2 agosto 2005; 112(5): 666-73.

7. Causey JL. Gli acidi grassi del pinolo coreano inducono il rilascio producente sazietà dell'ormone in volontari umani di peso eccessivo. Documento presentato a: Riunione & esposizione nazionali della società di prodotto chimico americano; Dal 26-30 marzo 2006; Atlanta, GA.

8. Manrique C, Lastra G, Whaley-Connell A, JUNIOR dei seminatori. Ipertensione e la sindrome cardiometabolic. J Clin Hypertens. 2005 agosto; 7(8): 471-6.

9. CL di Amling. Relazione fra obesità e carcinoma della prostata. Curr Opin Urol. 2005 maggio; 15(3): 167-71.

10. Haffner MP. Rischi le costellazioni in pazienti con la sindrome metabolica: epidemiologia, diagnosi e modelli di trattamento. Med di J. 2006 maggio; 119 (5 supplementi 1): S3-9.

11. Segnalazione di Capeau J. Insulin: meccanismi alterati nell'insulino-resistenza. Med Sci (Parigi). 2005 dicembre; Spec. 21 nessuna: 34-9.

12. P. Contributions domestico della iperglicemia basale e postprandiale alle complicazioni micro- e macrovascular nella gente con il diabete di tipo 2. Curr Med Res Opin. 2005 luglio; 21(7): 989-98.

13. Ardigo D, Valtuena S, Zavaroni I, Baroni MC, complicazioni di Delsignore R. Pulmonary in diabeti melliti: il ruolo di controllo glycemic. La droga di Curr mira all'allergia di Inflamm. 2004 dicembre; 3(4): 455-8.

14. Lacquemant C, Vasseur F, Lepretre F, Froguel P. Adipocytokins, obesità e sviluppo del diabete di tipo 2. Med Sci (Parigi). 2005 dicembre; 21 spec. No10-8.

15. Trayhurn P. Endocrine e ruolo di segnalazione del tessuto adiposo: nuove prospettive su grasso. Acta Physiol Scand. 2005 agosto; 184(4): 285-93.

16. Hauner H. Secretory scompone dal tessuto adiposo umano e dal loro ruolo funzionale. Soc di Proc Nutr. 2005 maggio; 64(2): 163-9.

17. Bhansali A, Dutta P. Pathophysiology dei prediabetes. Indiano Med Assoc di J. 2005 novembre; 103(11): 594-5.

18. Petersen KF, GI di Shulman. Eziologia di insulino-resistenza. Med di J. 2006 maggio; 119 (5 supplementi 1): S10-6.

19. Poco TJ, Horowitz m., Feinle-Bisset C. Role di colecistochinina nel controllo di appetito e nel regolamento del peso corporeo. Rev. 2005 di Obes novembre; 6(4): 297-306.

20. Verdich C, silice A, Gutzwiller JP, et al. Una meta-analisi dell'effetto dell'amide del tipo di glucagone peptide-1 (7-36) ad libitum su apporto energetico in esseri umani. J Clin Endocrinol Metab. 2001 settembre; 86(9): 4382-9.

21. Stoffers DA. Lo sviluppo della massa della cellula beta: ruolo recente di potenziale e di progresso di GLP-1. Ricerca di Horm Metab. 2004 novembre-dicembre; 36 (11-12): 811-21.

22. Paquot N, Tappy L. Adipocytokines: collegamento fra obesità, diabete di tipo 2 ed aterosclerosi. Rev Med Liege. 2005 maggio; 60 (5-6): 369-73.

23. Di Christophe J. Is appetito là dopo GLP-1 e PACAP? Ann NY Acad Sci. 11 dicembre 1998; 865:323-35.

24. Silice A, Raben A, Astrup A, Holst JJ. il peptide del tipo di glucagone 1 promuove la sazietà e sopprime l'apporto energetico in esseri umani. J Clin investe. 1° febbraio 1998; 101(3): 515-20.

25. Gutzwiller JP, Degen L, Matzinger D, Prestin S, Beglinger C. Interaction fra GLP-1 e CCK-33 nell'ingestione e nell'appetito di cibo d'inibizione in uomini. Comp. Physiol di J Physiol Regul Integr. 2004 settembre; 287(3): R562-7.

26. Guerrieri di Marx J. Cellular all'offensiva delle Ardenne. Scienza. 7 febbraio 2003; 299(5608): 846-9.

27. Brennan IM, Feltrin chilolitro, Horowitz m., et al. valutazione delle interazioni fra CCK e GLP-1 nei loro effetti su appetito, su apporto energetico e su motilità di antropyloroduodenal in uomini in buona salute. Comp. Physiol di J Physiol Regul Integr. 2005 giugno; 288(6): R1477-85.

28. Naslund E, Barkeling B, re N, et al. l'apporto energetico e l'appetito sono soppressi da peptide-1 del tipo di glucagone (GLP-1) in uomini obesi. Int J Obes Relat Metab Disord. 1999 marzo; 23(3): 304-11.

29. Schick RR, Schusdziarra V, Mossner J, et al. effetto di CCK sull'ingestione di cibo in uomo: effetto fisiologico o farmacologico? Z Gastroenterol. 1991 febbraio; 29(2): 53-8.

30. Adam TC, sig.ra di Westerterp-Plantenga. rilascio peptide-1 e sazietà del tipo di glucagone dopo una sfida nutriente nel normale-peso e negli oggetti obesi. Br J Nutr. 2005 giugno; 93(6): 845-51.

31. Lieverse RJ, Jansen JB, Masclee aa, CB di Lamers. Effetti di sazietà di una dose fisiologica di colecistochinina in esseri umani. Intestino. 1995 febbraio; 36(2): 176-9.

32. Meier JJ, Gethmann A, Gotze O, et al. peptide del tipo di glucagone 1 abolisce l'aumento postprandiale nelle concentrazioni nel trigliceride ed abbassa i livelli di acidi grassi non esterificati in esseri umani. Diabetologia. 2006 marzo; 49(3): 452-8.

33. Sugano la m., Ikeda I, Wakamatsu K, Oka T. l'Influence del pino coreano (pinus koraiensis) - semini cis-5 contenente olio, cis-9, l'acido di cis-12-octadecatrienoic sul metabolismo poli-insaturo dell'acido grasso, la produzione del eicosanoid e la pressione sanguigna dei ratti. Br J Nutr. 1994 novembre; 72(5): 775-83.

34. Lee JW, chilowatt di Lee, interruttore di Lee, Kim IH, aumento di Rhee C. Selective in acido pinolenic (all-cis-5,9,12-18: 3) in olio di pinolo coreano da cristallizzazione e dal suo effetto su attività del LDL-ricevitore. Lipidi. 2004 aprile; 39(4): 383-7.