Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine luglio 2006
immagine

DHA ed il cervello di sviluppo

Da Julius G. Goepp, MD

Per secoli, il pesce è stato considerato “alimento del cervello„ nelle culture intorno al mondo. Le generazioni di bambini sono state sollevate su una cucchiaiata quotidiana dell'olio di fegato di merluzzo, perché i loro genitori hanno avuti un senso generale che era “buono per voi.„1

La ricerca medica recente ha confermato questa saggezza tradizionale. Oggi, la comunità scientifica è venuto a riconoscere che i composti importanti contenuti in oli di pesce hanno benefici profondi per salute, lo sviluppo ed il comportamento del cervello umano.2

I benefici cuore-sani degli acidi grassi omega-3 in oli di pesce sono stati riconosciuti per più di una decade. Più recentemente, questi composti sono stati trovati per avvantaggiare l'endotelio vascolare, riducendo il rischio di colpo e di altre circostanze circolatorie.

Tuttavia, gli effetti sorprendenti dell'acido docosaesaenoico grasso degli acidi-particolare omega-3 (DHA) — su salute e sullo sviluppo del cervello umano sono emerso soltanto in questi ultimi 5-10 anni, poichè gli scienziati hanno prova potente scoperta che il completamento di DHA durante la gravidanza migliora l'intelligenza, cognizione e la prestazione visiva in infanti ed in giovane children.3 DHA sembra avere effetti benefici dopo la nascita pure, amplificando la prestazione dei bambini sulle varie prove di intelligenza.4 inoltre, DHA inoltre rapidamente sta trasformandosi in in uno strumento importante nel controllo dei problemi comportamentistici teenager ed adulti.5

Questo articolo esamina i risultati emozionanti dalla letteratura scientifica recente che sostengono forte i benefici di cervello-salute del completamento di DHA in tutto la portata di vita umana.

Ruolo critico in Brain Development

Gli acidi grassi compongono la più grande componente delle membrane cellulari ed il cervello ha il più alta concentrazione di cellule trovate nel corpo umano. Poiché le cellule cerebrali dipendono in gran parte dalla loro composizione nella membrana per la conduzione elettrica adeguata, la funzione del cervello è collegata intimamente alla composizione delle membrane di cellula cerebrale.

DHA e l'acido arachidonico, due acidi grassi che sono vitali per lo sviluppo del cervello umano,6,7 sono particolarmente critici durante l'ultimo trimestre della gravidanza ed i mesi primissimi della vita di un infante. Durante questo periodo, il cervello subisce un getto della crescita, rapidamente aumentando di massa e di suo contenuto di DHA e di acido arachidonico. DHA in particolare è accumulato nella materia grigia del cervello (dove i corpi di cellula cerebrale sono trovati) e nelle retine degli occhi. Una carenza di DHA in questi tessuti è conosciuta per produrre la visione difficile e lo sviluppo psicomotorio in ritardo.8,9

Il feto di sviluppo dipende interamente dall'assunzione del DHA di sua madre per il suo proprio rifornimento di questa sostanza nutriente vitale del cervello. DHA è trasferito attraverso la placenta dai meccanismi di trasporto speciali che rimuovono DHA dal sangue della madre ai livelli più superiore a per altri acidi grassi.9 come con la maggior parte delle sostanze nutrienti ingerite durante la gravidanza, i bisogni del feto ottengono la massima priorità ed il corpo della madre può rapidamente essere vuotato delle componenti essenziali se l'assunzione adeguata non è rassicurante. Se l'assunzione della madre è limite o minimo, i livelli fetali di DHA cadranno.9

Durante il terzo trimestre, il feto è stimato per accumulare 67 mg al giorno di DHA. Le raccomandazioni correnti per l'assunzione di DHA in donne incinte richiedono 300 mg o più al giorno, secondo la società internazionale per lo studio degli acidi grassi e dei lipidi.7 in due studi recenti delle donne incinte nel Canada, l'assunzione quotidiana media di DHA era mg soltanto 82-160 e 90% delle donne ha consumato di meno che il minimo raccomandato di 300 mg. La parte bassa della gamma dell'assunzione di DHA era 24 mg al giorno.7,10 mentre l'assunzione del DHA delle madri varia intorno al mondo, queste figure suggeriscono che molte donne stiano consumando le quantità di DHA che sono limite o insufficiente per l'assicurazione dello sviluppo ottimale del cervello nei loro feti crescenti.

Completamento di DHA durante la gravidanza

Dalla metà del 1980 la s, studi sugli animali ha dimostrato il ruolo critico di DHA nello sviluppo del cervello durante sia i periodi prenatali che postnatali, con gli stati di carenza connessi con i deficit nello sviluppo, nella visione e nell'udienza del cervello.11-15

Gli studi dei resi hanno indicato che sia le carenze prenatali che postnatali di DHA causate hanno ridotto l'acuità visiva e la funzione retinica anormale.16 le stesse indagini ora hanno indicato che, anche con il completamento postnatale di DHA, i livelli retinici di DHA sono rimanere bassi a tre anni di vita ed i livelli di attività elettrica retinica erano sotto il normale. Gli autori di studio hanno concluso che la carenza prenatale di DHA potrebbe avere effetti a lungo termine sulla retina che non può essere invertita completando l'alimentazione dell'infante. I supplementi prenatali di DHA in ratti femminili sono stati indicati per proteggere da lesione cerebrale sperimentalmente indotta nella loro prole infantile.17 tali studi sottolineano l'importanza dell'inclusione del DHA nei supplementi nutrizionali prenatali.

I numerosi studi umani sono stati intrapresi in risposta a prova che i feti non possono ottenere DHA adeguato nel terzo trimestre critico. Questi studi dimostrano che le madri che prendono i supplementi di DHA hanno meno consegne premature e danno alla luce ai più grandi, infanti più sani che eseguono meglio sulle prove dell'acuità visiva e di intelligenza all'età almeno di quattro anni.3

Il completamento con DHA ha aumentato la durata della gravidanza di quasi una settimana in un gruppo di donne ad ad alto rischio per la consegna prematura.18 inoltre osservata era una tendenza verso più alti peso alla nascita, lunghezza e circonferenza cranica in infanti sopportati alle madri DHA-completate. La prova specifica dell'impatto di DHA sulla funzione neonata del cervello viene da uno studio 2002, che ha dimostrato la maggior maturità del sistema nervoso centrale (come misurato dai modelli di sonno) in infanti sopportati alle madri con i livelli elevati del plasma DHA.19

Le madri che hanno completato con il fegato che di merluzzo le alte concentrazioni contenenti olio di DHA hanno dato alla luce agli infanti con i livelli elevati significativamente di DHA in loro membrane cellulari,20 ed i neonati che hanno avuti le più alte concentrazioni di DHA erano più lunghi alla nascita. I neonati che hanno avuti più modelli di prova “maturi„ delle onde cerebrali alla nascita inoltre hanno avuti livelli elevati di DHA.

Gli effetti ancor più drammatici del completamento di DHA durante la gravidanza ora stanno emergendo, con prova che DHA direttamente influenza la cognizione e l'intelligenza. In un randomizzato, controllato, lo studio di prova alla cieca,6 donne a 18 settimane della gravidanza è stato dato il petrolio del fegato di merluzzo (che contiene mg 1183 di DHA) o l'olio di mais (placebo) fino a tre mesi dopo la consegna. Tutti gli infanti nello studio erano allattati al seno fino almeno a tre mesi dell'età. I bambini di cui le madri hanno ricevuto il supplemento dell'olio di fegato di merluzzo hanno segnato significativamente più su sulle prove di intelligenza a quattro anni che quelli di cui le madri hanno ricevuto l'olio di mais. Un'analisi statistica più complessa ha indicato che l'assunzione materna di DHA durante la gravidanza era la sola variabile significativa connessa con il punteggio d'elaborazione mentale a quattro anni.

In suo riassunto dei benefici di DHA per lo sviluppo e la cognizione infantili del cervello, un gruppo di esperti si è riunito dal centro di Harvard per analisi dei rischi ha raggiunto la conclusione potente che per ogni aumento in un'assunzione materna di DHA di 100 mg al giorno, il quoziente d'intelligenza del bambino (quoziente di intelligenza, una misura delle abilità conoscitive) aumenta di 0,13 punti.21 che questo tradurrebbe in aumento di quasi 6 punti nel quoziente d'intelligenza fra i bambini delle donne che completano con i 4,5 grammi di DHA quotidiano che è stato utilizzato in alcune prove.22

Come il cervello, la retina dell'occhio consiste quasi interamente dalle cellule nervose con molto gli alti livelli di attività come pure dagli alti livelli di DHA in sue membrane cellulari.10 mentre è impossible direttamente da misurare la visione in neonati, l'attività elettrica della retina può essere misurata per mezzo del potenziale evocato visivo, che matura rapidamente nel periodo postnatale immediato. Gli infanti con i livelli elevati di DHA hanno modelli più maturi di potenziale evocato visivo nelle 10-16 settimane che seguono la nascita.La sensibilità retinica 23 a luce è inoltre più alta in infanti con i livelli elevati di DHA.24

Continuato alla pagina 2 di 2