Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine luglio 2006
immagine

Sindrome metabolica

L'epidemia del XXI secolo Da Steven V. Joyal, MD

DHA/EPA. L'acido docosaesaenoico a catena lunga degli acidi grassi omega-3 (DHA) e l'acido eicosapentanoico (EPA) hanno un gran numero di indennità-malattia, compreso la combustione grassa aumentata ed il metabolismo migliore del glucosio.21 inoltre, EPA e DHA fanno diminuire l'espressione dei geni in questione nello stoccaggio grasso,22 giù-regolano i geni in questione nell'infiammazione,23 ed i livelli più bassi di proteina C-reattiva, un indicatore di infiammazione.24

Stia attento, tuttavia, se consumate un gran numero di pesce, come potete ingerire involontario un gran numero di mercurio, una tossina del rene che è trovata nelle quantità elevate in pesce quale pesce spada, in squalo e perfino in tonno.25,26 completare con un prodotto di alta qualità dell'acido grasso omega-3 che è stato provato e trovato stato per essere esente dai contaminanti e dagli agenti inquinanti è un'alternativa astuta a mangiare il pesce Mercury-contaminato.

Bioflavonoidi. L'infiammazione è un fattore importante nello sviluppo di insulino-resistenza e della sindrome metabolica.27,28 bioflavonoidi gradiscono la quercetina, resveratrolo ed i polifenoli verde oliva hanno proprietà antinfiammatorie naturali e possono offrire la protezione contro la sindrome metabolica.

La quercetina, un bioflavonoide potente trovato in verdure, inibisce le citochine pro-infiammatorie (proteine in questione nell'immunità e nell'infiammazione).29 resveratroli, trovati nella pelle dei frutti rossi gradiscono l'uva, sono stati indicati per inibire l'espressione dei geni in questione nell'infiammazione meglio del desametasone potente del corticosteroide di prescrizione.30

I BENEFICI METABOLICI NOTEVOLI DEL TÈ VERDE

Il tè verde è una super-sostanza nutriente. I membri del prolungamento della vita lungamente hanno saputo circa i benefici anticancro dei ricchi del tè verde in gallato del epigallocatechin (EGCG). Il tè verde inoltre presenta i vantaggi metabolici importanti.

Il tè verde promuove il metabolismo sano della glicemia (glucosio) in esseri umani ed in topi obesi e diabetici senza livelli aumentanti dell'insulina.Il prolungamento della vita 32 lungamente ha avvertito circa i pericoli dei livelli in eccesso dell'insulina. I ricchi del tè verde in EGCG migliora l'azione dell'insulina invece di promozione del rilascio dell'insulina.33 ancora, il tè verde e EGCG riducono la creazione e la crescita delle cellule grasse come pure i livelli ematici di trigliceridi e di colesterolo.34

Come indennità aggiunta, il tè verde protegge dall'ossidazione della proteina e dal glycation (il processo tramite cui i tessuti sono nocivi dagli alti livelli di fare circolare la glicemia).35

Oltre ad avere effetti antinfiammatori potenti,31 polifenolo verde oliva ha benefici utili sull'apparato cardiovascolare. Gli studi indicano che i polifenoli verde oliva aumentano drammaticamente la resistenza di colesterolo all'ossidazione.36 questo sono molto importanti, poichè il colesterolo ossidato serve da innesco per aterosclerosi (indurimento delle arterie).37 polifenoli verde oliva inoltre avvantaggiano l'endotelio vascolare, il rivestimento delle pareti del vaso sanguigno. Hydroxytyrosol, un polifenolo principale nelle olive, riduce “la viscosità„ delle cellule nell'endotelio vascolare.38 la cellula “viscosità„ può aumentare la tendenza a formare i coaguli di sangue nelle arterie.

Carotenoidi e retinoidi. I carotenoidi (trovati in alimenti gradisca le carote, la zucca ed i pomodori) ed i retinoidi, che sono utili da osservare la salute, inoltre svolgono un ruolo importante nell'impedire la malattia metabolica.

Interessante, gli esperimenti nella crescita e sviluppo in anticipo mostrano che l'assunzione bassa della vitamina A fa diminuire le cellule producenti insulina,39 indicante l'importanza dell'assunzione adeguata della vitamina A per lo sviluppo delle cellule producenti insulina del pancreas.

L'indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute ha trovato che anche dopo registrare per ottenere la confusione scompone come l'età, il sesso, l'etnia, l'istruzione, lo stato di fumo e l'attività fisica, la gente con la sindrome metabolica ha avuta concentrazioni significativamente più basse di carotenoidi e di esteri di retinyl (un tipo di vitamina A).40

La prova suggerisce che ci possa essere una soglia per il consumo della vitamina A in termini di beneficio metabolico. In uno studio, l'assunzione quotidiana della vitamina A di più di 10.000 IU ha abbassato significativamente i livelli dell'insulina e della glicemia in volontari umani in buona salute, mentre l'assunzione quotidiana di meno di 8000 IU è stata associata con i livelli elevati della glicemia.41

Estratti solubili in acqua della cannella. I dati emozionanti indicano che un estratto speciale da cannella tiene la promessa tremenda per la normalizzazione dei livelli della glicemia naturalmente.

Uno studio 2003 dei pazienti con il diabete di tipo II ha esaminato gli effetti di cannella su glicemia. I partecipanti hanno ricevuto un, tre, o sei grammi al giorno di cannella o di placebo. Dopo i 40 giorni, i tre gruppi che ricevono la cannella hanno dimostrato le riduzioni significative in glicemia di fino a 29%, in trigliceridi di fino a 30% ed in colesterolo di fino a 26%.42

Così, tutto che dobbiate fare per impedire la malattia metabolica è consuma un gran numero di cannella, destra? Torto!

L'intera cannella contiene gli oli volatili, che sono irritanti ben noti che possono avviare le reazioni allergiche. Ancor più inquietante è che gli studi di tossicologia in topi mostrano che quello i ricchi crudi di consumo della cannella in questi oli possono causare a tumori, compreso i papillomi squamosi delle cellule.43 di conseguenza, la migliore strategia è di evitare il pericolo degli oli volatili della cannella mentre ancora ottiene i benefici notevoli di cannella.

Fortunatamente, questi oli non sono responsabili degli effetti impressionanti della cannella in glicemia di stabilizzazione. Invece, i polimeri solubili in acqua del polifenolo della cannella sono le componenti chiavi responsabili dei suoi effetti metabolici benefici.44

Il tipo-Un polimeri del polifenolo da cannella su-regola i geni in questione nel controllo della glicemia.Altri 45 polimeri del polifenolo della cannella quale il methylhydroxychalcone hanno effetti benefici supplementari su controllo della glicemia.46 studi recenti mostrano coerente gli effetti antidiabetici degli estratti della cannella nei modelli animali convalidati della malattia metabolica.47,48

L'estratto della cannella non solo sostiene i livelli sani della glicemia, ma inoltre ha proprietà antiossidanti eccellenti. L'estratto solubile in acqua naturale della cannella inibisce l'ossidazione ancora migliore dell'idrossitoluene butilato antiossidante sintetico potente, o del BHT.49

Polifenoli del caffè. Chi avrebbe pensato mai che un estratto solubile in acqua di caffè agisse per amplificare l'ormone dell'obbiettivo chiave a che le ditte farmaceutiche di miliardi di dollari stanno mirando come il trattamento seguente dell'innovazione per la malattia metabolica?

Uno studio molto grande (14.629 uomini e donne) pubblicato nel giornale di American Medical Association nel 2004 ha mostrato quel il maggior il vostro consumo del caffè, il più basso il vostro rischio di malattia metabolica, compreso il diabete di tipo II mellito.50 un altro molto grande studio che seguito 41.934 uomini ha mostrato un'associazione similmente potente fra l'assunzione aumentata del caffè ed ha fatto diminuire il rischio di diabete di tipo II, anche dopo registrare per ottenere l'età, l'indice di massa corporea ed altri fattori di rischio.53

LA FOGLIA DI BANABA OFFRE IL SUPPORTO DELLA GLICEMIA

Un rimedio piega tradizionale da Sud-est asiatico, l'estratto della foglia di banaba può offrire il contributo potente alla gente che cerca di mantenere i livelli sani della glicemia. Banaba (speciosa L. di Lagerstroemia) contiene un principio attivo chiamato acido corosolic. Il laboratorio, l'animale e gli studi umani indicano che l'acido corosolic efficacemente contribuisce a sostenere il metabolismo ottimale del glucosio.51

Gli adulti con il diabete o il metabolismo alterato del glucosio che hanno ricevuto l'acido corosolic prima di un test di tolleranza al glucosio orale hanno dimostrato i livelli significativamente più bassi del glucosio di post-sfida che la gente che non ha preso l'acido corosolic.51

Un test clinico randomizzato ha indicato che i ricchi dell'estratto della foglia di banaba in acido corosolic hanno avvantaggiato gli adulti con il diabete di tipo II. Quando gli individui diabetici hanno richiesto ad un supplemento acido corosolic standardizzato ogni giorno per due settimane, i loro livelli della glicemia sono diminuito da 20-30%.52

Questi risultati suggeriscono che l'estratto della foglia di banaba standardizzato per il contenuto in acido corosolic possa avvantaggiare milioni di Americani che cercano il contributo ai livelli ottimali della glicemia.

Prima che decidiate di bere un vaso di caffè un il giorno o di aprire il vostro proprio Starbucks, consigli che bere un gran numero di caffè non è la migliore strategia per impedire la malattia metabolica.

L'insonnia di causa della latta di caffè e può indurre l'ipertensione in qualche gente, in gran parte dovuto il suo contenuto della caffeina. Inoltre, i risultati dello studio 2004 di Attica hanno indicato che il consumo del caffè aumenta drammaticamente gli indicatori di infiammazione come proteina C-reattiva, interleukin-6 e l'fattore-alfa di necrosi del tumore.54

Una strategia astuta è di identificare ed isolare le componenti di caffè che sono responsabili dei suoi effetti benefici su metabolismo, compreso controllo della glicemia. Gli scienziati hanno trovato che gli estratti dell'acqua di residui arrostiti del caffè, compreso l'acido caffeico dei polifenoli primari del caffè e l'acido clorogenico, sono componenti chiavi responsabili degli effetti metabolici benefici del caffè.

Gli studi preclinici indicano che l'acido clorogenico migliora il controllo della glicemia e fa diminuire il colesterolo ed i trigliceridi.55

Negli studi umani, l'acido clorogenico, un polifenolo importante in estratti dell'acqua di caffè, ha migliorato il rilascio degli ormoni critici a controllo della glicemia. Per esempio, di volontari umani in buona salute, i polifenoli di consumo del caffè come acido clorogenico hanno aumentato drammaticamente la secrezione del tipo di glucagone del peptide 1 (GLP-1).56 questo che trova sono notevoli perché parecchi agenti farmaceutici di GLP-1-related stanno mirando a questo ormone come trattamento per la malattia metabolica, compreso GLP-1 l'analogo recentemente approvato dalla FDA BYETTA™ (exenatide). L'acido clorogenico agisce per aumentare GLP-1.57

Gli estratti del caffè offrono altri benefici pure. I polifenoli solubili in acqua del caffè come acido clorogenico puliscono i radicali liberi ed assicurano la protezione potente contro perossidazione lipidica e danno ossidativo dalle proteine.58

PARECCHI SUPPLEMENTI PER L'APPOGGIO DEI LIVELLI OTTIMALI DELLA GLICEMIA (GLUCOSIO)
  • DHEA: 10-50 mg quotidiano iniziare (uomini); 10-30 mg quotidiano iniziare (donne). Valuti gli effetti del completamento via le analisi del sangue di ripetizione.
  • EPA: mg 1400 quotidiano; DHA: 1.000 mg quotidiani. Presa con i pasti. Raddoppi queste dosi per combattere i livelli elevati del trigliceride.
  • Bioflavonoidi misti: mg 1400 due volte al giorno.
  • Vitamina A: Quotidiano 4000 IU; carotenoidi misti (per esempio, luteina: 15-20 mg quotidiano; licopene: 3-30 mg quotidiano; zeaxantina: 3-10 mg quotidiano)
  • Estratto solubile in acqua della cannella: 125 mg tre volte quotidiane, 30 minuti prima dei pasti.
  • Cromo: 400-800 mcg quotidiano.

Conclusione

Con così tanto il fuoco su colesterolo, poca attenzione è stata pagata al ruolo critico di insulino-resistenza nello sviluppo della malattia cardiovascolare. L'insulino-resistenza è la causa di origine della sindrome metabolica, di un fattore di rischio serio per la malattia cardiaca e del colpo che ha ricevuto poca attenzione fino ad oggi.

L'identificazione del vostro rischio per la sindrome metabolica comprende soltanto una serie di prove molto semplici. Se siete trovato per essere al rischio, fare diminuire il vostro corpo grasso-particolare intorno al vostro vita-è estremamente importante. Eviti le diete di moda, mangi una dieta dell'intero-alimento come quelli consumati dalle culture Mediterranee ed ottenga un certo fisico medica che il esercizio-vostro corpo vi ringrazierà per!

I supplementi nutrizionali possono contribuire a migliorare naturalmente il controllo della glicemia e la salute metabolica, senza pericolo o sforzo al vostro corpo. Stanno costringendo specialmente gli estratti ricchi di polifenolo e solubili in acqua di cannella ed il caffè, con l'estratto del tè verde, il cromo e l'acido corosolic foglia-derivato banaba. La prova documentata dimostra la capacità di questi agenti di contribuire a normalizzare i livelli della glicemia.

La prevenzione dei pericoli della sindrome metabolica è semplice. In primo luogo, ottenga provato per vedere se siete al rischio. Se la prova di laboratorio e un esame fisico rivelano che siete al rischio, immediatamente prenda il necessario punto-compreso l'esercizio, una dieta sana e nutrizionali mirati a strategia-a impediscono le conseguenze cardiovascolari terribili di insulino-resistenza e della sindrome metabolica.

OPZIONI FARMACEUTICHE PER LA SINDROME METABOLICA

Le compagnie farmaceutiche sono acutamente interessate nello sviluppare i nuovi trattamenti farmacologici per la gente con la sindrome metabolica. Purtroppo, dovuto l'azionamento in modo schiacciante dalle ditte farmaceutiche di miliardi di dollari realizzare continuamente i profitti, una di droghe migliori per contribuire ad aumentare la sensibilità dell'insulina ed a migliorare il controllo della glicemia (senza promuovere obesità) è citato raramente. Questa droga, metformina, è attualmente fuori dal brevetto e molto redditizio.

La metformina, che appartiene a classe A di droghe ha chiamato le biguanidi, funziona in parecchi modi diversi di migliorare la capacità dell'insulina di lavorare al livello cellulare in tessuti quali il muscolo ed il fegato. La metformina non è associata con vantaggio di maggiore di guadagno-un del peso sopra tutte le altre droghe usate per trattare il diabete. Di interesse supplementare è che la ricerca del gene-chip costituita un fondo per da prolungamento della vita ha indicato che la metformina influenza l'espressione genica nei modi simili a quelli della restrizione calorica. Ciò suggerisce che la metformina possa avere benefici antinvecchiamento potenziali oltre ai suoi effetti documentati su controllo della glicemia.

Altre droghe attualmente disponibili che possono essere utili nel trattamento della sindrome metabolica includono i tiazolidinedioni, classe A di droghe approvate per il trattamento del diabete.

I tiazolidinedioni includono la rosiglitazione di GlaxoSmithKline (Avandia®) ed il pioglitazone di Takeda/Eli Lilly (Actos®). I tiazolidinedioni funzionano mirando a PPARs (ricevitori proliferatore-attivati peroxisome), che sono obiettivi attraenti della droga per il trattamento della malattia metabolica.

L'aiuto di PPARs regola l'espressione dei geni in questione nello stoccaggio e nell'uso dei grassi dietetici. Due sottotipi, l'alfa di PPAR e la gamma di PPAR, hanno effetti insulino-sensibilizzante.

Fra le nuove droghe in via di sviluppo per la sindrome metabolica sono AstraZeneca tesaglitazar e Bristol-Myers Squibb muraglitazar.

Gli individui con la malattia renale non dovrebbero usare la metformina. La rosiglitazione (Avandia®) ed il pioglitazone (Actos®) non dovrebbero essere usati dalla gente con una storia di guasto di scompenso cardiaco o dell'affezione epatica. Consulti prego il vostro medico prima di usando qualsiasi droga farmaceutica per trattare la sindrome metabolica.

Riferimenti

1. McLaughlin T, Abbasi F, Cheal K, et al. Uso degli indicatori metabolici identificare gli individui di peso eccessivo che sono insulina resistente. Ann Intern Med. 18 novembre 2003; 139(10): 802-9.

2. Ford es, Giles WH, Dietz WH. Prevalenza della sindrome metabolica fra gli adulti degli Stati Uniti: risultati dalla terza indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute. JAMA. 16 gennaio 2002; 287(3): 356-9.

3. GM di Reaven. Sindrome X: 6 anni più successivamente. Interno Med Suppl di J. 1994;736:13-22.

4. RH di Eckel, Grundy MP, Zimmet PZ. La sindrome metabolica. Lancetta. 16 aprile 2005; 365(9468): 1415-28.

5. HM di Lakka, Laaksonen DE, TUM di Lakka, et al. La mortalità metabolica di sindrome e di totale e della malattia cardiovascolare in uomini di mezza età. JAMA. 4 dicembre 2002; 288(21): 2709-16.

6. Anon. Terzo rapporto del gruppo di esperti nazionale di programma educativo del colesterolo (NCEP) su rilevazione, sulla valutazione e sul trattamento di alto colesterolo del sangue in adulti (relazione finale del pannello di trattamento III) adulto. Circolazione. 17 dicembre 2002; 106(25): 3143-421.

7. LA del De, Petroni ml, De Luca PP, et al. Uso degli indici di controllo di qualità nella dieta Mediterranea moderatamente ipocalorica per il trattamento di obesità. Diabete Nutr Metab. 2001 agosto; 14(4): 181-8.

8. Castagnetta L, Granata OM, Cusimano R, et al. Il progetto Mediet. Ann NY Acad.Sci. 2002 giugno; 963:282-9.

9. Chen iarda, Coulston, Zhou MIO, CB di Hollenbeck, GM di Reaven. Perché le diete a bassa percentuale di grassi del alto-carboidrato accentuano il lipemia postprandiale in pazienti con NIDDM? Cura del diabete. 1995 gennaio; 18(1): 10-6.

10. Esposito K, Marfella R, Ciotola m., et al. effetto di una dieta stile Mediterraneo su disfunzione endoteliale ed indicatori di infiammazione vascolare nella sindrome metabolica: una prova randomizzata. JAMA. 22 settembre 2004; 292(12): 1440-6.

11. RB di Singh, Dubnov G, Niaz mA, et al. effetto di una dieta di Indo-Mediterraneo sulla progressione della coronaropatia in pazienti ad alto rischio (studio del cuore di dieta di Indo-Mediterraneo): una prova a singolo-cieco randomizzata. Lancetta. 9 novembre 2002; 360(9344): 1455-61.

12. Anderson RA. Essenzialità di cromo in esseri umani. Il totale di Sci circonda. 1° ottobre 1989; 86 (1-2): 75-81.

13. Disponibile a: http://www.earthsummit.info. 9 marzo 2006 raggiunto.

14. Anderson RA, Cheng N, Na di Bryden, et al. assunzioni elevate di cromo supplementare migliora le variabili dell'insulina e del glucosio in individui con il diabete di tipo 2. Diabete. 1997 novembre; 46(11): 1786-91.

15. Bahijri MP, muftì. Effetti benefici di cromo nella gente con il diabete di tipo 2 e risposta urinaria del cromo al carico del glucosio come indicatore possibile di stato. Biol Trace Elem Res. 2002 febbraio; 85(2): 97-109.

16. Bahijiri MP, Mira SA, muftì, Ajabnoor mA. Gli effetti di cromo inorganico e completamento da birra del lievito su tolleranza al glucosio, lipidi del siero e dosaggio della droga in individui con il diabete di tipo 2. Med J. 2000 della saudita settembre; 21(9): 831-7.

17. Wilson È, Gondy A. Effects del completamento del cromo sui livelli dell'insulina e sui parametri di digiuno del lipido giovani negli oggetti in buona salute e non obesi. Ricerca Clin Pract del diabete. 1995 giugno; 28(3): 179-84.

18. Machalinski B, Walczak m., Syrenicz A, et al. potenza ipoglicemica di cromo trivalente novello in ratti insulina-carenti hyperglycemic. J Trace Elem Med Biol. 2006;20(1):33-9.

19. Muller m., Grobbee DE, tana T, I, interruttore di Lamberts, van der Schouw YT. Ormoni sessuali endogene e sindrome metabolica negli uomini di invecchiamento. J Clin Endocrinol Metab. 2005 maggio; 90(5): 2618-23.

20. Distacco di Villareal, JO di Holloszy. Effetto di DHEA su azione addominale dell'insulina e del grasso in donne ed in uomini anziani: una prova controllata randomizzata. JAMA. 10 novembre 2004; 292(18): 2243-8.

21. Ferre P. La biologia dei ricevitori proliferatore-attivati peroxisome: relazione con la sensibilità del metabolismo dei lipidi e dell'insulina. Diabete. 2004 febbraio; 53 supplementi 1S43-S50.

22. Delarue J, LeFoll C, Corporeau C, acidi grassi polinsaturi a lunga catena di Lucas D.N-3: uno strumento nutrizionale per impedire l'insulino-resistenza si è associato al diabete di tipo 2 ed all'obesità? Sviluppatore di Reprod Nutr. 2004 maggio; 44(3): 289-99.

23. Li H, Ruan XZ, Powis SH, et al. EPA e DHA riducono le risposte LPS indotte di infiammazione in cellule HK-2: prova per un meccanismo PPAR-gamma-dipendente. Rene Int. 2005 marzo; 67(3): 867-74.

24. Madsen T, Skou ha, Hansen VE, et al. proteina C-reattiva, acidi grassi dietetici n-3 e le dimensioni della coronaropatia. J Cardiol. 15 novembre 2001; 88(10): 1139-42.

25. Se di Foran, inondazione JG, KB di Lewandrowski. La misura di mercurio livella nelle preparazioni non quotate in borsa concentrate dell'olio di pesce: è l'olio di pesce più sano del pesce? Med del laboratorio di Pathol dell'arco. 2003 dicembre; 127(12): 1603-5.

26. Hamburger J, poppa AH, Gochfeld M. Mercury in pesce commerciale: scelte diverse d'ottimizzazione per ridurre rischio. Circondi la salute Perspect. 2005 marzo; 113(3): 266-71.

27. DB selvaggio, Petersen KF, GI di Shulman. Meccanismi di insulino-resistenza in esseri umani e dei collegamenti possibili con infiammazione. Ipertensione. 2005 maggio; 45(5): 828-33.

28. Perseghin G, Petersen K, GI di Shulman. Meccanismo cellulare di insulino-resistenza: collegamenti potenziali con infiammazione. Int J Obes Relat Metab Disord. 2003 dicembre; 27 supplementi 3S6-11.

29. Comalada m., Camuesco D, sierra S, et al. in vivo effetto antinfiammatorio della quercitrina comprende il rilascio di quercetina, che inibisce l'infiammazione con il giù-regolamento della via N-F-kappaB. EUR J Immunol. 2005 febbraio; 35(2): 584-92.

30. Donnelly LE, Newton R, Kennedy GE, et al. effetti antinfiammatori dei resveratroli in cellule epiteliali del polmone: meccanismi molecolari. J Physiol Lung Cell Mol Physiol. 2004 ottobre; 287(4): L774-83.

31. Martinez-Dominguez E, de la PR, effetti di Ruiz-Gutierrez V. Protective sopra i modelli sperimentali di infiammazione di un olio d'oliva vergine polifenolo-completato è a dieta. Ricerca di Inflamm. 2001 febbraio; 50(2): 102-6.

32. Tsuneki H, Ishizuka m., Terasawa m., Wu JB, Sasaoka T, Kimura I. Effect di tè verde sui livelli della glicemia e sui modelli proteomic del siero in topi diabetici (db/db) e sul metabolismo del glucosio in esseri umani in buona salute. BMC Pharmacol. 26 agosto 2004; 4:18.

33. Anderson RA, Polansky millimetro. Il tè migliora l'attività dell'insulina. Alimento chim. di J Agric. 20 novembre 2002; 50(24): 7182-6.

34. Wolframio S, Wang Y, effetti di Anti-obesità di Thielecke F. di tè verde: dal lato del letto da bench. Mol Nutr Food Res. 2006 febbraio; 50(2): 176-87.

35. Nakagawa T, Yokozawa T, Terasawa K, Shu S, Juneja LR. Attività protettiva di tè verde contro danno glucosio-mediato della proteina e del radicale libero. Alimento chim. di J Agric. 10 aprile 2002; 50(8): 2418-22.

36. Wiseman SA, Mathot JN, de Fouw NJ, Tijburg libbra. Gli antiossidanti dietetici del non tocoferolo presenti in olio d'oliva vergine extra aumentano la resistenza delle lipoproteine di densità bassa all'ossidazione in conigli. Aterosclerosi. 1996 febbraio; 120 (1-2): 15-23.

37. Sies H, Stahl W, Sevanian sforzo ossidativo postprandiale di A. Nutritional, dietetico e. J Nutr. 2005 maggio; 135(5): 969-72.

38. I polifenoli antiossidanti di Carluccio mA, di Siculella L, di Ancora mA, et al. dell'olio d'oliva e del vino rosso inibiscono l'attivazione endoteliale: proprietà antiatherogenic dei phytochemicals Mediterranei di dieta. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1° aprile 2003; 23(4): 622-9.

39. KA di Matthews, WB di Rhoten, Driscoll HK, Chertow BS. La carenza della vitamina A altera lo sviluppo fetale dell'isolotto e causa l'intolleranza al glucosio successiva in ratti adulti. J Nutr. 2004 agosto; 134(8): 1958-63.

40. Ford es, Mokdad AH, Giles WH, Brown DW. La sindrome metabolica e le concentrazioni antiossidanti: risultati dalla terza indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute. Diabete. 2003 settembre; 52(9): 2346-52.

41. Facchini F, Coulston, GM di Reaven. Relazione fra l'assunzione della vitamina e la resistenza dietetiche a disposizione insulina-mediata del glucosio in volontari sani. J Clin Nutr. 1996 giugno; 63(6): 946-9.

42. Khan A, Safdar m., Ali Khan millimetro, Khattak KN, Anderson RA. La cannella migliora il glucosio ed i lipidi della gente con il diabete di tipo 2. Cura del diabete. 2003 dicembre; 26(12): 3215-8.

43. Balachandran B, Sivaramkrishnan VM. Induzione dei tumori dai costituenti dietetici indiani. Cancro indiano di J. 1995 settembre; 32(3): 104-9.

44. CL di Broadhurst, di Anderson RA, isolamento di Polansky millimetro et al. e caratterizzazione del tipo-Un polimeri del polifenolo da cannella con attività biologica del tipo di insulina. Alimento chim. di J Agric. 14 gennaio 2004; 52(1): 65-70.

45. Imparl-Radosevich J, Deas S, Polansky millimetro, et al. regolamento di PTP-1 e chinasi del ricevitore dell'insulina dalle frazioni da cannella: implicazioni per il regolamento della cannella di segnalazione dell'insulina. Ricerca di Horm. 1998 settembre; 50(3): 177-82.

46. Jarvill-Taylor kJ, Anderson RA, tombe DJ. Un hydroxychalcone è derivato dalle funzioni della cannella come un mimetico per insulina nei adipocytes 3T3-L1. J Coll Nutr. 2001 agosto; 20(4): 327-36.

47. Qin B, Nagasaki m., Ren m., et al. l'estratto della cannella impedisce l'insulino-resistenza indotto da una dieta ad alta percentuale di fruttosio. Ricerca di Horm Metab. 2004 febbraio; 36(2): 119-25.

48. Kim SH, Hyun SH, Choung SY. Effetto antidiabetico dell'estratto della cannella su glicemia nei topi di db/db. J Ethnopharmacol. 8 marzo 2006; 104 (1-2): 119-23.

49. Mancini-Filho J, Van-Koiij A, Mancini DA, Cozzolino FF, Torres RP. Attività antiossidante degli estratti della cannella (cinnamomum zeylanicum, Breyne). Azienda agricola di Chim della capsula. 1998 dicembre; 137(11): 443-7.

50. Consumo di Tuomilehto J, di Hu G, di Bidel S, di Lindstrom J, di Jousilahti P. Coffee e rischio di diabete di tipo 2 mellito fra gli uomini e le donne finlandesi di mezza età. JAMA. 10 marzo 2004; 291(10): 1213-9.

51. Fukushima m., Matsuyama F, Ueda N, et al. effetto di acido corosolic sul glucosio del postchallenge livella. Ricerca Clin Pract del diabete. 18 marzo 2006; [Epub davanti alla stampa]

52. Judy WV, PS di Hari, Stogsdill WW, Judy JS, Naguib YM, attività di Passwater R. Antidiabetic di un estratto standardizzato (Glucosol) dallo speciosa di Lagerstroemia lascia nel tipo diabetici di II. Uno studio di dose-dipendenza. J Ethnopharmacol. 2003 luglio; 87(1): 115-7.

53. WC di Salazar-Martinez E, di Willett, consumo di Ascherio A, et al. del caffè e rischio per il diabete di tipo 2 mellito. Ann Intern Med. 6 gennaio 2004; 140(1): 1-8.

54. Zampelas A, DB di Panagiotakos, Pitsavos C, Chrysohoou C, Stefanadis C. Associations fra il consumo del caffè e gli indicatori infiammatori in persone in buona salute: lo studio di Attica. J Clin Nutr. 2004 ottobre; 80(4): 862-7.

55. Rodriguez de Sotillo DV, acido di Hadley M. Chlorogenic modifica le concentrazioni nel fegato e nel plasma di: colesterolo, triacilglicerolo e minerali (fa/fa) nei ratti di Zucker. Biochimica di J Nutr. 2002 dicembre; 13(12): 717-26.

56. Johnston chilolitro, MN di Clifford, Morgan LM. Il caffè acutamente modifica la secrezione e la tolleranza al glucosio gastrointestinali dell'ormone in esseri umani: effetti glycemic di acido e di caffeina clorogenici. J Clin Nutr. 2003 ottobre; 78(4): 728-33.

57. McCarty MF. Da un incremento indotto da acido clorogenico della produzione GLP-1 può mediare l'impatto del consumo pesante del caffè sul rischio del diabete. Med Hypotheses. 2005;64(4):848-53.

58. Yen WJ, Wang BS, Chang LW, Duh palladio. Proprietà antiossidanti dei residui arrostiti del caffè. Alimento chim. di J Agric. 6 aprile 2005; 53(7): 2658-63.