Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine giugno 2006
immagine

La corrente principale dottore Still Confused About Homocysteine

Da William Faloon

Protegga dall'epidemia della malattia vascolare

L'uccisore di numero-un negli Stati Uniti è aterosclerosi, che causa la maggior parte dei attacchi di cuore e medici strokes.59 rimangono confusi quanto a come questo processo di arteria-didascalia accade e trascurano i numerosi fattori indipendenti che possono infliggere i gravi danni alla parete arteriosa.

Molte delle cause fondamentali di aterosclerosi sono prontamente rilevabili con le analisi del sangue annuali. Una volta che i fattori di rischio che predispongono uno ad un attacco di cuore o ad un colpo sono identificati, le azioni correttive possono essere iniziate.

Che cosa segue sono le 10 analisi del sangue più importanti una dovrebbero avere almeno una volta all'anno valutare la salute cardiaca:

  1. proteina C-reattiva
  2. Trigliceridi
  3. Fibrinogeno
  4. Testosterone libero
  5. Emoglobina A1C
  6. Omocisteina
  7. Colesterolo totale
  8. LDL
  9. Glucosio a digiuno
  10. HDL

Alcuni membri possono ottenere le analisi del sangue dai loro propri medici. Un problema è che anche quando medici ordinano tutte le analisi del sangue richieste, il phlebotomist può non riuscire a contrassegnare i codici appropriati sulla forma di richiesta del laboratorio, o non può cavare correttamente il sangue. Quando i risultati ritornano incompleto, un altro tiraggio del sangue diventa necessario, così disturbando il paziente.

Anche oggi, molti medici ancora rifiutano di prescrivere le analisi del sangue cardiovascolari importanti di rischio quali fibrinogeno e proteina C-reattiva. Prolungamento della vita risolto questo problema 10 anni fa offrendo le analisi del sangue direttamente ai suoi membri.

Una volta all'anno, riduciamo i nostri prezzi bassi di ogni giorno. Fino al 31 maggio 2006, i prezzi dell'analisi del sangue sono scontati in moda da potere ottenere i membri le valutazioni complete del sangue ad una frazione del prezzo fatto pagare dai laboratori commerciali.

Il pannello maschio ed il pannello femminile forniscono le analisi del sangue più importanti che possono identificare i fattori di rischio prima che la malattia evidente si manifesti. Ad un laboratorio commerciale, il prezzo delle prove che compongono il pannello maschio è $1.164. Durante la nostra vendita eccellente annuale dell'analisi del sangue, i membri possono ottenere queste stesse prove per soltanto $224. risparmio più di 80%! Il simile risparmio è disponibile sul pannello femminile del prolungamento della vita.

Il prezzo normale del membro per le prove dell'emoglobina e del fibrinogeno A1C è $62. Fino al 31 maggio 2006, stiamo scontando questo prezzo per entrambe prove a $25 quando il pannello maschio o il pannello femminile è ordinato. Ciò significa che i membri possono ottenere una valutazione più completa dei loro fattori di rischio cardiaci all'a basso costo mai prima. Per esempio, un pannello maschio del prolungamento della vita o il pannello femminile del prolungamento della vita più fibrinogeno più emoglobina A1C costa soltanto $249 durante la vendita eccellente dell'analisi del sangue.

Per ordinare le vostre proprie analisi del sangue a questi prezzi di vendita, chiami 1-800-208-3444 o ordini online.

Riferimenti

1. Prova-chiari risultati di Loscalzo J. Homocysteine per le ragioni complesse. Med di N Inghilterra J. 14 marzo 2006.

2. Disponibile a: www.lef.org/magazine/mag2003/refs/nov. 4 aprile 2006 raggiunto.

3. MB di Kazemi, KB di Eshraghian K, di Omrani GR, di Lankarani, livello di Hosseini E. Homocysteine e coronaropatia. Angiologia. 2006 gennaio; 57(1): 9-14.

4. Rasouli ml, Nasir K, Blumenthal RS, et al. omocisteina del plasma predice la progressione di aterosclerosi. Aterosclerosi. 2005 luglio; 181(1): 159-65.

5. Toole JF, SIG. di Malinow, Chambless LE, et al. abbassante omocisteina in pazienti con il colpo ischemico per impedire colpo ricorrente, infarto miocardico e morte: l'intervento della vitamina per la prevenzione del colpo (VISP) ha randomizzato la prova controllata. JAMA. 4 febbraio 2004; 291(5): 565-75.

6. Livelli e prognosi totali dell'omocisteina di Retterstol L, di Paus B, di Bohn m., et al. del plasma in pazienti con infarto miocardico prematuro precedente: uno studio di approfondimento di dieci anni. Med dell'interno di J. 2003 marzo; 253(3): 284-92.

7. Livelli dell'omocisteina di Adachi H, di Hirai Y, di Fujiura Y, et al. del plasma ed aterosclerosi nel Giappone: studio epidemiologico per mezzo dell'ecografia carotica. Colpo. 2002 settembre; 33(9): 2177-81.

8. Kuan YM, cari EA, Grigg MJ. Omocisteina: un contributore eziologico alla malattia arteriosa vascolare periferica. ANZ J Surg. 2002 settembre; 72(9): 668-71.

9. Ora J, Berent R, Weber T, Lassnig E, Eber B. Homocysteine e rischio cardiovascolare. Wien Med Wochenschr. 2001;151(1-2):25-8.

10. Beaudeux JL, Jacob N, Giral P, Foglietti MJ, Bruckert E. Nuovi indicatori biologici non lipidici di aterosclerosi. Ann Med Interne (Parigi). 2001 aprile; 152(3): 169-79.

11. Aronow WS. Associazione fra l'omocisteina del plasma e la malattia aterosclerotica vascolare in persone più anziane. Prev Cardiol. 2000;3(2):89-91.

12. Dzielinska Z, Kadziela J, Sitkiewicz D, et al. livelli elevati di omocisteina in plasma come fattore di rischio per la coronaropatia. Pol Arch Med Wewn. 2000 luglio; 104(1): 345-53.

13. Giles WH, piccola fattoria JB, Greenlund kJ, Ford es, Kittner SJ. Associazione fra il ine totale del homocyst (e) e la probabilità per una storia di infarto miocardico acuto tramite la corsa e l'etnia: risultati dalla terza indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute. Cuore J. 2000 di marzo; 139(3): 446-53.

14. Eikelboom JW, Lonn E, Genest J, Jr., Hankey G, ine e malattia cardiovascolare di Yusuf S. Homocyst (e): una recensione della prova epidemiologica. Ann Intern Med. 7 settembre 1999; 131(5): 363-75.

15. Magott M. Homocysteine come fattore del nonlipid nella patogenesi di aterosclerosi. Postepy Hig Med Dosw. 1998;52(3):259-67.

16. Refsum H, Ueland PM, Nygard O, Se di Vollset. Omocisteina e malattia cardiovascolare. Annu Rev Med. 1998;49:31-62.

17. Livelli dell'omocisteina di Nygard O, di Nordrehaug JE, di Refsum H, et al. del plasma e mortalità in pazienti con la coronaropatia. Med di N Inghilterra J. 24 luglio 1997; 337(4): 230-6.

18. PC di Fallest-Strobl, DD di Koch, Stein JH, PE di McBride. Omocisteina: un nuovo fattore di rischio per aterosclerosi. Medico di Fam. 15 ottobre 1997; 56(6): 1607-6.

19. SIG. di Nehler, Taylor LM, Jr., portatore JM. Homocysteinemia come fattore di rischio per aterosclerosi: una rassegna. Cardiovasc Surg. 1997 dicembre; 5(6): 559-67.

20. EL di Mayer, Jacobsen DW, Robinson K. Homocysteine ed aterosclerosi coronaria. J Coll Cardiol. 1° marzo 1996; 27(3): 517-27.

21. SIG. di Malinow, Nieto FJ, Szklo m., Chambless LE, ispessimento della parete intimal-mediale schiavo dell'arteria carotica del G. e ine del homocyst del plasma (e) in adulti asintomatici. Il rischio di aterosclerosi nello studio delle Comunità. Circolazione. 1993 aprile; 87(4): 1107-13.

22. Stampfer MJ, SIG. di Malinow, WC di Willett, et al. Uno studio prospettivo del ine del homocyst del plasma (e) e rischio di infarto miocardico nei medici degli Stati Uniti. JAMA. 19 agosto 1992; 268(7): 877-81.

23. Taylor LM, Jr., DeFrang RD, Harris EJ, Jr., portatore JM. L'associazione del ine elevato del homocyst del plasma (e) con la progressione della malattia arteriosa periferica sintomatica. J Vasc Surg. 1991 gennaio; 13(1): 128-36.

24. Clarke R, Daly L, Robinson K, et al. iperomocisteinemia: un fattore di rischio indipendente per la malattia vascolare. Med di N Inghilterra J. 25 aprile 1991; 324(17): 1149-55.

25. Ubbink JB, Vermaak WJ, Bennett JM, et al. La prevalenza del homocysteinemia e dell'ipercolesterolemia nella coronaropatia angiograficamente definita. Klin Wochenschr. 16 agosto 1991; 69(12): 527-34.

26. Genest JJ, Jr., JUNIOR di McNamara, Salem DN, et al. ine del homocyst del plasma (e) livella negli uomini con la coronaropatia prematura. J Coll Cardiol. Del 1990 novembre; 16(5): 1114-9.

27. SIG. di Malinow, Kang ss, Taylor LM, et al. prevalenza del inemia del hyperhomocyst (e) in pazienti con la malattia occlusiva arteriosa periferica. Circolazione. 1989 giugno; 79(6): 1180-8.

28. Israelsson B, Brattstrom LE, Hultberg BL. Omocisteina ed infarto miocardico. Aterosclerosi. 1988 giugno; 71 (2-3): 227-33.

29. Olszewski AJ, WB di Szostak. Contenuto nell'omocisteina delle proteine del plasma nella malattia cardiaca ischemica. Aterosclerosi. 1988 febbraio; 69 (2-3): 109-13.

30. Kang ss, Wong PW, cuoco HY, Norusis m., JV di Messer. Ine legato alle proteine del homocyst (e). Un fattore di rischio possibile per la coronaropatia. J Clin investe. 1986 maggio; 77(5): 1482-6.

31. Boeri GH, Smals AG, Trijbels FJ, et al. eterozigosi per l'omocistinuria nella malattia arteriosa occlusiva periferica e cerebrale prematura. Med di N Inghilterra J. 19 settembre 1985; 313(12): 709-15.

32. Dott di Murphy-Chutorian, mp di Wexman, Grieco AJ, et al. intolleranza della metionina: un fattore di rischio possibile per la coronaropatia. J Coll Cardiol. 1985 ottobre; 6(4): 725-30.

33. Wilcken DE, Wilcken B. La patogenesi della coronaropatia. Un ruolo possibile per il metabolismo della metionina. J Clin investe. 1976 aprile; 57(4): 1079-82.

34. McCully KS, RB di Wilson. Teoria dell'omocisteina di arteriosclerosi. Aterosclerosi. 1975 settembre; 22(2): 215-27.

35. McCully KS. Homocystine, aterosclerosi e trombosi: implicazioni per gli utenti del contraccettivo orale. J Clin Nutr. 1975 maggio; 28(5): 542-9.

36. McCully KS. Patologia vascolare del homocysteinemia: implicazioni per la patogenesi di arteriosclerosi. J Pathol. 1969 luglio; 56(1): 111-28.

37. Case JP, Bautista LE, Smeeth L, Sharma P, ANNUNCIO di Hingorani. Omocisteina e colpo: prova su un nesso causale da casualizzazione mendeliana. Lancetta. 15 gennaio 2005; 365(9455): 224-32.

38. Sachdev PS, Valenzuela MJ, Brodaty H, et al. omocisteina come fattore di rischio per danno conoscitivo nei pazienti del colpo. Geriatr demente Cogn Disord. 2003;15(3):155-62.

39. Tanne D, Haim m., Goldbourt U, et al. studio prospettivo dell'omocisteina del siero e rischio di colpo ischemico fra i pazienti con la coronaropatia di preesistenza. Colpo. 2003 marzo; 34(3): 632-6.

40. Kelly PJ, Rosand J, Kistler JP, et al. omocisteina, polimorfismo di MTHFR 677C->T e rischio di colpo ischemico: risultati di una meta-analisi. Neurologia. 27 agosto 2002; 59(4): 529-36.

41. bdel-Raheem millimetro, Hebert B, Potti A, Koka VK, Danielson BD. Iperomocisteinemia ed il rischio di fenomeno tromboembolico in pazienti con insufficienza renale cronica. Ricerca di Thromb. 15 febbraio 2002; 105(4): 299-302.

42. Matsui T, Arai H, Yuzuriha T, et al. livelli dell'omocisteina del plasma e rischio elevati di infarto silenzioso del cervello in anziani. Colpo. 2001 maggio; 32(5): 1116-9.

43. Disponibile a: www.medscape.com/viewarticle/408377_print. 4 aprile 2006 raggiunto.

44. Livelli dell'omocisteina di totale del plasma Bostom AG, di Rosenberg IH, di Silbershatz H, et al. di Nonfasting ed incidenza del colpo in persone anziane: lo studio di Framingham. Ann Intern Med. 7 settembre 1999; 131(5): 352-5.

45. Sidro di pere IJ, Refsum H, Morris RW, et al. studio prospettivo di concentrazione nell'omocisteina di totale del siero e rischio del colpo in uomini britannici di mezza età. Lancetta. 25 novembre 1995; 346(8987): 1395-8.

46. Brattstrom L, Lindgren A, Israelsson B, et al. Hyperhomocysteinaemia nel colpo: prevalenza, causa e relazioni a tipo di colpo e di fattori di rischio del colpo. L'EUR J Clin investe. 1992 marzo; 22(3): 214-21.

47. BM di Coull, SIG. di Malinow, Beamer N, et al. concentrazione elevata del ine del homocyst del plasma (e) come fattore di rischio indipendente possibile per il colpo. Colpo. Del 1990 aprile; 21(4): 572-6.

48. Brattstrom LE, Hardebo JE, Hultberg BL. Fattore di rischio possibile di homocysteinemia-a moderato per la malattia cerebrovascolare arteriosclerotica. Colpo. 1984 novembre-dicembre; 15(6): 1012-6.

49. Graeber JE, Slott JH, Ulane CON RIFERIMENTO A, Schulman JD, Stuart MJ. Effetto di omocisteina e del homocystine sulla piastrina e sul metabolismo dell'acido arachidonico vascolare. Ricerca di Pediatr. 1982 giugno; 16(6): 490-3.

50. Ganz P, Vita JA. Funzione vasomotore endoteliale difficile: ossido di azoto, una molecola multipotent. Circolazione. 28 ottobre 2003; 108(17): 2049-53.

51. Concentrazioni nell'omocisteina di iso H, di Moriyama Y, di Sato S, et al. del siero e rischio totali di colpo e di suoi sottotipi nel giapponese. Circolazione. 8 giugno 2004; 109(22): 2766-72.

52. Spence JD. Pazienti con la malattia vascolare aterosclerotica: quanto in basso dovrebbero i livelli del ine del homocyst del plasma (e) andare? Droghe di J Cardiovasc. 2001;1(2):85-9.

53. Lonn E, C tenuta, Arnold JM, et al. spiegazione razionale, progettazione e caratteristiche della linea di base di grande, prova semplice e randomizzata di acido folico combinato e delle vitamine B6 e B12 in pazienti ad alto rischio: la valutazione di prevenzione di risultati del cuore (SPERANZA) - prova 2. Può J Cardiol. 2006 gennaio; 22(1): 47-53.

54. Bonaa KH, Njolstad I, Ueland PM, et al. abbassamento dell'omocisteina ed eventi cardiovascolari dopo infarto miocardico acuto. Med di N Inghilterra J. 12 marzo 2006.

55. Disponibile a: www.lef.org/magazine/mag2003/nov2003_awsi_01.html. 4 aprile 2006 raggiunto.

56. Disponibile a: http://www.lef.org/magazine/mag2004/may2004_report_blood_01.htm. 4 aprile 2006 raggiunto.

57. Disponibile a: http://www.lef.org/magazine/mag99/mar99-report2.html. 4 aprile 2006 raggiunto.

58. Disponibile a: contenuto/vol92/issue10/images/large/hc2250986001.jpeg di http://circ.ahajournals.org/. 4 aprile 2006 raggiunto.

59. Disponibile a: http://www.cdc.gov/nchs/fastats/lcod.htm. 4 aprile 2006 raggiunto.

60. Disponibile a: http://www.ninds.nih.gov/disorders/stroke/knowstroke.htm. 4 aprile 2006 raggiunto.

61. Disponibile a: http://www.ninds.nih.gov/disorders/stroke/knowstroke.htm. 4 aprile 2006 raggiunto.

62. Disponibile a: http://www.lef.org/magazine/mag2003/nov2003_awsi_01.htm. 4 aprile 2006 raggiunto.

63. Disponibile a: http://www.lef.org/magazine/mag2004/may2004_report_blood_01.htm. 4 aprile 2006 raggiunto.

64. Disponibile a: http://www.lef.org/magazine/mag99/mar99-report2.html. 4 aprile 2006 raggiunto.

65. Proteina di Ora J, di Berent R, di Lassnig E, di Eber B. e coronaropatia C-reattive. Cuore J. 2002 di Jpn novembre; 43(6): 607-19.

66. Ridker PM, Rifai N, Rosa L, seppellente JE, cuoco NR. Confronto dei livelli di colesterolo della lipoproteina a bassa densità e della proteina C-reattiva nella previsione dei primi eventi cardiovascolari. Med di N Inghilterra J. 14 novembre 2002; 347(20): 1557-65.

67. Wang TJ, Larson MG, imposizione D, et al. proteina C-reattiva è associato con la calcificazione coronaria dell'epicardio infraclinica negli uomini ed in donne: lo studio del cuore di Framingham. Circolazione. 3 settembre 2002; 106(10): 1189-91.

68. Bermudez ea, Ridker PM. proteina C-reattiva, statine e la prevenzione primaria della malattia cardiovascolare aterosclerotica. Prev Cardiol. 2002;5(1):42-6.

69. Virmani R, Burke AP, Kolodgie FD, placca di Farb A. Vulnerable: la patologia delle lesioni coronarie instabili. J Interv Cardiol. 2002 dicembre; 15(6): 439-46.

70. Rifai N, Ridker PM. Indicatori e coronaropatia infiammatori. Curr Opin Lipidol. 2002 agosto; 13(4): 383-9.

71. MN di Zairis, Papadaki OA, Manousakis SJ, et al. proteina C-reattiva e placche complesse multiple dell'arteria coronaria in pazienti con angina instabile primaria. Aterosclerosi. 2002 ottobre; 164(2): 355-9.

72. Ridker PM. proteina C-reattiva di Alto-sensibilità: aggiunta potenziale per la valutazione del rischio globale nella prevenzione primaria della malattia cardiovascolare. Circolazione. 3 aprile 2001; 103(13): 1813-8.

73. Di NM, l'influenza del papà F, di Bocola V. Prognostic di proteina C-reattiva aumentata ed il fibrinogeno livella nel colpo ischemico. Colpo. 2001 gennaio; 32(1): 133-8.

74. Ridker PM, Stampfer MJ, fattori di rischio di Rifai N. Novel per aterosclerosi sistemica: un confronto di proteina C-reattiva, di fibrinogeno, di omocisteina, della lipoproteina (a) e della selezione standard del colesterolo come preannunciatori della malattia arteriosa periferica. JAMA. 16 maggio 2001; 285(19): 2481-5.

75. Proteina e coronaropatia C-reattive di Rifai N.: implicazioni diagnostiche e terapeutiche per la prevenzione primaria. Cardiovasc Toxicol. 2001;1(2):153-7.

76. Higuchi m., Castelli JB, Aiello VD, et al. grande importo di C.pneumoniae nei segmenti rotti della nave della placca all'autopsia. Uno studio comparativo con le placche stabili. Reggiseni Cardiol di Arq. 2000 febbraio; 74(2): 149-51.

77. Pasceri V, Willerson JT, Yeh ET. Diriga l'effetto proinflammatory di proteina C-reattiva sulle cellule endoteliali umane. Circolazione. 2000 31 ottobre; 102(18): 2165-8.

78. Mendall mA, DP di Strachan, Butland BK, et al. proteina C-reattiva: relazione per ammontare alla mortalità, alla mortalità cardiovascolare ed ai fattori di rischio cardiovascolari in uomini. Cuore J. 2000 di EUR ottobre; 21(19): 1584-90.

79. Ridker PM, Hennekens CH, seppellente JE, la proteina C-reattiva di Rifai N. ed altri indicatori di infiammazione nella previsione della malattia cardiovascolare in donne. Med di N Inghilterra J. 2000 23 marzo; 342(12): 836-43.

80. Ridker PM, Cushman m., Stampfer MJ, Tracy RP, Hennekens CH. Concentrazione nel plasma di proteina C-reattiva e rischio di sviluppare malattia vascolare periferica. Circolazione. 10 febbraio 1998; 97(5): 425-8.

81. Ridker PM, seppellente JE, Shih J, Matias m., Hennekens CH. Studio prospettivo di proteina C-reattiva ed il rischio di eventi cardiovascolari futuri fra le donne apparentemente in buona salute. Circolazione. 25 agosto 1998; 98(8): 731-3.

82. Ridker PM, Cushman m., Stampfer MJ, Tracy RP, Hennekens CH. Infiammazione, aspirin ed il rischio di malattia cardiovascolare in uomini apparentemente in buona salute. Med di N Inghilterra J. 3 aprile 1997; 336(14): 973-9.

83. Drouet L, Sc del dit di Bal È il fibrinogeno un preannunciatore o un indicatore del rischio di eventi cardiovascolari? Therapie. 2005 marzo; 60(2): 125-36.

84. Coppola G, Rizzo m., Abrignani MG, et al. fibrinogeno come preannunciatore di mortalità dopo infarto miocardico acuto: uno studio di approfondimento di quaranta-due-mese. Cuore J. 2005 di Ital aprile; 6(4): 315-22.

85. SG di Danesh J, di Lewington S, di Thompson, et al. livello del fibrinogeno del plasma ed il rischio di malattie cardiovascolari importanti e di mortalità nonvascular: una singola meta-analisi del partecipante. JAMA. 12 ottobre 2005; 294(14): 1799-809.

86. Acevedo m., Foody JM, Pearce GL, Sprecher DL. Fibrinogeno: associazioni con gli eventi cardiovascolari in un ambulatorio. Cuore J. 2002 di febbraio; 143(2): 277-82.

87. I Bots ml, PC di Elwood, Salonen JT, et al. livellano di fibrinogeno e rischiano del colpo mortale e non fatale. EUROSTROKE: uno studio di collaborazione fra i centri di ricerca in Europa. Salute della Comunità di J Epidemiol. 2002 febbraio; 56 supplementi 1i14-8.

88. de Maat MP. Effetti della dieta, delle droghe e dei geni sui livelli del fibrinogeno del plasma. Ann NY Acad Sci. 2001;936:509-21.

89. Lindahl B, tiro H, Siegbahn A, Venge P, Wallentin L. Markers di danno e di infiammazione del miocardio relativamente a mortalità a lungo termine nella coronaropatia instabile. Gruppo di studio di FRISC. Fragmin durante l'instabilità nella coronaropatia. Med di N Inghilterra J. 2000 19 ottobre; 343(16): 1139-47.

90. Maresca G, Di BA, Marchioli R, Di MG. Fibrinogeno di misurazione del plasma per predire colpo ed infarto miocardico: un aggiornamento. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1999 giugno; 19(6): 1368-77.

91. MA J, Hennekens CH, Ridker PM, Stampfer MJ. Uno studio prospettivo di fibrinogeno ed il rischio di infarto miocardico nella salute dei medici studiano. J Coll Cardiol. 1999 aprile; 33(5): 1347-52.

92. Livelli del fibrinogeno di Behar S. Lowering: aggiornamento clinico. Gruppo di studio di BIP. Prevenzione di infarto di Bezafibrate. Fibrinolisi di Coagul del sangue. 1999 febbraio; 10 supplementi 1S41-3.

93. SG di Thompson, Kienast J, deviazione standard di Pyke, Haverkate F, van de Loo JC. Fattori emostatici ed il rischio di infarto miocardico o di morte improvvisa in pazienti con l'angina pectoris. Azione concordata europea sul gruppo di studio di angina pectoris di inabilità e di trombosi. Med di N Inghilterra J. 9 marzo 1995; 332(10): 635-41.

94. Jones RD, Nettleship JE, Kapoor D, GH di Jones, Channer KS. Testosterone ed aterosclerosi negli uomini di invecchiamento: associazione pretesa ed implicazioni cliniche. Droghe di J Cardiovasc. 2005;5(3):141-54.

95. Channer KS, TH di Jones. Effetti cardiovascolari di testosterone: implicazioni “della menopausa maschio„? Cuore. 2003 febbraio; 89(2): 121-2.

96. Malkin CJ, Pugh PJ, Jones RD, TH di Jones, Channer KS. Testosterone come un fattore protettivo contro l'aterosclerosi-immunomodulazione ed influenza sopra sviluppo e stabilità della placca. J Endocrinol. 2003 settembre; 178(3): 373-80.

97. I chilometri inglesi, Mandour la O, i destrieri il RP, et al. uomini con la coronaropatia hanno livelli più bassi degli androgeni che gli uomini con gli angiogrammi coronari normali. Cuore J. 2000 di EUR giugno; 21(11): 890-4.

98. Clark LC, pettini GF, Jr., Turnbull BW, et al. effetti del completamento del selenio per prevenzione del cancro in pazienti con carcinoma della pelle. Una prova controllata randomizzata. Prevenzione nutrizionale del gruppo di studio del Cancro. JAMA. 25 dicembre 1996; 276(24): 1957-63.

99. Stochmal E, Szurkowska m., Czarnecka D, et al. associazione di aterosclerosi coronaria con insulino-resistenza in pazienti con tolleranza al glucosio alterata. Acta Cardiol. 2005 giugno; 60(3): 325-31.

100. Tolleranza al glucosio e malattia cardiovascolare di Ceriello A. Impaired: il ruolo possibile dell'iperglicemia postprandiale. Cuore J. 2004 di maggio; 147(5): 803-7.

101. DG di Zeng XK, di Guan YF, di Remick, da produzione indotta da omocisteina di fondo di vie di Wang X. Signal di MCP-1 e IL-8 nell'intero sangue umano coltivato. Peccato di Pharmacol di acta. 2005 gennaio; 26(1): 85-91.

102. Zeng XK, la DG di Remick, Wang X. Homocysteine induce la produzione di monocito protein-1 e interleukin-8 chemoattractant nell'intero sangue umano coltivato. Peccato di Pharmacol di acta. 2004 novembre; 25(11): 1419-25.

103. Hassan A, caccia BJ, O'Sullivan m., et al. omocisteina è un fattore di rischio per la piccola malattia cerebrale della nave, agente via la disfunzione endoteliale. Cervello. 2004 gennaio; 127 (pinta 1): 212-9.

104. Devlin, Arning E, Bottiglieri T, et al. effetto del genotipo di Mthfr dall'sull'iperomocisteinemia indotta da dieta e funzione vascolare in topi. Sangue. 1° aprile 2004; 103(7): 2624-9.

105. Ungvari Z, Csiszar A, Edwards JG, et al. produzione aumentata del superossido in arterie coronarie in iperomocisteinemia: ruolo dell'fattore-alfa di necrosi del tumore, dell'ossidasi di NAD (P) H e della sintasi viscoelastica dell'ossido di azoto. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1° marzo 2003; 23(3): 418-24.

106. Sforzo di Loscalzo J. Oxidant: un determinante chiave dell'aterotrombosi. Transazione di biochimica Soc. 2003 ottobre; 31 (pinta 5): 1059-61.

107. Faraci FM. Iperomocisteinemia: milione modi perdere controllo. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1° marzo 2003; 23(3): 371-3.

108. Symons JD, Mullick EA, Ensunsa JL, mA aa, Rutledge JC. Iperomocisteinemia evocata da svuotamento folico: effetti sulla funzione arteriosa coronaria e carotica. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1° maggio 2002; 22(5): 772-80.

109. Eberhardt RT, Forgione mA, ricopre A, et al. disfunzione endoteliale in un modello murino del inemia delicato del hyperhomocyst (e). J Clin investe. 2000 agosto; 106(4): 483-91.

110. PAGINA di Folsom AR, di Nieto FJ, di McGovern, et al. studio prospettivo dell'incidenza della coronaropatia relativamente ad omocisteina totale a digiuno, polimorfismi genetici relativi e vitamine di B: il rischio di aterosclerosi nello studio delle Comunità (ARIC). Circolazione. 21 luglio 1998; 98(3): 204-10.

111. Corteggi KS, Chook la P, Lolin YI, et al. inemia di Hyperhomocyst (e) è un fattore di rischio per disfunzione endoteliale arteriosa in esseri umani. Circolazione. 21 ottobre 1997; 96(8): 2542-4.

112. Bots ml, Launer LJ, Lindemans J, Hofman A, Grobbee DE. Omocisteina, aterosclerosi e malattia cardiovascolare prevalente negli anziani: Lo studio di Rotterdam. Med dell'interno di J. 1997 ottobre; 242(4): 339-47.

113. Omocisteina di Montalescot G, di Ankri A, di Chadefaux-Vekemans B, et al. del plasma e le dimensioni di aterosclerosi in pazienti con la coronaropatia. Int J Cardiol. 8 agosto 1997; 60(3): 295-300.

114. SR di Lentz, Sobey CG, Piegors DJ, et al. disfunzione vascolare in scimmie con dal il inemia indotto da dieta del hyperhomocyst (e). J Clin investe. 1° luglio 1996; 98(1): 24-9.

115. Verhoef P, Stampfer MJ, seppellente JE, et al. il metabolismo dell'omocisteina e rischio di infarto miocardico: relazione con le vitamine B6, B12 e folato. J Epidemiol. 1° maggio 1996; 143(9): 845-59.

116. EL di Robinson K, di Mayer, DP di Miller, et al. iperomocisteinemia e fosfato basso del piradossale. Fattori di rischio reversibili comuni e indipendenti per la coronaropatia. Circolazione. 15 novembre 1995; 92(10): 2825-30.

117. Omocisteina di Arnesen E, di Refsum H, di Bonaa KH, et al. del siero e coronaropatia totali. Int J Epidemiol. 1995 agosto; 24(4): 704-9.

118. CS di Berwanger, Jeremy JY, Stansby G. Homocysteine e malattia vascolare. Br J Surg. 1995 giugno; 82(6): 726-31.

119. Tsai JC, Perrella mA, Yoshizumi m., et al. promozione di crescita vascolare delle cellule di muscolo liscio da omocisteina: un collegamento ad aterosclerosi. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 5 luglio 1994; 91(14): 6369-73.

120. RH della friggitrice, Wilson BD, DB di Gubler, LA di Fitzgerald, GM di Rodgers. L'omocisteina, un fattore di rischio per la malattia vascolare prematura e trombosi, induce l'attività di fattore del tessuto in cellule endoteliali. Arterioscler Thromb. 1993 settembre; 13(9): 1327-33.

121. LA di Harker, Harlan JM, Ross R. Effect del sulfinpirazone dai sulla lesioni endoteliali indotta da omocisteina e dell'arteriosclerosi in babbuini. Circ Res. 1983 dicembre; 53(6): 731-9.

122. Parete RT, MD di Rubenstein, bottaio SL. Studi sulla base cellulare di aterosclerosi: gli effetti dei fattori di rischio di aterosclerosi sulle piastrine e sull'endotelio vascolare.

Diabete. 1981; 30 (supplemento 2): 39-43.

123. Resti di Maggi FM, di Raselli S, di Grigore L, et al. della lipoproteina e disfunzione endoteliale nella fase postprandiale. J Clin Endocrinol Metab. 2004 giugno; 89(6): 2946-50.

124. Shatrov VA, espressione di Brune B. Induced del superossido dismutasi del manganese dalle concentrazioni non tossiche di lipoproteina a bassa densità ossidata (oxLDL) protegge da citotossicità oxLDL-mediata. Biochimica J. 2003 1° settembre; 374 (pinta 2): 505-11.

125. Sainani GS, Sainani R. Homocysteine ed il suo ruolo nella patogenesi della malattia vascolare aterosclerotica. Medici India di J Assoc. 2002 maggio; 50 Suppl16-23.

126. Albert cm, mA J, Rifai N, Stampfer MJ, Ridker PM. Studio prospettivo di proteina, di omocisteina e dei livelli di lipidi C-reattivi del plasma come preannunciatori della morte cardiaca improvvisa. Circolazione. 4 giugno 2002; 105(22): 2595-9.

127. Laaksonen R, Janatuinen T, Vesalainen R, et al. alto LDL ossidato ed omocisteina elevata del plasma contribuisce alla riduzione iniziale della riserva del miocardio di flusso di adulti in buona salute. L'EUR J Clin investe. 2002 novembre; 32(11): 795-802.

128. Dardik R, Varon D, il Tamarin I, et al. l'omocisteina e la lipoproteina ossidata di densità bassa hanno migliorato l'adesione della piastrina alle cellule endoteliali nelle circostanze di flusso: meccanismi distinti di modulazione trombogenica. Thromb Haemost. 2000 febbraio; 83(2): 338-44.

129. Voutilainen S, Morrow JD, Roberts LJ, et al. ha migliorato in vivo la perossidazione lipidica ai livelli elevati dell'omocisteina di totale del plasma. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1999 maggio; 19(5): 1263-6.

130. De CR, Lenzi S. Il ruolo di LDL nell'origine e nella progressione di aterosclerosi: concetti pathobiological sull'origine e sullo sviluppo delle lesioni aterosclerotiche ed il ruolo dell'endotelio. G Ital Cardiol. 1998 febbraio; 28(2): 158-67.

131. I trigliceridi di Drexel H, di Amann FW, di Beran J, et al. del plasma e tre frazioni del colesterolo della lipoproteina sono preannunciatori indipendenti delle dimensioni di aterosclerosi coronaria. Circolazione. 1994 novembre; 90(5): 2230-5.

132. Sforzo di Johansen JS, di Harris AK, di Rychly DJ, di Ergul A. Oxidative e l'uso degli antiossidanti in diabete: collegamento della scienza di base a pratica clinica. Cardiovasc Diabetol. 29 aprile 2005; 4(1): 5.

133. Sforzo ossidativo di Schulz E, di Anter E, di Keaney JF, del Jr., antiossidanti e funzione endoteliale. Curr Med Chem. 2004 maggio; 11(9): 1093-104.

134. SR di Maxwell. Danno radicale sano dell'arteria coronaria, protezione antiossidante ed il ruolo di omocisteina. Ricerca di base Cardiol. 2000; 95 supplementi 1I65-71.

135. Kanani PM, Sinkey CA, brunente RL, et al. ruolo dello sforzo dell'ossidante nella disfunzione endoteliale ha prodotto dal inemia sperimentale del hyperhomocyst (e) in esseri umani. Circolazione. 14 settembre 1999; 100(11): 1161-8.

136. Loscalzo J. Lo sforzo dell'ossidante del inemia del hyperhomocyst (e). J Clin investe. 1° luglio 1996; 98(1): 5-7.

137. Li JJ, Chen JL. L'infiammazione può essere un'ipertensione e un'aterosclerosi di collegamento del ponte. Med Hypotheses. 2005;64(5):925-9.

138. Nurk E, dice il GS, Se di Vollset, et al. cambia in stile di vita ed omocisteina totale del plasma: lo studio dell'omocisteina di Hordaland. J Clin Nutr. 2004 maggio; 79(5): 812-9.

139. Tentolouris C, Tousoulis D, Antoniades C, et al. funzione endoteliale e citochine proinflammatory in pazienti con la malattia cardiaca ischemica e la cardiomiopatia dilatata. Int J Cardiol. 2004 aprile; 94 (2-3): 301-5.

140. Smazzi J, le reazioni di Watanabe T. Inflammatory nella patogenesi di aterosclerosi. J Atheroscler Thromb. 2003;10(2):63-71.

141. ANNUNCIO di Pradhan, Manson JE, Rossouw JE, et al. biomarcatori, terapia ormonale sostitutiva e coronaropatia infiammatori di incidente: analisi futura dallo studio d'osservazione di iniziativa della salute delle donne. JAMA. 28 agosto 2002; 288(8): 980-7.

142. Blake GJ, Ridker PM. Meccanismi infiammatori nell'aterosclerosi: da prova del laboratorio all'applicazione clinica. Cuore J. 2001 di Ital novembre; 2(11): 796-800.

143. Jialal I, Devaraj S. Inflammation ed aterosclerosi: il valore dell'analisi C-reattiva della proteina di alto-sensibilità come indicatore di rischio. J Clin Pathol. 2001 dicembre; 116 SupplS108-15.

144. Lowe GD. La relazione fra l'infezione, l'infiammazione e la malattia cardiovascolare: una panoramica. Ann Periodontol. 2001 dicembre; 6(1): 1-8.

145. Metabolismo di Aleman G, di Tovar AR, di Torres N. Homocysteine e rischio di malattie cardiovascolari: importanza dello stato nutrizionale su acido folico, sulle vitamine B6 e su B12. Rev Invest Clin. 2001 marzo; 53(2): 141-51.

146. Van der Meide PH, Schellekens H. Cytokines e la risposta immunitaria. Bioterapia. 1996;8(3-4):243-9.

147. Dudman NP, Guo XW, RB di Gordon, PA di Dawson, Wilcken DE. Catabolismo umano dell'omocisteina: tre vie importanti e la loro rilevanza a sviluppo della malattia occlusiva arteriosa. J Nutr. 1996 aprile; 126 (4 supplementi): 1295S-300S.

148. Chang HJ, Chung J, Choi SY, et al. disfunzione endoteliale in pazienti con la risposta di pressione sanguigna esagerata durante la prova della pedana mobile. Clin Cardiol. 2004 luglio; 27(7): 421-5.

149. Higashi Y, Yoshizumi M. Exercise e funzione endoteliale: ruolo di ossido di azoto endotelio-derivato e dello sforzo ossidativo negli individui sani ed in pazienti ipertesi. Pharmacol Ther. 2004 aprile; 102(1): 87-96.

150. Rodriguez-Porcel m., Lerman LO, l'ipercolesterolemia di Herrmann J et al. e l'ipertensione hanno effetti deleteri sinergici sulla funzione endoteliale coronaria. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1° maggio 2003; 23(5): 885-91.

151. Il Tu L, Wei W, Liu funzione di X, di Deng Y, di Yu S. Endothelial e ispessimento della parete dell'arteria carotica in pazienti con ipertensione essenziale iniziale. J Tongji Med Univ. 1999;19(4):288-90, 303.

152. Johnson LK, Longenecker JP, Fajardo LF. Risposta differenziale di radiazione delle cellule endoteliali coltivate e dei miociti lisci. Quantità anale Cytol. 1982 settembre; 4(3): 188-98.

153. Sutton-Tyrrell K, Bostom A, Selhub J, livelli dell'omocisteina di Zeigler-Johnson C. High è collegato indipendente con ipertensione sistolica isolata in adulti più anziani. Circolazione. 16 settembre 1997; 96(6): 1745-9.

154. Calabresi L, Gomaraschi m., protezione di Franceschini G. Endothelial dalle lipoproteine ad alta densità: dal banco al lato del letto.

Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1° ottobre 2003; 23(10): 1724-31.

155. Spieker LE, Sudano I, Hurlimann D, et al. lipoproteina ad alta densità ristabilisce la funzione endoteliale in uomini ipercolesterolemici. Circolazione. 26 marzo 2002; 105(12): 1399-402.

156. JO di Toikka, Ahotupa la m., Viikari JS, et al. concentrazione costantemente bassa nel HDL-colesterolo riferisce a disfunzione endoteliale ed all'LDL-ossidazione in vivo aumentata nei giovani in buona salute. Aterosclerosi. 1° novembre 1999; 147(1): 133-8.

157. Ikonomidis I, Lekakis J, Vamvakou G, Andreotti F, il tabagismo di Nihoyannopoulos P. è associato con aumentato facendo circolare gli indicatori proinflammatory e procoagulanti in pazienti con la coronaropatia cronica: effetti del trattamento di aspirin. Cuore J. 2005 di maggio; 149(5): 832-9.

158. Esen, Barutcu I, Acar m., et al. effetto di fumo su spessore endoteliale della parete e di funzione dell'arteria brachiale. Circ J. 2004 dicembre; 68(12): 1123-6.

159. Wanner A, Campos mA, reattività del flusso sanguigno di Mendes E. Airway in fumatori. Pulm Pharmacol Ther. 13 gennaio 2006; [Epub davanti alla stampa]

160. Ambrose JA, Barua RS. La patofisiologia di tabagismo e della malattia cardiovascolare: un aggiornamento. J Coll Cardiol. 19 maggio 2004; 43(10): 1731-7.

161. Poreba R, Skoczynska A, Derkacz A. Effect di tabagismo sulla funzione endoteliale in pazienti con arteriosclerosi coronaria. Pol Arch Med Wewn. 2004 gennaio; 111(1): 27-36.

162. Puranik R, Celermajer DS. Fumo e funzione endoteliale. Prog Cardiovasc DIS. 2003 maggio; 45(6): 443-58.

163. Chrysohoou C, DB di Panagiotakos, Pitsavos C, et al. Le associazioni fra il fumo, l'attività fisica, le abitudini dietetiche ed i livelli dell'omocisteina del plasma in gente sana cardiovascolare: lo studio “di Attica„. Med di Vasc. 2004 maggio; 9(2): 117-23.

164. O'Callaghan P, Meleady R, Fitzgerald T, Graham I. Smoking ed omocisteina del plasma. Cuore J. 2002 di EUR ottobre; 23(20): 1580-6.

165. Indicatori del plasma di Targher G, di Bertolini L, di Zoppini G, di Zenari L, di Falezza G. Increased di infiammazione e disfunzione endoteliale e la loro associazione con le complicazioni microvascolari nei pazienti diabetici di tipo 1 senza macroangiopathy clinicamente manifesto. Med di Diabet. 2005 agosto; 22(8): 999-1004.

166. JO di Jarvisalo MJ, di Raitakari m., di Toikka, et al. disfunzione endoteliale e spessore arterioso aumentato di intima-media in bambini con il diabete di tipo 1. Circolazione. 13 aprile 2004; 109(14): 1750-5.

167. Vlassara H, Cai W, Crandall J, et al. mediatori infiammatori è indotto dai glycotoxins dietetici, un fattore di rischio importante per angiopatia diabetica. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 26 novembre 2002; 99(24): 15596-601.

168. Disfunzione di Najemnik C, di Sinzinger H, di Kritz H. Endothelial, aterosclerosi e diabete. Acta Med Austriaca. 1999;26(5):148-53.

169. Hoogeveen EK, Kostense PJ, Beks PJ, et al. iperomocisteinemia è associato con un rischio aumentato di malattia cardiovascolare, particolarmente in diabete mellito non insulino-dipendente: uno studio basato sulla popolazione. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1998 gennaio; 18(1): 133-8.

170. Bakker SJ, IJzerman RG, Teerlink T, et al. trigliceridi citosolici e sforzo ossidativo nell'obesità centrale: l'anello mancante fra eccessiva aterosclerosi, disfunzione endoteliale e guasto della cellula beta? Aterosclerosi. 2000 gennaio; 148(1): 17-21.

171. Yu anno, HL di Li, HL di Yu, Wang C, unità di elaborazione S. La relazione fra insulino-resistenza e vasodilatazione dipendente dall'endotelio negli oggetti obesi. Zhonghua Yi Xue Za Zhi. 10 settembre 2003; 83(17): 1467-70.

172. ANNUNCIO di Blann, Bushell D, Davies A, et al. Fattore di von Willebrand, l'endotelio ed obesità. Int J Obes Relat Metab Disord. 1993 dicembre; 17(12): 723-5.

173. DG di Edwards, Schofield RS, Lennon SL, et al. effetto di addestramento di esercizio sulla funzione endoteliale in uomini con la coronaropatia. J Cardiol. 1° marzo 2004; 93(5): 617-20.

174. Esercizio fisico di Mitu F, di Mitu M. ed endotelio vascolare. Rev Med Chir Soc Med Nat Iasi. 2003 luglio; 107(3): 487-93.

175. Gokce N, Vita JA, Bader DS, et al. effetto dell'esercizio sulla funzione endoteliale dell'estremità inferiore e della tomaia in pazienti con la coronaropatia. J Cardiol. 15 luglio 2002; 90(2): 124-7.

176. Muis MJ, Bots ml, Bilo HJ, et al. alta esposizione cumulativa dell'insulina: un fattore di rischio di aterosclerosi in diabete di tipo 1? Aterosclerosi. 2005 luglio; 181(1): 185-92.

177. Howes PS, Zacharski LR, Sullivan J, Chow B. Role di ferro immagazzinato nell'aterosclerosi. J Vasc Nurs. 2000 dicembre; 18(4): 109-14.

178. de VB, Marx JJ. Ferro, aterosclerosi e malattia cardiaca ischemica. Med dell'interno dell'arco. 26 luglio 1999; 159(14): 1542-8.

179. Chau LY. Ferro ed aterosclerosi. Proc Sci nazionale Counc Repub Cina B. 2000 ottobre; 24(4): 151-5.

180. Bellamy MF, McDowell SE, Ramsey Mw, et al. folato orale migliora la funzione endoteliale negli oggetti hyperhomocysteinaemic. L'EUR J Clin investe. 1999 agosto; 29(8): 659-62.

181. Camere JC, Obeid OA, Kooner JS. Gli incrementi fisiologici in omocisteina del plasma inducono la disfunzione endoteliale vascolare nei soggetti umani normali. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1999 dicembre; 19(12): 2922-7.

182. Deviazione standard di Solomon, Zelenkofske S, McMurray JJ, et al. morte improvvisa in pazienti con infarto miocardico e disfunzione ventricolare lasciata, infarto, o entrambi. Med di N Inghilterra J. 23 giugno 2005; 352(25): 2581-8.

183. van Meurs JB, RA di Dhonukshe-Rutten, livelli di Pluijm MP, et al. dell'omocisteina ed il rischio di frattura osteoporotica. Med di N Inghilterra J. 13 maggio 2004; 350(20): 2033-41.

184. McLean RR, Jacques PF, Selhub J, et al. omocisteina come fattore premonitore per la frattura dell'anca in persone più anziane. Med di N Inghilterra J. 13 maggio 2004; 350(20): 2042-9.

185. Ms di Morris, Jacques PF, Selhub J. Relation fra omocisteina e gli indicatori di condizione m/c della B-vitamina e densità minerale ossea in Americani più anziani. Osso. 2005 agosto; 37(2): 234-42.

186. Bjelland I, dice il GS, Se di Vollset, Refsum H, Ueland PM. Folato, vitamina b12, omocisteina ed il polimorfismo di MTHFR 677C->T nell'ansia e nella depressione: lo studio dell'omocisteina di Hordaland. Arco Gen Psychiatry. 2003 giugno; 60(6): 618-26.

187. PB di Naismith S, di Hickie I, del reparto, et al. volumi del nucleo caudato e fattori determinanti genetici di metabolismo dell'omocisteina nella previsione di velocità psicomotoria in persone più anziane con la depressione. Psichiatria di J. 2002 dicembre; 159(12): 2096-8.

188. Fava m., Borus JS, Alpert JE, et al. folato, vitamina b12 ed omocisteina nel disturbo depressivo principale. Psichiatria di J. 1997 marzo; 154(3): 426-8.

189. Bottiglieri T, Laundy m., Crellin R, et al. omocisteina, folato, metilazione e metabolismo della monoammina nella depressione.

Psichiatria di J Neurol Neurosurg. 2000 agosto; 69(2): 228-32.

190. Religa D, Styczynska m., Peplonska B, et al. omocisteina, apolipoproteine E e riduttasi del methylenetetrahydrofolate nel morbo di Alzheimer e nel danno conoscitivo delicato. Geriatr demente Cogn Disord. 2003;16(2):64-70.

191. Sig.ra di Morris. Omocisteina e morbo di Alzheimer. Lancetta Neurol. 2003 luglio; 2(7): 425-8.

192. Selley ml. Concentrazioni aumentate di omocisteina e di dimethylarginine asimmetrico e concentrazioni in diminuzione di ossido di azoto nel plasma dei pazienti con il morbo di Alzheimer. Invecchiamento di Neurobiol. 2003 novembre; 24(7): 903-7.

193. Pi noioso, Ortiz D, Rogers E, TB del karitè. Aspetti multipli di neurotossicità dell'omocisteina: il excitotoxicity del glutammato, il hyperactivation della chinasi ed il DNA danneggiano. Ricerca di J Neurosci. 1° dicembre 2002; 70(5): 694-702.

194. Omocisteina di Seshadri S, di Beiser A, di Selhub J, et al. del plasma come fattore di rischio per demenza e morbo di Alzheimer. Med di N Inghilterra J. 14 febbraio 2002; 346(7): 476-83.

195. PS di McIlroy, KB di Dynan, Lawson JT, Patterson cc, Passmore AP. Omocisteina moderatamente elevata del plasma, genotipo della riduttasi del methylenetetrahydrofolate e rischio per il colpo, la demenza vascolare ed il morbo di Aalzheimer in Irlanda del Nord. Colpo. 2002 ottobre; 33(10): 2351-6.

196. Joosten E. Homocysteine, demenza vascolare e morbo di Alzheimer. Med del laboratorio di Clin Chem. 2001 agosto; 39(8): 717-20.

197. Miller JW. Omocisteina, morbo di Alzheimer e funzione conoscitiva. Nutrizione. 2000 luglio; 16 (7-8): 675-7.

198. McCaddon A, Davies G, Hudson P, Tandy S, omocisteina del siero di Cattell H. Total nella demenza senile del tipo di Alzheimer. Psichiatria di Int J Geriatr. 1998 aprile; 13(4): 235-9.

199. Gottfries CG, Lehmann W, diagnosi precoce di Regland B. di danno conoscitivo negli anziani con il fuoco sul morbo di Alzheimer. Trasmettitore neurale di J. 1998;105(8-9):773-86.

200. LH di Snowdon DA, di Greiner, infarto di Mortimer JA, et al. del cervello e l'espressione clinica del morbo di Aalzheimer. La suora Study. JAMA. 12 marzo 1997; 277(10): 813-7.