Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine marzo 2006
immagine

Che europei stanno facendo per limitare la frequenza di emicrania

Da Russell Martin

Sollievo per le circostanze respiratorie e gastrointestinali

La capacità del petasin del principio attivo del farfaraccio di acquietare gli spasmi del muscolo liscio in pareti vascolari (che possono contribuire all'emicrania) permette che avvantaggi similmente altre parti del corpo, quindi attenuanti i disordini indipendenti all'emicrania.2,30

in Europa, l'estratto del farfaraccio è comunemente usato combattere la rinite allergica (raffreddore da fieno) e gli studi hanno confermato la sua efficacia, sia confrontata ad un farmaco comunemente usato di prescrizione che in una prova alla cieca, studio controllato con placebo. Quando l'estratto del farfaraccio è stato paragonato a Zyrtec®, la marca commerciale della cetirizina del farmaco di prescrizione di anti-allergia, ricercatori determinata che entrambi i composti erano ugualmente efficaci dello starnuto di limitazione, della congestione nasale, di naso semiliquido, di naso che prude e degli occhi che prude. Fra il 131 paziente studiato oltre due settimane, la metà ha preso l'estratto del farfaraccio per alleviare i loro sintomi e l'altra metà ha preso la cetirizina. I ricercatori ritengono che il petasin in estratto del farfaraccio abbia provato efficaci limitando l'istamina ed il leucotriene, che promuovono l'infiammazione e le secrezioni mucose e dilatando le vie aeree ristrette a facilità che respira.30

Il farfaraccio va e la radice è stata usata per secoli per dirigere l'asma bronchiale e la pertosse. Uno Scottish recente studia indicato che l'azione antinfiammatoria di 25 mg di estratto del farfaraccio presi ha migliorato due volte al giorno significativamente il volume del fuori respiro nei pazienti di asma che trattano regolarmente i loro sintomi con i corticosteroidi inalati. I ricercatori hanno notato che il farfaraccio ha complementato l'attività dei corticosteroidi ed hanno mostrato un effetto superiore confrontato a placebo.31

Ancora, in una prova aperta tedesca, 80 vittime di asma che hanno richiesto a 50 mg di estratto del farfaraccio tre tempi un giorno hanno visto il numero, la durata e la severità della loro diminuzione di attacchi di asma durante il periodo di otto settimane di studio. Gli autori di studio hanno speculato che l'estratto del farfaraccio può essere efficace entrambi come trattamento autonomo di asma e congiuntamente ad altri farmaci di asma.32

Storicamente, il farfaraccio è stato usato come medicina piega per vari disturbi gastrointestinali, specialmente spasmi dell'apparato digerente connessi con l'ostruzione di flusso di bile e di colica. Uno studio tedesco contemporaneo ha trovato che l'estratto del farfaraccio può bloccare dal il danneggiamento indotto da etanolo dello stomaco e ridurre le ulcerazioni nell'intestino tenue.33 ricercatori tedeschi stanno studiando le applicazioni potenziali del farfaraccio negli spasmi di controllo del tratto urogenitale, che può contribuire ad urgenza ed all'incontinenza urinarie. Credono che il farfaraccio possa provare efficace nel controllo dei questi disordini.34

LA RIBOFLAVINA CONTRASTA L'INIZIO DELL'EMICRANIA

Negli ultimi anni, i ricercatori hanno trovato quella riboflavina, o la vitamina B2, promessa di manifestazioni nel blocco dell'inizio delle emicranie. Come altre vitamine di B, la riboflavina facilita la produzione di energia nel corpo aiutando il metabolismo dei grassi, dei carboidrati e delle proteine. È inoltre essenziale nella produzione dei globuli rossi e degli anticorpi.

Sebbene il suo meccanismo di azione nell'impedire l'emicrania rimanga incerto, la riboflavina può contribuire ad aumentare la produzione di energia nelle centrali elettriche cellulari conosciute come i mitocondri. Gli scienziati speculano che gli approvvigionamenti di energia mitocondriali bassi possono avviare le emicranie in molti pazienti.35

In uno studio aperto 1994 all'università del Belgio di Liegi, 49 vittime di emicrania hanno richiesto a 400 mg di riboflavina con la prima colazione ogni giorno per tre mesi. Alla conclusione dello studio, i partecipanti hanno riferito un rapporto di riproduzione essere in media di 68% del numero delle emicranie che hanno avvertito ogni mese, una diminuzione impressionante che ha autorizzato uno studio controllato con placebo di seguito.35

Quattro anni più successivamente, gli scienziati belgi hanno condotto una prova randomizzata di 55 pazienti di emicrania, la metà di cui ha consumato 400 mg di quotidiano della riboflavina mentre l'altra metà ha ricevuto il placebo. Alla conclusione dello studio di tre mesi, quasi 60% dei partecipanti che ricevono la riboflavina ha riferito almeno un rapporto di riproduzione di 50% del numero delle emicranie mensili, mentre soltanto 15% del gruppo del placebo riferito ha fatto diminuire un'incidenza di emicrania di 50% o più. Mentre due pazienti che prendono la riboflavina hanno riferito la diarrea ed hanno aumentato il volume dell'urina come effetti collaterali, la dose quotidiana di livello di riboflavina era altrimenti buono tollerata. Poiché la vitamina di B non può essere immagazzinata nel corpo, i ricercatori hanno postulato che 400 mg dosage-250 quotidiano cronometra il minimo raccomandato di FDA quotidiano assunzione-sono stati richiesti per raggiungere l'effetto terapeutico.36

In uno studio 2004 dell'aperto etichetta all'università di Humboldt a Berlino, 23 persone hanno invecchiato 20-65 sono state date 400 mg di riboflavina giornalmente per sei mesi. All'inizio dello studio, i partecipanti hanno stato in media i quattro giorni di emicrania un il mese. Per la fine di tre mesi, il numero medio del gruppo dei giorni di emicrania era stato ridotto a due; dopo sei mesi, il loro numero medio delle emicranie mensili è rimanere a due. I pazienti hanno riferito che la durata e l'intensità di emicrania non sono diminuito con il trattamento della riboflavina, eppure hanno riferito la presa del farmaco antidolorifico significativamente meno totale nel corso di ogni mese confrontato all'importo che hanno consumato all'inizio dello studio. La diarrea secondaria ed il dolore addominale erano i soli effetti collaterali riferiti.37

In uno studio della California nel 2004, i ricercatori hanno scoperto che una dose quotidiana molto più piccola di riboflavina riduce similmente la frequenza delle emicranie. In un di tre mesi, controllato, lo studio di prova alla cieca ad un ambulatorio, 48 persone ha ricevuto a caso un dosaggio di combinazione di 400 mg di riboflavina, 300 mg di magnesio e 100 mg dell'erba amara vera dell'erba (tutti e tre le di cui sono stati manifestazione per avere benefici terapeutici nell'emicrania in carico) o appena 25 mg di riboflavina ogni giorno.

I medici clinici che hanno progettato lo studio hanno definito una risposta positiva al trattamento come riduzione di frequenza mensile di emicrania da 50% o di più. Quarantadue per cento dei pazienti che prendono la combinazione di riboflavina-magnesio-erba amara vera hanno risposto con successo alla terapia alla conclusione di tre cheriducono il loro numero delle emicranie da 50% o più-mentre 44% di quelli che prendono soltanto la piccola dose di riboflavina ha risposto con successo. I medici sono stati sorpresi dall'efficacia della dose bassa di riboflavina e da ulteriori studi suggeriti determinare che dosaggio della vitamina B2 fornisce la più grande riduzione possibile dell'incidenza di emicrania.38

Poiché è economico, essenziale al corpo e può essere tollerato negli alti dosaggi con gli effetti collaterali minimi, riboflavina-insieme con farfaraccio, magnesio e erba amara vera-sarà l'argomento di molto più ricerca nei prossimi anni quanto ai suoi effetti ed efficacia nell'impedire l'emicrania.

Conclusione

Mentre sempre più la ricerca che documenta la capacità del farfaraccio di ridurre gli attacchi di emicrania emerge, migliaia di vittime stanno girando verso questo estratto di erbe come modo sicuro, efficace e naturale limitare gli effetti paralizzanti delle emicranie.

Da quando il suo uso clinico ha cominciato in Germania nel 1985, quasi mezzo milione di persone è stato curato con l'estratto standardizzato del farfaraccio, con successo significativo e virtualmente nessun ricercatore del lato effects.13 in Europa ed in Nord America sta verificando le applicazioni del farfaraccio nel controllo dei disordini vari come raffreddore da fieno, le circostanze gastrointestinali ed i disordini urogenitali. Il farfaraccio sembra così essere un rimedio naturale di promessa a molti reclami comuni di salute.

Riferimenti

1. Il RB di Lipton, Gobel la H, Einhaupl il chilometro, Wilks K, la radice di petasites hybridus di Mauskop A. (farfaraccio) è un efficace trattamento preventivo per l'emicrania. Neurologia. 28 dicembre 2004; 63(12): 2240-4.

2. Anon. Monografia. Petasites hybridus. Altern Med Rev. 2001 aprile; 6(2): 207-9.

3. Stewart WF, RB di Lipton, DD di Celentano, Reed ml. Prevalenza dell'emicrania negli Stati Uniti. Relazione all'età, al reddito, alla corsa e ad altri fattori sociodemografici. JAMA. 1° gennaio 1992; 267(1): 64-9.

4. Wenzel RG, Sarvis CA, Krause ml. Farmaci da banco per gli attacchi acuti di emicrania: revisione bibliografica e raccomandazioni. Farmacoterapia. 2003 aprile; 23(4): 494-505.

5. Disponibile a: www.nutraceuticalsworld.com. 16 dicembre 2005 raggiunto.

6. Chilometro gallese. Patogenesi dell'emicrania. Semin Neurol. 1997;17(4):335-41.

7. Comitato di classificazione di emicrania della società internazionale di emicrania. Criteri di sistema diagnostico e di classificazione per i disordini di emicrania, la nevralgia cranica ed il dolore facciale. Cefalalgia. 1988; 8 (supplemento 7): 1-96.

8. Goadsby PJ, RB di Lipton, MD di Ferrari. comprensione e trattamento Emicrania-correnti. Med di N Inghilterra J. 24 gennaio 2002; 346(4): 257-70.

9. Disponibile a: http://www.migraineaid.com/studies/1996-03-05FreieArtz/. 16 dicembre 2005 raggiunto.

10. Grossmann m., Schmidramsl H. Un estratto di petasites hybridus è efficace nella profilassi dell'emicrania. Int J Clin Pharmacol Ther. 2000 settembre; 38(9): 430-5.

11. Disponibile a: http://www.wchstv.com/newsroom/healthyforlife/23.63.shtml. 16 dicembre 2005 raggiunto.

12. Prevenzione di Pothmann R, di Danesch U. Migraine in bambini ed adolescenti: risultati di uno studio aperto con un estratto speciale della radice del farfaraccio. Emicrania. 2005 marzo; 45(3): 196-203.

13. Danesch U, Rittinghausen R. Safety di un estratto speciale brevettato della radice del farfaraccio per la prevenzione di emicrania. Emicrania. 2003 gennaio; 43(1): 76-8.

14. "phillips" S, Ruggier R, Se di Hutchinson. Zingiber officinale (zenzero) — un antiemetico per la chirurgia di caso di giorno. Anestesia. 1993 agosto; 48(8): 715-7.

15. DB di Mowrey, Clayson DE. Cinetosi, zenzero e psicofisica. Lancetta. 20 marzo 1982; 1(8273) 655-7.

16 Grontved A, Brask T, Kambskard J, radice di Hentzer E. Ginger contro mal di mare: Una prova controllata sul mare aperto. Acta Otolaryngol. 1988 gennaio-febbraio; 105 (1-2): 45-9.

17. Keating A, RA di Chez. Sciroppo dello zenzero come antiemetico nella gravidanza iniziale. Med di salute di Altern Ther. 2002 settembre-ottobre; 8(5): 89-91.

18. Centri Revuo Medicina.1954 del Giappone: 12; 669.

19. Zhou JG. Giornale medico di Tientsin. 1960, 2:131.

20. Ghazanfar SA. Manuale delle piante medicinali arabe. Boca Raton, FL: Stampa di CRC; 1990.

21. Kowa H, Takeshima T, aggiornamento di Nakashima K. Migraine. Il Giappone Rinsho. 2005 ottobre; 63(10): 1733-41.

22. Mascolo N, R Jain, Sc Jain, indagine di Capasso F. Ethnopharmacologic sullo zenzero (zingiber officinale). J Ethnopharmacology. 1989 novembre; 27 (1-2): 129-40.

23. Flynn DL, Rafferty MF, Boctor. Inibizione di attività umana della lipossigenasi del neutrofilo 5 dal gingerdione, dallo shogaol, dalla capsaicina e dai composti pungenti riferiti. Med dei leucotrieni delle prostaglandine. 1986 ottobre; 24 (2-3): 195-8.

24. Kiuchi F, Shibuya m., Sankawa U. Inhibitors della biosintesi della prostaglandina dallo zenzero. Toro di Chem Pharm. 1982 febbraio; 30(2): 754-7.

25. Sheftell F, Rapoport A, settimane R, camminatore B, Gammerman I, Baskin S. Montelukast nella profilassi dell'emicrania: un ruolo potenziale per i modificatori del leucotriene. Emicrania. 2000 febbraio; 40(2): 158-63.

26. Grzanna R, Lindmark L, Frondoza CG. Prodotto medicinale di erbe dello zenzero-un con le vaste azioni antinfiammatorie. J Med Food. Estate 2005; 8(2): 125-32.

27. Ishizaki K, Takeshima T, Fukuhara Y, et al. crescita di trasformazione aumentata factor-beta-1 del plasma nell'emicrania. Emicrania. 2005 ottobre; 45(9): 1224-8.

28. Vishwakarma SL, Sc dell'amico, Kasture CONTRO, SB di Kasture. Attività dell'antiemetico e dell'ansiolitico del officianale dello Zingiber. Ricerca di Phytother. 2002 novembre; 16(7): 621-6.

29. Lanteri-Minet m., Radat F, Chautard MH, Lucas C. Anxiety e la depressione si sono associati con l'emicrania: Influenza sull'inabilità e la qualità della vita degli oggetti di emicrania e gestione acuta di emicrania. Dolore. 5 dicembre 2005; 118(3): 319-26.

30. Disponibile a: http://www.herbalgram.org/herbalgram/articleview.asp?a=2707. 16 dicembre 2005 raggiunto.

31. Lee dk, Haggart K, Robb FM, Lipworth BJ. Il farfaraccio, un rimedio di erbe, conferisce attività antinfiammatoria complementare in pazienti asmatici che ricevono i corticosteroidi inalati. Allergia di Clin Exp. 2004 gennaio; 34(1): 110-14.

32. Danesch UC. Estratto di petasites hybridus (radice del farfaraccio) nel trattamento della prova aperta di asma-un. Altern Med Rev. 2004 marzo; 9(1): 54-62.

33. Brune K, Bickel D, SEDERE di Peskar. effetti Gastro-protettivi dagli estratti di petasites hybridus: il ruolo di inibizione di sintesi del peptido-leucotriene. Med di Planta. 1993 dicembre; 59(6): 494-6.

34. Farfaraccio comune di Kalin P. The (petasites hybridus) — ritratto di un'erba medicinale. Forsch Komplementarmed Klass Naturheilkd. 2003 aprile; 10 supplementi 141-44.

35. Schoenen J, Lenaerts m., riboflavina di Bastings E. High-dose come trattamento profilattico dell'emicrania: risultati di uno studio pilota aperto. Cefalalgia. 1994 ottobre; 14(5): 328-9.

36. Schoenen J, Jacquy J, Lenaerts M. Effectiveness di riboflavina ad alta dose nella profilassi di emicrania. Una prova controllata randomizzata. Neurologia. 1998 febbraio; 50(2): 466-70.

37. Boehnke C, Reuter U, Flach U, Schuh-Hofer S, Einhaupl chilometro, trattamento della riboflavina di Arnold G. High-dose è efficace nella profilassi di emicrania: uno studio aperto in un centro di cura terziario. EUR J Neurol. 2004 luglio; 11(7): 475-7.

38. Maizels m., Blumenfeld A, Burchette R. Una combinazione di riboflavina, di magnesio e di erba amara vera per profilassi di emicrania: una prova randomizzata. Emicrania. 2004 ottobre; 44(9): 885-90.