Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine marzo 2006
immagine

Prevenzione del cancro di vitamina D ed altri nuovi usi

Da Russell Martin

Riduzione del rischio della gengivite

I livelli ematici di metabolita di vitamina D sono associati con un rischio in diminuzione della gengivite di malattia di gomma, secondo un rapporto recente dal giornale americano di nutrizione clinica. Ricercatori ai dati analizzati dell'università di Boston da 6.700 non-fumatori, invecchiati 13-90+, dall'indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute.30

I ricercatori hanno analizzato i livelli ematici 25 di hydroxyvitamin D ed hanno valutato le gomme dei partecipanti affinchè la presenza di gengivite, uno stato infiammatorio segnato dal rossore e la tendenza sanguinino. I partecipanti con i livelli ematici 25 di hydroxyvitamin D erano il più minimo il probabile visualizzare i segni di gengivite. Infatti, l'associazione fra i livelli di vitamina D e l'incidenza della gengivite sono sembrato essere lineari sopra l'intera gamma di livelli ematici. Questa associazione era simile anche relativamente ad altri fattori quali il genere, i gruppi etnici e l'età.30

Gli scienziati hanno notato che la vitamina D può ridurre la suscettibilità a gengivite esercitando gli effetti antinfiammatori ed hanno postulato che la gengivite può fornire un modello clinico utile per indagine successiva negli effetti antinfiammatori della vitamina il D.30

Promozione della salute dell'osso

Uno contributi della d della vitamina di più grandi a salute sta promuovendo le forti, ossa sane. La carenza di vitamina D è associata con le malattie scheletriche caratterizzate dalle ossa deboli, quale il rachitismo in bambini e l'osteomalacia ed osteoporosi in adulti.22

La vitamina D combinata con il completamento del calcio ampiamente è conosciuta per contribuire a fare diminuire la perdita postmenopausale dell'osso ed ad impedire l'osteoporosi.31,32 ancora, la vitamina D combinata con calcio può contribuire a fare diminuire il rischio di anca e di fratture non vertebrali.32

La prevenzione di osteoporosi può cominciare ottimamente presto nella vita. In uno studio retrospettivo, i ricercatori hanno confrontato le femmine in età prepuberale che hanno ricevuto la vitamina D orale nell'infanzia a coloro che non ha fatto. Le ragazze che hanno ricevuto la vitamina D avevano aumentato significativamente la densità minerale ossea confrontata a coloro che non ha ricevuto la vitamina.33

Mentre ha pensato comunemente come a malattia femminile, l'osteoporosi colpisce gli uomini pure. L'osteoporosi e le fratture collegate sono sempre più prevalenti negli uomini ed i tassi di mortalità che seguono le fratture importanti sono più alti negli uomini che in donne.34 come con le donne, la prevenzione di osteoporosi negli uomini dovrebbe cominciare nella gioventù e continuare nell'età adulta, facendo uso della vitamina D, del completamento del calcio e dell'attività fisica. La selezione di densità ossea può essere uno strumento importante nella valutazione del rischio di osteoporosi.

Mentre l'individuazione tempestiva ed il controllo dell'osteoporosi hanno avanzato notevolmente, la maggior parte dei pazienti di osteoporosi non sono curati per la causa delle loro fratture, né sono coloro che è al massimo rischio che è disposto sui programmi medici preventivi.35 alla luce della convenienza provata della prevenzione di osteoporosi facendo uso della vitamina D, del calcio e dell'esercizio del peso-cuscinetto, questa negligenza evidente è altamente in modo allarmante. Le somme di denaro enormi sono spese sullo sviluppo farmaceutico osteoporosi-specifico e sull'introduzione sul mercato della droga, eppure milioni di Americani non ricevono letteralmente il trattamento preventivo adeguato quel centesimi di costi un il giorno.

Alleviazione del dolore osteomuscolare

I bassi livelli di vitamina D sono associati con dolore osteomuscolare persistente e non specifico, secondo i ricercatori all'università di facoltà di medicina di Minnesota. I ricercatori hanno condotto uno studio rappresentativo di 150 pazienti, invecchiato 10-65, che ha presentato ad una clinica di pronto intervento nel corso di due anni con il reclamo di dolore osteomuscolare persistente e non specifico. I livelli di hydroxyvitamin D del siero 25 sono stati analizzati per valutare lo stato di vitamina D.36

Novantatre per cento dei pazienti hanno dimostrato i livelli carenti di vitamina D e 28% sono stati considerati severamente carenti. Cinque pazienti hanno avuti livelli di vitamina D che erano troppo bassi per individuare. Specialmente la carenza severa di vitamina D è stata notata in giovani donne, in pazienti africani orientali ed in afroamericani.36

Il gruppo di ricerca ha concluso che tutti i pazienti-con noncuranza del genere o età-con dolore osteomuscolare cronico e non specifico sono ad ad alto rischio di sofferenza dalla carenza non riconosciuta di vitamina D. Poiché l'osteomalacia è una causa conosciuta di cronico, il dolore generalizzato, medici dovrebbe schermare tutti i pazienti con tali sintomi per la carenza di vitamina D.Il Dott. esperto Michael Holick di vitamina D 36 dell'università di Boston ha espresso una simile opinione, notante che la carenza di vitamina D è mal diagnosticata spesso come fibromialgia.37

NUOVE APPLICAZIONI PER LA VITAMINA D

Negli ultimi mesi, gli scienziati hanno scoperto che la vitamina D può avere applicazioni nell'impedire e nel controllo degli stati di salute numerosi, includenti:

Artrite reumatoide. Questo stato infiammatorio causa il gonfiamento, l'immobilità ed i dolori articolari. I rapporti recenti indicano che la carenza di vitamina D in adulti è associata con un rischio elevato di sviluppare l'artrite reumatoide.40

La vitamina D può anche essere uno strumento terapeutico cruciale per l'aiuto degli individui che ricevono il trattamento con corticosteroidi per l'artrite reumatoide per mantenere la massa ottimale dell'osso.41

Ipertensione. I ricercatori notano che le prove crescenti suggeriscono che la carenza di vitamina D possa aumentare il rischio di ipertensione.42 uno studio recente hanno identificato un meccanismo possibile da cui la vitamina D può sostenere la pressione sanguigna sana. I ricercatori all'università di Chicago hanno trovato che gli analoghi della vitamina D inibiscono l'espressione di renina, un ormone rene-prodotto in questione nella patogenesi di ipertensione, sia in laboratorio che negli studi sugli animali. Ciò suggerisce che la vitamina D potrebbe colpire la pressione sanguigna inibendo la renina, che gli aiuti regolano la pressione sanguigna.43

Disordini della pelle. Alcuni ricercatori ritengono quello basato sulla distribuzione dei ricevitori in tutto il corpo, vitamina D di vitamina D possono avere applicazioni terapeutiche potenziali nel controllo dei disordini numerosi della pelle, compreso cheratosi attinica, dermatite seborrheic e photoaging.44 uno delle condizioni della pelle difficile--ossequi e più importune è psoriasi, che è segnata dalle toppe di pelle che prude e a fiocchi. Sia la radiazione ultravioletta di B che l'applicazione topica dell'intervento concreto della vitamina D sono state trovate per avvantaggiare i pazienti che soffrono dalla psoriasi. Gli scienziati ritengono che le attività antiproliferative e diregolamenti di d della vitamina possano essere responsabili di questi benefici.45,46

Sindrome metabolica. Un precursore al diabete di tipo II, sindrome metabolica è associato con un rischio aumentato di malattia cardiaca. Uno studio recente che analizza i dati da più di 10.000 partecipanti ha trovato che l'ingestione dietetica aumentata della vitamina D è stata associata con un rischio in diminuzione di sviluppare la sindrome metabolica. L'assunzione del calcio inoltre ha esercitato un effetto protettivo contro la sindrome metabolica in questo studio delle donne di mezza età e più anziane.47

Colpo evitante. Uno studio recente esaminato come i livelli del siero e dell'ingestione dietetica di vitamine e di minerali hanno influenzato il rischio del colpo negli oggetti anziani. Più di 700 uomini e donne sono stati seguiti per fino a 10 anni. L'assunzione bassa della vitamina D ed i bassi livelli del siero di suo intervento concreto hanno predetto significativamente un rischio aumentato per il colpo, anche dopo registrare per ottenere i fattori come l'età, il genere e fumo.48

Impedire perdita del dente. L'assunzione abbondante della vitamina D è associata con un rischio in diminuzione di perdita del dente, secondo gli studi recenti intrapresi nel Giappone. I ricercatori hanno trovato che gli individui nei loro anni settanta con le assunzioni relativamente più alte di sicuro sostanza-compreso proteina, la vitamina D e la B vitamina-hanno dimostrato un'incidenza riduttrice dei denti mancanti confrontati alla gente che ha consumato di meno di queste sostanze nutrienti.49

Salute sostenente del polmone. La gente con i livelli elevati della vitamina D nella circolazione sanguigna dimostra la migliore funzione polmonare che le loro controparti con i più bassi livelli di vitamina D, secondo un rapporto recente. I ricercatori hanno esaminato 14.000 partecipanti ed hanno trovato che la gente con i livelli elevati di vitamina D potrebbe inalare ed esalare sostanzialmente più aria, come misurato dalla capacità vitale forzata e dal volume espiratorio forzato. Comunque avanzi gli studi sono necessario, questi risultati suggeriscono che la vitamina D potrebbe avvantaggiare i fumatori, gli asmatici ed altri con la funzione respiratoria compromessa.50

L'impedimento cade negli anziani

In adulti anziani, le cadute accadono frequentemente e sono associate con la morbosità significativa e la ricerca mortality.38 suggerisce che la vitamina D possa contribuire ad impedire queste cadute pericolose.

Gli studi rappresentativi hanno indicato che gli adulti anziani con i livelli elevati del siero della vitamina D dimostrano un numero più basso delle cadute come pure forza muscolare aumentata.39 una meta-analisi hanno trovato che il completamento di vitamina D contribuito per ridurre il rischio di caduta più di 20%.38 A dal randomizzati da, prova controllata ha trovato che tre mesi di complemento con mg 1200 di calcio e 800 IU del vitamina D3 hanno ridotto giornalmente il rischio di caduta da 49% in adulti in una struttura di assistenza geriatrica a lungo termine.39

Sicurezza

La vitamina D in genere buono è tollerata in adulti alle dosi quotidiano fino a 2000 IU, con una certa ricerca che indica che ancora i livelli elevati quotidiano fino a 10.000 IU possono essere usati sicuro senza effetti contrari.22,53 vitamine D di eccesso possono condurre ai sintomi quali la nausea, il vomito, l'appetito difficile, la costipazione e la debolezza.22 vitamine D è controindicata in individui con i livelli o l'eccesso di calcio nel sangue elevati del calcio del sangue.21 individuo con la malattia renale e la gente che usano la digossina o altre droghe del glicoside cardiaco dovrebbero consultare un medico prima di usando la vitamina supplementare il D.21

Conclusione

Considerato una volta poco più di un composto che promuove le ossa sane, vitamina D ora è riconosciuto come arma importante nella lotta contro cancro. I suoi numerosi altri effetti dipromozione comprendono la forza muscolare proteggente e la malattia autoimmune di modulazione. Lo stato d'ottimizzazione di vitamina D con il completamento e l'esposizione prudente del sole dovrebbe essere una pietra angolare di ogni programma di manutenzione di salute.

NUOVO STUDIO: GLI ADULTI PIÙ ANZIANI HANNO BISOGNO DI PIÙ VITAMINA D

per mantenere le forti ossa, bisogno che degli adulti più anziani più vitamina D che le linee guida correnti raccomandi, secondo un rapporto appena lanciato. Mentre l'istituto di medicina suggerisce quotidiano 400-600 IU della vitamina D, l'associazione delle donne mediche americane (AMWA) consiglia che tutti gli uomini e donne sopra l'età di 50 dovrebbero consumare 800-1000 IU della vitamina D ogni giorno.51

Il AMWA ha notato che la protezione solare, il vestiario di protezione e la mancanza di tempo spesa all'aperto possono contribuire adulti ai in diminuzione più anziani la sintesi del pesce di D. Fatty della vitamina ed il latte o il succo fortificato può fornire le fonti dietetiche di vitamina D, sebbene le fonti supplementari potessero essere il modo più facile affinchè gli Americani amplificassero il loro consumo di vitamina D.51

Mentre il calcio tradizionalmente è stato considerato la chiave a promuovere la forza dell'osso, gli studi recenti suggeriscono che assunzione ed esercizio di vitamina D possa essere niente di meno importante nell'impedire l'osteoporosi.51,52 infatti, uno studio ha pubblicato l'anno scorso dimostrato che i livelli del siero di vitamina D, piuttosto che l'assunzione dietetica del calcio, sono stati collegati il più intimamente con l'equilibrio ottimale del calcio nel corpo, come misurato dall'ormone del paratiroide del siero.52

I pazienti dovrebbero consultare i loro medici personali per determinare quanta vitamina D i migliori supporti la loro salute unica ha bisogno.

Riferimenti

1. WB di Grant, Holick MF. Benefici e requisiti della vitamina D di salute ottimale: una rassegna. Altern Med Rev. 2005 giugno; 10(2):94-111.

2. van den Bemd GJ, Chang GT. Vitamina D ed analoghi di vitamina D nel trattamento del cancro. Obiettivi della droga di Curr. 2002 febbraio; 3(1): 85-94.

3. Disponibile a: http://ww.cdc.gov/cancer/colorctl/colorect.htm. 17 novembre 2005 raggiunto.

4. CF di Gorham ED, della ghirlanda, ghirlanda FC, et al. vitamina D e prevenzione di cancro colorettale. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2005 ottobre; 97 (1-2): 179-94.

5. Giovannucci E. L'epidemiologia della vitamina D e del cancro colorettale: risultati recenti. Curr Opin Gastroenterol. 2006 gennaio; 22(1): 24-9.

6. Hartman TJ, Albert PS, Snyder K, et al. L'associazione di calcio e della vitamina D con il rischio di adenomi colorettali. J Nutr. 2005 febbraio; 135(2): 252-9.

7. Vijayakumar S, Mehta RR, Boerner PS, Packianathan S, Mehta RG. Test clinici che comprendono gli analoghi di vitamina D nel carcinoma della prostata. Cancro J. 2005 settembre-ottobre; 11(5): 362-73.

8. Lou anno, Qiao S, Talonpoika R, Syvala H, Tuohimaa P. Il ruolo del metabolismo di vitamina D3 nel carcinoma della prostata. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2004 novembre; 92(4): 317-25.

9. EM di John, GG di Schwartz, Koo J, Van Den BD, Ingles SA. Esponga al sole l'esposizione, i polimorfismi del gene del ricevitore di vitamina D ed il rischio di carcinoma della prostata avanzato. Ricerca del Cancro. 15 giugno 2005; 65(12): 5470-9.

10. Corteggi il TC, Choo la R, Jamieson la m., Chander la S, studio pilota di Vieth R.: ruolo potenziale della vitamina D (colecalciferolo) in pazienti con la ricaduta di PSA dopo la terapia definitiva. Cancro di Nutr. 2005;51(1):32-6.

11. van Veldhuizen PJ, Taylor SA, Williamson S, BM di Drees. Il trattamento della carenza di vitamina D in pazienti con carcinoma della prostata metastatico può migliorare l'osteoalgia e la forza muscolare. J Urol. 2000 gennaio; 163(1): 187-90.

12. Dihydroxyvitamin 25 e 1,25 di Bertone-Johnson ER, di Chen WY, di Holick MF, et al. hydroxyvitamin D dei plasmi D e rischio di cancro al seno. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2005 agosto; 14(8): 1991-7.

13. Berube S, Diorio C, Verhoek-Oftedahl W, vitamina D di Brisson J., calcio e densità mamografiche del seno. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2004 settembre; 13(9): 1466-72.

14. JUNIOR di Cerhan, TUM dei venditori, componenti perinatale di Janney CA, et al. prenatale e di densità mamografica adulta del seno. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2005 giugno; 14(6): 1502-8.

15. Zhou W, Suk R, Liu G, et al. vitamina D è associato con la sopravvivenza imrpoved nei non piccoli malati di cancro del polmone delle cellule della fase iniziale. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2005 ottobre; 14(10): 2303-9.

16. Nakagawa K, Kawaura A, Kato S, Takeda E, alfa di Okano T. 1, 25-Dihydroxyvitamin D (3) è un fattore preventivo nella metastasi del cancro polmonare. Carcinogenesi. 2005 febbraio; 26(2): 429-40.

17. Tagliatrice MJ. I ruoli delle vitamine D e K nella salute dell'osso e nella prevenzione di osteoporosi. Soc di Proc Nutr. 1997 novembre; 56(3): 915-37.

18. Gesensway D. Vitamin D. Ann Intern Med. 2000 15 agosto; 133(4): 319-20.

19. Holick MF. Luce solare e vitamina D: entrambi i buoni per salute cardiovascolare. J Gen Intern Med. 2002 settembre; 17(9): 733-5.

20. Giovannucci E. L'epidemiologia della vitamina D ed incidenza e mortalità del cancro: una rassegna (Stati Uniti). Il Cancro causa il controllo. 2005 marzo; 16(2): 83-95.

21. Disponibile a: http://www.pdrhealth.com/ drug_info/nmdrugprofiles/nutsupdrugs/vit_0265.shtml. 17 novembre 2005 raggiunto.

22. Disponibile a: http://ods.od.nih.gov/factsheets/vitamind.asp. 17 novembre 2005 raggiunto.

23. GM di Franklin, fattori di rischio di Nelson L. Environmental nella sclerosi a placche: cause, inneschi ed autonomia del paziente. Neurologia. 28 ottobre 2003; 61(8): 1032-4.

24. CE di Hayes, la TA di Cantorna, HF di DeLuca. Vitamina D e sclerosi a placche. Med di biol di Proc Soc Exp. 1997 ottobre; 216(1): 21-7.

25. Chaudhuri A. Perché dovremmo offrire il completamento sistematico di vitamina D nella gravidanza e nell'infanzia per impedire la sclerosi a placche. Med Hypotheses. 2005;64(3):608-18.

26. BM di VanAmerongen, CD di Dijkstra, labbra P, Polman CH. Sclerosi a placche e vitamina D: un aggiornamento. EUR J Clin Nutr. 2004 agosto; 58(8): 1095-109.

27. Hypponen E. Micronutrients ed il rischio del diabete di tipo 1: vitamina D, vitamina E e nicotinammide. Rev. 2004 di Nutr settembre; 62(9): 340-7.

28. Gysemans CA, Cardozo AK, Callewaert H, et al. 1,25-Dihydroxyvitamin D3 modula l'espressione dei chemokines e delle citochine in isolotti pancreatici: implicazioni per la prevenzione di diabete in topi diabetici nonobese. Endocrinologia. 2005 aprile; 146(4): 1956-64.

29. Hypponen E, Laara E, Reunanen A, SIG. di Jarvelin, Virtanen MP. Assunzione della vitamina D e rischio di diabete di tipo 1: uno studio del nascita-gruppo. Lancetta. 3 novembre 2001; 358(9292): 1500-3.

30. Dietrich T, Nunn m., wson-Hughes B, Bischoff-Ferrari ha. Associazione fra le concentrazioni nel siero 25 del hydroxyvitamin D e l'infiammazione gengivale. J Clin Nutr. 2005 settembre; 82(3): 575-80.

31. Anon. Bollettino di pratica di ACOG. Linee guida cliniche della gestione per i ostetrico-ginecologi. Numero 50, gennaio 2003. Obstet Gynecol. 2004 gennaio; 103(1): 203-16.

32. Bischoff-Ferrari ha, WC di Willett, Wong JB, et al. prevenzione di frattura con il completamento di vitamina D: una meta-analisi delle prove controllate randomizzate. JAMA. 11 maggio 2005; 293(18): 2257-64.

33. Zamora SA, Rizzoli R, CC di Belli, Slosman FA, Bonjour JP. Il completamento di vitamina D durante l'infanzia è associato con il più alta massa del minerale dell'osso in ragazze prepuberali. J Clin Endocrinol Metab. 1999 dicembre; 84(12): 4541-4.

34. Faraawi R. Osteoporosis in uomini. Med J. 2005 della saudita aprile; 26(4): 519-23.

35. Heaney RP. Avanzamenti nella terapia per osteoporosi. Clin Med Res. 2003 aprile; 1(2): 93-9.

36. Plotnikoff GA, Quigley JM. Prevalenza della ipovitaminosi severa D in pazienti con dolore osteomuscolare persistente e non specifico. Mayo Clin Proc. 2003 dicembre; 78(12): 1463-70.

37. Holick MF. Vitamina D: importanza nella prevenzione dei cancri, del diabete di tipo 1, della malattia cardiaca e dell'osteoporosi. J Clin Nutr. 2004 marzo; 79(3): 362-71.

38. Bischoff-Ferrari ha, wson-Hughes B, WC di Willett, et al. effetto della vitamina D sulle cadute: una meta-analisi. JAMA. 28 aprile 2004; 291(16): 1999-2006.

39. HB di Bischoff ha, di Stahelin, Dick W, et al. effetti della vitamina D e completamento del calcio sulle cadute: una prova controllata randomizzata. Minatore Res dell'osso di J. 2003 febbraio; 18(2): 343-51.

40. Holick MF. Vitamina D: importante per la prevenzione di osteoporosi, della malattia cardiaca cardiovascolare, del diabete di tipo 1, delle malattie autoimmuni e di alcuni cancri. Med del sud J. 2005 ottobre; 98(10): 1024-7.

41. Miggiano GA, Gagliardi L. Diet, nutrizione ed artrite reumatoide. Clin Ter. 2005 maggio-giugno; 156(3): 115-23.

42. Holick MF. L'epidemia di vitamina D e le sue conseguenze di salute. J Nutr. 2005 novembre; 135(11): 2739S-48S.

43. Qiao G, Kong J, Uskokovic m., Li YC. Analoghi di 1alpha, 25-dihydroxyvitamin D (3) come inibitori novelli della biosintesi della renina. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2005 giugno; 96(1): 59-66.

44. Nagpal S, Na S, azioni di Rathnachalam R. Noncalcemic dei leganti del ricevitore di vitamina D. Rev. 2005 di Endocr agosto; 26(5): 662-87.

45. Lehmann B. La via di vitamina D3 in pelle umana ed il suo ruolo per il regolamento dei processi biologici. Photochem Photobiol. 1° febbraio 2005.

46. Wolters M. Diet e psoriasi: dati sperimentali e prova clinica. Br J Dermatol. 2005 ottobre; 153(4): 706-14.

47. Liu S, Sonh Y, Ford es, Manson JE, seppellente JE, Ridker PM. Calcio dietetico, vitamina D e la prevalenza della sindrome metabolica nelle donne di mezza età e più anziane degli Stati Uniti. Cura del diabete. 2005 dicembre; 28(12): 2926-32.

48. Marniemi J, Alanen E, Impivaara O, et al. dietetico e vitamine e minerali del siero come i preannunciatori di infarto miocardico e colpo negli oggetti anziani. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2005 giugno; 15(3): 188-97.

49. Yoshihara A, Watanabe R, Nishimuta m., Hanada N, Miyazaki H. La relazione fra ingestione dietetica ed il numero dei denti negli oggetti giapponesi anziani. Gerodontology. 2005 dicembre; 22(4): 211-8.

50. Disponibile a: notizie/newsArticleSearch.aspx di http://today.reuters.co.uk/? storyID=259205+12- dicembre 2005 +RTRS&srch=vitamin+d. 13 dicembre 2005 raggiunto.

51. Disponibile a: ttp://today.reuters.co.uk/news/newsArticle.aspx?type=healthNews&storyID=2005-11-17T050400Z_01_ CC718202_RTRIDST_0_HEALTH-VITAMIN-DC.XML. 17 novembre 2005 raggiunto.

52. Steingrimsdottir L, Gunnarsson O, OS di Indridason, Franzson L, Sigurdsson G. Relationship fra i livelli di ormone del siero, la sufficienza di vitamina D e l'assunzione paratiroidali del calcio. JAMA. 9 novembre 2005; 294(18): 2336-41.

53. Completamento di vitamina D di Vieth R., 25 concentrazioni di hydroxyvitamin D e sicurezza. J Clin Nutr. 1999 maggio; 69(5): 842-56.