Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine maggio 2006
immagine

La nuova analisi del sangue migliore predice il rischio di attacco di cuore

Da William Davis, MD, FACC

Proteina C-reattiva

L'infiammazione è combustibile per il fuoco che quella conduce alla rottura coronaria della placca, con conseguente attacco di cuore. L'infiammazione può anche contribuire ad altre malattie, quali il diabete, il cancro e l'artrite. Una serie di proteine circolano nel sangue, segnalante gli stati intensificati di infiammazione. Studiato il più clinicamente di questi è proteina C-reattiva (CRP).

Il Dott. Paul Ridker dell'università di Harvard è la prima autorità della nazione su CRP. Ha dimostrato che i livelli elevati di CRP aumentano il rischio di attacco di cuore triplo, anche quando il livello di LDL è basso. Quando CRP elevato si presenta nella società di piccola dimensione delle particelle di LDL, molto un ad alto rischio per attacco di cuore può sviluppare-un il rischio che è maggior sestuplo.17

Gli scienziati hanno sviluppato un modo misurare CRP, chiamato “la alto-sensibilità„ CRP, che può individuare i bassi livelli di infiammazione. Mentre i livelli altamente elevati quasi sempre rappresentano l'infiammazione fuori del cuore (per esempio, artrite) e non dovrebbero essere usati per pronosticare il rischio coronario, i livelli modestamente elevati possono essere usati per misurare l'infiammazione di qualità inferiore che contribuisce alla rottura coronaria della placca.

Le scelte sane di stile di vita, quale grasso saturo di limitazione, scegliendo gli alimenti di basso glycemic indice ed impegnandosi nell'esercizio regolare, sono il migliore modo abbassare CRP. L'olio di pesce può essere un'aggiunta utile nel vostro programma per spegnere l'infiammazione e l'abbassamento del CRP.44 agenti di prescrizione come il colesterolo drogano il ezetimibe (Zetia®) ed i farmaci Actos® e Avandia® del diabete possono abbassare CRP. Aspirin abbassa modestamente CRP,45 come fa l'alfa tocoferolo (vitamina E).46 a composti basati a pianta hanno chiamato i flavonoidi, compreso i polifenoli dell'olio d'oliva, stanno emergendo come potenzialmente fattori importanti nell'abbassamento l'infiammazione e dei livelli di CRP, sebbene l'indagine successiva fosse autorizzata.46,47

Fibrinogeno

Il nostro sangue mantiene un equilibrio rischioso fra potere scorrere liberamente nei più piccoli capillari ed essere capace di coagulazione in risposta alla lesione. Le proteine di coagulazione che circolano nell'aiuto del sangue mantengono questo equilibrio. Il fibrinogeno è una proteina di coagulazione principale. Con la stimolazione appropriata (lesione o sforzo), il fibrinogeno è modificato per formare una più piccola proteina chiamata fibrina. Migliaia di fili di fibrina si accumulano ad un sito di lesione per formare un coagulo di sangue.

Quando i maggiori livelli ematici di fibrinogeno sono presenti, l'equilibrio è fornito di punta a favore di formazione del coagulo di sangue, anche quando non può essere appropriato. Ciò può accadere, per esempio, al sito di una placca coronaria rotta. La superficie danneggiata della placca induce il fibrinogeno ad essere convertita in fibrina, formante un coagulo di sangue, che può provocare l'attacco di cuore. Il fibrinogeno può anche promuovere la crescita aterosclerotica della placca, anche senza formazione del coagulo di sangue. I livelli elevati del fibrinogeno sono associati con un rischio aumentato di attacco di cuore.48-50

Lo stile di vita americano moderno delle occupazioni sedentarie e di eccessiva assunzione degli alimenti ad alta percentuale di grassi e degli amidi raffinati aumenta il fibrinogeno. L'estrogeno solleva i livelli del fibrinogeno, che possono rappresentare alcuna della tendenza aumentata di coagulazione del sangue osservata con la sostituzione dell'estrogeno.

L'olio di pesce alle dosi di 3000 mg o di maggior quotidiano fa un buon lavoro di abbassamento del fibrinogeno.L'associazione 51 questo con i ricchi di una dieta in verdure e fibra verdi, in basso in saturato in e grasso idrogenato e l'attività fisica ed i livelli del fibrinogeno cadono solitamente in una gamma favorevole. Per la persona occasionale che richiede lo sforzo più intensivo, la classe acida fibric di droghe, particolarmente fenofibrato, può abbassare il fibrinogeno da 15-40%. La niacina inoltre aiuta abbassando il fibrinogeno da 10-30%.52

SUPPLEMENTI NUTRIZIONALI QUEL NUMERO PIÙ BASSO DELLA PARTICELLA DI LDL
  • Crusca d'avena, seme di lino a terra, o seme dello psyllium di messa a terra: 2 cucchiai da tavola/giorno. La crusca d'avena ed il seme di lino sono il più versatile, le grande in cereale caldo o aggiunto ai frullati della frutta o del yogurt.53-56
  • Mandorle, noci, o pecan crudi: 1/4-1/2 tazza/giorno.39
  • Polvere della proteina di soia: 3 cucchiai da tavola (gm 25) di /day di questo supplemento hanno aggiunto a yogurt o i frullati della frutta è fra i metodi nutrizionali più efficaci per l'abbassamento del numero della particella di LDL, sopprimendo la produzione del fegato di colesterolo.Altre 54 fonti convenienti di proteina di soia includono il formaggio della soia, la povera di carboidrati pasta ed il latte di soia.
  • Stanol/esteri dello sterolo: trovato in alcuni sostituti del burro e prodotti fortificati del succo d'arancia.54
  • Fagioli: Lima, Spagnolo, il nero, rosso, ecc.: 1/2-1 tazza/giorno.55
  • Chitosano: mg 1200 al giorno abbassa il livello vicino intorno 10%. 57,58di LDL
  • Pectina: le scorze degli agrumi possono essere un'efficace aggiunta per l'abbassamento del colesterolo.La pectina 59 può anche essere presa come supplemento.
  • Glucomannan: questa fibra dalla radice konjac fa diminuire il livello vicino intorno 10% di LDL, mentre abbassa la glicemia e promuovendo la perdita di peso fornendo una sensibilità della pienezza.58 una dose di mg 1500 prima che i pasti funzioni bene e dovrebbero essere consumati con abbondanza dell'acqua, poiché è altamente assorbente l'acqua.

How and When ottenere queste prove

Se già siete stato diagnosticato con la malattia coronaria o vascolare, o avete una storia di attacco di cuore, dello stent coronario, dell'angioplastica, o dell'intervento di bypass, il vostro medico può non riuscire ad identificare molte delle cause fondamentali del vostro stato. Scoprire le cause nascoste della vostra malattia cardiaca può fare una differenza profonda al vostro futuro. Dopo tutto, come può un efficace programma di prevenzione essere inventato senza identificare tutte le cause della vostra malattia cardiaca? Non è insolito affinchè la valutazione della lipoproteina identifichi tre, quattro, o cinque fattori di rischio della malattia cardiaca. Le buone notizie sono che questi informazioni possono aiutare voi ed il vostro medico ad implementare i nuovi trattamenti per ridurre completamente il vostro rischio.

Se non avete conosciuto la malattia cardiaca ma pensare che siete al rischio alto- — dovuto storia della famiglia della malattia, il diabete in voi stesso o la vostra famiglia, essendo di peso eccessivo o obeso, o avendo le anomalie significative del trigliceride o del colesterolo identificate-forte considerano la prova della lipoproteina di fare più luce sulle dimensioni dei vostri fattori di rischio. Le migliori informazioni possono significare la prevenzione più efficace e migliorare così la salute. Lo stesso consiglio si applica se una ricerca del cuore di tomografia computerizzata (CT) ha rivelato che soffrite dalla calcificazione arteriosa.

Anche se siete interessato semplicemente circa il rischio della malattia cardiaca, potreste considerare la prova della lipoproteina. Il tiraggio del sangue è non differente che quello per un pannello del colesterolo ed è eseguito a virtualmente nessun rischio per voi.

Riconoscente, sempre più i medici stanno riconoscendo le carenze della valutazione convenzionale del lipido e si sono girati verso prova della lipoproteina per le migliori risposte. I laboratori intorno al paese ora stanno offrendo la prova avanzata della lipoproteina. Il prolungamento della vita ora offre il profilo automatico verticale, o VAP™, metodo di prova avanzata della lipoproteina.

Conclusione

La prova avanzata della lipoproteina può contribuire a fornire la grande comprensione nei vostri rischi per la malattia cardiaca, il materiale da otturazione le carenze meravigliate del colesterolo della corrente principale o la prova del lipido. Le informazioni superiori fornite da prova della lipoproteina possono aiutare voi ed il vostro medico ad inventare un efficace programma per impedire gli attacchi di cuore futuri.

Se avete una storia della famiglia della malattia cardiaca, dell'ipertensione, del diabete, o di qualsiasi misura di placca coronaria, dovreste considerare forte la prova della lipoproteina. Se avete avuto già malattia coronarica diagnosticare-che è, se avete avuto un attacco di cuore, l'angina, o una procedura del cuore come prova coronaria della lipoproteina della chirurgia-poi di esclusione o di angioplastica può essere una parte cruciale del vostro programma per impedire le catastrofi cardiache future, specialmente se la prova convenzionale del lipido non è riuscito a segnare la causa con esattezza della vostra malattia.

INDICE GLYCEMIC: UN FATTORE IMPORTANTE QUANDO LA DIMENSIONE DELLE PARTICELLE DELLA LIPOPROTEINA CONTA

Essere informato dei valori di glycemic-indice degli alimenti differenti è molto importante quando avete piccole particelle di LDL, totale basso HDL, grande HDL carente, o trigliceridi aumentati o VLDL. Ciò significa la scelta degli alimenti che liberano lentamente gli zuccheri, un effetto che può contribuire a migliorare tutti questi fattori di rischio. Le punte brusche nell'aiuto del rilascio dello zucchero creano queste anomalie e conducono sia alla crescita coronaria che al diabete della placca. Al contrario, gli alimenti che liberano lentamente gli zuccheri o contengono poco o nessuno zucchero possono aiutare corretto questi modelli.60,61

L'indice glycemic è calcolato confrontando la capacità di un alimento di alzare la glicemia a quella dello zucchero di tavola bianco o del pane bianco, due alimenti che sono trasformati dall'ente come lo zucchero puro. L'altezza del picco della glicemia poi è misurata. Un indice glycemic di 100 sarebbe uguale nelle proprietà del zucchero-rilascio allo zucchero o al pane bianco; un indice inferiore a 100 significherebbe meno rilascio dello zucchero. Generalmente le proteine ed i grassi hanno valori di indice glycemic più bassi, mentre i carboidrati e gli alimenti raffinati hanno più alti valori.

I carboidrati sono un problema potenziale per controllo glycemic di indice. Gli alimenti trasformati gradiscono i cereali da prima colazione, il pane bianco, altri prodotti della farina bianca ed i dolci sono chiaramente i colpevoli peggiori, causanti le grandi punte in glicemia dopo l'ingestione. Le fonti desiderabili del carboidrato con gli indici glycemic più bassi includono gli alimenti che contenente l'avena, intere frutta e verdure (la polpa e lo zucchero lento della fibra liberano, a differenza dei loro succhi) ed i fagioli.

Gli oli sani, come canola, oliva e oli di semi di lino, rallentano l'effetto del zucchero-rilascio di altri alimenti. Gli alimenti ricchi di fibra, quale crusca d'avena, interi grani e dadi crudi (mandorle, noci, pecan), tendono a rallentare il rilascio dello zucchero. I supplementi che contengono fibre glucomannan ed altre sono molto viscosi, che rallenta il rilascio dello zucchero ed inoltre promuove la sazietà, perdita di peso quindi sostenente.

Un sito Web diretto dall'università di Sydney (www.glycemicindex.com) ha una base di dati esplorabile eccellente che permette che registriate l'alimento in questione ed otteniate il suo indice glycemic. Il Dott. Jennie Brand-Miller ha pubblicato estesamente sull'indice glycemic e le tavole di indice glycemic complete generate tramite la sua ricerca sono inoltre disponibili in suo libro la rivoluzione del glucosio (Marlowe e Company, 1999).

Il Dott. William Davis è un autore, un conferenziere e una messa a fuoco di pratica del cardiologo sulla regressione della malattia coronarica. È autore del libro, segue la vostra placca: Il solo programma di prevenzione della malattia cardiaca che vi mostra che come usare il nuovo cuore esplora per individuare, seguire e controllare placca coronaria. Può essere contattato con www.trackyourplaque.com.

Riferimenti

1. SIG. di legge, Wald NJ. Soglie di fattore di rischio: la loro esistenza nell'ambito dell'esame accurato. BMJ. 29 giugno 2002; 324(7353): 1570-6.

2. KO di Akosah, Schaper A, Cogbill C, infarto miocardico di Schoenfeld P. Preventing nel giovane adulto in primo luogo: come le linee guida nazionali del pannello III di istruzione del colesterolo eseguono? J Coll Cardiol. 7 maggio 2003; 41(9): 1475-9.

3. Previsione di Sharrett AR, di Ballantyne cm, Coady SA, et al. della coronaropatia dai livelli di colesterolo della lipoproteina, trigliceridi, lipoproteina (a), apolipoproteine A-I e subfractions di densità di HDL e di B: Il rischio di aterosclerosi nello studio delle Comunità (ARIC). Circolazione. 4 settembre 2001; 104(10): 1108-113.

4. Stamler J, Wentworth D, Neaton JD. È la relazione fra il colesterolo nel siero ed il rischio di morte prematura dalla coronaropatia continua e classificata? Risultati in 356.222 screenees primari della prova multipla di intervento di fattore di rischio (MRFIT). JAMA. 28 novembre 1986; 256(20): 2823-8.

5. Castelli WP, Anderson K, Wilson PW, Levy D. Lipids e rischio di coronaropatia. Lo studio di Framingham. Ann Epidemiol. 1992 gennaio; 2 (1-2): 23-8.

6. ANNUNCIO di Sniderman, Pedersen T, lipoproteine a bassa densità di Kjekshus J. Putting alla tappa centrale nel atherogenesis. J Cardiol. 1° gennaio 1997; 79(1): 64-7.

7. Cheung MC, Brown BG, CA del lupo, Albers JJ. Distribuzione di dimensione delle particelle alterata delle lipoproteine Un-IO-contenenti dell'apolipoproteina negli oggetti con la coronaropatia. Ricerca del lipido di J. 1991 marzo; 32(3): 383-94.

8. Lamarche B, Despres JP, Moorjani S, et al. prevalenza dei fenotipi dyslipidemic nella malattia cardiaca ischemica (risultati futuri dallo studio cardiovascolare della Quebec). J Cardiol. 15 giugno 1995; 75(17): 1189-95.

9. Walldius G, Jungner I, Holme I, et al. alta apolipoproteina B, apolipoproteina bassa A-I e miglioramento nella previsione di infarto miocardico mortale (studio di AMORIS): uno studio prospettivo. Lancetta. 15 dicembre 2001; 358(9298): 2026-33.

10. van Lennep JE, GH di Westerveld, van Lennep HW, et al. concentrazioni nell'apolipoproteina durante il trattamento e gli eventi ricorrenti della coronaropatia. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2000 novembre; 20(11): 2408-13.

11. Gotto, Jr., Whitney E, Stein ea, et al. relazione fra la linea di base ed i parametri del lipido di su trattamento e primi eventi coronari importanti acuti nell'aeronautica/Texas Coronary Atherosclerosis Prevention Study (AFCAPS/TexCAPS). Circolazione. 2000 8 febbraio; 101(5): 477-84.

12. CA di St Pierre, Ruel IL, Cantin B, et al. confronto di varie caratteristiche elettroforetiche delle particelle di LDL e la loro relazione al rischio di malattia cardiaca ischemica. Circolazione. 6 novembre 2001; 104(19): 2295-9.

13. Kwiterovich PO, rilevanza clinica del Jr. dei fattori biochimici, metabolici e genetici che influenzano l'eterogeneità della lipoproteina a bassa densità. J Cardiol. 17 ottobre 2002; 90 (8A): 30i-47i.

14. Lamarche B, Tchernof A, Moorjani S, et al. piccole, particelle dense della lipoproteina a bassa densità come preannunciatore del rischio di malattia cardiaca ischemica in uomini. Risultati futuri dallo studio cardiovascolare della Quebec. Circolazione. 7 gennaio 1997; 95(1): 69-75.

15. de Bruin TW. Metabolismo dei lipidi. Curr Opin Lipidol. 1998 giugno; 9(3): 275-8.

16. RM di Krauss. Effetti dietetici e genetici su eterogeneità di LDL. Rev Nutr Diet del mondo. 2001;89:12-22.

17. Il CA di St Pierre, Bergeron J, Pirro la m., et al. effetto della proteina C-reattiva del plasma livella nella modulazione del rischio di coronaropatia connesso con le piccole, lipoproteine dense e a bassa densità negli uomini (lo studio cardiovascolare della Quebec). J Cardiol. 1° marzo 2003; 91(5): 555-8.

18. Morgan JM, Carey cm, Lincoff A, Capuzzi dm. Gli effetti di niacina su distribuzione della sottoclasse della lipoproteina. Prev Cardiol. 2004;7(4):182-7.

19. JUNIOR di Guyton, CA di Goldberg, RA di Kreisberg, et al. efficacia di dosaggio una volta-di notte della niacina del esteso-rilascio da solo e in associazione per ipercolesterolemia. J Cardiol. 15 settembre 1998; 82(6): 737-43.

20. ORA di Superko. Esercizio e metabolismo della lipoproteina. Rischio di J Cardiovasc. 1995 agosto; 2(4): 310-5.

21. Berneis KK, RM di Krauss. Origini metaboliche e significato clinico di eterogeneità di LDL. Ricerca del lipido di J. 2002 settembre; 43(9): 1363-79.

22. Il BM di Davy, Davy KP, RC noioso, et al. cereale dell'avena della Alto-fibra rispetto al consumo del cereale del grano altera favorevole i numeri della sottoclasse e della particella del colesterolo LDL in uomini di mezza età e più anziani. J Clin Nutr. 2002 agosto; 76(2): 351-8.

23. SEDERE del grifone. L'effetto degli acidi grassi n-3 sui subfractions della lipoproteina di densità bassa. Lipidi. 2001; 36 SupplS91-7.

24. Gordon DJ, BM di Rifkind. Implicazioni cliniche della lipoproteina- ad alta densità degli studi recenti. Med di N Inghilterra J. 9 novembre 1989; 321(19): 1311-6.

25. Ne di Miller. Associazioni delle sottoclassi e delle apolipoproteine della lipoproteina ad alta densità con la malattia cardiaca ischemica e l'aterosclerosi coronaria. Cuore J. 1987 di febbraio; 113 (2 pinte 2): 589-97.

26. Syvanne m., Ahola m., Lahdenpera S, et al. subfractions della lipoproteina ad alta densità in diabeti melliti non insulino-dipendenti e coronaropatia. Ricerca del lipido di J. 1995 marzo; 36(3): 573-82.

27. LA di Johansson J, di Carlson, lipoproteine ad alta densità di Landou C, di Hamsten A. ed aterosclerosi coronaria. Una forte relazione inversa con le più grandi particelle è limitata ai pazienti normotriglyceridemic. Arterioscler Thromb. 1991 gennaio; 11(1): 174-82.

28. Baie H. Existing e terapia farmacologica d'investigazione di combinazione per il colesterolo della lipoproteina ad alta densità. J Cardiol. 20 novembre 2002; 90 (10B): 30K-43K.

29. Thomas TR, Smith BK, Donahue OM, et al. effetti del completamento e dell'esercizio dell'acido grasso omega-3 sui subfractions della lipoproteina ad alta densità e della lipoproteina a bassa densità. Metabolismo. 2004 giugno; 53(6): 749-54.

30. Tsunoda F, Koba S, Hirano T, et al. associazione fra la piccola lipoproteina a bassa densità densa e l'accumulazione postprandiale delle particelle del tipo di resto ricche di trigliceride in pazienti normotriglyceridemic con infarto miocardico. Circ J. 2004 dicembre; 68(12): 1165-72.

31. Chung BH, Cho BH, Liang P, et al. contributo del lipemia postprandiale ai cambiamenti grasso-mediati dietetici nelle concentrazioni endogene nel lipoproteina-colesterolo in esseri umani. J Clin Nutr. 2004 novembre; 80(5): 1145-58.

32. Rivellese aa, Maffettone A, Vessby B, et al. effetti saturata di dietetica, monoinsaturo e di acidi grassi n-3 sulle lipoproteine a digiuno, sulla dimensione di LDL e sul metabolismo dei lipidi postprandiale negli individui sani. Aterosclerosi. 2003 marzo; 167(1): 149-58.

33. Otvos J. Measurement delle lipoproteine ricche di trigliceride dalla spettroscopia a risonanza magnetica nucleare. Clin Cardiol. 1999 giugno; 22 (6 supplementi): II21-7.

34. DB di Zilversmit. Natura di Atherogenic dei trigliceridi, del lipidemia postprandiale e delle lipoproteine ricche di trigliceride del resto. Clin chim. 1995 gennaio; 41(1): 153-8.

35. CC di Chan, Barrett HP, watt di GF. Dislipidemia nell'obesità viscerale: meccanismi, implicazioni e terapia. Droghe di J Cardiovasc. 2004;4(4):227-46.

36. Berglund L, Ramakrishnan R. Lipoprotein (a): un fattore di rischio cardiovascolare evasivo. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2004 dicembre; 24(12): 2219-26.

37. Maher VM, Brown BG, Marcovina MP, et al. effetti di abbassamento del colesterolo elevato di LDL sul rischio cardiovascolare di lipoproteina (a). JAMA. 13 dicembre 1995; 274(22): 1771-4.

38. Il CR di Sirtori, Calabresi la L, Ferrara la S, et al. L-carnitina riduce i livelli della lipoproteina del plasma (a) in pazienti con l'iper LP (a). Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2000 ottobre; 10(5): 247-51.

39. Jenkins DJ, Kendall CW, Marchie A, et al. reazione al dosaggio delle mandorle sui fattori di rischio della coronaropatia: lipidi del sangue, lipoproteine a bassa densità ossidate, lipoproteina (a), omocisteina e ossido di azoto polmonare: un randomizzato, controllato, prova dell'incrocio. Circolazione. 10 settembre 2002; 106(11): 1327-32.

40. Marcovina MP, Koschinsky ml, Albers JJ, Skarlatos S. Report del cuore, del polmone e del gruppo di lavoro nazionali dell'istituto del sangue sulla lipoproteina (a) e sulla malattia cardiovascolare: avanzamenti recenti ed orientamenti futuri. Clin chim. 2003 novembre; 49(11): 1785-96.

41. Berglund L. Diet e terapia farmacologica per la lipoproteina (a). Curr Opin Lipidol. 1995 febbraio; 6(1): 48-56.

42. Anon. Omocisteina e rischio di malattia cardiaca e di colpo ischemici: una meta-analisi. JAMA. 23 ottobre 2002; 288(16): 2015-22.

43. Refsum H, Ueland PM, Nygard O, Se di Vollset. Omocisteina e malattia cardiovascolare. Annu Rev Med. 1998;49:31-62.

44. Ciubotaru I, Lee YS, vaga RC. L'olio di pesce dietetico fa diminuire la proteina C-reattiva, interleukin-6 ed il triacilglicerolo al rapporto del HDL-colesterolo in donne postmenopausali sulla terapia ormonale sostitutiva. Biochimica di J Nutr. 2003 settembre; 14(9): 513-21.

45. Fredrikson GN, Hedblad B, Nilsson JA, et al. associazione fra la dieta, stile di vita, fattori di rischio cardiovascolari metabolici e livelli C-reattivi della proteina del plasma. Metabolismo. 2004 novembre; 53(11): 1436-42.

46. Patrick L, malattia cardiovascolare di Uzick M.: proteina C-reattiva ed il paradigma di malattia infiammatoria: Inibitori della riduttasi HMG-CoA, alfa-tocoferolo, riso rosso del lievito e polifenoli dell'olio d'oliva. Una rassegna della letteratura. Altern Med Rev. 2001 giugno; 6(3): 248-71.

47. "phillips" T, CA di Childs, Dreon dm, Phinney S, Leeuwenburgh C. Un integratore alimentare attenua IL-6 e CRP dopo l'esercizio eccentrico in maschi non addestrati. Med Sci Sports Exerc. 2003 dicembre; 35(12): 2032-7.

48. Chambless LE, Folsom AR, Sharrett AR, et al. previsione di rischio della coronaropatia nel rischio di aterosclerosi nelle Comunità (ARIC) studia. J Clin Epidemiol. 2003 settembre; 56(9): 880-90.

49. Koenig W. Fibrin (ogen) nella malattia cardiovascolare: un aggiornamento. Thromb Haemost. 2003 aprile; 89(4): 601-9.

50. Palmieri V, Celentano A, MJ romano, et al. relazione di fibrinogeno agli eventi cardiovascolari è indipendente dalla malattia cardiovascolare preclinica: il forte studio del cuore. Cuore J. 2003 di marzo; 145(3): 467-74.

51. Vanschoonbeek K, Feijge mA, Paquay m., et al. effetto hypocoagulant variabile dell'assunzione dell'olio di pesce in esseri umani: modulazione del livello del fibrinogeno e della generazione della trombina. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2004 settembre; 24(9): 1734-40.

52. de Maat MP. Effetti della dieta, delle droghe e dei geni sui livelli del fibrinogeno del plasma. Ann NY Acad Sci. 2001;936:509-21.

53. L'iceberg A, Konig D, Deibert P, et al. effetto di una crusca d'avena ha arricchito la dieta sul profilo atherogenic del lipido in pazienti con un rischio aumentato della coronaropatia. Uno studio randomizzato controllato di intervento di stile di vita. Ann Nutr Metab. 2003;47(6):306-11.

54. Kerckhoffs DA, Brouns F, Hornstra G, Mensink RP. Effetti sul profilo umano della lipoproteina del siero del beta-glucano, proteina ed isoflavoni di soia, steroli vegetali e stanols, aglio e tocotrienoli. J Nutr. 2002 settembre; 132(9): 2494-505.

55. Brown L, Rosner B, Willett WW, licenzia FM. Colesterolo-abbassamento degli effetti di fibra dietetica: una meta-analisi. J Clin Nutr. 1999 gennaio; 69(1): 30-42.

56. Anderson JW, Allgood LD, Lawrence A, et al. Colesterolo-abbassante gli effetti dell'assunzione dello psyllium aggiuntiva a terapia dietetica in uomini ed in donne con ipercolesterolemia: una meta-analisi di 8 prove controllate. J Clin Nutr. 2000 febbraio; 71(2): 472-9.

57. Bokura H, Kobayashi S. Chitosan fa diminuire il colesterolo totale in donne: un randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo. EUR J Clin Nutr. 2003 maggio; 57(5): 721-5.

58. DD di Gallaher, Gallaher cm, Mahrt GJ, et al. Un supplemento del chitosano e glucomannan della fibra fa diminuire il colesterolo del plasma ed aumenta l'escrezione del colesterolo in esseri umani normocholesterolemic di peso eccessivo. J Coll Nutr. 2002 ottobre; 21(5): 428-33.

59. Anderson JW, fibra di Tietyen-Clark J. Dietary: iperlipidemia, ipertensione e coronaropatia. J Gastroenterol. 1986 ottobre; 81(10): 907-19.

60. Le risposte insulinemic del pasto di Harbis A, di Perdreau S, di Vincent-Baudry S, et al. Glycemic e modulano l'accumulazione epatica ed intestinale postprandiale della lipoproteina negli oggetti obesi e insulina-resistenti. J Clin Nutr. 2004 ottobre; 80(4): 896-902.

61. CL di Pelkman. Effetti dell'indice glycemic degli alimenti sulle concentrazioni nel siero del colesterolo e dei trigliceridi della lipoproteina ad alta densità. Rappresentante di Curr Atheroscler. 2001 novembre; 3(6): 456-61.