Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine maggio 2006
immagine

Strategie nutrizionali per impedire perdita relativa all'età di visione

Da Edward Rosick, FANNO, i MPH, ms

Supplementi dell'antiossidante per salute dell'occhio

Poiché i livelli elevati C-reattivi della proteina sembrano essere associati con il rischio per ARMD e numeroso altre malattie relative all'età, gli adulti salute consapevoli si consigliano di implementare le strategie per abbassare CRP. Un modo fare questo è attraverso gli antiossidanti utili. Gli studi pubblicati multiplo dimostrano l'efficacia di vari supplementi antiossidanti nella riduzione dei valori di CRP.

Uno studio recente ha esaminato l'effetto di alfa tocoferolo (vitamina E) su proteina C-reattiva livella in 25 volontari sani ed in 47 persone con il diabete di tipo II. In questo studio di cinque mesi, l'uso della vitamina E completa i livelli contrassegnato in diminuzione di CRP in entrambi i volontari sani ed in quelli con il diabete.5

Un altro studio ha esaminato la relazione fra i livelli della proteina e le concentrazioni C-reattivi di vari vitamine e minerali fra 14.519 uomini e donne. I livelli elevati di CRP sono stati collegati significativamente con le concentrazioni diminuite di antiossidanti, compreso vitamina C, il beta-carotene, la luteina, la zeaxantina ed il selenio. Secondo gli autori di studio, “questi risultati indicano che il processo infiammatorio [riflesso dai livelli elevati di CRP], con la produzione delle specie reattive dell'ossigeno, può vuotare i depositi degli antiossidanti.„6

Con la conoscenza che ARMD è collegato almeno parzialmente ad una cascata infiammatoria ha riflesso nei livelli elevati di CRP e che i livelli elevati efficacemente contro degli antiossidanti CRP, rende a senso studiare se gli antiossidanti contribuiscono a proteggere da ARMD. Uno studio recentemente pubblicato in JAMA ha esaminato questa possibilità stessa.

Nel loro rapporto intitolato “ingestione dietetica degli antiossidanti ed il rischio di degenerazione maculare senile,„ i ricercatori nei Paesi Bassi hanno intrapreso gli studi basati sulla popolazione del gruppo di 4.170 uomini e donne, con un'età media di 68. Gli scienziati hanno determinato l'assunzione antiossidante media e l'incidenza degli oggetti di ARMD facendo uso dei questionari dietetici ed hanno dettagliato gli esami di occhio. Su un periodo medio di seguito di otto anni, 560 partecipanti hanno sviluppato la degenerazione maculare. Tuttavia, quelli con un'alta assunzione degli alimenti ricchi in beta-carotene, vitamine C ed E e zinco hanno avuti un 35% più a basso rischio di sviluppo ARMD.

Gli autori di studio celebri, “i dati recenti suggeriscono che le modifiche ossidative della proteina possano svolgere un ruolo cruciale nella formazione di drusen. Ciò implica che gli antiossidanti possano avere loro più forte effetto all'inizio della malattia.„ Credono che gli antiossidanti gradiscano le vitamine A, C e la E può lavorare sinergico nell'evitare ARMD. Secondo il gruppo di ricerca, “quindi concludiamo che gli antiossidanti dietetici possono ritardare lo sviluppo di presto [ARMD] e possibilmente, [ARMD] di in generale.„7

Effetti protettivi di luteina e di zeaxantina

La ricerca emergente conferma che la luteina e la zeaxantina possono contribuire a proteggere la visione difendendosi sia dalle cataratte che ARMD. Questi composti sicuri e utili chimicamente sono classificati come i carotenoidi, i pigmenti naturali trovati in molta frutta variopinta e verdure.

Abbastanza interessante, la luteina e la zeaxantina sono i soli carotenoidi trovati generalmente nell'occhio. Mentre gli alti livelli di altri carotenoidi sono trovati nel sangue ed il plasma-beta-carotene ed il licopene sono due esempi-duro che tutta la zeaxantina è trovata in plasma. Nell'occhio, la luteina e la zeaxantina sono trovate in sia lente che macula. L'elasticità di aiuto due la macula suo colpire, tonalità giallo-cupo. Mentre i ricercatori continuano a studiare i ruoli precisi svolti da luteina e da zeaxantina negli occhi, c'è accordo generale che entrambi i carotenoidi proteggono l'occhio in due modi importanti.

In primo luogo, la luteina e la zeaxantina assorbono la luce blu quasi--UV, che ha il più alta energia ed è quindi la lunghezza d'onda il più potenzialmente offensiva alla retina ed alla macula. In secondo luogo, la luteina e la zeaxantina sono antiossidanti potenti che revocano la formazione di radicals.8 libero generando il danno in sia lente che macula, radicali liberi possono contribuire sia alle cataratte che ARMD.

Un corpo solido di prova scientifica indica il grande potenziale di luteina e di zeaxantina in cataratte di combattimento ed ARMD. In tre studi intrapresi verso la fine degli anni 90, gli uomini e le donne con un'alta assunzione di luteina e di zeaxantina hanno avuti rischi significativamente più bassi di sviluppare le cataratte rispetto a quelle ad un'assunzione bassa di questi carotenoidi.1,9,10

Un randomizzato più recente, la prova alla cieca, studio controllato con placebo ha indicato che i supplementi della luteina possono contribuire a migliorare la visione nella gente con le cataratte attuali.11 diciassette uomini e donne con le cataratte, invecchiate 55-73, sono stati dati la luteina (15 mg), la vitamina E sotto forma di alfa tocoferolo (100 mg), o il placebo tre volte un la settimana per fino a due anni. Gli oggetti che hanno preso gli alfa supplementi del tocoferolo hanno avvertito una stabilizzazione della loro visione, mentre quelli che prendono il placebo hanno visto un declino nella visione. Gli oggetti che hanno preso la luteina hanno mostrato un importante crescita nella loro sensibilità di abbagliamento e dell'acuità visiva. Secondo gli autori di studio, “un'più alta assunzione di luteina, attraverso di frutta e di verdure o di supplementi ricchi di luteina, può avere effetti benefici sulla prestazione visiva della gente con le cataratte relative all'età.„

Un altro studio pubblicato in JAMA ha valutato la relazione fra carotenoide-compreso luteina, zeaxantina ed altra antiossidante-e il rischio di sviluppo ARMD.12 in questo studio di caso-control, 356 pazienti ARMD, invecchiati 55-80, sono stati confrontati a 520 oggetti di controllo. I risultati hanno dimostrato inequivocabilmente che un'più alta ingestione dietetica dei carotenoidi è associata con significativamente un più a basso rischio di sviluppo ARMD. Specificamente, coloro che ha avuto il più alta assunzione dei carotenoidi hanno avuti un rapporto di riproduzione di 43% del rischio ARMD. Secondo le aspettative, gli autori di studio hanno dichiarato che “fra i carotenoidi, la luteina e la zeaxantina specifici. . . erano il più forte il collegati con un rischio riduttore per [ARMD].„

Il ginkgo biloba può migliorare la visione

I manoscritti medici cinesi antichi indicano che per almeno 5.000 anni, le foglie dell'albero del ginkgo sono state utilizzate per vari stati di salute, compreso circolazione sostenente, cognizione e la funzione respiratoria. I numerosi studi indicano che il ginkgo biloba può contribuire a combattere la demenza ed il morbo di Alzheimer.13-16

I nuovi risultati emozionanti suggeriscono che il ginkgo possa anche giudicare la promessa nel ricambio ARMD. I ricercatori tedeschi recentemente hanno condotto un controllato, studio di prova alla cieca sui soggetti umani che soffrono dalla forma asciutta di ARMD. Gli oggetti sono stati dati 60 o 240 mg/giorno del ginkgo durante un semestre. All'estremità dello studio, gli oggetti che hanno usato qualsiasi dose del ginkgo indicata hanno segnato il miglioramento nella loro visione. Tuttavia, quelli che prendono la dose elevata hanno visto la maggior parte del miglioramento. Gli autori di studio hanno concluso che “i risultati dimostrano l'efficacia terapeutica di [estratto del ginkgo] in pazienti con degenerazione maculare senile e a secco, con i benefici ovvi nella vita di tutti i giorni.„17

Carnosine ricambia l'ossidazione e Glycation

I prodotti finiti avanzati di glycation, o le età, sono molecole che possono essere altrettanto importanti quanto i radicali liberi in molti dei processi patologici connessi con invecchiamento, compreso lo sviluppo delle cataratte. Le età colpiscono avversamente le proprietà fisiche e biochimiche delle proteine e dei tessuti in cui sono presenti, quale la lente di occhio. Fortunatamente, il carnosine non solo protegge dalle devastazioni di danno ossidativo, ma inoltre inibisce la formazione di prodotti finiti avanzati di glycation.

Carnosine è un composto naturale e sicuro che comprende l'beta-alanina e l'L-istidina di aminoacidi. I numerosi studi hanno indicato che il carnosine inibisce la perossidazione lipidica e dal il danno cellulare indotto da radicale libero.18-21 inoltre, il carnosine ha dimostrato gli effetti antinvecchiamento in laboratorio animals.20 Carnosine può suscitare questi effetti dovuto la sua capacità di inibire la formazione dell'ETÀ e la reticolazione della proteina.18-21

Gli studi di multiplo suggeriscono che i collirii che contengono il carnosine possano aiutare in prevenzione e gestione delle cataratte. In uno di 24 mesi, lo studio controllato con placebo, un tipo acetilato di carnosine-N-ACETYLCARNOSINE-è stato utilizzato nella forma del collirio in 49 pazienti con le cataratte.22 pazienti della cataratta che hanno ricevuto la visione significativamente migliore due volte al giorno dimostrata dei collirii di carnosine hanno confrontato a quelli che ricevono i collirii del placebo. Inoltre, gli studi topografici degli occhi dei pazienti hanno rivelato che la gente che usando i collirii di carnosine ha avuta meno aree della lente che si appannano dalla formazione della cataratta. I collirii sono stati tollerati bene e non c'erano rapporti degli effetti collaterali oculari o sistemici avversi. I ricercatori hanno concluso, “manifestazioni attuali [di carnosine] potenziali per il trattamento e la prevenzione delle cataratte.„

Alta omocisteina legata al rischio ARMD

Mentre alcuni medici della corrente principale possono essere sorpresi imparare che c'è un collegamento fra i radicali liberi, la proteina C-reattiva elevata livella ed ARMD, possono ancor più essere sorpresi sapere che i nuovi studi collegano i livelli elevati dell'omocisteina a degenerazione maculare.

L'omocisteina è un aminoacido prodotto nel corpo con la ripartizione di metionina, un aminoacido che si presenta in molti alimenti, compreso le carni, il pesce e le uova. Gli studi hanno associato gli alti livelli di omocisteina con il rischio elevato per una serie di malattie, compreso aterosclerosi ed il colpo. Un nuovo studio pubblicato nel giornale americano dell'oftalmologia ha indicato che i livelli elevati dell'omocisteina possono aumentare il rischio per ARMD.

In questo controllato a caso, lo studio rappresentativo, ricercatori ha esaminato i livelli di digiuno dell'omocisteina del plasma in 934 uomini e donne, 547 di chi ha avuto intermedio o ARMD avanzato e 347 di chi ha servito da oggetti in buona salute di controllo.23 livelli elevati mediani del plasma di omocisteina erano significativamente negli oggetti che avevano avanzato ARMD; l'alta omocisteina inoltre è stata associata significativamente con un elevato rischio di sviluppo ARMD. Per quanto riguarda un meccanismo possibile da cui l'omocisteina potrebbe contribuire allo sviluppo di ARMD, gli autori hanno dichiarato che “i livelli elevati dell'omocisteina possono provocare ferite ossidative alle cellule endoteliali, migliorare la perossidazione della lipoproteina a bassa densità ed alterare i meccanismi di coagulazione del sangue. . . perché i livelli dell'omocisteina possono essere modificati dai mezzi dietetici o dai supplementi nutrizionali, gli studi supplementari per chiarire il ruolo di omocisteina nello sviluppo o nella progressione di [ARMD] sono autorizzati.„

L'acido folico, l'aiuto B12 abbassa l'omocisteina

Gli studi supplementari sono necessari accertare più precisamente del ruolo dell'omocisteina in ARMD. Nel frattempo, tuttavia, sarebbe saggio intraprendere le azione per ridurre i livelli elevati dell'omocisteina e possibilmente per evitare così le conseguenze di ARMD. Nei numerosi studi, due sicuri ed acido economico e vitamina sostanza-folici B12-have stati altamente efficaci nell'abbassamento dei livelli potenzialmente letali dell'omocisteina.

Negli studi intrapresi nel 2004, i ricercatori hanno esaminato gli effetti di una dose quotidiana di 5000 mcg di acido folico e di 250 mcg del vitamina b12 sui livelli dell'omocisteina di pazienti con la coronaropatia significativa, definiti come avendo almeno bloccaggio di 70% di un'arteria coronaria importante.24 dopo soltanto 12 settimane, i pazienti che prendono l'acido folico ed i supplementi di vitamina b12 hanno ridotto i loro livelli dell'omocisteina di 32%.

Nei simili studi intrapresi in Cina lo stesso anno, 152 pazienti con i livelli elevati dell'omocisteina sono stati dati giornalmente 5 mg di acido folico su un periodo di otto settimane.25 come negli studi più iniziali, i livelli dell'omocisteina sono caduto contrassegnato, in questo caso da 34%.

Gli studi che sono ancor più recenti confermano gli effetti d'abbassamento di acido folico e del vitamina b12. In una meta-analisi pubblicata nel giornale americano di nutrizione clinica, i ricercatori hanno analizzato 25 randomizzati, prove controllate esaminanti gli effetti di acido folico ed i supplementi B12 ai livelli dell'omocisteina in complessivamente 2.596 patients.26 i risultati hanno mostrato quello ai dosaggi di 200 mcg, di 400 mcg, di 800 mcg, mcg di 2000 e 5000 mcg/giorno, livelli in diminuzione dell'omocisteina dell'acido folico da 13%, da 20%, da 23%, da 23% e da 25%, rispettivamente. I supplementi di vitamina b12 ad una dose di 400 mcg/giorno hanno prodotto un rapporto di riproduzione supplementare di 7% in omocisteina.

Cominci a proteggere la vostra visione ora

Il regalo meraviglioso di vista è qualcosa la maggior parte di noi presa per assegnato fino ad alterarlo o diminuito in qualche modo. Mangiando una dieta abbondante in frutta e verdure, evitando il fumo, gli occhiali da sole ultravioletti d'uso di radiazione-didascalia quando all'aperto, i livelli C-reattivi sani di mantenimento dell'omocisteina e della proteina ed usando i supplementi nutrizionali con i benefici provati per l'occhio salute-compreso gli antiossidanti quali le vitamine A, C ed E, carotenoidi gradiscono la luteina e zeaxantina ed il ginkgo biloba, il carnosine, l'acido folico e la vitamina B12-you possono contribuire ad assicurare la visione sana che dura una vita.

Riferimenti

1. Lyle BJ, giumente-Perlman JA, Klein È, Klein R, Greger JL. L'assunzione ed il rischio antiossidanti di cataratte nucleari relative all'età di incidente nell'occhio della diga del castoro studiano. J Epidemiol. 1° maggio 1999; 149(9): 801-9.

2. Se di Hankinson, Stampfer MJ, Seddon JM, et al. estrazione nutriente della cataratta e dell'assunzione in donne: uno studio prospettivo. BMJ. 8 agosto 1992; 305(6849): 335-9.

3. Vite AK, Stader J, Branham K, CC di Musch, Swaroop A. Biomarkers della malattia cardiovascolare come fattori di rischio per degenerazione maculare senile. Oftalmologia. 2005 dicembre; 112(12): 2076-80.

4. Seddon JM, Gensler G, Milton RC, Klein ml, Rifai N. Association fra proteina C-reattiva e degenerazione maculare senile. JAMA. 11 febbraio 2004; 291(6): 704-10.

5. Devaraj S, il completamento del tocoferolo di Jialal I. Alpha fa diminuire i livelli C-reattivi della proteina e del monocito interleukin-6 del siero nei volontari di normale e nel tipo - 2 pazienti diabetici. Med libero di biol di Radic. 2000 15 ottobre; 29(8): 790-2.

6. Ford es, Liu S, Mannino dm, Giles WH, Smith SJ. concentrazione nella proteina e concentrazioni C-reattive di vitamine del sangue, di carotenoidi e di selenio fra gli adulti degli Stati Uniti. EUR J Clin Nutr. 2003 settembre; 57(9): 1157-63.

7. furgone LR, JUNIOR di Boekhoorn S, di Vingerling, et al. ingestione dietetica degli antiossidanti e rischio di degenerazione maculare senile. JAMA. 28 dicembre 2005; 294(24): 3101-7.

8. Ni di Krinsky, Johnson EJ. Azioni del carotenoide e la loro relazione a salute ed alla malattia. Mol Aspects Med. 2005 dicembre; 26(6): 459-516.

9. Brown L, Rimm eb, Seddon JM, et al. Uno studio prospettivo dell'assunzione del carotenoide e rischio di estrazione della cataratta negli uomini degli Stati Uniti. J Clin Nutr. 1999 ottobre; 70(4): 517-24.

10. Chasan-Taber L, WC di Willett, Seddon JM, et al. Uno studio prospettivo delle assunzioni della vitamina A e del carotenoide e rischio di estrazione della cataratta nelle donne degli Stati Uniti. J Clin Nutr. 1999 ottobre; 70(4): 509-16.

11. Olmedilla B, Granado F, Blanco I, Vaquero M. Lutein, ma non alfa-tocoferolo, il completamento migliora la funzione visiva in pazienti con le cataratte relative all'età: una prova alla cieca di 2 y, studio pilota controllato con placebo. Nutrizione. 2003 gennaio; 19(1): 21-4.

12. Seddon JM, Ajani uA, Sperduto RD, et al. carotenoidi dietetici, vitamine A, C ed E e degenerazione maculare senile avanzata. Gruppo di studio di Caso-Control di malattia dell'occhio. JAMA. 9 novembre 1994; 272(18): 1413-20.

13. Bridi R, Crossetti FP, Steffen VM, Henriques A. L'attività antiossidante dell'estratto standardizzato di ginkgo biloba (EGb 761) in ratti. Ricerca di Phytother. 2001 agosto; 15(5): 449-51.

14. KA di Youdim, Joseph JA. Un ruolo emergente possibile dei phytochemicals nel miglioramento delle disfunzioni neurologiche relative all'età: una molteplicità di effetti. Med libero di biol di Radic. 15 marzo 2001; 30(6): 583-94.

15. Kanowski S, Herrmann WM, Stephan K, Wierich W, Horr R. Proof di efficacia dell'estratto speciale EGb 761 del ginkgo biloba in pazienti esterni che soffrono da delicato per moderare demenza degenerante primaria della demenza del tipo o di multi-infarto di Alzheimer. Pharmacopsychiatry. 1996 marzo; 29(2): 47-56.

16. Le Bars PL, Katz millimetro, Berman N, et al. Un controllato con placebo, prova alla cieca, prova randomizzata di un estratto di ginkgo biloba per demenza. Gruppo di studio di North-american EGb. JAMA. 22 ottobre 1997; 278(16): 1327-32.

17. Fies P, estratto di Dienel A. Ginkgo nel visione-trattamento alterato con l'estratto speciale EGb 761 di visione alterata dovuto degenerazione maculare senile a secco. Wien Med Wochenschr. 2002;152(15-16):423-6.

18. Guiotto A, Calderan A, Ruzza P, Borin G. Carnosine ed antiossidanti in relazione con carnosine: una rassegna. Curr Med Chem. 2005;12(20):2293-315.

19. Hipkiss AR, Michaelis J, glicosilazione di Syrris P. Non-enzymatic del dipeptide L-carnosine, un agente dicollegamento potenziale. FEBS Lett. 28 agosto 1995; 371(1): 81-5.

20. Hipkiss AR. Carnosine, un peptide protettivo e antinvecchiamento? Cellula Biol. di biochimica di Int J. 1998 agosto; 30(8): 863-8.

21. S prode, Semyonova m., Yuneva M. Carnosine come droga potenziale di anti-senescenza. Biochimica (Mosc.). 2000 luglio; 65(7): 866-8.

22. Babizhayev mA, Deyev AI, Yermakova VN, et al. efficacia di N-acetylcarnosine nel trattamento delle cataratte. Droghe RD. 2002; 3(2): 87-103.

23. Seddon JM, Gensler G, Klein ml, Milton RC. Valutazione dell'omocisteina del plasma e rischio di degenerazione maculare senile. J Ophthalmol. 2006 gennaio; 141(1): 201-3.

24. Lee BJ, Huang MC, Chung LJ, et al. l'acido folico ed il vitamina b12 sono più efficaci della vitamina b6 nell'abbassamento della concentrazione di digiuno nell'omocisteina del plasma in pazienti con la coronaropatia. EUR J Clin Nutr. 2004 marzo; 58(3): 481-7.

25. Guo H, Lee JD, Ueda T, et al. Hyperhomocysteinaemia & completamento dell'acido folico in pazienti con ad alto rischio della coronaropatia. J indiano Med Res. 2004 gennaio; 119(1): 33-7.

26. Anon. Effetti dipendenti dalla dose di acido folico sulle concentrazioni nel sangue di omocisteina: una meta-analisi delle prove randomizzate. J Clin Nutr. 2005 ottobre; 82(4): 806-12.

27. Smeeth L, Hubbard R, Fletcher EA. Cataratta e l'uso delle statine: uno studio di caso-control. QJM. 2003 maggio; 96(5): 337-43.

28. Disponibile a: http://www.merck.com/product/usa/pi_circulars/m/mevacor/mevacor_pi.pdf. 27 febbraio 2006 raggiunto.

29. Disponibile a: http://www.zocor.com/zocor/ ha diviso/documenti/inglese/pi.pdf. 27 febbraio 2006 raggiunto.

30. Mori m., Li G, Abe I, et al. mutazioni della sintasi del lanosterolo causa a colesterolo le cataratte carenza-collegate nel ratto della cataratta di Shumiya. J Clin investe. 2006 febbraio; 116(2): 395-404.