Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine ottobre 2006
immagine

Come le verdure crocifere impediscono il Cancro

Da Dale Kiefer

 Le statistiche in modo allarmante ora suggeriscono che più della metà di tutti i cancri negli adulti degli Stati Uniti possano essere causati dalla dieta difficile.1 che cosa la media spaventosa di questi numeri è che gran parte della morte e della miseria causate da cancro può essere impedita.

Fortunatamente, la prova scientifica ora ha stabilito che le verdure crocifere contenessero le componenti vitali di Cancro-combattimento che offrono la protezione potente contro gli agenti cancerogeni. I composti trovati in verdure sicure sostengono il processo naturale della disintossicazione del corpo, contribuente a sbarazzare degli agenti cancerogeni in nostro alimento, l'acqua e l'ambiente.

I broccoli, il cavolfiore ed altre verdure crocifere contengono unicamente la salute-promozione i phytonutrients che sono stati indicati per contribuire ad impedire l'inizio ed a fermare la progressione del colon, seno, prostata, tiroide, cervicale e degli altri cancri.1-16 questi composti naturali inoltre promuovono il metabolismo sano dell'estrogeno nella componente critica del corpo-un in tutta la prevenzione delle malattie strategia-mentre neutralizzando l'assalto violento quotidiano dei prodotti chimici cancerogeni.

In questo articolo, esaminiamo i composti malattia-preventivi notevoli trovati in verdure crocifere, come esercitano i loro effetti complessi di Cancro-combattimento e come potete approfittare di queste sostanze nutrienti per proteggere da un gran numero di agenti cancerogeni.

Il Cancro rappresenta una carenza della verdura crocifera?

Gli scienziati ora ritengono quella una motivazione importante perché tanti cancri micidiali del contratto della gente è che non mangiano abbastanza frutta e verdure salutari.1 soltanto una piccola percentuale degli Americani consuma i cinque servizi quotidiani della frutta e delle verdure che il governo raccomanda per i buona salute. Affliggendo, la dieta americana tipica è scioccante carente in alcuni degli alimenti di Cancro-combattimento più potenti disponibili: verdure crocifere quali i broccoli, il cavolfiore, i cavoletti di Bruxelles ed il cavolo.

Le verdure crocifere sono ricche in vitamine, minerali ed antiossidanti, che contribuiscono indubbiamente ai loro effetti salutari. Tuttavia, gli scienziati hanno identificato altri composti bioactive in queste verdure che sono specificamente responsabili dei loro effetti Cancro-preventivi. Questi composti, che sono chiamati glucosinolati, sono trasformati a indole-3-carbinol (I3C) e a diindolylmethane (TENUE) nel corpo.17

Una carenza dietetica dei phytonutrients trovati in verdure crocifere può contribuire all'inizio di cancro nei numerosi modi. Ogni giorno, siamo esposti ai composti cancerogeni nel nostro ambiente. Le verdure crocifere migliorano drammaticamente la capacità del corpo di neutralizzare questi agenti cancerogeni, così fornendo il supporto Cancro-preventivo essenziale.18-20

Un'altra causa principale di cancro viene dall'interno del corpo stesso. Quando gli estrogeni sono metabolizzati via determinate vie biochimiche, diventano più probabili per avviare il cancro.21,22 adulti invecchianti soffrono da un'alta prevalenza dei cancri connessi con uno squilibrio nel metabolismo dell'estrogeno.21-24 le verdure crocifere contengono i composti che promuovono una via più sana per la suddivisione dell'estrogeno nel corpo, così proteggenti dal cancro.25-31 i composti della verdura crocifera agiscono attraverso molti altri meccanismi nel corpo per proteggere dalla crescita e dalla diffusione dei cancri attuali.

Crescione: Protezione potente del Cancro da una verdura poco nota

Il crescione, un cugino poco-noto dei broccoli, offre una miriade di indennità-malattia. Il crescione è una fonte particolarmente ricca di isothiocyanates potenti di Cancro-combattimento, compreso il composto molto studiato conosciuto come l'isotiocianato del fenetile, o PEITC.68

La ricerca impressionante indica che un estratto dei crescione-broccoli efficacemente sopprime la produzione di un enzima che facilita la diffusione di cancro al seno ad altri tessuti.69 scienziati inoltre hanno dimostrato che i isothiocyanates in crescione sopprimono la produzione dei composti pro-infiammatori quali le prostaglandine, che sono associate con le numerose circostanze patologiche, compreso cancro. Questa soppressione dei composti infiammatori può essere ancora un altro effetto anticancro ha conferito dalle verdure crocifere.70

Poiché la prova epidemiologica associa l'assunzione aumentata delle verdure crocifere con un rischio riduttore di carcinoma della prostata, gli scienziati hanno cercato di identificare i composti specifici responsabili di questo effetto Cancro-preventivo. Hanno trovato che una forma di PEITC che è abbondante in crescione ha inibito la proliferazione delle cellule di carcinoma della prostata e la loro capacità formare i tumori.71

I ricercatori del Cancro inoltre si interessano a crescione come arma contro i cancri polmonari letali. Il crescione è la fonte più ricca di glucosinolato conosciuto come nasturtiin, che è trasformato in PEITC nell'apparato digerente.72 nei roditori di laboratorio, PEITC crescione-derivato contribuito per impedire il cancro polmonare che ordinariamente è avviato da un agente cancerogeno tabacco-derivato.73-76

Gli studi hanno indicato che PEITC inibisce la proliferazione delle cellule tumorali nel laboratorio con rapidità sorprendente. Ciò è molto importante, come PEITC ed altri isothiocyanates dietetici in verdure crocifere tendono a rimuovere rapidamente il corpo attraverso escrezione urinaria. Lavorando con un tipo di cellula umana di leucemia, gli scienziati hanno scoperto che PEITC ed altri isothiocyanates agiscono sugli obiettivi multipli delle cellule per contribuire a combattere la proliferazione del cancro.77 effettivamente, dopo appena tre ore dell'esposizione a PEITC e ad altri isothiocyanates, le cellule tumorali hanno avvertito la gamma completa di questi effetti anticancro.

Gli scienziati in Francia recentemente hanno scoperto quello come I3C, i composti contenuti in crescione inducono gli enzimi del fegato di fase I e di fase II. Quindi, questi agenti naturali non solo hanno benefici anticancro, ma inoltre forniscono il supporto di disintossicazione. Questo effetto può spiegare la loro capacità di inibire gli effetti diprovocazione di un'ampia varietà di composti.78

Neutralizzazione delle tossine dietetiche ed ambientali

Le verdure crocifere contribuiscono a proteggerci da cancro proteggendo contro i composti tossici incontrati ogni giorno nel nostri alimento, aria, acqua ed ambiente.

i composti del tipo di estrogeno nell'ambiente sono chiamati xenoestrogens. Ingeriamo ed assorbiamo i xenoestrogens dalla plastica utilizzata nelle bottiglie della bevanda e contenitori di alimento, prodotti chimici industriali ed antiparassitari.32,33 nel corpo, questi xenoestrogens sono composti tossici che possono potenzialmente avviare l'inizio o la progressione di cancro. Imitando gli estrogeni, i xenoestrogens influenzano i processi ormonalmente regolati ed inducono i cambiamenti nei fattori di crescita, che possono mettere la fase per cancro.33

Un esempio dei xenoestrogens particolarmente tossici è i contaminanti ambientali conosciuti come PCBs, o difenili policlorati. Gli alti livelli di PCBs sono stati trovati pericolosamente in adulti ed in bambini che vivono nelle aree dove questi prodotti chimici hanno contaminato il suolo, l'acqua e l'aria.34,35 in modo allarmante, malgrado il divieto di decenni di loro produzione e l'uso negli Stati Uniti, PCBs ha trasformato il loro modo il ciclo alimentare, specialmente in determinati tipi di frutti di mare quale il salmone atlantico.36,37 numerosi studi dimostrano che PCBs ha un gran numero di effetti contrari sulle sanità.34,35,38-41

Per esempio, uno studio ha trovato che gli uomini dell'urbano-abitazione che mangiassero il pesce non solo hanno i livelli elevati di PCBs e delle tossine relative, ma inoltre fa la più grande eiaculare incidenza degli indicatori maschii della sterilità quale il minimo il volume, il conteggio di sperma basso e la motilità difficile dello sperma.38,39 alcuni scienziati ritengono che PCBs sia responsabile degli aumenti nell'incidenza delle allergie, delle malattie autoimmuni e dei cancri ormone-dipendenti quali determinati tipi di seno e di carcinoma della prostata.Altri 34,35 ricercatori riferiscono che l'esposizione a queste tossine nell'aria può colpire avversamente il cervello, alterando l'umore e la concentrazione.L'esposizione 40 a PCBs è stata collegata ai tassi aumentati di endometriosi in donne, di stato cronico connesso con dolore pelvico e di sterilità.41

Sebbene sia quasi impossible completamente da evitare questi contaminanti, ricerchi indica che può essere possibile amplificare la sua protezione contro di loro consumando gli importi ottimali dei phytochemicals salutari dalle verdure crocifere.18-20 questi phytochemicals, che includono I3C ed altri composti, migliorano l'efficacia del sistema primario della disintossicazione del corpo: i sistemi degli enzimi della fase I e della fase II del fegato.3,42,43 che questi enzimi contribuiscono a trasformare le tossine e gli agenti cancerogeni nocivi nei composti inoffensivi che possono eliminarsi sicuro dall'ente.44-46

I rosmarini, vitamina D forniscono il supporto sinergico nella prevenzione del cancro

L'acido di Carnosic e il carnosol, composti derivati dai rosmarini culinari dell'erba, sono antiossidanti che contribuiscono a combattere il cancro, tanto come la verdura crocifera compone I3C e SI ATTENUANO.L'acido e il carnosol di 79 Carnosic riducono il potenziale carcinogenico degli estrogeni modulando il loro metabolismo nel fegato. Per esempio, i topi femminili d'alimentazione una dieta che contiene i rosmarini di 2% per tre settimane hanno aumentato i metaboliti utili dell'estrogeno di circa 150%, mentre inibivano i metaboliti nocivi dell'estrogeno da circa 50%.80

Ulteriore ricerca su questi composti ha dimostrato che funzionano sinergico con la vitamina D. Scientists ora avido stanno studiando la vitamina D come una delle sostanze nutrienti di promessa nella lotta contro cancro. La vitamina D funziona come un ormone per colpire il sistema immunitario e per proteggere da cancro.81-84 piuttosto che le cellule tumorali di uccisione completamente, la vitamina D sembra fermare il cancro con la forzatura delle cellule “di instabilità„ a differenziare-che sia, per diventare più simile alle cellule normali.85,86

La nuova ricerca indica che l'acido e il carnosol carnosic dai rosmarini potenziano con la vitamina D, aiutante la per uccidere le cellule tumorali più efficacemente.85-87 la combinazione di vitamina D e di composti dei rosmarini rappresenta un'aggiunta novella agli approcci tradizionali a trattamento del cancro.

Promozione del metabolismo sano dell'estrogeno

Come precedentemente celebre, uno squilibrio degli estrogeni nel corpo può mettere la fase per cancro e gli adulti di invecchiamento sono particolarmente suscettibili dei cancri connessi con il metabolismo aberrante dell'estrogeno.21-24 fortunatamente, i composti della verdura crocifera come I3C e TENUE possono assicurare la protezione potente contro cancro promuovendo il metabolismo ottimale dell'estrogeno.

L'estradiolo è l'estrogeno primario nella circolazione nel corpo come pure uno della maggior parte del attivo. Il corpo metabolizza l'estradiolo via due vie separate. Una via provoca la conversione dell'estradiolo ad una forma meno potente di estrogeno (2-hydroxyestrone), mentre l'altra via aumenta la produzione di un metabolita più tossico dell'estrogeno (alfa-hydroxyestrone 16). I ricercatori ritengono che le donne che soprattutto metabolizzano l'estradiolo al metabolita tossico possano essere al maggior rischio per cancro al seno.25

Nel 2000, i ricercatori hanno confermato la teoria che determinati metaboliti dell'estrogeno possono contribuire a cancro. Hanno analizzato i dati riuniti oltre da 10.000 donne italiane in più di cinque anni per determinare come i fattori dietetici ed ormonali influenzano il rischio di cancro al seno. Come postulato, hanno trovato che le donne erano molto meno probabili sviluppare il cancro al seno quando hanno avute livelli elevati del metabolita meno potente dell'estrogeno (2-hydroxyestrone).25

Gli studi supplementari delle popolazioni differenti da allora hanno confermato questa individuazione. Un rapporto favorevole dei metaboliti dell'estrogeno ora è corrente come desiderabile per la protezione di conferimento contro cancro.21,47,48 il metabolita tossico dell'estrogeno (alfa-hydroxyestrone 16) possono fungere da promotore del tumore del seno.21 al contrario, l'estrogeno metabolizzato via la meno via attiva (al hydroxyestrone 2) non esibisce l'attività estrogena nel tessuto del seno.21 ulteriormente, una forma di questo meno metabolita attivo dell'estrogeno è creduta per impedire la formazione di vasi sanguigni necessari per alimentare i cancri crescenti, così contribuendo ad arrestare la crescita del tumore.49

Questo equilibrio delicato degli estrogeni è fondamentalmente importante per la salute degli uomini pure. In uno studio che ha esaminato il rapporto al del rischio di carcinoma della prostata relativo dei metaboliti dell'estrogeno, i livelli elevati del metabolita più attivo sono stati collegati con un rischio aumentato di carcinoma della prostata. Questi risultati importanti suggeriscono che il rapporto di un uomo dei metaboliti dell'estrogeno possa offrire la comprensione importante nel suo rischio per carcinoma della prostata.22

Fortunatamente, i composti I3C della verdura crocifera e TENUE sono efficaci nello spostamento del metabolismo dell'estradiolo alla via più utile, così nella riduzione dei livelli di alfa-hydroxyestrone della sostanza tossica 16 e nell'aumento dei livelli di hydroxyestrone protettivo 2.26-31 questa modulazione utile del metabolismo dell'estrogeno è stata correlata con il rischio riduttore di seno e di altri cancri, compreso cervicale, la prostata ed i perfino cancri di collo e capi.15,19,21,25,30,31,50-52 i composti I3C della verdura crocifera e TENUE possono svolgere così un ruolo importante nel cancro di combattimento promuovendo il metabolismo sano dell'estrogeno.

L'artiglio del gatto assicura la protezione complementare del Cancro

Nella ricerca di efficaci agenti di Cancro-combattimento, gli scienziati hanno rivolto la loro attenzione ad un rimedio di erbe di promessa dalla foresta pluviale peruviana. L'artiglio “del gatto definito,„ questa vite tropicale è stato utilizzato nel Sudamerica per secoli in gestione di cancro, dell'artrite e dei disordini dello stomaco.Il laboratorio nuovo di promessa 88,89, l'animale e gli studi umani indicano che i composti derivati dall'estratto dell'artiglio del gatto possiedono l'immune-amplificazione potente, DNA-proteggendo e proprietà di Cancro-combattimento.

I ricercatori svedesi hanno trovato la prova delle proprietà d'amplificazione significative dell'estratto dell'artiglio del gatto. In roditori, amministrare l'estratto dell'artiglio del gatto oltre otto settimane ha migliorato la capacità degli animali di rispondere alle sfide del sistema immunitario.90 similmente, quando i volontari dell'essere umano completati con l'estratto dell'artiglio del gatto per sei settimane, essi hanno dimostrato i livelli aumentati di globuli bianchi.La funzione di sistema immunitario sana 90 è determinante per la protezione contro un'ampia varietà di agenti diprovocazione.

L'artiglio del gatto può anche contribuire a proteggere il DNA da danno che può contribuire a cancro. Quando i ratti hanno ricevuto l'estratto dell'artiglio del gatto per otto settimane prima dell'esposizione alla radiazione DNA-offensiva, hanno dimostrato una capacità contrassegnato migliore di riparare il danno del DNA.90

La capacità dell'artiglio del gatto di proteggere il DNA inoltre è stata osservata in esseri umani. Si offre volontariamente chi sono stati esposti ad un prodotto chimico DNA-offensivo e completato con l'estratto dell'artiglio del gatto indicato ha fatto diminuire il danno del DNA e la riparazione aumentata del DNA. L'artiglio del gatto sembra così sostenere la struttura sana del DNA.91

L'artiglio del gatto mostra similarmente la promessa in cellule umane proteggenti contro cancro. Nel 2001, gli scienziati italiani hanno trovato che l'estratto dell'artiglio del gatto ha ridotto la proliferazione delle cellule di cancro al seno umane in laboratorio.89

Più recentemente, gli scienziati austriaci hanno indicato che l'estratto dell'artiglio del gatto impedisce le cellule umane di leucemia la crescita in laboratorio spingendole per autodistruggersi (subisca gli apoptosi).92 quando il gruppo austriaco ulteriore ha studiato i costituenti attivi in estratto dell'artiglio del gatto, hanno trovato che vari dei suoi principi attivi combattono il cancro inibendo la proliferazione delle cellule di leucemia o uccidendo le cellule di leucemia completamente.92

Mentre gli scienziati ancora stanno studiando come questo rimedio di erbe combatte il cancro, credono che l'estratto dell'artiglio del gatto ed i suoi principi attivi possano contribuire a regolare le varie citochine,93 proteine secernute dal sistema immunitario che sono credute per svolgere un ruolo importante nel sistema naturale della Cancro-difesa del corpo.94

Come al meglio ottenga i benefici delle verdure crocifere

Mentre le indennità-malattia delle verdure crocifere sono indiscusse, ottenere gli importi ottimali di questi combattenti potenti del cancro con la dieta da solo può essere difficile.53,54 studi hanno indicato che anche se mangiate queste verdure ogni giorno, i loro glucosinolati utili possono essere persi durante lo stoccaggio dell'alimento, o si sono degradati o lisciviato fuori durante la trasformazione dei prodotti alimentari. Inoltre, cucinare le verdure crocifere tende ad inibire la conversione di molto del loro contenuto del glucosinolato ai composti utili di Cancro-combattimento.53,54

Per aiutare ognuno per trarre giovamento dal potere di Cancro-combattimento delle verdure crocifere, gli scienziati li hanno identificati ed isolato i loro composti più bioactive ed hanno messo a disposizione come integratori alimentari concentrati a basso costo. Questi phytonutrients di Cancro-combattimento possono essere più utili una volta consumati con i pasti, contribuendo a neutralizzare gli agenti cancerogeni dietetici.

Conclusione

Lo stupore mentre può sembrare, le verdure e le erbe che sono trovati prontamente in tutta la navata laterale dei prodotti del supermercato contengono alcuni dei composti di Cancro-combattimento più potenti trovati in tutto della natura.55-67

I phytonutrients naturali derivati dalle verdure crocifere quali i broccoli, cavolfiore e crescione, con i polifenoli antiossidanti potenti quali acido e il carnosol carnosic dai rosmarini, offerta potente, contributo dell'ampio spettro al mantenimento del metabolismo sano dell'estrogeno ed alla protezione contro gli agenti onnipresenti e diprovocazioni hanno incontrato ogni giorno nel nostro ambiente.

L'incorporazione dei questi composti straordinario potenti e basati a pianta in un programma quotidiano del completamento è un modo sicuro, efficace ed economico difendersi da molti di odierni cancri i più comuni ed i più letali.

Le carni carbonizzate elevano il rischio di Cancro

La carne che è stata cucinata alle temperature elevate è una delle fonti più comuni di agenti cancerogeni dietetici. Una volta cucinate ad uno stato “ben fatto„, le carni contengono i composti pericolosi, compreso le amine eterocicliche. Questi composti sono conosciuti per causare le mutazioni ed il cancro del DNA in animali.95,96 scienziati recentemente hanno confermato che mangiare la carne ben fatto comporta i rischi sanitari agli esseri umani pure.

Gli studi epidemiologici hanno collegato il consumo di carne ben fatto con i cancri del colon, il seno e lo stomaco in adulti.96 negli uomini, il maggior consumo di carne molto bene-fatta è stato collegato con un rischio aumentato di carcinoma della prostata. D'importanza, l'assunzione di carne totale, rossa, o bianca non ha aumentato il rischio di carcinoma della prostata, che conducesse gli scienziati a concludere che è le amine heterocylic prodotte dalla cottura-piuttosto ad alta temperatura che la carne stesso-che eleva il rischio di carcinoma della prostata.97

Mentre eterocicliche le amine stesse non sono cancerogene, essi sono trasformate nel corpo nei composti chimicamente reattivi che possono interagire con DNA per avviare l'inizio di cancro.96 scienziati ritengono che possa essere possibile ridurre i rischi di questi agenti cancerogeni potenziali usando le strategie nutrizionali e dietetiche.

I composti protettivi derivati dalle verdure, specialmente verdure crocifere, possono contribuire a diminuire i pericoli degli agenti cancerogeni carne-derivati potenti impedendo la loro attivazione o aumentando la loro disintossicazione.Gli scienziati 1 hanno notato che le verdure crocifere contribuiscono a proteggere da danno del DNA e da cambiamenti precancerosi che possono essere indotti dalle amine eterocicliche.98 così, assicurare l'assunzione regolare dei composti della verdura crocifera può contribuire a proteggere da una delle fonti più prevalenti di agenti cancerogeni dietetici.

Riferimenti

1. Weisburger JH. Antimutageni, anticarcinogens ed efficace prevenzione del cancro mondiale. J circonda Pathol Toxicol Oncol. 1999;18(2):85-93.

2. BB di Aggarwal, obiettivi di Ichikawa H. Molecular e potenziale anticancro di indole-3-carbinol e dei suoi derivati. Ciclo cellulare. 2005 settembre; 4(9): 1201-15.

3. Sarkar FH, Li Y. Indole-3-carbinol e carcinoma della prostata. J Nutr. 2004 dicembre; 134 (12 supplementi): 3493S-8S.

4. Piatto AY, DD di Gallaher. Effetti di indole-3-carbinol e dell'isotiocianato del fenetile su carcinogenesi dei due punti indotta da azoxymethane in ratti. Carcinogenesi. 2006 febbraio; 27(2): 287-92.

5. Tadi K, Chang Y, Ashok BT, et al. 3,3' - Diindolylmethane, un composto antiproliferativo sintetico vegetale crocifero nella tiroide. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 25 novembre 2005; 337(3): 1019-25.

6. Kim YS, Milner JA. Obiettivi per indole-3-carbinol nella prevenzione del cancro. Biochimica di J Nutr. 2005 febbraio; 16(2): 65-73.

7. Faccia il CT, Aronchik I, Hsu JC, et al. Indole-3-carbinol attiva il BANCOMAT che segnala l'indipendente di via da danno del DNA per stabilizzare p53 ed indurre l'arresto G1 delle cellule epiteliali mammarie umane. Cancro di Int J. 15 febbraio 2006; 118(4): 857-68.

8. Chang X, Tou JC, Hong C, et al. 3,3' - Diindolylmethane inibisce l'angiogenesi e la crescita di carcinoma umano transplantable del seno in topi athymic. Carcinogenesi. 2005 aprile; 26(4): 771-8.

9. Manson millimetro, PB dell'agricoltore, Gescher A, amministratore WP. Agenti innovatori nella prevenzione del cancro. Ricerca recente del Cancro di risultati. 2005;166:257-75.

10. Shukla Y, Kalra N, Katiyar S, Siddiqui IA, effetto di Arora A. Chemopreventive di indole-3-carbinol su induzione dei fuochi epatici alterati preneoplastic. Cancro di Nutr. 2004;50(2):214-20.

11. Proprietà anti-metastatico di VP, di Ashok BT, di Chen YG, et al. Anti-cancerogeno di Garikapaty e di indole-3-carbinol nel carcinoma della prostata. Rappresentante di Oncol. 2005 gennaio; 13(1): 89-93.

12. Chilowatt di Rahman, Sarkar FH. L'inibizione di spostamento nucleare del fattore nucleare \{kappa} B contribuisce a 3,3' - da apoptosi indotti diindolylmethane in cellule di cancro al seno. Ricerca del Cancro. 1° gennaio 2005; 65(1): 364-71.

13. Qi m., Anderson EA, Chen DZ, Sun S, Auborn kJ. Indole-3-carbinol impedisce la perdita di PTEN nel cancro cervicale in vivo. Mol Med. 2005 gennaio; 11 (1-12): 59-63.

14. Bonnesen C, Eggleston IM, Hayes JD. Gli indoli e i isothiocyanates dietetici che sono generati dalle verdure crocifere possono sia stimolare gli apoptosi che confer la protezione contro danno del DNA nelle linee cellulari umane dei due punti. Ricerca del Cancro. 15 agosto 2001; 61(16): 6120-30.

15. Fowke JH, Chung FL, Jin F, et al. livelli urinarii dell'isotiocianato, brassica e cancro al seno umano. Ricerca del Cancro. 15 luglio 2003; 63(14): 3980-6.

16. Li Y, SR di Chinni, Sarkar FH. Gli effetti regolatori e pro-apoptotici della crescita selettiva di TENUE è mediato dalle vie AKT e N-F-kappaB in cellule di carcinoma della prostata. Front Biosci. 1° gennaio 2005; 10:236-43.

17. Nachshon-Kedmi m., Yannai S, Haj A, va FA. Indole-3-carbinol e 3,3' - il diindoylemethane induce gli apoptosi in cellule di carcinoma della prostata umane. Alimento Chem Toxicol. 2003 giugno; 41(6): 745-52.

18. Rogan PER ESEMPIO. Il composto chemopreventive naturale indole-3-carbinol: stato della scienza. In vivo. 2006 marzo; 20(2): 221-8.

19. Kristal AR, Lampe JW. Rischio delle verdure e di carcinoma della prostata del brassica: una rassegna della prova epidemiologica. Cancro di Nutr. 2002;42(1):1-9.

20. Fowke JH, Morrow JD, Motley S, RM di Bostick, RM di Ness. Il consumo di verdure del brassica riduce i livelli urinarii di F2-isoprostane indipendenti dall'assunzione del micronutriente. Carcinogenesi. 15 maggio 2006.

21. Fowke JH, Longcope C, JUNIOR di Hebert. Il consumo di verdure del brassica sposta il metabolismo dell'estrogeno in donne postmenopausali in buona salute. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2000 agosto; 9(8): 773-9.

22. Muti P, Westerlind K, Wu T, et al. metaboliti dell'estrogeno e carcinoma della prostata urinarii: uno studio di caso-control negli Stati Uniti. Il Cancro causa il controllo. 2002 dicembre; 13(10): 947-55.

23. Disponibile a: http://www.cancer.gov/cancertopics/factsheet/Detection/probability-breast-cancer. 26 luglio 2006 raggiunto.

24. Disponibile a: http://www.webmd.com/content/article/45/1688_50826.htm. 26 luglio 2006 raggiunto.

25. HL di Muti P, di Bradlow, metabolismo di Micheli A, et al. dell'estrogeno e rischio di cancro al seno: uno studio prospettivo del rapporto dell'alfa-hydroxyestrone di 2:16 in donne premenopausa e postmenopausali. Epidemiologia. 2000 novembre; 11(6): 635-40.

26. Michnovicz JJ, Adlercreutz H, HL di Bradlow. Cambiamenti nei livelli di metaboliti urinarii dell'estrogeno dopo il trattamento orale di indole-3-carbinol in esseri umani. Cancro nazionale Inst di J. 21 maggio 1997; 89(10): 718-23.

27. Michnovicz JJ. Idrossilazione aumentata dell'estrogeno 2 in donne obese che usando indole-3-carbinol orale. Int J Obes Relat Metab Disord. 1998 marzo; 22(3): 227-9.

28. Michnovicz JJ, HL di Bradlow. Metabolismo ed escrezione alterati dell'estrogeno in esseri umani dopo consumo di indole-3-carbinol. Cancro di Nutr. 1991;16(1):59-66.

29. Kall mA, Vang O, Clausen J. Effects dei broccoli dietetici sulla droga umana che metabolizza attività. Cancro Lett. 19 marzo 1997; 114 (1-2): 169-70.

30. HL di Bradlow, Telang NT, Sepkovic DW, mp di Osborne. hydroxyestrone 2: il buon estrogeno del `. J Endocrinol. 1996 settembre; 150 SupplS259-65.

31. Dalessandri chilometro, Firestone GL, MD di Fitch, HL di Bradlow, Bjeldanes LF. Studio pilota: un effetto di 3,3' - supplementi del diindolylmethane sui metaboliti urinarii dell'ormone in donne postmenopausali con una storia del cancro al seno della fase iniziale. Cancro di Nutr. 2004;50(2):161-7.

32. Disponibile a: http://www.ourstolenfuture.org/index.htm. 26 luglio 2006 raggiunto.

33. Starek A. Estrogens e xenoestrogens dell'organocloro e rischio di cancro al seno. Int J Med Environ Health. 2003;16(2):113-24.

34. Inadera H. Il sistema immunitario come obiettivo per i prodotti chimici ambientali: Xenoestrogens ed altro composti. Toxicol Lett. 15 luglio 2006; 164(3): 191-206.

35. BR di DeCastro, Korrick SA, Spengler JD, Soto. L'attività estrogena dei difenili policlorati presenta in tessuto umano e nell'ambiente. Circondi Sci Technol. 15 aprile 2006; 40(8): 2819-25.

36. Burreau S, Zebuhr Y, Broman D, Ishaq R. Biomagnification di PBDEs e di PCBs in catene alimentari dal Mar Baltico e dall'Oceano Atlantico del Nord. Il totale di Sci circonda. 29 marzo 2006.

37. Johnson-Restrepo B, Kannan K, Addink R, DH di Adams. Eteri e difenili policlorati difenilici trattati in un foodweb marino di Florida costiera. Circondi Sci Technol. 1° novembre 2005; 39(21): 8243-50.

38. Rozati R, Reddy pp, Reddanna P, Mujtaba R. Role degli estrogeni ambientali nel deterioramento di fertilità maschio di fattore. Fertil Steril. 2002 dicembre; 78(6): 1187-94.

39. Hauser R, Chen Z, Pothier L, Ryan L, Altshul L. La relazione fra i parametri umani dello sperma e l'esposizione ambientale ai difenili policlorati e la p, p'-DDE. Circondi la salute Perspect. 2003 settembre; 111(12): 1505-11.

40. Peper m., Klett m., effetti di Morgenstern R. Neuropsychological di esposizione a basse dosi cronica ai difenili policlorati (PCBs): uno studio rappresentativo. Circondi la salute. 2005;422.

41. GM di Louis, Weiner JM, Whitcomb BW, et al. esposizione del PWB e rischio ambientali di endometriosi. Ronzio Reprod. 2005 gennaio; 20(1): 279-85.

42. Bradfield CA, Bjeldanes LF. Modifica di metabolismo carcinogeno dai prodotti indolylic di autolisi dei oleraceae del brassica. Adv Exp Med Biol. 1991;289:153-63.

43. Nho CW, upregulation sinergico di Jeffery E. The degli enzimi di disintossicazione di fase II dai prodotti della scomposizione del glucosinolato in verdure crocifere. Toxicol Appl Pharmacol. 15 luglio 2001; 174(2): 146-52.

44. CB di Leibelt DA, di Hedstrom O, KA di Fischer, di Pereira, Williams DE. Valutazione di esposizione dietetica cronica a indole-3-carbinol e a 3,3' assorbimento-migliorato - diindolylmethane in topi Sprague Dawley. Toxico Sci. 2003 luglio; 74(1): 10-21.

45. Crowell JA, pagina JG, Levine BS, Tomlinson MJ, CD di Hebert. Indole-3-carbinol, ma il non suo prodotto digestivo principale 3,3' - il diindolylmethane, induce l'ipertrofia dell'epatocita ed i citocromi reversibili P450. Toxicol Appl Pharmacol. 1° marzo 2006; 211(2): 115-23.

46. L'Larsen-Unione Sovietica S, Williams DE. Indole-3-carbinol dietetico inibisce l'attività dell'OFM e l'espressione della forma flavin-contenente 1 delle monossigenasi in fegato ed intestino del ratto. Droga Metab Dispos. 1996 settembre; 24(9): 927-31.

47. GH noioso, Luo XW, Ji CY, Sc di Foo, potenziale d'ossido-riduzione di NG. 2/16 di rapporto urinario dell'alfa-hydroxyestrone: correlazione con il fattore di crescita del tipo di insulina del siero che lega protein-3 e un biomarcatore potenziale del rischio di cancro al seno. Ann Acad Med Singapore. 1998 marzo; 27(2): 294-9.

48. Meng Q, yuan F, identificazione di Goldberg, et al. Indole-3-carbinol è un regolatore negativo della segnalazione dell'ricevitore-alfa dell'estrogeno in cellule umane del tumore. J Nutr. 2000 dicembre; 130(12): 2927-31.

49. HL di Fowke JH, di Qi D, di Bradlow, et al. metaboliti dell'estrogeno e cancro al seno urinarii: il modello differenziale del rischio ha trovato con pre- contro la raccolta dopo trattamento. Steroidi. 2003 gennaio; 68(1): 65-72.

50. Wong GY, Bradlow L, Sepkovic D, et al. studio digamma di indole-3-carbinol per prevenzione di cancro al seno. Supplemento di biochimica delle cellule di J. 1997;28-29:111-6.

51. Yoo HJ, Sepkovic DW, HL di Bradlow, GP di Yu, alta tensione di Sirilian, SP. di Schantz. Metabolismo dell'estrogeno come fattore di rischio per il cancro di collo e capo. Collo Surg della testa di Otolaryngol. 2001 marzo; 124(3): 241-7.

52. Jin L, Qi m., Chen DZ, et al. Indole-3-carbinol impedisce il cancro cervicale nel tipo 16 (HPV16) topi transgenici del virus di papilloma umano. Ricerca del Cancro. 15 agosto 1999; 59(16): 3991-7.

53. Fahey JW, Zalcmann A, Talalay P. La diversità e la distribuzione chimiche dei glucosinolati e dei isothiocyanates fra le piante. Fitochimica. 2001 gennaio; 56(1): 5-51.

54. Rouzaud G, giovane SA, Duncan AJ. Idrolisi dei glucosinolati ai isothiocyanates dopo ingestione di cavolo crudo o microwaved dai volontari umani. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2004 gennaio; 13(1): 125-31.

55. VP di Garikapaty, Ashok BT, Tadi K, Mittelman A, Tiwari RK. 3,3' - via di pro-sopravvivenza dei downregulates di Diindolylmethane nel carcinoma della prostata dell'indipendente dell'ormone. 92145. Staub CON RIFERIMENTO A, Onisko B, Bjeldanes LF. Un destino di 3,3' - diindolylmethane in cellule di cancro al seno umane coltivate MCF-7. Ricerca Toxicol di Chem. 2006 marzo; 19(3): 436-442.

56. Staub CON RIFERIMENTO A, Onisko B, Bjeldanes LF, et al. un destino di 3,3' diindolylmethane in cellule di cancro al seno umane coltivate MCF-7. Ricerca Toxicol di Chem. 2006 marzo; 19(3): 436-42.

57. Naik R, Nixon S, saltella A, et al. Una sperimentazione di fase II randomizzata di indole-3-carbinol nel trattamento di neoplasia intraepiteliale vulvare. Cancro di Int J Gynecol. 2006 marzo; 16(2): 786-90.

58. Riby JE, Xue L, Chatterji U, et al. attivazione e potenziamento della segnalazione di gamma interferone di 3,3' - diindolylmethane in cellule di cancro al seno MCF-7. Mol Pharmacol. 2006 febbraio; 69(2): 430-9.

59. Wallig mA, Heinz-Taheny chilometro, Epps DL, Gossman T. Synergy fra i phytochemicals all'interno dei crociferi: traduce in chemoprotection? J Nutr. 2005 dicembre; 135 (12 supplementi): 2972S-7S.

60. Keum YS, Jeong WS, Kong. Funzioni di Chemopreventive dei isothiocyanates. Notizie Perspect della droga. 2005 settembre; 18(7): 445-51.

61. Lynn A, Collins A, verdure crocifere più piene di Z, di Hillman K, di Ratcliffe B. e cancro colorettale. Soc di Proc Nutr. 2006 febbraio; 65(1): 135-44.

62. Zhang Y, Yao S, isothiocyanates di Li J. Vegetable-derived: attività e meccanismo antiproliferativi di azione. Soc di Proc Nutr. 2006 febbraio; 65(1): 68-75.

63. SEDERE di Halkier, Gershenzon J. Biology e biochimica dei glucosinolati. Annu Rev Plant Biol. 2 giugno 2006; 57:303-33.

64. Moreno DA, Carvajal m., Lopez-Berenguer C, Garcia-Viguera C. Chemical e caratterizzazione biologica dei composti nutraceutical dei broccoli. J Pharm Biomed anale. 17 maggio 2006.

65. Gong Y, Sohn H, Xue L, Firestone GL, Bjeldanes LF. 3,3' - Diindolylmethane è una H mitocondriale novella (+) - inibitore della sintasi di ATP che può indurre l'espressione p21 (Cip1/Waf1) tramite induzione dello sforzo ossidativo in cellule di cancro al seno umane. Ricerca del Cancro. 1° maggio 2006; 66(9): 4880-7.

66. Perocco P, Bronzetti G, Canistro D, et al. Glucoraphanin, il bioprecursor del sulforaphane chemopreventive ampiamente esaltato dell'agente trovato in broccoli, induce gli enzimi di metabolismo xenobiotici di fase-Io ed aumenta la generazione del radicale libero in fegato del ratto. Ricerca di Mutat. 20 marzo 2006; 595 (1-2): 125-36.

67. Hanf V, Gonder U. Nutrition e prevenzione primaria di cancro al seno: alimenti, sostanze nutrienti e rischio di cancro al seno. EUR J Obstet Gynecol Reprod Biol. 1° dicembre 2005; 123(2): 139-49.

68. Rosa P, Faulkner K, Williamson G, Mithen R 7-Methylsulfinylheptyl e 8 isothiocyanates di methylsulfinyloctyl da crescione sono induttori potenti degli enzimi di fase II. Carcinogenesi. 2000 novembre; 21(11): 1983-8.

69. Il CN di Rosa P, di Huang Q, della ONG, Whiteman M. Broccoli ed il crescione sopprimono l'attività della matrice metalloproteinase-9 e l'invasività delle cellule di cancro al seno umane MDA-MB-231. Toxicol Appl Pharmacol. 1° dicembre 2005; 209(2): 105-13.

70. Rosa P, YK vinto, CN della ONG, Whiteman isothiocyanates Beta-feniletilici e 8 del M. di methylsulphinyloctyl, costituenti di crescione, sopprime la produzione indotta LPS di ossido di azoto e della prostaglandina E2 in 264,7 macrofagi CRUDI. Ossido di azoto. 2005 giugno; 12(4): 237-43.

71. Chiao JW, Wu H, Ramaswamy G, et al. ingestione di un metabolita dell'isotiocianato dalle verdure crocifere inibisce la crescita degli xenotrapianti umani delle cellule di carcinoma della prostata tramite l'arresto del ciclo cellulare e degli apoptosi. Carcinogenesi. 2004 agosto; 25(8): 1403-8.

72. Palaniswamy UR, McAvoy RJ, BB della bibbia, Stuart JD. Variazioni di Ontogenic delle concentrazioni nell'isotiocianato del fenetile e nell'acido ascorbico in foglie del crescione (nasturtium officinale R.Br.). Alimento chim. di J Agric. 27 agosto 2003; 51(18): 5504-9.

73. Hecht ss, Chung FL, Richie JP, Jr., et al. effetti del consumo del crescione su metabolismo di un agente cancerogeno tabacco-specifico del polmone in fumatori. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 1995 dicembre; 4(8): 877-84.

74. Hecht ss. Chemoprevention dai isothiocyanates. Supplemento di biochimica delle cellule di J. 1995;22:195-209.

75. Jiao D, Smith TJ, CS di Yang, et al. attività di Chemopreventive dei coniugati del tiolo dei isothiocyanates per il tumorigenesis del polmone. Carcinogenesi. 1997 novembre; 18(11): 2143-7.

76. Il Kr di Sticha, Kenney PM, Boysen G, et al. gli effetti di isotiocianato benzilico e dell'isotiocianato del fenetile su DNA adducono la formazione da una miscela di benzo pirene [a] e di 4 (methylnitrosamino) - 1 (3-pyridyl) - 1-butanone in polmone del topo di A/J. Carcinogenesi. 2002 settembre; 23(9): 1433-39.

77. Zhang Y, Tang L, isothiocyanates di Gonzalez V. Selected rapidamente induce l'inibizione della crescita di cellule tumorali. Mol Cancer Ther. 2003 ottobre; 2(10): 1045-52.

78. Lhoste E-F, Gloux K, De W, I, et al. Le attività di parecchi enzimi di disintossicazione differenziale sono indotte dai succhi del crescione, del crescione acquatico e della senape di giardino in cellule umane HepG2. Le bioe di Chem interagiscono. 7 dicembre 2004; 150(3): 211-9.

79. Offord ea, macis K, Avanti O, Pfeifer. I meccanismi in questione negli effetti chemoprotective dell'estratto dei rosmarini hanno studiato in fegato umano e cellule bronchiali. Cancro Lett. 19 marzo 1997; 114 (1-2): 275-81.

80. Zhu BT, DP di Loder, MX di Cai, et al. amministrazione dietetica di un estratto dalle foglie dei rosmarini migliora il metabolismo microsomico del fegato degli estrogeni endogeni e fa diminuire la loro azione uterotropic in topi CD-1. Carcinogenesi. 1998 ottobre; 19(10): 1821-7.

81. Pinette chilovolt, Yee YK, Amegadzie VICINO, ricevitore di vitamina D di Nagpal S. come obiettivo di scoperta della droga. Mini Rev Med Chem. 2003 maggio; 3(3): 193-204.

82. Bao VICINO, Yeh deviazione standard, Lee YF. 1alpha, 25-dihydroxyvitamin D3 inibisce l'invasione delle cellule di carcinoma della prostata via modulazione delle proteasi selettive. Carcinogenesi. 2006 gennaio; 27(1): 32-42.

83. Tangpricha V, Flanagan JN, Whitlatch LW, et al. 25 hydroxyvitamin D-1alpha-hydroxylase nel tessuto normale e maligno dei due punti. Lancetta. 26 maggio 2001; 357(9269): 1673-4.

84. SR di Yee YK, di Chintalacharuvu, LU J, modulatori del ricevitore di vitamina D di Nagpal S. per infiammazione e cancro. Mini Rev Med Chem. 2005 agosto; 5(8): 761-78.

85. Danilenko m., Wang Q, Wang X, et al. acido di Carnosic rafforza gli effetti di prodifferentiation e dell'antiossidante di 1alpha, 25-dihydroxyvitamin D3 in cellule di leucemia ma non promuove l'elevazione dei livelli basali di calcio intracellulare. Ricerca del Cancro. 15 marzo 2003; 63(6): 1325-32.

86. Danilenko m., GP di Studzinski. Potenziamento da altri composti dell'attività anticancro della vitamina D (3) ed i suoi analoghi. Ricerca delle cellule di Exp. 15 agosto 2004; 298(2): 339-58.

87. Steiner m., Priel I, Giat J, et al. acido di Carnosic inibisce la proliferazione ed aumenta la differenziazione delle cellule leucemiche umane indotte dal dihydroxyvitamin 1,25 D3 e dall'acido retinoico. Cancro di Nutr. 2001;41(1-2):135-44.

88. Keplinger K, Laus G, Wurm m., mp di Dierich, tomentosa di Teppner H. Uncaria (Willd.) CC. --uso di ethnomedicinal e nuovi risultati farmacologici, tossicologici e botanici. J Ethnopharmacol. 1999 gennaio; 64(1): 23-34.

89. Riva L, Coradini D, Di Fronzo G, et al. Gli effetti antiproliferativi degli estratti e delle frazioni di tomentosa di Uncaria sulla crescita della linea cellulare del cancro al seno. Ricerca anticancro. 2001 luglio-agosto; 21 (4A): 2457-61.

90. Sheng Y, Bryngelsson C, Pero RW. Riparazione migliorata del DNA, funzione immune e tossicità riduttrice di C-MED-100, un estratto acquoso novello dal tomentosa di Uncaria. J Ethnopharmacol. 2000 febbraio; 69(2): 115-26.

91. Sheng Y, Li L, Holmgren K, Pero RW. Potenziamento di riparazione del DNA degli estratti acquosi di tomentosa di Uncaria in uno studio volontario umano. Phytomedicine. 2001 luglio; 8(4): 275-82.

92. Bacher N, Tiefenthaler m., Sturm S, et al. alcaloidi di Oxindole dal tomentosa di Uncaria induce gli apoptosi in cellule acute di bcl-2-expressing e di G0/G1-arrested di leucemia linfoblastica, di proliferazione. Br J Haematol. 2006 marzo; 132(5): 615-22.

93. Spellman K, ustioni J, Nichols D, inverni N, Ottersberg S, Tenborg M. Modulation dell'espressione di citochina dalle medicine tradizionali: una rassegna degli immunomodulatori di erbe. Altern Med Rev. 2006 giugno; 11(2): 128-50.

94. Hayakawa Y, Smyth MJ. Riconoscimento e soppressione immuni innati dei tumori. Ricerca del Cancro di adv. 2006;95:293-322.

95. Sinha R, Peters U, AJ trasversale, et al. carne, metodi di cottura e conservazione della carne e rischio per l'adenoma colorettale. Ricerca del Cancro. 1° settembre 2005; 65(17): 8034-41.

96. Wogan GN, Hecht ss, Felton JS, Conney AH, LA di Loeb. Carcinogenesi ambientale e chimica. Cancro Biol. di Semin. 2004 dicembre; 14(6): 473-86.

97. AJ trasversale, Peters U, Kirsh VA, et al. Uno studio prospettivo di carne e degli agenti mutageni della carne e del rischio di carcinoma della prostata. Ricerca del Cancro. 2005 Dec15; 65(24): 11779-84.

98. Steinkellner H, Rabot S, Freywald C, et al. effetti delle verdure crocifere ed i loro costituenti sulla droga che metabolizza gli enzimi in questione nel bioactivation degli agenti cancerogeni dietetici DNA-reattivi. Ricerca di Mutat. 1° settembre 2001; 480-481: 285-97.