Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine settembre 2006
immagine

Perché gli esseri umani invecchianti hanno bisogno di più carnitina


Da Julius G. Goepp, MD

La Propionyl-L-carnitina migliora l'energia del muscolo

Un'altra formulazione avanzata della carnitina, conosciuta come propionyl-L-carnitina, sta guadagnando il riconoscimento aumentante per il suo ruolo nell'energia aumentante del muscolo.

Prova degli effetti cardiovascolari mirati a

A causa dell'impatto della carnitina sia sul muscolo che sull'utilizzazione di energia, è un supplemento ideale per migliorare uno del cuore dei muscoli- più importante del corpo.

Gli scienziati hanno esaminato le numerose applicazioni di propionyl-L-carnitina per salute cardiaca. Gli scienziati ritengono che la propionyl-L-carnitina sembri lavorare proteggendo le cellule di muscolo del cuore dal danno causato da mancanza di flusso sanguigno (ischemia) e dal danno successivo del radicale libero che possono accadere dopo ripristino di flusso sanguigno (riperfusione).39-43 la Propionyl-L-carnitina penetra rapidamente nelle cellule di muscolo del cuore,43 un pensiero di effetto per rappresentare la sua superiorità nel recupero sostenente del muscolo del cuore che segue un attacco di cuore (infarto miocardico).3,44 nei modelli animali di attacco di cuore, la propionyl-L-carnitina non solo ha impedito il danno di tessuto relativo a mancanza di flusso sanguigno (ischemia), ma inoltre ha impedito ulteriore progressione di danno attuale.45 effetti 46 dell'antiossidantedelle Propionyl-L-carnitine sono stati indicati per proteggere i tessuti animali da danno relativo ad ipertensione, un'altra fonte di pericolo per l'apparato cardiovascolare.47

Questi dati animali impressionanti hanno spinto i ricercatori ad esplorare i benefici potenziali delle propionyl-L-carnitine nella malattia cardiaca in carico in esseri umani.48 uno studio iniziale hanno dimostrato che l'amministrazione endovenosa di propionyl-L-carnitina in un piccolo gruppo di pazienti con la malattia cardiaca ischemica cronica ha migliorato la funzione ventricolare sinistra del cuore migliorando l'efficienza del muscolo cardiaco.49 in uno studio separato, la propionyl-L-carnitina notevolmente ha migliorato la tolleranza di esercizio in quelli con dolore toracico stabile, senza contribuire ai cambiamenti nella frequenza cardiaca o nella pressione sanguigna.50

A causa della vulnerabilità aumentata dei cuori dei diabetici alla lesione, i ricercatori nel 2005 hanno esaminato gli effetti di propionyl-L-carnitina sugli indicatori chimici del flusso sanguigno del muscolo del cuore durante l'ambulatorio coronario.51 gli autori di studio hanno concluso che la propionyl-L-carnitina ha migliorato gli aspetti multipli della funzione del cuore durante la chirurgia, attraverso i meccanismi che colpiscono la funzione del vaso sanguigno e del metabolismo. Questi risultati hanno implicazioni importanti per salute proteggente del cuore nei gruppi a rischio, quale la gente che ha diabete o richiede l'ambulatorio cardiaco.

Azioni utili in muscolo scheletrico

la Propionyl-L-carnitina ha effetti importanti sul muscolo scheletrico come pure cardiaco. Già del 1990, uno studio umano ha dimostrato che la propionyl-L-carnitina potrebbe combattere gli effetti distruttivi di stato dell'ossigeno e di affaticamento bassi del muscolo.52 da ora al 1997, la propionyl-L-carnitina è stata trovata per contribuire alla capacità del corpo di aumentare i depositi del glicogeno del muscolo.53 poiché il glicogeno è la forma il più immediatamente disponibile del corpo di immagazzinamento dell'energia del glucosio, questa osservazione probabilmente spiega gli effetti affaticamento-riducentesi delle propionyl-L-carnitine.

Nella malattia arteriosa periferica, di arterie ripiene di placca riducono il flusso sanguigno ai muscoli, con conseguente dolore e limitazione nelle gambe con attività. Tuttavia, gli studi molto recenti di propionyl-L-carnitina in questo contesto hanno fatto la nuova luce sul fenomeno della malattia arteriosa periferica. Un articolo pubblicato nel 2004 precisa che il dolore della malattia arteriosa periferica può anche essere causato tramite le alterazioni nel metabolismo del muscolo scheletrico.54 gli autori notano che la propionyl-L-carnitina ha aiutato la distanza di camminata della pedana mobile di aumento e può migliorare la prestazione metabolica dei muscoli scheletrici in questi pazienti.

Successo nel combattimento della disfunzione sessuale

Sia la propionyl-L-carnitina che la acetile-L-carnitina possono aiutare gli uomini con disfunzione sessuale. In uno studio, gli scienziati hanno esaminato un gruppo di uomini diabetici che soffrono dalla disfunzione erettile. Hanno trovato che gli uomini che hanno preso la propionyl-L-carnitina più Viagra® hanno mostrato i miglioramenti misurabili significativi confrontati agli uomini che hanno preso soltanto Viagra®.55

In uno studio relativo su disfunzione sessuale nei maschi di invecchiamento, i ricercatori hanno dato a pazienti il testosterone, una combinazione di acetile-L-carnitina e propionyl-L-carnitina, o placebo. Mentre sia il testosterone che la combinazione della carnitina hanno migliorato considerevolmente le costruzioni del pene di notte e del flusso sanguigno come pure l'indice internazionale di disfunzione erettile, della depressione e dei punteggi di affaticamento, la combinazione della carnitina ha superato il testosterone sulle misure della funzione erettile.56 gli autori hanno concluso che la combinazione della carnitina era particolarmente utile nel controllo la disfunzione sessuale come pure degli altri sintomi connessi con invecchiamento maschio.

Uno degli aspetti temuti di chirurgia della prostata è l'effetto collaterale potenziale di disfunzione erettile. Gli stessi ricercatori detti precedentemente inoltre hanno esaminato gli effetti di propionyl-L-carnitina e di acetile-L-carnitina nel ristabilimento della funzione sessuale dopo chirurgia della prostata radicale. Hanno concluso che la combinazione di propionyl-L-carnitina e di acetile-L-carnitina l'efficacia di Viagra® sicuro ed attendibilmente aumentato nel ristabilimento della funzione sessuale dopo chirurgia della prostata.57

La Acetile-L-carnitina Arginate può fermare Brain Aging

la Acetile-L-carnitina arginate-che è semplicemente acetile-L-carnitina con una molecola supplementare di arginina attaccare-può essere il più importante di tutte le forme di carnitina nell'impedire la malattia relativa all'età. Questa aggiunta di arginina sembra dare alla molecola l'accesso privilegiato alle cellule nervose, innescante li per gli effetti del fattore e di altro di crescita del nervo scompone importante in fattori nello sviluppo e nella funzione delle cellule nervose.58,59

la Acetile-L-carnitina da solo è conosciuta per essere neuroprotective, riducendo il tasso di morte delle cellule nervose in cellule coltivate esposte ad alcuni degli agenti neurotossici che sono importanti nello sviluppo del morbo di Alzheimer.16 l'osservazione che la acetile-L-carnitina fa hanno coltivato le cellule nervose molto più sensibili agli effetti del fattore di crescita del nervo,60,61 quindi che li salvano dagli effetti di invecchiamento, scienziati principali per cercare altri composti con questa capacità notevole. Che cosa hanno trovato era quella differenziazione rapida prodotta arginate della acetile-L-carnitina delle cellule cerebrali in anticipo nei neuroni maturi, mentre aumentavo il contenuto delle cellule di GABA, un neurotrasmettitore importante.62

Uno studio successivo ha dimostrato che il arginate della acetile-L-carnitina ha aumentato la disponibilità dei canali cruciali del calcio in cellule nervose da un fattore più di quattro-uguale più dell'aumento prodotto dal fattore di crescita del nervo stesso.59 questo significano che il arginate della acetile-L-carnitina non solo migliora la crescita delle cellule nervose, ma inoltre aumentano la loro capacità di rispondere agli ioni del calcio nell'esecuzione della loro funzione primaria di trasmissione dei segnali elettrici. Uno studio successivo ha indicato che l'effetto dei arginate della acetile-L-carnitina sui canali del calcio era responsabile della capacità del supplemento di salvare le cellule nervose nella cultura dagli effetti tossici di beta peptide dell'amiloide, che è pensato per svolgere un ruolo nel morbo di Alzheimer.63

Nel 1995, i ricercatori hanno pubblicato il notevole trovando che il arginate della acetile-L-carnitina ha stimolato la conseguenza dei neurites, le proiezioni minuscole dai corpi delle cellule nervose che conducono ai nuovi collegamenti (sinapsi) fra le cellule e permettono la segnalazione aumentata in tutto il sistema nervoso centrale (comprendendo il cervello ed il midollo spinale).64 invecchiare nel sistema nervoso centrale comprende una perdita di neuroni e una riduzione del numero delle sinapsi fra le cellule della sopravvivenza, possibilmente come conseguenza dei livelli diminuenti di fattore di crescita del nervo.64

La comprensione del gruppo di ricerca stava collegando gli effetti delle acetile-L-carnitine nell'attività di stimolazione di fattore di crescita del nervo con la capacità dei arginate della acetile-L-carnitina di aumentare la sopravvivenza delle cellule. Il loro esperimento ha dimostrato che il arginate della acetile-L-carnitina ha aumentato la conseguenza del neurite e la ha fatta indipendentemente dal fattore-significato comune della crescita che potrebbe realmente essere capace di sostituzione e non appena dall'aumento, fattore di crescita del nervo nel cervello di invecchiamento.il arginate della Acetile-L-carnitina 64 può così essere una componente chiave di una strategia terapeutica per evitare le malattie neurodegenerative di invecchiamento.

Riassunto

La scoperta della capacità della carnitina di massimizzare il rendimento del combustibile cellulare mentre minimizzare l'usura su macchinario cellulare delicato ha condotto ad una rivoluzione negli scienziati di modo pensa ad alcuno del disturbo delle circostanze relative all'età.

Il riconoscimento che parecchie formulazioni avanzate carnitina-compreso di acetile-L-carnitina, di propionyl-L-carnitina e di acetile-L-carnitina arginate-hanno gli effetti molto differenti e complementari apre la porta ai regimi “su misura„ del completamento, in cui gli individui possono scegliere i tipi di carnitine che sono i più utili nell'indirizzo della loro salute unica interessa.

Riferimenti

1. Retter AS. Carnitina ed il suo ruolo nella malattia cardiovascolare. Cuore DIS. 1999 maggio; 1(2): 108-13.

2. Hagen TM, Liu J, Lykkesfeldt J, et al. la acetile-L-carnitina d'alimentazione e l'acido lipoico ai vecchi ratti migliora significativamente la funzione metabolica mentre fanno diminuire lo sforzo ossidativo. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 19 febbraio 2002; 99(4): 1870-5.

3. Cui J, Das dk, Bertelli A, Tosaki A. Effects di L-carnitina e dei suoi derivati sulla funzione cardiaca postischemic, sulla fibrillazione ventricolare e sulla morte necrotica e apoptotica del cardiomyocyte nei cuori isolati del ratto. Mol Cell Biochem. 2003 dicembre; 254 (1-2): 227-34.

4. Bruno G, Scaccianoce S, Bonamini m., et al. Acetile-L-carnitina nel morbo di Aalzheimer: uno studio a breve termine sui neurotrasmettitori e sulle neuropeptidi di CSF. Alzheimer DIS Assoc Disord. 1995;9(3):128-31.

5. Gorini A, D'Angelo A, villa rf. Metabolismo energetico delle sottopopolazioni sinaptosomiali dai sistemi di un neurone differenti dell'ippocampo del ratto: effetto dell'amministrazione dell'L-acetilcarnitina in vivo. Ricerca di Neurochem. 1999 maggio; 24(5): 617-24.

6. Hagen TM, Yowe DL, Bartholomew JC, et al. decadimento mitocondriale in epatociti dai vecchi ratti: declini di potenziale di membrana, eterogeneità ed aumento degli ossidanti. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1° aprile 1997; 94(7): 3064-9.

7. Hagen TM, Wehr cm, BN di Ames. Decadimento mitocondriale nell'invecchiamento. Inversione con il completamento di acetile-L-carnitina e N-tert-butilico-alfa-fenilico-nitrone. Ann NY Acad Sci. 20 novembre 1998; 854:214-23.

8. Hagen TM, Ingersoll RT, Lykkesfeldt J, et al. (R) - vecchi ratti integrati con acido alfa-lipoici ha migliorato la funzione mitocondriale, danno ossidativo in diminuzione ed ha aumentato il tasso metabolico. FASEB J. 1999 febbraio; 13(2): 411-8.

9. Han D, Handelman G, Marcocci L, et al. acido lipoico aumenta la sintesi de novo di glutatione cellulare migliorando l'utilizzazione della cistina. Biofactors. 1997;6(3):321-38.

10. Burlina AP, Sershen H, Debler ea, Lajtha A. Uptake di acetile-L-carnitina nel cervello. Ricerca di Neurochem. 1989 maggio; 14(5): 489-93.

11. Inano A, Sai Y, Nikaido H, et al. permeabilità della Acetile-L-carnitina attraverso la barriera ematomeningea e partecipazione del trasportatore OCTN2 della carnitina. Droga Dispos di Biopharm. 2003 novembre; 24(8): 357-65.

12. Mecocci P, Beal MF, Cecchetti R, et al. fluidità mitocondriale della membrana e danneggiamento ossidativo di DNA mitocondriale in cervello umano dell'ANNUNCIO ed invecchiato. Mol Chem Neuropathol. 1997 maggio; 31(1): 53-64.

13. Caporeparto PJ, JUNIOR di Perez-polo, Angelucci L, la TA di Ramacci, Taglialatela G. Effects del trattamento della acetile-L-carnitina e dell'esposizione di sforzo sul livello del mRNA del ricevitore di fattore di crescita del nervo (p75NGFR) nel sistema nervoso centrale dei ratti invecchiati. Psichiatria di biol di Prog Neuropsychopharmacol. 1995 gennaio; 19(1): 117-33.

14. Manfridi A, Forloni GL, rrigoni-Martelli E, Mancia M. Culture dei neuroni del ganglio di radice dorsale dai ratti invecchiati: effetti di acetile-L-carnitina e di NGF. Sviluppatore Neurosci di Int J. 1992 agosto; 10(4): 321-9.

15. HM di Abdul, Calabrese V, Calvani m., Butterfield DA. da su-regolamento indotto da acetile delle proteine del colpo di calore protegge i neuroni corticali dal amiloide-beta sforzo e neurotossicità ossidativi del peptide 1-42-mediated: Implicazioni per il morbo di Alzheimer. Ricerca di J Neurosci. 21 aprile 2006.

16. Dhitavat S, Ortiz D, TB del karitè, Rivera ER. la Acetile-L-carnitina protegge da amiloide-beta neurotossicità: ruoli di bufferizzazione e dei livelli ossidativi di ATP. Ricerca di Neurochem. 2002 giugno; 27(6): 501-5.

17. Forloni G, Angeretti N, attività di Smiroldo S. Neuroprotective di acetile-L-carnitina: studi in vitro. Ricerca di J Neurosci. 1994 gennaio; 37(1): 92-6.

18. JO dei ruscelli, III, Yesavage JA, Carta A, L-carnitina di Bravi D. Acetyl rallenta il declino in più giovani pazienti con il morbo di Alzheimer: un rianalisi di una prova alla cieca, studio controllato con placebo facendo uso dell'approccio trilineare. Int Psychogeriatr. 1998 giugno; 10(2): 193-203.

19. Pettegrew JW, Klunk NOI, Panchalingam K, Kanfer JN, McClure RJ. Effetti del neurochemical e clinici di acetile-L-carnitina nel morbo di Alzheimer. Invecchiamento di Neurobiol. 1995 gennaio; 16(1): 1-4.

20. Bianchetti A, Rozzini R, Trabucchi M. Effects di acetile-L-carnitina nei pazienti del morbo di Alzheimer insensibili agli inibitori dell'acetilcolinesterasi. Curr Med Res Opin. 2003;19(4):350-3.

21. Montgomery SA, Thal LJ, Amrein R. Meta-analysis di doppi test clinici controllati randomizzati ciechi di acetile-L-carnitina contro placebo nel trattamento di danno conoscitivo delicato e del morbo di Alzheimer delicato. Int Clin Psychopharmacol. 2003 marzo; 18(2): 61-71.

22. Pettegrew JW, Levine J, Gershon S, et al. studio 31P-MRS sul trattamento della acetile-L-carnitina nella depressione geriatrica: risultati preliminari. Disord bipolare. 2002 febbraio; 4(1): 61-6.

23. RA di Cruciani, Dvorkin E, Homel P, et al. completamento della L-carnitina per il trattamento di affaticamento ed umore depresso in malati di cancro con la carenza della carnitina: un'analisi preliminare. Ann NY Acad Sci. 2004 novembre; 1033:168-76.

24. Zanardi R, Smeraldi E. Una prova alla cieca, test clinico randomizzato e controllato di acetile-L-carnitina contro il amisulpride nel trattamento del dysthymia. EUR Neuropsychopharmacol. 2006 maggio; 16(4): 281-7.

25. Tomassini V, Pozzilli C, Onesti E, et al. confronto degli effetti della L-carnitina dell'acetile ed amantadina per il trattamento di affaticamento nella sclerosi a placche: risultati di un pilota, randomizzati, prova alla cieca, prova dell'incrocio. J Neurol Sci. 15 marzo 2004; 218 (1-2): 103-8.

26. Vermeulen RC, ORA di Scholte. Etichetta aperta esplorativa, studio randomizzato dell'acetile e propionylcarnitine nella sindrome cronica di affaticamento. Med di Psychosom. 2004 marzo; 66(2): 276-82.

27. Risposte neurofisiologico di Bianchi G, di Vitali G, di Caraceni A, et al. sintomatico e da di neuropatia indotta da cisplatino o del paclitaxel- aacetile-L-carnitina orale. Cancro di EUR J. 2005 agosto; 41(12): 1746-50.

28. Moyle GJ, neuropatia di Sadler M. Peripheral con le antiretrovirali del nucleosidico: fattori di rischio, incidenza e gestione. FAS della droga. 1998 dicembre; 19(6): 481-94.

29. Pisano C, Pratesi G, Laccabue D, et al. Paclitaxel e da neurotossicità indotta da cisplatino: un ruolo protettivo di acetile-L-carnitina. Ricerca del Cancro di Clin. 15 novembre 2003; 9(15): 5756-67.

30. Maestri A, De Pasquale CA, Cundari S, et al. Uno studio pilota sull'effetto di acetile-L-carnitina in da neuropatia periferica indotta da cisplatino e del paclitaxel-. Tumori. 2005 marzo; 91(2): 135-8.

31. Ghirardi O, GP di Lo, Pisano C, et al. Acetile-L-carnitina impedisce e ritorna la neurotossicità cronica sperimentale indotta dall'oxaliplatino, senza alterare le sue proprietà antitumorali. Ricerca anticancro. 2005 luglio; 25(4): 2681-7.

32. Hart, ANNUNCIO di Wilson, Montovani C, et al. Acetile-l-carnitina: una patogenesi ha basato il trattamento per la neuropatia tossica antiretrovirale HIV-collegata. AIDS. 23 luglio 2004; 18(11): 1549-60.

33. Osio m., Muscia F, Zampini L, et al. Acetile-l-carnitina nel trattamento di neuropatia tossica antiretrovirale dolorosa nei pazienti del virus dell'immunodeficienza umana: uno studio aperto dell'etichetta. Sistema di J Peripher Nerv. 2006 marzo; 11(1): 72-6.

34. Raccah D. Physiopathology delle neuropatie diabetiche. Esplorazione funzionale della partecipazione periferica. Diabete Metab. 1998 novembre; 24 3:73 del supplemento - 8.

35. De GD, Acetile-L-carnitina di Minardi C. (levacecarnine) nel trattamento di neuropatia diabetica. Un a lungo termine, randomizzato, prova alla cieca, studio controllato con placebo. Droghe R D. 2002; 3(4): 223-31.

36. Sima aa, Calvani m., Mehra m., Acetile-L-carnitina di Amato A. migliora il dolore, la rigenerazione del nervo e la percezione vibratoria in pazienti con la neuropatia diabetica cronica: un'analisi di due ha randomizzato le prove controllate con placebo. Cura del diabete. 2005 gennaio; 28(1): 89-94.

37. Hart, Wiberg m., Youle m., acetile-L-carnitina di Terenghi G. Systemic elimina la perdita di un neurone sensoriale dopo axotomy periferico: un nuovo approccio clinico in gestione del trauma periferico del nervo. Exp Brain Res. 2002 luglio; 145(2): 182-9.

38. Feher J, Papale A, Mannino G, Gualdi L, GASCROMATOGRAFIA di Balacco. Composti di Mitotropic per il trattamento di degenerazione maculare senile. L'approccio metabolico e uno studio pilota. Ophthalmologica. 2003 settembre; 217(5): 351-7.

39. Hotta N, KOH N, Sakakibara F, et al. effetto di propionyl-L-carnitina su conduzione del nervo motore, funzione cardiaca autonoma e flusso sanguigno del nervo in ratti con da diabete indotto streptozotocin: confronto con un inibitore della riduttasi dell'aldoso. J Pharmacol Exp Ther. 1996 gennaio; 276(1): 49-55.

40. Hotta N, KOH N, Sakakibara F, et al. effetti di propionyl-L-carnitina e di insulina sull'elettroretinogramma, conduzione del nervo e flusso sanguigno del nervo in ratti con da diabete indotto streptozotocin. Pflugers Arch. 1996 febbraio; 431(4): 564-70.

41. Micheletti R, Giacalone G, Bianchi G. Effect di propionyl-L-carnitina sui meccanismi a destra e a sinistra dei muscoli papillari dai cuori volume-sovraccaricati del ratto. J Cardiovasc Pharmacol. 1996 gennaio; 27(1): 52-7.

42. Effetti di Shug A, di Paulson D, di Subramanian R, di Regitz V. Protective di propionyl-L-carnitina durante l'ischemia e riperfusione. Cardiovasc droga Ther. 1991 febbraio; 5 1:77 del supplemento - 83.

43. Lango R, Smolenski RT, Narkiewicz m., Suchorzewska J, Lysiak-Szydlowska W. Influence di L-carnitina e dei suoi derivati su metabolismo e sulla funzione del miocardio nella malattia cardiaca ischemica e durante l'esclusione cardiopolmonare. Ricerca di Cardiovasc. 2001 luglio; 51(1): 21-9.

44. Broderick TL, Driedzic W, Paulson DJ. effetti della Propionyl-L-carnitina sul recupero postischemic di ossidazione di funzione e del substrato del cuore nel ratto diabetico. Mol Cell Biochem. 2000 marzo; 206 (1-2): 151-7.

45. Sethi R, Wang X, Ferrari R, Dhalla NS. Miglioramento della funzione cardiaca e della trasduzione beta adrenergica del segnale dalla L-carnitina di propionyl nel guasto di scompenso cardiaco dovuto infarto miocardico. Arteria DIS di Coron. 2004 febbraio; 15(1): 65-71.

46. EL Alaoui-Talibi Z, Guendouz A, Moravec m., Moravec J. Control di metabolismo ossidativo nei cuori volume-sovraccaricati del ratto: effetto di propionyl-L-carnitina. J Physiol. 1997 aprile; 272 (4 pinte 2): H1615-24.

47. Gomez-Amores L, accoppia A, Revilla E, Santa Maria C, Vazquez cm. Attività antiossidante di propionyl-L-carnitina in fegato e nel cuore di ratti spontaneamente ipertesi. Vita Sci. 20 marzo 2006; 78(17): 1945-52.

48. Ferrari R, De GF. L'ipotesi della propionyl-L-carnitina: un metodo alternativo a curare infarto. Venire a mancare della carta di J. 1997 settembre; 3(3): 217-24.

49. Chiddo A, Gaglione A, Musci S, et al. studio emodinamico di propionyl-L-carnitina endovenosa in pazienti con la malattia cardiaca ischemica e funzione ventricolare sinistra normale. Cardiovasc droga Ther. 1991 febbraio; 5 supplementi 1:107-11.

50. Lagioia R, Scrutinio D, SG di Mangini, et al. Propionyl-L-carnitina: un nuovo composto nell'approccio metabolico al trattamento di angina di sforzo. Int J Cardiol. 1992 febbraio; 34(2): 167-72.

51. Lango R, Smolenski RT, Rogowski J, et al. Propionyl-L-carnitina migliora l'emodinamica e gli indicatori metabolici di aspersione cardiaca durante l'ambulatorio coronario in pazienti diabetici. Cardiovasc droga Ther. 2005 agosto; 19(4): 267-75.

52. GG di Corbucci, effetti di Montanari G, di Mancinelli G, di D'Iddio S. Metabolic indotti da L-carnitina e propionyl-L-carnitina nel tessuto hypoxic umano del muscolo durante l'esercizio. Ricerca di Int J Clin Pharmacol. 1990;10(3):197-202.

53. Brevetti G, entrata m., De A, V, et al. cambia nell'istologia e nel metabolismo del muscolo scheletrico in pazienti che subiscono l'esercizio che deconditioning: effetto di propionyl-L-carnitina. Nervo del muscolo. 1997 settembre; 20(9): 1115-20.

54. Hiatt WR. Carnitina e malattia arteriosa periferica. Ann NY Acad Sci. 2004 novembre; 1033:92-8.

55. Gentile V, Vicini P, Prigiotti G, Koverech A, Di SF. Osservazioni preliminari sull'uso di propionyl-L-carnitina congiuntamente a sildenafil in pazienti con disfunzione erettile e diabete. Curr Med Res Opin. 2004 settembre; 20(9): 1377-84.

56. Cavallini G, Caracciolo S, Vitali G, Modenini F, Biagiotti G. Carnitine contro l'amministrazione dell'androgeno nel trattamento di disfunzione sessuale, dell'umore depresso e dell'affaticamento si è associato con invecchiamento maschio. Urologia. 2004 aprile; 63(4): 641-6.

57. Cavallini G, Modenini F, Vitali G, Acetile-L-carnitina di Koverech A. più propionyl-L-carnitina migliora l'efficacia di sildenafil nel trattamento di disfunzione erettile dopo la prostatectomia retropubica radicale nervo-con parsimonia bilaterale. Urologia. 2005 novembre; 66(5): 1080-5.

58. Rampello L, Giammona G, Aleppo G, Favit A, azione di Fiore L. Trophic di acetile-L-carnitina nelle culture di un neurone. Acta Neurol (Napoli). 1992 febbraio; 14(1): 15-21.

59. Tewari K, Simard JM, Peng YB, Werrbach-Perez K, JUNIOR di Perez-polo. densità del canale del calcio di aumenti dell'amide di arginyl della Acetile-L-carnitina (ST857) in cellule della feocromocitoma del ratto (PC12). Ricerca di J Neurosci. 15 febbraio 1995; 40(3): 371-8.

60. Taglialatela G, Angelucci L, la TA di Ramacci, et al. Acetile-L-carnitina migliora la risposta delle cellule PC12 al fattore di crescita del nervo. Brain Res Dev Brain Res. 24 aprile 1991; 59(2): 221-30.

61. Taglialatela G, Angelucci L, la TA di Ramacci, et al. stimolazione dei ricevitori di fattore di crescita del nervo in PC12 da acetile-L-carnitina. Biochimica Pharmacol. 4 agosto 1992; 44(3): 577-85.

62. Westlund KN, LU Y, Werrbach-Perez K, et al. effetti del fattore di crescita del nervo e dell'amide di arginyl della acetile-L-carnitina sulla linea di un neurone umana HCN-1A. Sviluppatore Neurosci di Int J. 1992 ottobre; 10(5): 361-73.

63. Scorziello A, Meucci O, Calvani m., amide dell'arginina della Acetile-L-carnitina di Schettini G. impedisce la beta neurotossicità 25-35-induced in cellule cerebellari del granello. Ricerca di Neurochem. 1997 marzo; 22(3): 257-

64. Taglialatela G, Navarra D, Olivi A, et al. conseguenza di Neurite in cellule PC12 stimolate dall'amide dell'arginina della acetile-L-carnitina. Ricerca di Neurochem. 1995 gennaio; 20(1): 1-9.