Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine settembre 2006
immagine

Protezione cardiaca dell'ampio spettro con l'olio di pesce


Abbassi i trigliceridi, riduca l'aritmia e la crescita lenta della placca con Omega-3s Da William Davis, MD

Olio di pesce: Migliore fonte di Omega-3s

Strategie di dosaggio Omega-3

Per aiutare i miei pazienti a ridurre i loro fattori di rischio della malattia cardiovascolare, suggerisco mg 1200 al giorno degli acidi grassi omega-3 (EPA + DHA). Nella mia pratica clinica, ho notato che questa dose rende i miglioramenti misurabili nei fattori di rischio cardiovascolari. Lle dosi Omega-3 di mg 1800 al giorno possono fornire ancora i più notevoli benefici e questa è la dose che utilizziamo comunemente nel nostro programma per aiutare la malattia cardiaca inversa. Per indirizzare i livelli elevati del trigliceride, la mia clinica raccomanda spesso mg 1200-3000 al giorno degli acidi grassi omega-3.

L'olio di pesce ed il pesce con acqua fredda sono le fonti concentrate di EPA e di DHA. Una fonte secondaria e molto più di meno concentrata è acido alfa-linoleico dal seme di lino, dall'olio di semi di lino, dalle noci e dall'olio del canola. Tuttavia, soltanto una piccola parte di acido alfa-linoleico ingerito è convertita in attivo EPA o DHA.26 sebbene l'acido linolenico possa fornire le indennità-malattia uniche dei suoi propri, l'olio di pesce rimane di gran lunga la fonte più abbondante di omega-3s cuore-sano.

Esempio di successo: Cambiamenti notevoli nei risultati dei test del sangue di Stacy

Ho consigliato Stacy di richiedere a 2700 mg di acidi grassi omega-3 ogni giorno. Ha scelto una basso potenza, olio di pesce a basso costo che ha richiesto nove capsule di essere consumato ogni giorno. Ha compiuto questa richiedendo a tre capsule tre tempi al giorno con i pasti. Stacy ha richiesto più della maggior parte della gente, dovuto i suoi trigliceridi insolitamente elevati. In parecchie settimane, tuttavia, era dal pericolo immediato: il omega-3s ha indotto i suoi trigliceridi a precipitarsi a 344 mg/dL.

Durante i prossimi mesi, abbiamo consigliato Stacy sulla riduzione della sua assunzione dei carboidrati elaborati come i cracker, i cereali da prima colazione, del ciambellina salato ed altri prodotti grano-contenenti. Inoltre la abbiamo consigliata di evitare lo sciroppo di amido ad alta percentuale di fruttosio, un additivo alimentare comune che contribuisce ai livelli elevati del trigliceride e di ridurre il suo peso da circa 20 libbre. Stacy ha compiuto tutto questo. Il suo pannello del sangue più recente ha mostrato un colesterolo totale di 165 mg/dL, i trigliceridi di 144 mg/dL, HDL di 70 mg/dL e LDL di 66 mg/dL.

Sebbene un caso estremo, l'esperienza di Stacy dimostri che gli acidi grassi omega-3 quali EPA e DHA possono formare il fondamento di una strategia potente per ridurre drammaticamente i livelli di lipidi pericolosamente alti del sangue senza l'uso dei farmaci da vendere su ricetta medica.

Nessun farmaco di prescrizione può fornire i risultati profondi che Stacy ha ottenuto dagli acidi grassi omega-3 in olio di pesce. Se non avessimo olio di pesce a nostra disposizione, avrebbe richiesto almeno tre farmaci supplementari di prescrizione ma avrebbe raggiunto meno di 50% del beneficio. 

Se fossi costretto a scegliere un supplemento per impedire la malattia cardiaca, sceglierei gli acidi grassi omega-3 dall'olio di pesce senza esitazione. Quando testimoniate le cause genetiche ed acquistate nascoste della malattia cardiaca che identifichiamo nel nostro programma di malattia-inversione del cuore, sviluppate il nuovo rispetto per il potere dell'olio di pesce. In molti casi, l'olio di pesce non solo corregge ma elimina questi modelli. È stato responsabile di molto del nostro successo.

Conclusione

Gli acidi grassi polinsaturi Omega-3 quali EPA e DHA proteggono la salute cardiovascolare nei modi innumerevoli, combattenti parecchi fattori di rischio cardiovascolari estremamente importanti.

 

“In termini di suo impatto potenziale su salute nel mondo occidentale, “il omega-3„ storia può un certo giorno essere osservato come uno degli più importanti nella storia di scienza nutrizionale moderna.„

Dott. William Harris
Istituto del cuore dell'Mezzo America di St Luke
Università di città di Missouri-Kansas

La ricerca dimostra chiaramente che questi grassi cruciali contribuiscono ad impedire le aritmia micidiali del cuore e la morte cardiaca improvvisa. Efficacia di manifestazione di Omega-3s nel combattimento cheprovoca i processi infiammatori e che evita il fenomeno insidioso di disfunzione endoteliale. Gli acidi grassi Omega-3 hanno effetti di riduzione dei trigliceridi potenti e forniscono l'assegno complementare di riduzione della pletora del dopo-pasto di grasso nella circolazione sanguigna, un fattore di rischio emergente per la malattia cardiovascolare. Ancora, gli acidi grassi omega-3 contribuiscono a stabilizzare la placca aterosclerotica pericolosa ed ad impedire i coaguli di sangue pericolosi.

Questi effetti cuore-protettivi complessi degli acidi grassi omega-3 fanno la parte dell'olio di pesce del fondamento di una strategia nutrizionale per difendersi dalla malattia cardiovascolare e dal colpo.

Il Dott. William Davis è un autore, un conferenziere e un cardiologo che pratica a Milwaukee, WI. È fondatore della pista la vostra placca, un programma di prevenzione delle malattie del cuore che mostra come usare le ricerche del cuore di CT per controllare la placca coronaria. Può essere contattato con www.trackyourplaque.com.

Continuato sulla promessa di manifestazione degli acidi grassi Omega-3 nel combattimento dei Cancri micidiali

Riferimenti

1. Menuet R, Lavie CJ, Milani rv. Importanza e gestione della dislipidemia nella sindrome metabolica. J Med Sci. 2005 dicembre; 330(6): 295-302.

2. Ebbesson COSÌ, Risica PM, Ebbesson LO, Kennish JM, Tejero ME. Gli acidi grassi Omega-3 migliorano la tolleranza al glucosio e le componenti della sindrome metabolica in eschimesi d'Alasca: il progetto dell'Alaska Siberia. Salute polare di Int J. 2005 settembre; 64(4): 396-408.

3. Ostacoli il EM, Lichtenstein ah, Chung la m., Kupelnick la B, la masticazione la P, Lau J. Effects degli acidi grassi omega-3 sugli indicatori del siero del rischio della malattia cardiovascolare: Una rassegna sistematica. Aterosclerosi. 9 marzo 2006; [Epub davanti alla stampa]

4. Harris WS, Ginsberg HN, Arunkul N, et al. sicurezza ed efficacia di Omacor nell'ipertrigliceridemia severa. Rischio di J Cardiovasc. 1997 ottobre-dicembre; 4 (5-6): 385-91.

5. Lipoproteine di Karpe F, di Steiner G, di Uffelman K, di Olivecrona T, di Hamsten A. Postprandial e progressione di aterosclerosi coronaria. Aterosclerosi. 1994 marzo; 106(1): 83-97.

6. I chilomicroni di Westphal S, di Orth m., di Ambrosch A, di Osmundsen K, di Luley C. Postprandial e VLDLs in hypertriacylglycerolemia severo sono abbassati più efficacemente dei resti di chilomicrone dopo il trattamento con gli acidi grassi n-3. J Clin Nutr. 2000 aprile; 71(4): 914-20.

7. Connor SL, Connor NOI. Sono gli oli di pesce utili nella prevenzione e nel trattamento della coronaropatia? J Clin Nutr. 1997 ottobre; 66 (4 supplementi): 1020S-31S.

8. Abeywardena MIO, RJ capo. Funzione a catena lunga degli acidi grassi polinsaturi n-3 e del vaso sanguigno. Ricerca di Cardiovasc. 2001 dicembre; 52(3): 361-71.

9. Thies F, Garry JM, Yaqoob P, et al. associazione degli acidi grassi polinsaturi n-3 con stabilità delle placche aterosclerotiche: una prova controllata randomizzata. Lancetta. 8 febbraio 2003; 361(9356): 477-85.

10. SEDERE di Watkins, Li Y, Lippman LUI, Seifert MF. Acidi grassi polinsaturi Omega-3 e salute scheletrica. Med di biol di Exp. 2001 giugno; 226(6): 485-97.

11. Ciubotaru I, Lee YS, vaga RC. L'olio di pesce dietetico fa diminuire la proteina C-reattiva, interleukin-6 ed il triacilglicerolo al rapporto del HDL-colesterolo in donne postmenopausali sulla terapia ormonale sostitutiva. Biochimica di J Nutr. 2003 settembre; 14(9): 513-21.

12. Adam O, Beringer C, Kless T, et al. effetti antinfiammatori di una dieta dell'acido arachidonico e di un olio di pesce bassi in pazienti con l'artrite reumatoide. Rheumatol Int. 2003 gennaio; 23(1): 27-36.

13. DH di Solomon. Inibitori selettivi del ciclo-ossigenasi 2 ed eventi cardiovascolari. Rheum di artrite. 2005 luglio; 52(7): 1968-78.

14. Hippisley-Cox J, Coupland C. Risk di infarto miocardico in pazienti che prendono gli inibitori cyclo-oxygenase-2 o anti-infiammatori non steroidei convenzionali: analisi annidata basata sulla popolazione di caso-control. BMJ. 11 giugno 2005; 330(7504): 1366.

15. Cleland LG, James MJ. Oli marini affinchè effetto-tempo antinfiammatorio prendano azione. J Rheumatol. 2006 febbraio; 33(2): 207-9.

16. Foglia A. Sull'rianalisi del GISSI-Prevenzione. Circolazione. 23 aprile 2002; 105(16): 1874-5.

17. Bassuk ss, Rifai N, Ridker PM. proteina C-reattiva di Alto-sensibilità: importanza clinica. Curr Probl Cardiol. 2004 agosto; 29(8): 439-93.

18. Lopez-Garcia E, MB di Schulze, Manson JE, et al. consumo (n-3) degli acidi grassi è collegato con i biomarcatori del plasma di infiammazione e dell'attivazione endoteliale in donne. J Nutr. 2004 luglio; 134(7): 1806-11.

19. Vanschoonbeek K, Feijge MAH, Paquay m., et al. effetto hypocoagulant variabile dell'assunzione dell'olio di pesce in esseri umani: modulazione del livello del fibrinogeno e della generazione della trombina. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2004 settembre; 24(9): 1734-40.

20. Sbavi il ml, Fehily, Gilbert JF, et al. gli effetti dei cambiamenti in grasso, il pesce e le assunzioni della fibra sulla morte e sul re-infarto del miocardio: prova di re-infarto e di dieta (DARDO). Lancetta. 1989 settembre 30; 2(8666): 757-61.

21. Consumo di Albert cm, di Hennekens CH, di O'Donnell CJ, et al. di pesce e rischio di morte cardiaca improvvisa. JAMA. 7 gennaio 1998; 279(1): 23-8.

22. Ricercatori di GISSI-Prevenzione. Completamento dietetico con gli acidi grassi polinsaturi n-3 e la vitamina E dopo infarto miocardico: risultati della prova di GISSI-Prevenzione. Lancetta. 7 agosto 1999; 354(9177): 447-55.

23. Copre di foglie A, Albert il cm, Josephson la m., et al. prevenzione delle aritmia mortali negli oggetti ad alto rischio dall'assunzione dell'acido grasso dell'olio di pesce n-3. Circolazione. 1° novembre 2005; 112(18): 2762-8.

24. Acidi grassi eb, et al. n-3 di Christensen JH, di Riahi S, di Schmidt ed aritmia ventricolari in pazienti con la cardiopatia ischemica ed i defibrillatori impiantabili del cardioverter. Europace. 2005 luglio; 7(4): 338-44.

25. Calo L, Bianconi L, Colivichi F, et al. acidi grassi N-3 per la prevenzione di fibrillazione atriale dopo la chirurgia del bypass coronarico: una prova randomizzata e controllata. J Coll Cardiol. 17 maggio 2005; 45(10): 1723-8.

26. GASCROMATOGRAFIA di Burdge, PC di Calder. Conversione di acido alfa-linoleico agli acidi grassi polinsaturi della lungo-catena in adulti umani. Sviluppatore di Reprod Nutr. 2005 settembre-ottobre; 45(5): 581-97.