Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine settembre 2006
immagine

Promessa di manifestazione degli acidi grassi Omega-3 nel combattimento dei Cancri micidiali


Da Julius G. Goepp, MD

Pelle dello schermo di Omega-3s contro Cancro indotto dalla luce UV

L'esposizione a luce (UV) ultravioletta contribuisce a parecchi generi di cancro di pelle. Per più di una decade, gli scienziati hanno saputo che i grassi omega-3 contribuiscono a ridurre la sensibilità della pelle ai raggi UV.37

I ricercatori recentemente hanno scoperto che omega-3s può contribuire a ridurre la risposta di pelle infiammatoria conosciuta comunemente come la solarizzazione, in parte abbassando i livelli di prostaglandina infiammatoria. Dopo gli adulti completati con EPA per tre mesi, hanno richiesto le dosi elevate molto di radiazione UV per arrossire la loro pelle e non hanno avvertito l'infiammazione aumentata che seguisse solitamente l'esposizione del sole.38

Uno studio successivo indica che gli acidi grassi omega-3 possono ridurre il rischio per il cancro di pelle. In adulti che hanno completato con il quotidiano di EPA per tre mesi, il completamento omega-3 ha fatto diminuire la suscettibilità della pelle per bruciare ed ha ridotto di 50% l'espressione di un gene connesso con il cancro di pelle indotto dalla luce UV. Inoltre, gli individui completati hanno avuti significativamente meno indotto dalla luce UV irrompe i fili del DNA.

Il completamento di EPA può contribuire così a proteggere da da danno indotto da UV del DNA che può condurre a cancro ed il completamento a lungo termine può contribuire a ridurre il rischio di cancro di pelle in esseri umani.39

Omega-3s migliorano gli effetti delle droghe di Cancro-combattimento

Nella ricerca di efficaci regimi di Cancro-combattimento, gli scienziati hanno esplorato l'efficacia di combinazione degli acidi grassi omega-3 con le droghe farmaceutiche convenzionali. La prova emozionante suggerisce che di omega-3s l'aiuto realmente per sensibilizzare le cellule tumorali agli effetti della chemioterapia standard droghi. Per esempio, i ricercatori hanno trovato che le cellule tumorali con un'più alta concentrazione di DHA in loro membrane erano più suscettibili della morte delle cellule dall'amministrazione della doxorubicina della droga della chemioterapia.40

I simili risultati sinergici sono stati trovati quando DHA si è aggiunto alle droghe della chemioterapia nella famiglia di taxano, quali Taxol® e Taxotere®. Gli aumenti drammatici nella morte delle cellule del tumore hanno accaduto non solo quando DHA e la droga sono stati amministrati insieme, ma anche quando DHA è stato dato prima della droga. Ciò suggerisce che l'amministrazione di DHA potrebbe contribuire a preparare i pazienti per la chemioterapia con le droghe di taxano, miglioranti l'efficacia delle droghe nel cancro di combattimento.41

Omega-3s inibiscono i composti infiammatori

L'infiammazione nascosta e impercettibile ora è riconosciuta per il suo ruolo nell'avviamento della catena degli eventi che conducono alla malattia cardiaca e ad altre malattie. Gli acidi grassi Omega-3 sopprimono i punti multipli in questo processo infiammatorio, inibente la produzione delle citochine e delle prostaglandine infiammatorie. Ancora, i grassi omega-3 amplificano la produzione dei composti antinfiammatori. Questi effetti antinfiammatori possono avere implicazioni importanti per la malattia cardiaca combattente e numeroso altri processi di malattia connessi con eccessiva infiammazione.10-16

Un indicatore importante di infiammazione nel corpo conosciuto come proteina C-reattiva (CRP) è associato con un rischio aumentato di malattia cardiovascolare. La alto-sensibilità di misurazione CRP è un metodo emergente di rilevazione l'infiammazione nascosta e del suo rischio collegato della malattia cardiovascolare.17 alcuni scienziati hanno osservato che quella gente che consumano una maggior quantità di acidi grassi omega-3 dimostri i livelli più bassi di questo fattore di rischio cardiovascolare, suggerenti che il completamento omega-3 potrebbe contribuire ad impedire la malattia cardiovascolare combattendo l'infiammazione.18

Omega-3s promuovono guarire dalla chirurgia del Cancro

La ricerca emergente suggerisce che gli acidi grassi omega-3 possano contribuire a combattere l'infiammazione ed impedire l'infezione in individui che subiscono il trattamento chirurgico per cancro. Il trattamento chirurgico affatto del genere provoca una risposta infiammatoria potente e immediata, accoppiata spesso con soppressione immune, che può condurre alle infezioni. Tali sfide infiammatorie ed immuni possono vuotare le risorse del corpo per il recupero.5 acidi grassi Omega-3 possono contribuire a sostenere la guarigione dalla chirurgia del cancro.

I ricercatori hanno notato che gli acidi grassi omega-3 riducono i livelli di infiammazione mentre amplificano le risposte immunitarie utili, fornenti “un uno-due„ per sopprimere l'infiammazione postoperatoria offensiva e per ridurre il rischio di infezioni postoperatorie.5

Gli acidi grassi Omega-3 possono anche essere estremamente importanti per i malati di cancro che devono subire la chirurgia.Il completamento 42 Omega-3 è stato associato con meno complicazioni di chirurgia come pure con il più breve ospedale resta.43,44 a causa degli effetti d'assottigliamento modesti degli acidi grassi omega-3, i pazienti dovrebbero consultare i loro chirurghi prima di cominciare il completamento.45

In uno studio, gli acidi grassi omega-3 hanno fornito i benefici importanti per i pazienti che hanno subito la chirurgia per i cancri intestinali. Coloro che ha completato con gli acidi grassi omega-3 prima e dopo chirurgia hanno avvertito meno complicazioni ed infezioni hanno confrontato ai pazienti che non hanno completato. Ulteriormente, i costi complessivi del trattamento chirurgico erano sostanzialmente più bassi nel gruppo di omega-3-supplemented. Gli acidi grassi Omega-3 possono aiutare così gli individui a tollerare meglio il trattamento chirurgico di cancro.46

Un simile studio ha indicato che pazienti che hanno ricevuto i supplementi omega-3 prima che l'ambulatorio per cancro colorettale dimostrasse le migliori risposte immunitarie e drammaticamente più in basso incidenze dell'infezione. Omega-3s contribuito così per promuovere guarigione rapida dalla chirurgia in malati di cancro. Questo studio può avere vaste implicazioni per molti tipi di pazienti che subiscono la chirurgia.47

Conclusione

Delle molte indennità-malattia ha conferito omega-3 dagli acidi grassi, la loro capacità di impedire lo sviluppo di cancro acquietando l'infiammazione pericolosa e promuovere l'espressione genica sana può essere fra il più significativo.

Questi grassi essenziali tengono similarmente la promessa uguale per coloro che già sta combattendo il cancro, poichè i nuovi risultati suggeriscono che omega-3s possa esercitare gli effetti di Cancro-combattimento da solo o congiuntamente alle terapie farmaceutiche. Gli acidi grassi Omega-3 possono contribuire ad impedire l'infezione e le complicazioni nella gente che subisce il trattamento chirurgico per cancro e possono contribuire ad alleviare uno delle manifestazioni più devastanti di cancro, dell'affaticamento e della perdita di peso conosciuti come cachessia.

Mentre gli studi supplementari sono necessari, i risultati della ricerca fin qui suggeriscono che gli acidi grassi omega-3 possano svolgere un ruolo importante sia nell'impedire il cancro che nell'aumento dell'efficacia delle terapie anticancro esistenti.

Continuato su Brain Food

Riferimenti

1. Caygill CP, Charlett A, collina MJ. Grasso, pesce, olio di pesce e cancro. Cancro del Br J. 1996 luglio; 74(1): 159-64.

2. Jude S, Roger S, Martel E, et al. acidi grassi a catena lunga dietetici omega-3 dell'origine marina: un confronto dei loro effetti protettivi sulla coronaropatia e sui cancri al seno. Prog Biophys Mol Biol. 2006 gennaio-aprile; 90 (1-3): 299-325.

3. Kaizer L, Boyd N-F, Kriukov V, consumo di pesce di Tritchler D. e rischio di cancro al seno: uno studio ecologico. Cancro di Nutr. 1989;12(1):61-8.

4. Hardman NOI. Acidi grassi Omega-3 per aumentare terapia del cancro. J Nutr. 2002 novembre; 132 (11 supplemento): 3508S-12S.

5. PC di Calder. acidi grassi n-3, infiammazione ed immunità-rilevanza ai pazienti postoperatori e criticamente malati. Lipidi. 2004 dicembre; 39(12): 1147-61.

6. Hirose K, Takezaki T, Hamajima N, Miura S, Tajima K. Dietary scompone protettivo in fattori contro cancro al seno in donne premenopausa e postmenopausali giapponesi. Cancro di Int J. 1° novembre 2003; 107(2): 276-82.

7. Sakauchi F, Mori m., Washio m., et al. le abitudini ed il rischio dietetici di incidenza urothelial del cancro nel JACC studiano. J Epidemiol. 2005 giugno; 15 supplementi 2: S190-5.: S190-S195.

8. Wakai K, Tamakoshi K, data C, et al. ingestioni dietetiche degli acidi grassi e grassi e rischio di cancro al seno: uno studio prospettivo nel Giappone. Cancro Sci. Sepb 2005; 96(9): 590-9.

9. CE di Roynette, PC di Calder, acidi grassi polinsaturi di Dupertuis YM, di Pichard C. n-3 e prevenzione di tumore del colon. Clin Nutr. 2004 aprile; 23(2): 139-51.

10. Bartram HP, Gostner A, Reddy BS, et al. effetto antiproliferativo di sig.na dell'olio di pesce su epitelio rettale in volontari sani che consumano una dieta ad alta percentuale di grassi: ruolo potenziale del n-3: rapporto dell'acido grasso n-6. Cancro Prev di EUR J. 1995 giugno; 4(3): 231-7.

11. Aktas H, Halperin JA. Regolazione genica di traduzione dagli acidi grassi omega-3. J Nutr. 2004 settembre; 134(9): 2487S-91S.

12. La LA di Davidson, Nguyen DV, il RM di Hokanson, et al. acidi grassi polinsaturi di Chemopreventive n-3 riprogramma le firme genetiche durante l'inizio e la progressione del tumore del colon nel ratto. Ricerca del Cancro. 15 settembre 2004; 64(18): 6797-804.

13. Bartram HP, Gostner A, Scheppach W, et al. effetti dell'olio di pesce su proliferazione rettale delle cellule, acidi grassi mucosi e rilascio della prostaglandina E2 negli individui sani. Gastroenterologia. 1993 novembre; 105(5): 1317-22.

14. Cv di Rao, Hirose Y, Indramie C, Reddy BS. Modulazione del tumorigenesis sperimentale dei due punti dai tipi e dagli importi di acidi grassi dietetici. Ricerca del Cancro. 1° marzo 2001; 61(5): 1927-33.

15. Cv di Rao, Reddy BS. Effetto di modulazione della quantità e dei tipi di grassi dietetici sulla decarbossilasi dell'ornitina, sulla chinasi proteica della tirosina e sulla produzione delle prostaglandine durante la carcinogenesi dei due punti in ratti maschii F344. Carcinogenesi. 1993 luglio; 14(7): 1327-33.

16. Wu m., KA di Harvey, Ruzmetov N, et al. acidi grassi polinsaturi Omega-3 attenua la crescita del cancro al seno con l'attivazione di una via sphingomyelinase-mediata neutrale. Cancro di Int J. 10 novembre 2005; 117(3): 340-8.

17. chilowatt SH e di Prasse di Abou-EL-Ela, Farrell RL, Carroll RW, Wade EA, Bunce O. Gli effetti della D, di L-2-difluoromethylornithine e di indometacina sulla promozione mammaria del tumore in ratti hanno alimentato alto n-3 e/o il grasso n-6 è a dieta. Ricerca del Cancro. 15 marzo 1989; 49(6): 1434-40.

18. Aronson WJ, Glaspy JA, st di Reddy, Reese D, Heber D, Bagga D. Modulation dei rapporti poli-insaturi omega-3/omega-6 con gli oli di pesce dietetici in uomini con carcinoma della prostata. Urologia. 2001 agosto; 58(2): 283-8.

19. Bagga D, Anders KH, Wang HJ, Glaspy JA. Rapporti poli-insaturi a catena lunga dell'acido grasso n-3-to-n-6 nel tessuto adiposo del seno dalle donne con e senza cancro al seno. Cancro di Nutr. 2002;42(2):180-5.

20. Gago-Dominguez m., yuan JM, CL di Sun, Lee HP, Yu MC. Effetti avversari degli acidi grassi dietetici n-3 e n-6 su carcinogenesi mammaria: Lo studio cinese di salute di Singapore. Cancro del Br J. 3 novembre 2003; 89(9): 1686-92.

21. DP di Rosa. Acidi grassi dietetici e prevenzione di cancro ormone-rispondente. Med di biol di Proc Soc Exp. Nova 1997; 216(2): 224-33.

22. DP di Rosa. Effetti degli acidi grassi dietetici sul seno e sui carcinoma della prostata: prova dagli esperimenti in vitro e dagli studi sugli animali. J Clin Nutr. Decb 1997; 66 (6 supplementi): 1513S-22S.

23. McCarty MF. “Una terapia angiostatic multifocale„ interamente nutrizionale per controllo di cancro diffuso. Med Hypotheses. 2003 luglio; 61(1): 1-15.

24. Tsuji m., SI di Murota, Mortia I, et al. acido di Docosapentaenoic (22:5, n-3) ha soppresso la metropolitana-formazione dell'attività in cellule endoteliali indotte dal fattore di crescita endoteliale vascolare. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2003 maggio; 68(5): 337-42.

25. DP di Rosa, Connolly JM. Regolamento dell'angiogenesi del tumore dagli acidi grassi e dagli eicosanoidi dietetici. Cancro di Nutr. 2000;37(2):119-27.

26. De Caterina R, acidi grassi di Massaro M. Omega-3 ed il regolamento dell'espressione dei geni pro--atherogenic e pro-infiammatori endoteliali. J Membr Biol. 2005 luglio; 206(2): 103-16.

27. Wallace JM. Modulazione nutrizionale e botanica degli cascata-eicosanoidi infiammatori, cicli-ossigenasi e lipossigenasi-come un'aggiunta nella terapia del cancro. Cancro Ther di Integr. 2002 marzo; 1(1): 7-37.

28. Hardman NOI. (n-3) acidi grassi e terapia del cancro. J Nutr. 2004 dicembre; 134 (12 supplementi): 3427S-30S.

29. Astorg P. acidi grassi polinsaturi N-6 e N-3 di Dietary e rischio di carcinoma della prostata: una rassegna di prova epidemiologica e sperimentale. Il Cancro causa il controllo. 2004 maggio; 15(4): 367-86.

30. DP di Rosa, Connolly JM. Acidi grassi Omega-3 come agenti chemopreventive del cancro. Pharmacol Ther. 1999 settembre; 83(3): 217-44.

31. JUNIOR di Hebert, Hurley TG, Olendzki BC, tè J, mA Y, Hampl JS. Fattori nutrizionali e socioeconomici relativamente a mortalità del carcinoma della prostata: uno studio transnazionale. Cancro nazionale Inst di J. 4 novembre 1998; 90(21): 1637-47.

32. MD di Brown, Hart CA, Gazi E, Bagley S, Clarke nanowatt. Promozione di migrazione metastatica prostatica verso lo stoma umano del midollo osseo da Omega 6 e la sua inibizione da Omega 3 PUFAs. Cancro del Br J. 27 marzo 2006; 94(6): 842-53.

33. Kelavkar la crescita e ricorrenza del tumore SU, di Hutzley J, di Dhir R, di Kim P, di Allen chilogrammo, di McHugh K. Prostate può essere modulato dal omega-6: rapporto omega-3 nella dieta: prostatectomia radicale di simulazione di modello dello xenotrapianto athymic del topo. Neoplasia. 2006 febbraio; 8(2): 112-24.

34. JUNIOR di Hebert, Rosen A. Nutritional, socioeconomici e fattori riproduttivi relativamente a mortalità femminile del cancro al seno: risultati da uno studio transnazionale. Il Cancro individua Prev. 1996;20(3):234-44.

35. Barascu A, Besson P, Le Floch O, Nougnoux P, Giordania ml. CDK1-cyclin B1 media l'inibizione di proliferazione indotta dagli acidi grassi omega-3 in cellule di cancro al seno MDA-MB-231. Cellula Biol. di biochimica di Int J. 2006 febbraio; 38(2): 196-208.

36. Yee LD, giovane CC, Rosol TJ, Vanbuskirk, Clinton SK. Gli acidi grassi polinsaturi dietetici (n-3) inibiscono il cancro al seno di HER-2/neu-induced in topi indipendentemente dalla rosiglitazione del legante di PPARgamma. J Nutr. 2005 maggio; 135(5): 983-8.

37. Rodi LE, O'Farrell S, Jackson MJ, Friedman PS. Il completamento dietetico dell'olio di pesce in esseri umani riduce la sensibilità di UVB-erythemal ma la perossidazione lipidica epidermica di aumenti. J investe Dermatol. 1994 agosto; 103(2): 151-4.

38. Shahbakhti H, Watson CON RIFERIMENTO A, RM di Azurdia, Ferreira CZ, Garmyn m., Rodi LE. Influenza di acido eicosapentanoico, un acido grasso omega-3, sulla generazione ultravioletta-b di prostaglandin-E2 e di citochine proinflammatory interleukin-1 beta, sull'fattore-alfa di necrosi del tumore, su interleukin-6 e su interleukin-8 in pelle umana in vivo. Photochem Photobiol. 2004 settembre; 80(2): 231-5.

39. Rodi LE, Shahbakhti H, RM di Azurdia, et al. effetto di acido eicosapentanoico, un acido grasso poli-insaturo omega-3, sul rischio di cancro in relazione con UVR in esseri umani. Una valutazione degli indicatori genotossici in anticipo. Carcinogenesi. 2003 maggio; 24(5): 919-25.

40. Maheo K, Vibet S, Steghens JP, et al. sensibilizzazione differenziale delle cellule tumorali a doxorubicina da DHA: un ruolo per il lipoperoxidation. Med libero di biol di Radic. 15 settembre 2005; 39(6): 742-51.

41. Menendez JA, Lupu R, Colomer R, et al. completamento esogeno con l'acido docosaesaenoico poli-insaturo dell'acido grasso omega-3 (DHA; 22:6n-3) migliora sinergico la citotossicità di taxano e l'espressione dell'oncogene dei downregulates Her-2/neu (c-erbB-2) in cellule di cancro al seno umane. Cancro Prev di EUR J. 2005 giugno; 14(3): 263-70.

42. Philpott m., Ferguson LR. Immunonutrition e cancro. Ricerca di Mutat. 13 luglio 2004; 551 (1-2): 29-42.

43. MD di Daly JM, di Lieberman, Goldfine J, et al. nutrizione enterale con arginina supplementare, RNA ed acidi grassi omega-3 in pazienti dopo l'operazione: risultato immunologico, metabolico e clinico. Chirurgia. 1992 luglio; 112(1): 56-67.

44. Farreras N, Artigas V, Cardona D, Rius X, triassico m., Gonzalez JA. Effetto del immunonutrition enterale postoperatorio iniziale sulla guarigione arrotolata nei pazienti che subiscono chirurgia per cancro gastrico. Clin Nutr. 2005 febbraio; 24(1): 55-65.

45. Nilsen DW, Almdahl MP, Svensson B, Vaage J, Rasmussen K, Osterud B. Lipopolysaccharide ha indotto le risposte della sintesi e di coagulazione della tromboplastina del monocito in pazienti che subiscono la chirurgia del bypass coronarico dopo il completamento preoperatorio con gli acidi grassi n-3. Thromb Haemost. 1993 dicembre; 70(6): 900-2.

46. Senkal m., Zumtobel V, Bauer KH, et al. risultato e redditività del immunonutrition enterale perioperatorio in pazienti che subiscono l'ambulatorio superiore elettivo del tratto gastrointestinale: uno studio randomizzato futuro. Arco Surg. 1999 dicembre; 134(12): 1309-16.

47. Braga m., Gianotti L, Vignali A, Carlo VD. Il completamento dell'acido grasso n-3 e dell'arginina orale preoperatoria migliora la risposta ed il risultato immunometabolic ospite dopo resezione colorettale per cancro. Chirurgia. 2002 novembre; 132(5): 805-14.

48. Bauer J, capra S, Battistutta D, et al. conformità with la prescrizione di nutrizione migliora i risultati in pazienti con cancro del pancreas non resecabile. Clin Nutr. 2005 dicembre; 24(6): 998-1004.

49. Ustioni CP, Halabi S, Clamon GH, et al. studio di fase II di capsule ad alta dose dell'olio di pesce per i pazienti con cachessia legata al cancro. Cancro. 15 luglio 2004; 101(2): 370-8.

50. Ustioni CP, Halabi S, Clamon GH, et al. studio clinico di fase I delle capsule dell'acido grasso dell'olio di pesce per i pazienti con la cachessia del cancro: studio 9473 del gruppo B di leucemia e del cancro. Ricerca del Cancro di Clin. 1999 dicembre; 5(12): 3942-7.

51. Fearon KC, Von Meyenfeldt MF, Mosè AG, et al. effetto di un supplemento orale arricchito denso dell'acido grasso N-3 di energia e della proteina su perdita di peso e di tessuto magro nella cachessia del cancro: uno studio in doppio cieco randomizzato. Intestino. 2003 ottobre; 52(10): 1479-86.

52. Mosè aw, operaio che ricopre i tetti con lastre d'ardesia C, Preston T, MD del barbiere, GASCROMATOGRAFIA di Fearon. Il dispendio energetico e l'attività fisica totale riduttori in pazienti cachectic con cancro del pancreas possono essere modulati da un'energia e da un supplemento orale denso della proteina arricchiti con gli acidi grassi n-3. Cancro del Br J. 8 marzo 2004; 90(5): 996-1002.

Continuato su Brain Food