Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine settembre 2006
immagine

Brain Food


Diriga sicuro la depressione con gli acidi grassi Omega-3 Da Mark J. Neveu, PhD

Più Americani soffrono oggi dalla depressione che mai prima. Malgrado la grande selezione dei farmaci antidepressivi sul mercato, la medicina psichiatrica convenzionale non sta riuscendo chiaramente a dirigere con successo i disturbi dell'umore che contagiano milioni di adulti.

I nuovi risultati coercitivi suggeriscono che i disordini di salute mentale quali la depressione, il disordine dell'iperattività di deficit di attenzione (ADHD) e la schizofrenia possano in effetti riflettere le carenze severe degli acidi grassi omega-3.1-4 sebbene questi acidi grassi essenziali siano critici nell'appoggio la struttura e della funzione sane del cervello, sono scioccante scarse nella dieta americana tipica.

Ulteriore esacerbare il problema è che molta gente che limita la loro assunzione di caloria con lo scopo di peso perdente o della durata d'estensione può realmente mettere in pericolo la loro salute mentale privando i loro cervelli dei grassi sufficienti omega-3.

In questo articolo, esaminiamo l'ultima ricerca che dimostra i vari modi in cui gli acidi grassi omega-3 contribuiscono a sostenere l'umore e l'attenzione ottimali mentre si difendono dalla depressione e da altri disordini di salute mentale.

La mania a bassa percentuale di grassi rifornisce l'epidemia di combustibile della depressione

Negli Stati Uniti, la saggezza popolare di lunga durata che suggerisce che tutti i grassi siano non sani sembra avere un'influenza incalcolabile sui tassi di depressione. La ricerca indica che quando l'America è andato sulla sua mania di dieta a bassa percentuale di grassi circa 25 anni fa, abbiamo gettato fuori tutti i grassi dietetici, compreso i grassi utili omega-3 come acido eicosapentanoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA). Coincidendo con questo movimento a bassa percentuale di grassi era una quantità di pratiche in continuo aumento della depressione, di ADHD e di altri stati di salute mentale.5,6 infatti, i tassi di depressione hanno stato in rialzo in ogni decade del XX secolo.7 gli Stati Uniti spendono quasi $44 miliardo all'anno sui costi in relazione con la depressione,8 e la spesa non rimborsabile media per gli adulti anziani con la depressione era nel 1999 $1.835.9

L'osservazione che molti Americani sia limitano il loro consumo di grassi che soffrono dall'umore depresso ha condotto alcuni ricercatori a suggerire che certe forme di depressione e di malattia mentale potessero essere associate con una carenza dietetica dei grassi omega-3.

Omega-3 Fats Fight Depression, migliorano Meds antidepressivo

Gli scienziati in primo luogo hanno sospettato un collegamento fra i grassi omega-3 e l'umore quando hanno notato che le popolazioni che consumano la maggior parte dei frutti di mare hanno i tassi più bassi di depressione. Per esempio, i ricercatori agli istituti della sanità nazionali hanno trovato che il più alto consumo di pesce in una nazione correla con i tassi più bassi di depressione nella sua popolazione.10 ricercatori ora stanno osservando i tassi aumentanti di depressione nelle aree del mondo che stanno muovendo a partire dalle diete tradizionali ricche di omega-3s verso le diete occidentali moderne in pieno degli alimenti trasformati che forniscono tipicamente gli importi minuscoli dei grassi utili.11

I bassi livelli di acidi grassi omega-3 possono correlare con il suicidio, il più serio di tutte le manifestazioni della depressione. Infatti, i bassi livelli ematici di grassi omega-3 sono stati collegati ad un rischio aumentato di tentato suicidio.12 in uno studio recente sugli oggetti depressi senza farmaco sopra un biennio, i bassi livelli ematici di omega-3s hanno predetto il rischio di comportamento suicida.Il completamento 13 con l'olio di pesce ha potuto potenzialmente impedire molti dei 765.000 tentativi di suicidio e di 30.000 suicidi commessi ogni anno negli Stati Uniti.

La prova crescente suggerisce similarmente un ruolo per gli acidi grassi omega-3 nel contribuire ad alleviare disattivare la depressione. Dopo recentemente l'esame dei dati scientifici più correnti, i ricercatori hanno notato che gli studi più ben progettati indicano che gli acidi grassi omega-3 avvantaggiano la gente che soffre la depressione. D'importanza, hanno notato che gli acidi grassi omega-3 hanno mostrato i risultati positivi in varie popolazioni pazienti, suggerenti che questi acidi grassi potessero fornire il sollievo per la gente di tutti gli età e generi che sono afflitti dalla depressione.2

Ancora, gli acidi grassi omega-3 possono anche avvantaggiare la gente che già sta usando le droghe antidepressive ma non stanno raggiungendo il sollievo ottimale. In uno studio, la gente che ha usato gli antidepressivi di prescrizione e completata con gli acidi grassi omega-3 ha avvertito i miglioramenti nei numerosi sintomi, compreso la depressione, l'ansia, i disturbi del sonno e la libido difficile.14

Similmente, uno studio recente dall'Inghilterra ha esaminato gli effetti degli acidi grassi omega-3 sui pazienti medicati che soffrono dalla depressione relativa a disturbo bipolare, o la malattia depressiva maniaca. Coloro che ha preso acido grasso omega-3 completano oltre ai loro antidepressivi di prescrizione hanno mostrato i più notevoli benefici confrontati ai pazienti che hanno preso soltanto gli antidepressivi.15

Questi studi impressionanti indicano che il completamento omega-3 è non solo utile contro i disturbi depressivi, ma anche possono migliorare gli effetti dei farmaci da vendere su ricetta medica usati per combattere i termini quali la depressione ed il disturbo bipolare.

Miglioramento umore e della cognizione attraverso le diverse popolazioni

Oltre ad aiutare coloro che soffre la depressione, omega-3s sembrano avvantaggiare gli individui sani non depressi mentre contribuiscono ad alleviare i sintomi dei disordini quali ADHD, la schizofrenia ed il morbo di Alzheimer.

In uno studio italiano recente, un gruppo di volontari sani cui ha completato con omega-3s per appena durante un mese ha dimostrato i numerosi benefici, compreso l'umore elevato, l'attenzione migliore e cognizione più tagliente ha avuto bisogno di per elaborazione delle informazioni complessa.16 questi risultati intriganti forniscono il sostegno scientifico alla reputazione del pesce e dei suoi oli come “alimento del cervello.„

Omega-3s può risultare essere inestimabile nel contribuire ad impedire e dirigere ADHD, che colpisce un numero crescente dei bambini, degli adolescenti e perfino degli adulti americani. Quando i livelli ematici in diminuzione di grassi omega-3 sono stati trovati in quelli ADHD di sofferenza,3 ricercatori hanno cercato di studiare se il completamento omega-3 potrebbe migliorare la curva dell'attenzione difficile ed il comportamento iperattivo nei pazienti di ADHD. Il completamento Omega-3 in effetti ha alleviato i sintomi in bambini che soffrono da ADHD mentre migliorava il risultato accademico in bambini con disordine inerente allo sviluppo di coordinazione, una circostanza caratterizzata da coordinazione difficile che a volte si presenta di concerto con i disordini di apprendimento.4

Un altro studio suggerisce che il completamento omega-3 possa complementare i farmaci di prescrizione in quelle che soffrono dalla schizofrenia. In uno studio dei pazienti con la schizofrenia persistente e severa, combinare il completamento omega-3 con i farmaci antipsicotici ha prodotto i miglioramenti notevoli rispetto al trattamento alle droghe sole.17

Oltre al collegamento a ADHD, i livelli ematici diminuiti di omega-3s sono associati con il morbo di Alzheimer, forse più temuti di tutti i disordini neurodegenerative.Il consumo 3 di pesce e di suoi oli è stato correlato con un rischio in diminuzione di sviluppare la demenza ed Alzheimer, suggerente quello livelli sani di mantenimento di grassi omega-3 può contribuire a conservare la funzione conoscitiva ed ad impedire il suo deterioramento con l'età d'avanzamento.18

Questi studi intriganti che esaminano gli effetti degli acidi grassi omega-3 sui disordini che variano da ADHD a Alzheimer suggeriscono che omega-3s possa svolgere bene un ruolo importante nella promozione della salute mentale ottimale in tutto la portata di vita umana, dall'infanzia e dall'adolescenza bene nell'età avanzata.

Supporto Brain Structure in buona salute, funzione di Omega-3s

Negli ultimi dieci anni, i neuroscenziati hanno trovato che gli acidi grassi essenziali quali EPA e DHA sono determinanti per la struttura stessa del cervello. Effettivamente, più di 60% del cervello umano consiste del grasso, che isola le cellule nervose per sostenere la segnalazione elettrica adeguata. Più di un terzo del grasso del cervello è composto di acidi grassi omega-3 come quelli trovati in olio di pesce.19 scienziati ritengono che rovesciando il trucco grasso del cervello, le carenze degli acidi grassi essenziali possano contribuire ai disturbi dell'umore.

I grassi Omega-3 possono anche avvantaggiare la salute del cervello con i loro effetti su flusso sanguigno al cervello. La carenza Omega-3 è stata trovata per fare diminuire il flusso sanguigno normale al cervello in animali-un che intrigano l'individuazione, poichè la ricerca mostra che alcuni pazienti con la depressione soffrono similarmente il flusso sanguigno compromesso ad una serie di cervello regions.20, 21 Omega-3 che gli acidi grassi possono promuovere l'umore sano assicurando il flusso sanguigno ottimale al cervello.

Ancora, la carenza omega-3 è stata correlata con i livelli in diminuzione di fosfatidilserina, un composto importante del cervello che la memoria sana di sostegni e dimostra gli effetti di depressione-combattimento in esseri umani.22-24 la fosfatidilserina è una sostanza nutriente chiave per l'assicurazione della funzione ottimale del cervello e può contribuire ad impedire il declino conoscitivo con invecchiamento.19,25

Imperfezioni degli antidepressivi di prescrizione

Poiché lo studio clinico più costoso promosso mai dal governo degli Stati Uniti ha indicato che le medicine antidepressive popolari quali Zoloft®, Effexor®, Wellbutrin® e Celexa® hanno avvantaggiato soltanto 50% dei pazienti depressi che li hanno usati, molti scienziati e medici ritengono che sia tempo di rivalutare l'approccio standard al trattamento di salute mentale.41 chiaramente, i farmaci da solo non sono sufficienti per risolvere la depressione. Ancora, molti antidepressivi popolari sono associati con gli effetti collaterali quali la nausea, il vomito, le vertigini e la sonnolenza.42

Fortunatamente, parecchi esami della prova clinica hanno concluso che gli acidi grassi omega-3 dall'olio di pesce sembrano lavorare da solo per combattere la depressione mentre però migliorando l'efficacia di determinate droghe antidepressive.2,14,29 grassi Omega-3 possono rappresentare così uno strumento cruciale nella battaglia contro sempre più forme comuni di malattia depressiva.

Aiuto Brain Health di Omega-3s combattendo infiammazione

Una carenza di omega-3s può anche compromettere la salute del cervello promuovendo l'infiammazione, che è alla base delle malattie degeneranti quali cancro, il diabete, l'artrite e la malattia cardiaca che sono accompagnate comunemente dalla depressione clinica.26-30 l'infiammazione è associata con la produzione di determinate citochine che svolgono un ruolo nell'umore depresso.31-34

Gli acidi grassi Omega-3 riducono la produzione dei composti pro-infiammatori.35 sopprimendo la cascata infiammatoria, i grassi omega-3 possono contribuire a ridurre l'incidenza della depressione.Il supporto prestatore 36,37 al collegamento fra infiammazione e la depressione, uno studio recente ha trovato che droghe che bloccano la promessa di manifestazione di infiammazione nella depressione in carico.38 un vantaggio supplementare dei supplementi omega-3 sono che possono avere meno effetti collaterali che i farmaci antinfiammatori.35

Insieme, questi studi indicano che una carenza in acidi grassi omega-3 conduce agli squilibri biochimici e ad un aumento in composti pro-infiammatori che possono contribuire allo sviluppo della depressione. Il mantenimento dell'assunzione ottimale degli acidi grassi omega-3 può così essere cruciale nell'appoggio della salute ottimale del cervello sopprimendo l'infiammazione nociva.

Fonti Omega-3 e dosaggi ottimali

L'acido grasso omega-3 conosciuto come acido alfa-linoleico è abbondante in seme di lino, olio del canola e noci. Purtroppo, gli esseri umani convertono soltanto le piccole quantità di acido alfa-linoleico in EPA e in DHA che sono critici per infiammazione d'inibizione e salute sostenente del cervello. Infatti, uno studio ha indicato che soltanto 5-15% di acido alfa-linoleico pianta-derivato è stato convertito in DHA nel corpo umano.39 così, l'olio di pesce o il pesce con acqua fredda fornisce le migliori fonti di questi acidi grassi omega-3.

L'assunzione quotidiana di media di EPA/DHA combinato in Nord America è 130 MG-nudo 10% di mg 1000 raccomandato dall'associazione americana del cuore.40 molti professionisti di salute credono che le dosi di mg 1000-2000 un il giorno degli acidi grassi totali omega-3 possano offrire il contributo generale a salute, all'umore ed alla cognizione. Gli studi clinici suggeriscono che mg 1000-4000 o più di omega-3s possa essere necessari migliorare l'umore in pazienti con la depressione.39

Cautela dell'olio di pesce

Gli individui che usano i farmaci d'assottigliamento quale Coumadin® o che hanno aumentato le tendenze d'emorraggia dovrebbero consultare un medico prima di usando l'olio di pesce.

Conclusione

L'assunzione ottimale degli acidi grassi omega-3 può fornire il supporto inestimabile per l'assicurazione l'umore, la curva dell'attenzione e della salute mentale sani nella gente di tutte le età.

Fornendo i grassi critici che sostengono la struttura del cervello molto, i supplementi omega-3 promuovono la funzione sana del cervello. I dati emergenti suggeriscono che gli acidi grassi omega-3 non solo combattano la depressione, ADHD ed altri disturbi mentali, ma anche possono migliorare l'efficacia dei farmaci di prescrizione usati per dirigere i termini quali la depressione ed il disturbo bipolare.

Questi grassi salutari dovrebbero così essere considerati sostanze nutrienti essenziali per tutti che cerchino di raggiungere e mantenere l'umore e le sensazioni di benessere ottimali.

Continuato sui dottori Overlook Benefits degli acidi grassi Omega-3 per salute dell'osso

Riferimenti

1. Peet m., rifornisce gli acidi grassi di C. Omega-3 nel trattamento dei disturbi psichiatrici. Droghe. 2005;65(8):1051-9.

2. Sontrop J, Campbell Mk. Acidi grassi polinsaturi Omega-3 e depressione: una rassegna della prova e di una critica metodologica. Med di Prev. 2006 gennaio; 42(1): 4-13.

3. Il giovane G, conquista gli acidi grassi di J. Omega-3 ed i disordini neuropsichiatrici. Sviluppatore di Reprod Nutr. 2005 gennaio-febbraio; 45(1): 1-28.

4. Richardson AJ. Acidi grassi Omega-3 in ADHD e nei disordini neurodevelopmental riferiti. Rev Psychiatry di Int. 2006 aprile; 18(2): 155-72.

5. KA di Bruinsma, Taren DL. Essere a dieta, assunzione essenziale dell'acido grasso e depressione. Rev. 2000 di Nutr aprile; 58(4): 98-108.

6. I pozzi COME, hanno letto il nanowatt, Laugharne JD, Ahluwalia NS. Alterazioni nell'umore dopo il cambiamento ad una dieta a bassa percentuale di grassi. Br J Nutr. 1998 gennaio; 79(1): 23-30.

7. Weissman millimetro, Klerman GL. Depressione: comprensione corrente e tendenze cambianti. Annu Rev Public Health. 1992;13:319-39.

8. PE di Greenberg, Stiglin LE, SN di Finkelstein, Berndt ER. Il carico economico della depressione nel 1990. Psichiatria di J Clin. 1993 novembre; 54(11): 405-18.

9. Harman JS, Kelleher kJ, CF di Reynolds, Pincus ha. Spese vive di sanità degli Americani più anziani con la depressione. Soc di J Geriatr. 2004 maggio; 52(5): 809-13.

10. JUNIOR di Hibbeln. Consumo di pesce e depressione principale. Lancetta. 18 aprile 1998; 351(9110): 1213.

11. McGrath-Hanna NK, Greene dm, Tavernier RJ, Bult-Ito A. Diet e salute mentale nell'Artide: è la dieta un fattore di rischio importante per la salute mentale in gente polare? — una rassegna. Salute polare di Int J. 2003 settembre; 62(3): 228-41.

12. Livelli di tentativo di Huan m., di Hamazaki K, di Sun Y, et al. di suicidio e dell'acido grasso n-3 in globuli rossi: uno studio di controllo di caso in Cina. Psichiatria di biol. 1° ottobre 2004; 56(7): 490-6.

13. Sublette ME, JUNIOR di Hibbeln, Galfalvy H, Oquendo mA, MANN JJ. Stato essenziale poli-insaturo dell'acido grasso Omega-3 come preannunciatore del rischio futuro di suicidio. Psichiatria di J. 2006 giugno; 163(6): 1100-2.

14. Peet m., Horrobin DF. Uno studio digamma sugli effetti di etile-eicosapentaenoate in pazienti con la depressione in corso malgrado il trattamento apparentemente adeguato con le droghe standard. Arco Gen Psychiatry. 2002 ottobre; 59(19): 913-9.

15. Frangou S, Lewis m., McCrone P. Efficacy di acido etile-eicosapentanoico nella depressione bipolare: studio controllato con placebo della prova alla cieca randomizzata. Psichiatria del Br J. 2006 gennaio; 188:46-50.

16. Fontani G, Corradeschi F, Felici A, Alfatti F, Migliorini S, Lodi L. Cognitive ed effetti fisiologici del completamento poli-insaturo dell'acido grasso omega-3 negli individui sani. L'EUR J Clin investe. 2005 novembre; 35(11): 691-9.

17. Emsley R, Myburgh C, Oosthuizen P, van Rensburg SJ. Studio randomizzato e controllato con placebo di acido etile-eicosapentanoico come trattamento supplementare nella schizofrenia. Psichiatria di J. 2002 settembre; 159(9): 1596-8.

18. Uauy R, ANNUNCIO di Dangour. Nutrizione nello sviluppo e nell'invecchiamento del cervello: ruolo degli acidi grassi essenziali. Rev. 2006 di Nutr maggio; 64 (5Pt 2): S24-33; discussione S72-91.

19. JUNIOR di Marszalek, HF di Lodish. Acido docosaesaenoico, proteine d'interazione grasse e funzione di un neurone: il latte materno ed il pesce sono buoni per voi. Annu Rev Cell Dev Biol. 2005;21:633-57.

20. Ellis E-F, polizia RJ, Dodson LY, McKinney JS, Holt SA. Effetto degli acidi grassi dietetici n-3 su microcircolazione cerebrale. J Physiol. 1992 maggio: 262 (5pt.2): H1379-86.

21. Kennedy SH, Javanmard m., Vaccarino FJ. Una rassegna di neuroimaging funzionale nei disturbi dell'umore: tomografia a emissione di positroni e depressione. Può la psichiatria di J. 1997 giugno; 42(5): 467-75.

22. Hamilton L, Greiner R, Salem N, Jr., Kim HY. la carenza dell'acido grasso n-3 fa diminuire selettivamente l'accumulazione della fosfatidilserina in tessuti di un neurone. Lipidi. 2000 agosto; 35(8): 863-9.

23. Maggioni m., Picotti GB, GP di Bondiolotti, et al. effetti della terapia della fosfatidilserina in pazienti geriatrici con i disturbi depressivi. Acta Psychiatr Scand. Del 1990 marzo; 81(3): 265-70.

24. Cartwright IJ, Pockley AG, Galloway JH, Greaves m., Fe Preston. Gli effetti degli acidi grassi polinsaturi dietetici omega-3 sui fosfolipidi della membrana dell'eritrocito, sulla deformabilità dell'eritrocito e sulla viscosità del sangue in volontari sani. Aterosclerosi. 1985 giugno; 55(3): 267-81.

25. Cenacchi T, Bertoldin T, Farina C, Fiori MG, declino di Crepaldi G. Cognitive negli anziani: una prova alla cieca, studio multicentrato controllato con placebo su efficacia dell'amministrazione della fosfatidilserina. Invecchiare (Milano). 1993 aprile; 5(2): 123-33.

26. Kiecolt-Glaser JK, Glaser R. Depression e funzione immune: vie centrali a morbosità ed a mortalità. Ricerca di J Psychosom. 2002 ottobre; 53(4): 873-6.

27. Plante GE. Depressione e malattia cardiovascolare: una relazione reciproca. Metabolismo. 2005 maggio; 54 (5 supplementi 1): 45-8.

28. Frasure-Smith N, Lesperance F, la depressione di Julien P. Major è associato con i più bassi livelli dell'acido grasso omega-3 in pazienti con le sindromi coronariche acute recenti. Psichiatria di biol. 1° maggio 2004; 55(9): 891-6.

29. Pouwer F, Nijpels G, Beekman A, et al. alimento grasso per un cattivo umore. Potremmo trattare ed impedire la depressione in diabete di tipo 2 per mezzo di acidi grassi polinsaturi omega-3? Una rassegna della prova. Med di Diabet. 2005 novembre; 22(11): 1465-75.

30. RB di Singh, Pella D, Mechirova V, Otsuka K. Può la disfunzione del cervello essere un fattore della predisposizione per la sindrome metabolica? Biomed Pharmacother. 2004 ottobre; 58 supplementi: S56-68.

31. CL di Raison, Capuron L, Miller AH. Le citochine cantano i blu: infiammazione e la patogenesi della depressione. Tendenze Immunol. 2006 gennaio; 27(1): 24-31.

32. Wichers MC, Kenis G, Leue C, Koek G, Robaeys G, attivazione immune di Maes M. Baseline come fattore di rischio per l'inizio della depressione durante il trattamento dell'interferone alfa. Psichiatria di biol. 1° luglio 2006; 60(1): 77-9.

33. Schaefer m., Schwaiger m., passo m., Lieb K, Heinz A. Neurotransmitter cambia tramite interferone alfa e le implicazioni terapeutiche. Pharmacopsychiatry. 2003 novembre; 36 supplementi 3: S203-6.

34. Hayley S, Poulter Mo, Merali Z, Anisman H. La patogenesi della depressione clinica: da alterazioni indotte da citochina e del fattore di sforzo del neuroplasticity. Neuroscienza. 2005;135(3):659-78.

35. Smith WL. Cicli-ossigenasi, tono del perossido ed il fascino dell'olio di pesce. Cellula Biol. di Curr Opin. 2005 aprile; 17(2): 174-82.

36. Schiepers OJ, Wichers MC, Maes M. Cytokines e depressione principale. Psichiatria di biol di Prog Neuropsychopharmacol. 2005 febbraio; 29(2): 201-17.

37. O'Brien MP, Scott LV, Dinan TG. Citochine: anomalie nella depressione principale ed implicazioni per il trattamento farmacologico. Ronzio Psychopharmacol. 2004 agosto; 19(6): 397-403.

38. Muller N, Schwarz MJ, Dehning S, et al. Il celocoxib dell'inibitore cyclooxygenase-2 ha effetti terapeutici nella depressione principale: risultati di una prova alla cieca, randomizzati, placebo controllato, studio pilota aggiunto al reboxetine. Mol Psychiatry. 2006 luglio; 11(7): 680-4.

39. CA di Logan. Acidi grassi Omega-3 e depressione principale: un iniettore per il professionista di salute mentale. Salute DIS dei lipidi. 9 novembre 2004; 3:25.

40. Holub BJ. Nutrizione clinica: 4. Acidi grassi Omega-3 nella cura cardiovascolare. CMAJ. 5 marzo 2002; 166(5): 608-15.

41. Strategie di Rubinow DR.Treatment dopo le guasto-buone notizie e le cattive notizie di SSRI. Med di N Inghilterra J. 23 marzo 2006; 354(12): 1305-7.

42. Wilson K, Mottram P. Un confronto degli effetti collaterali degli inibitori e degli antidepressivi triciclic selettivi di ricaptazione della serotonina in pazienti depressi più anziani: una meta-analisi. Psichiatria di Int J Geriatr. 2004 agosto; 19(8): 754-62.