Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine settembre 2006
immagine

I dottori Overlook Benefits degli acidi grassi Omega-3 per salute dell'osso


Da Dale Kiefer

Mentre invecchiamo, conservare le forti, ossa sane si trasforma in in una massima priorità. Oggi, medici della corrente principale raccomandano ordinariamente i minerali quali calcio e la vitamina D e le droghe come Fosamax®, per contribuire a mantenere la massa sana dell'osso.

Tuttavia, accumulare la ricerca indica che le prescrizioni tradizionali per la conservazione della salute dell'osso possono mancare un ingrediente vitale: acidi grassi omega-3 dall'olio di pesce. Gli studi emozionanti indicano che gli acidi grassi omega-3 migliorano la struttura dell'osso migliorando l'assorbimento del calcio, riducendo la perdita dell'osso e mantenendo la densità minerale ossea. Infatti, gli scienziati ora sanno che livelli ottimali di grassi omega-3 quale il tessuto sano dell'osso di sostegno di aiuto dell'acido eicosapentanoico (EPA) e dell'acido docosaesaenoico (DHA) durante vita.1

In questo articolo, esaminiamo gli ultimi risultati che indichiamo gli acidi grassi omega-3 come una componente essenziale eppure in gran parte trascurata di una strategia per assicurare la salute per tutta la vita dell'osso.

Osso: Un tessuto dinamico del corpo

Mentre molta gente immagina che le loro ossa siano tessuti inerti e statici, niente potrebbe essere ulteriore dalla verità! Infatti, le ossa sono strutture dinamiche e viventi che subiscono continuamente un processo di ritocco che comprende costruire e ripartire. La struttura e la densità sane dell'osso dipendono da questo equilibrio delicato fra la costruzione dell'osso (formazione) e la ripartizione dell'osso (riassorbimento). Gli acidi grassi Omega-3 sembrano contribuire a mantenere la massa sana dell'osso svolgendo i ruoli integrali in questo processo dinamico.2-5

Omega-3s impediscono la perdita dell'osso

Appena come omega-3s influenzano la perdita dell'osso?

Per determinare gli effetti del consumo dell'acido grasso omega-3 su perdita dell'osso nei maschi di invecchiamento, gli scienziati hanno eseguito gli esperimenti in un modello animale di invecchiamento maschio. A cominciare da un gruppo di ratti di mezza età, i ricercatori hanno analizzato la densità minerale ossea e poi hanno diviso gli animali restanti in parecchi gruppi. Un gruppo ha ricevuto i ricchi di una dieta in olio di pesce, altri acidi grassi ricevuti gruppo omega-6 dall'olio di cartamo con gli acidi grassi omega-3 dall'olio di pesce ed acidi grassi ricevuti terzo gruppo soltanto un omega-6.6

Dopo 20 settimane, tutti e tre i gruppi hanno dimostrato una certa perdita età-collegata di densità minerale ossea. Tuttavia, gli animali hanno alimentato omega-3 che supplementare gli acidi grassi da solo hanno avuti tenore più elevato di minerale dell'osso e la densità confrontata agli animali ha alimentato la dieta omega-3-plus-omega-6 o la dieta di omega-6-only.6

Gli scienziati inoltre hanno misurato i livelli di vari ormoni ed altri di prodotti biochimici coinvolgere nella produzione, nella manutenzione e nella distruzione dell'osso. Qui ancora, i ratti di omega-3-fed hanno avuti più alti valori per le sostanze relative a buona salute dell'osso, mentre gli animali di omega-6-fed hanno avuti livelli elevati dei prodotti biochimici relativi a perdita dell'osso.

Mentre gli studi umani sono necessari, questi risultati in animali forniscono il considerevole sostegno al ruolo positivo degli acidi grassi omega-3 nell'impedire dalla la perdita indotta da età dell'osso.6

Assorbimento del calcio di aumento di Omega-3s

Gli acidi grassi Omega-3 inoltre sono stati indicati per aumentare l'assorbimento di calcio, uno dei minerali chiave che sono incorporati nella matrice dell'osso per fornirle rigidità e forza.3

In un altro studio sugli animali, i ricercatori hanno notato che i ratti hanno alimentato i ricchi di una dieta in olio di pesce hanno avuti ossa significativamente più sane che quelli i ricchi alimentati di una dieta in olio di mais, che fornisce gli acidi grassi omega-6. Infatti, parecchi indicatori dell'osso salute-compreso assorbimento del calcio, la densità minerale ossea ed il calcio dell'osso contenuto-erano contrassegnato più alti negli animali alimentati l'olio di pesce. Interessante, DHA ha aumentato l'incorporazione di calcio in osso sensibilmente più di EPA.3

Questo studio suggerisce che un altro meccanismo da cui la salute dell'osso di influenza di omega-3s è positivamente aumentando l'assorbimento di calcio osso-protettivo.

Omega-3s mantengono l'osso Massachussets

Poiché la perdita dell'osso colpisce specialmente le donne dopo menopausa, gli scienziati inoltre hanno esaminato gli effetti degli acidi grassi omega-3 su salute dell'osso in un modello animale di osteoporosi postmenopausale.

Ancora una volta, gli animali che hanno consumato i ricchi di una dieta omega-3 nell'acido grasso DHA hanno dimostrato considerevolmente meno perdita dell'osso confrontata agli animali di cui la dieta era bassa in DHA. Questi risultati intriganti suggeriscono che tenore di minerale aiutato DHA dell'osso della prerogativa in assenza di estrogeno, come sarebbe sperimentato dalle donne postmenopausali.7

Per determinare se gli effetti osso-protettivi degli acidi grassi omega-3 si applicano alla gente come pure agli animali, gli scienziati hanno esaminato i dati raccolti durante l'indagine a lungo termine sugli effetti di nutrizione su salute. Condotto fra 1988 e 1992, questo studio ha esaminato le abitudini nutrizionali di più di 1.500 uomini e donne. La densità minerale ossea è stata misurata facendo uso di una tecnica di rappresentazione conosciuta come i raggi x di doppio-energia absorptiometry ed i risultati dei test poi sono stati paragonati ai dati nutrizionali dell'assunzione.8

I ricercatori hanno concluso che gli oggetti con gli più alti rapporti di omega-6 all'assunzione dell'acido grasso omega-3 hanno avuti la densità minerale ossea più bassa. Cioè la gente che ha consumato il meno omega-3s ha avuta le ossa più deboli. Questi risultati suggeriscono forte che quello gli acidi grassi abbondanti di consumo omega-3 possano essere critici nella conservazione della massa sana dell'osso negli adulti di invecchiamento.8

Un altro studio intrigante suggerisce che gli acidi grassi omega-3 possano essere particolarmente importanti nella conservazione della massa dell'osso nella gente che soffre dall'artrite reumatoide, uno stato infiammatorio doloroso connesso con un rischio notevolmente aumentato di osteoporosi. Facendo uso di un modello animale dell'artrite reumatoide umana, gli scienziati hanno trovato che gli oggetti che consumano i ricchi di una dieta in olio di pesce hanno avuti densità minerale ossea molto maggior che i simili animali hanno alimentato una dieta carente in grassi omega-3. Gli animali di omega-3-fed inoltre hanno visualizzato meno infiammazione dei giunti quelli che non hanno ricevuto i grassi omega-3. Questo studio indica che i grassi omega-3 possono contribuire a mantenere la densità minerale ossea come pure contribuire ad accorciare l'infiammazione in individui con l'artrite reumatoide.9

Omega-3s può promuovere la salute dentaria

La malattia periodentale, uno dei problemi dentari più comuni considerati dagli adulti, comprende l'infiammazione che può provocare osso indebolito nella mandibola e nell'erosione delle creste ossute che contribuiscono a fissare i denti nell'osso della mandibola. La ricerca emergente suggerisce che un composto antinfiammatorio recentemente scoperto e potente derivato dagli acidi grassi omega-3 possa contribuire a proteggere dall'infiammazione che può avviare la perdita dell'osso e del dente.

Mentre gli scienziati lungamente hanno apprezzato le proprietà antinfiammatorie degli acidi grassi omega-3, recentemente hanno scoperto un altro modo in cui questi grassi sopprimono l'infiammazione. I ricercatori dell'università di Harvard hanno trovato che omega-3 l'acido grasso EPA serve da particella elementare molecolare per un composto antinfiammatorio che è stato resolvin definito E1. Questo composto novello funziona mettendo i freni sull'infiammazione di instabilità, con le implicazioni importanti per il periodontitis (infezione o infiammazione delle gomme).11-14

In un modello animale della malattia periodentale umana, il resolvin EPA-derivato E1 ha offerto la protezione drammatica contro l'infiammazione del tessuto e la perdita dell'osso connesse con il periodontitis.15 questo che trova suggeriscono che i grassi omega-3 possano essere una parte importante di strategia da difendersi dalla malattia periodentale.

La malattia periodentale è stata collegata con altri disordini infiammatori cronici, quali il diabete, la malattia cardiovascolare, l'asma e l'artrite. Ciò ha condotto gli scienziati a speculare quella terapeutica nutrizionale quali gli acidi grassi omega-3 che avvantaggiano la malattia periodentale possono tenere la promessa nel trattamento delle altre malattie in relazione con l'infiammazione.15-17

L'epidemia dell'osso basso Massachussets minaccia le donne e gli uomini di invecchiamento

L'osteoporosi ampiamente è osservata come malattia degli adulti più anziani e particolarmente delle donne postmenopausali, in cui è collegata ai livelli diminuenti di estrogeno. Tuttavia, gli uomini invecchianti sono inoltre suscettibili delle devastazioni di questa malattia d'indebolimento. Dei 10 milione Americani creduti di avere osteoporosi, almeno 2 milioni sono uomini.10

Secondo il fondamento nazionale di osteoporosi, gli altri 34 milione Americani hanno massa bassa dell'osso, una circostanza conosciuta come il osteopenia che aumenta il loro rischio per osteoporosi. Quindi, più della metà di tutta la gente 50 anni o più vecchi sono a rischio delle fratture di sofferenza dovuto la massa bassa dell'osso.10

L'osteoporosi spesso è chiamata “una malattia silenziosa„ perché è un processo graduale e indolore che diventa evidente solo dopo che le fratture accadono. Mentre l'osso perde il suo tenore di minerale, perde la massa e diventa più poroso. Ciò conduce all'indebolimento strutturale e ad un aumento nella probabilità delle fratture, che si presentano il comunemente nelle ossa della spina dorsale, dell'anca e del polso. Le fratture dell'anca richiedono solitamente l'ospedalizzazione e intervento chirurgico importante e possono condurre all'inabilità prolungata o permanente e perfino alla morte. Le fratture spinali sono similmente serie, potenzialmente con conseguente dolore severo, inabilità, perdita di altezza, o deformità permanente.

Per valutare il rischio di un paziente di osteoporosi, i medici possono raccomandare gli esami specializzati chiamati prove di densità minerale ossea, che misurano la densità ossea ai vari siti del corpo. Generalità, più elevato il tenore dell'osso, più denso di minerale l'osso. L'osso più denso è associato con un più a basso rischio delle fratture.

Conclusione

Sebbene gli scienziati stiano cominciando soltanto appena a dipanare i benefici importanti degli acidi grassi omega-3 per salute dell'osso, i risultati preliminari di studio in animali ed in esseri umani offrono la prova coercitiva che questo il pesce petrolio-ha derivato il gioco degli elementi nutritivi un ruolo cruciale nella promozione e nella conservazione la forza e dell'integrità dell'osso, particolarmente come invecchiamo.18-21

Questi risultati iniziali suggeriscono che, tra altri effetti, gli acidi grassi omega-3 possano impedire i declini relativi all'età nella densità minerale ossea mentre aumentino l'assorbimento di calcio osso-protettivo. Il osso-rafforzamento e gli effetti antinfiammatori degli acidi grassi omega-3 possono tenere il valore speciale per le donne postmenopausali a rischio di osteoporosi paralizzante come pure per gli adulti invecchianti che soffrono tali mali come l'artrite reumatoide e il periodontitis.

Mentre molto resta imparare circa come gli acidi grassi omega-3 colpiscono la salute dell'osso, i risultati scientifici fin qui forniscono il considerevole sostegno a comprendere i livelli ottimali di acidi grassi quali EPA e DHA come componente di un regime nutrizionale per la conservazione delle ossa forti e sane sopra una vita.

Il boro complementa le indennità-malattia dell'osso degli acidi grassi Omega-3

Negli studi emergenti della ricerca, gli scienziati stanno imparando che le indennità-malattia dell'osso degli acidi grassi omega-3 possono notevolmente essere ingrandette quando questi grassi essenziali si combinano con il boro critico del minerale della traccia.22

Il boro promuove le ossa sane sostenendo l'utilizzazione delle vitamine ed i minerali che sono cruciali da disossare il tessuto, compreso calcio, magnesio, la vitamina D ed il fosforo.23-31 i nuovi risultati intriganti della ricerca suggeriscono che gli effetti osso-sostenenti del boro possano essere più grandi quando gli acidi grassi omega-3 sono inoltre disponibili.

Per esempio, quando gli animali da laboratorio hanno consumato i ricchi di una dieta in sia acidi grassi omega-3 che boro, hanno dimostrato la maggior densità minerale ossea e le più forti ossa confrontate agli animali hanno alimentato gli altri grassi dietetici e boro. Questi risultati suggeriscono che gli acidi grassi omega-3 ed il boro possano lavorare insieme per sostenere le ossa dense e forti.22

Mentre il boro ancora non è stato classificato come sostanza nutriente essenziale, questo può presto cambiare. La prova crescente suggerisce che il boro svolga molti ruoli essenziali nel mantenimento della salute scheletrica.

Il boro colpisce favorevolmente le proprietà composizionali e funzionali dell'osso, mentre la privazione del boro colpisce avversamente questi parametri di salute dell'osso.23,27,32 in esseri umani, la privazione del boro è associata con escrezione aumentata di calcio in urina, significando la perdita di calcio dall'osso.Altri 33 studi suggeriscono che il boro svolga un ruolo importante nell'impedire l'osteoporosi e nell'alleviazione del dolore di osteoartrite.23

Gli scienziati dal servizio degli Stati Uniti dell'agricoltura notano che la maggior parte dei adulti non consumano più di 1 mg di boro un il giorno, mentre le più grandi dosi di mg 1-13 al giorno possono essere necessarie sostenere la salute ottimale dell'osso.31

Il contributo potente citato di offerta di studi appena ad assunzione d'ottimizzazione di boro e di acidi grassi omega-3 come componente di una strategia nutrizionale per il mantenimento delle ossa forti e sane.

Continuato su sollievo naturale di artrite con gli acidi grassi Omega-3

Riferimenti

1. SEDERE di Watkins, Li Y, Seifert MF. Acidi grassi di Nutraceutical come modulatori biochimici e molecolari di biologia scheletrica. J Coll Nutr. 2001 ottobre; 20 (5 supplementi): 410S-416S; discussione 417S-420S.

2. DB di Kettler. Può la manipolazione dei rapporti degli acidi grassi essenziali rallentare il tasso rapido di perdita postmenopausale dell'osso? Altern Med Rev. 2001 febbraio; 6(1): 61-77.

3. Kruger MC, Schollum LM. È l'acido docosaesaenoico più efficace dell'acido eicosapentanoico per la biodisponibilità aumentante del calcio? Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2005 novembre; 73(5): 327-34.

4. Reinwald S, Li Y, Moriguchi T, junior di Salem N, SEDERE di Watkins. La replezione con (n-3) gli acidi grassi inverte i deficit strutturali dell'osso dentro (n-3) - ratti carenti. J Nutr. 2004 febbraio; 134(2): 388-94.

5. Acidi grassi di Baggio B., calcio e metabolismo dell'osso. J Nephrol. 2002 novembre-dicembre; 15(6): 601-4.

6. CL di Shen, Yeh JK, Rasty J, Li Y, SEDERE di Watkins. Effetto protettivo degli acidi grassi polinsaturi a catena lunga dietetici n-3 su perdita dell'osso in ratti maschii di mezza età gonade-intatti. Br J Nutr. 2006 marzo; 95(3): 462-8.

7. SEDERE di Watkins, Li Y, Seifert MF. Rapporto dietetico di n-6/n-3 PUFAs e acido docosaesaenoico: azioni sui biomarcatori del minerale e del siero dell'osso in ratti ovariectomizzati. Biochimica di J Nutr. 2006 aprile; 17(4): 282-9. Epub 2005 21 giugno.

8. LA di Weiss, Barrett-Connor E, rapporto di von Muhlen D. di n-6 agli acidi grassi n-3 e densità minerale ossea in adulti più anziani: Rancho Bernardo Study. J Clin Nutr. 2005 aprile; 81(4): 934-8.

9. Bhattacharya A, Rahman m., Banu J, et al. inibizione di osteoporosi nei topi inclini di malattia autoimmune MRL/Mpj-Fas (lpr) dagli acidi grassi N-3. J Coll Nutr. 2005 giugno; 24(3): 200-9.

10. Disponibile a: http://www.nof.org/osteoporosis/diseasefacts.htm. Acceduto a il 5 luglio 2006.

11. Arita m., CB di Clish, CN di Serhan. I contributi di aspirin e dell'ossigenase microbica alla biosintesi dei resolvins antinfiammatori: prodotti novelli dell'ossigenase dagli acidi grassi polinsaturi omega-3. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 9 dicembre 2005; 338(1): 149-57.

12. Arita m., Yoshida m., HIng S, et al. Resolvin E1, un mediatore endogeno del lipido derivato da acido eicosapentanoico omega-3, protegge da una da una colite indotta da acido solfonica di 2,4,6 trinitrobenzene. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 24 maggio 2005; 102(21): 7671-6.

13. Assegnazione di Arita m., di Bianchini F, di Aliberti J, et al. di Stereochemical, proprietà antinfiammatorie e ricevitore per il resolvin E1 del mediatore del lipido omega-3. Med di J Exp. 7 marzo 2005; 201(5): 713-22.

14. Arita m., oh S, Chonan T, et al. inattivazione metabolica del resolvin E1 e stabilizzazione delle sue azioni antinfiammatorie. Biol chim. di J. 6 giugno 2006; [Epub davanti alla stampa]

15. Hasturk H, Kantarci A, Ohira T, et al. RvE1 protegge da infiammazione locale e dalla distruzione dell'osso mediata osteoclasto in periodontitis. FASEB J. 2006 febbraio; 20(2): 401-3. Epub 2005 22 dicembre.

16. Kantarci A, Van Dyke TE. Risoluzione di infiammazione in periodontitis. J Periodontol. 2005 novembre; 76 (11 supplemento): 2168-74.

17. CN di Serhan. Omega novello -- 3 mediatori locali derivati in anti-infiammatorio e nella risoluzione. Pharmacol Ther. 2005 gennaio; 105(1): 7-21.

18. Esponga al sole osteoclastogenesis di diminuzione degli acidi grassi di D, di Krishnan A, dello Zaman K, di Lawrence R, di Bhattacharya A, di Fernandes G. Dietary n-3 e perdita di massa dell'osso in topi ovariectomizzati. Minatore Res dell'osso di J. 2003 luglio; 18(7): 1206-16.

19. SEDERE di Watkins, Li Y, Lippman LUI, effetto di Feng S. Modulatory degli acidi grassi polinsaturi omega-3 sulla funzione del osteoblast e metabolismo dell'osso. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2003 giugno; 68(6): 387-98.

20. Corwin RL. Effetti dei grassi dietetici su salute dell'osso nell'età avanzata. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2003 giugno; 68(6): 379-86.

21. SEDERE di Watkins, Li Y, Seifert MF. Lipidi come modulatori di ritocco dell'osso. Cura di Curr Opin Clin Nutr Metab. 2001 marzo; 4(2): 105-10.

22. Nielsen FH. La composizione nel grasso dietetico modifica l'effetto di boro sulle caratteristiche dell'osso e dei lipidi del plasma in ratti. Biofactors. 2004;20(3):161-71.

23. [Nessun autori elencati] monografia. Boro. Altern Med Rev. 2004 dicembre; 9(4): 434-7.

24. Dupre JN, Keenan MJ, Hegsted m., Brudevold. Gli effetti di boro dietetico in ratti hanno alimentato ad una vitamina la dieta D-carente. Circondi la salute Perspect. 1994 novembre; 102 7:55 del supplemento - 8.

25. CD di caccia, Herbel JL, Idso JP. Il boro dietetico modifica gli effetti di nutrizione di vitamina D3 sugli indici di utilizzazione del substrato di energia e di metabolismo minerale nel pulcino. Minatore Res dell'osso di J. 1994 febbraio; 9(2): 171-82.

26. CD di caccia, Herbel JL, Nielsen FH. Risposte metaboliche delle donne postmenopausali a boro e ad alluminio dietetici supplementari durante l'assunzione usuale e bassa del magnesio: boro, calcio e concentrazioni nel minerale di assorbimento del magnesio e di conservazione e del sangue. J Clin Nutr. 1997 marzo; 65(3): 803-13.

27. Nielsen FH, CD di caccia, Mullen LM, JUNIOR di caccia. Effetto di boro dietetico su minerale, su estrogeno e sul metabolismo del testosterone in donne postmenopausali. FASEB J. 1987 novembre; 1(5): 394-7.

28. Beattie JH, pace HS. L'influenza di una dieta bassa del boro e completamento del boro sull'osso, sul minerale principale e sul metabolismo degli steroidi del sesso in donne postmenopausali. Br J Nutr. 1993 May3; 69(3): 871-84.

29. CD di caccia. Il boro dietetico ha modificato gli effetti di magnesio e di molibdeno su metabolismo minerale nel pulcino colecalciferolo-carente. Biol Trace Elem Res. 1989 novembre; 22(2): 201-20.

30. Meacham SL, conicità LJ, Volpe SL. Effetti del completamento del boro su densità minerale ossea e dietetico, sangue e calcio, fosforo, magnesio e boro urinarii in atleti femminili. Circondi la salute Perspect. 1994 novembre; 102 7:79 del supplemento - 82.

31. Nielsen FH. La giustificazione per la fornitura dell'orientamento dietetico per l'assunzione nutrizionale di boro. Biol Trace Elem Res. Inverno 1998; 66 (1-3): 319-30.

32. Rico H, Crespo E, Hernandez ER, Seco C, Crespo R. Influence del completamento del boro sulla massa vertebrale e femorale dell'osso in ratti sull'esercizio su pedana mobile gravoso. Uno studio morfometrico, densitometrico e histomorphometric. J Clin Densitom. Estate 2002; 5(2): 187-92.

33. Nielsen FH. Studi sulla relazione fra boro e magnesio che possibilmente colpisce la formazione e la manutenzione di ossa. Mag Trace Elem. 1990;9(2):61-9.