Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Estratti

LE Magazine aprile 2007
immagine

Zeaxantina e luteina

Un consumo di un uovo al giorno aumenta le concentrazioni nella luteina e nella zeaxantina del siero in adulti più anziani senza alterare le concentrazioni nel colesterolo del lipido e della lipoproteina del siero.

La luteina e la zeaxantina si accumulano nel pigmento maculare della retina e sono riferite per essere associate con un'incidenza riduttrice di degenerazione maculare senile. Una fonte ricca di luteina e di zeaxantina nella dieta americana è il tuorlo delle uova del pollo. Quindi, l'obiettivo dello studio era di studiare l'effetto di consumo del 1 egg/d per 5 settimane sulle concentrazioni nel siero di luteina, di zeaxantina, dei lipidi e del colesterolo della lipoproteina in individui >60 y dell'età. In una progettazione di incrocio randomizzata, 33 uomini e donne hanno partecipato allo studio di 18 settimane, di cui ha compreso un battibecco ed un periodo di interruzione di nessun uova prima e fra due interventi di 5 settimane di consumo 1 uovo o dell'uovo substitute/d. La luteina 26% del siero (P < 0,001) e le concentrazioni nella zeaxantina 38% (P < 0,001) sono aumentato dopo 5 settimane di 1 egg/d rispetto alla fase prima delle uova di consumo. Le concentrazioni nel siero di colesterolo totale, del colesterolo di LDL, del colesterolo di HDL e dei trigliceridi non sono state colpite. Questi risultati indicano quello in adulti più anziani, 5 settimane di consumo del 1 egg/d aumentano significativamente le concentrazioni nella luteina e nella zeaxantina del siero senza elevare le concentrazioni nel colesterolo dei lipidi e della lipoproteina del siero.

J Nutr. 2006 ottobre; 136(10): 2519-24

Le associazioni fra degenerazione maculare senile intermedia e luteina e zeaxantina nei carotenoidi nella malattia dell'occhio relativa all'età studiano (CAREDS): studio dipendente sull'iniziativa della salute delle donne.

OBIETTIVO: per valutare la relazione fra luteina dietetica più zeaxantina e degenerazione maculare senile intermedia (AMD). PROGETTAZIONE: Le donne invecchiate 50 - 79 anni nello Iowa, Wisconsin e nell'Oregon con assunzione di luteina più zeaxantina sopra la settantottesima (livello) e sotto i ventottesimi percentili (di minimo) alla linea di base nell'iniziativa della salute delle donne lo studio d'osservazione sono state reclutate 4 - 7 anni più successivamente nei carotenoidi nello studio relativo all'età di malattia dell'occhio (CAREDS), quando la presenza di AMD è stata determinata dalle fotografie del fondo. Le analisi di regressione logistiche hanno esaminato la prevalenza dei partecipanti di AMD nel 1787 CAREDS, dopo le covariate potenziali rappresentanti. RISULTATI: La prevalenza di AMD intermedio non era statisticamente differente fra la luteina di minimo e massima più i gruppi di assunzione dell'assunzione della zeaxantina dopo avere registrato per ottenere l'età (rapporto di probabilità, 0,96; intervallo di confidenza di 95%, 0.75-1.23). Le analisi di limitazione ai più giovani di 75 anni delle donne con assunzione stabile di luteina più zeaxantina, senza una storia delle malattie croniche che sono associate spesso con la dieta cambia, rapporti sostanzialmente abbassati di probabilità (0,57; intervallo di confidenza di 95%, 0.34-0.95). Le analisi esplorative di AMD avanzato in 34 partecipanti hanno provocato protettivo, ma statisticamente non significativo, le associazioni nel campione globale e durante i più giovani di 75 anni delle donne. CONCLUSIONE: Le diete ricche in luteina più zeaxantina possono proteggere da AMD intermedio durante i più giovani di 75 anni delle donne in buona salute.

Arco Ophthalmol. 2006 agosto; 124(8): 1151-62

La luteina, ma non l'alfa-tocoferolo, il completamento migliora la funzione visiva in pazienti con le cataratte relative all'età: una prova alla cieca di 2 y, studio pilota controllato con placebo.

OBIETTIVO: Abbiamo studiato l'effetto del completamento antiossidante a lungo termine (luteina e alfa-tocoferolo) sui livelli del siero e della prestazione visiva in pazienti con le cataratte. METODI: Diciassette pazienti diagnosticati clinicamente con le cataratte relative all'età sono stati randomizzati in uno studio di prova alla cieca che comprende il completamento dietetico con la luteina (15 mg; n = 5), alfa-tocoferolo (100 mg; n = 6), o placebo (n = 6), tre volte un la settimana per fino a 2 Y. Le concentrazioni nel carotenoide e nel tocoferolo del siero sono state determinate con a cromatografia liquida a alta pressione controllata a qualità e la prestazione visiva (sensibilità di abbagliamento e di acuità visiva) e gli indici biochimici ed ematologici sono stati controllati ogni 3 Mo in tutto lo studio. I cambiamenti in questi parametri sono stati valutati dall'analisi ripetuta generale delle misure del modello lineare (GLM). RISULTATI: Le concentrazioni nel siero di luteina e dell'alfa-tocoferolo sono aumentato con il completamento, sebbene il significato statistico fosse raggiunto soltanto nel gruppo della luteina. La prestazione visiva (sensibilità di abbagliamento e di acuità visiva) è migliorato rispettivamente nel gruppo della luteina, mentre c'era una tendenza verso la manutenzione di e la diminuzione nell'acuità visiva con l'alfa-tocoferolo ed il completamento del placebo. Nessun effetti collaterali o cambiamento significativi nei profili biochimici o ematologici sono stati osservati in c'è ne degli oggetti durante lo studio. CONCLUSIONI: Funzione visiva in pazienti con le cataratte relative all'età che hanno ricevuto i supplementi della luteina migliori, suggerenti che un'più alta assunzione di luteina, attraverso di frutta e di verdure o di supplementi ricchi di luteina, possa avere effetti benefici sulla prestazione visiva della gente con le cataratte relative all'età.

Nutrizione. 2003 gennaio; 19(1): 21-4

Sono la luteina e la zeaxantina sostanze nutrienti condizionalmente essenziali per salute dell'occhio?

I carotenoidi luteina e zeaxantina sono trovati nella macula nelle alte concentrazioni e possono svolgere un ruolo nella patogenesi di degenerazione maculare senile (ARMD). La luteina e la zeaxantina possono proteggere i segmenti esterni del fotoricettore e della macula in tutto la retina dallo sforzo ossidativo e svolgere un ruolo in una cascata antiossidante che disarma sicuro l'energia delle specie reattive dell'ossigeno. Sebbene la luteina e la zeaxantina non siano sostanze nutrienti essenziali, gli studi stanno cominciando a suggerire che misura i criteri per le sostanze nutrienti condizionalmente essenziali. Le concentrazioni basse nella luteina e nella zeaxantina del plasma o l'ingestione dietetica sono associate con densità maculare bassa del pigmento ed il rischio aumentato di ARMD. La privazione dietetica di luteina e di zeaxantina in primati causa le mutazioni patologiche nella macula. Se i test clinici controllati mostrano la luteina e/o il completamento della zeaxantina protegge dallo sviluppo o progressione di ARMD ed altre malattie dell'occhio, quindi la luteina e la zeaxantina potrebbero essere considerate come sostanze nutrienti condizionalmente essenziali per gli esseri umani.

Med Hypotheses. 2003 ottobre; 61(4): 465-72

prova Doppio mascherata, controllata con placebo, randomizzata di luteina e completamento antiossidante nell'intervento di degenerazione maculare senile atrofica: i veterani DURANO lo studio (prova antiossidante di completamento della luteina).

FONDO: La degenerazione maculare senile (ARMD) è la causa principale di perdita della visione nell'invecchiamento delle società di Westem. L'obiettivo della prova antiossidante del completamento della luteina (ULTIMA) è di determinare se il completamento nutrizionale con luteina o luteina insieme agli antiossidanti, vitamine e minerali, migliora la funzione ed i sintomi visivi in ARMD atrofico. METODI: Lo studio era una prova futura, di 12 mesi, randomizzata, doppio mascherata, controllata con placebo condotta ad un ospedale degli stati medio-occidentali urbano dell'amministrazione di veterani dall'agosto 1999 al maggio 2001. Novanta pazienti con ARMD atrofico sono stati fatti riferimento dagli oftalmologi a due facilità mediche dei veterani di Chicago-area. I pazienti nel gruppo 1 hanno ricevuto mg della luteina 10 (l); nel gruppo 2, una luteina 10 vaste formule di completamento di spettro dei minerali e di mg/antioxidants/vitamins (L/A); e nel gruppo 3, un placebo della maltodestrina (p) oltre 12 mesi. RISULTATI: Nei gruppi 1 L e 2 L/A, densità ottica del pigmento maculare medio dell'occhio hanno aumentato circa 0,09 unità del ceppo dalla linea di base, l'acuità visiva equivalente di Snellen ha migliorato 5,4 lettere per il gruppo 1 L e 3,5 lettere per il gruppo 2 L/A e la sensibilità di contrasto migliore. C'era un miglioramento soggettivo netto nella griglia di Amsler in questionari del gruppo 1 L. VFO-14 che conceming il recupero soggettivo di abbagliamento era quasi significativo a 4 mesi per il gruppo 2 L/A. I pazienti che hanno ricevuto il placebo (gruppo 3) non hanno avuti cambiamenti significativi in c'è ne dei risultati misurati. CONCLUSIONE: In questo studio, la funzione visiva è migliorata con luteina sola o luteina insieme ad altre sostanze nutrienti. Ulteriori studi sono necessari con più pazienti, di entrambi i generi e per i periodi più lunghi valutare gli effetti a lungo termine di luteina o di luteina insieme ad una vasta gamma di antiossidanti, vitamine e minerali nel trattamento di degenerazione maculare senile atrofica.

Optometria. 2004 aprile; 75(4): 216-30

Frutta e verdure che sono fonti per luteina e zeaxantina: il pigmento maculare in occhi umani.

FONDO: È stato suggerito che mangiare i legumi verdi, che sono ricchi in luteina e zeaxantina, potesse fare diminuire il rischio per degenerazione maculare relativa all'età. Lo scopo di questo studio era di analizzare la varie frutta e verdure per stabilire quale contengono la luteina e/o la zeaxantina e possono servire da integratori alimentari possibili per questi carotenoidi. METODI: Gli omogeneati di 33 frutta e verdure, due succhi di frutta e tuorlo d'uovo sono stati usati per l'estrazione dei carotenoidi con esano. RISULTATI: Il tuorlo d'uovo ed il mais (cereale) hanno contenuto il più alta percentuale della talpa (% del totale) di luteina e di zeaxantina (più di 85% dei carotenoidi totali). Il mais era la verdura con il più alta quantità di luteina (60% del totale) ed il pepe arancio era la verdura con la quantità elevata di zeaxantina (37% del totale). Gli importi sostanziali di luteina e di zeaxantina (30-50%) erano inoltre presenti in kiwi, l'uva, gli spinaci, il succo d'arancia, zucca o (dello zucchini) e generi differenti di zucca. I risultati indicano che c'è frutta e verdure di vari colori con un contenuto relativamente elevato di luteina e zeaxantina. CONCLUSIONI: La maggior parte degli ortaggi freschi verde scuro, precedentemente raccomandato per un'più alta assunzione di luteina e di zeaxantina, hanno 15-47% di luteina, ma un contenuto molto basso (0-3%) di zeaxantina. Il nostro studio indica che la frutta e le verdure di vari colori possono essere consumate per aumentare l'ingestione dietetica di luteina e di zeaxantina.

Br J Ophthalmol. 1998 agosto; 82(8): 907-10

Uno studio prospettivo delle assunzioni della vitamina A e del carotenoide e rischio di estrazione della cataratta nelle donne degli Stati Uniti.

FONDO: L'ossidazione di proteine della lente svolge un ruolo centrale nella formazione di cataratte relative all'età, suggerente che gli antiossidanti dietetici possano svolgere un ruolo nella prevenzione. Tuttavia, la relazione fra gli antiossidanti specifici ed il rischio di cataratta rimane incerta. OBIETTIVO: Il nostro obiettivo era di esaminare futuro l'associazione fra carotenoide e le assunzioni della vitamina A e l'estrazione della cataratta in donne. METODI: Un gruppo futuro degli infermieri registrati della femmina invecchiati 45-71 y ed esente da cancro diagnosticato è stato seguito; nel 1980, 50461 erano inclusi ed altri si sono aggiunti mentre si sono trasformate in in 45 y dell'età per complessivamente 77.466. Le informazioni su assunzione nutriente sono state valutate tramite l'amministrazione ripetuta di un questionario di alimento-frequenza durante i 12 y di seguito. RISULTATI: Durante le 761.762 persona/anno di seguito, 1.471 cataratta è stata estratta. Dopo l'età, fumare ed altri fattori di rischio potenziali della cataratta erano controllati per, quelli con il più alta assunzione di luteina e di zeaxantina ha avuto un rischio in diminuzione 22% di estrazione della cataratta rispetto a quelli nel quintile più basso (rischio relativo: 0.78; Ci di 95%: 0.63, 0.95; P per la tendenza = 0,04). Altri carotenoidi (alfa-carotene, beta-carotene, licopene e beta-criptoxantina), la vitamina A ed il retinolo non sono stati associati con la cataratta nell'analisi di più variabili. La frequenza aumentante delle assunzioni di spinaci e di cavolo, alimenti ricchi in luteina, è stata associata con una diminuzione moderata nel rischio di cataratta. CONCLUSIONI: La luteina e la zeaxantina e gli alimenti ricchi in questi carotenoidi possono fare diminuire il rischio di cataratte abbastanza severe per richiedere l'estrazione.

J Clin Nutr. 1999 ottobre; 70(4): 509-16