Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine aprile 2007
immagine

Avanzamenti nel carcinoma della prostata Chemoprevention e nel trattamento


Da Aaron E. Katz, MD
Esaminato e critiqued da Stephen B. Strum, MD

Licopene, vitamina E e selenio

Un'associazione è stata trovata fra l'alto consumo del licopene ed a basso rischio di carcinoma della prostata, di 11 e degli uomini che sono diagnosticati con questa malattia tenda ad avere livelli più bassi di licopene nei loro corpi.12 supplementi del licopene sono una parte utile di un programma di chemoprevention; possono rallentare la crescita dei tumori e lo PSA più basso segna negli uomini con carcinoma della prostata. Un carotenoide potente, licopene è stato studiato negli studi preclinici e clinici, con i risultati interessanti. Recentemente abbiamo esplorato il ruolo di questo antiossidante prima che trattamento radioattivo ed abbiamo trovato un tasso di mortalità aumentato delle cellule in tumori animali che sono stati trattati con licopene prima di radiazione.

La vitamina E è protettiva contro carcinoma della prostata; ogni uomo dovrebbe richiedere ad un minimo di 240 IU della vitamina E un il giorno per proteggere dallo sforzo ossidativo nella prostata.Una vitamina E di 13,14 aiuti del selenio per fare il suo lavoro di riduzione dello sforzo ossidativo. Gli studi di popolazione trovano che gli uomini con il più alta assunzione del selenio hanno carcinoma della prostata significativamente più basso rischio-come buono come più a basso rischio per molti altri cancri. Raccomandiamo che gli uomini usino questa sostanza nutriente per impedire il carcinoma della prostata pure.15,16 uno studio hanno collegato il completamento del selenio ad un rapporto di riproduzione di 63% della ricorrenza del carcinoma della prostata in 974 uomini con una storia della malattia.17

Una prova del chemoprevention della vitamina e del selenio E è attualmente in corso. La prova di prevenzione del cancro della vitamina e del selenio E (SELEZIONI) è i 12 anni, la fase III, prova randomizzata e controllata con placebo che fa partecipare 32.400 uomini a circa 300 centri di ricerca negli Stati Uniti e nel Canada. Gli oggetti prendono 200 mcg di selenio (come L-selenometionina) e/o 400 IU della vitamina E ogni giorno.18 questa prova alla cieca, test clinico basato sulla popolazione verificheranno l'efficacia di selenio e della vitamina E, da solo e in associazione, a prevenzione di carcinoma della prostata. Il punto finale primario è l'incidenza clinica di carcinoma della prostata, come determinato tramite elaborazione diagnostica clinica sistematica, compreso il livello rettale digitale annuale di PSA del siero e dell'esame. L'iscrizione di studio ha cominciato nel 2001 ed i risultati finali sono preveduti nel 2013. È la più grande prova montata mai per valutare il valore chemopreventive delle sostanze nutrienti, separatamente o in associazione. La nostra propria ricerca sui pazienti con il PIN sostiene l'uso quotidiano di 400 IU della vitamina E, di 200 mcg di selenio e di 20 mg di licopene per il chemoprevention.

Foglie di tè verdi

Promessa di manifestazione dei polifenoli del tè verde

Sebbene il polifenolo di termine si riferisca alla classe A di prodotti chimici alimento-derivati che contengono un gruppo di polyhydroxyphenol, è stato adottato per descrivere largamente tutto l'agente botanico o di erbe con le proprietà antiossidanti. La prova storica e gli studi epidemiologici erano la prima per suggerire il beneficio anticancro potenziale di bere il tè verde per la riduzione il seno, il colon e dell'incidenza del carcinoma della prostata.19-23 la pianta di tè verde più comune è camellia sinensis ed i principi attivi principali di tè verde sono probabilmente le catechine.

I dati eccellenti di fase e preclinici I sui composti polifenolici del tè verde suggeriscono il potenziale interessante per usando il tè verde come agente chemopreventive. I test clinici in corso in varie regolazioni precancerose, preventive ed ausiliarie determineranno l'utilità di questa agente ampiamente studiato.

Benefici dei composti della soia

Soia

Il componente attivo all'interno di soia è creduto per essere genisteina. Stiamo studiando il polisaccaride combinato genisteina (GCP®), un supplemento nutrizionale fatto da Amino Up Chemical Company, srl. È preparata fermentando l'estratto con i funghi dei basidiomiceti, un processo della soia che aumenta la biodisponibilità dei composti estrogeni pianta-derivati, anche conosciuto come gli isoflavoni, ha trovato naturalmente nei prodotti della soia. La genisteina è la forma bioactive dell'isoflavone trovato all'più alta concentrazione in soia. Gli isoflavoni sono stati riferiti per avere l'attività estrogena ed anti-estrogena come pure effetti antitumorali che sono indipendenti da attività dell'estrogeno. La prova dagli studi epidemiologici e preclinici suggerisce che gli isoflavoni proteggano dai cancri in relazione con l'ormone, quali il seno, il colon ed i carcinoma della prostata.

Le ricerche di laboratorio degli isoflavoni sostengono il loro ruolo nella terapia per sia la prostata che i cancri alla vescica. I ricercatori hanno esaminato gli effetti degli isoflavoni puri della soia (genisteina, genistin, daidzeina e biochanin A) e del concentrato fitochimico della soia sulla crescita del topo (murino) e delle linee cellulari umane del carcinoma della prostata in vitro e in vivo. La dose-dipendente degli isoflavoni della soia ha inibito la crescita delle linee cellulari del carcinoma della prostata in vitro. I topi d'alimentazione hanno inoculato con le cellule di carcinoma della prostata una dieta arricchita con la genisteina o i prodotti della soia hanno fatto diminuire le dimensioni del tumore, hanno ridotto l'angiogenesi, gli apoptosi aumentati e la proliferazione leggermente riduttrice della cellula tumorale.24

Il melograno inibisce la proliferazione di cellula tumorale

Il melograno (punica granatum) ampiamente è consumato come una frutta e succo e sia prova aneddotica che epidemiologica suggerisce che il succo del melograno possa essere un agente e un antiossidante cardioprotective importanti.L'analisi costituzionale 25,26 del melograno semina e le bucce rivela che contengono gli zuccheri, steroli, proteine, pectine e composti polifenolici potenti, compreso i punicalagins e l'acido ellagico, di cui i punicalagins sembrano essere il più ampiamente il costituente attivo ed abbondante.

Melograno

Mentre c'è soltanto alcuni studi del melograno estraggono come agente chemopreventive nel carcinoma della prostata, gli studi di iniziale suggeriscono che i vari composti del melograno possano agire sinergico per migliorare le attività antiproliferative del melograno nelle linee cellulari del carcinoma della prostata. Questi stessi studi hanno notato che le frazioni del melograno possono anche inibire l'azione delle cellule aggressive PC-3. Nello studio più recente sul completamento del succo del melograno negli uomini con carcinoma della prostata,27 un il vetro quotidiano dell'otto-oncia del succo del melograno hanno aumentato significativamente il tempo di raddoppiamento di PSA, quindi aumentante il periodo sano di sopravvivenza. (Commento di Stephen B. Strum, MD: Lo studio completamente è stato accresciuto dopo che i criteri di efficacia sono stati soddisfatti. C'erano eventi avversi non seri riferiti. Nessuno dei pazienti hanno sviluppato la malattia metastatica. Il tempo di raddoppiamento medio di PSA è aumentato significativamente con il trattamento, da una media di 15 - 54 mesi [P < 0,048]. Le analisi in vitro facendo uso del siero paziente pre- e dopo trattamento sulla crescita di LNCaP hanno mostrato una diminuzione di 12% nella proliferazione delle cellule ed in un aumento di 17% in apoptosi [P = 0,0048 e 0,0004, rispettivamente].

Altri composti di erbe

Al centro per l'urologia olistica, stiamo esplorando una combinazione di erbe per determinare se possono colpire i livelli in aumento di PSA negli uomini con una biopsia negativa della prostata. Una di queste erbe, l'estratto della corteccia di pereira di Pao, proviene dalla foresta pluviale di Amazon ed è stata usata per secoli per combattere la malattia ed alleviare la febbre. L'altro composto è l'estratto di vomitoria di Rauwolfia, un arbusto africano tropicale usato tradizionalmente come regolatore lassativo ed ormonale.

Se siete diagnosticato: Opzioni chirurgiche

Diciamo il vostro punteggio di PSA ritorna su dopo che un controllo generale sistematico. Il vostro medico ritiene un grumo sospettoso durante l'esame manuale della prostata e una biopsia rivela che avete carcinoma della prostata. La classificazione di Gleason e dell'organizzazione indica che la malattia è localizzata, ma dovrebbe essere trattata. Che seguente?

Avete molte opzioni. Le opzioni chirurgiche per gli uomini con carcinoma della prostata non sono state mai estese come sono oggi. E qualunque cosa la fase della malattia della prostata, voi possa trarre giovamento dalle misure chemopreventive già descritte.

Prostatectomia radicale

Una coppia di decadi fa, radicale prostatectomia-pieno-su rimozione di intera prostata ghiandola-era la parità aurea del trattamento. Questo ambulatorio è ancora l'itinerario preferito per gli uomini al di sotto di 65 anni che hanno localizzato la malattia. Ha alti tassi della cura per la malattia che non si è sparsa oltre la prostata. Il problema è che una determinata percentuale degli uomini che subiscono la prostatectomia radicale può finire incontinente, impotente, o entrambi.

Una prostatectomia radicale comprende la rimozione di intere ghiandola e vescicole seminali di prostata e, secondo le circostanze, provanti le note della linfa all'interno del bacino. (I linfonodi sono controllati da un patologo per vedere se la malattia si è sparsa. Secondo che cosa è trovato, supplementare trattamento-compreso radiazione, la chemioterapia, o il trattamento con le droghe che bloccano il testosterone produzione-può essere raccomandato.) Eseguiamo parecchie versioni della prostatectomia radicale, includenti:

  • Prostatectomia retropubica (anche chiamata prostatectomia aperta), in cui la ghiandola ed altri tessuti sono rimossi attraverso un'incisione addominale.
  • Prostatectomia perineale, in cui l'incisione è fatta fra l'ano e lo scroto; in questa versione dell'ambulatorio, gli strumenti laparoscopici o un'incisione supplementare attraverso l'addome possono essere necessari provare i linfonodi.

Oggi, le vostre probabilità di avere una prostatectomia senza impotenza o incontinenza di sofferenza sono migliori che mai, grazie agli avanzamenti nelle tecniche chirurgiche ispezionate la decade passata. Le una coppia di più nuove tecniche sono:

  • Prostatectomia laparoscopica. Più sicuri di altri metodi chirurgici, la prostatectomia laparoscopica si riduce sanguinare e dà al chirurgo una migliore probabilità di risparmio dei nervi che sostengono la funzione e la continenza erettili. Potete recuperare dalla prostatectomia laparoscopica in alcuni giorni, mentre recuperare dalla prostatectomia aperta più tradizionale può richiedere quattro - sei settimane. Per fare una procedura laparoscopica, diamo l'anestesia generale ed infiliamo una sonda, con una macchina fotografica minuscola sulla sua estremità, in una piccola incisione nell'addome. Altre incisioni più piccole di una moneta da dieci centesimi di dollaro sono usate per inserire gli strumenti con cui facciamo la procedura reale. L'addome è gonfiato con il gas dell'anidride carbonica durante l'ambulatorio, che contribuisce a comprimere le vene pelviche ed a ridurrsi sanguinare.
  • Prostatectomia robot. Questa tecnica è appena cui suona come: prostatectomia laparoscopica assistita. È eseguito con un robot chiamato il sistema chirurgico del ® di da Vinci, che funziona come estensione delle mani del chirurgo. Il robot migliora la precisione e la gamma del chirurgo di moto e una macchina fotografica inserita come componente della procedura mostra le immagini tridimensionali dell'area che è operata sopra. Ciò è lo stato dell'arte in prostatectomia radicale ed una volta usata in un da un chirurgo urologico esperto, ha il migliore registro per la conservazione dei nervi vitali alla funzione sessuale ed urinaria. Finora, i dati indicano che l'incidenza sia delle complicazioni chirurgiche secondarie che importanti con la prostatectomia robot è un quarto quello della prostatectomia aperta tradizionale. A Colombia, abbiamo un gruppo dei chirurghi robot che usando il sistema del ® di da Vinci. In generale, molto siamo stati impressionati con le degenze in ospedale ridutrici, la perdita di sangue in diminuzione, il recupero più rapido e la funzione urinaria e sessuale sperimentata dai pazienti che subiscono questa terapia. Attualmente, sembra che i tassi di Cancro-control, facendo uso dei punti finali quali stato del margine e controllo di PSA, sembrino essere buoni quanto con la tecnica chirurgica aperta.

Criochirurgia

La criochirurgia, anche chiamata crioablazione, comprende congelare le cellule tumorali alla morte. Facciamo questo con accuratezza puntuale nelle frazioni di secondo. Usiamo l'ultrasuono per guidare la disposizione dei cryoneedles nelle aree appropriate della prostata. Il gas dell'argon è pompato attraverso gli aghi rapidamente per raffreddare le aree cancerogene. Dopo che il tessuto è congelato, il gas dell'elio è passato gli stessi aghi per sciogliere il tessuto.

In sette agli studi di otto anni, la crioablazione ha un indice di successo 89-92% poichè un trattamento primario per la malattia localizzata o localmente avanzata (malattia di significato che si è sparsa appena oltre la prostata). Inoltre ho usato la criochirurgia per curare i pazienti che subiscono la radiazione e più successivamente ho una ricorrenza.

Il nostro lungo termine risulta facendo uso di criochirurgia in pazienti come questi sono stati eccellenti. Novantasette per cento di loro sono sopravvissuto a per almeno 10 anni dopo la procedura. Soltanto 12% degli uomini che ricevono la crioterapia hanno una biopsia positiva dopo il trattamento.

La crioablazione ora è approvata da FDA ed è coperta da Assistenza sanitaria statale. È risultare efficace per gli uomini di cui i cancri si sono sparsi alle aree appena oltre la prostata, o coloro che ha tumori aggressivi (significati un grado di Gleason di 7 o più alti). È inoltre una buona alternativa per gli uomini che non possono o preferire non avere la chirurgia o radiazione.

Eseguiamo la criochirurgia nell'ospedale con l'anestesia (epidurale) generale o spinale. Alcuni pazienti si consigliano di prendere le droghe di ormone-didascalia per contribuire a restringere la prostata prima di subire la chirurgia. La maggior parte delle procedure sono fatte in un'ora e mezzo al massimo. I cryoneedles sono guidati tramite il perineo, sotto lo scroto. In due o più cicli di gelo-disgelo, congeliamo le cellule tumorali alla morte, facendo uso delle termocoppie e di un dispositivo di riscaldamento uretrale per proteggere i tessuti sani da danno. Se tutto va bene, il paziente sarà inviato a casa quel giorno o il seguente e per una settimana o in modo da utilizzerà un catetere uretrale per togliere l'urina dalla vescica in una borsa indossata su una coscia.

Nel passato, i tassi di impotenza erano molto alti dopo la crioablazione. Attualmente, stiamo avendo successo molto maggior negli uomini con cancro a basso rischio, poichè i pacchi del nervo non devono essere congelati. Ora abbiamo un modo esattamente di misurazione della temperatura fuori della ghiandola nell'area dei pacchi del nervo. Possiamo estendere il ghiaccio fino la capsula (la membrana che copre la prostata) e sradicare il cancro in questa regione, mentre risparmiamo la funzione sessuale. Durante gli ultimi tre anni, abbiamo iniziato un programma focale di crioablazione. Per gli uomini con un piccolo fuoco di cancro da un lato della ghiandola e un punteggio basso di Gleason di 6 o di meno, il cancro può essere rimosso con alcuni aghi. Ciò sembra essere un modo molto efficace di terapia per questo sottoinsieme dei pazienti.

Che cosa circa le droghe, la radiazione e la chemioterapia?

Quando parliamo delle droghe per il trattamento di carcinoma della prostata, stiamo riferendo agli agenti della chemioterapia o alle droghe dirimozione. L'ablazione dell'ormone è usata spesso come componente di un piano di trattamento del cancro che può anche comprendere la chirurgia, la chemioterapia e la radiazione. Poiché i trattamenti farmacologici hanno quasi sempre effetti collaterali, sono il meglio evitato ed eventualmente potete agire in tal modo con le misure chemopreventive corrette.

Se voleste imparare più circa la droga, la chemioterapia e la radioterapia per la prostata Cancro-e circa i modi olistici indirizzare gli effetti collaterali potenzialmente significativi di queste terapie-prego a volte necessarie si riferiscono al mio libro, Guide del Dott. Katz a salute della prostata: Da convenzionale alle terapie olistiche (stampa di libertà, 2005). Il libro inoltre contiene le informazioni sui trattamenti olistici per l'ipertrofia prostatica benigna (BPH) e la prostatite, oltre ad informazioni più approfondite sul chemoprevention e sul trattamento del carcinoma della prostata.

Il Dott. Katz è professore associato dell'urologia e direttore del centro per l'urologia olistica al centro medico dell'università di Columbia a New York.

Riferimenti

1. Disponibile a: http://www.cdc.gov/cancer/prostate/prospdf/Prostate-FS2003.pdf. 27 novembre 2006 raggiunto.

2. Biri H, Ozturk HS, Kacmaz m., et al. attività del volume d'affari del DNA e radicale libero che metabolizza gli enzimi nel tessuto umano cancerogeno della prostata. Il Cancro investe. 1999;17(5):314-9.

3. GRUPPO DI LAVORO del Nelson, De Marzo AM, DeWeese TL, WB di Isaacs. Il ruolo di infiammazione nella patogenesi di carcinoma della prostata. J Urol. 2004 novembre; 172 (5 pinte 2): S6-11.

4. GRUPPO DI LAVORO del Nelson, De Marzo AM, DeWeese TL, et al. lesioni Preneoplastic della prostata: un'opportunità per prevenzione di carcinoma della prostata. Ann NY Acad Sci. 2001 dicembre; 952:135-44.

5. McNeal JE, DG di Bostwick. Displasia di Intraductal: una lesione premaligna della prostata. Ronzio Pathol. 1986 gennaio; 17(1): 64-71.

6. Schroeder CP, Yang P, RA di Newman, metabolismo di Lotan R. Eicosanoid nelle linee cellulari del carcinoma a cellule squamose è derivato dal cancro di collo e capo primario e metastatico e dalla sua modulazione dal celocoxib. Biol Ther del Cancro. 2004 settembre; 3(9): 847-52.

7. Yablonsky F, Nicolas V, Riffaud JP, effetto di Bellamy F. Antiproliferative dell'estratto di africanum di Pygeum sui fibroblasti prostatici del ratto. J Urol. 1997 giugno; 157(6): 2381-7.

8. Krzeski T, Kazon m., Borkowski A, Witeska A, estratti di Kuczera J. Combined del africanum di Pygeum e di urtica dioica nel trattamento dell'iperplasia prostatica benigna: un confronto della prova alla cieca di due dosi. Clin Ther. 1993 novembre; 15(6): 1011-20.

9. Valutazione sessuale di Carani C, di Salvioli V, di Scuteri A, et al. urologico e del trattamento della malattia prostatica benigna facendo uso del africanum di Pygeum alle dosi elevate. Arco Ital Urol Nefrol Androl. 1991 settembre; 63(3): 341-5.

10. Obertreis B, Giller K, Teucher T, Behnke B, effetto di Schmitz H. Anti-inflammatory dell'estratto dei folia di urtica dioica rispetto ad acido malico caffeico. Arzneimittelforschung. 1996 gennaio; 46(1): 52-6.

11. Giovannucci E, Ascherio A, Rimm eb, et al. assunzione dei carotenoidi e retinolo relativamente al rischio di carcinoma della prostata. Cancro nazionale Inst di J. 6 dicembre 1995; 87(23): 1767-76.

12. Rao avoirdupois, Fleshner N, Agarwal S. Serum e licopene del tessuto e biomarcatori di ossidazione nei pazienti di carcinoma della prostata: uno studio di caso-control. Cancro di Nutr. 1999;33(2):159-64.

13. Fleshner N, WR giusto, Huryk R, Heston WD. La vitamina E inibisce la crescita promossa dieta ad alta percentuale di grassi dei tumori umani stabiliti di LNCaP della prostata in topi nudi. J Urol. 1999 maggio; 161(5): 1651-4.

14. Anon. L'effetto della vitamina E e del beta-carotene sull'incidenza del cancro polmonare e di altri cancri in fumatori maschii. L'alfa-tocoferolo, gruppo di Beta Carotene Cancer Prevention Study. Med di N Inghilterra J. 14 aprile 1994; 330(15): 1029-35.

15. Clark LC, pettini GF, Jr., Turnbull BW, et al. effetti del completamento del selenio per prevenzione del cancro in pazienti con carcinoma della pelle. Una prova controllata randomizzata. Prevenzione nutrizionale del gruppo di studio del Cancro. JAMA. 25 dicembre 1996; 276(24): 1957-63.

16. Clark LC, JUNIOR di Marshall. Prove randomizzate e controllate di chemoprevention in popolazioni a molto ad alto rischio per carcinoma della prostata: Antigene prostatico specifico elevato e neoplasia intraepiteliale prostatica di prima scelta. Urologia. 2001 aprile; 57 (4 supplementi 1): 185-7.

17. Clark LC, Dalkin B, Krongard, et al. incidenza in diminuzione di carcinoma della prostata con il completamento del selenio: risultati di una prova di prevenzione del cancro della prova alla cieca. Br J Urol. 1998 maggio; 81(5): 730-4.

18. Lippman MP, Goodman PJ, Klein ea, et al. progettando la prova di prevenzione del cancro della vitamina e del selenio E (SELEZIONI). Cancro nazionale Inst di J. 19 gennaio 2005; 97(2): 94-102.

19. Tè di Fujiki H. Green: Indennità-malattia come preventivo del cancro per gli esseri umani. Rec di Chem. 2005;5(3):119-32.

20. Borrelli F, Capasso R, Russo A, rassegna di Ernst E. Systematic: tè verde e rischio di cancro gastrointestinale. Alimento Pharmacol Ther. 1° marzo 2004; 19(5): 497-510.

21. Saleem m., Adhami VM, Siddiqui IA, bevanda di Mukhtar H. Tea in chemoprevention di carcinoma della prostata: un mini-esame. Cancro di Nutr. 2003;47(1):13-23.

22. Nakachi K, Eguchi H, aumento di ora del the di Imai K. Can la sua vita? Rev. 2003 di ricerca di invecchiamento gennaio; 2(1): 1-10.

23. Gupta S, Ahmad N, chemoprevention del cancro di Mukhtar H. Prostate da tè verde. Semin Urol Oncol. 1999 maggio; 17(2): 70-6.

24. JUNIOR di Zhou, Yu L, Zhong Y, et al. inibizione di crescita ortotopica e metastasi ai dei tumori umani androgeno sensibili della prostata in topi dalle componenti bioactive della soia. Prostata. 1° ottobre 2002; 53(2): 143-53.

25. Wang rf, Xie WD, Zhang Z, et al. composti Bioactive dai semi della punica granatum (melograno). J Nat Prod. 2004 dicembre; 67(12): 2096-8.

26. Seeram NP, Adams LS, Henning MP, et al. le attività antiproliferative, apoptotiche ed antiossidanti in vitro di punicalagin, l'acido ellagico e un estratto totale del tannino del melograno sono migliorati congiuntamente ad altri polifenoli come constatato nel succo del melograno. Biochimica di J Nutr. 2005 giugno; 16(6): 360-7.

27. Pantuck AJ, studio di Leppert JT, di Zomorodian N, et al. di fase II del succo del melograno per gli uomini con l'antigene prostatico specifico aumentante dopo chirurgia o radiazione per carcinoma della prostata. Ricerca del Cancro di Clin. 1° luglio 2006; 12(13): 4018-26.