Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine dicembre 2007
immagine

Carnitina e tiroide


Perché i pazienti di Hyperthyroid hanno bisogno della carnitina Da Julius G. Goepp, MD

Avete la perdita di peso non spiegata, le ossa fragili (osteoporosi), il sonno della difficoltà e debolezza di muscolo?

In caso affermativo, potete soffrire dall'ipertiroidismo, una condizione medica seria avete caratterizzato da una ghiandola tiroide iperattiva. Una delle complicazioni temute di ipertiroidismo non diagnosticato e non trattato è l'emergenza medica temuta della tempesta-un della tiroide caratterizzata da un battito cardiaco di corsa e da una pressione sanguigna molto in alto.

Recentemente, un gruppo degli scienziati ha scoperto che la L-carnitina nutriente può svolgere un ruolo importante nel trattamento della tiroide, compreso la debolezza di muscolo potenzialmente debilitante connessa con ipertiroidismo. Ancora, i risultati scientifici preliminari suggeriscono che la L-carnitina possa contribuire a proteggere dalla minaccia letale della tempesta della tiroide.

Qui, esploreremo il viaggio che scientifico notevole quello ha condotto alle L-carnitine il riconoscimento come sostanza nutriente chiave per quelli con ipertiroidismo.

La ghiandola tiroide: Metabolismo di regolamento

Come tutte le macchine ad alto rendimento, il corpo umano richiede un sistema sensibile della combustibile-gestione. La ghiandola tiroide ci serve bene nel suo ruolo da comando e termostato di combinazione, varianti il tasso a cui bruciamo il nostro combustibile metabolico conformemente ai nostri bisogni. La tiroide, situata nella parte anteriore del collo, dirige questa funzione di controllo delicata pricipalmente con la produzione di parecchi ormoni tiroidei iodio-contenenti. Quando gli ormoni tiroidei raggiungono i loro tessuti dell'obiettivo in tutto il corpo, stimolano quei tessuti aumentare il loro tasso metabolico. La tiroide stessa è controllata, come la maggior parte delle ghiandole endocrine, “dalla ghiandola matrice„ chiamata l'ipofisi, stessa sotto il controllo della struttura profonda del cervello chiamata l'ipotalamo.

La combinazione di ipotalamo, di ipofisi e di tiroide funziona normalmente perfetto per mantenere il metabolismo ai livelli richiesti, ma come tutti i sistemi di controllo complessi, è conforme a guasto, particolarmente con l'aumento dell'età.1 la forma più comune di tiroide è ipotiroidismo, che si presenta sotto c'è ne di una serie di circostanze quando c'è attività insufficiente dell'ormone tiroideo.2 sintomi di ipotiroidismo comprendono l'affaticamento, la debolezza di muscolo, la letargia, l'obesità e una tendenza ritenere freddi anche negli ambienti caldi.3

L'ipertiroidismo, o l'eccessiva attività della tiroide, inoltre si presenta per varie ragioni,4 il più comune di quale comprendono le circostanze autoimmuni conosciute come la malattia e la tiroidite di Hhashimoto della tomba.5 pazienti con il hyperthyroid condiziona, secondo le aspettative, i sintomi di esperienza che sono in gran parte di fronte a quelli di ipotiroidismo. Questi comprendono il nervosismo, i tremori, le palpitazioni cardiache, la perdita di peso ed i disturbi del sonno. Sia i pazienti iper- che ipotiroidei possono anche avvertire la debolezza di muscolo.Un ipertiroidismo di 6 estremi, o la tireotossicosi, può culminare in che cosa si riferisce a come “tempesta della tiroide.„7 in questa emergenza medica esattamente nominata, i pazienti soffrono da ipertensione acuta e dalle frequenze cardiache elevate, mettenti loro ad ad alto rischio per il colpo, l'attacco di cuore ed altre conseguenze dello stato metabolico aumentato. Anche con il migliore trattamento moderno, la tempesta della tiroide costa a fino a 50% dei pazienti le loro vite.8

Ipertiroidismo: La ricerca lunga delle risposte

Il trattamento tradizionale degli stati di hyperthyroid ha contato sui cosiddetti droga-farmaci thyrotoxic che distruggono o alterano la ghiandola tiroide che funziona per frenare nel tasso metabolico elevato. Mentre il loro nome implica, queste droghe possono avere effetti collaterali prominenti e spesso lasciano i pazienti in uno stato ipotiroideo dopo il trattamento. Una migliore forma di terapia è chiaramente necessaria, ma soltanto recentemente ha il diritto gli indizi montato per mostrare il modo ad una soluzione-un sorprendente diretta che è collegata con una manifestazione comune della tiroide.

Una delle caratteristiche più prominenti degli stati di hyperthyroid è una debolezza dei muscoli scheletrici che possono essere debilitanti alla vittima.7,9 ironicamente, gli scienziati hanno per più di quattro decadi hanno avute molti pezzi del puzzle per quanto riguarda che cosa causa questa debolezza di muscolo e come trattarla. Come tanti altri misteri medici, tuttavia, questo ha dovuto attendere la vigilanza di un ricercatore dedicato e del suo gruppo che potrebbero stabilire tutti pezzi.

Per capiamo come il Dott. italiano Salvatore Benvenga e colleghi dell'endocrinologo è arrivato alla loro comprensione emozionante, seguono le loro piste come hanno esplorato i risultati scientifici che datano dall'salto-inizio di fine anni '1950 la loro propria ricerca originale.

I primi studi pubblicati nella letteratura moderna sugli effetti di carnitina nell'ipertiroidismo sono venuto dalla Germania del dopoguerra nel 1959, con l'osservazione che la carnitina ha avuta un impatto sulla tiroide difunzionamento.10 tre anni più successivamente gli stessi ricercatori hanno riferito sull'uso di carnitina nel trattamento di ipertiroidismo; successivamente hanno dimostrato quella carnitina hanno colpito l'accumulazione di iodio nel tessuto della tiroide stessa.11,12 sebbene un altro gruppo di ricerca tedesco riferito sull'uso di carnitina nel trattamento dell'ipertiroidismo verso la fine degli anni 60,13 poca esplorazione della sostanza nutriente come una terapia potenziale si è presentata per più di 30 anni.

Con gli anni 70, i ricercatori giapponesi hanno trovato che c'era un aumento nell'escrezione della carnitina nell'urina dei pazienti di hyperthyroid.La carnitina 14 è una sostanza nutriente essenziale per il trasporto del combustibile (principalmente acidi grassi) “nelle fornaci„ cellulari conosciute come i mitocondri.15,16 poichè le cellule di muscolo bruciano gli acidi grassi in una risposta dispendiosa ad attività aumentata della tiroide, il volume d'affari della carnitina è aumentato drammaticamente,17 facendo uso dei depositi cellulari alti di carnitina mentre potenzialmente contribuisce alle perdite urinarie aumentate allo stesso tempo.18

In modo preoccupante, sebbene l'attività aumentata della tiroide aumenti l'esigenza di carnitina in cellule ed aumenti la perdita della carnitina in urina, una certa prova suggerisce che gli ormoni tiroidei potrebbero realmente sopprimere la produzione naturale di carnitina,19 ulteriori riducendo la disponibilità di questa sostanza nutriente vitale nel momento stesso in cui ha avuto bisogno dei la maggior parte. Se le cellule di muscolo perdono il rifornimento della carnitina che li aiuta per importare grasso la acido-loro migliore fonte di funzionalità del muscolo del combustibile-poi potrebbe essere indebolito.20

Carnitina e tiroide: Che cosa dovete conoscere
  • L'ipertiroidismo è caratterizzato dai sintomi quali la debolezza di muscolo, il nervosismo, i tremori, le difficoltà di sonno e la perdita di peso. Gli individui colpiti possono anche avvertire l'emergenza medica potenzialmente micidiale della tempesta-un della tiroide che invia la frequenza cardiaca e la corsa di pressione sanguigna.

  • L'attività aumentata della tiroide può aumentare l'esigenza delle cellule di carnitina, mentre aumenta la perdita della carnitina nell'urina. Gli individui che soffrono dall'ipertiroidismo possono quindi richiedere la L-carnitina supplementare.

  • Negli studi clinici, nel completamento della L-carnitina contribuiti per impedire o invertire debolezza di muscolo ed altri sintomi in individui che soffrono dall'ipertiroidismo.

  • In un rapporto di caso, la L-carnitina ha mostrato che la promessa nell'aiuto impedisce il risultato letale possibile della tempesta della tiroide.

  • la L-carnitina può contribuire a proteggere la salute e la forza del muscolo in vari termini, compreso ipertiroidismo.

 

Può la carnitina avvantaggiare le vittime di Hyperthyroid?

A questo punto sembrerebbe naturale domandarsi se completare con la carnitina avesse significato per i pazienti con ipertiroidismo. Quella domanda non è stata presa seriamente fino al nuovo millennio, quando ha cominciato ad affascinare una nuova generazione di ricercatori, principale dal Dott. Benvenga. Nel 2004, il Dott. Benvenga ha notato la sua sorpresa che gli studi più iniziali di promessa non erano stati perseguiti più ulteriormente, poiché i metodi ideali di modulazione dell'attività dell'ormone tiroideo negli stati di hyperthyroid ancora ancora non erano stati messi a punto.21 ha intrigato dal lavoro più in anticipo e dalla mancanza di progresso nel frattempo, il Dott. Benvenga e colleghi ha cercato fuori che cosa già è stato conosciuto circa le interazioni di carnitina e dell'ormone tiroideo e poi ha progettato le loro proprie serie di indagini.

Gli studi sul completamento della carnitina come trattamento per ipertiroidismo erano scarsi, dire i minimo. Un rapporto nel 1981 aveva indicato che aggiungere la carnitina alle culture del tessuto nelle circostanze di hyperthyroid ha aiutato gli acidi grassi liberi trattati delle cellule in energia utile.22 i due brevi studi più ancora a partire dagli anni 60 hanno esaminato le interazioni della carnitina con gli ormoni tiroidei, 23,24 ma la ricerca precedente fermata là. Il gruppo di Benvenga dovrebbe cominciare virtualmente da zero.

Il primo punto sarebbe di guadagnare una migliore comprensione di come la carnitina agisce in tessuto nelle circostanze di hyperthyroid. Continuando sugli studi fatti negli anni 60, 23 Benvenga ed i colleghi hanno installato una ricerca di laboratorio a tre corsie.25 facendo uso delle cellule da due fonti umane e da una linea cellulare del topo, i ricercatori hanno dimostrato che la carnitina influenza l'interazione fra gli ormoni tiroidei ed i nuclei delle cellule. Come la maggior parte dei ormoni, gli ormoni tiroidei funzionano dentro il nucleo delle cellule per influenzare il tasso a cui gli enzimi vitali ed altre proteine sono prodotti nella cellula. Il completamento della carnitina, i ricercatori creduto, potrebbe servire a rompere il ciclo di utilizzazione inefficiente del combustibile, che infine conduce a svuotamento ed alla debolezza di muscolo. È rimanere verificare soltanto quell'ipotesi in pazienti in tensione.

Quell'opportunità presto si è presentata a questo gruppo creativo ed inventivo di clinico-ricercatori. Hanno condotto un randomizzato, una prova alla cieca, prova controllata con placebo del completamento orale della carnitina ad un modo particolarmente elegante ed efficiente.23 i loro oggetti erano 50 donne che stavano prendendo gli ormoni tiroidei ai noduli benigni della tiroide dell'ossequio (l'ormone tiroideo sopprime l'ormone ipofisario chiamato ormone stimolante la tiroide, o TSH, che induce i noduli a svilupparsi). In tali pazienti, l'ipertiroidismo del delicato--moderato è frequentemente un effetto collaterale indesiderato ed i ricercatori hanno scelto di studiare questo gruppo di pazienti per sfruttare quell'effetto, mentre potenzialmente fornivano il sollievo benvenuto dai sintomi.26

A cominciare dalle loro prime dosi degli ormoni tiroidei, le donne sono state divise in tre gruppi come segue:

  • placebo soltanto per sei mesi (gruppo 0)

  • il placebo per due mesi ha seguito da carnitine 2 o g/giorno 4 per due mesi seguiti da un ritorno a placebo (gruppi A2 e A4)

  • le carnitine 2 o g/giorno 4 per quattro mesi hanno seguito da placebo (gruppi B2 e B4).

Esaminando i risultati del completamento sul gruppo A, i ricercatori potrebbero studiare la capacità di carnitina di trattare gli effetti di ipertiroidismo, poiché i pazienti non avrebbero ottenuto il supplemento fino a dopo due mesi del trattamento d'induzione. Studiando l'impatto del completamento sul gruppo B potrebbero determinare come la carnitina lavorata per impedire i sintomi dei livelli di ormone in eccesso, poiché i pazienti stavano ottenendo dall'inizio il supplemento del trattamento con gli ormoni tiroidei.

Risultati drammatici con il completamento

I risultati erano niente a corto di drammatico. Come previsto, i sintomi ed i risultati di ematochimica hanno peggiorato nel gruppo 0, che ha ricevuto l'ormone tiroideo ma soltanto il placebo inoltre. Queste donne hanno visualizzato i sintomi di ipertiroidismo delicato, compreso la debolezza di muscolo, la dispnea, le palpitazioni cardiache, il nervosismo, l'insonnia ed i tremori. Inoltre avevano aumentato i riflessi del ginocchio e le frequenze cardiache e la perdita sostanziale di peso corporeo. Le donne nel gruppo A hanno avvertito il simile peggioramento dei sintomi durante i due mesi che inizialmente hanno richiesto a placebo, ma quei sintomi sono scomparso dopo due mesi sul completamento della carnitina, solo per ritornare durante i loro due mesi finali di placebo. Nel frattempo, le donne nel gruppo B, che ha preso la carnitina dall'inizio del loro trattamento dell'ormone tiroideo, non hanno avute peggioramento dei loro sintomi finché non smettessero di ricevere la carnitina alla fine dei primi quattro mesi. Poi rapidamente hanno sviluppato i sintomi simili agli altri oggetti che non stavano ricevendo la carnitina. C'erano miglioramenti in determinati parametri del laboratorio pure durante i tempi che gli oggetti hanno completato con carnitina. Di interesse particolare era il fatto che la densità minerale ossea ha aumentato di entrambi completati raggruppa, con il più grande aumento nel gruppo B, che ha ricevuto il completamento della carnitina per i quattro mesi completi.26

Il Dott. Benvenga e colleghi ha riassunto i loro risultati da questi studi al seguente modo: “Poiché l'ipertiroidismo impoverisce i depositi del tessuto di carnitina, c'è una spiegazione razionale per utilizzare la L-carnitina almeno in determinate regolazioni cliniche… e poiché la carnitina non ha la tossicità, la teratogenicità [difetti di nascita], controindicazioni ed interazioni con le droghe, la carnitina può essere utile clinico.„21,26 mentre i ricercatori precisano, molti pazienti su terapia ormonale della tiroide interrompono il loro trattamento come risultato degli effetti collaterali, in modo dal completamento della carnitina può non solo offrire il sollievo dai sintomi, ma potrebbe aiutare i pazienti ad aderire ai loro regimi del farmaco.21

Ma che cosa circa i pazienti con le forme più severe di tiroide? I pazienti originali di Benvenga hanno avuti sintomi delicati come conseguenza delle loro dosi con attenzione controllate degli ormoni tiroidei. I pazienti con la tireotossicosi vera possono avere molto più disturbo e perfino sintomi pericolosi. Tale gente può soffrire dai termini autoimmuni quali le tiroiditi di Hhashimoto ed il morbo di Basedow, o da altre cause di attività elevata della tiroide quali tiroidite successiva al parto, tiroidite sua-acuto, tiroidite farmaco-indotta, o un termine conosciuto come il gozzo nodulare autonomo. Può la carnitina offrire una certa speranza in queste situazioni pure?

La risposta sembra essere risuonare “sì,„ basato sui dati molto recenti. Il Dott. Benvenga e colleghi non ha smesso di valutare la gente con la tiroide dopo il loro ultimo grande studio. Hanno proceduto curare i diversi pazienti con tutte cause sopra-celebri di ipertiroidismo con le dosi di carnitina che variano da 2 al g/giorno 4, per ridurre le dosi e gli effetti collaterali delle droghe tradizionali di antitiroide.21

Carnitina-calmare la tempesta

La tempesta della tiroide fornisce la dimostrazione il più potente drammatica della capacità della carnitina di controllare i sintomi dell'ormone tiroideo in eccesso. Durante la tempesta della tiroide, i pazienti avvertono un rilascio massiccio degli ormoni tiroidei che possono sopraffare le risorse metaboliche del corpo. La tempesta della tiroide è letale in fino a 50% dei pazienti,8 e tipicamente richiede le dosi elevate molto delle droghe tradizionali di antitiroide, molte di cui hanno loro propri effetti collaterali seri. La tempesta della tiroide è avviata quasi sempre da una certa altra malattia o evento, quali un'infezione o una lesione traumatica, in pazienti con ipertiroidismo di fondo.8,27 sebbene la tempesta della tiroide sia rara, alcuni pazienti di hyperthyroid possono avvertire gli episodi di ricorso di questa circostanza terrificante.

Il gruppo del Dott. Benvenga era il primo per riferire il successo di carnitina supplementare nel trattamento delle tempeste ricorrenti della tiroide,28 quando lo hanno usato per curare un giovane con il morbo di Basedow. Dopo la sofferenza della tempesta violenta della tiroide, il paziente è stato prescritto una dose bassa di una droga di antitiroide con il g/giorno 2 di L-carnitina. (Il paziente non poteva prendere le più grandi dosi della droga di antitiroide dovuto i suoi conteggi delle piastrine bianchi bassi e del globulo.)

Mentre il paziente ha sofferto da due episodi successivi della tempesta della tiroide, è riuscito ancora a sopravvivere a questi eventi potenzialmente mortali. Notevolmente, anche se i suoi livelli ematici misurati di ormoni tiroidei erano comparabili a quelli della sua prima tempesta violenta, i suoi sintomi reali erano considerevolmente più delicati durante gli attacchi che ha sofferto mentre prendeva la carnitina supplementare. Il Dott. Benvenga precisa che perché la carnitina funziona nei tessuti dell'obiettivo quale il muscolo e non nella tiroide stessa, è per niente sorprendente che questo paziente ha sofferto le tempeste successive mentre prendeva la carnitina (che non avrebbe effetti sulla produzione della ghiandola tiroide dell'ormone tiroideo).

Continuato alla pagina 2 di 2