Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine febbraio 2007

immagine

Una strategia trascurata per impedire carcinoma della prostata

Da William Faloon

da William Faloon

Se la ghiandola di prostata non fosse posizionata in così area sensibile e difficile da raggiungere del corpo, si potrebbe sostenere che la maggior parte dei uomini dovrebbero considerare di averlo hanno rimosso intorno all'età di 50.

Ho rilasciato questa dichiarazione apparentemente bizzarra 12 anni fa, perché la vasta maggioranza degli uomini di invecchiamento contratterà la malattia benigna o maligna della prostata, l'una o l'altra di cui può diminuire la qualità e la durata di vita.1

Mentre la malattia benigna della prostata non è solitamente ha pensato a come pericoloso, il disturbo del sonno causa dovuto la notte che l'urgenza urinaria potrebbe aumentare molto bene la mortalità. Quello è perché la gente che non ottiene abbastanza sonno produce in eccesso le citochine infiammatorie che infliggono il danneggiamento delle arterie, delle articolazioni, delle ossa e dei neuroni.2-4 così mentre benigne le uccisioni dell'ingrandimento stesso della prostata raramente, la privazione che cronica di sonno induce possono accelerare molto bene la morte.

Dopo gli anni riproduttivi, la ghiandola di prostata non solo si trasforma in in un fastidio, ma inoltre ostacola la capacità degli uomini di approfittare delle terapie antinvecchiamento convalidate. Gli uomini anziani uniscono frequentemente il prolungamento della vita che cerca una soluzione per le malattie che degeneranti multiple hanno contrattato. Questi uomini indisposti sono quasi sempre severamente carenti in testosterone ed altri ormoni critici. Purtroppo, molti inoltre hanno prova di carcinoma della prostata, che le preclude dall'accedere ai benefici permessi ristabilendo tutti gli ormoni ai livelli giovanili.

Le carenze di testosterone e di DHEA sono strettamente connesse ad una miriade di malattie relative all'età comuni.5-31 infatti, i bassi livelli di questi ormoni possono più ulteriormente chiodare i livelli infiammatori pericolosi di citochina.32-37

Illustrazione del bacino maschio che mostrano la parete della vescica (centro superiore) e della conservazione dell'urina dovuto una ghiandola di prostata ingrandetta (iperplasia prostatica benigna). La prostata ingrandetta è visibile nel centro dell'immagine, circondante l'uretra. Il retto è l'area rosa all'estrema destra.

Il dilemma che affrontiamo oggi è che determinati disordini relativi all'età possono parzialmente essere invertiti ristabilendo gli ormoni alle gamme giovanili. Per gli uomini anziani afflitti con la malattia della prostata, questa conoscenza è poco utile pratico perché non possono ristabilire il loro complemento completo degli ormoni.

Non posso dirgli quanti casi ho incontrato dove i maschi anziani soffrono i disordini sistemici direttamente relativi agli squilibri dell'ormone. Se non fosse per le loro ghiandole di prostata difettose, questi uomini potrebbero godere degli effetti ringiovanire che sono stati indicati quando i loro ormoni sono restituiti alle gamme ottimali.

Prenda il controllo delle statistiche

Più di 230.000 uomini sono diagnosticati ogni anno con carcinoma della prostata negli Stati Uniti e quasi 30.000 moriranno direttamente da.38 non incluse queste statistiche epidemiche sono le inabilità e le morti che si presentano in risposta al trattamento di carcinoma della prostata.

Le cellule della prostata sono particolarmente a mutazione incline e trasformazione maligna.39-55 questo processo accelera mentre gli uomini invecchiano dopo 50. Interessante, le cellule di altri tessuti nella regione anatomica della prostata non diventano quasi mai cancerogene.

Sono ci modi evitare stare bene ad una vittima di queste statistiche torve? Pensiamo così. In primo luogo, il corpo umano ha ovviamente meccanismi di controllo che tengono i gruppi isolati di cellule maligne della prostata nel controllo. Ciò è dimostrata dall'alto tasso di rilevazione durante le autopsie delle cellule di carcinoma della prostata in maschi fra le età di 30 e 40.56 uomini questo giovane non sono diagnosticati quasi mai con carcinoma della prostata, ma molti hanno cellule tumorali che si appostano in loro ghiandole di prostata. Sfruttando i meccanismi di controllo della crescita delle cellule tumorali, sarebbe possibile impedire (o ritardo) alle cellule tumorali isolate nella ghiandola di prostata di svilupparsi nella malattia completa.

Le incidenze di carcinoma della prostata variano drammaticamente attraverso il mondo. È il più minimo comune nel sud ed in Asia Orientale, più comune in Europa (particolarmente Europa settentrionale) e più comune negli Stati Uniti.57-61 che confronta il carcinoma della prostata i tassi nelle regioni differenti del mondo fornisce l'orientamento quanto a che cosa può essere fatto per ridurre il rischio. Per esempio, gli uomini in Svezia sono otto volte più probabili da morire di carcinoma della prostata che gli uomini in Hong Kong.57,62

Gli scienziati hanno identificato una serie di fattori dietetici che spiegano perché i gruppi sicuri della popolazione hanno tali tassi bassi del carcinoma della prostata.63-91 le notizie incoraggianti sono che la maggior parte dei membri del prolungamento della vita sono seguenti almeno alcune delle linee guida di supplemento e dietetiche che sono state associate con i rischi di carcinoma della prostata riduttori.

Gli uomini stanno facendo abbastanza per impedire il carcinoma della prostata?

Una grande percentuale degli uomini sopra l'età di 70 già ha cellule tumorali presenti in loro ghiandole di prostata.59 la maggior parte di questi uomini, tuttavia, non conoscerà mai che hanno carcinoma della prostata. La ragione è che la maggior parte di loro muoiono di una certa altra causa prima che il carcinoma della prostata si manifesti come malattia clinica.

I membri del prolungamento della vita, d'altra parte, stanno intraprendendo le azione straordinarie per raggiungere una vita molto lunga e sana. Invece di inutilmente morte da una malattia evitabile, molti membri maschii del prolungamento della vita sono probabili vivere abbastanza lungamente per incontrare i problemi della prostata.

Così mentre i maschi salute consapevoli prendono la vitamina E,92-97 selenio,95,98-103 la vitamina D,104-108 il licopene, il tocoferolo di gamma 109-115,92,93,95 il melograno,116-119 il boro,120-123 olio di pesce,124-131 ed altre sostanze nutrienti76,78,85,132-142 per impedire (o ritardo) il carcinoma della prostata, là è ancora una necessità critica di identificare quanto le cellule tumorali relativamente dormienti nella ghiandola di prostata finalmente attraversano la barriera protettiva del corpo per diventare carcinoma della prostata clinicamente diagnosticato.

Meccanismo novello per impedire progressione delle cellule di carcinoma della prostata attuali

Poiché la gente ora sta vivendo più lungamente che mai, ritardare la manifestazione di carcinoma della prostata è desiderabile, ma non può provocare la malattia complessivamente che è impedita. L'articolo di cavo nell'emissione di questo mese della rivista del prolungamento della vita è intitolato “mangiando il vostro modo al carcinoma della prostata.„ Questo articolo descrive un meccanismo patologico poco noto che spiega perché ingerire gli alimenti sbagliati aumenta il rischio di carcinoma della prostata.

Dicendo a membri informati circa gli alimenti sanno che cancro di causa non fa molto buon-a meno che una soluzione per impedire la progressione della crescita attuale del carcinoma della prostata sia fornita. La ragione che dichiaro questo è che molti uomini che leggono questo articolo hanno cellule in loro ghiandole di prostata che hanno subito una mutazione e/o già sono diventato cancerogene. Mentre migliorare la sua dieta a tutta l'età è utile tremendo, più deve essere fatto per interferire con la progressione delle cellule tumorali attuali che rimangono limitate alla ghiandola di prostata.

Nel rapporto dell'innovazione vi accingete a colto, noi descrivete un estratto brevettato della pianta che può fornire agli uomini di invecchiamento la protezione supplementare contro carcinoma della prostata via un meccanismo novello.

I membri del fondamento del prolungamento della vita non devono interessarsi se o non devono comprendere questo estratto brevettato della pianta nel loro programma quotidiano. Si è aggiunto parecchi mesi fa, senza alcun costo aggiuntivo, all'uso più popolare dei membri di fondamento di formula di sostegno della prostata già.

Nel maschio ormone-carente di invecchiamento, la ghiandola di prostata si trasforma in troppo spesso nel suo tallone d'Achille. Intraprendendo le azione aggressive alla malattia della prostata di combattimento, gli uomini anziani possono godere del loro complemento completo degli ormoni della gioventù. . . ed ancora dorma per tutta la notte.

Come il prolungamento della vita protegge le vite dei suoi membri

Gli odierni medici apatici esibiscono piccolo nel modo di curiosità quando si tratta del comprendere i risultati medici novelli nelle loro pratiche cliniche. I ricercatori del prolungamento della vita, d'altra parte, sono entrambi motivati personalmente ed hanno il momento dedicato di esaminare meticoloso la letteratura scientifica per identificare le strategie novelle per impedire e trattare i disordini relativi all'età.

Se non fosse affinchè il nostro desiderio ardente sradichi la sofferenza e la morte inutili, questi risultati rimarrebbero sepolti in migliaia di pagine di testo scientifico pubblicate ogni giorno.

Nella nostra battaglia quotidiana contro i disordini relativi all'età, i ricercatori del prolungamento della vita scoprono i metodi per permettere agli adulti anziani di raggiungere una biochimica più giovanile. In questi ultimi due mesi, abbiamo utilizzato queste scoperte per migliorare virtualmente ogni supplemento popolare che i membri usano ogni giorno.

Ogni volta che acquistate un prodotto noi, nutrite il vostro corpo con le sostanze nutrienti più avanzate del mondo ed inoltre direttamente contribuite a prolungamento della vita aggressivo la ricerca che potrebbe conservare i numeri enormi delle vite umane.

Questa volta epoca dell'anno, membri approfitta della vendita eccellente annuale per immagazzinare su su un grande rifornimento dei prodotti naturali all'avanguardia ai prezzi ridotti. Durante questo evento annuale dell'inverno, ogni prodotto del prolungamento della vita è scontato per permettere ai membri di godere del risparmio enorme sui nostri supplementi del superiore de line.

La vendita eccellente di quest'anno si conclude il 31 gennaio 2007. Incoraggio i membri a controllare i loro rifornimenti personali ed ad immagazzinare su sui prodotti che del prolungamento della vita hanno bisogno di durante questo ribasso dei prezzi un tempo un anno.

Carcinoma della prostata e invecchiamento

Mentre gli uomini invecchiano, il loro rischio di contrarre il carcinoma della prostata sale alle stelle. Il seguente grafico pubblicato dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie143 mostra come gli uomini vulnerabili di invecchiamento diventano a carcinoma della prostata mentre invecchiano.

RISCHIO DI DIAGNOSTICA CON IL CARCINOMA DELLA PROSTATA DALL'ETÀ

ETÀ

RISCHIO

45

1 in 2.500

50

1 in 476

55

1 in 120

60

1 in 43

65

1 in 21

70

1 in 13

75

1 in 9

Mai

1 in 6

Queste statistiche sensazionali dovrebbero essere un servizio sveglia per gli uomini sopra l'età di 50 per prendere i provvedimenti aggressivi per impedire al carcinoma della prostata di manifestarsi nei loro corpi.

 

Per vita più lunga,
immagine
William Faloon

Riferimenti

1. Glynn RJ, licnide EW, Bouchard GR, Silbert JE. Lo sviluppo dell'iperplasia prostatica benigna fra i volontari nello studio normativo di invecchiamento. J Epidemiol. 1985 gennaio; 121(1): 78-90.

2. Vgontzas, Bixler EO, HM di Lin, et al. insonnia cronica è associato con l'attivazione nyctohemeral dell'asse ipotalamico-ipofisi-adrenale: implicazioni cliniche. J Clin Endocrinol Metab. 2001 agosto; 86(8): 3787-94.

3. Vgontzas, Mastorakos G, Bixler EO, et al. la privazione di sonno effetto sull'attività delle asce della crescita ed ipotalamico-ipofisi-adrenali: implicazioni cliniche potenziali. Clin Endocrinol (Oxf). 1999 agosto; 51(2): 205-15.

4. Vgontzas, Papanicolaou DA, Bixler EO, et al. secrezione interleukin-6 e quantità e profondità circadiane di sonno. J Clin Endocrinol Metab. 1999 agosto; 84(8): 2603-7.

5. Genazzani AR, Inglese S, Lombardi I, et al. terapia sostitutiva a basse dosi a lungo termine del deidroepiandrosterone nei maschi di invecchiamento con la carenza parziale dell'androgeno. Maschio di invecchiamento. 2004 giugno; 7(2): 133-43.

6. Ms di Okun, McDonald WM, sig. di DeLong. Sintomi refrattari di nonmotor in pazienti maschii con il morbo di parkinson dovuto la carenza del testosterone: una morbilità concomitante non riconosciuta comune. Arco Neurol. 2002 maggio; 59(5): 807-11.

7. Il ms di Okun, il SIG. di DeLong, Hanfelt J, innestante la m., testosterone di Levey A. Plasma livella in Alzheimer e nei morbi di parkinson. Neurologia. 10 febbraio 2004; 62(3): 411-3.

8. Hak EA, Witteman JC, de Jong FH, et al. bassi livelli di androgeni endogeni aumenta il rischio di aterosclerosi in uomini anziani: lo studio di Rotterdam. J Clin Endocrinol Metab. 2002 agosto; 87(8): 3632-9.

9. Ponholzer A, Plas E, Schatzl G, Jungwirth A, Madersbacher S. Association di DHEA-S e siero di estradiolo livella ai sintomi degli uomini di invecchiamento. Maschio di invecchiamento. 2002 dicembre; 5(4): 233-8.

10. Diminuzione di Khalil A, di Fortin JP, di LeHoux JG, di Fulop T. Age-related delle concentrazioni nel deidroepiandrosterone in lipoproteine di densità bassa ed il suo ruolo nella suscettibilità delle lipoproteine di densità bassa a perossidazione lipidica. Ricerca del lipido di J. 2000 ottobre; 41(10): 1552-61.

11. Declino di Labrie F, di Belanger A, di Cusan L, di Gomez JL, di Candas B. Marked nelle concentrazioni nel siero dei precursori steroidi del sesso adrenale C19 e metaboliti coniugati dell'androgeno durante l'invecchiamento. J Clin Endocrinol Metab. 1997 agosto; 82(8): 2396-402.

12. Flynn mA, tessitore-Osterholtz D, Sharpe-Timms chilolitro, Allen S, sostituzione di Krause G. Dehydroepiandrosterone negli esseri umani di invecchiamento. J Clin Endocrinol Metab. 1999 maggio; 84(5): 1527-33.

13. La st di Kupelian V, della pagina, Araujo ab, et al. la globulina ormone-legante del sesso basso, il testosterone totale e la carenza sintomatica dell'androgeno sono associati con lo sviluppo della sindrome metabolica in uomini nonobese. J Clin Endocrinol Metab. 2006 marzo; 91(3): 843-50.

14. Dhindsa S, Prabhakar S, Sethi m., et al. frequente avvenimento del ipogonadismo ipogonadotropo in diabete di tipo 2. J Clin Endocrinol Metab. 2004 novembre; 89(11): 5462-8.

15. Svartberg J, Jenssen T, Sundsfjord J, Jorde R. Le associazioni di testosterone endogeno e della globulina ormone-legante del sesso con i livelli glicosilati dell'emoglobina, negli uomini dell'abitazione della comunità. Lo studio di Tromso. Diabete Metab. 2004 febbraio; 30(1): 29-34.

16. Haffner MP, Karhapaa P, Mykkanen L, insulino-resistenza di Laakso M., distribuzione del grasso corporeo e ormoni sessuali in uomini. Diabete. 1994 febbraio; 43(2): 212-9.

17. Stellato RK, Feldman ha, Hamdy O, Horton es, McKinlay JB. Testosterone, globulina ormone-legante del sesso e lo sviluppo del diabete di tipo 2 in uomini di mezza età: i risultati futuri dall'invecchiamento maschio di Massachusetts studiano. Cura del diabete. 2000 aprile; 23(4): 490-4.

18. Barrett-Connor E, Khaw KT, Yen ss. Livelli di ormone sessuale endogeni negli uomini dell'adulto più anziano con i diabeti melliti. J Epidemiol. Del 1990 novembre; 132(5): 895-901.

19. Marin P, Krotkiewski m., trattamento di Bjorntorp P. Androgen degli uomini di mezza età e obesi: effetti su metabolismo, sul muscolo e sui tessuti adiposi. Med di EUR J. 1992 ottobre; 1(6): 329-36.

20. Corrales JJ, Almeida m., Burgo R, et al. terapia della Androgeno-sostituzione diminuisce ex vivo la produzione delle citochine infiammatorie facendo circolare le cellule dipresentazione nel tipo-2 uomini diabetici di invecchiamento con la carenza parziale dell'androgeno. J Endocrinol. 2006 giugno; 189(3): 595-604.

21. Malkin CJ, Pugh PJ, Jones RD, TH di Jones, Channer KS. Testosterone come un fattore protettivo contro l'aterosclerosi-immunomodulazione ed influenza sopra sviluppo e stabilità della placca. J Endocrinol. 2003 settembre; 178(3): 373-80.

22. Hanke H, Lenz C, Hess B, Spindler KD, Weidemann W. Effect di testosterone su sviluppo della placca e sull'espressione del ricevitore dell'androgeno nella parete arteriosa della nave. Circolazione. 13 marzo 2001; 103(10): 1382-5.

23. CB di Feldman ha, di Johannes, Araujo ab, et al. deidroepiandrosterone basso e malattia cardiaca ischemica in uomini di mezza età: i risultati futuri dall'invecchiamento maschio di Massachusetts studiano. J Epidemiol. 1° gennaio 2001; 153(1): 79-89.

24. I chilometri inglesi, Mandour la O, i destrieri il RP, et al. uomini con la coronaropatia hanno livelli più bassi degli androgeni che gli uomini con gli angiogrammi coronari normali. Cuore J. 2000 di EUR giugno; 21(11): 890-4.

25. Allolio B, Dambacher m., Dreher R, et al. osteoporosi nel maschio. Med Klin (Monaco di Baviera). 2000 15 giugno; 95(6): 327-38.

26. Szulc P, palladio di Delmas. Osteoporosi nel maschio invecchiato. Med di Presse. 23 novembre 2002; 31 (37 pinte 1): 1760-9.

27. Papa HG, Jr., Cohane GH, Kanayama G, Siegel AJ, Hudson JI. Completamento del gel del testosterone per gli uomini con la depressione refrattaria: una prova randomizzata e controllata con placebo. Psichiatria di J. 2003 gennaio; 160(1): 105-11.

28. La deviazione standard di Moffat, Zonderman l'ab, Metter EJ, et al. valutazione longitudinale di concentrazione libera nel testosterone del siero predice la prestazione di memoria e lo stato conoscitivo in uomini anziani. J Clin Endocrinol Metab. 2002 novembre; 87(11): 5001-7.

29. DG di Barrett-Connor E, di Von Muhlen, testosterone di Kritz-Silverstein D. Bioavailable ed umore depresso in uomini più anziani: Rancho Bernardo Study. J Clin Endocrinol Metab. 1999 febbraio; 84(2): 573-7.

30. Anon. Testosterone e depressione in uomini. TreatmentUpdate. 2000 maggio; 12(3): 7-8.

31. Sidro di pere PJ, Yates WR, Williams RD, et al. terapia del testosterone nella depressione di maggiore di tardi-vita in maschi. Psichiatria di J Clin. 2002 dicembre; 63(12): 1096-101.

32. Giovane DG, influenza di Skibinski G, del muratore JI, di James K. The dell'età e genere al solfato del deidroepiandrosterone del siero (DHEA-S), IL-6, IL-6 al ricevitore solubile (Sr IL-6) e livelli 1 di fattore di crescita trasformante ai beta (TGF-beta1) nei donatori di sangue in buona salute normali. Clin Exp Immunol. 1999 settembre; 117(3): 476-81.

33. Il RH di Straub, il deidroepiandrosterone di Konecna L, di Hrach S, et al. del siero (DHEA) ed il solfato di DHEA sono correlati negativamente con il siero interleukin-6 (IL-6) e DHEA inibisce la secrezione IL-6 dalle cellule mononucleari nell'uomo in vitro: collegamento possibile fra il endocrinosenescence e il immunosenescence. J Clin Endocrinol Metab. 1998 giugno; 83(6): 2012-7.

34. Kipper-Galperin m., Galilly R, Danenberg HD, Brennero T. Dehydroepiandrosterone inibisce selettivamente la produzione dell'alfa di fattore di necrosi tumorale e di interleukin-6 [correzione di interlukin-6] in astrocytes. Sviluppatore Neurosci di Int J. 1999 dicembre; 17(8): 765-75.

35. Il mp di Schifitto G, di McDermott, Evans T, et al. la prestazione autonoma ed il deidroepiandrosterone solfonano i livelli negli individui di HIV-1-infected: relazione al profilo di citochina TH1 e TH2. Arco Neurol. 2000 luglio; 57(7): 1027-32.

36. Verthelyi D, Klinman dm. I livelli di ormone sessuale correlano con l'attività delle cellule disecrezione in vivo. Immunologia. 2000 luglio; 100(3): 384-90.

37. RH di Straub, Scholmerich J, terapia sostitutiva di Zietz B. con DHEA più i corticosteroidi in pazienti con le malattie infiammatorie croniche--sostituti di adrenale e delle ormoni sessuali. Z Rheumatol. 2000; 59 supplementi 2II/108-II/118.

38. Disponibile a: http://www.cancer.org/downloads/STT/CAFF2006PWSecured.pdf. 21 settembre 2006 raggiunto.

39. La st della fitta, Weng WH, Flores-Morales A, et al. citogenetico ed espressione profila collegato con trasformazione a carcinoma della prostata androgeno-resistente. Prostata. 1° febbraio 2006; 66(2): 157-72.

40. Gallucci m., Merola R, Farsetti A, et al. profili citogenetici come indicatori supplementari alle caratteristiche patologiche nel carcinoma clinicamente localizzato della prostata. Cancro Lett. 8 giugno 2006; 237(1): 76-82.

41. Yildiz-Sezer S, Verdorfer I, Schafer G, et al. valutazione delle aberrazioni sul cromosoma 8 nell'atrofia prostatica. BJU Int. 2006 luglio; 98(1): 184-8.

42. Saramaki O, Porkka KP, Vessella RL, aberrazioni di Visakorpi T. Genetic nel carcinoma della prostata da analisi di microarray. Cancro di Int J. 15 settembre 2006; 119(6): 1322-9.

43. Hughes S, Yoshimoto m., Beheshti B, et al. L'uso di intera amplificazione del genoma studiare i cambiamenti cromosomici nel carcinoma della prostata: le visioni della firma genoma di ampiezza del preneoplasia si sono associate con la progressione del cancro. Genomica di BMC. 2006;765.

44. Dott Tomlins SA, di Rodi, Perner S, et al. fusione ricorrente geni di fattore di trascrizione di ETS e di TMPRSS2 nel carcinoma della prostata. Scienza. 28 ottobre 2005; 310(5748): 644-8.

45. Finnis m., Dayan S, Hobson L, et al. mutazione fragile cromosomica comune del sito FRA16D in cellule tumorali. Ronzio Mol Genet. 15 maggio 2005; 14(10): 1341-9.

46. Celep F, Karaguzel A, Ozgur GK, Yildiz K. Detection delle aberrazioni cromosomiche nel carcinoma della prostata tramite l'ibridazione in situ di fluorescenza (PESCE). EUR Urol. 2003 dicembre; 44(6): 666-71.

47. Matsuyama H, pentola Y, Yoshihiro S, et al. significato clinico del cromosoma 8p, soppressioni 10q e 16q nel carcinoma della prostata. Prostata. 1° febbraio 2003; 54(2): 103-11.

48. Liu L, Yoon JH, Dammann R, GP di Pfeifer. Frequente hypermethylation del gene di RASSF1A nel carcinoma della prostata. Oncogene. 3 ottobre 2002; 21(44): 6835-40.

49. Laitinen S, Karhu R, CL dei segantini, Vessella RL, aberrazioni cromosomiche di Visakorpi T. negli xenotrapianti del carcinoma della prostata individuati tramite l'ibridazione genomica comparativa. Cancro dei cromosomi dei geni. 2002 settembre; 35(1): 66-73.

50. Schulz WA, Elo JP, Florl AR, et al. hypomethylation del DNA di Genomewide è associato con le alterazioni sul cromosoma 8 nel carcinoma della prostata. Cancro dei cromosomi dei geni. 2002 settembre; 35(1): 58-65.

51. GRUPPO DI LAVORO del Nelson, DeWeese TL, DeMarzo. La dieta, infiammazione della prostata e lo sviluppo di carcinoma della prostata. Rev. 2002 della metastasi del Cancro; 21(1): 3-16.

52. PC di Verhagen, Hermans chilogrammo, Brok Mo, et al. soppressione della regione cromosomica 6q14-16 nel carcinoma della prostata. Cancro di Int J. 10 novembre 2002; 102(2): 142-7.

53. Haapala K, Rokman A, Palmberg C, et al. cambiamenti cromosomici localmente nei carcinoma ricorrenti e ormone-refrattari della prostata tramite l'ibridazione genomica karyotyping e comparativa. Cancro Genet Cytogenet. 2001 novembre; 131(1): 74-8.

54. "phillips" JL, interruttore di Hayward, Wang Y, et al. Le conseguenze di aneuploidia cromosomica sui profili di espressione genica in una linea cellulare modellano per carcinogenesi della prostata. Ricerca del Cancro. 15 novembre 2001; 61(22): 8143-9.

55. Sinha R, Caporaso N. Diet, suscettibilità genetica ed eziologia umana del cancro. J Nutr. 1999 febbraio; 129 (supplemento 2S): 556S-9S.

56. Sakr WA, GP di Haas, BF di Cassin, Pontes JE, Crissman JD. La frequenza di carcinoma e neoplasia intraepiteliale della prostata in giovani pazienti maschii. J Urol. 1993 agosto; 150 (2 pinte 1): 379-85.

57. Disponibile a: www.jncicancerspectrum.oxfordjournals.org/cgi/statContent/cspectfstat%3b99. 16 novembre 2006 raggiunto.

58. Disponibile a: http://seer.cancer.gov/publications/prostate/. 26 settembre 2006 raggiunto.

59. Breslow N, Chan CW, Dhom G, et al. carcinoma latente della prostata all'autopsia in sette aree. L'agenzia internazionale per ricerca su Cancro, Lione, Francia. Cancro di Int J. 15 novembre 1977; 20(5): 680-8.

60. Hsing aw, Tsao L, Devesa ss. Tendenze dell'internazionale e modelli dell'incidenza e della mortalità del carcinoma della prostata. Cancro di Int J. 2000 1° gennaio; 85(1): 60-7.

61. HG di Sim, Cheng CW. Demografia cambiante di carcinoma della prostata in Asia. Cancro di EUR J. 2005 aprile; 41(6): 834-45.

62. Fattori ereditabile del Lichtenstein P, di Holm NV, di Verkasalo PK, et al. ambientale e nella causa di Cancro-analisi dei gruppi dei gemelli dalla Svezia, dalla Danimarca e dalla Finlandia. Med di N Inghilterra J. 2000 13 luglio; 343(2): 78-85.

63. Disponibile a: Disponibile a: http://www.aacrmeetingabstracts.org/cgi/content/abstract/2006/1/943. 21 settembre 2006 raggiunto.

64. Prodotti lattier-caseario di Kesse E, di Bertrais S, di Astorg P, et al., assunzione del fosforo e del calcio ed il rischio di carcinoma della prostata: risultati dello studio futuro francese di SU.VI.MAX (vitamine dell'en di completamento et antiossidanti di Mineraux). Br J Nutr. 2006 marzo; 95(3): 539-45.

65. Hedelin m., Klint A, enterolactone del siero, phytoestrogen et al., ET di Chang e rischio dietetici di carcinoma della prostata: lo studio della Svezia della prostata del cancro (Svezia). Il Cancro causa il controllo. 2006 marzo; 17(2): 169-80.

66. CN di Chan JM, di Holick, Leitzmann MF, et al. dieta dopo la diagnosi ed il rischio di progressione, di ricorrenza e di morte del carcinoma della prostata (Stati Uniti). Il Cancro causa il controllo. 2006 marzo; 17(2): 199-208.

67. Ornish D, Weidner G, WR giusto, et al. cambiamenti intensivi di stile di vita può colpire la progressione di carcinoma della prostata. J Urol. 2005 settembre; 174(3): 1065-9.

68. Leitzmann MF. C'è un collegamento fra assunzione e carcinoma della prostata macronutrient? Nat Clin Pract Oncol. 2005 aprile; 2(4): 184-5.

69. Shukla S, agenti di Gupta S. Dietary nel chemoprevention di carcinoma della prostata. Cancro di Nutr. 2005;53(1):18-32.

70. Colli JL, Colli A. Comparisons dei tassi di mortalità del carcinoma della prostata con le pratiche dietetiche negli Stati Uniti. Urol Oncol. 2005 novembre; 23(6): 390-8.

71. Chan JM, Gann pH, Giovannucci ELETTRICO. Ruolo della dieta nello sviluppo e nella progressione del carcinoma della prostata. J Clin Oncol. 10 novembre 2005; 23(32): 8152-60.

72. Tseng m., RA di Breslow, BI di Graubard, Ziegler RG. Latteria, calcio e assunzioni di vitamina D e rischio di carcinoma della prostata nel gruppo epidemiologico nazionale dello studio di approfondimento dell'esame di nutrizione e di salute. J Clin Nutr. 2005 maggio; 81(5): 1147-54.

73. Camminatore m., Aronson kJ, re W, et al. modelli e rischio dietetici di carcinoma della prostata in Ontario, Canada. Cancro di Int J. 10 settembre 2005; 116(4): 592-8.

74. Rischio di Bidoli E, di Talamini R, di Bosetti C, et al. di macronutrienti, degli acidi grassi, del colesterolo e di carcinoma della prostata. Ann Oncol. 2005 gennaio; 16(1): 152-7.

75. Augustin LS, Galeone C, dal ml, et al. indice Glycemic, carico glycemic e rischio di carcinoma della prostata. Cancro di Int J. 10 novembre 2004; 112(3): 446-50.

76. Sonoda T, Nagata Y, Mori m., et al. Uno studio di caso-control sulla dieta e sul carcinoma della prostata nel Giappone: effetto protettivo possibile della dieta tradizionale del giapponese. Cancro Sci. 2004 marzo; 95(3): 238-42.

77. Tseng m., RA di Breslow, DeVellis rf, Ziegler RG. I modelli ed il rischio di carcinoma della prostata dietetici nell'esame nazionale di nutrizione e di salute esaminano il gruppo epidemiologico dello studio di approfondimento. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2004 gennaio; 13(1): 71-7.

78. Fito-estrogeni di Vij U, di Kumar A. e crescita prostatica. Med nazionale J India. 2004 gennaio; 17(1): 22-6.

79. Dewailly E, Mulvad G, bradipo pH, et al. inuit è protetto contro carcinoma della prostata. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2003 settembre; 12(9): 926-7.

80. Verdure di Hsing aw, di Chokkalingam AP, di Gao YT, et al. dell'allium e rischio di carcinoma della prostata: uno studio basato sulla popolazione. Cancro nazionale Inst di J. 6 novembre 2002; 94(21): 1648-51.

81. Chan JM, Giovannucci ELETTRICO. Verdure, frutta, micronutrienti collegati e rischio di carcinoma della prostata. Rev. 2001 di Epidemiol; 23(1): 82-6.

82. Chan JM, Giovannucci ELETTRICO. Prodotti lattier-caseario, calcio e vitamina D e rischio di carcinoma della prostata. Rev. 2001 di Epidemiol; 23(1): 87-92.

83. Kolonel LN. Grasso, carne e carcinoma della prostata. Rev. 2001 di Epidemiol; 23(1): 72-81.

84. LA di Mucci, Tamimi R, Lagiou P, et al. Le influenze dietetiche sul rischio di carcinoma della prostata sono mediate attraverso il sistema del tipo di insulina di fattore di crescita? BJU Int. 2001 giugno; 87(9): 814-20.

85. Assunzione di Strom ss, di Yamamura Y, di Duphorne cm, et al. di Phytoestrogen e carcinoma della prostata: uno studio di caso-control facendo uso di nuova base di dati. Cancro di Nutr. 1999;33(1):20-5.

86. JUNIOR di Hebert, Hurley TG, Olendzki BC, et al. fattori nutrizionali e socioeconomici relativamente a mortalità del carcinoma della prostata: uno studio transnazionale. Cancro nazionale Inst di J. 4 novembre 1998; 90(21): 1637-47.

87. EL di Wynder, LA di Cohen. Nutrizione di correlazione alle statistiche recenti di mortalità del cancro. J Nat Cancer Inst. 19 febbraio 1997; 89(4): 324.

88. Whittemore COME, Kolonel LN, carcinoma della prostata di Wu AH et al. relativamente alla dieta, attività fisica e dimensione corporea nei nero, nei bianchi ed in asiatici negli Stati Uniti e nel Canada. Cancro nazionale Inst di J. 3 maggio 1995; 87(9): 652-61.

89. Shimizu H, Ross RK, Bernstein L, et al. Cancri della prostata e seno fra gli immigrati giapponesi e bianchi nella contea di Los Angeles. Cancro del Br J. 1991 giugno; 63(6): 963-6.

90. Mettlin C, Selenskas S, Natarajan N, Huben grassi di R. Beta-carotene ed animale e la loro relazione al rischio di carcinoma della prostata. Uno studio di caso-control. Cancro. 1° agosto 1989; 64(3): 605-12.

91. Severson RK, Nomura, boschetto JS, Stemmermann GN. Uno studio prospettivo di demographics, della dieta e del carcinoma della prostata fra gli uomini di ascendenza giapponese in Hawai. Ricerca del Cancro. 1° aprile 1989; 49(7): 1857-60.

92. Weinstein SJ, Wright ME, alfa-tocoferolo di Pietinen P, et al. del siero e gamma-tocoferolo relativamente al rischio di carcinoma della prostata in uno studio prospettivo. Cancro nazionale Inst di J. 2 marzo 2005; 97(5): 396-9.

93. Galli F, Stabile, Betti m., et al. L'effetto dell'alfa e gamma-tocoferolo ed i loro metaboliti di hydroxychroman di carboxyethyl su proliferazione delle cellule di carcinoma della prostata. Biochimica Biophys dell'arco. 1° marzo 2004; 423(1): 97-102.

94. Virtamo J, Pietinen P, Huttunen JK, et al. incidenza di cancro e mortalità dopo il completamento del beta-carotene e dell'alfa-tocoferolo: seguito di postintervention. JAMA. 23 luglio 2003; 290(4): 476-85.

95. Helzlsouer kJ, Huang HY, Alberg AJ, et al. associazione fra l'alfa-tocoferolo, gamma-tocoferolo, selenio e carcinoma della prostata successivo. Cancro nazionale Inst di J. 2000 20 dicembre; 92(24): 2018-23.

96. Smigel K. Vitamin E riduce i tassi del carcinoma della prostata nella prova finlandese: U.S. considera seguito. Cancro nazionale Inst di J. 18 marzo 1998; 90(6): 416-7.

97. Heinonen OP, Albanes D, Virtamo J, et al. carcinoma della prostata e completamento con l'alfa-tocoferolo ed il beta-carotene: incidenza e mortalità in una prova controllata. Cancro nazionale Inst di J. 18 marzo 1998; 90(6): 440-6.

98. LT delle acque DJ, di Shen S, di Glickman, et al. il rischio di carcinoma della prostata ed il DNA danneggiano: significato di traduzione del completamento del selenio in un modello canino. Carcinogenesi. 2005 luglio; 26(7): 1256-62.

99. Corcoran nanometro, Najdovska m., Costello AJ. Il selenio inorganico ritarda la progressione del carcinoma della prostata sperimentale del refrattario dell'ormone. J Urol. 2004 febbraio; 171 (2 pinte 1): 907-10.

100. BI di Vogt TM, di Ziegler RG, di Graubard, et al. selenio del siero e rischio di carcinoma della prostata nei nero e nei bianchi degli Stati Uniti. Cancro di Int J. 20 febbraio 2003; 103(5): 664-70.

101. Duffield-Lillico AJ, Reid ME, caratteristiche di Turnbull BW, et al. della linea di base e l'effetto del completamento del selenio sull'incidenza del cancro in un test clinico randomizzato: un resoconto sommario della prevenzione nutrizionale della prova del Cancro. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2002 luglio; 11(7): 630-9.

102. Platz ea, Helzlsouer kJ. Selenio, zinco e carcinoma della prostata. Rev. 2001 di Epidemiol; 23(1): 93-101.

103. WC di Yoshizawa K, di Willett, Morris SJ, et al. studio sul livello prediagnostic del selenio in unghie del piede ed il rischio di carcinoma della prostata avanzato. Cancro nazionale Inst di J. 19 agosto 1998; 90(16): 1219-24.

104. Vijayakumar S, Mehta RR, Boerner PS, Packianathan S, Mehta RG. Test clinici che comprendono gli analoghi di vitamina D nel carcinoma della prostata. Cancro J. 2005 settembre; 11(5): 362-73.

105. EM di John, GG di Schwartz, Koo J, Van Den BD, Ingles SA. Esponga al sole l'esposizione, i polimorfismi del gene del ricevitore di vitamina D ed il rischio di carcinoma della prostata avanzato. Ricerca del Cancro. 15 giugno 2005; 65(12): 5470-9.

106. Livelli di vitamina D del plasma di Li H, di Stampfer m., di Giovannucci E, et al. di Prediagnostic, polimorfismi del gene del ricevitore di vitamina D e suscettibilità a carcinoma della prostata. Presentato al simposio pluridisciplinare del carcinoma della prostata 2005; Dal 16-19 febbraio 2005; Orlando, FL. Estratto 2.

107. Crescioli C, Maggi m., Luconi m., et al. analogo di vitamina D3 inibisce la segnalazione di fattore di crescita del keratinocyte ed induce gli apoptosi in cellule di carcinoma della prostata umane. Prostata. 1° gennaio 2002; 50(1): 15-26.

108. Lou anno, Qiao S, Talonpoika R, Syvala H, Tuohimaa P. Il ruolo del metabolismo di vitamina D3 nel carcinoma della prostata. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2004 novembre; 92(4): 317-25.

109. Ms di Ansari, Gupta NP. Licopene: una terapia farmacologica innovatrice nel carcinoma della prostata metastatico refrattario dell'ormone. Urol Oncol. 2004 settembre; 22(5): 415-20.

110. Binns CW, LJ LJ, Lee AH. La relazione fra i carotenoidi dietetici ed il rischio di carcinoma della prostata in uomini cinesi sudorientali. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2004; 13 (supplemento): S117.

111. Completamento di Bowen P, di Chen L, di Stacewicz-Sapuntzakis m., et al. della salsa al pomodoro e carcinoma della prostata: accumulazione del licopene e modulazione dei biomarcatori di carcinogenesi. Med di biol di Exp (Maywood). 2002 novembre; 227(10): 886-93.

112. Giovannucci E. Una rassegna degli studi epidemiologici sui pomodori, sul licopene e sul carcinoma della prostata. Med di biol di Exp (Maywood). 2002 novembre; 227(10): 852-9.

113. Giovannucci E, Rimm eb, Liu Y, Stampfer MJ, WC di Willett. Uno studio prospettivo dei prodotti del pomodoro, del licopene e del rischio di carcinoma della prostata. Cancro nazionale Inst di J. 6 marzo 2002; 94(5): 391-8.

114. Gann pH, mA J, Giovannucci E, et al. riduce il rischio del carcinoma della prostata negli uomini con i livelli elevati del licopene del plasma: risultati di un'analisi futura. Ricerca del Cancro. 15 marzo 1999; 59(6): 1225-30.

115. Giovannucci E, Ascherio A, Rimm eb, et al. assunzione dei carotenoidi e retinolo relativamente al rischio di carcinoma della prostata. Cancro nazionale Inst di J. 6 dicembre 1995; 87(23): 1767-76.

116. Pantuck AJ, studio di Leppert JT, di Zomorodian N, et al. di fase II del succo del melograno per gli uomini con l'antigene prostatico specifico aumentante dopo chirurgia o radiazione per carcinoma della prostata. Ricerca del Cancro di Clin. 1° luglio 2006; 12(13): 4018-26.

117. Malik A, prevenzione del cancro di Mukhtar H. Prostate attraverso la frutta del melograno. Ciclo cellulare. 2006 febbraio; 5(4): 371-3.

118. Succo di frutta di Malik A, di Afaq F, di Sarfaraz S, et al. del melograno per il chemoprevention e chemioterapia di carcinoma della prostata. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 11 ottobre 2005; 102(41): 14813-8.

119. Albrecht m., Jiang W, Kumi-Diaka J, et al. gli estratti del melograno potente sopprime la proliferazione, la crescita dello xenotrapianto e l'invasione delle cellule di carcinoma della prostata umane. J Med Food. 2004;7(3):274-83.

120. Disponibile a: http://www.annieappleseedproject.org/efofborsuppr.html. 25 settembre 2006 raggiunto.

121. La TA di Gallardo-Williams, Chapin CON RIFERIMENTO A, re PE, et al. il completamento del boro inibisce la crescita e l'espressione del locale di IGF-1 nei tumori umani dell'adenocarcinoma della prostata (LNCaP) in topi nudi. Toxicol Pathol. 2004 gennaio; 32(1): 73-8.

122. Cui Y, Winton MI, Zhang ZF, et al. assunzione del boro e rischio di carcinoma della prostata dietetici. Rappresentante di Oncol. 2004 aprile; 11(4): 887-92.

123. Zhang ZF, Winton MI, Rainey C, et al. boro è associato con il rischio in diminuzione di carcinoma della prostata umano. Presentato a biologia sperimentale. 31 marzo - 4 aprile 2001; Orlando, FL.

124. MD di Brown, Hart CA, Gazi E, Bagley S, Clarke nanowatt. Promozione di migrazione metastatica prostatica verso lo stoma umano del midollo osseo da Omega 6 e la sua inibizione da Omega 3 PUFAs. Cancro del Br J. 27 marzo 2006; 94(6): 842-53.

125. Kelavkar SU, la crescita del tumore di Hutzley J, di Dhir R, et al. della prostata e la ricorrenza possono essere modulati dal omega-6: rapporto omega-3 nella dieta: prostatectomia radicale di simulazione di modello dello xenotrapianto athymic del topo. Neoplasia. 2006 febbraio; 8(2): 112-24.

126. DP di Rosa. Effetti degli acidi grassi dietetici sul seno e sui carcinoma della prostata: prova dagli esperimenti in vitro e dagli studi sugli animali. J Clin Nutr. 1997 dicembre; 66 (6 supplementi): 1513S-22S.

127. Leitzmann MF, Stampfer MJ, Michaud DS, et al. ingestione dietetica degli acidi grassi n-3 e n-6 ed il rischio di carcinoma della prostata. J Clin Nutr. 2004 luglio; 80(1): 204-16.

128. Hardman NOI. (n-3) acidi grassi e terapia del cancro. J Nutr. 2004 dicembre; 134 (12 supplementi): 3427S-30S.

129. Astorg P. acidi grassi polinsaturi N-6 e N-3 di Dietary e rischio di carcinoma della prostata: una rassegna di prova epidemiologica e sperimentale. Il Cancro causa il controllo. 2004 maggio; 15(4): 367-86.

130. Consumo di pesce di Terry P, del Lichtenstein P, di Feychting m., di Ahlbom A, di Wolk A. Fatty e rischio di carcinoma della prostata. Lancetta. 2 giugno 2001; 357(9270): 1764-6.

131. DP di Rosa. Acidi grassi dietetici e prevenzione di cancro ormone-rispondente. Med di biol di Proc Soc Exp. 1997 novembre; 216(2): 224-33.

132. Consumo di Lee millimetro, di Gomez SL, di Chang JS, et al. della soia e dell'isoflavone relativamente al rischio di carcinoma della prostata in Cina. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2003 luglio; 12(7): 665-68.

133. KA di Hedelin m., di Balter, polimorfismi dell'estrogeno, dei phytoestrogens ingestione dietetica et al., ET di Chang ricevitore-beta ed il rischio di carcinoma della prostata. Prostata. 1° ottobre 2006; 66(14): 1512-20.

134. Lee AH, Fraser ml, Meng X, Binns CW. Effetti protettivi di tè verde contro carcinoma della prostata. Rev esperto Anticancer Ther. 2006 aprile; 6(4): 507-13.

135. Holzbeierlein JM, McIntosh J, Thrasher JB. Il ruolo dei phytoestrogens della soia nel carcinoma della prostata. Curr Opin Urol. 2005 gennaio; 15(1): 17-22.

136. Pelucchi C, Galeone C, Talamini R, et al. folato dietetico e rischio di carcinoma della prostata in Italia. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2005 aprile; 14(4): 944-8.

137. Cardo selvatico di Davis-Searles PR, di Nakanishi Y, di Kim NC, et al. di latte e carcinoma della prostata: gli effetti differenziali dei flavonolignans puri dal silybum marianum sull'estremità antiproliferativa indica in cellule umane di carcinoma della prostata. Ricerca del Cancro. 15 maggio 2005; 65(10): 4448-57.

138. Singh RP, carcinoma della prostata di Agarwal R. e inositolo esafosfato: efficacia e meccanismi. Ricerca anticancro. 2005 luglio; 25(4): 2891-903.

139. Agarwal C, Dhanalakshmi S, Singh RP, inositolo esafosfato di Agarwal R. inibisce la crescita ed induce l'arresto G1 e la morte apoptotica delle cellule umane androgeno-dipendenti di LNCaP di carcinoma della prostata. Neoplasia. 2004 settembre; 6(5): 646-59.

140. Kumar N.B.:, maestro del coro A, Allen K, et al. Il ruolo specifico degli isoflavoni nella riduzione del rischio di carcinoma della prostata. Prostata. 1° maggio 2004; 59(2): 141-7.

141. Jian L, Xie LP, Lee AH, Binns CW. Effetto protettivo di tè verde contro carcinoma della prostata: uno studio di caso-control in Cina sudorientale. Cancro di Int J. 1° gennaio 2004; 108(1): 130-5.

142. Barnes S. Role dei phytochemicals nella prevenzione e nel trattamento di carcinoma della prostata. Rev. 2001 di Epidemiol; 23(1): 102-5.

143. Disponibile a: http://www.cdc.gov/cancer/prostate/publications/decisionguide/. 20 novembre 2006 raggiunto.