Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine febbraio 2007
immagine

Strategie nutrizionali per conservare memoria e cognizione


Da Laurie Barclay, MD

Nei numerosi studi, i neuroscenziati avvertono che gli Stati Uniti ed altre nazioni occidentali affrontano un'onda di marea di demenza mente-distruggente che minaccia di decimare “gli anni dorati„ della generazione presto--essere-pensionata del baby-boom.

Negli Stati Uniti da solo, la demenza è già epidemica fra gli anziani: quasi un terzo degli adulti sopra l'età di 80 sta perdendo letteralmente le loro menti.1,2 questo numero alto si pensano che scioccante salgano alle stelle più ulteriormente nelle decadi venenti.

Più prova che Alzheimer sta spargendo come l'incendio violento viene dalla funzione conoscitiva del punto di riferimento e dallo studio invecchiante, che hanno trovato quell'completamente un terzo degli oggetti anziani che sono morto senza i segni clinici di demenza ha avuta prova di autopsia del morbo di Alzheimer. Cioè questi adulti probabilmente sono stati risparmiati le afflizioni di Alzheimer sole perché sono morto di altre cause prima che la perdita di memoria diventasse evidente!3

Le buone notizie sono, diminuendo la funzione del cervello durante l'invecchiamento non sono inevitabili. Infatti, le demenze “senili„ possono soltanto riflettere interamente i processi biochimici evitabili che sono comunemente - visto con l'età d'avanzamento. Gli adulti di mezza età che hanno ancora avvertire l'inizio di dimenticanza o di danno conoscitivo delicato dovrebbero ora agire per evitarlo. Coloro che già sta avvertendo questi sintomi dovrebbero implementare le strategie per impedire l'inizio di demenza completa.3

L'assicurazione dell'attenzione a nutrizione migliorata del cervello può contribuire a conservare il tessuto cerebrale e la funzione con l'età. In questo articolo, presentiamo una strategia a due punte che comprende rifornire le cellule cerebrali di combustibile con le sostanze nutrienti state necessarie per la funzione di nervo ottimale, mentre acquietando i fuochi infiammatori che bruciano il morbo di Alzheimer e la demenza vascolare.4,5 molte di queste sostanze nutrienti sono attualmente in uso in tutto Europa come farmaci di prescrizione, ma sono disponibili come integratori alimentari negli Stati Uniti. Le strategie nutrizionali mirate a possono bene essere la nostra migliore possibilità per il mantenimento della salute ideale del cervello con invecchiamento ed evitare l'epidemia venente di demenza.

Brain Nutrition Basics

Non c'è ancora cura per le demenze senili una volta che si sviluppano ed il nostro rischio di acquisto delle queste malattie temute scala ripidamente con l'aumento dell'età. Di conseguenza, è essenziale per intraprendere appena possibile l'azione preventiva contro il declino conoscitivo.3,6 fortunatamente, innovazioni recenti in cervello di comprensione funzione-e come è compromesso sia durante l'invecchiamento che in specifico demenza-può aiutarci a scegliere gli agenti terapeutici che sostengono la salute robusta del cervello, anche con l'età d'avanzamento.

I supplementi nutrizionali che ottimizzano la salute e la funzione conoscitive includono quelli richiesti per la sintesi e la conservazione della centrale del neurotrasmettitore dell'acetilcolina-un alla memoria funzione-come buona come quelle con le proprietà dell'anticoagulante ed antinfiammatorie:

La demenza di Alzheimer interrompe le vie di nervo che utilizzano l'acetilcolina, con conseguente perdita di memoria, danno conoscitivo ed i disturbi del sonno.7,8

Ancora, nel morbo di Alzheimer, l'accumulazione della proteina tossica dell'beta-amiloide infiamma le strutture vitali del cervello.9

Per concludere, impedendo i coaguli di sangue e “assottigliando„ il sangue, gli anticoagulanti possono contribuire ad impedire i colpi che provocano disattivare la demenza vascolare, mentre migliorano la circolazione lenta nelle aree del cervello sfavorite dell'ossigeno e del glucosio richiedono per il funzionamento quotidiano.

Ora esamineremo parecchi supplementi nutrizionali che svolgono i ruoli estremamente importanti nella salute sostenente del cervello. L'uridina amplifica l'energia del cervello mentre protegge le cellule nervose e promuovendo la loro rigenerazione. GPC (glycerophosphocholine) e sintesi dell'acetilcolina di aumento della fosfatidilserina. Vinpocetine è un agente potente dell'anticoagulante ed antinfiammatorio. Ashwagandha impedisce la degradazione delle cellule cerebrali e dell'acetilcolina. I mirtilli e l'estratto del seme dell'uva combattono l'infiammazione e l'accumulazione tossica dell'beta-amiloide nel cervello.

Uridina: Brain Cell Communication d'amplificazione

Uno dei composti biologici di promessa per il miglioramento la struttura sana del cervello e della funzione conoscitiva è uridina. Trovato negli organismi viventi che variano dagli esseri umani ai batteri, l'uridina è un nucleosidico, o una combinazione di zucchero (ribosio) con uracile. I nucleosidici quale uridina sono particelle elementari per RNA, il cugino biochimico di DNA che serve da modello nell'espressione genica. L'uridina è così importante allo sviluppo del cervello che è inclusa nelle formule infantili umane. Gli esperimenti sugli animali hanno dimostrato che i ratti incorporano l'uridina in loro RNA del cervello durante l'apprendimento degli esercizi.10 tuttavia, l'uridina è essenziale per l'efficace funzione del cervello in tutto la portata di vita umana.11,12

Una volta ingerita oralmente, l'uridina attraversa la barriera ematomeningea per raggiungere le cellule cerebrali. Una volta che questo accade, aumenta i livelli di CDP-colina, che è richiesta per la sintesi della fosfatidilcolina ed infine dell'acetilcolina essenziale del neurotrasmettitore. La prova suggerisce che i livelli aumentati del cervello di fosfatidilcolina migliorino la funzione conoscitiva.La prova crescente 13,14 inoltre indica che l'uridina è una particella elementare importante per la sintesi delle membrane di cellule nervose, suggerente che potrebbe svolgere un ruolo nel controllo delle malattie neurodegenerative varie.15

I neuroscenziati considerano i gerbilli come un modello animale eccellente per lo studio delle malattie del cervello umano. Quando i gerbilli sono stati dati una combinazione di uridina, la colina e omega-3 l'acido grasso DHA (acido docosaesaenoico) — tutte le componenti importanti della cellula che i membrana-loro livelli del cervello di fosfatidilcolina sono aumentato un 45% impressionante.16 Poiché i pazienti di Alzheimer dimostrano le sinapsi nocive ed i livelli vuotati di uridina, di DHA e di colina, questo che trova sta colpendo specialmente. La fosfatidilcolina è cruciale per la crescita e la riparazione delle cellule nervose e specificamente per la funzione ottimale delle sinapsi, le giunzioni dove le cellule nervose comunicano con il nervo ed altri tipi di cellule.17 questa combinazione di supplemento inoltre hanno aumentato le proteine critiche alla funzione di nervo di 38-102%, suggerendo che realmente aumentasse il numero delle membrane di cellule nervose che contengono le sinapsi.16

Poiché i cervelli dei pazienti di Alzheimer contengono meno, le più piccole sinapsi, i livelli riduttori di proteine sinaptiche e la membrana cellulare in diminuzione componente-compreso colina e DHA- sta per ragione per cui completare con questi agenti può essere utile nella cura degli scienziati disease.16 ora sta conducendo i test clinici umani per valutare gli effetti di questa combinazione nutriente nella cura del Alzheimer.

L'uridina inoltre migliora la crescita dei neurites, che sono proiezioni dalle cellule nervose che facilitano i collegamenti delle cellule con altre cellule cerebrali. Gli aiuti dell'uridina inoltre stabilizzano le membrane di cellule nervose18 e migliora il loro rilascio della dopamina cruciale del neurotrasmettitore, amplificante la capacità del cervello di trasmettere i messaggi.17

Gli esperimenti sugli animali suggeriscono che l'uridina promuova la funzione conoscitiva ottimale anche nelle istanze di danno di memoria. In ratti con da perdita di memoria indotta da ipertensione, l'uridina e la colina supplementari hanno migliorato la loro attenzione selettiva ed abilità di apprendimento spaziali.19 similmente, uridina protetta contro da danno indotto da malnutrizione della memoria e di apprendimento impedendo i cambiamenti avversi nell'ippocampo,20 che l'area del cervello ha considerato essenziale per la memoria a lungo termine e che si è associata con i cambiamenti degeneranti veduti nel morbo di Alzheimer.

Un altro studio sugli animali suggerisce che oltre ai suoi effetti sulla struttura e sulla funzione del cervello, l'uridina possa contribuire a promuovere l'umore migliore. I ratti dati l'uridina e gli acidi grassi omega-3 visualizzati hanno migliorato la prestazione su una prova comportamentistica dimostrata per predire gli effetti antidepressivi in esseri umani. Notevolmente, l'effetto antidepressivo combinato era simile a quello degli agenti dell'antidepressivo di prescrizione.21

La prova abbondante suggerisce così che l'uridina sostenga la conseguenza sana delle membrane e del neurite di cellule nervose come pure il rilascio dei neurotrasmettitori del cervello. Questi effetti sono stati collegati con i miglioramenti nella memoria, abilità di apprendimento e l'umore e promessa della tenuta nell'impedire e nel controllo delle malattie neurodegenerative quale Alzheimer.

GPC: Stabilizzando ed invertendo danno conoscitivo

GPC (glycerophosphocholine), un composto relativo alla fosfatidilcolina, ha la capacità notevole di anticipare, si stabilizza e perfino danno conoscitivo parzialmente inverso nelle fasi iniziali di demenza senile.6,22 disponibile in Europa soltanto come il farmaco da vendere su ricetta medica Gliatilin®, GPC può essere ottenuto sopra il contatore come integratore alimentare negli Stati Uniti. GPC è stato trovato per essere tollerato bene, con pochi effetti collaterali.6

Medicamente, Alzheimer è curato solitamente con le droghe quali donepezil (Aricept®) e la rivastigmina (Exelon®) quel blocco l'acetilcolinesterasi degli enzimi dalla suddivisione dell'acetilcolina alla sinapsi, o il collegamento fra due nervi. Conosciuto come inibitori dell'acetilcolinesterasi, questi farmaci permettono che l'acetilcolina agisca alla sinapsi per i periodi più lunghi, quindi neutralizzante l'attività riduttrice nelle vie di nervo che usano l'acetilcolina.

A differenza delle droghe che inibiscono la ripartizione di acetilcolina, GPC realmente stimola la fabbricazione di nuova acetilcolina.

Gli studi sugli animali di promessa suggeriscono che GPC possa contribuire ad impedire la perdita di memoria in esseri umani. Confrontato ai comandi, i ratti invecchianti alimentati GPC perdono i meno collegamenti di nervo nell'ippocampo, nella regione del cervello cruciale per la memoria e nell'apprendimento.23-25 i ratti di GPC-federazione erano inoltre protetti contro un declino nelle vie di nervo che utilizzano l'acetilcolina26 ed il danno delle capacità di memoria e di insegnamento superiore.27

GPC può proteggere e migliorare la comunicazione fra i nervi via il suo effetto sul fattore di crescita del nervo, una sostanza naturale che regola i ricevitori dell'acetilcolina. Con invecchiamento, i ricevitori di fattore di crescita del nervo diminuiscono tipicamente. GPC promuove la crescita, la riparazione e l'espressione aumentata dei ricevitori di fattore di crescita del nervo nella corteccia cerebellare, una regione del cervello responsabile di coordinazione ed il controllo del movimento.28

GPC dimostra la sua versatilità amplificando la funzione del cervello via parecchi meccanismi. Stimola il rilascio del neurotrasmettitore GABA (acido gamma-aminobutirrico), mettente a disposizione più GABA delle cellule cerebrali. I livelli di diminuzione di GABA negli anziani possono rappresentare parzialmente il danno conoscitivo iniziale, contribuente alla demenza, ai disturbi dell'umore ed alle psicosi vedute nei termini degeneranti del cervello quale la malattia di Huntington e di Alzheimer.29

I test clinici hanno confermato i benefici di GPC visto in laboratorio gli studi. In uno studio multicentrato dei pazienti con il morbo di Alzheimer probabile, GPC ha migliorato la cognizione e bene è stato tollerato.30 un altro grande, nello studio italiano multicentrato di più di 2.000 pazienti con il colpo recente o “nel mini-colpo„ (attacco ischemico transitorio) chi ha ricevuto GPC per sei mesi, 71% ha avuto la funzione conoscitiva normale o soltanto dimenticanza delicata quando lo studio si è concluso. Gli autori hanno concluso che la prova conferma l'efficacia di GPC nell'appoggio del recupero conoscitivo dei pazienti con il colpo o il mini-colpo acuto.31

In uno studio ben controllato e multicentrato nel Messico, GPC ha migliorato significativamente la funzione conoscitiva in 261 paziente con il morbo di Alzheimer del delicato--moderato.32 i pazienti sono stati assegnati a caso per ricevere mg 1200 di GPC o il placebo quotidiano per sei mesi ed entrambi i gruppi sono stati alterati similmente prima di entrare nello studio.

Su parecchi test psicologici standardizzati della funzione conoscitiva, i pazienti che hanno ricevuto GPC hanno segnato meglio di coloro che ha ricevuto il placebo. Una misura della funzione conoscitiva migliore sostanzialmente nel gruppo di GPC, ma peggiorata nel gruppo del placebo. Confrontato a placebo, il gruppo di GPC inoltre è andato meglio nel miglioramento comportamentistico ed ha standardizzato le valutazioni del medico. I risultati di studio sostengono l'efficacia di GPC nel trattamento dei sintomi conoscitivi dei disordini di demenza quale Alzheimer.32

Che cosa fa questi risultati che incoraggiano specialmente è che somigliano a quelli ottenuti con l'uso delle droghe di Alzheimer quali Aricept® e Exelon®. A differenza di quelle droghe, tuttavia, GPC è facile da tollerare, con meno effetti collaterali.32

In un esame di 13 ha pubblicato i test clinici che fanno partecipare 4.054 pazienti con la perdita di memoria relativa all'età o la demenza vascolare causata dal colpo o dal mini-colpo (attacco ischemico transitorio), scienziati ha concluso che GPC ha prodotto i miglioramenti coerenti nella memoria e nell'attenzione e lo stato clinico dei pazienti significativamente migliori, anche quando provato in vari quadri sperimentali.6

Gli scienziati inoltre hanno notato che GPC efficacemente ha alleviato i sintomi conoscitivi di deterioramento cerebrale cronico. Ancora, i pazienti che usando GPC hanno dimostrato i risultati clinici che erano equivalenti o superiori ai gruppi di controllo nell'ambito del trattamento farmaceutico attivo. I ricercatori sperano di intraprendere ulteriori studi per esaminare il ruolo di GPC nell'appoggio del recupero dei pazienti che hanno sofferto un colpo.

Continuato alla pagina 2 di 3