Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine febbraio 2007
immagine

Dipanare un mistero secolare


Perché è il rischio di influenza così tanto più alto nell'inverno?
Da Dale Kiefer

Presupposti popolari provocatori circa influenza

Speranza-Simpson ha messo in discussione altre credenze circa la natura di influenza. “Le epidemie di influenza si presentano spesso contemporaneo alla stessa latitudine, anche nelle località ampiamente separate dalla longitudine,„ lui hanno notato.8 ma se gli scoppi si presentano simultaneamente nelle aree ampiamente separate, come può la trasmissione personale essere responsabile?

Molto è stato fatto dei pericoli potenziali dell'infezione rapidamente trasmessa, dovuto i modi moderni di trasporto. Tuttavia, attraverso esame attento delle annotazioni antiche, Speranza-Simpson ha indicato che gli scoppi virtualmente simultanei si sono presentati in Inghilterra molto prima dell'arrivo delle strade moderne, per non parlare delle getto-fodere dimisurazione. Ciò ha sfidato il presupposto fondamentale che l'influenza è trasmessa in una catena da un paziente ad un altro. Potrebbe essere che il virus di influenza si trova dormiente in una gamma di ospiti potenziali, finché un certo “stimolo stagionale„ non promuovesse la sua infettività fra questi trasportatori involontari?

Indietro nella California, il Dott. Cannell non potrebbe aiutare ma domandarsi se la vitamina D ha svolto un ruolo nell'immunità evidente dei suoi pazienti all'influenza. Ha conosciuto parecchie cose che Speranza-Simpson non ha fatto. Per uno, gli scienziati ora sanno che l'infezione di influenza richiama i globuli bianchi conosciuti come i macrofagi per liberare i prodotti chimici del sistema immunitario chiamati citochine e chemokines, che promuovono l'infiammazione. Ancora, gli scienziati ora sanno che il virus responsabile di pandemia di influenza globale devastante 1918's era particolarmente efficace nella stimolazione del rilascio delle citochine dai macrofagi.10 infatti, la severità della malattia risultante è creduta per essere proporzionale alla capacità di un virus di influenza di evocare la produzione di citochina. Nell'influenza aviaria, per esempio, in questa risposta può essere in modo schiacciante, con conseguente morte.11,12 il Dott. Cannell inoltre ha saputo che la ricerca recentemente ha indicato che la vitamina D modula la produzione dei macrofagi dei chemokines e delle citochine, in effetti impedente li reagir in modo esageratoe agli stimoli contagiosi e causare le manifestazioni serie dell'infezione virale.13,14

Il ruolo della d della vitamina nell'immunità di sostegno

Né Speranza-Simpson ha avuto conoscenza di un altro fenomeno recentemente riferito. In questi ultimi anni, parecchi ricercatori indipendenti hanno indicato che la vitamina D migliora significativamente l'espressione genetica dei peptidi antimicrobici in monociti umani (precursori ai macrofagi), neutrofili ed altre cellule di sistema immunitario.15,16 che queste proteine antimicrobiche contribuiscono a distruggere i microbi contagiosi d'invasione. Con la loro attività dell'ampio spettro, sono capaci di uccisione del tutto dai batteri ai virus. Sono stati indicati per essere una parte importante della difesa delle vie respiratorie contro gli invasori e similarmente mostrano la promessa nel combattimento del virus dell'influenza.17-19

Per il Dott. Cannell, questi vari indizi hanno portato ad una conclusione inevitabile: vitamina D-che è prodotta quando la pelle è esposta a luce solare dell'estate e che, diminuisce per contro nei inverno-giochi un ruolo critico nella nostra vulnerabilità all'infezione di influenza. Infatti, la vitamina D deve certamente essere lo stimolo stagionale misterioso di Speranza-Simpson “.„ Il Dott. Cannell ha consultato una serie di ricercatori principali di vitamina D, tutti di chi ha acconsentito con le sue conclusioni. Includono i ricercatori da tali istituzioni venerabili come gli istituti della sanità nazionali e la scuola di Harvard della salute pubblica. Uno di questi scienziati, il Dott. Michael F. Holick, sta studiando la vitamina D per tre decadi.1,7,20

In un'intervista con prolungamento della vita, il Dott. Holick ha alluso alla relazione speciale fra la vitamina D e le protezioni primarie del sistema immunitario del corpo, i macrofagi. “Che intrighi me il la maggior parte,„ il Dott. Holick celebre, “sono che abbiamo saputo sempre che i macrofagi attivano la vitamina D.„ la forma di vitamina D generata con l'interazione della pelle con radiazione ultravioletta di B (da sole o dalle fonti artificiali) è un pre-ormone. Deve essere convertito nel corpo in sua forma attiva dell'ormone, chiamata dihydroxyvitamin 1,25 D3. Una forma intermedia, conosciuta come 25 il hydroxyvitamin D, è la forma di circolazione principale di vitamina D ed è misurata determinare lo stato di vitamina D.20

Gli effetti di grande portata della d della vitamina su prevenzione delle malattie

La maggior parte di questa attivazione della vitamina D si presenta nel fegato e nei reni. Tuttavia, il fatto che i macrofagi facilitano la conversione della vitamina D di circolazione al suo intervento concreto,20 e che la vitamina D attivata a loro volta regola l'attività dei macrofagi, suggerisce una relazione importante fra i due.

Il Dott. Holick nota che i ricevitori di vitamina D sono stati identificati in virtualmente ogni cellula nel corpo. “È una delle vitamine più in anticipo,„ dice. “È stato fatto dal fitoplancton (piante acquatiche microscopiche quali le alghe) 750 milione anni fa.„ Crede che la vitamina D svolga un ruolo importante in molti aspetti di salute. “Se vivete alle più alte latitudini dove meno vitamina D è disponibile dal sole, siete più probabile soffrire dal diabete, sclerosi a placche e colon, seno, prostata e cancri del pancreas,„ dice. “Anche l'ipertensione è associata con la latitudine. I pazienti esposti ad aumento di luce solare i loro livelli di vitamina D e la loro pressione sanguigna scende.„

Suggerimenti di dosaggio di vitamina D
  • Mentre gli Stati Uniti hanno raccomandato l'indennità dietetica (RDA) per la vitamina D è di 400 IU al giorno,25 molti servizi sanitari ora raccomandano di consumare 800 IU o più della vitamina D quotidiana.26
  • La ricerca suggerisce che gli anziani in particolare possano trarre giovamento dalle più alte dosi di vitamina D quali 2000 IU giornalmente-e forse anche fino a 5000 IU giornalmente-per gli effetti ottimali. Gli studi suggeriscono che un livello sano del siero di vitamina D (25-hydroxyvitamin D) è 75-125 nmol/L.27
  • La ricerca pubblicata dal 1997 suggerisce che la tossicità di vitamina D sia molto improbabile in individui in buona salute alle UI/die più basse di 10.000 dei livelli dell'assunzione.28-30 affatto l'individuo che prende le dosi elevate della vitamina D dovrebbe essere controllato per i segni ed i sintomi della tossicità di vitamina D.
  • La tossicità di vitamina D può causare i sintomi quali la nausea, vomitare, appetito difficile, costipazione e la debolezza e segni che comprendono le aritmia del cuore, i calcoli renali ed i livelli ematici elevati di colesterolo, di calcio, o di enzimi del fegato.25,26
  • La vitamina D è controindicata in individui con eccesso di calcio nel sangue (l'alto calcio del sangue livella).25,26
  • La gente con la malattia renale e coloro che usa la digossina o altre droghe del glicoside cardiaco dovrebbero consultare un medico prima di usando la vitamina supplementare D. 25,26

Il Dott. Holick ha pubblicato le numerose carte che dettagliano la relazione fra i livelli insufficienti di vitamina D ed il rischio aumentato di malattie che variano dall'osteoporosi e l'artrite alla malattia cardiovascolare ed ai cancri.21,22" vitamina D attivata è uno degli inibitori più potenti della crescita delle cellule,„ lui nota, un fatto che può spiegare la sua importanza nella prevenzione del cancro. “Non vedo affatto lato negativo a prendere i livelli farmaceutici di vitamina D al carcinoma della prostata di lotta,„ aggiunge.

L'importanza dei supplementi di vitamina D

La linea inferiore è che lontano troppa gente è carente in vitamina D,22,23 particolarmente gli anziani.24 purtroppo, da seguente consiglio benintenzionato per minimizzare la loro esposizione al sole, gli adulti invecchianti possono notevolmente diminuire la loro capacità di fabbricare i livelli ottimali di vitamina D, confrontati specialmente ai giovani. Ciò ha potuto metterle al rischio aumentato di contrarre l'influenza.

Sebbene il Dott. Holick servisca sul bordo responsabile dell'emendamento delle raccomandazioni attuali di governo per l'assunzione di vitamina D, pensa che sia almeno un altra quattro anni prima che il governo pubblichi le nuove raccomandazioni puntate su aumentando l'assunzione di vitamina D ai livelli adeguati. Secondo il Dott. Holick, ci sono semplicemente troppi dati che sono generati troppo rapidamente, dai ricercatori intorno al mondo, affinchè i membri del Comitato lo valutino affatto più velocemente.

Tuttavia, consiglia forte gli adulti di invecchiamento di cominciare ad aumentare la loro assunzione supplementare della vitamina D ora, particolarmente nell'inverno, quando l'esposizione alla luce solare alle più alte latitudini è insufficiente per produrre naturalmente i livelli adeguati di vitamina D. “La maggior parte della gente dovrebbe completare con la vitamina D,„ dice il Dott. Holick. “È perfettamente sicuro da prendere ed è probabile avere un beneficio per tutti gli aspetti di salute.„

Il Dott. Holick anticipa che se abbastanza gente ottiene il messaggio, siamo probabili vedere un calo notevole in tutto dai casi del cancro agli scoppi di influenza. “Sarebbe abbastanza stupefacente,„ dice. “Potrebbe contrassegnato fare diminuire molto bene il rischio di una persona.„ Il Dott. Holick egli stesso richiede a 1000 IU della vitamina D ogni giorno.

L'approccio del Dott. Cannell alla vitamina D per prevenzione delle malattie è ancor più aggressivo. Lui ed i suoi membri della famiglia prendono quotidiano 5000 IU della vitamina D supplementare durante i periodi invernali. “Le implicazioni sono strabilianti,„ dice il Dott. Cannell. “La migliore cosa può essere di non immagazzinare su sulle droghe antivirali, ma di ottenere un certo sole. Dovreste entrare in vitamina D di stagione di influenza carente? No. È un problema diffuso e dovrebbe essere indirizzato.„

La teoria intrigante che la vitamina D può aiutare ad impedire o le infezioni respiratorie virali di arresto ha potenziale tremendo nell'aiuto del milione di gente evitare questi scoppi potenzialmente micidiali. Fin qui, tuttavia, nessuno studio interventistico in esseri umani è stato intrapreso. Tali prove sono irritato necessarie valutare l'efficacia della d della vitamina nell'impedire o nel trattamento dell'influenza.

Nel frattempo, tuttavia, tutta la gente salute consapevole si consiglierebbe bene di ottimizzare la loro assunzione quotidiana della vitamina D, specialmente durante i periodi invernali. Questo integratore alimentare a basso costo può appena essere la medicina migliore per difendersi dal virus di influenza ed il sostegno della vostra protezione contro una miriade di afflizioni relative all'età.

Siete vitamina D carente?

La maggior parte della gente pensa che ottengano abbastanza vitamina D dall'esposizione del sole e le fonti dietetiche quale latte.

Infatti, molta gente attivamente evita il sole o usa la protezione solare per ridurre il loro rischio di cancro di pelle. Gli adulti e quelli di invecchiamento con mobilità alterata dovuto la malattia cronica possono diventare più homebound e non uscire al sole tanto. In gran parte degli Stati Uniti del Nord, il sole disponibile è insufficiente stimolare abbastanza formazione di vitamina D nell'inverno. E mentre grasso peschi, quali il salmone e lo sgombro, contengono un gran numero di vitamina D ed il latte è fortificato con la vitamina D, la maggior parte dei alimenti contiene la vitamina pochissima D. di conseguenza, la prevalenza della carenza di vitamina D negli Stati Uniti è stato riferito per essere alto quanto 21-58% in adolescenti ed in adulti,31 e 54% in adulti homebound più anziani.32

Coloro che prende i supplementi di vitamina D a volte sono cullati in una sensazione di sicurezza falsa che hanno livelli adeguati di vitamina D nei loro corpi. Con sorpresa di medici che stanno verificando il sangue dei loro pazienti a vitamina D, c'è qualche gente che richiede più delle UI/die 5000 della vitamina D supplementare di raggiungere i livelli ematici ottimali.

Per queste ragioni, ha significato valutare il vostro stato di vitamina D. Il prolungamento della vita ora offre un'analisi del sangue semplice che può aiutarvi ad individuare la carenza di vitamina D. L'ottimizzazione della vostra assunzione di vitamina D fornisce il supporto immune vitale che può aiutarvi a difendersi dal virus dell'influenza e da una miriade di malattie relative all'età.

I livelli ideali del sangue (siero) di vitamina D sono 75-125 nmol/L. Un'analisi del sangue di vitamina D costa i membri $47. Quando fare vostro analisi del sangue a vitamina D, voi può anche studiare la possibilità di ottenere un'analisi del sangue di CBC/Chemistry per soltanto $35. Questo pannello completo fornisce le misure dei livelli del calcio di funzione e del sangue del rene, oltre a colesterolo, a LDL, a HDL, a trigliceridi, a glucosio e ad una miriade di altri fattori importanti che dovreste conoscere circa. La vitamina D ed analisi del sangue di chimica del CBC possono essere ordinate chiamando 1-800-208-3444.

Riferimenti

1. Cannell JJ, Vieth R, Umhau JC, et al. influenza epidemica e vitamina D. Epidemiol Infect. 2006 dicembre; 134(6): 1129-40.

2. Reid AH, Taubenberger JK. L'origine del virus dell'influenza di pandemia 1918: un enigma continuo. J Gen Virol. 2003 settembre; 84 (pinta 9): 2285-92.

3. Thompson WW, Shay dk, Weintraub E, et al. la mortalità si è associato con influenza ed il virus respiratorio sinciziale negli Stati Uniti. JAMA. 8 gennaio 2003; 289(2): 179-86.

4. Il PB di Rapuri, Kinyamu HK, Gallagher JC, Haynatzka V. Seasonal cambia in ormoni, negli indicatori dell'osso e nella densità minerale ossea calciotropic in donne anziane. J Clin Endocrinol Metab. 2002 maggio; 87(5): 2024-32.

5. CB dei ponti, Kuehnert MJ, CB di Corridoio. Trasmissione di influenza: implicazioni per controllo nelle regolazioni di sanità. Clin infetta il DIS. 15 ottobre 2003; 37(8): 1094-101.

6. Holick MF. Luce solare e vitamina D per salute dell'osso e la prevenzione delle malattie autoimmuni, dei cancri e della malattia cardiovascolare. J Clin Nutr. 2004 dicembre; 80 (6 supplementi): 1678S-88S.

7. Disponibile a: http://www.medicalnewstoday.com/medicalnews.php?newsid=51913. 3 novembre 2006 raggiunto.

8. Speranza-Simpson CON RIFERIMENTO A. Il ruolo della stagione in epidemiologia di influenza. J Hyg (Lond). 1981 febbraio; 86(1): 35-47.

9. Shek LP, Lee BW. Epidemiologia e stagionalità delle infezioni virali delle vie respiratorie nei tropici. Rev. 2003 di Paediatr Respir giugno; 4(2): 105-11.

10. Kobasa D, Takada A, Shinya K, et al. virulenza migliorata dei virus di influenza A con l'emagglutinina del virus di pandemia 1918. Natura. 7 ottobre 2004; 431(7009): 703-7.

11. Chan MC, Cheung CY, Chui WH, et al. risposte di citochina di Proinflammatory ha indotto dai virus di influenza A (H5N1) in cellule epiteliali alveolari e bronchiali umane primarie. Ricerca di Respir. 2005;6135.

12. Beigel JH, Farrar J, Han, et al. infezione di influenza aviaria A (H5N1) in esseri umani. Med di N Inghilterra J. 29 settembre 2005; 353(13): 1374-85.

13. Hewison m., Zehnder D, Chakraverty R, Adams JS. Vitamina D e funzione della barriera: un ruolo novello per la 1 alfa-idrossilasi supplemento-renale. Mol Cell Endocrinol. 27 febbraio 2004; 215 (1-2): 31-8.

14. Helming L, Bose J, Ehrchen J, et al. 1alpha, 25-Dihydroxyvitamin D3 è un soppressore potente dell'attivazione del macrofago gamma-mediata interferone. Sangue. 15 dicembre 2005; 106(13): 4351-8.

15. Wang TT, Nestel FP, Bourdeau V, et al. avanguardia: 1,25-dihydroxyvitamin D3 è un induttore diretto di espressione genica antimicrobica del peptide. J Immunol. 1° settembre 2004; 173(5): 2909-12.

16. Liu pinta, Stenger S, Li H, et al. l'avviamento del tipo di tributo del ricevitore di una vitamina D-ha mediato la risposta antimicrobica umana. Scienza. 24 marzo 2006; 311(5768): 1770-3.

17. Reddy chilovolt, Yedery RD, peptidi di Aranha C. Antimicrobial: locali e promesse. Agenti di Int J Antimicrob. 2004 dicembre; 24(6): 536-47.

18. Hiemstra PS, Fernie-re BA, McMichael J, Lachmann PJ, Sallenave JM. Peptidi antimicrobici: mediatori di immunità innata come modelli per lo sviluppo di terapeutica antinfettiva ed immune novella. DES di Curr Pharm. 2004;10(23):2891-905.

19. Laube dm, Yim S, Ryan LK, KO di Kisich, peptidi di Diamond G. Antimicrobial nelle vie respiratorie. Microbiologia Immunol della cima di Curr. 2006;306:153-82.

20. Holick MF. Difetti nella sintesi e nel metabolismo del diabete di D. Exp Clin Endocrinol della vitamina. 1995;103(4):219-27.

21. Holick MF. Vitamina D: Una prospettiva di millennio. Biochimica delle cellule di J. 1° febbraio 2003; 88(2): 296-307.

22. CS di Zipitis, Markides GA, Swann IL. Carenza di vitamina D: prevenzione o trattamento? Bambino dell'arco DIS. 31 agosto 2006.

23. Holick MF. Il ruolo della vitamina D per salute dell'osso e la prevenzione di frattura. Rappresentante di Curr Osteoporos. 2006 settembre; 4(3): 96-102.

24. Gennari C. Calcium e nutrizione di vitamina D e malattia dell'osso degli anziani. Salute pubblica Nutr. 2001 aprile; 4 (2B): 547-59.

25. Disponibile a: http://www.pdrhealth.com/drug_info/nmdrugprofiles/nutsupdrugs/vit_0265.shtml. 6 novembre 2006 raggiunto.

26. CD di Meletis. Prevenzione del cancro della vitamina D. ed altri nuovi usi. Prolungamento della vita. Marzo 2006: 50-58.

27. Holick MF. Carenza di vitamina D: ché dolore è. Mayo Clin Proc. 2003 dicembre; 78(12): 1457-9.

28. Completamento di vitamina D di Vieth R., 25 concentrazioni di hydroxyvitamin D e sicurezza. J Clin Nutr. 1999 maggio; 69(5): 842-56.

29. Vieth R, PC di Chan, MacFarlane GD. Efficacia e sicurezza dell'assunzione di vitamina D3 che superano il livello il più in basso osservato di effetto contrario. J Clin Nutr. 2001 febbraio; 73(2): 288-94.

30. Heaney RP, Davies chilometro, Chen TC, Holick MF, Barger-lux MJ. Risposta umana di hydroxycholecalciferol del siero 25 al dosaggio orale esteso con il colecalciferolo. J Clin Nutr. 2003 gennaio; 77(1): 204-10

31. CA del Looker, Dawson-Hughes B, ms di Calvo, Gunter EW, Sahyoun NR. Stato di hydroxyvitamin D del siero 25 degli adolescenti e degli adulti in due sottopopolazioni stagionali da NHANES III. Osso. 2002;30:771-7.

32. Gloth FM 3d, Gundberg cm, Hollis BW, junior di Haddad JG, Tobin JD. Carenza di vitamina D in persone homebound anziane. JAMA. 1995; 274:1683-6.