Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 2007

immagine

Il tè verde impedisce la malattia cardiovascolare?

Da William Faloon

da William Faloon

Il 9 maggio 2006, FDA ha dichiarato che non c'era prova credibile per sostenere il reclamo che il tè verde riduce i fattori di rischio della malattia cardiovascolare.1

La lettera della pagina di FDA 21 del rifiuto in risposta ad una petizione è stata archivata da un creatore delle bustine di tè verdi che hanno cercato di dichiarare un reclamo cardiovascolare di salute di rischio-riduzione sull'etichetta del suo prodotto.

Sebbene FDA identifichi dozzine di studi scientifici pubblicati che suggeriscono che il tè verde potrebbe ridurre il rischio del colpo e di attacco di cuore, l'agenzia ha deciso che nessuno di questi studi hanno risposto ai suoi criteri per permettere un reclamo di salute sulle etichette dei prodotti del tè verde.

Il 13 settembre 2006, il giornale di American Medical Association ha pubblicato uno studio che ha seguito il consumo del tè verde di 40.530 adulti sugli anni 11. Lo studio ha trovato che coloro che ha bevuto cinque o più tazze di tè verde un il giorno hanno tagliato il loro tasso di mortalità globale da 16% confrontato a coloro che ha bevuto meno di una tazza di tè verde un giorno.2

L'individuazione più notevole da questo studio era la riduzione della morte cardiovascolare in coloro che ha consumato la maggior parte del tè verde. Donne che hanno bevuto cinque o più tazze di tè verde ha avuto giornalmente un rischio riduttore 31% di morte dalla malattia cardiovascolare, mentre gli uomini che hanno bevuto cinque o più tazze hanno avuti un rischio riduttore 22% di morte dalla malattia cardiovascolare.2

Il colpo era il tipo di mortalità cardiovascolare contro cui il tè verde è stato indicato per essere più efficace. Le donne che hanno bevuto cinque o più tazze dei tè verdi hanno avute un 42% più a basso rischio del colpo confrontato a coloro che ha bevuto meno di una tazza un il giorno.2

Perché FDA è in disaccordo con i risultati di studio

I criteri di FDA per permettere un reclamo di salute sull'etichetta di un alimento o di un integratore alimentare è abbastanza arcaici. Per esempio, FDA non riconosce l'ossidazione della lipoproteina a bassa densità (LDL) come fattore di rischio convalidato della malattia cardiovascolare. Di conseguenza, gli studi scientifici in esseri umani che indicano che l'estratto del tè verde inibisce l'ossidazione di LDL si escludono dall'analisi di FDA dell'efficacia del tè verde.

La posizione antiquata di FDA vola di fronte alla rappresentazione voluminosa di dati che LDL ossidato danneggia severamente la parete arteriosa ed è un contributore importante da ad attacco di cuore indotto da aterosclerosi e colpo.3-22

Nel scegliere che gli studi di tè verde da valutare, FDA hanno escluso quelli che non hanno mostrato le riduzioni significative di colesterolo totale, di LDL, o della pressione sanguigna. Secondo la logica di FDA, se il tè verde non abbassa il colesterolo, LDL, o la pressione sanguigna, quindi un reclamo non può essere fatto su un'etichetta del tè verde che riduce i fattori di rischio della malattia cardiovascolare. FDA ha riconosciuto gli studi in cui la gente che ha consumato 10 tazze di tè verde un giorno ha mostrato una diminuzione significativa in colesterolo totale e in LDL.

Completamente sono trascurati dall'analisi di FDA gli studi pubblicati che indicano che il tè verde protegge da attacco di cuore e dal colpo via i meccanismi (come inibizione dell'aggregazione anormale della piastrina)23-32 che è differente che le misure rudimentali a cui FDA ha limitato la sua valutazione del tè verde.

FDA inoltre ha indicato chiaramente che tutti gli studi sugli animali in vivo si escludono dalla sua analisi perché questi studi non possono imitare la risposta fisiologica umana normale ad ingestione del tè verde. FDA poi ha trovato una ragione di invalidare ogni studio umano che aveva indicato mai un beneficio cardiovascolare in coloro che ha consumato il tè verde.

La conclusione di FDA era che nessuna prova credibile è esistito per sostenere un reclamo cardiovascolare di rischio-riduzione sull'etichetta dei prodotti del tè verde.1 che lo studio recente ha pubblicato da American Medical Association, che hanno compreso più oggetti di studio e sono durato ben lungamente di qualunque altro studio precedente, ha mostrato un beneficio cardiovascolare alle quantità elevate beventi di tè verde. Chi poi dovrebbe consumatori credere?2

Idee sbagliate circa le bevande del tè verde

Quando il tè verde è consumato come bevanda, relativamente poco dei suoi polifenoli attivi sono assorbiti nella circolazione sanguigna. Ciò contribuisce a spiegare alcuni risultati contradditori circa come l'efficace tè verde può essere nell'impedire le malattie comuni.

Lo studio pubblicato da American Medical Association ha indicato che un'ingestione quotidiana di cinque o più tazze di tè verde ha ridotto la mortalità cardiovascolare ed i tassi di mortalità globali. Inoltre ha indicato che coloro che ha bevuto due - quattro tazze di tè verde un il giorno hanno avuti meno malattia che coloro che ha bevuto meno di una tazza un giorno. Questo studio particolare non è riuscito a mostrare una riduzione di rischio di cancro.2

I risultati da un altro grande studio umano, tuttavia, hanno mostrato un rapporto di riproduzione di 41% dell'incidenza del cancro in coloro che ha consumato oltre 10 tazze di tè verde un il giorno confrontato a coloro che ha consumato meno di 3 tazze un giorno. Questo stesso studio ha mostrato un rapporto di riproduzione di 28% dell'incidenza della malattia cardiovascolare in quelli che consumano 10 tazze di tè verde confrontate a quelle che bevono meno di 3 tazze.33

Anche la relazione sfavorevole di FDA su tè verde ha indicato gli studi che indicano che un'assunzione quotidiana di 10 tazze di tè verde ha abbassato il colesterolo totale e LDL.34

Sembrerebbe da questi studi che i benefici ottimali da tè verde accadessero quando uno beve 10 o più foggia a coppa un giorno. Il problema è che poca gente sta andando mai ingerire ogni giorno 10 o più tazze di tè verde. Le buone notizie sono che non fanno devono.

Estratti del tè verde contro le bevande del tè verde

Della corrente principale di medici avvocato spesso che ottiene le sostanze nutrienti dagli alimenti piuttosto che i supplementi. Un problema con determinate sostanze nutrienti, tuttavia, è che sono limitati così strettamente ad alimento che gli importi meno che ottimali dei costituenti attivi sono assorbiti nella circolazione sanguigna.

Gli esempi delle sostanze nutrienti che sono assorbite meglio dai supplementi che da alimento includono la vitamina K, l'acido folico e la clorofilla.35-37 il licopene, d'altra parte, può essere assorbito meglio dai prodotti cucinati 38del pomodoro che dai supplementi.

In uno studio recente ha pubblicato nel giornale americano di nutrizione clinica, scienziati cercati per determinare se i principi attivi in tè verde sono stati assorbiti meglio dalle capsule dell'estratto del tè verde o bevendo il tè verde. Trenta soggetti in buona salute sono stati reclutati e dato stati una bevanda specialmente pronta del tè verde standardizzata per i costituenti più attivi del tè verde (quali EGCG e ECG) o le capsule ugualmente standardizzate dell'estratto del tè verde.39

I risultati hanno indicato che gli oggetti che hanno ricevuto i cappucci dell'estratto del tè verde hanno avuti un aumento maggior 60% in EGCG (gallato del epigallocatechin) e un aumento maggior 90% in ECG (gallato dell'epicatechina) confrontato a coloro che ha bevuto gli importi identici di questi costituenti del tè verde nella forma standardizzata della bevanda. Gli effetti dell'antiossidante in coloro che ha inghiottito i cappucci del tè verde erano inoltre maggiori di nei bevitori del tè verde.39

Gli scienziati hanno concluso che una volta amministrata sotto forma di supplemento del tè verde, la biodisponibilità migliorata indicata attiva dei costituenti (polifenoli) ha confrontato a quando gli importi identici dei polifenoli sono stati forniti in una bevanda del tè verde.39

Una ragione per intraprendere questi studi era risultati precedenti che i polifenoli del tè verde potrebbero essere efficaci nell'impedire e nel trattamento del cancro. Documentando i supplementi di quell'estratto del tè verde sia superiore alle bevande beventi del tè verde, scienziati ora hanno una base solida per provare le capsule dell'estratto del tè verde negli studi clinici umani.

Non tutte le bevande del tè verde sono le stesse

La quantità di polifenoli contenuti in bevande del tè verde varia considerevolmente, secondo dove il tè è raccolto e come è elaborato. Uno studio ha esaminato 19 marche commerciali di tè verde ed ha trovato la variazione significativa nel contenuto dei polifenoli EGCG e ECG. Gli scienziati che hanno intrapreso questi studi hanno raccomandato che le etichette delle bustine di tè verdi indicassero la quantità dei polifenoli (EGCG e ECG) contenuti in ogni tazza in modo che i consumatori conoscessero quanti milligrammi di questi principi attivi stanno consumando ogni giorno.40

FDA realmente lo ha convinto per radrizzare questo volta?

Il rifiuto di FDA di un reclamo cardiovascolare di salute era in risposta ad una petizione archivata da un creatore delle bustine di tè verdi che hanno cercato di dichiarare che il consumo quotidiano di circa una tazza di tè verde avrebbe ridotto i fattori di rischio cardiovascolari. La quantità di polifenoli in questa marca particolare di tè verde era 125 mg per tazza.

Sulla base della nostra analisi della letteratura scientifica pubblicata, prende più di 125 mg un il giorno dei polifenoli per ridurre i rischi cardiovascolari. Sebbene FDA non citi mai questo nella sua lettera di 21 pagina del rifiuto, comparirebbe FDA reso alla giusta decisione scientifica nel respingere questo reclamo particolare di salute sull'etichetta delle bustine di tè verdi.

Le buone notizie per i consumatori sono che i prezzi dell'estratto del tè verde continuano a precipitarsi. Ciò permette a virtualmente ognuno di ingerire appena due capsule dell'estratto del tè verde un il giorno ed ottenere la quantità di polifenoli (mg circa 1250) ha contenuto in 10 tazze di tè verde.

Per vita più lunga,
immagine
William Faloon

Riferimenti

1. Tè petizione verde qualificato di reclamo di salute e rischio riduttore di lettera della malattia cardiovascolare (sommario no 2005Q-0297) del rifiuto.

2. Consumo di Kuriyama S, di Shimazu T, di Ohmori K, et al. del tè verde e mortalità dovuto la malattia cardiovascolare, il cancro e tutte le cause nel Giappone: lo studio di Ohsaki. JAMA. 13 settembre 2006; 296(10): 1255-65.

3. Zhou ZX, Qiang H, mA AQ, Chen H, indice periferico del sangue di Zhou P. Measurement ha riferito ad infiammazione e bue-LDL, bue-LDLAb in pazienti con la coronaropatia ed il suo significato clinico. Zhong Nan Da Xue Xue Bao Yi Xue Ban. 2006 aprile; 31(2): 258-62.

4. Naruko T, Ueda m., Ehara S, et al. alti livelli persistenti della lipoproteina a bassa densità ossidata plasma dopo infarto miocardico acuto predice la ristenosi di stent. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2006 aprile; 26(4): 877-83.

5. Johnston N, Jernberg T, Lagerqvist B, Siegbahn A, lipoproteina a bassa densità di Wallentin L. Oxidized come preannunciatore di risultato in pazienti con la coronaropatia instabile. Int J Cardiol. 7 dicembre 2005.

6. Shimada K, Mokuno H, Matsunaga E, et al. lipoproteina a bassa densità ossidata di circolazione è un preannunciatore indipendente per l'evento cardiaco in pazienti con la coronaropatia. Aterosclerosi. 2004 giugno; 174(2): 343-7.

7. Holvoet P, SB di Kritchevsky, Tracy RP, et al. La sindrome metabolica, il LDL ossidato di circolazione ed il rischio di infarto miocardico in anziani ben funzionanti nella salute, nell'invecchiamento e nel gruppo della composizione corporea. Diabete. 2004 aprile; 53(4): 1068-73.

8. Doo YC, Han SJ, Lee JH, et al. associazioni fra l'anticorpo ossidato della lipoproteina a bassa densità, proteina C-reattiva, interleukin-6 e molecole di adesione cellulare di circolazione in pazienti con l'angina pectoris instabile. J Cardiol. 1° marzo 2004; 93(5): 554-8.

9. Nordin FG, Hedblad B, Berglund G, Nilsson J. Plasma ha ossidato LDL: un preannunciatore per infarto miocardico acuto? Med dell'interno di J. 2003 aprile; 253(4): 425-9.

10. Tatsuguchi m., Furutani m., Hinagata J, et al. gene ossidato del ricevitore di LDL (OLR1) è associato con il rischio di infarto miocardico. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 28 marzo 2003; 303(1): 247-50.

11. WC di Tsai, Li YH, TH di Chao, Chen JH. Relazione fra l'anticorpo contro la lipoproteina a bassa densità ossidata e le dimensioni di aterosclerosi coronaria. J Formos Med Assoc. 2002 ottobre; 101(10): 681-4.

12. Wang TC, Hsu cc, YP di Chin, Lin YL. L'espressione degli autoanticorpo contro la fonte differente di lipoproteina ossidata di densità bassa in pazienti con infarto miocardico acuto. Ricerca di Thromb. 15 agosto 2002; 107 (3-4): 175-9.

13. Kelishadi R, Nadery GA, metaboliti di LDL di Asgary S. Oxidized con l'alto rischio della famiglia per la malattia cardiovascolare prematura. J indiano Pediatr. 2002 settembre; 69(9): 755-9.

14. Dotevall A, Hulthe J, Rosengren A, Wiklund O, Wilhelmsen L. Autoantibodies contro la lipoproteina a bassa densità ossidata e la proteina C-reattiva sono associati con il diabete e l'infarto miocardico in donne. Clin Sci (Lond). 2001 novembre; 101(5): 523-31.

15. Ehara S, Ueda m., Naruko T, et al. livelli elevati della manifestazione ossidata della lipoproteina di densità bassa una relazione positiva con la severità delle sindromi coronariche acute. Circolazione. 17 aprile 2001; 103(15): 1955-60.

16. Mustafa A, Nityanand S, Berglund L, Lithell H, Lefvert AK. Immunocomplessi circolanti in uomini di 50 anni come forte e fattore di rischio indipendente per infarto miocardico. Circolazione. 2000 21 novembre; 102(21): 2576-81.

17. Anticorpi di Vaarala O. Antiphospholipid ed infarto miocardico. Lupus. 1998; 7 supplementi 2S132-4.

18. Holvoet P, Vanhaecke J, Janssens S, Van de WF, Collen D. Oxidized LDL e LDL malondialdeide-modificato in pazienti con le sindromi coronariche acute e la coronaropatia stabile. Circolazione. 13 ottobre 1998; 98(15): 1487-94.

19. Ryan m., Owens D, Kilbride B, et al. anticorpi alle lipoproteine ossidate e la loro relazione ad infarto miocardico. QJM. 1998 giugno; 91(6): 411-5.

20. Wu R, Nityanand S, Berglund L, et al. gli anticorpi contro cardiolipin e LDL oxidatively modificati in uomini di 50 anni predicono l'infarto miocardico. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1997 novembre; 17(11): 3159-63.

21. Schumacher m., Eber B, Tatzber F, et al. riduzione transitoria degli autoanticorpo contro LDL ossidato di pazienti con infarto miocardico acuto. Med libero di biol di Radic. 1995 giugno; 18(6): 1087-91.

22. Vaarala O, Manttari m., Manninen V, et al. anticorpi anti--cardiolipin e rischio di infarto miocardico in un gruppo futuro degli uomini di mezza età. Circolazione. 1° gennaio 1995; 91(1): 23-7.

23. Hernandez Figueroa TT, Rodriguez-Rodriguez E, Sanchez-Muniz FJ. Il tè verde, una buona scelta per la prevenzione della malattia cardiovascolare? Arco Latinoam Nutr. 2004 dicembre; 54(4): 380-94.

24. Neuhaus T, Voit S, Lill G, et al. l'aggregazione della piastrina indotta dal peptide del C-terminale di thrombospondin-1 (4N1-1) è inibito dal gallato del epigallocatechin ma non dalla prostaglandina E1. Piastrine. 2004 novembre; 15(7): 455-7.

25. Figlio DJ, SIG. di Cho, Jin anno, et al. effetto antipiastrinico delle catechine del tè verde: un meccanismo possibile con la via dell'acido arachidonico. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2004 luglio; 71(1): 25-31.

26. Lill G, Voit S, Schror K, Weber aa. Effetti complessi delle catechine differenti del tè verde sulle piastrine umane. FEBS Lett. 10 luglio 2003; 546 (2-3): 265-70.

27. Deana R, Turetta L, Donella-Deana A, et al. tè verde epigallocatechin-3-gallate inibisce la piastrina che segnala le vie avviate sia dagli agonisti proteolitici che non proteolitici. Thromb Haemost. 2003 maggio; 89(5): 866-74.

28. Kang WS, Chung KH, Chung JH, et al. attività antipiastrinica delle catechine del tè verde è mediato tramite inibizione di aumento citoplasmico del calcio. J Cardiovasc Pharmacol. 2001 dicembre; 38(6): 875-84.

29. de Maat MP. Effetti della dieta, delle droghe e dei geni sui livelli del fibrinogeno del plasma. Ann NY Acad Sci. 2001;936:509-21.

30. Dy di Kang WS, di Lim IH, di Yuk, et al. attività antitrombotiche delle catechine del tè verde e (-) - gallato del epigallocatechin. Ricerca di Thromb. 1° novembre 1999; 96(3): 229-37.

31. Yang JA, Choi JH, Rhee SJ. Effetti della catechina del tè verde su attività della fosfolipasi A2 e del antithrombus nei ratti del diabetico di streptozotocin. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 1999 giugno; 45(3): 337-46.

32. Sagesaka-Mitane Y, Miwa m., inibitori di aggregazione di Okada S. Platelet in estratto dell'acqua calda di tè verde. Toro di Chem Pharm (Tokyo). Del 1990 marzo; 38(3): 790-3.

33. Nakachi K, Matsuyama S, Miyake S, Suganuma m., effetti di Imai K. Preventive di bere tè verde su cancro e sulla malattia cardiovascolare: prova epidemiologica per la prevenzione d'ottimizzazione multipla. Biofactors. 2000;13(1-4):49-54.

34. Kono S, Shinchi K, Wakabayashi K, et al. relazione del consumo del tè verde ai lipidi del siero e lipoproteine in uomini giapponesi. J Epidemiol. 1996 settembre; 6(3): 128-33.

35. Garber AK, Binkley NC, CC di Krueger, Suttie JW. Confronto di biodisponibilità del fillochinone dalle fonti dell'alimento o un supplemento nei soggetti umani. J Nutr. 1999 giugno; 129(6): 1201-3.

36. Iceberg MJ. L'importanza di acido folico. J Gend specifica il Med. 1999 maggio-giugno; 2(3): 24-8.

37. Ferruzzi MG, Schwartz SJ. Degradazione termica del chlorophyllin del rame del sodio del grado commerciale. Alimento chim. di J Agric. 7 settembre 2005; 53(18): 7098-102.

38. van het Hof KH, de Boer BC, biodisponibilità di Tijburg libbra, et al. del carotenoide in esseri umani dai pomodori trasformati nei modi diversi determinati a partire dalla risposta del carotenoide della nella frazione ricca di trigliceride della lipoproteina di plasma dopo un singolo consumo ed in plasma dopo quattro giorni di consumo. J Nutr. 2000 maggio; 130(5): 1189-96.

39. Henning MP, Niu Y, Lee NH, et al. biodisponibilità ed attività antiossidante dei flavanoli del tè dopo consumo di tè verde, tè nero, o un supplemento dell'estratto del tè verde. J Clin Nutr. 2004 dicembre; 80(6): 1558-64.

40. Contenuto in Seeram NP, in Henning MP, in Niu Y, et al. nella catechina e nella caffeina degli integratori alimentari e della correlazione del tè verde con capacità antiossidante. Alimento chim. di J Agric. 8 marzo 2006; 54(5): 1599-603.