Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 2007
immagine

Cura di pelle scientifico avanzata


Sostanze nutrienti innovarici per ravvivare la vostra pelle
Da Dave Tuttle

Polifenoli del tè verde: Protezione antiossidante potente

Il tè verde è una delle bevande più popolari del mondo, specialmente in paesi asiatici come la Cina, la Corea, il Giappone e l'India. Il tè verde è stimato per i suoi numerosi contributi a salute al corpo intero e la ricerca emergente dimostra che il tè verde avvantaggia la pelle come pure il resto del corpo.

Le foglie di tè verdi contengono i polifenoli che sono riconosciuti come gli antiossidanti potenti ed efficaci organismi saprofagi dei radicali liberi. Questi includono varie catechine, il più importante di quale è epigallocatechin-3-gallate (EGCG).26

I numerosi studi hanno indicato che l'applicazione topica di tè verde conferisce la protezione dell'ampio spettro contro il photodamage, una delle cause conducenti di pelle visibilmente invecchiata. I polifenoli dalle foglie di tè verdi sono stati trovati per proteggere dagli effetti contrari di sovresposizione a luce ultravioletta.

La disfunzione mitocondriale contribuisce ad invecchiamento della pelle

Gli scienziati lungamente hanno saputo che invecchiando è associato con la funzione diminuente dei mitocondri, le centrali elettriche cellulari che producono l'energia per rifornire il corpo di combustibile.La disfunzione mitocondriale 43 è stata collegata con i diversi termini quali le malattie ed il cancro neurodegenerative.La ricerca emergente 44 suggerisce che la produzione di energia mitocondriale alterata svolga un ruolo importante in un'altra circostanza connessa con gli anni d'avanzamento: invecchiamento della pelle.45

Essenziali a pelle giovanile e sana sono le cellule chiamate fibroblasti. I fibroblasti producono le proteine essenziali conosciute come collagene ed elastina, che forniscono il supporto e l'elasticità strutturali alla pelle. Negli adulti di invecchiamento, tuttavia, le cellule del fibroblasto dimostrano la disfunzione mitocondriale drammatica.45 di conseguenza, i fibroblasti possono meno produrre l'energia tenuta ad espletare le loro funzioni pelle-sostenenti essenziali. Gli scienziati ritengono che questo deficit di energia delle cellule epiteliali essenziali contribuisca ai segni visibili di invecchiamento della pelle.8,9

Il coenzima antiossidante solubile nel grasso Q10 è ampiamente usato neutralizzare il declino nella produzione di energia mitocondriale che accompagna l'invecchiamento.45 scienziati hanno scoperto che sia l'uso orale che attuale di CoQ10 ristabilisce i livelli carenti CoQ10 in cellule epiteliali.46 CoQ10 orale ed attuale può contribuire così a neutralizzare uno dei contributori di fondo ad invecchiamento della pelle: produzione di energia mitocondriale alterata. Il cugino nutrizionale di CoQ10, idebenone, inoltre sostiene la produzione di energia mitocondriale,18 mentre dimostra l'assorbimento migliorato attraverso la pelle.11 Idebenone possono svolgere così un ruolo essenziale nell'opposizione invecchiare della pelle dovuto produzione di energia cellulare alterata.

Per esempio, in uno studio all'università occidentale della riserva di caso, si offre volontariamente ha avuto aree della loro pelle trattata con un estratto del tè verde.27 trenta minuti più successivamente, sono stati esposti a radiazione solare simulata ad una dose abbastanza su per produrre il rossore infiammatorio, o a eritema. Le parti della pelle trattata con gli estratti del tè verde hanno avute un numero riduttore delle cellule della solarizzazione e le cellule immuni appena sotto la superficie della pelle erano protette dagli effetti della radiazione. Estratto del tè verde anche protetto contro danno indotto da radiazioni del DNA. I ricercatori hanno concluso che i polifenoli del tè verde sono efficaci nell'evitare molti degli effetti nocivi di luce solare e possono servire così da agenti photoprotective naturali.27 i benefici photoprotective di tè verde attuale inoltre sono stati riferiti in altri studi pure.28-30

Uno studio dalla Corea ha trovato che quando EGCG attuale si applica a pelle umana invecchiata, stimola la proliferazione dei keratinocytes epidermici, che hanno aumentato lo spessore dell'epidermide.26 EGCG inoltre hanno inibito la morte dei keratinocytes dopo un periodo di esposizione a radiazione ultravioletta, alla fotoprotezione importante così di conferimento.

Una volta attuale applicati o consumati oralmente, i polifenoli del tè verde migliorano le risposte protettive delle cellule ad infiammazione ed ai vari prodotti chimici che promuovono la crescita del tumore. Allo stesso tempo, questi phytochemicals impediscono dalla la soppressione ossidativa indotta da b ultravioletta del sistema immunitario e di sforzo.31

Ricambiando gli effetti di luce ultravioletta e di altri agenti cancerogeni, il tè verde assicura la protezione cruciale ai tessuti della pelle delicata.

Struttura della pelle dell'aiuto degli acidi glicolici e ialuronici, aspetto

Mentre la gente si sviluppa più vecchia, notano spesso che la loro pelle è asciutta e scolorita. L'acido glicolico e l'acido ialuronico possono contribuire ad alleviare questi segni di invecchiamento della pelle.

Derivato dalla canna da zucchero, l'acido glicolico è considerato il più potente degli acidi pelle-ringiovanire della frutta chiamati acidi alfa-idrossilati. Gli aiuti degli acidi glicolici intrappolano l'umidità nella pelle, promuovono la formazione del collagene e liberano l'accumulazione delle cellule epiteliali morte per rivelare la pelle più luminosa e giovane di aspetto. Ampiamente usato come agente antinvecchiamento per la pelle, l'acido glicolico ha dimostrato la sua efficacia nei numerosi studi.

In uno studio di tre mesi, la gente che l'acido glicolico attuale applicato al fronte ed al collo ha dimostrato i miglioramenti in tutte le valutazioni di photoaging, compreso gli aumenti statisticamente significativi della struttura della pelle, del colore e della riduzione generali della grinza.32 uno studio di sei mesi con 65 particiants hanno notato un aumento essere in media di 27% nello spessore epidermico in coloro che ha usato una crema attuale quotidiana dell'acido glicolico.33

Uno studio ad Yale Medical School inoltre ha scoperto che quello applica una crema dell'acido glicolico prima dell'esposizione alla luce ultravioletta di B contribuita per proteggere la pelle da infiammazione e dal rossore (eritema) dalla solarizzazione. L'applicazione quotidiana di acido glicolico per i sette giorni dopo che l'esposizione del sole ha ridotto il rossore e l'infiammazione di 16%.34 questo effetto suggerisce che l'acido glicolico conferisca effetti antiossidanti nella pelle.

Un altro ingrediente importante ed innovatore nella cura di pelle è acido ialuronico. Una grande molecola del tipo di zucchero trovata in ogni tessuto del corpo, acido ialuronico è particolarmente importante alla matrice extracellulare della pelle, in cui attira e lega con acqua e la sua struttura del tipo di gel fornisce il volume e la pienezza per la pelle. L'acido ialuronico è così cruciale per scorrevolezza di mantenimento ed umidità nella pelle.35

L'acido ialuronico inoltre stimola la guarigione arrotolata e gli aiuti proteggono le ferite da danno libero radicale. Uno studio al centro curativo arrotolato a Brescia, Italia, rivelatrice che l'acido ialuronico attuale amministrato permea la pelle ed assicura la protezione antiossidante potente contro i radicali liberi.36 questo sostengono la capacità della pelle di guarire dai tagli e dalle abrasioni.

Gli acidi glicolici ed ialuronici assicurano così la protezione antiossidante cruciale alla pelle, ristabilente la struttura, il colore ed il tenore d'acqua sani.

Le vitamine C ed E difendono contro i radicali liberi

Poiché la pelle può essere sopraffatta facilmente dallo sforzo ossidativo indotto da libera, assicurare ad ampio spettro la protezione antiossidante è cruciale nell'invecchiamento della pelle di combattimento. Le decadi della ricerca hanno indicato che la vitamina E e la vitamina C sono particolarmente importanti nella conservazione e nel ristabilimento della salute della pelle.

La vitamina E è l'antiossidante naturale primario nel corneum dello strato, lo strato esterno dell'epidermide. Composto soprattutto di alfa-tocoferolo, questa vitamina fornisce la massa della nostra difesa prima linea contro i radicali liberi.37 di conseguenza, lo svuotamento del tocoferolo è un biomarcatore molto iniziale e sensibile dello sforzo ossidativo in condizioni ambientali indotto. In tali circostanze, l'applicazione topica degli antiossidanti può sostenere i meccanismi fisiologici che mantengono o ristabiliscono una superficie sana della pelle.38

Un esperimento all'università di California, Berkeley, trovato che la radiazione ultravioletta fa diminuire significativamente le concentrazioni di vitamina E nella pelle.39 tuttavia, quando l'olio di Erich della vitamina era applicato prima che la pelle fosse sottoposta a radiazione, le concentrazioni molto più alte di vitamina E sono state conservate. Ciò suggerisce che l'uso attuale della vitamina E possa contribuire a massimizzare la sua concentrazione nella pelle, contribuente a combattere i radicali liberi generati da radiazione solare e da altri fattori di sforzo ambientali.

In uno studio di prova alla cieca, un complesso attuale della vitamina C si è applicato ad a metà del fronte e di un gel del placebo al lato opposto. La valutazione clinica di increspatura, della pigmentazione, dell'infiammazione e dell'idratazione è stata eseguita prima dello studio ed alle settimane 4, 8 e 12. I risultati hanno mostrato un miglioramento statisticamente significativo del lato C-trattato vitamina, con i punteggi photoaging in diminuzione delle guance e dell'area peri-orale. Il miglioramento facciale globale del lato della vitamina C era statisticamente significativo. Le biopsie indicate hanno aumentato la formazione del collagene nel gruppo della vitamina C. Questo studio ha dimostrato che la vitamina C attuale applicata provoca clinicamente il miglioramento visibile e statisticamente significativo nell'increspatura una volta usata per 12 settimane. Questo miglioramento clinico ha correlato con prova di biopsia di nuova formazione del collagene.40

Un randomizzato, prova alla cieca, studio controllato è stato condotto sui volontari umani per determinare l'efficacia dell'applicazione attuale della vitamina C nel trattamento del photodamage del delicato--moderato di pelle facciale. I metodi di valutazione dell'efficacia hanno incluso un'analisi dell'immagine obiettiva e su ordinatore della superficie della pelle, un'analisi fotografica clinica soggettiva e un questionario paziente di auto-valutazione. La vitamina C attuale si è applicata ad un lato del fronte di ogni paziente e ad un veicolo di controllo dall'altro lato per tre mesi.41

I risultati facendo uso dell'analisi dell'immagine ottica hanno dimostrato quello confrontato al veicolo del placebo, il lato C-trattato vitamina del fronte hanno mostrato un miglioramento statisticamente significativo del punteggio combinato 71%. I parametri clinici di valutazione hanno dimostrato il miglioramento significativo con il trattamento della vitamina C confrontato al veicolo del placebo per l'increspatura fine, la rugosità tattile, la trascuratezza della pelle/tono, il sallowness/l'ingiallimento e le caratteristiche globali. I risultati pazienti del questionario hanno dimostrato statisticamente il camice significativo di miglioramento con il trattamento della vitamina C (84% maggior del controllo). La valutazione fotografica ha dimostrato il miglioramento significativo con il trattamento della vitamina C (58% maggior del controllo). Questo studio di tre mesi facendo uso di vitamina C attuale ha fornito i miglioramenti obiettivi e soggettivi in pelle facciale photodamaged.41

Uno studio delle vitamine C ed E in giovane, pelle umana invecchiata e e photodamaged ha cercato di accertare di vari livelli di questi antiossidanti in ogni tipo della pelle. I risultati hanno indicato che la concentrazione di vitamina E era significativamente più bassa nell'epidermide (strato superiore) di pelle photoaged (56% più basso di in giovane pelle) e di pelle invecchiata (61% più basso di in giovane pelle). Non c'era differenza nei certificato di scuola media superiore della vitamina nel derma di ogni tipo della pelle. In pelle photoaged, i livelli della vitamina C erano 69% più in basso nell'epidermide e 63% in basso nel derma; in pelle naturalmente invecchiata, i livelli della vitamina C erano 61% più in basso nell'epidermide e 70% più in basso nel derma. Le concentrazioni del glutatione erano inoltre più basso confrontate a giovane pelle. Questi risultati indicano che i sistemi di difesa antiossidanti nel normale invecchiati e la pelle umana photoaged significativamente sono diminuiti confrontata a giovane pelle.42

La vitamina E e la vitamina C funzionano così insieme per assicurare la protezione antiossidante, sostengono la sintesi del collagene e riducono l'increspatura della pelle.

Conclusione

La struttura complessa della pelle è vulnerabile dallo allo sforzo indotto da libera che si manifesta col passare del tempo come grinze, siccità, assottigliandosi ed allo scoloramento. Fortunatamente, gli agenti attuali innovatori di cura di pelle contribuiscono a combattere i segni di photoaging mentre ristabiliscono l'umidità, le grinze di minimizzazione ed il miglioramento la struttura, la salute e dell'aspetto globali della pelle.

L'uso quotidiano diligente degli agenti nutrizionali e botanici attuali quali Matrixyl™ 3000, i ceramidi, l'acido glicolico, l'acido ialuronico, il idebenone, il melograno, il tè verde e le vitamine E e C può contribuire a conservare e migliorare la qualità della pelle. La cura di pelle attuale avanzata dovrebbe così essere considerata una componente importante di una strategia antinvecchiamento completa, con il beneficio aggiunto di fornire i risultati altamente visibili in un aspetto soltanto delle settimane o dei mesi.

Riferimenti

1. Tran KT, agnello P, Deng JS. Matrikines e matricryptins: Implicazioni per i cancri e la riparazione cutanei della pelle. J Dermatol Sci. 2005 ottobre; 40(1): 11-20.

2. Disponibile a: http://www.nhn.com/bin/tmpl/shop/pic/beauty/dermaprin_info/proven_effectiveness.pdf. 16 ottobre 2006 raggiunto.

3. Farwanah H, Wohlrab J, RH di Neubert, Raith K. Profiling dei ceramidi umani di corneum dello strato per mezzo di fase normale LC/APCI-MS. Bioanal anale chim. 2005 ottobre; 383(4): 632-7.

4. Il RH di Farwanah H, di Raith K, di Neubert, i profili di Wohlrab J. Ceramide della pelle uninvolved nella dermatite atopica e la psoriasi sono comparabili a quelli di pelle sana. Ricerca di Dermatol dell'arco. 2005 maggio; 296(11): 514-21.

5. Lebwohl m., Herrmann LG. Funzione alterata della barriera di pelle nella malattia dermatologica e riparazione con il moisturization. Cutis. 2005 dicembre; 76 (6 supplementi): 7-12.

6. Analisi quantitativa di Akimoto K, di Yoshikawa N, di Higaki Y, di Kawashima m., di Imokawa G. dei lipidi di corneum dello strato in xerosis e eczema asteatotic. J Dermatol. 1993 gennaio; 20(1): 1-6.

7. Coderch L, Lopez O, de la Maza A, Parra JL. Ceramidi e funzione della pelle. J Clin Dermatol. 2003;4(2):107-29.

8. Blatt T, Lenz H, Koop U, et al. stimolazione del metabolismo energetico della pelle fornisce i benefici multipli per pelle umana matura. Biofactors. 2005;25(1-4):179-85.

9. Passi S, De PO, Puddu P, GP di Littarru. Antiossidanti lipofilici in sebo umano e nell'invecchiamento. Ricerca libera di Radic. 2002 aprile; 36(4): 471-7.

10. Rusciani L, Proietti I, Rusciani A, et al. bassi livelli del coenzima Q10 del plasma come fattore prognostico indipendente per la progressione del melanoma. J Acad Dermatol. 2006 febbraio; 54(2): 234-41.

11. Disponibile a: http://www.ingentaconnect.com/content/bsc/jcd/2005/00000004/00000003/art00005. 16 ottobre 2006 raggiunto.

12. Mordente A, Martorana GE, Minotti G, le proprietà di Giardina B. Antioxidant di 2,3 dimethoxy-5-methyl-6- (10-hydroxydecyl) - 1,4-benzoquinone (idebenone). Ricerca Toxicol di Chem. 1998 gennaio; 11(1): 54-63.

13. Balin AK, LA di Pratt. Conseguenze fisiologiche di invecchiamento umano della pelle. Cutis. 1989 maggio; 43(5): 431-6.

14. Uitto J, Bernstein E-F. Meccanismi molecolari di invecchiamento cutaneo: alterazioni del tessuto connettivo nel derma. J Investig Dermatol Symp Proc. 1998 agosto; 3(1): 41-4.

15. Waller JM, Maibach HI. Struttura della pelle e di età e funzione, un approccio quantitativo (ii): proteina, glycosaminoglycan, acqua e contenuto lipidico e struttura. Ricerca Technol della pelle. 2006 agosto; 12(3): 145-54.

16. Kurban RS, Bhawan J. Histologic cambia in pelle connessa con invecchiamento. J Dermatol Surg Oncol. Del 1990 ottobre; 16(10): 908-14.

17. Disponibile a: http://www.blackwell-synergy.com/doi/abs/10.1111/j.1473-2165.2005.00152.x?journalCode=jcd. 16 ottobre 2006 raggiunto.

18. Anon. Idebenone - monografia. Altern Med Rev. 2001 febbraio; 6(1): 83-6.

19 . Effetto inibitorio di Yoshimura m., di Watanabe Y, del Kasai K, di Yamakoshi J, di Koga T. di un di un estratto ricco d'acido ellagico del melograno su attività della tirosinasi e da pigmentazione indotta da ultravioletta. Biochimica di Biosci Biotechnol. 2005 dicembre; 69(12): 2368-73.

20. Ashoori F, Suzuki S, Zhou JH, Isshiki N, Miyachi Y. Involvement di perossidazione lipidica nella necrosi dei lembi cutanei e della sua soppressione da acido ellagico. Plast Reconstr Surg. 1994 dicembre; 94(7): 1027-37.

21. MN di Aslam, PE di Lansky, Varani J. Pomegranate come fonte cosmeceutical: le frazioni del melograno promuovono la sintesi di procollagen e di proliferazione ed inibiscono la produzione della matrice metalloproteinase-1 in cellule epiteliali umane. J Ethnopharmacol. 20 febbraio 2006; 103(3): 311-8.

22. Murthy KN, Reddy VK, Veigas JM, Murthy UD. Studio su attività curativa arrotolata della buccia della punica granatum. J Med Food. 2004;7(2):256-9.

23. PE di Schubert SY, di Lansky, Neeman I. Antioxidant e proprietà di inibizione d'enzimi del eicosanoid dell'olio di semi del melograno e dei flavonoidi fermentati del succo. J Ethnopharmacol. 1999 luglio; 66(1): 11-7.

24. Afaq F, Saleem m., Krueger CG, Reed JD, Mukhtar H. Anthocyanin- e dell'l'estratto ricco di tannino hydrolyzable della frutta del melograno modula le vie MAPK e N-F-kappaB ed inibisce il tumorigenesis della pelle in topi CD-1. Cancro di Int J. 20 gennaio 2005; 113(3): 423-33.

25. Hora JJ, Maydew ER, PE di Lansky, effetti di Dwivedi C. Chemopreventive dell'olio di semi del melograno su sviluppo del tumore di pelle in topi CD1. J Med Food. 2003;6(3):157-61.

26. Chung JH, Han JH, Hwang EJ, et al. meccanismi doppi di tè verde estrae (EGCG) la sopravvivenza indotta delle cellule nei keratinocytes epidermici umani. FASEB J. 2003 ottobre; 17(13): 1913-5.

27. Elmets CA, Singh D, Tubesing K, et al. fotoprotezione cutanea dalla lesione ultravioletta dai polifenoli del tè verde. J Acad Dermatol. 2001 marzo; 44(3): 425-32.

28. Alterca il Dott, approcci novelli di Athar M. al chemoprevention del cancro di pelle. J Dermatol. 2000 novembre; 27(11): 691-5.

29. Fujiki H, Suganuma m., Okabe S, et al. risultati meccanicistici di tè verde come preventivo del cancro per gli esseri umani. Med di biol di Proc Soc Exp. 1999 aprile; 220(4): 225-8.

30. Mukhtar H, Katiyar SK, tè verde di Agarwal R. ed effetti della pelle-anticarcinogenic. J investe Dermatol. 1994 gennaio; 102(1): 3-7.

31. Katiyar SK, Elmets CA. Antiossidanti del tè verde e fotoprotezione polifenolici della pelle (rassegna). Int J Oncol. 2001 giugno; 18(6): 1307-13.

32. Thibault PK, Wlodarczyk J, Wenck A. Una prova alla cieca ha randomizzato il test clinico sull'efficacia di una formulazione quotidiana dell'acido glicolico 5% nel trattamento di photoaging. Dermatol Surg. 1998 maggio; 24(5): 573-7.

33. KO di Fuchs, Solis O, Tapawan R, Paranjpe J. Gli effetti di una crema dell'acido glicolico e dell'estrogeno sulla pelle facciale delle donne postmenopausali: uno studio istologico randomizzato. Cutis. 2003 giugno; 71(6): 481-8.

34. Perricone NV, DiNardo JC. Photoprotective ed effetti antinfiammatori di acido glicolico attuale. Dermatol Surg. 1996 maggio; 22(5): 435-7.

35. Weindl G, Schaller m., Schafer-Korting m., Korting HC. Acido ialuronico nel trattamento e nella prevenzione delle malattie della pelle: aspetti biologici, farmaceutici e clinici molecolari. Pelle Pharmacol Physiol. 2004 settembre-ottobre; 17(5): 207-13.

36. Trabucchi E, Pallotta S, Morini m., et al. acido ialuronico a basso peso molecolare previene danni radicale senza ossigeno to il tessuto di granulazione durante la guarigione arrotolata. Il tessuto di Int J reagisce. 2002;24(2):65-71.

37. Fuchs J, Weber S, Podda m., et al. analisi di HPLC delle isoforme della vitamina E in epidermide umana: correlazione con la dose del eritema e l'attività minime di lavaggio del radicale libero. Med libero di biol di Radic. 1° febbraio 2003; 34(3): 330-6.

38. Thiele JJ, Schroeter C, SN di Hsieh, Podda m., imballatore L. La rete antiossidante del corneum dello strato. Curr Probl Dermatol. 2001;29:26-42.

39. Weber C, Podda m., Rallis m., et al. efficacia dei tocoferoli attuale applicati e tocotrienoli nella protezione di pelle murina da danno ossidativo indotto da irradiazione uv. Med libero di biol di Radic. 1997;22(5):761-9.

40. Fitzpatrick CON RIFERIMENTO A, Rostan E-F. Prova alla cieca, studio di profilo che confronta vitamina C e veicolo attuali per ringiovanimento del photodamage. Dermatol Surg. 2002 marzo; 28(3): 231-6.

41. Traikovich ss. Uso di acido ascorbico attuale e dei suoi effetti su topografia photodamaged della pelle. Collo Surg della testa di Otolaryngol dell'arco. 1999 ottobre; 125(10): 1091-8.

42. Rhie G, Shin MH, Seo JY, et al. invecchiare e cambiamenti photoaging-dipendenti degli antiossidanti enzimatici e non enzimatici nell'epidermide e nel derma di pelle umana in vivo. J investe Dermatol. 2001 novembre; 117(5): 1212-7.

43. Navarro A, Boveris aa. Il sistema mitocondriale di trasduzione di energia ed il processo di invecchiamento. Cellula Physiol di J Physiol. 4 ottobre 2006.

44. Kagan J, Srivastava S. Mitochondria come obiettivo per individuazione tempestiva e la diagnosi di cancro. Rev Clin Lab Sci di Crit. 2005;42(5-6):453-72.

45. Greco m., Villani G, Mazzucchelli F, Bresolin N, papà S, declino in relazione con l'invecchiamento di Attardi G. Marked nell'efficienza di fosforilazione ossidativa nei fibroblasti umani della pelle. FASEB J. 2003 settembre; 17(12): 1706-8.

46. Passi S, De Pita O, Grandinetti m., Simotti C, GP di Littarru. L'uso combinato degli antiossidanti lipofilici orali ed attuali aumenta i loro livelli sia in corneum dello strato che del sebo. Biofactors. 2003;18(1-4):289-97.