Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 2007
immagine

Il vostro CoQ10 è diventato obsoleto?

Da William Faloon

Ritardo del processo di invecchiamento

Se tutto che il ubiquinol facesse fosse assimila così tanto meglio dell'ubiquinone, questo solo opererebbe alla forma di ubiquinol di CoQ10 la scelta preferita. Che cosa ha gli scienziati più emozionanti, tuttavia, sono gli effetti antinvecchiamento superiori dimostrati dalla forma di ubiquinol di CoQ10 rispetto ad ubiquinone.

Gli esseri umani di invecchiamento soffrono un declino brusco nella sintesi del coenzima Q10 che correla con i rischi aumentati di malattie degeneranti multiple.23,53-73 i gerontologi lungamente hanno teorizzato che se si potesse mantenere i livelli energetici mitocondriali giovanili, molti effetti deleteri di invecchiamento potrebbero essere posposti. CoQ10 è un fattore critico in questione nella produzione di energia mitocondriale sana.

Per accertare degli effetti diritardo del ubiquinol, gli scienziati hanno intrapreso gli studi meticolosi dei topi senescenza-accelerati.74 una ragione questo topo che modello è usato sono che permette ai ricercatori di identificare rapidamente i composti che possono rallentare l'invecchiamento. i topi Senescenza-accelerati si sviluppano normalmente, ma mostrano i segni in anticipo di invecchiamento, compreso l'attività fisica riduttrice, la perdita di lucentezza dei capelli, la pelle grezza, la perdita di capelli, le lesioni oculari e la curvatura della spina dorsale.

In questo studio, i topi senescenza-accelerati sono stati divisi in tre gruppi. Cominciando a due mesi dell'età, il primo gruppo continuato per ricevere il cibo standard del laboratorio, mentre cibo del laboratorio il secondo del gruppo è stato fortificato con (ubiquinone) CoQ10 convenzionale ed il cibo del laboratorio del terzo gruppo è stato fortificato con il ubiquinol CoQ10.74

Un punteggio di classificazione sviluppato dal Consiglio per la ricerca del topo accelerata senescenza è stato usato per valutare il tasso di invecchiamento dei tre gruppi di topi. Un più alto punteggio di classificazione significa che l'invecchiamento biologico sta accadendo più velocemente. A tre mesi dell'età, il punteggio di classificazione era circa 0,0 per tutti e tre i gruppi.74

Come sarebbe preveduto, il tasso di invecchiamento chiodato acutamente più su nel gruppo di controllo (che non riceve qualsiasi CoQ10) che inizia intorno tre mesi dell'età. I topi che ricevono il ubiquinol o l'ubiquinone CoQ10 hanno mostrato un tasso più lento di invecchiamento dopo tre mesi confrontati al gruppo del placebo, secondo le indicazioni di figura 4 (pagina seguente).74

Quando il medio evo fissato dentro (a circa nove mesi dell'età), lo spartito di classificazione del gruppo del placebo ha chiodato fino a 10,0, mentre lo spartito di classificazione dei gruppi che ricevono il ubiquinol o l'ubiquinone è aumentato a soltanto 5,5. Ciò traduce in tasso più lento 45% di invecchiamento per i topi che ricevono il ubiquinol o l'ubiquinone confrontato a placebo.74

Così a nove mesi, è chiaro che qualsiasi forma di CoQ10 (ubiquinol o ubiquinone) contrassegnato ha rallentato le misure di invecchiamento. A 10 mesi dell'età, tuttavia una divergenza incredibile è stata osservata. Secondo le indicazioni di figura 4, lo spartito di classificazione del gruppo del placebo chiodato a 12, lo spartito del gruppo dell'ubiquinone ha raggiunto 9,9, mentre lo spartito del gruppo di ubiquinol è aumentato soltanto a 5,9. Di conseguenza, ad un punto che traduce in medio evo recente, i topi che ricevono il ubiquinol hanno invecchiato 51% più lento del placebo e 40% più lento del gruppo che riceve la forma dell'ubiquinone di CoQ10.74

A 12 mesi dell'età, la differenza nei gruppi era così notevole che i ricercatori hanno deciso di prendere le foto dei topi in ogni gruppo. Può essere visto dalle foto alla pagina seguente, un topo che riceve il ubiquinol sembra essere perfettamente sano, mentre un topo che riceve l'ubiquinone ha sofferto i cambiamenti degeneranti notevoli. Il topo che non riceve forma di CoQ10 guarda assolutamente orrendo.

Può essere visto nella figura 4, a 12 mesi, là è relativamente poca differenza fra il placebo ed i gruppi dell'ubiquinone in punteggi di classificazione, mentre il gruppo che riceve il ubiquinol mostra ad un 22% il tasso più lento di invecchiamento. I dati che più sensazionali questo grafico mostra, tuttavia, è che i topi che ricevono il ubiquinol hanno rallentato drammaticamente il tasso a cui da cambiamenti degeneranti indotti da età si sono presentati nella metà della vita e in misura minore nella vita più tarda.

Videoripresa dei topi di 12 mesi

Le immagini tranquille dei topi di 12 mesi che hanno ricevuto il ubiquinol, dell'ubiquinone, o del controllo (placebo) parlano per se stessi. Che cosa è ancor più impressionante è videoripresa che confronta i gruppi differenti di topi.

Un video indica che in risposta a nessun CoQ10 supplementare, il topo è essenzialmente immobile ed insensibile, esibendo le lesioni nella zona dell'occhio, con le deformità dell'arto e spinali come pure un cappotto irregolare e scolorito. Molti di questi eventi patologici veduti in topi non completati con CoQ10 sono segni classici di invecchiamento degenerante sofferti dagli esseri umani anziani.

Il topo di 12 mesi completato con il ubiquinol, d'altra parte, è indicato per essere attento, rispondente ed energetico, senza le lesioni fisiche o deformità e un cappotto lucido che somiglia a quello di giovane, topo sano.

Effetti di Anti-affaticamento di Ubiquinol in ratti invecchiati

Un effetto patologico universale inflitto invecchiando sugli organismi viventi è svuotamento mitocondriale di energia che si manifesta esteriormente come affaticamento. Il meccanismo primario da cui CoQ10 protegge da degenerazione relativa all'età sta contribuendo a mantenere l'uscita mitocondriale di energia.3

Per confrontare gli effetti di anti-affaticamento delle forme dell'ubiquinone e di ubiquinol di CoQ10, gli scienziati hanno preso un gruppo di ratti invecchiati ed hanno misurato quanto tempo potrebbero funzionare su una pedana mobile. In questo studio dell'incrocio, il gruppo di controllo che non riceve CoQ10 ha mostrato un leggero declino nel tempo di esercizio della pedana mobile, mentre i tempi di esercizio hanno aumentato 60% nel gruppo che riceve l'ubiquinone e sbalordire 150% nel gruppo che riceve la forma di ubiquinol di CoQ10, secondo le indicazioni di figura 5 (pagina seguente).75

Ubiquinol livella più in basso negli stati di malattia

Poichè gli esseri umani invecchiano, c'è una forte riduzione della sintesi del coenzima Q10, con una riduzione di corrispondenza di ubiquinol del sangue livella. Figura 6 mostra le riduzioni in vari livelli del tessuto del coenzima Q10 che si presentano con invecchiamento normale.

In esseri umani d'esame che soffrono dalle varie circostanze patologiche, i livelli di ubiquinol del sangue sono uniformemente più bassi.53-73 in quelli con il diabete, i livelli di ubiquinol sono stati indicati per essere 74% più bassi di negli oggetti di controllo.76 diminuzioni di Ubiquinol di 6,5% - 12,5% sono state osservate in quelle con epatite, cancro del fegato e la sclerosi laterale amiotrofica (Lou Gehrig's Disease).59-61,69

L'effetto di Ubiquinol sulla funzione mitocondriale

Nel sangue umano sano, più di 90% del coenzima Q10 esiste nella sua forma riduttrice di ubiquinol. Un'analisi della ricerca pubblicata indica che il ubiquinol è la forma di CoQ10 che il più efficacemente sopprime i radicali liberi ed aumenta l'uscita mitocondriale di energia.54,57,77-81

Soltanto il ubiquinol efficacemente pulisce i radicali di peroxyl del lipido ed evita che catena-reazione-causa il danneggiamento ossidativo degli acidi polyunsaturatedfatty delle membrane biologiche. Ubiquinol forma una prima linea importante di difesa antiossidante in lipoproteine atherogenic quale la lipoproteina a bassa densità (LDL) ed è capace della rigenerazione della vitamina E. 54,78,79dell'alfa-tocoferolo

Il completamento con la forma di ubiquinol di CoQ10 non solo eleva i livelli ematici di ubiquinol, ma inoltre aumenta il rapporto del ubiquinol per ammontare alla concentrazione CoQ10. Per esempio, quando il ubiquinol è completato, il ubiquinol per ammontare al rapporto CoQ10 aumenta a 96-98.5%, confrontato a circa 80-85% quando l'ubiquinone è completato. Inoltre, il rapporto è rimanere identicamente durante l'amministrazione di ubiquinone.80,81

Un aumento nel rapporto del ubiquinol nel sangue, anche dalle piccole percentuali, può effettivamente avere implicazioni profonde. Con gli enzimi, una spinta del poco quanto 3-5% può tradurre in effetti biologici potenti. Risultati di completamento di Ubiquinol in un aumento impressionante di 12% nel ubiquinol per ammontare al rapporto CoQ10.

I mezzi “idrofili„ di termine prontamente assorbibili o solubili in acqua. Ubiquinol è la forma più idrofila di CoQ10, che è stato indicato per essere più stabile in doppii strati lipidici della cellula e quindi potrebbe essere disperso molto bene nei mitocondri.82

Videoripresa dei topi di 12 mesi. Le immagini del topo senescenza-accelerato non completato con CoQ10 (telaio superiore) hanno confrontato al topo completato con il ubiquinol CoQ10 (struttura più bassa).

Le maggiori proprietà idrofile di Ubiquinol probabilmente gli permettono di essere prese meglio dalle cellule, che potrebbero provocare specificamente l'ottimizzazione dei mitocondri all'interno delle cellule.83 cioè poiché il ubiquinol è più idrofilo (cioè meno capace di dissoluzione in grassi), tenderebbe teoricamente più di meno ad essere conservato in membrane cellulari, mentre raggiungeva le concentrazioni intracellulari più significative.84 questo possono offrire un meccanismo plausibile con cui il ubiquinol ha potuto accumularsi più efficacemente all'interno dei mitocondri che l'ubiquinone esogeno, quindi esercitante un maggior contributo a produzione di energia mitocondriale.

Gli scienziati ancora stanno cercando di identificare i meccanismi esatti da cui il ubiquinol così efficacemente migliora la funzione mitocondriale. La capacità del ubiquinol di rimanere ai livelli elevati costantemente nella circolazione sanguigna è una ragione per la quale probabile ha dimostrato tali effetti antinvecchiamento notevoli confrontati ad ubiquinone.

Che cosa è la dose umana ottimale di Ubiquinol?

Gente in buona salute che cerca di mantenere solitamente supplemento più giovanile dei livelli ematici del coenzima Q10 con intorno 100 mg di quotidiano convenzionale CoQ10 (ubiquinone). Sulla base della ricerca parallelamente comparativa, se questi individui fossero di commutare a 100 mg di ubiquinol invece, godrebbero di un importante crescita di CoQ10 nel sangue. Questo solo opera a ubiquinol la scelta logica.

Quelli che cercano di ripiegare i risultati antinvecchiamento incredibili dello studio svolto sui topi senescenza-accelerati dovrebbero studiare la possibilità di completare con mg 200-300 di ubiquinol un il giorno. Queste dosi elevate hanno prodotto i benefici più notevoli del ubiquinol CoQ10 confrontato ad ubiquinone CoQ10. Cioè ad una dose di 100 mg al giorno, il beneficio del ubiquinol sopra ubiquinone è soltanto circa 1,5 volta, mentre alle dosi elevate, la biodisponibilità aumenta fino ad un notevole 8 volte.

La ragione per questo fenomeno è che una volta che uno supera 100 mg facendo uso di ubiquinone convenzionale, l'aumento lineare nei livelli ematici CoQ10 rallenta. Ciò è probabilmente dovuto le limitazioni di saturazione di assorbimento inerenti a questa forma di CoQ10. Quando le dosi di mg 150-300 di ubiquinol sono ingerite, c'è un aumento esponenziale nei livelli del sangue CoQ10. Non solo c'è una maggior punta iniziale, ma c'è inoltre un maggior livello continuo di sangue CoQ10 su un periodo di otto ore.

Sulla base della totalità della ricerca pubblicata circa il coenzima Q10, per gli adulti sembrerebbe desiderabile sopra l'età di 30 cercare un livello ematico continuo minimo di più di 3 mcg/mL di sangue. Questo livello ha potuto essere raggiunto completando con due - tre 50 capsule di ubiquinol di mg giornalmente, secondo la suoi età, assunzione quotidiana di caloria e peso corporeo. Nel migliore dei casi, uno prenderebbe il ubiquinol in due dosi divise per raggiungere i livelli ematici coerenti durante tutta la giornata.

Di conseguenza, per quei benefici documentati classici di ricerca di CoQ10, completare con mg 100-150 un il giorno del ubiquinol sembrerebbe essere appropriato. Coloro che vuole emulare il riuscito studio del topo di anti-senescenza dovrebbero considerare una dose di mg 200-300 un il giorno del ubiquinol. Poiché la dose di studio di anti-senescenza è stata basata sull'ingestione di cibo, coloro che limita la loro assunzione di caloria ad intorno un chilo (2,2 libbre) un giorno avrebbero bisogno di soltanto circa 200 mg di ubiquinol, mentre coloro che ha consumato più calorie dovrebbero prendere mg 250-300 di ubiquinol.

La riduzione della sua ingestione di cibo (senza indurre malnutrizione) è la singola terapia antinvecchiamento più ben documentata.85-91 nel caso dei requisiti di ubiquinol, coloro che mangia richiederebbero assennatamente di meno di questa sostanza nutriente supplementare.

Riassunto

Il pubblico di disposizione riconosce CoQ10 come sostanza nutriente che protegge la salute del cuore, eppure la ricerca provocatoria indica che CoQ10 può avere una vasta gamma di benefici che comprendono impedire il cancro di pelle e invecchiamento della pelle,33,58 che si difendono dalla prostata e cancri al seno,29,36,64,92 livelli sani sostenenti della glicemia in diabetici, 4,5 e disfunzione endoteliale evitante.93

Figura 6. Mentre gli esseri umani invecchiano, i livelli del coenzima Q10 in vari tessuti diminuiscono drammaticamente.

Gli scienziati inoltre riferiscono gli usi novelli supplementari di CoQ10, come contribuire a rallentare la progressione della malattia del Parkinson, di 47,94,95 emicranie paralizzanti d'impedimento,96,97 salute immune sostenente,98-100 che si difendono dalla malattia periodentale,34,38 la visione sana di conservazione,28.101 e fertilità maschio d'amplificazione.102

In che cosa possono essere una delle scoperte antinvecchiamento più drammatiche fin qui, gli scienziati hanno dimostrato che la forma di ubiquinol di CoQ10 fornisce gli effetti antinvecchiamento che sono lontano superiori a quelli connessi con la forma convenzionale dell'ubiquinone usata da milioni di Americani ogni giorno.

Per la prima volta, il ubiquinol è disponibile come integratore alimentare stabilizzato che fornisce più coenzima attivato Q10 al corpo-ad un più basso costo-che qualunque altra forma di CoQ10.

Il vostro coenzima Q10 è diventato obsoleto?

Che cosa dovete conoscere

  • Il coenzima Q10 può proteggere da molti disordini relativi all'età, compreso cancro, la malattia cardiaca, il diabete ed i vari disturbi neurologici.
  • Gli scienziati nutrizionali hanno sviluppato di recente un metodo per consegnare le più alte concentrazioni della forma biologicamente attiva (di ubiquinol) di CoQ10 nella circolazione sanguigna.
  • Ubiquinol è assorbito fino a otto formulazioni meglio standard CoQ10 di volte, che contengono soltanto l'ubiquinone. Ulteriormente, il ubiquinol mantiene più lungamente i livelli ematici CoQ10 dell'ubiquinone.
  • I livelli ematici di attivo (ubiquinol) CoQ10 forniscono le indennità-malattia superiori.
  • Un gran numero di ubiquinone deve essere ingerito per raggiungere i livelli ematici di CoQ10. Consumando CoQ10 nella sua forma attiva (di ubiquinol), una può raggiungere i livelli elevati del sangue CoQ10 facendo uso delle dosi ben più basse.
  • i topi Senescenza-accelerati che hanno consumato il ubiquinol hanno visualizzato i tassi più lenti di invecchiamento, di declino degenerante, di svuotamento di energia e di decadimento fisico confrontato agli animali che hanno consumato l'ubiquinone o il placebo.
  • La gente che cerca di proteggere la loro salute al corpo intero dovrebbe studiare la possibilità di completare con mg 100-150 di quotidiano di ubiquinol. Quelli che cercano di catturare i benefici antinvecchiamento documentati del ubiquinol dovrebbero studiare la possibilità di consumare mg 200-300 giornalmente.
Riferimenti

1. Ruolo emergente di Dhanasekaran m., di Ren J. The del coenzima Q-10 nell'invecchiamento, neurodegeneration, malattia cardiovascolare, cancro e diabete mellito. Ricerca di Curr Neurovasc. 2005 dicembre; 2(5): 447-59.

2. Wang XL, acqua piovana DL, Mahaney MC, Stocker R. Cosupplementation con la vitamina E e coenzima Q10 si riduce fare circolare gli indicatori di infiammazione in babbuini. J Clin Nutr. 2004 settembre; 80(3): 649-55.

3. Rosenfeldt FL, Pepe S, Linnane A, et al. coenzima Q10 protegge il cuore di invecchiamento dallo sforzo: studi in ratti, in tessuti umani ed in pazienti. Ann NY Acad Sci. 2002 aprile; 959:355-9.

4. Hodgson JM, watt di GF, Playford DA, Burke V, piccola fattoria KD. Il coenzima Q10 migliora la pressione sanguigna ed il controllo glicemico: una prova controllata negli oggetti con il diabete di tipo 2. EUR J Clin Nutr. 2002 novembre; 56(11): 1137-42.

5. Gaby AR. Il ruolo del coenzima Q10 nella medicina clinica: Parte II. Malattia cardiovascolare, ipertensione, diabete mellito e sterilità. Altern Med Rev. 1996:1: 168-75.

6. RB di Singh, Niaz mA. La concentrazione nel siero della lipoproteina (a) diminuisce sul trattamento con il coenzima hydrosoluble Q10 in pazienti con la coronaropatia: scoperta di nuovo ruolo. Int J Cardiol. 1999 gennaio; 68(1): 23-9.

7. RB di Singh, Niaz mA, Rastogi ss, Shukla PK, Thakur AS. Effetto del coenzima hydrosoluble Q10 sulle pressioni sanguigne e sull'insulino-resistenza in pazienti ipertesi con la coronaropatia. Ronzio Hypertens di J. 1999 marzo; 13(3): 203-8.

8. CA di Baggio E, di Gandini R, di Plancher, studio multicentrato di Passeri m., di Carmosino G. Italian sulla sicurezza ed efficacia del coenzima Q10 come terapia aggiuntiva in infarto. Ricercatori di sorveglianza dei medicinali CoQ10. Mol Aspects Med. 1994; 15 Suppls287-94.

9. Morisco C, Trimarco B, Condorelli M. Effect della terapia del coenzima Q10 in pazienti con guasto di scompenso cardiaco: uno studio randomizzato studio multicentrico a lungo termine. Clin Investig. 1993; 71 (8 supplementi): S134-6.

10. Greenberg S, Frishman WH. Coenzima Q10: una nuova droga per la malattia cardiovascolare. J Clin Pharmacol. Del 1990 luglio; 30(7): 596-608.

11. La TA di Tran, Mitchell TM, distacco di Kennedy, Giles JT. Ruolo del coenzima Q10 nell'infarto, nell'angina e nell'ipertensione cronici. Farmacoterapia. 2001 luglio; 21(7): 797-806.

12. Munkholm H, Hansen HH, trattamento di Rasmussen K. Coenzyme Q10 in infarto serio. Biofactors. 1999;9(2-4):285-9.

13. Hofman-colpo C, Rehnqvist N, Swedberg K, Wiklund I, Astrom H. Coenzyme Q10 come un aggiuntiva nel trattamento di guasto di scompenso cardiaco cronico. Il gruppo di studio Q10. Venire a mancare della carta di J. 1995 marzo; 1(2): 101-7.

14. SR di Thomas, SB di Leichtweis, Pettersson K, et al. cosupplementation dietetico con la vitamina E e coenzima Q (10) inibisce l'aterosclerosi nei topi di knock-out del gene dell'apolipoproteina E. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2001 aprile; 21(4): 585-93.

15. Il PK Witting, Pettersson K, segna J con lettere, effetto di Stocker R. Anti--atherogenic del coenzima Q10 nei topi di knock-out del gene dell'apolipoproteina E. Med libero di biol di Radic. 2000 agosto; 29 (3-4): 295-305.

16. Mortensen SA, Vadhanavikit S, Baandrup U, terapia del coenzima Q10 di Folkers K. Long-term: un importante passo in avanti in gestione di guasto del miocardio resistente. Ricerca di Exp Clin delle droghe. 1985;11(8):581-93.

17. Langsjoen pH, Vadhanavikit S, trattamento di Folkers K. Effective con il coenzima Q10 dei pazienti con la malattia del miocardio cronica. Ricerca di Exp Clin delle droghe. 1985;11(8):577-9.

18. Furuta T, Kodama I, Kondo N, Toyama J, Yamada K. Un effetto protettivo del coenzima Q10 sul muscolo ventricolare isolato del coniglio nella circostanza hypoxic. J Cardiovasc Pharmacol. 1982 novembre; 4(6): 1062-7.

19. Yamagami T, Shibata N, Folkers K. Bioenergetics nella medicina clinica. VIII. Amministrazione del coenzima Q10 ai pazienti con ipertensione essenziale. Ricerca Commun Chem Pathol Pharmacol. 1976 agosto; 14(4): 721-7.

20. Somayajulu m., McCarthy S, m. appesa, et al. ruolo dei mitocondri nella morte di un neurone delle cellule indotta dallo sforzo ossidativo; neuroprotection dal coenzima Q10. Neurobiol DIS. 2005 aprile; 18(3): 618-27.

21. Menke T, Gille G, Reber F, et al. coenzima Q10 riduce la tossicità di rotenone nelle culture di un neurone conservando il potenziale di membrana mitocondriale. Biofactors. 2003;18(1-4):65-72.

22. Matthews RT, Yang L, Browne S, Baik m., Beal MF. L'amministrazione del coenzima Q10 aumenta le concentrazioni mitocondriali del cervello ed esercita gli effetti neuroprotective. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 21 luglio 1998; 95(15): 8892-7.

23. Beal MF, Matthews RT, Tieleman A, Shults CW. Il coenzima Q10 attenua il 1 methyl-4-phenyl-1,2,3, la perdita indotta della tetraidropiridina (MPTP) di dopamina striatal e gli assoni dopaminergici in topi invecchiati. Brain Res. 2 febbraio 1998; 783(1): 109-14.

24. Ren Z, Ding W, Unione Sovietica Z, et al. meccanismi del trauma cranico con l'arresto circolatorio ipotermico profondo ed effetti protettivi del coenzima Q10. J Thorac Cardiovasc Surg. 1994 luglio; 108(1): 126-33.

25. Gazdikova K, Gvozdjakova A, Kucharska J et al. [effetto del coenzima Q10 in pazienti con le malattie renali]. Cas Lek Cesk. 24 maggio 2001; 140(10): 307-310.

26. Okamoto H, Kawaguchi H, Togashi H, et al. effetto del coenzima Q10 sulle alterazioni strutturali nella membrana renale spontaneamente dei ratti ipertesi colpo-inclini. Biochimica Med Metab Biol. 1991 aprile; 45(2): 216-26.

27. Takenaka m., Tatsukawa Y, Dohi K, et al. effetti protettivi dell'alfa-tocoferolo e coenzima Q10 sui danni ischemici caldi del rene del ratto. Trapianto. 1981 agosto; 32(2): 137-41.

28. Feher J, Kovacs B, Kovacs I, et al. il miglioramento delle funzioni visive e le alterazioni del fondo nella degenerazione maculare senile iniziale hanno trattato con una combinazione di acetile-L-carnitina, di acidi grassi n-3 e di coenzima Q10. Ophthalmologica. 2005 maggio; 219(3): 154-66.

29. Quiles JL, Farquharson AJ, Ramirez-Tortosa MC, et al. coenzima Q differenziale modula l'espressione genica del glutatione perossidasi del perossido d'idrogeno del fosfolipide e la produzione dei radicali liberi in cellule maligne e benigne della prostata. Biofactors. 2003;18(1-4):265-70.

30. Il completamento antiossidante di dieta di Miquel J. Can protegge da danno mitocondriale relativo all'età? Ann NY Acad Sci. 2002 aprile; 959:508-16.

31. Linnane aw, Zhang C, Yarovaya N, et al. invecchiamento umano e funzione globale del coenzima Q10. Ann NY Acad Sci. 2002 aprile; 959:396-411.

32. Linnane aw, Kopsidas G, Zhang C, et al. attività redox cellulare del coenzima Q10: effetto del completamento CoQ10 sul muscolo scheletrico umano. Ricerca libera di Radic. 2002 aprile; 36(4): 445-53.

33. Hoppe U, Bergemann J, Diembeck W, et al. coenzima Q10, un antiossidante cutaneo e stimolatore. Biofactors. 1999;9(2-4):371-8.

34. Hanioka T, Tanaka m., Ojima m., Shizukuishi S, Folkers K. Effect dell'applicazione topica del coenzima Q10 sul periodontitis adulto. Mol Aspects Med. 1994; 15 Suppls241-8.

35. Folkers K e Wolaniuk A. Research sul coenzima Q10 nella medicina clinica ed in immunomodulazione. Ricerca di Exp Clin delle droghe. 1985;11(8):539-45.

36. Suzuki H, Naitoh T, Kuniyoshi S, et al. prestazione cardiaca e coenzima Q10 nei disordini della tiroide. Endocrinol Jpn. 1984 dicembre; 31(6): 755-61.

37. Marubayashi S, Dohi K, Ezaki H, Hayashi K, Kawasaki T. Preservation delle funzioni del fegato ischemico del ratto e dell'attuabilità mitocondriali del fegato con CoQ10. Chirurgia. 1982 giugno; 91(6): 631-7.

38. Wilkinson PER ESEMPIO, RM di Arnold, Folkers K, Hansen I, Kishi H. Bioenergetics nella medicina clinica. II. Trattamento aggiuntiva con il coenzima Q nella terapia periodentale. Ricerca Commun Chem Pathol Pharmacol. 1975 settembre; 12(1): 111-23.

39. Disponibile a: http://www.patentstorm.us/patents/6184255-fulltext.html. 23 ottobre 2006 raggiunto.

40. Weber C, ST di Jakobsen, Mortensen SA, Paulsen G, Holmer G. Effect del coenzima dietetico Q10 come antiossidante in plasma umano. Mol Aspects Med. 1994; 15 Suppls97-102.

41. Dati non pubblicati, Kaneka Corp.

42. Kazunori H, Mitsuaki K, Hideyuki, K Hiroshi, K Kenji, F Mikio, K. Study su sicurezza e su biodisponibilità del ubiquinol (Kaneka QHtm). Regul Toxicol Pharmacol. 17 agosto 2006.

43. Langsjoen pH, Langsjoen. Panoramica dell'uso di CoQ10 nella malattia cardiovascolare. Biofactors. 1999;9(2-4):273-84.

44. Ubiquinol ha un'più alta biodisponibilità confrontata ad ubiquinone. Dati non pubblicati, Kaneka Corp.

45. I livelli del plasma di COQ10 per il ubiquinol hanno aumentato la dose dipendente. Dati non pubblicati, Kaneka Corp.

46. Hosoe K, Kitano m., Kishida H, et al. studio su sicurezza e biodisponibilità del ubiquinol (Kaneka QH (modello depositato)) dopo la singola e somministrazione orale multipla di quattro settimane ai volontari sani. Regul Toxicol Pharmacol. 17 agosto 2006.

47. Shults CW, Oakes D, Kieburtz K, et al. effetti del coenzima Q10 nel morbo di parkinson precoce: prova di rallentamento del declino funzionale. Arco Neurol. 2002 ottobre; 59(10): 1541-50.

48. Shults CW, BM del silice, canzone D, prova pilota di Fontaine D. di alti dosaggi del coenzima Q10 in pazienti con la malattia del Parkinson. Exp Neurol. 2004 agosto; 188(2): 491-4.

49. EM di Kurowska, apprettatrice G, Deutsch L, Bassoo E, Freeman DJ. Biodisponibilità relativa e un potenziale antiossidante di due preparazioni del coenzima q10. Ann Nutr Metab. 2003;47(1):16-21.

50. Shults CW, RH di Haas, Beal MF. Un ruolo possibile del coenzima Q10 nell'eziologia e nel trattamento della malattia del Parkinson. Biofactors. 1999;9(2-4):267-72.

51. Differenza di età di biodisponibilità. Dati non pubblicati, Kaneka Corp.

52. Attività riduttrice CoQ10 in ratti. Dati non pubblicati, Kaneka Corp.

53. Disponibile a: http://cancerweb.ncl.ac.uk/cancernet/600916.html. 19 ottobre 2006 raggiunto.

54. Ernster L, Forsmark-Andree P. Ubiquinol: un antiossidante endogeno negli organismi aerobici. Clin Investig. 1993; 71 (8 supplementi): S60-5.

55. Passi S, De PO, Puddu P, GP di Littarru. Antiossidanti lipofilici in sebo umano e nell'invecchiamento. Ricerca libera di Radic. 2002 aprile; 36(4): 471-7.

56. Carenza del coenzima Q10 di Naini A, di Lewis VJ, di Hirano m., di DiMauro S. Primary ed il cervello. Biofactors. 2003;18(1-4):145-52.

57. Siemieniuk E e Skrzydlewska E. Coenzyme Q10: la suoi biosintesi e significato biologico negli organismi animali ed in esseri umani. Postepy Hig Med Dosw (online). 2005;59:150-9.

58. Rusciani L, Proietti I, Rusciani A, et al. bassi livelli del coenzima Q10 del plasma come fattore prognostico indipendente per la progressione del melanoma. J Acad Dermatol. 2006 febbraio; 54(2): 234-41.

59. Kontush A, Schippling S, Spranger T, Beisiegel U. Plasma ubiquinol-10 come indicatore per la malattia: è l'analisi proficua? Biofactors. 1999;9(2-4):225-9.

60. Yamamoto Y, ubiquinone di Yamashita S. Plasma al rapporto di ubiquinol in pazienti con epatite, la cirrosi ed il tumore epatico ed in pazienti ha trattato con riperfusione coronaria transluminale percutanea. Biofactors. 1999;9(2-4):241-6.

61. Sohmiya m., Tanaka m., Suzuki Y, et al. Un aumento del coenzima ossidato Q-10 si presenta nel plasma dei pazienti sporadici di ALS. J Neurol Sci. 15 gennaio 2005; 228(1): 49-53.

62. Folkers K, Osterborg A, Nylander m., Morita m., Mellstedt H. Activities della vitamina Q10 nei modelli animali ed in una carenza seria in pazienti con cancro. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 19 maggio 1997; 234(2): 296-9.

63. Concentrazioni di Portakal O, di Ozkaya O, di Erden IM, et al. del coenzima Q10 e stato antiossidante in tessuti dei pazienti di cancro al seno. Biochimica di Clin. 2000 giugno; 33(4): 279-84.

64. Lockwood K, Moesgaard S, Yamamoto T, Folkers K. Progress sulla terapia di cancro al seno con la vitamina Q10 e la regressione delle metastasi. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 6 luglio 1995; 212(1): 172-7.

65. Lockwood K, Moesgaard S, Folkers K. Partial e regressione completa di cancro al seno in pazienti relativamente a dosaggio del coenzima Q10. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 30 marzo 1994; 199(3): 1504-8.

66. Palan PR, ms di Mikhail, Shaban DW, Romney SL. Concentrazioni nel plasma del coenzima Q10 e dei tocoferoli nella neoplasia intraepiteliale cervicale e nel cancro cervicale. Cancro Prev di EUR J. 2003 agosto; 12(4): 321-6.

67. Jolliet P, Simon N, sbarra J, et al. concentrazioni nel coenzima Q10 del plasma nel cancro al seno: prognosi e conseguenze terapeutiche. Int J Clin Pharmacol Ther. 1998 settembre; 36(9): 506-9.

68. Il Muller T, Buttner T, Gholipour AF, il completamento di Kuhn W. Coenzyme Q10 fornisce al beneficio sintomatico delicato in pazienti la malattia del Parkinson. Neurosci Lett. 8 maggio 2003; 341(3): 201-4.

69. Ferrante chilolitro, Shefner J, Zhang H, et al. tolleranza del coenzima ad alta dose (3.000 mg/giorno) Q10 nel ALS. Neurologia. 13 dicembre 2005; 65(11): 1834-6.

70. Mariani C, Bresolin N, Farina E, et al. biopsia del muscolo nel morbo di Alzheimer: risultati morfologici e biochimici. Clin Neuropathol. 1991 luglio; 10(4): 171-6.

71. Koroshetz WJ, Jenkins BG, BR di Rosen, Beal MF. Il metabolismo energetico diserta nella malattia e negli effetti di Huntington del coenzima Q10. Ann Neurol. 1997 febbraio; 41(2): 160-5.

72. Siciliano G, Mancuso m., Tedeschi D, et al. coenzima Q10, lattato di esercizio ed espansione di trinucleotide di CTG nella malattia di Steinert. Brain Res Bull. 1° ottobre 2001; 56 (3-4): 405-10.

73. Folkers K, Simonsen R. Due riusciti studi in doppio cieco con il coenzima Q10 (vitamina Q10) sui dystrophies muscolari e sulle atrofia neurogene. Acta di Biochim Biophys. 24 maggio 1995; 1271(1): 281-6.

74. Yan J, Fujii K, Yao J, et al. il completamento riduttore del coenzima Q10 decelera la senescenza in topi SAMP1. Exp Gerontol. 2006 febbraio; 41(2): 130-40.

75. effetto di Anti-affaticamento in ratti. Dati non pubblicati, Kaneka Corp.

76. Attività antidiabetica di Kaneka QH in ratti. Dati non pubblicati, Kaneka Corp.

77. Frei B, Kim MC, BN di Ames. Ubiquinol-10 è un efficace antiossidante lipido-solubile alle concentrazioni fisiologiche. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. Del 1990 giugno; 87(12): 4879-83.

78. VW di Bowry, Mohr D, Cleary J, Stocker R. Prevention di perossidazione tocoferolo-mediata in lipoproteina umana di densità bassa di ubiquinol-10-free. Biol chim. di J. 17 marzo 1995; 270(11): 5756-63.

79. Ingold KU, VW di Bowry, Stocker R, murando C. Autoxidation dei lipidi e dell'antiossidazione dall'alfa-tocoferolo e ubiquinol nella soluzione omogenea e nelle dispersioni acquose dei lipidi: conseguenze non riconosciute della dimensione delle particelle del lipido come esemplificate da ossidazione di lipoproteina umana di densità bassa. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 1° gennaio 1993; 90(1): 45-9.

80. Livelli e relazione del siero ubiquinol-10 di Okamoto T, di Matsuya T, di Fukunaga Y, di Kishi T, di Yamagami T. Human ai lipidi del siero. Ricerca di Int J Vitam Nutr. 1989;59(3):288-92.

81. Mohr D, VW di Bowry, il completamento di Stocker R. Dietary con il coenzima Q10 provoca i livelli aumentati di ubiquinol-10 all'interno delle lipoproteine di circolazione e la resistenza aumentata della lipoproteina a bassa densità umana all'inizio di perossidazione lipidica. Acta di Biochim Biophys. 26 giugno 1992; 1126(3): 247-54.

82. Quinn PJ: Topografia del coenzima Q in membrane. In: Kagan VE, Quinn PJ, eds. Coenzima Q: Meccanismi molecolari nella salute e nella malattia. Boca Raton: Stampa di CRC; 2001:29-42.

83. James, HM di Cocheme, Smith RA, mp di Murphy. Interazioni dei ubiquinones mitocondrio-mirati a e untargeted con la catena respiratoria mitocondriale e le specie reattive dell'ossigeno. Implicazioni per l'uso dei ubiquinones esogeni come le terapie e strumenti sperimentali. Biol chim. di J. 3 giugno 2005; 280(22): 21295-312.

84. Szeto HH. antiossidanti Mitocondrio-mirati a del peptide: agenti neuroprotective novelli. AAPS J. 2006; 8(3): E521-31.

85. Disponibile a: http://www.nature.com/nature/journal/v414/n6862/abs/414412a0.html. 12 ottobre 2006 raggiunto.

86. Ingram dk, vicolo mA, Roth GS. Restrizione di caloria in scimmie. Prolungamento della vita. Luglio 1998: 36-43.

87. Roth GS, Ingram dk, vicolo mA. Restrizione di caloria in primati: funzionerà e come noi saprà? Soc di J Geriatr. 1999 luglio; 47(7): 896-903.

88. Walford RL, SB di Harris, Gunion Mw. La dieta sostanza-densa a bassa percentuale di grassi calorico limitata nella biosfera 2 abbassa significativamente la glicemia, il conteggio totale del leucocita, il colesterolo e la pressione sanguigna in esseri umani. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1° dicembre 1992; 89(23): 11533-7.

89. Lee CK, Klopp RG, Weindruch R, TUM di Prolla. Profilo di espressione genica di invecchiamento e del suo ritardo dalla restrizione calorica. Scienza. 27 agosto 1999; 285(5432): 1390-3.

90. Weindruch R, Walford RL. Restrizione dietetica in topi che cominciano a 1 anno: effetto sulla durata della vita e sull'incidenza spontanea del cancro. Scienza. 12 marzo 1982; 215(4538): 1415-8.

91. Cao SX, Dhahbi JM, granellino di polvere PL, SR di Spindler. Delineamento genomica degli effetti calorici a breve e a lungo termine di restrizione nel fegato di topi di invecchiamento. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 11 settembre 2001; 98(19): 10630-5.

92. Larsson O. Effects degli isoprenoidi su crescita delle cellule epiteliali mammarie umane normali e delle cellule di cancro al seno in vitro. Ricerca anticancro. 1994 gennaio; 14 (1A): 123-8.

93. Kuettner A, Pieper A, Koch J, Enzmann F, Schroeder S. Influence del coenzima Q (10) e cerivastatine sulla vasodilatazione flusso-mediata dell'arteria brachiale: risultati dello studio di ENDOTACT. Int J Cardiol. 28 febbraio 2005; 98(3): 413-9.

94. Beal MF. Disfunzione mitocondriale e danno ossidativo in Alzheimer e malattie del Parkinson e coenzima Q10 come trattamento potenziale. J Bioenerg Biomembr. 2004 agosto; 36(4): 381-6.

95. Panettiere SK, Tarnopolsky mA. Ottimizzazione della produzione di energia cellulare nei disturbi neurologici. Droghe di Opin Investig dell'esperto. 2003 ottobre; 12(10): 1655-79.

96. Rozen TD, Oshinsky ml, Gebeline CA, et al. apre la prova dell'etichetta del coenzima Q10 come preventivo di emicrania. Cefalalgia. 2002 marzo; 22(2): 137-41.

97. Sandor PS, Di CL, Coppola G, et al. efficacia del coenzima Q10 nella profilassi di emicrania: una prova controllata randomizzata. Neurologia. 22 febbraio 2005; 64(4): 713-5.

98. SIG. di Gazdik F, di Pijak, proprietà di Borova A, di Gazdikova K. Biological del coenzima Q10 ed i suoi effetti su immunità. Cas Lek Cesk. 2003;142(7):390-3.

99. Qualità di stampa del YE, Folkers K, Tamagawa H, Pfeiffer C. Una determinazione modificata del coenzima Q10 nel sangue umano e dei livelli ematici CoQ10 in diversi pazienti con le allergie. Biofactors. 1988 dicembre; 1(4): 303-6.

100. Rosenfeldt FL, Mijch A, McCrystal G, et al. miopatia scheletrica si è associato con la terapia dell'inibitore della trascrittasi inversa del nucleosidico: beneficio potenziale della terapia del coenzima Q10. AIDS di Int J STD. 2005 dicembre; 16(12): 827-9.

101. Blasi il mA, Bovina la C, Carella G, et al. il coenzima Q10 svolge un ruolo nell'opposizione dello sforzo ossidativo in pazienti con degenerazione maculare senile? Ophthalmologica. 2001 gennaio; 215(1): 51-4.

102. Sheweita SA, Tilmisany, Al-Sawaf H. Mechanisms di sterilità maschio: ruolo degli antiossidanti. Droga Metab di Curr. 2005 ottobre; 6(5): 495-501.

103. Rosenfeldt FL, Pepe S, Ou R, et al. coenzima Q10 migliora la tolleranza del miocardio senescente allo sforzo aerobico ed ischemico: studi in ratti ed in tessuto atriale umano. Biofactors. 199;9(2-4):291-9.

104. Kalen A, EL di Appelkvist, Dallner G. Age-related cambia nelle composizioni lipidiche dei tessuti dell'essere umano e del ratto. Lipidi. 1989 luglio; 24(7): 579-84.

105. Hoppe U, Bergemann J, Diembeck W, et al. coenzima Q10, un antiossidante cutaneo e stimolatore. Biofactors. 1999;9(2-4):371-8.