Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 2007
immagine

Riempimento delle difese antiossidanti del corpo di invecchiamento

Da Laurie Barclay, MD

Attività della ZOLLA di spinte di Wolfberry per combattere invecchiamento biologico

L'analisi del laboratorio ha indicato che una frutta esotica conosciuta come wolfberry è una delle fonti concentrate della natura di antiossidanti. Inoltre, la ricerca emergente suggerisce che le proprietà antiossidanti dei wolfberry possano essere attribuibili alla sua capacità di aumentare la disponibilità di ZOLLA in tutto il corpo.

Per quasi 2.000 anni, wolfberry è stato utilizzato nella medicina di cinese tradizionale per migliorare la funzione di sistema immunitario, la visione, la circolazione e la produzione dello sperma come pure per disintossicare e proteggere il fegato. La medicina di cinese tradizionale tiene che wolfberry può anche migliorare la durata, l'energia sessuale, il vigore e la forza muscolare, mentre riduce il dolore e proteggendo dal cancro, l'infiammazione ed infezione virale.6

L'abbondanza di sostanze nutrienti e gli antiossidanti imballati nel wolfberry minuscolo includono gli antiossidanti polifenolici pianta-derivati; carotenoidi quali il beta-carotene, la zeaxantina, la luteina, la beta-criptoxantina ed il licopene; vitamine C, B1, B2 e niacina; più di 30 essenziali e rintracciano i minerali, compreso zinco, ferro, rame, calcio, selenio e fosforo; polisaccaridi; e 18 aminoacidi quali l'isoleucina, il triptofano, la leucina e l'arginina.

L'attività antiossidante di Wolfberry è probabilmente attribuibile in parte ai suoi carotenoidi, composti fenolici e vitamina C.44 confrontato ad altri antiossidanti altamente potenti derivati dalle erbe del cinese tradizionale, wolfberry è ancor più efficace nei radicali del superossido di lavaggio e nell'impedire la loro formazione. Sulla base di queste osservazioni, gli scienziati ritengono che gli integratori alimentari wolfberry rappresentino una fonte importante di assunzione antiossidante quotidiana.45

Gli effetti antiossidanti potenti di Wolfberry, tuttavia, possono anche risultare dalla sua capacità di amplificare l'attività della ZOLLA nel corpo. Wolfberry accelera il tasso di reazioni biochimiche che permettono alla ZOLLA di espletare la sua funzione essenziale dell'estinzione dello sforzo ossidativo. Poiché la ZOLLA disarma il radicale pericoloso del superossido per combattere l'infiammazione e le malattie degeneranti, wolfberry può avere simili effetti terapeutici, proteggere contro il diabete, la disfunzione sessuale e gli effetti di invecchiamento.

Un gruppo di ricerca ha verificato gli effetti dei wolfberry negli oggetti ossigeno-sfavoriti. Coloro che ha ricevuto il più alta attività dimostrata wolfberry della ZOLLA e la capacità antiossidante che hanno fatto quelli sfavoriti di ossigeno in assenza di wolfberry.7 Wolfberry sembrano così proteggere dagli effetti offensivi di ischemia (rifornimento di ossigeno insufficiente).

La ZOLLA protegge da una miriade di malattie degeneranti

Mentre la ZOLLA è stata collegata a giovinezza, alla longevità ed alla protezione contro le malattie croniche, la produzione del corpo di ZOLLA cade drammaticamente con l'età d'avanzamento.2 circostanze connesse con danno libero radicale che può trarre giovamento dai livelli aumentati della ZOLLA comprendono una miriade di malattie infiammatorie e degeneranti:

  • Nessuna parte è i segni di invecchiare più visibili di nella pelle, in cui gli effetti di danno libero radicale accumulano e producono i segni visibili di invecchiamento della pelle. La ZOLLA può contribuire a proteggere da pelle relativa all'età che si corruga arrestando la ripartizione di collagene, una proteina essenziale che tonifica e rinforza la pelle.22
  • Una malattia cronica con molte complicazioni serie, il diabete è associata con lo sforzo ossidativo aumentato. I livelli aumentanti della ZOLLA possono contribuire a combattere l'inizio e la progressione del diabete.23
  • Le proprietà antiossidanti potenti della ZOLLA hanno potuto avere applicazioni terapeutiche importanti nel cancro d'impedimento ed in carico.24-26 gli scienziati ora ritengono che le carenze geneticamente basate di ZOLLA siano collegate ad una suscettibilità aumentata di determinata gente al seno ed ai cancri del pancreas.24,25 livelli adeguati assicuranti della ZOLLA possono contribuire a proteggere da queste malignità potenzialmente micidiali.
  • Proteggendo il corpo dai radicali del superossido, la ZOLLA può contribuire ad impedire il danno di tessuto e cellulare connesso con la malattia cardiovascolare.27-29 mentre la medicina della corrente principale promuove ricco in colesterolo come il colpevole primario nell'aterosclerosi e nella malattia cardiovascolare, bassi livelli di ZOLLA ed altri antiossidanti possono essere ancor più fattori importanti nell'elevamento del rischio cardiovascolare.30 fornire al corpo il supporto antiossidante ottimale ha potuto proteggere dalla causa principale dell'America della morte prematura.
  • Il sistema nervoso è altamente suscettibile dello sforzo ossidativo. A causa della sua capacità di proteggere dai radicali del superossido, la ZOLLA può difendersi dal danneggiamento di tessuto e cellulare legata della malattia neurologica.27 malattie neurologiche specifiche collegate alle anomalie in ZOLLA comprendono la sclerosi a placche31 ed Alzheimer e malattie del Parkinson.32-34
  • I radicali del superossido contribuiscono a perpetuare il dolore cronico connesso con infiammazione. La capacità della ZOLLA di neutralizzare i radicali del superossido è associata con sollievo dal dolore,35 con i benefici potenziali per i numerosi termini, compreso la fibromialgia, una fonte cronica di dolore muscolare.36
  • I radicali del superossido inoltre sono alla base del dolore e dell'infiammazione dell'artrite. La ricerca dimostra che i pazienti con l'artrite reumatoide hanno i più bassi livelli dietetici ed attività riduttrice di ZOLLA e di glutatione perossidasi (un enzima antiossidante relativo) che fa individui sani.37 vittime di artrite reumatoide inoltre esibiscono i livelli più bassi di ZOLLA in cellule d'attenuazione della cartilagine conosciute come i chondrocytes, lascianti queste cellule vulnerabili agli effetti offensivi dei radicali dell'ossigeno e dell'ossido di azoto.38,39 questi risultati suggeriscono che i livelli vuotati di antiossidanti critici quale ZOLLA perpetuino l'artrite reumatoide paralizzante.
  • Gli scienziati hanno collegato l'infiammazione a molte malattie croniche che accompagnano l'invecchiamento. Sia in cellule sviluppate in laboratorio che in animali vivi, la ZOLLA ha migliorato la funzione dei globuli bianchi del sistema immunitario conosciuto come i macrofagi. Sebbene i macrofagi sottoposti allo sforzo ossidativo liberino il composto infiammatorio ha chiamato il fattore di necrosi tumorale, quelli trattato con il rilascio della ZOLLA la citochina antinfiammatoria interleukin-10 (IL-10) invece.14
  • Gli studi hanno indicato che quella gente che raggiungono l'età di 90 o 100 abbia livelli ematici di IL-10, che può proteggerli dalle devastazioni di invecchiamento e da cancro di sviluppo riducendo l'infiammazione.40 promuovendo il rilascio di IL-10, la ZOLLA può aiutare il corpo ad evitare l'infiammazione, in un modo simile a quello visto in individui che sopravvivono a ad una vecchiaia molto.
  • Altri studi suggeriscono similmente che la ZOLLA possa essere un determinante importante della durata e della longevità. Fra le varie specie del mammifero, quelli che producono il più alto tessuto e livelli del siero di ZOLLA vive più lungamente di coloro che non fa.41,42 questo i risultati suggerisce che i livelli d'amplificazione della ZOLLA possano essere una strategia importante per l'estensione della portata sana di vita umana.

In somma, una ricchezza di prova scientifica indica che ottimizzare i livelli della ZOLLA può contribuire ad evitare le molte malattie connesse con infiammazione e invecchiamento,43 compreso il diabete, la malattia cardiaca, le circostanze neurologiche, il cancro, l'invecchiamento della pelle e l'artrite.

Continuato alla pagina 3 di 3