Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine luglio 2007
immagine

Invertendo aterosclerosi naturalmente

Da Dale Kiefer

L'aterosclerosi è invertita

Circa un anno e mezzo dopo l'inizio del completamento quotidiano con GliSODin®, le diminuzioni misurabili nel IMT degli oggetti sono state individuate. Circa due anni dopo avere iniziato il completamento di GliSODin®, diminuzioni nei valori di IMT sono diventato statisticamente significativi. Nel contrasto drammatico, controlli gli oggetti che non ricevono GliSODin® sperimentato i valori aumentati di IMT durante lo stesso periodo.21 non c'erano effetti collaterali riferiti in qualsiasi gruppo.

Questo studio notevole ha dimostrato che l'inversione di aterosclerosi in adulti con i fattori di rischio multipli per la malattia cardiovascolare futura è possibile attraverso una combinazione di dieta sana e un'assunzione quotidiana di GliSODin® (oralmente superossido dismutasi bioavailable). Questi risultati sono stati confermati controllando dei parametri clinici e biologici di salute e delle misure del carotide IMT. Il regime di GliSODin®, “migliora, significativamente, lo stato antiossidante,„ ha notato i ricercatori, “e diminuisce, notevolmente, l'arteria carotica IMT.„21

Dovrebbe essere notato che questi risultati echeggiano quelli di altri ricercatori, che, in precedente e gli studi successivi, hanno dimostrato in modo convincente la capacità di GliSODin® di ridurre il danno ossidativo nei modelli animali umani e del volontario.25-27

Il melograno combatte il danno ossidativo, aterosclerosi degli inversi

Gli scienziati recentemente hanno indicato che il succo del melograno offre le indennità-malattia cardiache che complementano quelle di GliSODin®. Durante i sette anni scorsi soli, la quantità di ricerca pubblicata sul melograno ha aumentato eccessivo di 7 volte tutti gli anni precedenti nella letteratura medica e scientifica.40 che è quasi certamente perché ogni nuovo studio sottolinea il potenziale di questa frutta di combattere il cancro e di combattere lo sforzo ossidativo. L'ultimo è di importanza particolare per la prevenzione di aterosclerosi.

Confronto degli effetti di ZOLLA oralmente bioavailable (GliSODin®) contro le rosuvastatine (Crestor®) su aterosclerosi carotica (CIMT) nel corso di due anni.
GliSODin® ha invertito significativamente l'aterosclerosi carotica e gli effetti erano più pronunciati a 24 mesi. L'aterosclerosi non ha progredito in quelle che ricevono le rosuvastatine ed ha mostrato una tendenza statisticamente insignificante verso l'inversione. Il controllo non trattato sottopone la progressione drammatica con esperienza di aterosclerosi nel corso di due anni.20,21

Nel 2004, i ricercatori hanno pubblicato i risultati di uno studio triennale sul consumo quotidiano di succo del melograno (50 ml, o di 1,7 once) dai pazienti con aterosclerosi avanzata.41 questi pazienti sono stati diagnosticati con stenosi dell'arteria carotica; uno stato serio in cui le arterie carotiche, responsabili dell'assicurare sangue al cervello, stato notevolmente restretto da accumulazione delle placche aterosclerotiche. Tali pazienti sono al rischio aumentato di subire i colpi o altri “ictus„. In questo studio, il carotide comune IMT è aumentato di 9% in un anno nel gruppo di controllo non integrato. Notevolmente, i pazienti che bevono il succo del melograno hanno avvertito un rapporto di riproduzione enorme di 35% del punteggio di IMT e un miglioramento di 44% in flusso sanguigno dell'arteria carotica durante lo stesso periodo. I ricercatori inoltre hanno documentato un rapporto di riproduzione di 21% della pressione sanguigna sistolica fra i bevitori del succo del melograno. Lo stato antiossidante totale del siero è stato aumentato di un 130% straordinario dopo un anno di completamento del melograno. Ulteriormente, gli scienziati hanno controllato lo stato di un enzima che può proteggere dallo sviluppo di placca aterosclerotica proteggendo LDL da modifica ossidativa. I livelli dei bevitori del melograno di questo enzima utile sono aumentato di 83% dopo appena un anno. “Per tutti i parametri studiati, gli effetti massimi sono stati osservati dopo un anno di consumo,„ hanno scritto i ricercatori.41

ricerca di CT di spirale/angiogramma 3-D di aterosclerosi carotica.
Placca allegata alla parete dell'arteria carotica interna sinistra, 1cm sopra la biforcazione carotidal.

Altri ricercatori da tutto il mondo hanno ottenuto risultati simili quando studia la capacità del melograno rapidamente di migliorare lo stato antiossidante dei volontari,42 per ridurre lo sforzo ossidativo ed ai processi inversi che contribuiscono alla promozione ed alla progressione di aterosclerosi, compreso lo stringimento dell'arteria coronaria e l'ossidazione di LDL.43-47

Conclusione

L'aterosclerosi è una grave minaccia a salute. La sua progressione è stata collegata al rischio aumentato di attacco di cuore, di colpo, di fibrillazione atriale e di demenza, tra altre circostanze potenzialmente mortali. Poiché può cominciare fin dall'infanzia e l'invecchiamento è stato identificato come il più grande fattore di rischio per il suo sviluppo, è vitale combattere questa malattia di arterioso-disfunzione come presto-e come aggressivo-come possibile. La natura ha fornito i mezzi per proteggersi da questa minaccia insidiosa. Aumentando i nostri livelli dell'antiossidante, del superossido dismutasi enzimatici naturali (ZOLLA) e sfruttando il potere potente del polifenolo del melograno, gli scienziati hanno indicato che ora è possibile aiutare l'inverso il corso di aterosclerosi-naturale.

Spessore di Intima-media: Rilevazione avanzata di aterosclerosi

Per più di una decade, è stato possibile individuare l'aterosclerosi prima che diventasse clinicamente evidente. Ciò è particolarmente significativa, poichè può essere difficile da invertire l'aterosclerosi prima che diventi sintomatica. E poichè l'aterosclerosi è stata associata con tutto da un rischio aumentato di declino conoscitivo iniziale, morbo di Alzheimer e demenza vascolare28,29 ad un rischio elevato di colpo, sindrome metabolica, ritmo cardiaco anormale 30,31 e l'attacco di cuore,32 là sono ampia ragione di identificare prima possibile e contrastare questo processo patologico.

Facendo uso della tecnologia avanzata di ultrasuono, i clinici possono alle strutture di immagine all'interno dell'arteria carotica del collo determinare lo spessore dei suoi “intima-media„, o strato interno/medio.33,34 misurando lo spessore iniziale e tutti i cambiamenti successivi, i clinici possono individuare il progresso di aterosclerosi e tracciare la sua progressione in tutto l'intero corpo mentre è ancora “infraclinico„, o altrimenti inosservabile.32,35-37 lo spessore di intima-media di carotide (IMT) è una misura ben documentata e convalidata della progressione di aterosclerosi e è conosciuto per essere premonitore di salute cardiovascolare futura; particolarmente rischio di attacco di cuore e di colpo.La saggezza di 35,38,39 terreni comunali riconosce quella che si rimpinza di sui doppio cheeseburger del bacon può urtare negativamente questo processo di malattia, ma come i ricercatori europei celebri recentemente, invecchiandosi possono essere un fattore principale che influenza lo spessore carotico di intima-media.21

Riferimenti

1. Osika W, Dangardt F, Gronros J, et al. spessore periferico aumentante del intima dell'arteria dall'infanzia ad anzianità. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2007 marzo; 27(3): 671-6.

2. PE di Wei, Kontos ha, Christman CW, DeWitt DS. Generazione del superossido ed inversione da di dilatazione arteriolare cerebrale indotta da acetilcolina dopo ipertensione acuta. Circ Res. 1985;57:781–7.

3. GM di Rubanyi, Vanhoutte PM. Gli anioni ed il hyperoxia del superossido inattivano il fattore di rilassamento endotelio-derivato. Cuore Circ Physiol di J Physiol. 1986; 250: H822-7.

4. Hathaway C, DD di Heistad, Piegors DJ, Miller FM. La regressione di aterosclerosi in scimmie riduce i livelli vascolari del superossido. Circ Res. 2002;90:277–83.

5. CS di Wilcox. Carenza ossidativa dell'ossido di azoto e di sforzo nel rene: Un collegamento critico ad ipertensione? Registro di J Physiol. 2005; 289: R913-35.

6. DD di Lund, Faraci FM, Jr. di Miller FJ, DD di Heistad. Il trasferimento del gene della sintasi endoteliale dell'ossido di azoto migliora il rilassamento delle arterie carotiche dai conigli diabetici. Circolazione. 2000;101:1027–33.

7. Disfunzione di Bauersachs J, di Bouloumie A, di Fraccarollo D, di Hu K, di Busse R, di Ertl G. Endothelial nell'infarto miocardico cronico malgrado la sintasi endoteliale vascolare aumentata dell'ossido di azoto ed espressione solubile di ciclasi del guanylate: ruolo di produzione vascolare migliorata del superossido. Circolazione. 1999;100:292–8.

8. Landmesser U, Spiekermann S, Dikalov S, et al. sforzo vascolare dell'ossidante e disfunzione endoteliale in pazienti con infarto cronico: ruolo della xantina ossidasi e del superossido dismutasi extracellulare. Circolazione. 2002;106:3073–8.

9. Kotur-Stevuljevic J, Memon L, Stefanovic A, et al. correlazione dei parametri ossidativi di sforzo ed indicatori infiammatori nei pazienti della coronaropatia. Biochimica di Clin. 2007 febbraio; 40 (3-4): 181-7.

10. DD di Heistad. Sforzo ossidativo e malattia vascolare: 2005 conferenze rotte. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2006 aprile; 26(4): 689-95.

11. Vicenzini E, Ricciardi MC, Puccinelli F, et al. fattori determinanti comuni di spessore di intima-media dell'arteria carotica in uno studio di popolazione. Med di ultrasuono di J. 2007Apr; 26(4): 427-32.

12. Bruunsgaard H, Pedersen BK. Citochine e malattia infiammatorie relative all'età. Nord di Clin di allergia di Immunol. 2003 febbraio; 23(1): 15-39.

13. Krabbe KS, Pedersen m., mediatori di Bruunsgaard H. Inflammatory negli anziani. Exp Gerontol. 2004 maggio; 39(5): 687-99.

14. Payne GW. Effetto di infiammazione sulla microcircolazione di invecchiamento: impatto su controllo di flusso sanguigno del muscolo scheletrico. Microcircolazione. 2006 giugno; 13(4): 343-52.

15. Faloon W. quanto olio di pesce è nel vostro sangue? Prolungamento della vita. Giugno 2007; 13(6): 6-9.

16. de Groot E, Jukema JW, Montauban van Swijndregt AD, et al. valutazione di ultrasuono di B-modo di effetto di trattamento di pravastatine sulle pareti dell'arteria carotica e femorale e sulle sue correlazioni con i risultati arteriografici coronari: un rapporto dello studio di statina di valutazione di crescita di regressione (REGREDISCA). Coll Cardiol. 1998 giugno; 31(7): 1561-7.

17. Salonen R, Nyyssonen K, Porkkala E, et al. studio di prevenzione di aterosclerosi di Kuopio (KAPS). Una prova preventiva primaria basata sulla popolazione dell'effetto di LDL che si abbassa sulla progressione aterosclerotica in arterie carotiche e femorali. Circolazione. 1° ottobre 1995; 92(7): 1758-64.

18. Se di Nissen, Nicholls SJ, Sipahi I, et al. effetto della terapia molto ad alta intensità di statina su regressione di aterosclerosi coronaria: la prova A FORMA DI STELLA. JAMA. 5 aprile 2006; 295(13): 1556-65.

19. Taylor AJ, Risonanza MP, Flaherty PJ, Coyle LC, Markwood TT, MN di Vernalis. ARBITRO: Biologia arteriosa per l'indagine sugli effetti di trattamento di riduzione del colesterolo: una prova randomizzata che confronta gli effetti delle atorvastatine e delle pravastatine su spessore mediale del intima carotico. Circolazione. 15 ottobre 2002; 106(16): 2055-60.

20. JUNIOR di Crouse, III, Raichlen JS, Riley WA, et al. effetto delle rosuvastatine sulla progressione di spessore carotico di intima-media in individui a basso rischio con aterosclerosi infraclinica: la prova della METEORA. JAMA. 28 marzo 2007; 297(12): 1344-53.

21. Cloarec m., Caillard P, prevosto JC, et al. GliSODin, una zolla vegetale con gliadina, come agente preventivo contro aterosclerosi, come confermato con rappresentazione carotica di ultrasuono-b. Allerg Immunol. (Parigi). 2007 febbraio; 39(2): 45-50.

22. Vouldoukis I, Conti m., Krauss P, et al. il completamento con l'estratto gliadina-combinato del superossido dismutasi della pianta promuove le difese antiossidanti e protegge dallo sforzo ossidativo. Ricerca di Phytother. 2004 dicembre; 18(12): 957-62.

23. Dugas B. Glisodin®, un prodotto nutraceutical che promuove la consegna orale di superossido dismutasi. Med libero di biol di Radic. 2002; 33: S64.

24. Nielsen F, BB di Mikkelsen, Nielsen JB, Andersen ora, malondialdeide di Grandjean P. Plasma come biomarcatore per lo sforzo ossidativo: intervallo di riferimento ed effetti dei fattori di stile di vita. Clin chim. 1997 luglio; 43(7): 1209-14.

25. Dia dei calci a J, Hauser la B, Bracht la H, et al. effetti di un biopolimero della gliadina dell'estratto/grano del melone del cantalupo durante la inter-pressione aortica. Med di terapia intensiva. 2007 aprile; 33(4): 694-702.

26. Muth cm, Glenz Y, Klaus m., et al. influenza di ZOLLA oralmente efficace su danno in relazione con l'ossigeno iperbarico delle cellule. Ricerca libera di Radic. 2004 settembre; 38(9): 927-32.

27. Naito Y, Akagiri S, Uchiyama K, et al. riduzione dallo dello sforzo ossidativo renale indotto da diabete dai biopolimeri del cantalupo del melone di un estratto/gliadina, oxykine, di topi. Biofactors. 2005;23(2):85-95.

28. van OM, gennaio de JF, Witteman JC, et al. aterosclerosi e rischio per demenza. Ann Neurol. 27 febbraio 2007.

29. Muller m., Grobbee DE, Aleman A, Bots m., van der Schouw YT. Malattia cardiovascolare e prestazione conoscitiva in uomini di mezza età ed anziani. Aterosclerosi. 2007 gennaio; 190(1): 143-9.

30. Vaudo G, Marchesi S, Siepi D, et al. sindrome metabolica ed aterosclerosi preclinica: fuoco sulle arterie femorali. Metabolismo. 2007 aprile; 56(4): 541-6.

31. Heeringa J, van der Kuip DA, Hofman A, et al. aterosclerosi e rischio infraclinici di fibrillazione atriale: lo studio di Rotterdam. Med dell'interno dell'arco. 26 febbraio 2007; 167(4): 382-7

32. Lekakis JP, Papamichael C, Papaioannou TG, et al. il punteggio di spessore di Intima-media dalle arterie carotiche e femorali predice le dimensioni della coronaropatia: spessore di intima-media e cad. Rappresentazione di Int J Cardiovasc. 2005 ottobre; 21(5): 495-501.

33. Salonen R, Haapanen A, Salonen JT. Misura di spessore di intima-media delle arterie carotiche comuni con l'ecografia ad alta definizione di B-modo: variabilità dell'intra-osservatore ed inter. Ultrasuono Med Biol. 1991;17(3):225-30.

34. Girerd X, Mourad JJ, Acar C, et al. misura non invadente di spessore di medie dimensioni di intima-media dell'arteria in esseri umani: convalida in vitro. Ricerca di J Vasc. 1994 marzo; 31(2): 114-20.

35. Nathan dm, Lachin J, Cleary P, et al. terapia del diabete e spessore intensivi di intima-media di carotide in diabete mellito di tipo 1. Med di N Inghilterra J. 5 giugno 2003; 348(23): 2294-303.

36. Soroka NN, Ryzhak GA. Sistemi diagnostici ultrasonici dell'iperplasia mediointimal come preannunciatore di aterosclerosi in gente anziana. Adv Gerontol. 2006;19:102-6.

37. Abdelghaffar S, EL, EL ha, EL MF. Spessore carotico di intima-media: un indice per aterosclerosi infraclinica in diabete di tipo 1. J Trop Pediatr. 2006 febbraio; 52(1): 39-45.

38. DH di O'Leary, RA di Polak JF, di Kronmal, et al. spessore del intima dell'Carotide-arteria e di media come fattore di rischio per infarto miocardico e colpo in adulti più anziani. Gruppo di ricerca di collaborazione di studio cardiovascolare di salute. Med di N Inghilterra J. 7 gennaio 1999; 340(1): 14-22.

39. Hodis HN, impermeabile WJ, LaBree L, et al. Il ruolo di spessore arterioso carotico di intima-media nella predizione degli eventi coronari clinici. Ann Intern Med. 15 febbraio 1998; 128(4): 262-9.

40. PE di Lansky, RA di Newman. Punica granatum (melograno) ed il suo potenziale per la prevenzione ed il trattamento di infiammazione e di cancro. J Ethnopharmacol. 19 gennaio 2007; 109(2): 177-206.

41. Aviram m., Rosenblat m., Gaitini D, et al. consumo del succo del melograno per 3 anni dai pazienti con stenosi dell'arteria carotica riduce lo spessore di intima-media di carotide comune, la pressione sanguigna e l'ossidazione di LDL. Clin Nutr. 2004 giugno; 23(3): 423-33.

42. Mertens-Talcott Unione Sovietica, Jilma-Stohlawetz P, Rios J, Hingorani L, Derendorf H. Absorption, metabolismo ed effetti antiossidanti dei polifenoli del melograno (punica granatum L.) dopo che ingestione di un estratto standardizzato in volontari umani in buona salute. Alimento chim. di J Agric. 15 novembre 2006; 54(23): 8956-61.

43. de NF, Williams-Ignarro S, Sica V, et al. effetti di una frutta del melograno estrae i ricchi nel punicalagin ai sui geni ossidazione sensibili e nell'attività del eNOS ai siti della resistenza di taglio e del atherogenesis perturbati. Ricerca di Cardiovasc. 15 gennaio 2007; 73(2): 414-423.

44. Rosenblat m., Hayek T, effetti di Aviram M. Anti-oxidative del consumo del succo del melograno (PJ) dai pazienti diabetici sul siero e sui macrofagi. Aterosclerosi. 2006 agosto; 187(2): 363-371.

45. Kaplan m., Hayek T, Raz A, et al. il completamento del succo del melograno ai topi aterosclerotici riduce la perossidazione lipidica del macrofago, l'accumulazione cellulare del colesterolo e lo sviluppo di aterosclerosi. J Nutr. 2001 agosto; 131(8): 2082-9.

46. Fuhrman B, Volkova N, succo di Aviram M. Pomegranate inibisce la biosintesi ossidata di assorbimento e del colesterolo di LDL in macrofagi. Biochimica di J Nutr. 2005 settembre; 16(9): 570-6.

47. Tuttle D. Pomegranate inverte l'aterosclerosi e rallenta la progressione di carcinoma della prostata. Prolungamento della vita. Febbraio 2007; 13(2): 72-7.