Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine giugno 2007

immagine

Quanto olio di pesce è nel vostro sangue?

Da William Faloon
William Faloon

La prova che sostiene i benefici degli acidi grassi omega-3 è così in modo convincente che l'olio di pesce è il solo integratore alimentare che l'associazione americana del cuore raccomanda la gente studia la possibilità di prendere.1-3

L'associazione americana del cuore ha una polarizzazione di lunga durata contro gli integratori alimentari. Così quando pubblicano circa l'importanza di consumo del omega-3s dal pesce o dai supplementi, questa è altrimenti un'approvazione di squillo da un'organizzazione scientifica di lento--reazione.

Sia il fondamento del prolungamento della vita che l'associazione americana del cuore raccomandano i grassi omega-3 basati sulla rappresentazione pubblicata della letteratura che coloro che consuma supplementi con acqua fredda dell'olio di pesce o del pesce contrassegnato hanno ridotto i tassi di attacco di cuore e di colpo. Mentre questi dati convincenti attuali di studi, un pezzo mancante del puzzle sono quanto EPA e DHA è richiesto nel sangue per proteggere dalla coronaropatia.

EPA/DHA di misurazione nel sangue delle vittime di attacco di cuore

Uno studio del punto di riferimento recentemente è stato pubblicato su 1.059 pazienti ammessi all'ospedale a causa di attacco di cuore o di angina instabile (dolore toracico dall'occlusione dell'arteria coronaria).4 campioni di sangue prelevati da ciascuno di questi pazienti sono stati valutati per i fattori di rischio cardiaci convenzionali ed anche il contenuto di EPA/DHA.

Confrontato ai comandi di pari età, il rischio di angina instabile o l'attacco di cuore è stato ridotto di un 62% sbalordente per ogni aumento 1,24% nel intero-sangue EPA/DHA. Mentre il grafico a questa pagina mostra chiaramente, il rischio di avere un evento cardiaco serio si precipita mentre i livelli ematici di EPA/DHA aumentano.

Questa immagine descrive i pugnali ha puntato su un cuore sano. Qualunque di questi pugnali ucciderebbe se spinta in profondità nel cuore. Nel mondo reale, tuttavia, gli esseri umani invecchianti soffrono le piccole punture dal punto di molti di questi pugnali sopra una vita. Sebbene nessuno delle punture da sè sia abbastanza per causare un attacco di cuore, l'effetto cumulativo di questi punture del pugnale (fattori di rischio) è lontano troppo spesso occlusione arteriosa e, angina o attacco di cuore acuto.

Sangue basso EPA/DHA: Nuovo fattore di rischio cardiaco indipendente

Quando i livelli ematici di EPA/DHA in questi pazienti cardiaci sono stati abbinati contro un gruppo di controllo, l'analisi statistica poteva indicare che i bassi livelli ematici di EPA/DHA possono essere un nuovo fattore di rischio cardiaco indipendente di malattia, almeno in pazienti di mezza età.

In questo scenario, “un fattore di rischio indipendente„ significa che anche se altri promotori conosciuti dell'arteria coronaria malattia-tali come colesterolo, LDL e trigliceride-sono nelle gamme normali, il suo rischio di sofferenza della malattia cardiaca ancora è aumentato se i livelli ematici di EPA/DHA sono sotto la gamma ottimale.

Nella discussione le informazioni hanno derivato dallo studio, i medici hanno notato che hanno sostenuto la ricerca più iniziale pubblicata in New England Journal di medicina nel 2002, mostrante i più bassi livelli ematici di EPA/DHA nella gente che è morto improvvisamente da un attacco di cuore, confrontati ai comandi.5

La figura 1. il tasso di attacco di cuore e di angina instabile diminuisce acutamente come livello ematico di aumenti di DHA e di EPA.

Difendendosi da tutti i promotori conosciuti di aterosclerosi coronaria

Malgrado maggior consapevolezza dei fattori di rischio cardiaci, l'attacco di cuore è ancora l'uccisore di numero-un degli uomini e delle donne.6 tristemente, la malattia cardiaca ed il colpo sono in gran parte evitabili, se la gente facesse soltanto il loro provare sangue e prendesse i provvedimenti appropriati quando i fattori di rischio cardiaci provati cadono fuori portata ottimali.

Pochi medici capiscono che l'occlusione dell'arteria coronaria possa derivare da qualunque combinazione di 14 cause differenti. Mentre proteggere da alcune delle cause fondamentali può ritardare la sua manifestazione, la malattia cardiaca colpirà un grande segmento della popolazione di invecchiamento che non agisce le azioni correttive prima del tempo.

Le buone notizie sono che la maggior parte delle cause fondamentali dell'occlusione dell'arteria coronaria possono essere individuate dalle analisi del sangue complete.

Sulla base del nuovo trovando che i bassi livelli ematici di EPA/DHA possono essere un fattore di rischio cardiaco indipendente, stiamo aggiungendo “il sangue basso EPA/DHA„ al nostro grafico evolventeci dei pugnali letali indicati al cuore di invecchiamento. Inoltre stiamo scomponendo nella rappresentazione voluminosa di dati che coloro che consuma EPA/DHA in pesce o supplementi significativamente hanno ridotto l'incidenza della malattia coronarica.7-15

Il grafico vivo alla pagina sei indica chiaramente che le arterie coronarie invecchianti sono vulnerabili all'occlusione da vari insulti. Sulla base di questi risultati, è difficile da comprendere perché chiunque sopra l'età di 40 non avrebbe loro sangue provato una volta all'anno per scoprire se le loro arterie coronarie possono occludere silenziosamente (restringersi).

Controlli il vostro proprio destino cardiaco

Le analisi del sangue annuali raccomandate dal fondamento del prolungamento della vita sono disponibili al vostro ambulatorio, in ospedali ed attraverso i laboratori di prova commerciali.

Il modo più conveniente di ottenere le prove adeguate è di approfittare dei prezzi bassi offerti da servizio nazionale della sangue-prova del prolungamento della vita.

Appena una telefonata a 1-800-208-3444 permette a di essere ordinata per il maschio completo o il pannello femminile. I membri sono inviati ad una ricevuta generata da computer che prendono ad una stazione del sangue-disegno che è spesso nella loro propria vicinanza.

Non c'è nessun appuntamento. Ciò significa che i membri possono selezionare un tempo conveniente per fare il loro cavare sangue. I risultati dei test sono spediti solitamente nei 10 giorni. Se ci sono delle domande, i consulenti della salute del prolungamento della vita sono a disposizione per rispondere loro.

Ogni anno attualmente, riduciamo i nostri prezzi bassi di ogni giorno. Fino al 31 maggio 2007, scontiamo tutte le analisi del sangue in moda da potere ottenere i membri le valutazioni complete del sangue ad una frazione del prezzo fatto pagare dai laboratori commerciali. Per esempio, i membri conservano fino a 80% sul maschio o sui pannelli femminili confrontati a cui i laboratori commerciali fanno pagare.

Se questo editoriale conserva appena una vita individuando un fattore di rischio cardiaco a tempo, quindi era buono degno pubblicare. Sulla base del numero dei membri del prolungamento della vita che ora stanno facendo il loro controllare sangue, sono convinto che il nostro messaggio stia contribuendo ad estendere la durata sana di molti esseri umani.

Per vita più lunga,
immagine
William Faloon

Le prove di P.S. Commercial dei livelli ematici di EPA/DHA non sono ancora disponibili. Per raggiungere i livelli ematici, i membri si consigliano di consumare circa mg 1400 mg di EPA e 1000 di DHA ogni giorno. Se i livelli del trigliceride rimangono superiore a 100 mg/dL di sangue, ancora le quantità elevate dell'olio di pesce dovrebbero essere considerate.

Riferimenti

1. Disponibile a: http://www.americanheart.org/presenter.jhtml?identifier=1872. 14 marzo 2007 raggiunto.

2. Disponibile a: http://www.americanheart.org/presenter.jhtml?identifier=4722. 14 marzo 2007 raggiunto.

3. Disponibile a: http://www.americanheart.org/presenter.jhtml?identifier=4632. 14 marzo 2007 raggiunto.

4. Harris WS, Reid kJ, insabbia il SA, Spertus JA. Sangue omega-3 ed acidi grassi del trasporto nei pazienti di mezza età di sindrome coronarica acuta. J Cardiol. 15 gennaio 2007; 99(2): 154-8.

5. Disponibile a: http://content.nejm.org/cgi/content/abstract/346/15/1113. 14 marzo 2007 raggiunto

6. Disponibile a: http://www.cdc.gov/nchs/products/pubs/pubd/hestats/finaldeaths04/finaldeaths04.htm. 14 marzo 2007 raggiunto.

7. Iso H, Kobayashi m., Ishihara J, et al. assunzione del pesce e degli acidi grassi n3 e rischio della coronaropatia fra il giapponese: al il gruppo basato a centro I. Circulation di studio di salute pubblica del Giappone (JPHC). 17 gennaio 2006; 113(2): 195-202.

8. Mozaffarian D, Ascherio A, Hu FB, et al. interazione fra gli acidi grassi poli-insaturi differenti e rischio di coronaropatia in uomini. Circolazione. 18 gennaio 2005; 111(2): 157-64.

9. Dieta di Trichopoulou A, di Barnia C, di Trichopoulos D. il Mediterranean e sopravvivenza fra i pazienti con la coronaropatia in Grecia. Med dell'interno dell'arco. 25 aprile 2005; 165(8): 929-35.

10. PC di Calder. acidi grassi n-3 e malattia cardiovascolare: prova spiegata e meccanismi esplorati. Clin Sci (Lond). 2004 luglio; 107(1): 1-11.

11. Igname D, Bott-Kanner G, Genin I, Shinitzky m., Klainman E. L'effetto degli acidi grassi omega-3 sui fattori di rischio per la malattia cardiovascolare. Harefuah. 2001 dicembre; 140(12): 1156-8, 1230.

12. Acidi grassi S, et al. n-3 di Dewailly E, di Blanchet C, di Lemieux e fattori di rischio della malattia cardiovascolare fra l'inuit di Nunavik. J Clin Nutr. 2001 ottobre; 74(4): 464-73.

13. von Schacky C, Angerer P, Kothny W, Theisen K, Mudra H. L'effetto degli acidi grassi dietetici omega-3 su aterosclerosi coronaria. Un randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo. Ann Intern Med. 6 aprile 1999; 130(7): 554-62.

14. Das ONU. Metabolismo essenziale dell'acido grasso in pazienti con ipertensione essenziale, i diabeti melliti e la coronaropatia. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 1995 giugno; 52(6): 387-91.

15. Garcia-Closas R, Serra-Majem L, consumo di pesce di Segura R., acidi grassi omega-3 e la dieta Mediterranea. EUR J Clin Nutr. 1993 settembre; 47 supplementi 1: S85-90.