Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine marzo 2007
immagine

Scoprire una fonte nascosta di rischio della malattia cardiovascolare


Da William Davis, MD

Strategie per la riduzione delle lipoproteine postprandiali

I grassi saturi, come quelli trovati in burro, riduzione ed hanno fritto gli alimenti, sono particolarmente induttori potenti delle lipoproteine postprandiali in eccesso. Poiché i disordini postprandiali inducono i grassi ad indugiare più lungamente, evitare i grassi non sani è doppiamente importante. La minimizzazione dei questi grassi è consigliabile per altre ragioni, come riduzione LDL, la pressione sanguigna, l'infiammazione e del rischio di cancro. Mentre evitare i grassi saturi non eliminerà le lipoproteine postprandiali, contribuirà a ridurrle.29 che un acido acido-linoleico grasso poli-insaturo omega-6 derivato dalla lipoproteina postprandiale degli aumenti petrolio--anche del cartamo livella, appena come i grassi saturi fanno.3

Sebbene la causa immediata delle lipoproteine postprandiali persistenti ed aumentate sia un pasto contenente grassi non sano, due varietà di grasso riducono le lipoproteine postprandiali:

• Gli oli monoinsaturi, come olio d'oliva, riducono modestamente le lipoproteine postprandiali. Gli oli monoinsaturi possono così essere una forma preferibile di olio per la cottura e l'uso di ogni giorno.3,30

• Gli acidi grassi poli-insaturi omega-3 riducono drammaticamente le lipoproteine postprandiali. Non è raro vedere il completamento omega-3 eliminare i modelli postprandiali anormali interamente. Le fonti di acidi grassi omega-3 includono l'olio di pesce, l'olio di semi di lino e le noci.

Se i grassi saturi indesiderabili conducono alle particelle postprandiali aumentate della lipoproteina, una dieta a bassa percentuale di grassi riduce le lipoproteine postprandiali? Paradossalmente, non fa. Troppo spesso, le diete a basso contenuto di grassi possono evolversi nelle diete ricche in carboidrati elaborati, che inducono le particelle postprandiali della lipoproteina a moltiplicarsi fuori controllo.31 dieta che sono ricche in grassi monoinsaturi, grassi omega-3, fibra e proteine magre ed in basso in grassi saturi e carboidrati elaborati, è efficaci strumenti nella riduzione delle lipoproteine postprandiali.32

Le seguenti strategie possono ridurre drammaticamente i trigliceridi e contribuiscono a ridurre o eliminare IDL e le lipoproteine postprandiali:

• La perdita di peso può notevolmente ridurre i trigliceridi e le lipoproteine postprandiali, specialmente con una dieta che è bassa in carboidrati e su in proteina e grassi monoinsaturi. Il ritaglio dei carboidrati elaborati (quali i pani, i cereali da prima colazione, del cracker, i bagel e le ciambelline salate) da solo può rendere un rapporto di riproduzione di 30% in lipoproteine postprandiali.33,34 aumentando la vostra assunzione di yogurt, la ricotta e gli altro prodotti lattier-caseario a bassa percentuale di grassi, mandorle e noci crude e pesce, pollo, tacchino ed altre fonti di proteina magra inoltre renderanno le riduzioni sostanziali delle particelle postprandiali della lipoproteina. La perdita di peso ristabilisce la risposta dell'insulina persa nella sindrome metabolica, che inoltre riduce le lipoproteine postprandiali.31

L'illustrazione della struttura di una particella della lipoproteina a bassa densità (LDL), una forma di colesterolo ha trovato nel sangue.

• Gli acidi grassi Omega-3 in olio di pesce esercitano gli effetti potenti nella riduzione delle lipoproteine postprandiali. L'ingestione del mg appena 1200 di EPA/DHA dall'olio di pesce può abbassare facilmente IDL da 50% e le dosi elevate possono produrre ancora le maggiori riduzioni. Quando i trigliceridi a digiuno sono superiori a 200 mg/dL, o quando IDL è aumentato, le dosi elevate dell'olio di pesce possono essere indicate alle lipoproteine postprandiali in eccesso di lotta. Gli acidi grassi Omega-3 fanno diminuire la produzione del fegato di VLDL da 30% o più ed abbassano IDL da 70% o più.35,36 Omega-3s inoltre attivano l'enzima conosciuto come lipoproteina lipasi, che accelera la distanza delle lipoproteine postprandiali dal sangue.L'olio di pesce 37 può aumentare sicuro gli effetti d'abbassamento delle droghe di statina quale Lipitor®, rendenti il forte progresso in trigliceridi, VLDL e lipoproteine postprandiali.38

• La proteina di soia (20 grammi al giorno) dal tofu, dal latte di soia, dalla polvere della proteina di soia e da altre fonti può abbassare LDL da 10-20 mg/dL e ridurre le lipoproteine postprandiali di 10%.39

• Il tè verde contiene le catechine (flavonoidi) che possono fare diminuire le lipoproteine postprandiali da fino a 30%. Mg circa 600-700 di catechine del tè verde è richiesto per raggiungere questo effetto, l'equivalente di 6-12 servizi di tè fatto. I supplementi nutrizionali inoltre forniscono le catechine del tè verde a questa dose.L'efficacia di 40 tè verdi nella perdita di peso accelerante può aumentare la sua capacità di ridurre le lipoproteine postprandiali.

• L'estratto del fagiolo bianco blocca l'enzima didigestione conosciuto come alfa amilasi, quindi riducente l'assorbimento degli zuccheri. Uno studio recente ha indicato che i partecipanti che hanno preso due volte al giorno mg 1500 di estratto del fagiolo bianco per otto settimane hanno perso una media di quattro libbre ed ha abbassato i loro trigliceridi da una media di 26 mg/dL.41

• L'esercizio vigoroso può ridurre le lipoproteine postprandiali di 30%.42

• Il trattamento del diabete (con insulina o gli ipoglicemizzanti orali, per esempio) riduce significativamente i livelli postprandiali della lipoproteina.43,44 la droga Actos® di tiazolidinedione possono essere particolarmente efficaci per i suoi effetti disoppressione postprandiali; un simile agente, Avandia®, può essere modestamente efficace.45,46 la metformina dell'agente inoltre riducono digiunare e trigliceridi postprandiali da 25%.47 (cautela: Come altri tiazolidinedioni, Actos® e Avandia® possono causare la conservazione fluida, a cui può condurre o esacerbare l'infarto. Actos® e Avandia® dovrebbero essere interrotti se del deterioramento nello stato cardiaco accade.)

• La statina droga quale il colesterolo più basso di Zocor®, di Crestor® e di Lipitor® non solo, ma può ridurre le lipoproteine postprandiali di 30-80%.48

• I fibrati (colesterolo-abbassando le droghe quali Lopid® e Lofibra®) possono ridurre le lipoproteine postprandiali di 70%. Possono essere una strategia utile del secondo line se l'olio di pesce, la perdita di peso e gli sforzi nutrizionali non riescono a fare il lavoro.49

Chiaramente, scegliere i giusti supplementi dell'olio di pesce e degli alimenti dovrebbe essere la vostra prima scelta nel controllo del disordine postprandiale. L'olio di pesce è sicuro, economico e facile da prendere, eppure fornisce una matrice straordinaria dei benefici, compreso il rischio riduttore di morte, di colpo e di depressione cardiaci improvvisi.La perdita di peso 50, l'esercizio, la proteina di soia ed il tè verde possono tutto l'aumento la vostra probabilità di successo. A causa dei loro effetti collaterali possibili, i farmaci da vendere su ricetta medica dovrebbero sempre essere la vostra ultima scelta per la correzione i modelli postprandiali e degli altri disordini.

Perché digiunare è necessario per il lavoro del sangue

Quando fate cavare il sangue per misurare il colesterolo ed altri indicatori, siete incaricato di digiunare in anticipo per 8-12 ore. Se i disordini postprandiali (quali IDL o un aumento esagerato in trigliceridi) diventano evidenti solo dopo mangiare, perché non il sangue ha cavato dopo un pasto?

Medici istruiscono i loro pazienti digiunare per le prove del colesterolo perché i trigliceridi aumentano dopo un pasto ed i trigliceridi sono usati per calcolare LDL. Poiché LDL è solitamente il solo fuoco dell'approccio convenzionale alla prevenzione della malattia cardiaca, il fatto che i trigliceridi sono elevati, il postprandiale o digiunare, è trascurato semplicemente. Quindi, nel corso degli anni, medici non sono riuscito a riconoscere i trigliceridi elevati nel periodo del dopo-pasto come indicatore potente e indipendente del rischio.

In futuro, coltiverà il riconoscimento della nostra sovra-fiducia su LDL come il solo valore importante per misurare il rischio di malattia aterosclerotica e le misure dei trigliceridi postprandiali e di altre lipoproteine postprandiali guadagneranno il riconoscimento aumentato. Piuttosto che digiunando per il vostro lavoro del sangue, può essere ottenuto in ore primissime dopo un pasto. Ora, tuttavia, ci sono dati insufficienti per giustificare questa pratica su una vasta scala, sebbene facciamo occasionalmente tale prova sui pazienti sicuri nella nostra pratica clinica.

I miglioramenti sopra LDL convenzionalmente calcolato che richiede il digiuno inoltre permetteranno che il sangue sia assorbito uno stato di digiuno. Le misure che sono superiori hanno calcolato il LDL-tale come numero della particella direttamente misurata di LDL, di VLDL e di LDL e dimensione (prova diretta tutto il disponibile della lipoproteina di VAP™) — possono eliminare l'esigenza del digiuno mentre fornivano più clinicamente le informazioni utili.

Poichè l'esperienza si sviluppa, i pasti standard (cioè preparazioni specifiche di grasso, di proteina, del carboidrato, della sostanza nutriente e della composizione conosciuti della fibra) saranno usati per sviluppare le norme per diagnosticare meglio i disordini postprandiali. Questi modo, gente e popolazioni possono essere confrontati hanno basato sulla loro risposta ad un pasto standardizzato. Poiché i pasti che vi scegliete possono variare immensamente in composizione, sangue postprandiale ottenuto per l'analisi possono variare similarmente, indipendentemente da fatto che avete un disordine postprandiale.

Sino a quel momento, siamo lasciati con comprensione ragionevolmente buona nei modelli postprandiali forniti dai trigliceridi a digiuno, dai livelli di IDL e di VLDL. L'attenzione conscia a questi indicatori critici del sangue può notevolmente migliorare e conservare la vostra salute vascolare.

Il Dott. William Davis è un autore e un cardiologo che praticano a Milwaukee, Wisconsin. È autore del libro, segue la vostra placca: Il solo programma di prevenzione della malattia cardiaca che vi mostra che come usare il nuovo cuore esplora per individuare, seguire e controllare placca coronaria. Può essere contattato con www.trackyourplaque.com.

Riferimenti

1. TB di Twickler, GM del linga-Thie, Cohn JS, Chapman MJ. Concentrazione del tipo di resto elevata nel colesterolo della particella: una caratteristica del fenotipo atherogenic della lipoproteina. Circolazione. 27 aprile 2004; 109(16): 1918-25.

2. Ceriello A, Taboga C, Tonutti L, et al. prova per un effetto indipendente e cumulativo di ipertrigliceridemia postprandiale e dell'iperglicemia su disfunzione endoteliale e sulla generazione ossidativa di sforzo: effetti del trattamento a breve e a lungo termine di simvastatine. Circolazione. 3 settembre 2002; 106(10): 1211-8.

3. Trigliceridi di Jagla A, di Schrezenmeir J. Postprandial e funzione endoteliale. Diabete di Exp Clin Endocrinol. 2001; 109(4): S533-47.

4. Resti di Maggi FM, di Raselli S, di Grigore L, et al. della lipoproteina e disfunzione endoteliale nella fase postprandiale. J Clin Endocrinol Metab. 2004 giugno; 89(6): 2946-50.

5. Ceriello A, Quagliaro L, Piconi L, et al. effetto di ipertrigliceridemia postprandiale ed iperglicemia sulle molecole di circolazione di adesione e generazione ossidativa di sforzo ed il ruolo possibile del trattamento di simvastatine. Diabete. 2004 marzo; 53(3): 701-10.

6. Trigliceridi e coagulazione del sangue di Silveira A. Postprandial. Diabete di Exp Clin Endocrinol. 2001; 109(4): S527-32.

7. CF di Ebenbichler, Kirchmair R, Egger C, JUNIOR di Patsch. Stato postprandiale ed aterosclerosi. Curr Opin Lipidol. 1995 ottobre; 6(5): 286-90.

8. Teno S, Uto Y, Nagashima H, et al. associazione di ipertrigliceridemia postprandiale e spessore carotico di intima-media in pazienti con il diabete di tipo 2. Cura del diabete. 2000 settembre; 23(9): 1401-6.

9. Mori Y, Itoh Y, Komiya H, Tajima N. Association fra i livelli del tipo di resto postprandiali del trigliceride della particella (RLP-TG) e lo spessore carotico di intima-media (IMT) in pazienti giapponesi con il diabete di tipo 2: valutazione dalle prove di tolleranza del pasto (MTT). Ghiandola endocrina. 2005 novembre; 28(2): 157-63.

10. Lipemia del Hyson D, di Rutledge JC, di Berglund L. Postprandial e malattia cardiovascolare. Rappresentante di Curr Atheroscler. 2003 novembre; 5(6): 437-44.

11. Lipoproteine di Karpe F, di Steiner G, di Uffelman K, di Olivecrona T, di Hamsten A. Postprandial e progressione di aterosclerosi coronaria. Aterosclerosi. 1994 marzo; 106(1): 83-97.

12. Grundy MP, Cleeman JI, CN di Merz, et al. implicazioni dei test clinici recenti per le linee guida adulte del pannello III di trattamento di programma educativo nazionale del colesterolo. J Coll Cardiol. 4 agosto 2004; 44(3): 720-32.

13. Miller m., Zhan m., Georgopoulos A. Effect dei trigliceridi a digiuno desiderabili sulla risposta postprandiale a grasso dietetico. Med di J Investig. 2003 febbraio; 51(1): 50-5.

14. Potenziale d'ossido-riduzione di Johanson, PA di Jansson, Gustafson B, et al. alterazioni iniziali nel VLDL1 postprandiale apoB-100 e metabolismo apoB-48 in uomini con la forte eredità per il diabete di tipo 2. Med dell'interno di J. 2004 febbraio; 255(2): 273-9.

15. Ford es, Giles WH, Dietz WH. Prevalenza della sindrome metabolica fra gli adulti degli Stati Uniti: risultati dalla terza indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute. JAMA. 16 gennaio 2002; 287(3): 356-9.

16. Kolovou GD, Anagnostopoulou KK, Pavlidis, et al. lipemia postprandiale in uomini con la sindrome metabolica, hypertensives ed individui sani. Salute DIS dei lipidi. 2005;421.

17. van Oostrom AJ, Castro cm, Ribalta J, et al. profili giornalieri del trigliceride nei soggetti di sesso maschile normolipidemic in buona salute è associato alla sensibilità, alla composizione corporea ed alla dieta dell'insulina. L'EUR J Clin investe. 2000 novembre; 30(11): 964-71.

18. Dislipidemia di Tenenbaum A, di Fisman EZ, di Motro m., di Adler Y. Atherogenic nella sindrome metabolica e diabete di tipo 2: opzioni terapeutiche oltre le statine. Cardiovasc Diabetol. 2006;5:20.

19. Duez H, Lamarche B, Uffelman KD, et al. Hyperinsulinemia è associato con il tasso di produzione aumentato di lipoproteine intestinali dell'apolipoproteina B-48-containing in esseri umani. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2006 giugno; 26(6): 1357-63.

20. Annuzzi G, De NC, Iovine C, et al. insulino-resistenza è associato indipendente con le alterazioni postprandiali delle lipoproteine ricche di trigliceride in diabete di tipo 2 mellito. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2004 dicembre; 24(12): 2397-402.

21. Tsunoda F, Koba S, Hirano T, et al. associazione fra la piccola lipoproteina a bassa densità densa e l'accumulazione postprandiale delle particelle del tipo di resto ricche di trigliceride in pazienti normotriglyceridemic con infarto miocardico. Circ J. 2004 dicembre; 68(12): 1165-72.

22. Metabolismo ed aterosclerosi della lipoproteina di Karpe F, di Hamsten A. Postprandial. Curr Opin Lipidol. 1995 giugno; 6(3): 123-9.

23. La TA di Pedrini, Niederwanger A, Kranebitter m., et al. lipemia postprandiale induce una diminuzione acuta della sensibilità dell'insulina in uomini in buona salute indipendentemente dai livelli del plasma NEFA. Diabetologia. 2006 luglio; 49(7): 1612-8.

24. RM di Krauss. Atherogenicity delle lipoproteine ricche di trigliceride. J Cardiol. 26 febbraio 1998; 81 (4A): 13B-7B.

25. Sutherland WH, Restieaux NJ, Nye ER, et al. composizione di IDL e progressione angiograficamente risoluta delle lesioni aterosclerotiche durante la terapia di simvastatine. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1998 aprile; 18(4): 577-83.

26. Lione TJ, Jenkins AJ, Zheng D, et al. profilo risonanza-risoluto magnetico nucleare della sottoclasse della lipoproteina nel gruppo di DCCT/EDIC: associazioni con spessore carotico di intima-media. Med di Diabet. 2006 settembre; 23(9): 955-66.

27. SIG. di Batista MC, di Welty FK, di Diffenderfer, et al. apolipoproteina A-I, metabolismo B-100 e B-48 negli oggetti con la malattia renale cronica, l'obesità e la sindrome metabolica. Metabolismo. 2004 ottobre; 53(10): 1255-61.

28. Schrezenmeir J, Keppler I, Fenselau S, et al. Il fenomeno di alta risposta del trigliceride ad un carico orale del lipido negli individui sani e del suo collegamento alla sindrome metabolica. Ann NY Acad Sci. 14 giugno 1993; 683:302-14.

29. Bergeron N, Havel RJ. Influenza delle diete ricche di saturato di e acidi grassi polinsaturi omega-6 sulle risposte postprandiali delle apolipoproteine B-48, B-100, E e lipidi in di lipoproteine ricche di trigliceride. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1995 dicembre; 15(12): 2111-21.

30. Thomsen C, tempesta H, Holst JJ, effetti di Hermansen K. Differential dei grassi saturati e monoinsaturi sul lipemia postprandiale e sulle risposte del tipo di glucagone del peptide 1 in pazienti con il diabete di tipo 2. J Clin Nutr. 2003 marzo; 77(3): 605-11.

31. Sharman MJ, AL di Gomez, Kraemer WJ, Volek JS. Molto povero di carboidrati e diete a basso contenuto di grassi colpisca diversamente i lipidi a digiuno e il lipemia postprandiale in uomini di peso eccessivo. J Nutr. 2004 aprile; 134(4): 880-5.

32. Volek JS, AL di Gomez, Kraemer WJ. Lipoproteina a digiuno e risposte postprandiali del triacilglicerolo ad una dieta povera di carboidrati completata con gli acidi grassi n-3. J Coll Nutr. 2000 giugno; 19(3): 383-91.

33. Sharman MJ, Kraemer WJ, amore dm, et al. Una dieta ketogenic colpisce favorevole i biomarcatori del siero per la malattia cardiovascolare negli uomini del normale-peso. J Nutr. 2002 luglio; 132(7): 1879-85.

34. Volek JS, Sharman MJ, CE di Forsythe. Modifica delle lipoproteine molto dalle diete povere di carboidrati. J Nutr. 2005 giugno; 135(6): 1339-42.

35. CC di Chan, watt di GF, TUM di Mori, et al. prova controllata randomizzata dell'effetto del completamento dell'acido grasso n-3 sul metabolismo di apolipoproteina B-100 e resti di chilomicrone in uomini con obesità viscerale. J Clin Nutr. 2003 febbraio; 77(2): 300-7.

36. I chilomicroni di Westphal S, di Orth m., di Ambrosch A, di Osmundsen K, di Luley C. Postprandial e VLDLs in hypertriacylglycerolemia severo sono abbassati più efficacemente dei resti di chilomicrone dopo il trattamento con gli acidi grassi n-3. J Clin Nutr. 2000 aprile; 71(4): 914-20.

37. Parco Y, Harris WS. Il completamento dell'acido grasso Omega-3 accelera la rimozione del trigliceride di chilomicrone. Ricerca del lipido di J. 2003 marzo; 44(3): 455-63.

38. Nordoy A, Hansen JB, Brox J, Svensson B. Effects delle atorvastatine ed acidi grassi omega-3 sui subfractions di LDL e sul hyperlipemia postprandiale in pazienti con il hyperlipemia combinato. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2001 febbraio; 11(1): 7-16.

39. Westphal S, Taneva E, Kastner S, et al. disfunzione endoteliale indotta dal lipemia postprandiale è neutralizzato tramite l'aggiunta delle proteine al pasto grasso. Aterosclerosi. 2006 aprile; 185(2): 313-9.

40. Unno T, Tago m., Suzuki Y, et al. effetto delle catechine del tè sulle risposte postprandiali del lipido del plasma nei soggetti umani. Br J Nutr. 2005 aprile; 93(4): 543-7.

41. Udani J, m. resistente, CC di Madsen. Assorbimento e perdita di peso del carboidrato di didascalia: un test clinico facendo uso del proprietario di marca di fase 2 ha frazionato l'estratto del fagiolo bianco. Altern Med Rev. 2004 marzo; 9(1): 63-9.

42. CS di Katsanos. Esercizio aerobico di prescrizione per il regolamento del metabolismo dei lipidi postprandiale: ricerca e raccomandazioni correnti. Med di sport. 2006;36(7):547-60.

43. van Wijk JP, de Koning EJ, Castro Cabezas m., Rabelink TJ. La rosiglitazione migliora il metabolismo dell'acido grasso libero e del trigliceride postprandiale in diabete di tipo 2. Cura del diabete. 2005 aprile; 28(4): 844-9.

44. Caixas A, Perez A, Payes A, et al. effetti di un analogo di breve durata dell'insulina (insulina Lispro) contro insulina regolare sul metabolismo dei lipidi in diabete mellito insulino-dipendente. Metabolismo. 1998 aprile; 47(4): 371-6.

45. Al Majali K, MB del bottaio, Staels B, Luc G, SIG. di Taskinen, Betteridge DJ. L'effetto di sensibilizzazione ad insulina con il pioglitazone sul digiuno e metabolismo dei lipidi postprandiale, modifica della lipoproteina dalle lipasi ed attività di trasferimento del lipido nel tipo - 2 pazienti diabetici. Diabetologia. 2006 marzo; 49(3): 527-37.

46. Abbronzi GD, le SEDERE di sistemazione, Currie JM, et al. Gli effetti della rosiglitazione sul metabolismo del trigliceride e dell'acido grasso in diabete di tipo 2. Diabetologia. 2005 gennaio; 48(1): 83-95.

47. Emral R, Koseoglulari O, Tonyukuk V, Uysal AR, Kamel N, Corapcioglu D. L'effetto del regolamento glycemic a breve termine con il gliclazide e la metformina sul lipemia postprandiale. Diabete di Exp Clin Endocrinol. 2005 febbraio; 113(2): 80-4.

48. JUNIOR di Schaefer EJ, di McNamara, Tayler T, et al. confronti degli effetti delle statine (atorvastatine, fluvastatine, lovastatine, pravastatine e simvastatine) sul digiuno e lipoproteine postprandiali in pazienti con la coronaropatia contro gli oggetti di controllo. J Cardiol. 1° gennaio 2004; 93(1): 31-9.

49. Ooi TC, cugini m., Ooi DS, Nakajima K, Edwards AL. Effetto dei fibrati sulle particelle del tipo di resto postprandiali in pazienti con iperlipidemia combinata. Aterosclerosi. 2004 febbraio; 172(2): 375-82.

50. Acidi grassi di Li D. Omega-3 e malattie non comunicative. Chin Med J (Inghilterra). 2003 marzo; 116(3): 453-8.