Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine maggio 2007
immagine

Difendendosi dai pericoli della carenza di vitamina D


Da Tiesha D. Johnson, BSN, Marina militare

La vitamina D può contribuire ad impedire il diabete

La ricerca emozionante inoltre indica un ruolo terapeutico possibile per la vitamina D nell'impedire il diabete.

Il completamento di vitamina D può ridurre la suscettibilità al diabete di tipo II rallentando la perdita di sensibilità dell'insulina nella gente che mostra i segni in anticipo della malattia.  I ricercatori hanno studiato 314 adulti senza diabete ed hanno dato loro 700 IU della vitamina D e di 500 mg di calcio quotidiani o un placebo per tre anni.73 fra gli oggetti che avevano alterato (leggermente elevato) il glucosio a digiuno livellano all'inizio dello studio, quelli che prendono il supplemento attivo hanno avuti un più piccolo aumento nei livelli del glucosio in tre anni dei comandi come pure un più piccolo aumento nell'insulino-resistenza. I ricercatori hanno concluso quello per gli adulti più anziani con i livelli alterati del glucosio, completare con la vitamina D ed il calcio può contribuire ad evitare la sindrome metabolica ed il diabete di tipo II.

Il tipo il diabete (insulino-dipendente) di I è uno stato autoimmune, in cui il sistema immunitario del corpo attacca le sue proprie beta cellule pancreatiche producenti insulina. I bassi livelli di vitamina D sono associati con lo sviluppo delle circostanze autoimmuni,40,74,75 compreso tipo il diabete di I,38 e gli scienziati hanno proposto che il completamento di vitamina D potesse contribuire ad impedire la malattia.76

Uno studio basato sulla popolazione molto grande in Europa ha dimostrato l'effetto potente del completamento di vitamina D in bambini proteggenti contro lo sviluppo di tipo il diabete di I.77 dati da 820 diabetici e da 2.335 comandi non-diabetico hanno indicato che i bambini che hanno ricevuto i supplementi di vitamina D nell'infanzia hanno ridotto il loro rischio di sviluppare il tipo il diabete di I di circa 33%. I ricercatori ritengono che la vitamina D attivata possa proteggere i bambini crescenti dall'attacco autoimmune alle cellule producenti insulina del pancreas.

La vitamina D può contribuire ad alleviare la depressione

È affermato che per la gente con la depressione principale, i sintomi tendono a peggiorare nell'inverno ed anche che qualche gente senza depressione della linea di base sviluppa i sintomi depressivi nell'inverno (cosiddetto disordine affettivo stagionale, o TRISTE).La terapia leggera 94,95 è stata trovata per essere utile per il trattamento dei sintomi depressivi di orario invernale,96 e sembra probabilmente che almeno alcuno del beneficio della terapia leggera sia collegato con l'attivazione aumentata della vitamina D.

Per verificare questa idea, i ricercatori hanno condotto una prova randomizzata in 15 persone con TRISTE.95 otto hanno ricevuto un d'una sola dose di 100.000 IU della vitamina D e sette hanno ricevuto un mese della terapia leggera.  Tutto completato paziente-e nessuno del miglioramento principale paziente-avuto luminoso trattato nella depressione segnano.  Interessante, i simili studi facendo uso delle dosi molto più basse di 400-800 IU al giorno non hanno reso i miglioramenti nei sintomi TRISTI,94,97 che suggeriscono ancora che avessimo bisogno semplicemente di più vitamina D che è stato pensiero.

I benefici della d della vitamina per la salute mentale non possono essere limitati alla depressione. Uno studio 2004 dalla Finlandia98 ha indicato che il rischio di sviluppare la schizofrenia in uomini adulti notevolmente è stato aumentato di coloro che non aveva avuto mai completamento di vitamina D come infanti, confrontato a coloro che aveva avuto almeno certo completamento. Un'altra carta recente propone che la carenza prenatale di vitamina D potrebbe essere collegata alla schizofrenia adulta.99 per concludere, una ricerca di laboratorio ha indicato che la privazione prenatale di vitamina D è stata associata con determinati comportamenti in ratti adulti che sono tipici della schizofrenia in esseri umani.100

La vitamina D fornisce il supporto immune essenziale

La vitamina D sembra essere essenziale nel mantenimento i globuli bianchi in buona salute e del sistema immunitario robusto.75

Una carta recente ha presentato la prova convincente che le infezioni stagionali quale influenza possono realmente essere il risultato dei livelli in diminuzione di vitamina D,26 non di attività virale aumentata di orario invernale, che è stata la saggezza popolare di lunga durata.78 questo hanno significato, perché i ricevitori di vitamina D sono presenti su molte delle cellule di sistema immunitario responsabili dell'uccisione i virus e dei batteri micidiali e vitamina-che è meno in condizioni ambientali disponibile in inverno-appare essere un requisito dell'attivazione adeguata di queste cellule.79,80

Un randomizzato, studio di prova alla cieca pubblicato nel 2006 ha trovato che la vitamina D può sostenere il recupero dalla tubercolosi, da un'infezione comune e micidiale che colpisce il più comunemente i polmoni. Quando i pazienti con la tubercolosi moderatamente avanzata completati con 0,25 mg (10.000 IU) al giorno della vitamina D per una settimana, essi hanno avuti tassi significativamente più alti di miglioramento che i pazienti che hanno ricevuto un placebo.81

I pazienti sottoposti a dialisi di dialisi renale dimostrano spesso i livelli in diminuzione di vitamina D come pure la risposta immunitaria cellulare alterata. I pazienti sottoposti a dialisi con i livelli in diminuzione di vitamina D e la funzione alterata di cellule di uccisore naturali antivirali ed anticancro hanno avvertito gli aumenti sostanziali nell'attività della naturale-uccisore-cellula dopo appena un mese del completamento con la vitamina D di prescrizione (calcitriol) a 0,5 mcg (20 IU) al giorno.27 in laboratorio, gli stessi ricercatori hanno dimostrato che il trattamento di vitamina D di “ha generalizzato„ i globuli bianchi chiamati monociti li ha indotti a maturare nelle cellule di uccisore naturali attive in 24 ore.

Ulteriore prova della capacità della d della vitamina di sostenere la funzione immune protettiva viene da una ricerca di laboratorio pubblicata all'inizio di quest'anno.82 ricercatori hanno scoperto che le cellule epiteliali che rispondono alla lesione richiedono il vitamina D3 “di inserire„ le proteine vitali coinvolgere nel riconoscimento e che rispondono ai microbi che infezioni arrotolate di causa. Ciò che trova ha implicazioni tremende per impedire ed il trattamento delle infezioni arrotolate.

Conclusione

Anche nella gente che prende i supplementi di vitamina D, la percentuale di quelle con i livelli suboptimali rimane sorprendente alta. Gli esseri umani non possono consumare arbitrariamente le dosi massicce della vitamina D (a differenza delle sostanze nutrienti solubili in acqua quale vitamina C). Per questa sostanza nutriente, il dosaggio individualizzato è di importanza particolare ed il solo modo compire questo è con analisi del sangue di vitamina D. Con le carenze probabili essere più pronunciata dopo i periodi invernali lunghi, la molla è un tempo eccellente studiare il vostro proprio stato di vitamina D.

La rilevazione dei livelli carenti permette che voi ed il vostro medico implementino il completamento di vitamina D per contribuire ad evitare le malattie connesse con i livelli insufficienti di vitamina D. L'ottimizzazione della vostra assunzione di vitamina D può essere un sicuro, modo a basso costo proteggere da cancro, malattia cardiovascolare, il diabete, disturbi immunitari e la depressione, tra altri stati di salute seri.

Basi di vitamina D

La vitamina D si presenta in natura in due forme principali: vitamina D2, o ergocalciferolo e vitamina D3, o colecalciferolo. Mentre il vitamina D2 è ottenuto dalle fonti della pianta, il vitamina D3 può o essere ottenuto con le fonti animali, supplementi, o sintetizzato nella pelle quando la sua molecola del precursore assorbe l'energia leggera proveniente dalla B ultravioletta rays.83

Nel fegato, sia il vitamina D2 che il vitamina D3 sono convertiti 25 in idrossilato-vitamina la D, la forma di circolazione primaria di vitamina D. Conversion nel suo intervento concreto, il dihydroxyvitamin 1,25 D, si presenta nel rene. Le forme farmaceutiche della droga di vitamina D attivata comprendono il calcitriol, il doxercalciferol e il calcipotriene.83

La vitamina D supplementare è disponibile come il vitamina D2 (ergocalciferolo) o vitamina D3 (colecalciferolo). Il vitamina D2 è soltanto circa 20-40% efficace quanto D3 nelle concentrazioni di mantenimento nel siero 25 del hydroxyvitamin D, poiché più rapidamente è ripartito nel corpo. Per questo motivo, i supplementi di vitamina D3 (colecalciferolo) sono considerati più utili dei supplementi di vitamina D2 (ergocalciferolo).7

Riferimenti

1. Nagpal S, Na S, azioni di Rathnachalam R. Noncalcemic dei leganti del ricevitore di vitamina D. Rev. 2005 di Endocr agosto; 26(5): 662-87.

2. Dukas L, HB di Staehelin, Schacht E, Bischoff ha. La migliore mobilità funzionale negli anziani dell'comunità-abitazione è collegata con i livelli del siero dell'D-ormone ed all'assunzione quotidiana del calcio. Invecchiamento di salute di J Nutr. 2005 settembre; 9(5): 347-51.

3. Maggio E, Asadullah K, Zugel U. Immunoregulation con il dihydroxyvitamin 1,25 D3 ed i suoi analoghi. La droga di Curr mira all'allergia di Inflamm. 2004 dicembre; 3(4): 377-93.

4. furgone EE, Mathieu C. Immunoregulation dal dihydroxyvitamin 1,25 D3: concetti di base. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2005 ottobre; 97 (1-2): 93-101.

5. Guillemant J, Le HT, Maria A, et al. carenza di vitamina D di orario invernale in adolescenti maschii: effetto sulla funzione e sulla risposta paratiroidali ai supplementi di vitamina D3. Osteoporos Int. 2001;12(10):875-9.

6. Holick MF. Luce solare e vitamina D per salute dell'osso e la prevenzione delle malattie autoimmuni, dei cancri e della malattia cardiovascolare. J Clin Nutr. 2004 dicembre; 80 (6 supplementi): 1678S-88S.

7. Holick MF. L'epidemia di vitamina D e le sue conseguenze di salute. J Nutr. 2005 novembre; 135(11): 2739S-48S.

8. Nowson CA, assunzione di vitamina D di Margerison C. e stato di vitamina D degli australiani. Med J Aust. 5 agosto 2002; 177(3): 149-52.

9. Stato di Brot C, di Vestergaard P, di Kolthoff N, et al. di vitamina D e la sua adeguatezza in donne perimenopausal danesi in buona salute: relazioni ad ingestione dietetica, ad esposizione del sole ed all'ormone del paratiroide del siero. Br J Nutr. 2001 agosto; 86 supplementi 1S97-103.

10. RM di Lucas, Repacholi MH, McMichael AJ. È il messaggio corrente di salute pubblica sull'esposizione UV corretto? Organo di salute del mondo del toro. 2006 giugno; 84(6): 485-91.

11. CA del Looker, Dawson-Hughes B, ms di Calvo, Gunter EW, Sahyoun NR. Stato di hydroxyvitamin D del siero 25 degli adolescenti e degli adulti in due sottopopolazioni stagionali da NHANES III. Osso. 2002 maggio; 30(5): 771-7.

12. Gloth FM 3d, Gundberg cm, Hollis BW, junior di Haddad JG, Tobin JD. Carenza di vitamina D in persone homebound anziane. JAMA. 6 dicembre 1995; 274(21): 1683-6.

13. Esposizione di Berwick m., di Armstrong BK, di Ben-Porat L, et al. di Sun e mortalità dal melanoma. Cancro nazionale Inst di J. 2 febbraio 2005; 97(3): 195-9.

14. Completamento di vitamina D di Vieth R., 25 concentrazioni di hydroxyvitamin D e sicurezza. J Clin Nutr. 1999 maggio; 69(5): 842-56.

15. Chel VG, Ooms ME, Popp-Snijders C, et al. irradiazione ultravioletta corregge la carenza di vitamina D e sopprime l'iperparatiroidismo secondario negli anziani. Minatore Res dell'osso di J. 1998 agosto; 13(8): 1238-42.

16. Trump DL, Muindi J, Fakih m., Yu WD, CS di Johnson. Composti di vitamina D: sviluppo clinico come agenti di terapia e di prevenzione del cancro. Ricerca anticancro. 2006 luglio; 26 (4A): 2551-6.

17. Dusso COME, Brown AJ, Slatopolsky E. Vitamin D.J Physiol Physiol renale. 2005 luglio; 289(1): F8-28.

18. Jensen ss, Madsen Mw, Lukas J, Binderup L, effetti di Bartek J. Inhibitory di 1alpha, 25-dihydroxyvitamin D (3) sul macchinario dicontrollo di G (1) - S. Mol Endocrinol. 2001 agosto; 15(8): 1370-80.

19. Krishnan avoirdupois, Moreno J, Nonn L, et al. vie novelle che contribuiscono alle attività antiproliferative e chemopreventive del calcitriol nel carcinoma della prostata. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 15 gennaio 2007.

20. Gedlicka C, Hager G, Weissenbock m., et al. 1,25 (l'OH) 2Vitamin D3 induce l'espressione elevata dell'inibitore p18 del ciclo cellulare in una linea cellulare del carcinoma a cellule squamose della testa e del collo. Med orale di J Pathol. 2006 settembre; 35(8): 472-8.

21. Lowe L, Hansen cm, Senaratne S, chilowatt di Colston. Meccanismi implicati negli effetti regolatori di crescita dei composti di vitamina D in cellule di cancro al seno. Ricerca recente del Cancro di risultati. 2003;164:99-110.

22. Swami S, Raghavachari N, Muller UR, YP di Bao, inibizione della crescita di vitamina D di Feldman D. delle cellule di cancro al seno: modelli di espressione genica valutati dal microarray del cDNA. Ossequio di ricerca del cancro al seno. 2003 luglio; 80(1): 49-62.

23. Chilowatt di Colston, Hansen cm. Meccanismi implicati negli effetti regolatori di crescita della vitamina D nel cancro al seno. Cancro di Endocr Relat. 2002 marzo; 9(1): 45-59.

24. SR di Yee YK, di Chintalacharuvu, LU J, modulatori del ricevitore di vitamina D di Nagpal S. per infiammazione e cancro. Mini Rev Med Chem. 2005 agosto; 5(8): 761-78.

25. Vojinovic S, Vojinovic J, Cosic V, Savic V. Effects della terapia di alfacalcidol sulla citochina del siero livella in pazienti con la sclerosi a placche. Lek di Srp Arh Celok. 2005 dicembre; 133 supplementi 2:124-8.

26. Influenza epidemica di Cannell JJ, di Vieth R, di Umhau J, di C et al. e vitamina D. Epidemiol Infect. 2006 dicembre; 134(6): 1129-40.

27. Quesada JM, Serrano I, effetto di Borrego F, et al. di Calcitriol sulle cellule di uccisore naturali dagli oggetti hemodialyzed e normali. Tessuto Int di Calcif. 1995 febbraio; 56(2): 113-7.

28. PE di Amento. Vitamina D ed il sistema immunitario. Steroidi. 1987 gennaio; 49 (1-3): 55-72.

29. Regan E, Flannelly J, il giocatore di bocce R, et al. il superossido dismutasi e l'ossidante extracellulari danneggiano nell'osteoartrite. Rheum di artrite. 2005 novembre; 52(11): 3479-91.

30. Le specie dell'ossigeno di Henrotin Y, di da-Du Pont G, di Deby C, di Franchimont P, di Emerit I. Active, l'infiammazione articolare e la cartilagine danneggiano. EXS. 1992; 62:308-22.

31. PN nero, Scragg R. Relationship fra il hydroxyvitamin d del siero 25 e funzione polmonare nella terza indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute. Petto. 2005 dicembre; 128(6): 3792-8.

32. Wright RJ. Non faccia ossa: la prova epidemiologica aumentante collega la vitamina D alla funzione polmonare e a COPD. Petto. 2005 dicembre; 128(6): 3781-3.

33. Brody JS, Spira A. State-of-the-art. Malattia polmonare ostruttiva cronica, infiammazione e cancro polmonare. Soc di Proc Thorac. 2006 agosto; 3(6): 535-7.

34. Sanz J, Moreno PR, Fuster V. Update sugli avanzamenti in aterotrombosi. Nat Clin Pract Cardiovasc Med. 2007 febbraio; 4(2): 78-89.

35. de Ferranti SD, proteina C-reattiva di Rifai N.: un indicatore non tradizionale del siero del rischio cardiovascolare. Cardiovasc Pathol.2007 gennaio; 16(1): 14-21.

36. Obesità di Despres JP, di Lemieux I. Abdominal e sindrome metabolica. Natura. 14 dicembre 2006; 444(7121): 881-7.

37. Guzik TJ, Mangalat D, Korbut R. Adipocytokines - collegamento novello fra infiammazione e la funzione vascolare? J Physiol Pharmacol. 2006 dicembre; 57(4): 505-28.

38. Akerblom HK, Vaarala O, Hyoty H, Ilonen J, fattori ambientali di Knip M. in eziologia del diabete di tipo 1. J Med Genet. 30 maggio 2002; 115(1): 18-29.

39. Cutolo m., Otsa K, Lasa K, et al. livelli del siero di vitamina D ed attività Circannual di malattia nell'artrite reumatoide: Nordico contro l'Europa meridionale. Clin Exp Rheumatol. 2006 novembre; 24(6): 702-4.

40. WB di Grant. Epidemiologia dei rischi di malattia relativamente ad insufficienza di vitamina D. Prog Biophys Mol Biol. 2006 settembre; 92(1): 65-79.

41. Chiu KC, CHU A, va VL, Saad MF. La ipovitaminosi D è associata con insulino-resistenza e beta disfunzione delle cellule. J Clin Nutr. 2004 maggio; 79(5): 820-5.

42. LA di Martini, legno RJ. Stato di vitamina D e la sindrome metabolica. Rev. 2006 di Nutr novembre; 64(11): 479-86.

43. Boucher BJ. Stato insufficiente di vitamina D: contribuisce ai disordini che comprendono la sindrome “X„? Br J Nutr. 1998 aprile; 79(4): 315-27.

44. SG di Achinger, Ayus JC. Il ruolo della vitamina D in ipertrofia ventricolare sinistra e nella funzione cardiaca. Supplemento di Int del rene. 2005 giugno; (95): S37-S42.

45. Dietrich T, Nunn m., wson-Hughes B, Bischoff-Ferrari ha. Associazione fra le concentrazioni nel siero 25 del hydroxyvitamin D e l'infiammazione gengivale. J Clin Nutr. 2005 settembre; 82(3): 575-80.

46. Levin A, Li YC. Vitamina D ed i suoi analoghi: proteggono dalla malattia cardiovascolare in pazienti con la malattia renale? Rene Int. 2005 novembre; 68(5): 1973-81.

47. WB di Grant, RC sconosciuto, cfr. della ghirlanda. Il sole è buona medicina. Le indennità-malattia di produzione indotta ultravioletta-b di vitamina D. J Cosmet Dermatol. 2003 aprile; 2(2): 86-98.

48. CF di Gorham ED, della ghirlanda, ghirlanda FC, et al. vitamina D e prevenzione di cancro colorettale. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2005 ottobre; 97 (1-2): 179-94.

49. RB della ghirlanda C, di Shekelle, Barrett-Connor E, et al. vitamina D e calcio e rischio dietetici di cancro colorettale: uno studio prospettivo da 19 anni in uomini. Lancetta. 9 febbraio 1985; 1(8424): 307-9.

50. Thomas MG. Influenze Luminal ed umorali sul cytokinetics epiteliale rettale umano. Ann R Coll Surg Engl. 1995 marzo; 77(2): 85-9.

51. Koren R, Wacksberg S, Weitsman GE, Ravid A. Calcitriol sensibilizza le cellule di tumore del colon a citotossicità di H2O2-induced mentre inibisce l'attivazione di caspase. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2006 ottobre; 101 (2-3): 151-60.

52. Grau sistemi MV, barone JA, Sandler RS, et al. vitamina D, completamento del calcio ed adenomi colorettali: risultati di una prova randomizzata. Cancro nazionale Inst di J. 3 dicembre 2003; 95(23): 1765-71.

53. Holt PR, Bresalier RS, mA CK, et al. calcio più la vitamina D altera le caratteristiche preneoplastic degli adenomi colorettali e della mucosa rettale. Cancro. 15 gennaio 2006; 106(2): 287-96.

54. Brawley OW. Il potenziale per il chemoprevention del carcinoma della prostata. Rev Urol. 2002; 4 supplementi 5S11-7.

55. WB di Grant. Una stima di mortalità prematura del cancro negli Stati Uniti dovuto le dosi insufficienti di radiazione ultravioletta-b solare. Cancro. 15 marzo 2002; 94(6): 1867-75.

56. WB di Grant. Uno studio ecologico multinazionale sul rischio e sulla riduzione di rischio scompone per la mortalità del carcinoma della prostata. EUR Urol. 2004 marzo; 45(3): 271-9.

57. Banach-Petrosky W, Ouyang X, Gao H, et al. vitamina D inibisce la formazione di neoplasia intraepiteliale prostatica in Nkx3.1; Topi del mutante di Pten. Ricerca del Cancro di Clin. 1° ottobre 2006; 12(19): 5895-901.

58. Tokar EJ, BB di Ancrile, Ablin RJ, Webber millimetro. Il colecalciferolo (vitamina D3) e il retinamide di retinoide n (4-hydroxyphenyl) (4-HPR) sono sinergici per il chemoprevention di carcinoma della prostata. J Exp Ther Oncol. 2006;5(4):323-33.

59. C lorda, Stamey T, Hancock S, Feldman D. Treatment di carcinoma della prostata ricorrente in anticipo con il dihydroxyvitamin 1,25 D3 (calcitriol). J Urol. 1998 giugno; 159(6): 2035-9; discussione 2039-40.

60. Calcitriol orale settimanale della birra T, di Lemmon D, di Lowe B, di Henner W. High-dose in pazienti con un aumento PSA dopo la prostatectomia o radiazione per carcinoma della prostata. Cancro. 1° marzo 2003; 97(5): 1217-24.

61. Birra TM, Eilers chilometro, Garzotto m., et al. calcitriol e docetaxel ad alta dose settimanali nel carcinoma della prostata metastatico dell'androgeno-indipendente. J Clin Oncol. 1° gennaio 2003; 21(1): 123-8.

62. Trump DL, vasaio dm, Muindi J, Brufsky A, CS di Johnson. Sperimentazione di fase II del calcitriol ad alta dose e intermittente (dihydroxyvitamin 1,25 D3) e del desametasone nel carcinoma della prostata dell'androgeno-indipendente. Cancro. 15 maggio 2006; 106(10): 2136-42.

63. Weitsman GE, Koren R, Zuck E, et al. vitamina D sensibilizza le cellule di cancro al seno all'azione di H2O2: i mitocondri come convergenza indicano nella via di morte. Med libero di biol di Radic. 15 luglio 2005; 39(2): 266-78.

64. Vitamina D e cancro al seno di Lingua gallese J.: comprensioni dai modelli animali. J Clin Nutr. 2004 dicembre; 80 (6 supplementi): 1721S-4S.

65. Vitamina D e cancro al seno di Christakos S. Adv Exp Med Biol. 1994;364:115-8.

66. Cui Y, Rohan TE. Vitamina D, calcio e rischio di cancro al seno: una rassegna. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2006 agosto; 15(8): 1427-37.

67. Giovannucci E. L'epidemiologia della vitamina D ed incidenza e mortalità del cancro: una rassegna (Stati Uniti). Il Cancro causa il controllo. 2005 marzo; 16(2): 83-95.

68. Vijayakumar S, Boerner PS, Mehta RR, et al. test clinici facendo uso degli analoghi chemopreventive di vitamina D nel cancro al seno. Cancro J. 2006 novembre; 12(6): 445-50.

69. Morishita m., Ohtsuru A, Kumagai A, et al. trattamento di vitamina D3 per tumore della tiroide localmente avanzato: un rapporto di caso. Endocr J. 2005 ottobre; 52(5): 613-6.

70. Schiume dm, Clark JI, Achille NJ, giovane sig. Uno studio di fase IB 25 del hydroxyvitamin D (3) trattamento per diminuire le cellule del soppressore nei malati di cancro del collo e della testa. Ronzio Immunol. 2001 novembre; 62(11): 1282-93.

71. Witte KK, Nikitin NP, CA di Parker, et al. L'effetto del completamento del micronutriente su qualità della vita e funzione ventricolare lasciata in pazienti anziani con infarto cronico. Cuore J. 2005 di EUR novembre; 26(21): 2238-44.

72. Schleithoff ss, Zittermann A, Tenderich G, et al. il completamento di vitamina D migliora i profili di citochina in pazienti con guasto di scompenso cardiaco: una prova alla cieca, prova randomizzata e controllata con placebo. J Clin Nutr. 2006 aprile; 83(4): 754-9.

73. Pittas AG, Harris ss, PC rigido, wson-Hughes B. Gli effetti di calcio e del completamento di vitamina D su glicemia e sugli indicatori di infiammazione in adulti non-diabetico. Cura del diabete. 2 febbraio 2007.

74. Modificazione di Andjelkovic Z, di Vojinovic J, di Pejnovic N, et al. di malattia ed effetti immunomodulatori della dose elevata 1 alfa (l'OH) D3 nei pazienti di artrite reumatoide. Clin Exp Rheumatol. 1999 luglio; 17(4): 453-6.

75. La TA di Cantorna, Mahon BD. D-ormone ed il sistema immunitario. Supplemento di J Rheumatol. 2005 settembre; 76:11-20.

76. Pozzilli P, Manfrini S, Crino A, et al. i bassi livelli 25 di hydroxyvitamin D3 e dihydroxyvitamin 1,25 D3 in pazienti con il diabete recentemente diagnosticato di tipo 1. Ricerca di Horm Metab. 2005 novembre; 37(11): 680-3.

77. Anon. Supplemento di vitamina D nella prima infanzia e rischio per tipo diabete mellito (insulino-dipendente) di I. Il sottostudio di EURODIAB 2 gruppi di studio. Diabetologia. 1999 gennaio; 42(1): 51-4.

78. Kiefer D. Unraveling un mistero secolare. Perché è il rischio di influenza così tanto più alto nell'inverno? Prolungamento della vita. Febbraio 2007: 22-8.

79. Lochner JD, Schneider DJ. La relazione fra la tubercolosi, la vitamina D, il potassio e l'AIDS. Un messaggio per il Sudafrica? Med J. 1994 di S Afr febbraio; 84(2): 79-82.

80. Bellamy R, Ruwende C, Corrah T, et al. tubercolosi ed infezione cronica del virus dell'epatite B in Africani e variazione nel gene del ricevitore di vitamina D. J infetta il DIS. 1999 marzo; 179(3): 721-4.

81. Nursyam EW, Amin Z, Rumende cm. L'effetto della vitamina D come trattamento supplementare in pazienti con la lesione tubercolotica polmonare moderatamente avanzata. Acta Med Indones. 2006 gennaio; 38(1): 3-5.

82. Schauber J, RA di Dorschner, coda ab, et al. lesione migliora la funzione TLR2 e l'espressione antimicrobica del peptide attraverso un meccanismo D-dipendente della vitamina. J Clin investe. 8 febbraio 2007.

83. Disponibile a: http://www.pdrhealth.com/drug_info/nmdrugprofiles/nutsupdrugs/vit_0265.shtml. 1° marzo 2007 raggiunto.

84. CD di Meletis. Prevenzione del cancro della vitamina D. ed altri nuovi usi. Prolungamento della vita. Marzo 2006: 50-58.

85. Completamento di vitamina D di Vieth R., 25 concentrazioni di hydroxyvitamin D e sicurezza. J Clin Nutr. 1999 maggio; 69(5): 842-56.

86. Vieth R, PC di Chan, MacFarlane GD. Efficacia e sicurezza dell'assunzione di vitamina D3 che superano il livello il più in basso osservato di effetto contrario. J Clin Nutr. 2001 febbraio; 73(2): 288-94.

87. Heaney RP, Davies chilometro, Chen TC, Holick MF, Barger-lux MJ. Risposta umana di hydroxycholecalciferol del siero 25 al dosaggio orale esteso con il colecalciferolo. J Clin Nutr. 2003 gennaio; 77(1): 204-10.

88. Zeghoud F, Delaveyne R, Rehel P, et al. vitamina D e maturazione puberale. Valore e tolleranza del completamento di vitamina D durante la stagione invernale. Arco Pediatr. 1995 marzo; 2(3): 221-6.

89. Holick MF. Carenza di vitamina D: ché dolore è. Mayo Clin Proc. 2003 dicembre; 78(12): 1457-9.

90. Adams JS, Fernandez m., Gacad mA, et al. vitamina D metabolita-ha mediato i pazienti dell'ipercalciuria e di eccesso di calcio nel sangue con. Sangue. 1989 gennaio; 73(1): 235-9.

91. Birra TM, Myrthue A. Calcitriol nel trattamento di carcinoma della prostata. Ricerca anticancro. 2006 luglio; 26 (4A): 2647-51.

92. Dott di Tonner, Schlechte JA. Complicazioni neurologiche della malattia del paratiroide e della tiroide. Med Clin North Am. 1993 gennaio; 77(1): 251-63.

93. Grases F, Costa-Bauza A, RM di Prieto. Litiasi e nutrizione renali. Nutr J. 2006; 523.

94. Dumville JC, miglia di JN, Porthouse J, et al. Può il completamento di vitamina D impedire i blu di orario invernale? Una prova randomizzata fra le donne più anziane. Invecchiamento di salute di J Nutr. 2006 marzo; 10(2): 151-3.

95. Gloth FM, III, Alam W, Hollis B. Vitamin D contro la vasta fototerapia di spettro nel trattamento di disordine affettivo stagionale. Invecchiamento di salute di J Nutr. 1999;3(1):5-7.

96. Fuga RW, Levitt AJ, Levitan RD, et al. Lo studio Potere-TRISTE: una prova controllata randomizzata dell'efficacia della terapia leggera e della fluoxetina in pazienti con disordine affettivo stagionale di inverno. Psichiatria di J. 2006 maggio; 163(5): 805-12.

97. Harris S, l'umore di wson-Hughes B. Seasonal cambia in 250 donne normali. Ricerca di psichiatria. 1993 ottobre; 49(1): 77-87.

98. Completamento di McGrath J, di Saari K, di Hakko H, et al. di vitamina D durante il primo anno di vita e rischio di schizofrenia: uno studio di gruppo finlandese di nascita. Ricerca di Schizophr. 1° aprile 2004; 67 (2-3): 237-45.

99. van Os J, Krabbendam L, Myin-Germeys I, Delespaul P. Il envirome di schizofrenia. Psichiatria di Curr Opin. 2005 marzo; 18(2): 141-5.

100. Kesby JP, TH di Burne, McGrath JJ, Eyles DW. La carenza inerente allo sviluppo di vitamina D altera il hyperlocomotion indotto di Mk 801 nel ratto adulto: Un modello animale di schizofrenia. Psichiatria di biol. 15 settembre 2006; 60(6): 591-6.